logo

Tutte le mamme in attesa di movimenti fetali durante la gravidanza, questo è il primo contatto con il bambino, che forza l'istinto materno ad accendersi, se non è successo prima. I movimenti del nascituro non solo portano grande gioia ai futuri genitori, ma li aiutano anche a sospettare una patologia e si rivolgono immediatamente all'ostetrico. Quando iniziano, quanti movimenti dovrebbero normalmente interessare tutte le donne in gravidanza.

Perché si muove il feto?

I movimenti dell'omino nell'utero sono necessari, parlano della sua crescita e sviluppo. Il bambino inizia a muoversi nel primo trimestre, a circa 7 - 8 settimane. Entro la settimana 10, ha i movimenti della deglutizione, può cambiare la traiettoria dei suoi movimenti e toccare le pareti della bolla amniotica. Ma le dimensioni dell'embrione sono ancora insufficienti, galleggiano liberamente nel liquido amniotico, molto raramente si "scontrano" con le pareti uterine, quindi la donna non sente ancora nulla.

A partire da 16 settimane, il feto è già sensibile ai suoni, che si manifestano con una reazione motoria attiva. Da 18 settimane, il futuro bambino inizia a ordinare il cordone ombelicale con le mani, sa come stringere, aprire le dita, toccare il viso.

Pertanto, il feto è preoccupato nello stomaco della madre, che a sua volta preoccupa la donna se esposta a fattori esterni che sono spiacevoli per il bambino:

  • suoni forti, spiacevoli, forti;
  • disagio nell'utero, ad esempio la fame materna;
  • stress sperimentato dalla madre (a causa del rilascio di adrenalina, i vasi sanguigni, compresa la placenta, sono ridotti, l'afflusso di sangue sta peggiorando);
  • carenza di ossigeno (a causa di movimenti attivi, la placenta viene stimolata, aumenta l'afflusso di sangue, che fornisce al bambino ossigeno aggiuntivo).

Inoltre, se una donna ha preso una posizione scomoda quando vengono spremute grandi navi, il bambino è carente di ossigeno e diventa anche attivo.

Primi movimenti

Ogni donna sente la prima agitazione del feto in modo diverso in momenti diversi. Quando ciò accade dipende da diversi fattori:

  • età gestazionale;
  • primo o secondo, ecc. gravidanza;
  • ora del giorno (di solito la sera o la notte);
  • carnagione della madre (sottile o piena);
  • Momenti della giornata;
  • opzione di attacco alla placenta;
  • Stile di vita;
  • sensibilità individuale (alcuni sensi da 15 a 16 settimane);
  • Comportamento della mamma (le donne fisicamente attive non notano i movimenti).

Secondo le statistiche, il primo movimento fetale durante la prima gravidanza si sente incinta a 20 settimane. E con ripetute gestazioni, i tempi di movimento sono ridotti a 18 settimane.

Ma tutto è individuale, anche in una singola donna, la seconda, la terza e la successiva gravidanza si verificano ogni volta in un modo nuovo. Se una donna durante la seconda gravidanza ha iniziato a sentire l'agitazione fetale a 19 settimane, nel terzo questi termini possono cambiare (sentiti prima o dopo).

Tasso di movimento

Il tasso di movimenti fetali dipende dal periodo di gravidanza della futura mamma. Il bambino è in costante movimento, ma ovviamente una donna non può sentire tutti i suoi movimenti.

  • Per un periodo da 20 a 22 settimane, il feto compie fino a 200 movimenti al giorno,
  • ma entro la settimana 27–32 stava già facendo circa 600 movimenti. È caratteristico che con l'inizio del terzo trimestre (32 settimane), la quantità diminuisce, a causa del suo peso (il feto è già abbastanza grande) e diventa affollata nell'utero. Non ci sono movimenti "grandi" (colpi di scena nell'utero) e il bambino può produrre solo "piccole" braccia e gambe.
  • Dopo la 28a settimana, l'importo medio è di 8 - 10 all'ora. L'eccezione sono i periodi di sonno del bambino, che vanno dalle 3 alle 4 ore - in questo momento il bambino non fa movimenti attivi. La futura mamma dovrebbe ricordare alcuni cicli di attività del bambino. L'attività più elevata si osserva dalle 7 di sera fino alle 4 di mattina e una diminuzione dell'attività o il cosiddetto stato di riposo cade nell'intervallo dalle 4 di mattina alle 9.00.
  • Entro 32 settimane, il feto prende la sua posizione finale, di regola, è la testa del piccolo bacino (posizione longitudinale, presentazione della testa). Ma la posizione trasversale o la presentazione pelvica non sono escluse. La mamma non dovrebbe disperare, al fine di correggere tali disposizioni, il medico prescriverà sempre l'esecuzione di una ginnastica speciale, che contribuisce allo sconvolgimento fetale e al ricevimento della posizione "corretta" - longitudinale, con la testa alla piccola pelvi.

Se il bambino ha preso la posizione "giusta", cioè a testa in giù, la donna incinta sentirà i movimenti nella parte superiore dell'addome (il bambino "colpisce" con le gambe). Nel caso della presentazione pelvica, i movimenti saranno avvertiti sotto, nel seno.

Variazione dell'intensità dei movimenti

Se il bambino nell'utero è buono e a suo agio e la madre non sperimenta alcuno stimolo esterno o interno, i movimenti sono ritmici e fluidi. Altrimenti, la natura dei movimenti cambia radicalmente, il che dovrebbe allertare la donna e richiedere la consultazione dell'ostetrico.

Di norma, una donna nota l'attività "aumentata" del bambino quando è calma e a riposo. E viceversa, molte madri hanno paura che durante il suo lavoro attivo il bambino non si muova affatto. Un fenomeno simile è facilmente spiegabile. Quando una donna è a riposo, ascolta attentamente i suoi sentimenti e nota attentamente i movimenti del bambino. Quando è impegnata, non ha tempo di distrarsi dagli affari e semplicemente non nota che il bambino si sta muovendo. Per dissipare i suoi dubbi (il bambino è malato, sta morendo), la donna incinta dovrebbe sedersi e rilassarsi, guardando come si muove.

I medici spesso consigliano alle donne in gravidanza di prendere una posizione di riposo a letto sul lato sinistro. È in questa posizione che aumenta l'afflusso di sangue uterino, che viene utilizzato nel trattamento dell'ipossia fetale cronica e per la sua prevenzione.

Forse un cambiamento di attività da una posizione corporea scomoda o scorretta di una donna, ad esempio, sdraiata sulla schiena o seduta con la schiena dritta. Quando la futura mamma giace sulla schiena, l'utero incinta comprime fortemente la vena cava inferiore (uno dei principali vasi sanguigni).

Quando questa nave viene schiacciata, il flusso sanguigno verso l'utero si riduce significativamente e il bambino inizia a sperimentare una carenza di ossigeno.

Per far capire alla mamma che è malato, ha movimenti rapidi e frequenti. Stabilire la circolazione sanguigna ed eliminare l'ipossia è abbastanza semplice: la mamma dovrebbe girarsi dalla sua parte.

Inoltre, l'attività motoria del bambino cambia se la madre si trova in una stanza soffocante o fumosa. A causa della mancanza di ossigeno, il bambino reagisce alla situazione con tremori dolorosi e violenti. Una donna dovrebbe lasciare la stanza e fare una passeggiata per restituire uno stato confortevole a se stessa e al suo bambino.

Inoltre, i tremori fetali cambiano se la madre prova una sensazione di fame. Soffre di una mancanza di nutrienti e "si calma", si muove lentamente e con riluttanza. Ma non appena la donna incinta ha avuto un morso, la gioia del bambino si esprime in una maggiore attività.

Mescolando in condizioni patologiche

Se l'attività motoria del bambino diventa improvvisamente violenta, prolungata e dolorosa per una donna, questo indica una condizione patologica e richiede cure mediche immediate:

  • Parto prematuro minaccioso

L'agitazione diventa frequente e violenta a causa dell'aumentato tono uterino.

In questo caso, la natura degli shock è radicalmente diversa. Raramente sono sentiti da una donna e la loro forza è insignificante, il che è spiegato dal grande volume dell'utero, dove il bambino tocca raramente le sue pareti e la madre non sente spesso i suoi movimenti.

A causa della piccola quantità di liquido amniotico, il bambino nell'utero si restringe, "batte" costantemente nello stomaco della madre, che è caratterizzato da una donna come tremori frequenti e dolorosi.

Con patologie come distacco prematuro della placenta, preeclampsia e altri, il feto manifesta carenza acuta di ossigeno e reagisce di conseguenza.

Si sviluppa in presenza di insufficienza placentare, anemia, gestosi. Il movimento è letargico e raro.

  • Ernia diaframmatica in una donna incinta

In questo caso, la madre avverte dolore sotto lo sterno mentre muove il feto.

  • Insufficienza della cicatrice uterina

Se una donna ha avuto un taglio cesareo nella storia, quindi con un fallimento della cicatrice, che può portare alla rottura dell'utero, avverte dolore nell'area della cicatrice quando il bambino si muove.

Con l'infiammazione della vescica, una donna incinta si lamenta di minzione frequente e dolorosa, dolore quando si muove nell'addome inferiore.

Come sono gli shock

Ogni donna incinta descrive i suoi sentimenti a modo suo, inoltre cambiano con un aumento dell'età gestazionale.

  • Per brevi periodi (20-25 settimane), le donne li caratterizzano come "battito di farfalla" o "nuoto di pesci". Altre donne incinte parlano di "svolazzanti" o "vibrazioni del telefono" o "solletico". Alcuni descrivono i loro sentimenti non così romantici: "gorgogliare nello stomaco, come se gli intestini fossero stucchevoli".
  • Dopo 27-28 settimane, quando il feto è già cresciuto abbastanza, i suoi movimenti diventano più chiari e specifici. La futura madre, e persino il futuro padre, può sentire un calcio nell'area dell'addome dove viene posizionata la mano. L'insoddisfazione del bambino è spesso espressa da tali "calci" - nel caso dell'adozione di una postura scomoda da parte della madre o con suoni forti e fastidiosi. Ma se una mano sconosciuta è attaccata allo stomaco della madre, il bambino si restringe nella paura e non vuole "calciare".

