logo

Il diabete gestazionale nelle donne in gravidanza si sviluppa in circa il 14% dei casi del numero totale di gravidanze. La causa del diabete è la produzione insufficiente dell'ormone insulina da parte del pancreas. Questo ormone regola lo zucchero nel sangue, che è una fonte di energia nel corpo. Se lo zucchero rimane al di sopra del normale per lungo tempo, si svilupperà il diabete gestazionale. Questa malattia nelle donne in gravidanza scompare di solito entro poche ore o giorni dopo il parto. Le ragioni per lo sviluppo del diabete gestazionale nelle donne in gravidanza non sono state completamente comprese.

Sintomi del diabete nelle donne in gravidanza

Il diabete mellito nelle donne in gravidanza è generalmente asintomatico, ma a volte possono comparire i seguenti sintomi:

  • sete intensa;
  • fame grave;
  • minzione eccessiva;
  • visione ridotta.

Durante la gravidanza, tutti i sintomi sospetti devono essere segnalati al proprio ginecologo, che, se necessario, prescriverà un'analisi per il diabete latente nelle donne in gravidanza. L'osservazione di sintomi come la sete estrema o la fame non indica ancora la malattia..

Ogni donna incinta può avere il diabete gestazionale, ma sono più colpiti da:

  • donne con un indice di massa corporea superiore a 30;
  • donne che hanno sviluppato diabete gestazionale in precedenti gravidanze;
  • donne i cui parenti stretti hanno il diabete;
  • donne che danno alla luce bambini di peso superiore a 4,5 kg;
  • una storia di sindrome dell'ovaio policistico.

I fattori che aumentano la probabilità di sviluppare il diabete gestazionale comprendono l'età superiore ai 25 anni, l'aborto spontaneo o la nascita di un bambino morto in una precedente gravidanza.

Diagnosi del diabete gestazionale

Alle donne in gravidanza viene diagnosticato il diabete mediante speciali test di tolleranza al glucosio. Alla 24-28 gravidanza, a una donna viene somministrata una bevanda con soluzione di glucosio (50 g di glucosio per 200 ml di acqua), quindi dopo un'ora viene misurato il livello di zucchero nel sangue. Se questo livello è superiore al normale, viene eseguito un altro test: una donna deve donare il sangue da una vena a stomaco vuoto, quindi bere 100 g di glucosio con acqua e dopo 3 ore di nuovo donare il sangue da una vena. Se in questo caso il livello di zucchero è al di sopra del normale, viene diagnosticato il diabete..

Se il diabete gestazionale è stato diagnosticato durante una precedente gravidanza, allora la probabilità di un nuovo sviluppo di questa malattia è alta. Pertanto, l'analisi per il diabete gestazionale può essere programmata già dopo 16 settimane di gestazione e poi di nuovo - a 28 settimane.

Complicanze del diabete gestazionale

Se i sintomi del diabete nelle donne in gravidanza sono confermati dai risultati dei test, ciò significa che è necessario controllare rigorosamente la glicemia. Con un aumento del livello di glucosio nel sangue, il metabolismo è compromesso sia nella futura mamma che nel feto. Allo stesso tempo, il pancreas del feto è sottoposto a un carico pesante, rilascia una grande quantità di insulina, a causa della quale il glucosio viene trasformato in grasso e immagazzinato nel feto. Il pericolo per il feto in questo caso è che il suo peso diventi eccessivo, il che minaccia di complicazioni durante il parto. Il feto può anche sviluppare ipossia..

Quando si diagnostica il diabete gestazionale, a una donna può essere prescritta un'ecografia non programmata per determinare la quantità di liquido amniotico e se il tasso di sviluppo fetale si discosta dalla norma. Le donne con diabete gestazionale di solito partoriscono da sole, ma se il feto è cresciuto troppo, può essere eseguito un taglio cesareo.

Durante il parto, se il livello di glucosio è troppo alto, una donna può ricevere un contagocce con glucosio e l'insulina verrà somministrata per via endovenosa. La frequenza cardiaca fetale durante il parto complicata dalla presenza di diabete gestazionale viene monitorata dal CTG e, se disturbata, viene eseguito un taglio cesareo.

I moderni metodi di trattamento del diabete gestazionale sono tali che con una diagnosi tempestiva e il rispetto delle raccomandazioni di un medico, una donna ha un'alta probabilità di avere un bambino sano.