Contare

Per determinare come si sente il feto, è importante contare i suoi movimenti. Come contare i movimenti fetali? A tale scopo vengono utilizzate diverse tecniche:

Metodo Pearson

Questo metodo si basa sul conteggio dei movimenti in 12 ore. È fatto dalle 9 alle 21. Durante questo test, a una donna è richiesta una sola condizione: ridurre l'attività fisica. Vengono considerati tutti i movimenti, anche i più minimi o deboli. Nella clinica prenatale, il medico emette un modulo speciale o ti chiede di compilare in modo indipendente una tabella dei movimenti fetali, in cui verrà annotato il tempo del decimo movimento. Normalmente, dovrebbe passare circa un'ora tra il primo e il decimo movimento. E, naturalmente, la mamma dovrebbe ricordare che è anche possibile un periodo di riposo, che dovrebbe durare non più di 4 ore. Se questo tempo viene superato, è necessario contattare urgentemente un ostetrico.

Per compilare un tavolo, dovresti prendere un foglio di quaderno in una scatola e allinearlo come segue. Sopra c'è l'età gestazionale. L'orologio è segnato verticalmente dalle 9.00 alle 21.00 e i giorni orizzontali della settimana o della data. Dalle nove del mattino dovresti iniziare a contare i movimenti. Non appena il loro numero raggiunge 10, un segno viene messo nella tabella nell'ora in cui ciò è accaduto. Ulteriori informazioni sono inserite nella tabella: c'erano meno di 10 movimenti e quanti in totale. Continuiamo il conteggio nei giorni seguenti e assicuriamo di inserire i dati in una tabella con la quale dobbiamo venire in studio medico.

28 settimane9 del mattino.00:0015:0018:00Appunti
15 luglio
16 luglio
17 luglio
...

Metodo di Cardiff

La base di questo metodo consiste anche nel contare i movimenti del bambino per 12 ore, l'unica differenza è che la donna stessa sceglie l'ora per iniziare il conteggio. Ancora una volta, viene compilata una tabella in cui viene registrata la decima agitazione prodotta. La norma viene presa in considerazione quando la decima agitazione è avvenuta prima della dodicesima ora dello studio. Altrimenti, consultare immediatamente un medico.

Metodo Sadowski

Il conteggio dei movimenti fetali inizia dopo cena dalle 19.00 alle 23.00. Questo metodo si basa sul fatto che la sera e dopo aver mangiato il feto aumenta l'attività motoria. Assicurati di registrare l'ora di inizio dell'account e la donna incinta dovrebbe mentire sul lato sinistro in questo momento.

Quando il feto esegue 10 movimenti in un'ora o meno, il conteggio si interrompe. Ma se ce ne fossero meno, continua a contare i movimenti. Un segno sfavorevole è una diminuzione del movimento (meno di 10) in 2 ore.

Quindi, diventa chiaro che ogni donna incinta può padroneggiare i metodi elencati per contare i movimenti del bambino. L'uso di queste tecniche non richiede alcuna attrezzatura o supervisione medica..

Diagnostica patologica

Un cambiamento nella natura e nell'intensità dei movimenti nel futuro bambino indica la sua disfunzione. Un segno terribile è la mancanza di movimento per 6 ore o più, che richiede cure mediche immediate. I metodi per studiare le condizioni del feto includono:

Auscultazione delle contrazioni cardiache fetali

L'ascolto della frequenza cardiaca viene eseguito direttamente dall'ostetrico utilizzando uno stetoscopio ostetrico (tubo di legno). Normalmente, la frequenza cardiaca fetale è di 120-160 battiti al minuto. Con una deviazione in una direzione o nell'altra, parlano della carenza di ossigeno del bambino, che richiede metodi di ricerca strumentali.

Cardiotocografia (CTG)

Il CTG è considerato un metodo economico, affidabile e accurato per valutare le condizioni del feto. Il CTG viene eseguito da 32 settimane di gestazione e con sospetto di patologia intrauterina in una data precedente (da 28 settimane). Utilizzando la cardiotocografia, vengono registrati non solo i movimenti fetali, ma anche il ritmo delle contrazioni cardiache e delle contrazioni uterine. Lo studio è condotto come segue: una donna incinta è sdraiata su un divano e 2 sensori sono montati sul suo stomaco. Uno in un luogo ben sentito del battito cardiaco fetale (registrerà la frequenza cardiaca) e l'altro nelle vicinanze (corregge le contrazioni uterine). La registrazione del cardiotocogramma viene eseguita per almeno 30 minuti, ma è anche possibile aumentare il tempo di studio a 1,5 ore. Durante la rimozione del cardiotocogramma, una donna deve annotare ogni movimento del bambino e premere un pulsante speciale. L'analisi del cardiotocogramma include:

  • frequenza cardiaca basale (norma 120-160 battiti al minuto);
  • ampiezza della variabilità (tolleranza delle deviazioni su o giù) del ritmo basale (norma 5 - 25 battiti al minuto);
  • decelerazioni (salti improvvisi della curva in basso) - normalmente assenti o sporadici, accorciati e superficiali;
  • accelerazione (salti improvvisi della curva verso l'alto) - normale dovrebbe essere almeno 2 entro 10 minuti dallo studio.

Per una diagnosi più accurata delle condizioni del feto, il CTG viene eseguito con test funzionali (senza carico e con l'introduzione di ossitocina per via endovenosa).

Ultrasuoni Doppler

L'esame ecografico consente di valutare le dimensioni del feto, la loro conformità con l'età gestazionale (con ipossia cronica c'è un ritardo nelle dimensioni). Il medico studia anche la struttura della placenta, il grado di maturità (segni dell'invecchiamento), la quantità di liquido amniotico e il suo tipo (con carenza di ossigeno del bambino, questi indicatori cambiano). Con l'aiuto della dopplerometria, dei vasi placentari e ombelicali, viene studiata la velocità del flusso sanguigno in essi. Se il flusso sanguigno è ridotto, dicono dell'ipossia fetale del feto.

Durante un'ecografia per 20-30 minuti, vengono valutati i movimenti del bambino, la frequenza cardiaca e il tono muscolare. Se il feto non avverte disagio, gli arti sono piegati, segno del normale tono muscolare. Nel caso di braccia e gambe estese, parlano di un tono ridotto, che indica la fame di ossigeno.

Domanda risposta

Ho il mio primo figlio, ma sono passate 4 ore e non sento i movimenti fetali. Cosa fare?

Prima di tutto, devi calmarti. Il feto non si muove sempre attivamente, per 3-4 ore non è consentito alcun movimento, in questo momento il bambino dorme. Cerca di trattenere il respiro per un breve periodo, il sangue smetterà di fluire verso la placenta, verso il bambino, sperimenterà una leggera ipossia e in risposta "sarà oltraggiato" - inizierà a "battere" con braccia e gambe. Se questo metodo non aiuta, osserva il bambino per altri 30-40 minuti. In assenza anche dei minimi movimenti, contattare immediatamente un ostetrico.

Quali movimenti fetali dovrebbero essere prima del parto?

Alla vigilia del parto, il bambino praticamente smette di muoversi, il che è considerato normale. Il bambino si sta preparando per la nascita, che per lui è un processo molto difficile e richiede molta forza e una diminuzione dell'attività motoria del feto può risparmiare energia prima del parto. Ma non dovrebbe esserci un'assenza assoluta di movimenti, il bambino, anche se occasionalmente, esegue movimenti.

In che modo la cardiotocografia e l'ecografia con doppler influenzano le condizioni del bambino? È dannoso?

No, questi metodi sono assolutamente sicuri sia per il bambino che per la mamma.

Ho intenzione di dare alla luce un terzo figlio, il periodo è ancora piccolo, 10 settimane. Quali e quando dovrebbero essere i movimenti durante la terza gravidanza?

Non puoi dire con certezza quante settimane ti sentirai commovente. Qui è tutto individuale. Normalmente, con ripetute gravidanze, la madre inizia a sentire movimenti fetali da 18 settimane. Ma il loro inizio anticipato è possibile, a 16 settimane, ma la natura dei movimenti può essere completamente diversa rispetto alle prime due gravidanze e questo non dovrebbe essere spaventato. Tutti i bambini sono diversi, anche se sono ancora nello stomaco di mia madre.

Ho un CTG "cattivo", che è stato eseguito due volte. Assicurati di andare in ospedale?

Sì, i risultati "cattivi" della cardiotocografia indicano sofferenza intrauterina del feto e richiedono cure mediche in ospedale. Oltre al trattamento in ospedale, ripeteranno CTG e, se necessario, decideranno il problema della consegna anticipata.

Movimento fetale

Ogni donna incinta fin dall'inizio della gravidanza inizia ad ascoltare riverentemente le sensazioni all'interno della pancia in crescita. Sono molto ansioso di sentire i movimenti del mio bambino. Quando inizia a muoversi il feto? Per quanto tempo una donna incinta può iniziare ad ascoltare attentamente se stessa, aspettando i primi movimenti del suo bambino? Ne vale la pena preoccuparsi se non si sentono o il bambino si abbassa improvvisamente? E qualsiasi movimento può trasportare qualsiasi altra informazione oltre a comunicare con la mamma?

Il primo bambino inizia a fare i primi movimenti in anticipo - già a 7-8 settimane di gravidanza. Fu in quel momento che si formarono i primi muscoli e gli inizi del sistema nervoso fetale. Naturalmente, in questo momento i movimenti dell'embrione sono ancora molto primitivi: si tratta di contrazioni muscolari in risposta agli impulsi nervosi. Da circa 10 settimane di gravidanza, il feto inizia a muoversi più attivamente nell'utero e, incontrando un ostacolo sulla sua strada (pareti uterine), cambia la traiettoria dei movimenti. Tuttavia, il bambino è ancora molto piccolo e i colpi sulla parete uterina sono molto deboli, la futura mamma non riesce ancora a sentirli. A 11-12 settimane di vita intrauterina, un omino sa già come stringere i pugni, fare una smorfia, un cipiglio, a 16 settimane di gravidanza inizia a rispondere a suoni forti e acuti con una maggiore attività motoria, a 17 settimane appare la prima espressione facciale e a 18 settimane si copre il viso con le mani e gioca con cordone ombelicale, stringe e apre le dita.

A poco a poco, con un aumento della gestazione, i movimenti diventano più coordinati e più simili a quelli coscienti. Quando il bambino cresce, una donna incinta inizia a sentire i suoi movimenti. Si ritiene che durante la prima gravidanza, la futura mamma senta i primi movimenti fetali a 20 settimane di gravidanza, con gravidanze ripetute - a 18 settimane. Questo non è del tutto vero. Una madre che aspetta il suo primo figlio, infatti, molto spesso inizia a sentire i movimenti fetali un po 'più tardi rispetto alla donna multipara. Ciò è dovuto al fatto che le madri "esperte" sanno inizialmente come si sentono i movimenti delle briciole e cosa dovrebbero sentire. Alcune donne primitive percepiscono i primi movimenti del feto come un aumento della motilità intestinale, "gas". Molte donne descrivono i primi movimenti del feto come una sensazione di trasfusione di liquido nell'addome, "farfalle svolazzanti" o "pesci che nuotano". I primi movimenti sono generalmente rari, irregolari. Il tempo delle prime sensazioni dei movimenti fetali dipende naturalmente dalla sensibilità individuale della donna. Alcune donne incinte avvertono i loro primi movimenti già tra le 15 e le 16 settimane e qualcuno solo dopo le 20. Le donne magre, di regola, iniziano a sentire i movimenti prima di quelli completi. Le donne che hanno uno stile di vita attivo, lavorano sodo, di solito avvertono movimenti fetali in seguito.

Entro 20 settimane, a causa della formazione del midollo spinale e del cervello, nonché dell'accumulo di una certa quantità di massa muscolare nel feto, i movimenti diventano più regolari e evidenti. Dalle 24 settimane di gravidanza, i movimenti fetali ricordano già i movimenti di un neonato: la futura mamma sente che il feto cambia posizione, muove braccia e gambe. L'attività motoria del feto aumenta gradualmente e il suo picco cade nel periodo dalla 24 alla 32a settimana di gravidanza. In questo momento, l'attività dei movimenti del bambino diventa uno degli indicatori del suo normale sviluppo. Dopo 24 settimane, il bambino inizia a "comunicare" con sua madre con l'aiuto dei movimenti, per rispondere ai suoni della voce, della musica, allo stato emotivo di sua madre. Con un aumento dell'età gestazionale di oltre 32 settimane, l'attività motoria fetale diminuisce gradualmente a causa del fatto che il bambino sta crescendo e semplicemente non ha abbastanza spazio per i movimenti attivi. Ciò diventa particolarmente evidente al momento della consegna. Entro la fine del terzo trimestre di gravidanza, il numero di movimenti fetali può diminuire leggermente, ma la loro intensità e forza rimangono uguali o aumentano.

Un bambino nello stomaco di sua madre si muove quasi costantemente. Alla 20a settimana di gravidanza, il feto compie circa 200 movimenti al giorno e nel periodo tra la 28a e la 32a settimana il numero di movimenti raggiunge i 600 al giorno. Naturalmente, una donna incinta non sente tutti i movimenti del feto, ma solo una piccola parte di essi. Quindi, dopo 28 settimane, la frequenza del movimento del feto secondo i sensi della donna va dalle 4 alle 8 volte all'ora, ad eccezione dei periodi di sonno del feto (3-4 ore di seguito). Nel terzo trimestre, una donna incinta può notare che il bambino ha determinati cicli di sonno e veglia. I bambini di solito sono più attivi dalle 19 alle 4 ore del mattino e il periodo di "riposo" si verifica più spesso dalle 4 alle 9 ore del mattino. Naturalmente, i movimenti fetali dipendono dall'umore della madre, se la madre è preoccupata o felice, il bambino può muoversi più attivamente, o viceversa, calmarsi. Il fatto è che quando una madre è felice, la quantità di ormoni della gioia, le endorfine, che regolano il funzionamento del cuore e dei vasi sanguigni, compresi i vasi della placenta, aumenta significativamente nel suo corpo. Durante lo stress o le emozioni negative espresse, vengono anche prodotte sostanze biologicamente attive - gli ormoni dello stress, influenzano anche il lavoro del cuore e dei vasi sanguigni. È grazie a questa interazione biologica degli organismi della madre e del bambino che anche il feto sente lo stato della madre. Quando la futura mamma sta riposando, il bambino di solito diventa più attivo, se la donna incinta è attiva, impegnata in qualche lavoro, il bambino spesso si abbassa. L'agitazione cambia anche a seconda della pienezza della futura mamma. Di solito il bambino inizia a muoversi attivamente dopo che la madre mangia, soprattutto qualcosa di dolce. Allo stesso tempo, il livello di glucosio nel sangue aumenta bruscamente, il che rende il feto più attivo.

L'agitazione del feto è la lingua in cui il nascituro parla con sua madre. Naturalmente, una donna incinta dovrebbe ascoltare i movimenti, perché in alcuni casi, i cambiamenti nei movimenti fetali possono indicare una violazione del suo stato intrauterino e una gravidanza insoddisfacente.

Se, dopo 20 settimane di gravidanza, la futura mamma non sente il feto muoversi, forse dovresti consultare un medico e assicurarti che tutto sia in ordine con il bambino.

Esistono diversi modi per valutare la "sufficienza" dei movimenti fetali.
Il modo più semplice per valutare i movimenti fetali è contare il numero di movimenti da parte della donna più incinta. I metodi di autovalutazione sono molto facili da usare, non richiedono attrezzature aggiuntive, la presenza di un medico e sono facilmente riproducibili da qualsiasi donna. I loro svantaggi sono che ogni donna ha soglie diverse di suscettibilità. Il metodo più comune per valutare i movimenti fetali è chiamato contare fino a dieci. Può essere eseguito dopo 28 settimane di gravidanza, quando il feto è abbastanza maturo per i movimenti attivi. La sua essenza è che la futura mamma calcola i movimenti fetali in un intervallo di tempo di 12 ore, ad esempio dalle 9:00 alle 21:00. Il tempo in cui una donna incinta cattura la decima agitazione viene registrato sul tablet. Se il feto fa meno di 10 movimenti in 12 ore - questa è un'occasione per consultare un medico per un esame aggiuntivo.

Metodo Sadowski. La sera dopo cena (approssimativamente nell'intervallo dalle 19 alle 23 ore), la donna giace sul lato sinistro e conta i movimenti fetali. Allo stesso tempo, considerano tutto, anche i più piccoli movimenti. Se si notano 10 o più movimenti entro un'ora, ciò suggerisce che il bambino si sta muovendo abbastanza attivamente e si sente bene. Se in un'ora il feto si muoveva meno di 10 volte, i movimenti vengono conteggiati per l'ora successiva. Il tempo serale per questo metodo di valutazione non è stato scelto per caso. È nelle ore serali, specialmente dopo cena e con l'aumento associato di glucosio, si nota la più alta attività del feto. Se il numero di movimenti fetali durante questo test è inferiore a 10 in due ore, questo dovrebbe essere considerato come un segno di una violazione delle sue condizioni e studi aggiuntivi.

Per l'ostetrico-ginecologo, i movimenti fetali sono anche un importante criterio diagnostico per alcune anomalie nel corso della gravidanza. Un movimento troppo attivo, violento e doloroso del feto o movimenti deboli e rari possono indicare il suo cattivo stato.

I cambiamenti nell'attività fetale possono essere associati a influenze esterne. Ad esempio, se una donna incinta giace a lungo sulla schiena, un utero allargato schiaccia un grosso vaso - la vena cava inferiore, il flusso di sangue al feto viene interrotto, causando immediatamente una reazione violenta - movimenti attivi. Gli stessi cambiamenti nell'attività del bambino possono verificarsi in qualsiasi altra posizione scomoda della madre - se si sporge in avanti, stringendo lo stomaco, si siede con le gambe incrociate, il bambino costringe sua madre a cambiare posizione. Una situazione simile si verifica se il bambino stesso schiaccia o preme gli anelli del cordone ombelicale, limitando il flusso di sangue attraverso di esso. Comincia a muoversi più attivamente, cambia posizione e indebolisce la pressione sul cordone ombelicale. Tuttavia, in alcuni casi, un aumento o viceversa, una diminuzione dei movimenti fetali può essere un segno di una grave patologia.

Se dopo 28 settimane di gravidanza il bambino non si fa conoscere entro 3-4 ore, forse sta solo dormendo. In questo caso, la futura mamma ha bisogno di mangiare qualcosa di dolce e giacere sul fianco sinistro per mezz'ora. Se queste semplici manipolazioni non portano a un risultato, vale la pena ripeterle di nuovo dopo 2-3 ore. Se questa volta il bambino non si fa sentire, questa è un'occasione per consultare un medico. I movimenti rari e deboli possono anche indicare una disfunzione fetale, molto spesso la mancanza di ossigeno di un bambino, cioè l'ipossia fetale.

Per determinare le condizioni del feto, il medico effettua una serie di esami. Il più semplice è l'auscultazione (ascolto) - con l'aiuto di uno speciale tubo di legno (stetoscopio ostetrico) o di un dispositivo speciale che cattura il battito cardiaco fetale, il medico ascolta il battito cardiaco del bambino. Normalmente, si tratta di circa 120-160 battiti al minuto. Una diminuzione della frequenza cardiaca inferiore a 120 o un aumento superiore a 160 indica sofferenza intrauterina.

Ultrasuoni e dopplerometria. Quando si esegue un'ecografia, il medico valuta visivamente le dimensioni del feto, la corrispondenza dello sviluppo del feto al periodo della gravidanza, perché con la carenza di ossigeno, il tasso di crescita del feto rallenta e le sue dimensioni sono in ritardo rispetto alla norma per ogni periodo di gravidanza. Anche la struttura della placenta, presenza di segni di invecchiamento, è importante, a causa della quale la funzione del trasferimento di sangue, ossigeno e sostanze nutritive al feto di solito peggiora. Durante un'ecografia, si stima la quantità e il tipo di liquido amniotico, che può anche cambiare con la sofferenza fetale. La dopplerometria dei vasi della placenta e del cordone ombelicale è un metodo per studiare la velocità del flusso sanguigno in questi vasi. Con una diminuzione della velocità del flusso sanguigno in qualsiasi nave, possiamo parlare di malnutrizione del feto di varia gravità.

Cardiotocografia (CTG). Questo è un metodo importante per valutare le condizioni del feto. Il CTG viene eseguito con un'età gestazionale di 33 settimane o più, poiché solo in questo periodo di sviluppo intrauterino del bambino si regola completamente l'attività del sistema cardiovascolare del feto stabilita dai centri del midollo spinale e del cervello. La registrazione dei battiti cardiaci fetali viene eseguita per almeno 40 minuti e, se necessario, lo studio può essere esteso a un'ora e mezza. Il dispositivo registra e registra la frequenza cardiaca del bambino. Ad esempio, con una diminuzione della concentrazione di ossigeno nel sangue del feto, diminuisce l'apporto di ossigeno alle cellule del sistema nervoso, che a sua volta influenza la frequenza cardiaca, specialmente durante la veglia del bambino. L'ostetrico-ginecologo valuta la curva di registrazione dei battiti cardiaci, episodi di rallentamento e un forte aumento della frequenza cardiaca del feto e, sulla base di questi dati, trae una conclusione su quanto il bambino si senta a proprio agio nello stomaco di sua madre.

Se durante i metodi aggiuntivi di valutazione delle condizioni del feto vengono rilevate le prime violazioni dell'apporto di ossigeno al bambino, viene effettuato un trattamento farmacologico volto ad aumentare l'accesso del sangue e dell'ossigeno attraverso la placenta e gli esami di controllo obbligatori durante la terapia. Se i cambiamenti sono profondi e il bambino sperimenta una marcata carenza di ossigeno e sostanze nutritive, le sue condizioni ne soffrono, viene eseguita una consegna di emergenza di un tale paziente.

I movimenti fetali non sono solo un indicatore delle sue condizioni, è un modo di comunicazione tra il bambino e i genitori. Mescolare le briciole nella pancia della madre è un'esperienza indimenticabile che una donna può vivere solo in questo breve ma felice periodo della sua vita.

Cosa fare se il bambino non si muove nello stomaco

I primi tremori del bambino si verificano a 13 settimane di gestazione, ma sono così piccoli che la madre non se ne accorge. I primi movimenti primogeniti si notano nel periodo di 19-20 settimane e le madri con un'esperienza di 17-18. I movimenti fetali sono un indicatore dello sviluppo del bambino, ma l'assenza è allarmante..

Cosa determina la frequenza del movimento fetale

La frequenza dei movimenti del bambino dipende da molti fattori. Convenzionalmente, possono essere divisi in fisiologici e anormali.

Quelli fisiologici includono:

  • carattere emergente;
  • desiderio di mangiare;
  • la madre resta in una stanza soffocante;
  • la presenza di bassi forti nella stanza. Ad esempio, quando si ascolta la musica ad alta frequenza;
  • la posizione della madre è comoda o scomoda per il bambino.

I tremori lisci e indolori sono un indicatore della normale salute del bambino. Il loro numero dipende dalla durata della gravidanza e dall'esperienza della maternità.

Dalle ragioni anomale:

  • ipossia acuta;
  • la minaccia del lavoro prematuro;
  • polidramnios;
  • infezione.

Gli shock allo stesso tempo sono aspri e dolorosi, in un secondo momento puoi sospettare un processo patologico dal comportamento violento del bambino. Tuttavia, è possibile determinare la causa dell'attività o del riposo dopo aver consultato un medico e un esame ecografico.

Nel primo trimestre, i tremori sono assenti a causa della piccola altezza e peso del bambino.

Nel secondo trimestre, a partire dalla 18a settimana, compaiono i primi movimenti deboli, che si intensificano con il corso della gravidanza. Da 24 settimane, il bambino è attivo.

Alla fine del secondo trimestre, la madre è in grado di controllare i movimenti fetali accarezzando l'addome e parlando con il nascituro.

Nel trimestre, l'attività svanisce gradualmente: il feto cresce, cresce ed è difficile e stretto fare movimenti, ma non scompaiono completamente.

Il bambino ha chiaramente sviluppato un regime di veglia e sonno.

Norme e controllo sul movimento del bambino

Dalla 24a settimana di gestazione, i tremori medi del feto sono 10-15 volte al giorno.

I movimenti attivi compaiono nel pomeriggio e spesso di notte..

Il sonno è di 18 ore e la durata di 1 periodo di sonno va da 3 a 4 ore. In questo momento, il bambino fa il numero minimo di movimenti che una donna non sente.

Puoi monitorare tu stesso il numero di movimenti fetali. C'è un intero schema per questo..

  1. Tenere un diario per le note;
  2. A partire da 28 settimane, eseguire un test di movimento.

L'essenza del metodo è contare 10 movimenti fetali due volte al giorno. Dalle 9:00 alle 21:00 e dalle 21:00 alle 21:00 Puoi testare ogni giorno.

Esempio, la prima attività del feto è alle 9.20, quindi alle 11.40, 3 alle 12.15 e così via.10 movimenti - alle 17.35 - 1 parte del test è finita, 2 volte 9,20 e 17,35 sono indicati nella tabella. La seconda parte del test - contando dalle 21:00 alle 9:00.

Secondo questa tecnica, è possibile monitorare costantemente l'attività del bambino. Un allarme è una completa mancanza di movimento per 12 ore o un'attività eccessiva.

Più grande diventa il bambino, più forte è il suo movimento e si ha la sensazione che il bambino balli nell'utero.

Tali fenomeni frequenti indicano un decorso patologico della gravidanza.

Cosa fare se non c'è movimento e perché il bambino non si muove nello stomaco

L'assenza di movimenti ascoltati dalla madre non indica che il bambino non sia attivo. Abbastanza spesso, i movimenti sono registrati su un'ecografia, ma la loro madre per qualche motivo non li sente.

Ci sono modi per "svegliare" il bambino:

  1. Pancia a colpi di carezze. Se l'età gestazionale supera le 28 settimane, il bambino capisce il calore dal tocco e si spinge verso il luogo in cui si trova la mano della mamma o del papà.
  2. Puoi passare un'ora dolce con una tavoletta di cioccolato o cioccolatini. Il glucosio presente entra nel bambino con flusso sanguigno e causa la sua attività, ma a volte questo metodo è inefficace.
  3. Un bicchiere di acqua fredda dovrebbe causare un cambiamento della temperatura interna e provocare i movimenti del bambino.
  4. Riproduci musica ad alto volume che piace a tuo figlio.

Se non è possibile indurre attività fetale per due o più ore, è necessario consultare un ginecologo ostetrico. Sarà in grado di ascoltare il battito cardiaco fetale e misurare la sua attività utilizzando un apparato CTG.

La ragione più terribile per l'assenza di tremori è la morte del feto.

Ragioni per lo sbiadimento

La gravidanza congelata, indipendentemente dall'età gestazionale, deve essere rimossa. All'inizio - il curettage, in seguito - il lavoro artificiale con l'aiuto della terapia ormonale. Le cause dello sbiadimento della gravidanza sono diverse, sono classificate per periodo di sviluppo.

Nel primo trimestre

  • anomalie cromosomiche;
  • violazioni nella posa di materiale genetico;
  • malattie infettive della madre;
  • dipendenza da alcol;
  • fumo e tossicodipendenza;
  • malattie ereditarie;
  • processi patologici cronici.

È possibile identificare in modo inequivocabile la causa della morte del feto nel primo trimestre usando un esame istologico della placenta e della biopsia del feto.

Nelle prime fasi, si osserva un aborto spontaneo con rigetto dell'ovulo. Il colpevole più comune è lo squilibrio ormonale..

Nei successivi trimestri

  • Processi infettivi, in particolare infezioni a trasmissione sessuale;
  • Ipossia acuta del feto. Questi includono: entanglement dell'arteria ombelicale, oligohydramnios, polyhydramnios;
  • Conflitto di Rhesus con lo sviluppo di anemia grave;
  • patologie cardiache, in particolare scarsamente fornendo sangue al muscolo cardiaco fetale;
  • malattie genetiche;
  • Disturbi endocrini (tireotossicosi, diabete mellito).

La causa principale può essere identificata dopo la diagnostica ecografica e gli studi patologici sul biomateriale postumo.

Se il bambino non si muove molto nell'utero, ci sono diversi motivi:

  • Breve termine;
  • Pienezza di una donna;
  • Problemi di salute del bambino.

Sintomi

  • completa assenza di movimenti fetali durante il giorno;
  • dolore nell'addome inferiore;
  • minzione frequente;
  • la comparsa di una scarica sanguinolenta;
  • una sensazione di nausea con attacchi di vomito;
  • Aumento della temperatura;
  • tenerezza al seno.

All'esame, inciampo dell'addome, si nota la mancanza di frequenza cardiaca nel feto. L'esame ecografico conferma la morte.

Diagnostica

Se il bambino non si muove, cosa fare: correre in clinica o chiamare un'ambulanza e andare urgentemente al dipartimento di ammissione di ginecologia e patologia ostetrica.

Se una donna non sente il bambino nell'utero, ciò non significa che il bambino sia già morto. In alcune situazioni, il parto di emergenza salva la vita del bambino.

Al fine di stabilire le ragioni della mancanza di movimento, viene eseguita la cardiotocografia - se il "cuore" non viene rilevato - ecografia di emergenza. È in questa fase che viene determinata la sequenza di azioni del personale medico.

La morte prenatale del feto è la morte del bambino nell'utero. Il feto e il posto in cui si trovava da solo non lasceranno la cavità uterina, quindi la donna dovrà sopravvivere alla nascita di un bambino morto.

La procrastinazione in questo caso può costare la vita della madre.

Il tipo di consegna viene selezionato individualmente in base all'età gestazionale. Si preferisce l'ostetricia naturale, ma in alcuni casi viene eseguito un taglio cesareo.

Gravidanza dopo congelamento

Puoi rimanere incinta e partorire dopo una gravidanza congelata. Tuttavia, affidare al medico il processo di pianificazione della gravidanza..

Prima di tutto, è necessario identificare la causa della morte fetale del feto.

Il risultato viene rivelato in un esame istologico del farmaco e dell'autopsia post mortem. Solo dopo aver stabilito la causa, è necessario iniziare il trattamento.

È importante notare che gli aborti persistenti aumentano il rischio di ripetizione fetale del 38%.

Dopo ST, non avere fretta di rimanere incinta. È necessario sottoporsi a un esame completo, ripristinare lo sfondo ormonale, essere trattati se necessario.

Si raccomanda inoltre di ripristinare lo stato psico-emotivo, poiché la perdita intrauterina, anche se di breve durata, è percepita e tollerata da una donna estremamente dura.

Nella fase di recupero, ha bisogno del supporto del piano fisico e morale.

Il periodo ottimale di ri-gravidanza è di 24 mesi, ma può diminuire o aumentare..

Dipende dall'età gestazionale in cui è stata interrotta la gravidanza e dai motivi della sua interruzione.

Primi movimenti fetali: quando il bambino inizia a muoversi, norme ostetriche e natura delle sensazioni

I movimenti del bambino nell'addome causano sensazioni indescrivibili nelle madri - è in questo momento che la donna si rende conto che in realtà diventerà presto una madre. E per il bambino, "calci" e "shock" sono i suoi tentativi di contattare sua madre nell'unico modo a sua disposizione.

Informazioni su quando il bambino inizia a muoversi, come sono i suoi tremori, quanto spesso deve muoversi nella pancia, in quali casi deve consultare un medico - questo articolo descrive in dettaglio.

Quando inizia a muoversi il bambino? Standard ostetrici

Il bambino inizia a muoversi nella pancia della madre molto prima che lei lo senta. I primi movimenti del bambino si verificano a 8-9 settimane dopo il concepimento.

Durante questo periodo di sviluppo, il corpo del bambino inizia a crescere in fasci di muscoli e neuroni, ma il sistema nervoso è ancora nella sua "infanzia", ​​quindi i primi movimenti del bambino assomigliano a contrazioni convulsive.

Naturalmente, la madre non può sentire "shock" così insignificanti, perché in questo momento il bambino è ancora molto piccolo - pesa solo 3,5 grammi e in forma ricorda una bacca piuttosto che un bambino.

Entro la dodicesima settimana di gravidanza, si formano le braccia e le gambe del bambino, la sua attività motoria aumenta, inizia a ruzzolare e spingere, tuttavia, la madre non riesce ancora a sentirlo a causa delle piccole dimensioni del feto.

Entro la sedicesima settimana, il feto ha caratteristiche facciali, può già distinguere i suoni e rispondere ad essi. Inoltre, il bambino sta diventando più forte, i suoi movimenti stanno diventando più sicuri e lo spazio nella vescica fetale sta diventando sempre meno. Ma una donna sarà in grado di provare “tremori” sicuri durante la sua prima gravidanza solo a 5 mesi - circa 18-20 settimane.

Secondo / terzo figlio

Il fatto è che le donne in gravidanza con il loro primo figlio spesso confondono timidi punti fetali con problemi con la motilità intestinale e non capiscono che il bambino ha già iniziato a dare segnali.

Sebbene lo sviluppo del feto non dipenda dal numero di gravidanze, le madri esperte sanno già quando il bambino può iniziare a muoversi e non vedono l'ora che arrivi questo momento.

Sentimenti: come appaiono le scosse?

Che aspetto hanno i tremori del bambino? La donna incinta per la prima volta sicuramente penserà a come sono i movimenti e i tremori del bambino e come riconoscerli, perché non ha mai sperimentato nulla di simile prima..
In effetti, i primi movimenti del bambino sono descritti dalle gestanti in diversi modi:

  • Qualcuno sente una leggera carezza dall'interno dell'addome;
  • Alcuni paragonano questa sensazione a un pesce galleggiante;
  • Qualcuno pensa che le farfalle svolazzino all'interno dell'addome;
  • Molto spesso, l'attività del bambino può essere confusa con un gorgoglio nello stomaco.

Particolarmente chiaramente "spingere" il bambino può essere sentito sdraiato sulla schiena. In questa posizione, puoi anche notare come lo stomaco sembra "camminare con un frullato" a causa delle azioni del bambino.

Se i primi timidi tremori del bambino possono ancora essere confusi con l'attività dell'intestino, nelle fasi successive del movimento diventano più pronunciati: il bambino inizia a rotolare per occupare una posizione comoda, mentre "calcia" la madre con gambe e braccia. Inoltre, il bambino può girare la testa, giocare con il cordone ombelicale e persino succhiarsi le dita, anche in piedi.

Periodicamente, la futura mamma, invece di sussulti solitari, può sentire il movimento ritmico di tutto il suo addome, che può spaventarla. I ginecologi affermano che questo non è un grosso problema: il bambino ingoia solo liquido amniotico.

A 6 mesi di gravidanza, il futuro padre può anche sentire i movimenti del bambino: per questo, dovrà mettere l'orecchio allo stomaco. Successivamente, per "contatto" con il bambino, sarà sufficiente toccare lo stomaco con una mano.

Quante volte e quanto spesso il bambino "calcia"?

A partire dalla 24a settimana di gravidanza, il bambino inizia a comunicare attivamente con sua madre nell'unico modo a sua disposizione: il movimento. E la futura mamma deve imparare a capirlo, perché dal comportamento del bambino puoi giudicare molto.

Con l'aiuto dei suoi movimenti, il bambino può: trasmettere il suo umore - riferire gioia o ansia, parlare del suo benessere e persino mostrare il suo "personaggio".

I movimenti del bambino nell'addome sono anche un metodo collaudato di autodiagnosi: per ridurre o aumentare l'attività del bambino, la madre dovrebbe determinare il suo benessere e, se necessario, informare il medico.

Come e perché tenere traccia dell'attività del bambino?

I ginecologi raccomandano a tutte le future madri, a partire dalla 27a settimana di gravidanza, di monitorare la frequenza dei movimenti del bambino e scrivere questi indicatori in un diario speciale.

Questi dati consentiranno al medico di valutare le condizioni del feto e, al minimo sospetto di patologia, di nominare ulteriori esami.

Molto spesso, per monitorare i movimenti del bambino, usano il metodo D. Pearson, che si basa sulla madre che mantiene un calendario speciale a partire dalla 28a settimana di gravidanza.

Il metodo consiste nell'osservare i movimenti del bambino dalle 9:00 alle 21:00 e il tempo di ogni 1a e 10a agitazione del bambino viene registrato nel registro.

Cosa dicono i risultati:

  1. Se l'intervallo tra il primo e il decimo movimento del bambino è di 20 minuti, il bambino si sviluppa normalmente e non c'è nulla di cui preoccuparsi;
  2. È accettabile anche un intervallo di 30-40 minuti - in questo momento il bambino può riposare o ha semplicemente un carattere calmo;
  3. Se è passata più di un'ora dalla prima alla 10 di spinta, la madre dovrebbe consultare un medico per un consiglio.

Cosa fare se il bambino è tranquillo o insolito?

L'ipossia - un basso contenuto di ossigeno nel corpo, in questo caso la mancanza di ossigeno nel feto - può portare a gravi patologie e persino alla morte del feto. Molto spesso, il sistema nervoso e il cervello soffrono di ipossia..

Pertanto, se per un lungo periodo di tempo non si avvertono i movimenti del bambino, consultare immediatamente un medico. Molto probabilmente, non c'è nulla di cui preoccuparsi, ma sarai più calmo se il medico, dopo aver esaminato, non conferma la presenza di ipossia.

Video utile

Leggi di più su quando il bambino nella pancia inizia a muoversi, qual è la norma e qual è la patologia, descritta nel video:

Agitazione, shock, calci: queste sono le prime manifestazioni veramente tangibili della vita del feto. Pertanto, il bambino sta cercando di "parlare" con te nell'unico modo a sua disposizione. È durante questo periodo di gravidanza che molte donne sono pienamente consapevoli che presto diventeranno madri.

Dalla 28a settimana di gravidanza, dovresti monitorare attentamente i movimenti del bambino e tenere un diario speciale per tracciare la sua attività, per essere sicuro che il bambino si stia sviluppando correttamente e tutto è in ordine con lui.

Agitazione del feto. Come e per quanto tempo ci si sente? Perché e come contare? Il normale numero di movimenti. Sventolando il tavolo di settimana. Cosa fare se il bambino non si muove troppo o troppo attivamente?

Quando il feto inizia a muoversi nell'utero?

Il movimento fetale inizia a 7 - 8 settimane di gravidanza, cioè entro la fine del secondo mese.

A 8 settimane, il feto può già rispondere riflessivamente all'irritazione con contrazioni o esitazioni. Il bambino in questo momento ha una lunghezza del corpo di soli 2,5 cm, ma i suoi movimenti sono possibili, grazie ai muscoli già formati lungo la colonna vertebrale.

A causa delle dimensioni ridotte del feto, la sua futura madre non può ancora sentire (spesso una donna non sa di essere incinta in questo momento). Se una donna si rivolge a una clinica prenatale e viene eseguito un esame ecografico dell'utero, il medico può vedere i movimenti fetali. La presenza di movimenti fetali sugli ultrasuoni significa che il feto si sente bene e cresce.

Entro la settimana 12 circa, al bambino potrebbe già mancare qualcosa, puoi vedere le espressioni facciali. Inoltre, è all'inizio del secondo trimestre che i movimenti del feto, che sono chiamati l'attività spontanea dei muscoli del feto, si uniscono a scatti riflessi. L'attività spontanea è il movimento che il feto fa da solo, e non come una reazione riflessa..

Nell'utero, il feto esegue le seguenti forme di movimenti spontanei:

  • Prima forma. La costante irritazione dei recettori della pelle (terminazioni nervose sensibili) con liquido amniotico porta al fatto che i muscoli flessori del tronco fetale hanno costantemente un certo tono. È questa costante contrazione tonica che porta alla caratteristica posizione piegata del feto (posizione dell'embrione), a causa della quale viene posizionata nella cavità uterina.
  • La seconda forma. Questa forma è una contrazione breve che si verifica periodicamente dei muscoli estensori, cioè muscoli la cui contrazione viola la postura piegata caratteristica del bambino. È importante che tutto il busto estensore, la testa e gli arti del muscolo si contraggano. Questa riduzione si chiama generalizzata (generale). Sono queste le contrazioni che la futura mamma sente a 4 - 5 mesi di gravidanza come prima agitazione. Normalmente, il feto fa da 4 a 8 di tali contrazioni all'ora.
  • La terza forma. Queste contrazioni sono movimenti respiratori. Sebbene il feto non respiri attraverso i polmoni, i movimenti dei muscoli respiratori iniziano già dopo 14 settimane. Il feto "respira" molto più spesso di un neonato o di un adulto, facendo circa 40 - 70 movimenti respiratori al minuto (un adulto fa circa 20 movimenti). I movimenti respiratori del feto possono essere avvertiti dalla madre, ma nelle fasi successive.

A 12 settimane, il feto è già in grado di capriole. Più tardi, il bambino esegue movimenti sempre più diversi, è in grado di singhiozzare, sbadigliare e succhiare un dito. Entro la fine del secondo mese, il feto reagisce al dolore con i suoi movimenti.

Il dolore per lui è un incidente spiacevole per la mamma, che provoca il rilascio di adrenalina nel sangue. Se ci sono molti ormoni dello stress nel sangue, il feto si comporta a disagio, si muove attivamente. Ciò è dovuto al fatto che un piccolo corpo sotto stress del corpo della madre inizia a mancare di ossigeno. Questo lo fa muovere più attivamente. Tuttavia, non solo le esperienze negative della donna incinta possono far muovere attivamente il feto, ma anche gli impulsi positivi indirizzati a lui personalmente. Quindi, se la futura mamma accarezza la pancia, parla con il bambino, ascolta la musica, anche il bambino può rispondere. In questo caso, non stiamo parlando della fame di ossigeno, ma della piacevole eccitazione del sistema nervoso del bambino. I medici affermano che è così che si forma il modo futuro del bambino di reagire agli stimoli esterni.

Come si sente il movimento?

All'inizio del movimento del feto, la donna incinta descrive con frasi come "il pesce nuotava", "l'onda arrotolata", "farfalle nello stomaco". Questi sentimenti di disagio non causano. Shock e calci più attivi compaiono già nel terzo trimestre e più precisamente a 7 mesi di gravidanza. In questo momento, l'attività del bambino sarà diversa, potrà sorprendere sua madre con le sue abilità nel tirare il manico, la gamba, la testa e ogni volta che la madre sentirà questi movimenti.

A differenza di attività come "guarda come posso, mamma", anche il bambino può balbettare. Questo fenomeno è anche chiamato "respirazione fetale". I medici lo spiegano con il fegato relativamente grande del feto, che preme sulla piastra respiratoria del diaframma. La compressione del nervo frenico provoca irritazione, che si manifesta con contrazioni ritmiche a scatti del diaframma, cioè singhiozzi. La mamma sente il singhiozzo del feto come tremori ritmici o "ticchettio dell'orologio". Questo singhiozzo non è considerato movimento fetale, pertanto, quando si calcola il numero dei suoi movimenti, non viene preso in considerazione.

Quando una donna sente i primi movimenti del bambino durante la prima e la seconda gravidanza?

L'agitazione del feto è uno dei segni della gravidanza, che, se determinato dal medico durante la palpazione, è considerato un segno affidabile di una situazione interessante. Prima dell'avvento e dell'uso diffuso degli ultrasuoni, i movimenti fetali e l'ascolto del battito cardiaco erano alcuni dei segni affidabili della gravidanza. Attualmente, la gravidanza viene diagnosticata prima che una donna senta che qualcuno sta "spingendo" nel suo stomaco.

Durante la prima gravidanza, una donna avverte i movimenti del bambino a 20-21 settimane, mentre durante le successive gravidanze precedenti, a 18-19 settimane. Ciò è dovuto ad un aumento della sensibilità delle pareti dell'utero durante le gravidanze ripetute. Se una donna è in sovrappeso, i movimenti fetali potrebbero non essere avvertiti fino a 25 settimane.

I movimenti fetali possono essere avvertiti nelle settimane 14-15?

In questo momento, il bambino è troppo piccolo per sentirne i movimenti. La sensibilità uterina e l'istinto materno non possono influire sui tempi della sensazione dei movimenti fetali, poiché esiste una ragione obiettiva per cui una donna incinta avverte tremori e calci: questa è la dimensione del feto. Quando il feto cresce fino a una certa dimensione, e ciò accade tra le 19 e le 20 settimane di gravidanza, la distanza tra il corpo fetale e la parete uterina si riduce. Ciò aumenta le possibilità di contatto tra queste due strutture. Ecco perché è impossibile sentire i movimenti fetali prima di 18 settimane.

Se la futura mamma afferma che il suo bambino si sta già mescolando a 4 mesi, allora ciò significa che l'età gestazionale è stata inizialmente determinata in modo errato o che la donna ha preso contrazioni intestinali per il movimento fetale.

Qual è il periodo di agitazione più attivo?

Il periodo di massima attività del feto si osserva a 26 - 32 settimane di gravidanza. In questo momento, la lunghezza del corpo di un uomo in crescita è di 36 - 45 cm e il peso in queste 6 settimane aumenta gradualmente di un chilogrammo (da 700 a 1700 grammi). Durante questo periodo, il rapporto tra le dimensioni dell'utero e le dimensioni del feto è più adatto in modo che il bambino possa divertirsi in abbondanza. Inoltre, l'utero è già allungato dal liquido amniotico, si trova sopra il livello della piccola pelvi, il che significa che c'è abbastanza spazio per le manovre. Questi 1,5 mesi saranno i più interessanti e frenetici per la futura mamma, anche se non tutte le madri hanno bambini attivi. L'attività del feto in questo momento, in particolare, non può essere confrontata con l'attività di altri bambini allo stesso tempo. Il tasso di movimento al giorno è un concetto individuale. Il numero massimo di movimenti fetali dipende dalle caratteristiche del sistema nervoso fetale. Ci sono bambini tranquilli, e ci sono quelli che colpiscono senza pietà la pancia della madre. Si ritiene che se il bambino durante la gravidanza si muove molto attivamente, dopo la nascita diventerà calmo e, al contrario, i bambini non molto mobili dopo la nascita diventeranno fidget. Pertanto, è necessario solo confrontare l'attività del feto con la sua norma personale, dato tuttavia che il numero minimo di movimenti al giorno non deve essere inferiore a 10.

32 settimane. Come si muove il bambino?

La 32a settimana è l'ottavo mese di gravidanza, quando il periodo più violento della vita fetale è già alle spalle. A causa del fatto che il bambino sta diventando più affollato nell'utero, non esegue più ganci affilati con la maniglia o combattendo i pugni con il piede. Il feto è già abbastanza grande, il suo regime di sonno e veglia è già stato adattato, cioè la futura mamma conosce già le ore in cui al bambino piace dormire e quando vuole allungare le braccia. Questo periodo più o meno stabile a volte spaventa alcune mummie, perché il feto è diventato più calmo. Altre madri non riportano una diminuzione dell'attività fetale. Sensazioni così diverse nelle donne in gravidanza portano a pensieri ansiosi sia nel caso della stabilizzazione, sia nel caso della continuazione della stessa attività del bambino. Affinché la madre sia calma per il bambino, viene regolarmente sottoposta a ecografia, sulla quale sono visibili anche quei movimenti fetali che non sono percepiti dalla donna.

Attività fetale prima della consegna a 38 - 40 settimane

Di solito, il movimento del bambino viene osservato in modo dinamico dalle 28 alle 36 settimane di gravidanza, a volte è necessario continuare a osservare nell'ultimo mese fino alla nascita. È importante che la futura mamma sappia che nell'ultimo mese di gravidanza il feto è già molto grande (pesa già 3 o più chilogrammi) e l'utero non può allungarsi ulteriormente. In questo momento, i movimenti principali sono colpi di stato e capriole. Si ritiene che sia così che il bambino inizia a "cercare" un posto per uscire dall'utero. Avendo trovato l '"uscita" (cervice), il bambino ha la testa in questa parte e le gambe dirigono il diaframma di lato. In questa posizione, la madre sentirà i calci sotto il seno e sarà abbastanza dolorosa. Anche la testa nella zona del collo causerà un disagio tangibile, a volte sembra un dolore forte e acuto ("elettrico") nell'addome inferiore. Questo non è un problema, perché la cervice si sta anche gradualmente preparando per il parto, che è facilitato dalla testa del feto.

Alcune donne in gravidanza affermano che il bambino ha iniziato a muoversi più debole, ma continua ancora a muoversi. Va anche bene.

Sarà molto più pericoloso se improvvisamente il bambino inizia a muoversi troppo attivamente - questo può significare che gli manca l'ossigeno.

Quanti movimenti possono essere considerati normali?

Normalmente, il feto dovrebbe muoversi almeno 10 volte in 2 ore. In media, può eseguire 30 movimenti all'ora (intervallo di movimento nell'intervallo normale di 16 - 45). Tra i movimenti possono trascorrere da 50 a 75 minuti (questo è considerato il periodo massimo consentito tra due calci). I periodi di sonno in cui il bambino non è attivo, in media, vanno dai 20 ai 40 minuti, meno spesso 90 minuti. Molti medici notano anche che il bambino può addormentarsi per 3 ore e non fa paura se può essere "svegliato" usando metodi di provocazione.

Il numero di movimenti fetali dipende dai seguenti fattori:

  • Momenti della giornata. La donna incinta nota che il bambino spesso spinge la sera e la notte.
  • Le emozioni della mamma. Di solito, sullo sfondo di una situazione stressante, il bambino si muove più attivamente, ma a volte può, al contrario, congelarsi per un po '.
  • L'attività fisica della mamma. Il bambino inizia a muoversi quando la madre è a riposo. Anche una piccola attività fisica di un quarto riduce il numero di movimenti fetali.
  • Mangiare Se la donna incinta ha fame, il bambino reagisce aumentando il numero di movimenti. Dopo aver mangiato, il bambino può anche iniziare a muoversi più attivamente. Il feto risponde anche all'assunzione di dolci, che è spiegato dal rilascio di adrenalina (uno degli ormoni dello stress), necessario per un basso livello di glucosio nel sangue (se la futura mamma vuole dolci, l'adrenalina influenzerà i muscoli e causerà la distruzione del glicogeno, da cui si forma il glucosio).
  • Suoni. Suoni acuti e forti possono causare l'attivazione dei movimenti fetali e, al contrario, calmare la musica melodica, lenisce il bambino.
  • Lunga permanenza in una posizione scomoda. Qualsiasi disagio provato dalla donna incinta provoca anche disagio al feto, a cui risponde muovendosi. Un altro motivo per il cambiamento nel numero di movimenti associati a una posizione scomoda è una violazione dell'afflusso di sangue all'utero o la compressione di grandi vasi da parte dell'utero in gravidanza. Pertanto, alle donne in gravidanza, specialmente nelle fasi successive, si consiglia di mentire sul lato sinistro. In questa posizione, l'utero è meglio alimentato con sangue e non vi è alcun rischio di compressione di grandi vasi situati dietro l'utero.
  • Volume del liquido amniotico. Se c'è poco liquido amniotico intorno al bambino, allora toccherà più spesso la parete uterina (l'utero si allunga e aumenta non solo a causa della crescita del feto, ma anche di un aumento della quantità di liquido amniotico). Se c'è più acqua del necessario (più di 2 litri nelle fasi successive), la madre potrebbe non percepire tutti i movimenti del feto (ce ne saranno tanti quanti ne hanno la solita quantità d'acqua, ma non tutti si sentiranno).

Alcuni fattori (sovrappeso, una placenta attaccata alla parete anteriore dell'utero) possono, per così dire, assorbire lo shock del feto, quindi la donna non li sentirà o sentirà colpi deboli.

Perché contare il numero di movimenti del bambino nell'utero?

Il calcolo dei movimenti fetali non ha perso importanza anche sullo sfondo della comparsa di metodi strumentali per l'osservazione del bambino. In base al numero di movimenti del focolare, le sue condizioni sono attualmente in fase di valutazione. Così come un neonato non può far sapere a sua madre cosa vuole mangiare, bere o bisogno di cambiare il pannolino se non piangendo, e il feto, mentre è ancora nell'utero, attraverso i movimenti dà alla madre "segni".

Pertanto, il movimento fetale è uno dei segni utilizzati per valutare il grado di benessere del bambino nell'utero. Questo indicatore è strettamente correlato alla frequenza cardiaca del bambino e insieme costituiscono il profilo biofisico del feto (BPP). La BPP riflette l'assunzione della quantità necessaria o insufficiente di ossigeno attraverso il cordone ombelicale al feto. Se l'ossigeno entra in quantità sufficiente, la condizione viene chiamata stato normossico del feto. Se i movimenti diventano troppo attivi o, al contrario, troppo rari, lo stato ipossico del feto (carenza di ossigeno).

L'idea principale di BPP è assicurarsi che con i movimenti indipendenti del feto, anche la sua frequenza cardiaca aumenti. Questo si chiama riflesso miocardico fetale (feto - il feto, miocardio - il muscolo cardiaco). Questo riflesso è molto importante, perché dal grado della sua conservazione è possibile giudicare il livello di sviluppo dei centri di regolazione delle funzioni corporee che si trovano nel cervello (centro respiratorio, centro cardiovascolare, centro del tono muscolare), o piuttosto la loro sensibilità al livello di ossigeno nel sangue.

La frequenza dei movimenti fetali dipende dai seguenti indicatori:

  • tono vascolare - aumento o diminuzione del tono vascolare (pressione nelle arterie e nelle vene);
  • il livello di sostanze chimiche nel sangue - ad esempio livelli di ormoni, glucosio, ossigeno e anidride carbonica;
  • flusso sanguigno nell'utero e nella placenta - dipende dalle condizioni della placenta, dal sistema di coagulazione del sangue e da altri fattori;
  • equilibrio acido-base del sangue nel feto - dipende dallo stato del suo metabolismo e dal normale sviluppo degli organi.

Con una modifica degli indicatori di cui sopra, il riflesso del miocardio fetale viene violato - i movimenti del bambino possono aumentare, ma non c'è battito cardiaco. I medici lo considerano anche pericoloso quando il bambino si muove meno del previsto (questo è molto più pericoloso di quando si muove più attivamente). Ciò significa che il cervello ha smesso di rispondere e che i meccanismi adattativi del feto sono compromessi. La violazione dei meccanismi adattativi si verifica in una serie di condizioni piuttosto gravi che richiedono un monitoraggio più attento delle condizioni della futura madre e feto.

La riduzione dell'attività motoria fetale è considerata un fattore di rischio per i seguenti esiti avversi:

  • malformazioni congenite del feto;
  • nascita prematura;
  • lesione alla testa del feto;
  • violazione dello sviluppo del sistema nervoso del feto;
  • basso peso alla nascita;
  • aborto e parto morto;
  • debolezza del travaglio, che costringe il medico ad applicare la stimolazione del travaglio o ad avere un taglio cesareo.

Pertanto, contando i movimenti del feto, monitorando l'aumento o la diminuzione del numero dei suoi movimenti, è possibile identificare condizioni pericolose nel tempo.

Come contare?

I metodi per il calcolo dei movimenti fetali sono stati proposti per uno scopo: identificare le condizioni che causano una diminuzione dell'attività fetale e rappresentano un pericolo per il suo sviluppo intrauterino. Il numero massimo di movimenti del feto, a partire da 28-30 settimane di gravidanza. In questo momento al giorno, il feto può muoversi circa 600 volte. Naturalmente, di questi movimenti, la donna incinta si sente solo pochi, vale a dire quelli che causano colpi alla parete uterina. Tali colpi rappresentano il 75% di tutti i movimenti del bambino. I movimenti all'interno dell'utero, che il feto fa, come se fluttuasse nel liquido amniotico, di solito la madre non si sente.

Sono disponibili le seguenti opzioni per contare i movimenti fetali:

  • autocontrollo: una donna conta i propri movimenti;
  • conteggio attivo - utilizzo di ultrasuoni (ultrasuoni) e cardiotocografia (CTG).

Quando si conta da soli, è importante che la donna sia a conoscenza di tutte le regole per il calcolo dell'attività motoria del feto. Quindi, il singhiozzo di un bambino non è considerato un movimento. Tutti i calcoli del movimento fetale devono essere eseguiti in posizione sdraiata o seduta, una donna dovrebbe essere emotivamente calma. Un movimento del feto è considerato non solo un colpo al piede, ma l'intero gruppo di "calci" e "shock" ha prodotto uno dopo l'altro. Se, dopo il "rigore", il bambino ha fatto una pausa e dopo pochi minuti ha iniziato a spingere di nuovo, questo è il secondo scalpore.

I metodi per il conteggio automatico dei movimenti fetali sono stati proposti dagli ostetrici britannici Pearson, Cardiff e Sadowski. Le loro differenze sono nel tempo di conteggio, ma per il resto sono simili. Tutti questi metodi si basano sul valore minimo del movimento fetale in 12 ore o all'ora.

Metodo Pearson

Questo metodo è semplicemente chiamato "conta fino a 10", perché la donna incinta deve solo determinare il momento in cui il bambino si sposterà per la decima volta. È necessario monitorare il movimento del feto dalle 9:00 alle 21:00. Cioè, la madre dovrebbe scrivere nella colonna del tavolo solo il momento in cui il feto ha fatto i suoi 10 "pa". Se il bambino ha fatto il suo esercizio minimo in 12 ore, si ritiene che sia in ordine.

Metodo di Cardiff

Questo metodo prevede anche il conteggio della decima agitazione, ma con la differenza che può essere contata arbitrariamente, cioè la madre annota nella tabella l'ora di inizio del conteggio (può sceglierla da sola) e l'ora in cui il bambino ha completato il decimo esercizio. Non è necessario iniziare il conteggio alle 9 del mattino, il fatto stesso è importante che durante il periodo di 12 ore il feto abbia eseguito una frequenza corporea di 10.

Metodo Sadowski

Poiché tutti i bambini nel grembo materno amano scherzare di sera e di notte, Sadowski suggerisce di contare i movimenti dopo le 7 di sera. Il conteggio del movimento del feto secondo Sadowski inizia dopo un pasto serale, dalle 19 alle 23 ore. È importante che la donna incinta sia seduta o sdraiata su un fianco, è necessaria la pace completa, dal momento che qualsiasi attività fisica, anche un po ', può spaventare il bambino e decide di non disturbare sua madre agitando. Svuota la vescica prima di contare..

L'osservazione viene effettuata per un'ora. Se il bambino si muoveva 10 volte in un'ora, allora per lui va tutto bene. Non puoi contare oltre. Se meno di 4 volte, è necessario continuare a contare i movimenti fetali durante la seconda ora. Se in 2 ore il numero di movimenti ha raggiunto 4, allora tutto è in ordine. È considerato ideale se il bambino ha compiuto 10 movimenti in 20 minuti o se è stato completato prima di questo momento. Contando il numero di movimenti fetali secondo il metodo Sadowski, la madre registra il numero di movimenti del bambino all'ora e l'ora esatta del test. A volte un bambino può muoversi e poi fermarsi. Forse si è addormentato. Quindi dovresti aspettare ancora un po 'di tempo, ovvero l'ora in cui è insita la massima attività.

Se il bambino ha bisogno di circa 30 minuti per completare tutti e 10 i movimenti, anche questo non è considerato un cattivo indicatore - non tutti i bambini mostrano la stessa attività, ci sono bambini meno attivi. Tuttavia, se il bambino non esegue 10 movimenti entro un'ora, questo dovrebbe allertare.

Molti medici suggeriscono di contare i movimenti fetali non solo dopo cena, ma dopo ogni pasto, cioè 3 volte al giorno.

cardiotocografia

La cardiotocografia (cardio - cuore, toko - contrazioni uterine, grafo - scrivo) è una registrazione della frequenza cardiaca fetale, delle contrazioni uterine e dei movimenti fetali. Tutti e tre questi parametri sono correlati tra loro, soprattutto più vicini al parto. Prima della nascita, per rilevare questi cambiamenti, è necessario installare tre sensori sull'addome di una donna incinta, uno per ciascun parametro della cardiotocografia (CTG). Il dispositivo registra i periodi di sonno e movimento attivo del bambino sotto forma di un grafico. Il tempo di registrazione è di 20 - 40 minuti. Al termine della registrazione, il dispositivo emette un opuscolo con un programma stampato su di esso, che può essere letto da un medico. Il medico analizzerà i cambiamenti nei parametri per almeno 2 episodi di movimento fetale, che di solito durano circa 15 secondi. Ogni parametro viene valutato in punti - da 0 a 2. Dopo la sua decodifica, viene emessa una conclusione che indica un normale cardiotocogramma o patologico.

È importante che una futura madre sappia che gli episodi dei movimenti attivi del bambino dovrebbero essere accompagnati da un aumento della frequenza del battito cardiaco (una donna può anche valutarlo indipendentemente ascoltando il battito cardiaco fetale al momento dei suoi movimenti attivi con uno stetoscopio).

La cardiotocografia viene eseguita a 32 settimane di gravidanza, meno spesso il medico lo prescrive prima di questo periodo.

Procedura ad ultrasuoni

L'ecografia del feto consente la stessa cardiotocografia, ma più accuratamente, nei dettagli e chiaramente. Quindi, se il resto dei metodi per il calcolo del movimento fetale può solo determinare i suoi movimenti attivi, cioè quelli che fa lui stesso, allora l'ecografia ti consente di vedere il tono muscolare dei flessori e degli estensori, nonché i movimenti respiratori del feto. Pertanto, l'ecografia consente al medico di valutare tutti e tre i tipi di attività fetale.

I movimenti respiratori possono essere visti sugli ultrasuoni già dalle 15 alle 19 settimane di gravidanza, ma diventano più ritmici alle 22-28 settimane. La respirazione fetale è considerata un processo quando una serie di contrazioni e rilassamenti del diaframma fetale fanno sì che il liquido amniotico entri nelle vie respiratorie e invertano il loro movimento. Questo può essere visto in una speciale modalità ad ultrasuoni chiamata Doppler. Doppler ti consente di vedere il flusso del fluido, che, a seconda della direzione, è dipinto in rosso o blu. La madre non può sempre sentire questi movimenti del feto, specialmente nelle prime fasi. In realtà, questo è lo stesso "singhiozzo" del feto. Tali inalazioni ed esalazioni ritmiche durano da 30 secondi a 2 minuti, mentre il feto fa da 30 a 90 movimenti respiratori durante questo periodo.

L'osservazione dei movimenti fetali, compresi quelli che esegue di propria iniziativa e quelli necessari per mantenere il tono muscolare, viene effettuata per 30 minuti. Durante questo periodo di tempo, il bambino dovrebbe chinarsi per almeno 30 secondi, fare 3 o più movimenti di grandi dimensioni (gamba, impugnatura, testa) e anche piegarsi e piegarsi almeno una volta (questo significa che il tono muscolare è preservato). Tutti i parametri sono anche valutati dal sistema a punti, dopo di che viene emessa una valutazione del profilo biofisico del feto.

Tabella settimanale e test

A 28 settimane, a una donna incinta viene consegnato un volantino sul quale viene disegnato un tavolo. Le tabelle sono disponibili in diverse forme. La prima versione della tabella contiene verticalmente le colonne per settimana, a partire dal 28 al 40, e in orizzontale il giorno della settimana e l'ora del giorno - mattina e sera. Una donna incinta dovrebbe essere in grado di compilare in modo indipendente un tavolo del genere, registrandoci nel momento esatto in cui si è verificato il decimo movimento fetale in 12 ore, cioè secondo il metodo di Pearson o Cardiff.

A volte il tavolo sembra diverso. Le colonne verticali indicano l'ora del giorno e la settimana e il giorno della settimana orizzontale (in questa forma di realizzazione, la tabella delle celle più). Inoltre, in fondo c'è una sezione in cui è necessario annotare il numero di tagli (non il tempo, ma il numero), se in 12 ore ce n'erano meno di 10 (in questa sezione, il numero di movimenti è annotato verticalmente da 0 a 9). Una donna deve mettere un segno di spunta o una croce nella casella giusta (ora e numero di movimenti).

C'è anche una tabella per la creazione di un programma di movimenti fetali a ore durante il giorno. Questo grafico è chiamato actogramma fetale. La registrazione dei movimenti viene effettuata dalla donna stessa. Il grafico consente di determinare il tipo di movimento fetale. Esistono normali schemi di movimento fetale e patologici. È necessario un actogramma orario per valutare la risposta fetale a vari cambiamenti nel corpo femminile durante il giorno.

L'attogramma del feto è il seguente:

  • al mattino una donna inizia a notare in senso orario ogni movimento del feto, e non importa quanto il bambino spinge;
  • alla fine di ogni ora, è necessario registrare il numero di movimenti nel grafico sotto forma di un punto nel paragrafo, che corrisponde al numero di movimenti sulla scala;
  • se il bambino ha deciso di organizzare una lunga "corsa", ovvero calci e dossi si susseguono, allora la madre nota i colpi più forti o indica che il bambino ha fatto più di 30 movimenti in un'ora;
  • alla fine della giornata, tutti i punti sulla foglia sono collegati da una linea, risultando in un grafico dei movimenti fetali.

L'attogramma del feto riflette i bioritmi del bambino, cioè i periodi del suo sonno e della sua veglia. Ci sono molte opzioni per la norma, perché il feto può essere attivo e inattivo, ma è importante che non ci siano schemi patologici.

I grafici patologici del movimento fetale sono:

  • grafico di picco - attività fisica molto violenta per un'ora, quindi un lungo periodo di sonno;
  • un grafico discendente: una graduale diminuzione del numero di movimenti fetali da ora a ora.

Entrambi i grafici indicano che il bambino sta vivendo una carenza di ossigeno, che è troppo frequente e che indeboliscono gradualmente i movimenti del feto segnalando allo stesso modo che il bambino manca di ossigeno.

I seguenti segni di disturbo indicano anche una condizione di disagio del feto:

  • meno di 4 movimenti in 2 ore;
  • negli ultimi due giorni, il numero di movimenti è diminuito della metà;
  • nell'ultimo giorno, il numero di movimenti fetali dopo la loro scomparsa è raddoppiato;
  • mancanza di movimento fetale per più di 3 ore (3 ore è il tempo massimo in cui un bambino può dormire nell'utero).

In presenza di almeno una di queste violazioni, è necessario consultare urgentemente un medico.

Cosa fare se il feto non si muove per più di 3 ore (come "svegliarsi")?

Le donne incinte sono molto preoccupate se non sentono i movimenti fetali per lungo tempo, anche se il periodo di gestazione è tale che solo una piccola parte di tutti i movimenti fetali può essere sentita. In quei casi in cui un bambino precedentemente attivo ha improvvisamente cessato di essere un nervosismo, allora puoi provocarlo a muoversi.

Puoi far muovere il feto nei seguenti modi:

  • Assaggiare. Come accennato in precedenza, il bambino è molto sensibile ai cambiamenti di zucchero nel sangue, quindi mangiare gli farà venire voglia di muoversi. I più adatti a provocare il movimento del feto sono prodotti come formaggio, cracker, toast con burro di arachidi, yogurt, frutta o noci. Puoi aggiungere loro del succo naturale..
  • Fai un allenamento. Se muovi le braccia e le gambe o cammini a un ritmo rapido e poi ti siedi di nuovo, puoi provocare movimenti fetali. Questa tecnica è particolarmente raccomandata dai ginecologi durante l'ecografia, se il bambino si è addormentato improvvisamente durante l'esame e deve essere osservato. L'attività fisica della madre cambia il livello di glucosio nel sangue e la pace "improvvisa" può svegliare il bambino: inizierà a rigirarsi.
  • Tocca la pancia. Puoi provare a colpire, solleticare, accarezzare lo stomaco, cioè per fare qualsiasi effetto meccanico sullo stomaco, che verrà trasmesso al feto e causerà la sua risposta. Ad esempio, un sensore a ultrasuoni, che viene posizionato sullo stomaco durante lo studio, provoca anche i movimenti del bambino. Con la provocazione meccanica è importante non esagerare, tutti i movimenti dovrebbero essere delicati e morbidi.
  • Dedica una torcia allo stomaco. Già da 22 settimane, i bambini possono distinguere tra luce e oscurità: questo è tutto ciò che il loro organo di visione consente per ora. Tuttavia, questa capacità può essere sufficiente per indurre il bambino a schivare la fonte di luce se dorme. Per fare questo, dovrà girare dall'altra parte e sua madre sentirà sicuramente un tale movimento.
  • Sdraiarsi. Qualsiasi attività fisica quotidiana di una donna incinta ha l'effetto della cinetosi sul bambino. Quando una donna si muove, inizia un "tiro", il movimento del liquido amniotico. Al bambino piace questo, si calma e si addormenta, quindi, se ti corichi sul divano e ti rilassi, il bambino potrebbe svegliarsi, mentre "smettono di pomparlo". Se la posizione orizzontale non sveglia il bambino, puoi girarti di lato.
  • Parla con un bambino o canta con lui. L'udito nel feto inizia a svilupparsi dalla sedicesima settimana di gravidanza e il bambino sente dei suoni e persino distingue la voce della madre dalla 22a settimana. Il bambino risponderà anche al suono forte della casa. Se gli piace il suono, allora preferirà girare la testa verso la fonte e, in caso contrario, si allontanerà.
  • Accendi la musica. La musica che la madre ascolta se stessa o “accende” per il bambino, mettendosi le cuffie sullo stomaco, spesso fa esprimere al bambino la propria opinione sotto forma di spinte e calci. È importante, tuttavia, che la musica non sia troppo forte, altrimenti il ​​piccolo si spaventerà e si congelerà..
  • Essere nervoso. Qualsiasi evento emotivo causerà il rilascio di ormoni dello stress, che influenzeranno anche il feto e causeranno il rimbalzo di gambe e braccia. Una futura mamma può guardare un film, pensare al parto, cioè le emozioni dovrebbero essere ancora con una connotazione positiva. Non c'è bisogno di immaginare la fine del mondo o altre immagini terrificanti per far muovere il bambino all'interno dell'utero.
  • Trattenere il respiro. Il feto reagisce sensibilmente ai cambiamenti nel livello non solo di zucchero nel sangue, ma anche di ossigeno, quindi se trattieni il respiro per un breve periodo, il bambino sentirà che c'è poco ossigeno e inizierà a calciare la mamma in modo che non dimentichi di respirare nel tempo.

Se tutti i metodi sopra indicati non funzionano, il bambino si è bloccato per 4 ore o più, quindi è necessario consultare urgentemente un medico.

Una diminuzione del numero di movimenti fetali può essere un segno delle seguenti patologie:

  • ritardo della crescita intrauterina;
  • feto leggero per una determinata età gestazionale;
  • acqua bassa o polidramnios;
  • insufficienza placentare;
  • violazione della circolazione uteroplacentare;
  • infezione uterina.

Tutte queste patologie possono portare alla cosiddetta gravidanza congelata: questa è la cessazione del feto e la sua morte intrauterina.

Se la gravidanza si blocca, allora non ci sono più movimenti fetali per diversi giorni.

Cosa fare se il movimento è troppo attivo e doloroso?

C'è una situazione opposta quando un feto precedentemente calmo inizia a contrarsi più spesso e più intensamente. Ciò può significare che il bambino è privo di ossigeno. Se il bambino inizia a calciare attivamente quando la madre entra in una stanza calda e soffocante, rimane a lungo in una posizione scomoda, tossisce o ha difficoltà a respirare (con patologia dell'apparato respiratorio), allora devi solo provare a respirare aria fresca e cambiare posizione. Nella maggior parte dei casi, questo è sufficiente per il feto di "respirare" e smettere di muoversi così attivamente. Se questo non aiuta, allora devi visitare l'ufficio dell'ostetrico-ginecologo il prima possibile e fare una cardiotocografia o un'ecografia.

Molte madri notano che il bambino inizia a muoversi più attivamente dopo il rapporto, il che li rende preoccupati. I medici affermano che i rapporti sessuali, o piuttosto i movimenti ritmici e le contrazioni dell'utero, hanno un effetto calmante sul bambino e dopo l'orgasmo il bambino diventa più attivo. Questo è considerato normale, perché, come menzionato sopra, il bambino si muove più spesso quando la madre è in uno stato rilassato. In assenza di altre controindicazioni, i rapporti sessuali non peggiorano le condizioni del feto.

Il movimento doloroso del feto è un segno di una nascita precoce nell'ultimo mese. Se la futura mamma prova troppo shock fetale, allora forse ha poca acqua.

Data di nascita per movimento fetale

Questo metodo non è preciso, ma è ampiamente utilizzato. Si basa sul fatto che durante la prima gravidanza, la madre avverte movimenti fetali da 20 a 21 settimane e alle nascite ripetute da 18 a 19. Tuttavia, molti fattori possono causare un ritardo. Entrambe le donne primogenee e multiparose possono avvertire movimenti solo a 25 settimane.

Quindi, se sai per certo che la 18a settimana di gravidanza, la seconda o la terza gravidanza, devi aggiungere le restanti 22 settimane di gestazione (gestazione - gravidanza) e ottenere la data approssimativa della nascita. Allo stesso modo, durante la prima gravidanza, è necessario aggiungere 20 settimane alla data del movimento fetale per scoprire quando aspettarsi un bambino.

Up