Trattamento per il diabete gestazionale

Di solito, il trattamento per il diabete gestazionale è limitato alla prescrizione di esercizi e dieta. Nel caso di tale diagnosi, è necessario dedicare almeno 30 minuti al giorno allo sforzo fisico moderato, come camminare all'aria aperta. La dieta per il diabete gestazionale nelle donne in gravidanza comprende cibi magri e cereali. È necessaria una netta restrizione sugli alimenti contenenti una grande quantità di carboidrati leggeri (dolci). Si raccomanda che il 50% della dieta sia composto da carboidrati complessi.

Nel 10-20% dei casi, tale trattamento non avrà l'effetto corretto. In questo caso, possono essere prescritte iniezioni di insulina. Non aver paura: le persone completamente impreparate possono fare tali iniezioni usando dispositivi speciali. L'assunzione di insulina è sicura sia per la donna che per il feto se assunta regolarmente alle dosi raccomandate dal medico. La dipendenza da insulina non si verifica, viene annullata dopo il parto senza conseguenze per il corpo di una donna e un bambino.

Dopo il parto, dovresti avere più tempo per vedere un medico: alla prima visita in clinica dopo il parto, ti verrà assegnata un'analisi per il diabete. Nella maggior parte dei casi, il diabete gestazionale scompare spontaneamente subito dopo la nascita. In alcuni casi, il diabete gestazionale durante la gravidanza è l'inizio dello sviluppo del diabete di tipo 1 o di tipo 2, innescato da uno spostamento ormonale nel corpo di una donna.

Si distinguono tre tipi di diabete nelle donne in gravidanza:

Un segno di evidente diabete nelle donne in gravidanza è un aumento del livello di glucosio nel sangue e il suo aspetto nelle urine. Con una forma lieve, il livello di zucchero non supera i 6,66 mmol / L e la normalizzazione del suo livello si ottiene seguendo una dieta. Con un grado medio, il livello di glucosio è fino a 12,21 mmol / L (viene utilizzata anche una dieta per il trattamento) e, nei casi più gravi, il livello di glucosio è superiore a 12,21 mmol / L. Un grado grave è pericoloso per lo sviluppo di una complicazione come angiopatia (danno alla retina, danno renale, danno ai grandi vasi sanguigni degli arti inferiori).
Il diabete transitorio viene diagnosticato nella metà dei casi di diabete nelle donne in gravidanza. Passa immediatamente dopo il parto e può verificarsi durante la prossima gravidanza.

Il diabete latente non si manifesta in alcun modo, ad eccezione di un aumento del livello di glucosio nel sangue, e non disturba la gravidanza.

Gravidanza del diabete

Se una donna rimane incinta dopo la diagnosi di diabete, questo minaccia lo sviluppo di anomalie congenite nel feto. Al fine di ridurre la probabilità di sviluppare patologie, è consigliabile assumere una dose maggiore di acido folico prima del concepimento. Lo zucchero nel sangue deve essere costantemente monitorato e mantenuto entro limiti normali. Se hai il diabete e stai pianificando una gravidanza, dovresti assolutamente consultare un endocrinologo: forse correggerà il regime di trattamento farmacologico.

Il diabete grave può portare ad aborto spontaneo, tossicosi tardiva, polidramnios, sviluppo di infiammazione del tratto urinario.

I bambini nati da donne con diabete prima della gravidanza differiscono nel loro metabolismo e aspetto (grande peso corporeo). Inoltre, tali bambini hanno ridotto il peso del cervello, l'ipertrofia pancreatica, un cuore ingrossato.

Le complicanze più comuni sono il sottosviluppo degli arti inferiori, l'immaturità degli organi e dei sistemi del bambino. L'incidenza di anomalie congenite durante la gravidanza in questo caso è del 6-8%, mortalità perinatale - 5-10%, mortalità materna - bassa.

Le controindicazioni alla continuazione della gravidanza in una donna con diabete includono:

  • la presenza del diabete sia nella madre che nel padre;
  • la presenza di un conflitto di Rhesus;
  • la presenza di tubercolosi nella madre;
  • diabete insulino-resistente complicato da chetacidosi.

La frequenza del taglio cesareo durante la gravidanza di una donna con diabete raggiunge il 50%. Allo stesso tempo, si raccomanda il parto anticipato - a 35-38 settimane di gravidanza.

Prevenzione del diabete

Se hai trovato segni di diabete in donne in gravidanza, dopo il parto sarai a rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Al fine di ridurre la probabilità di un tale sviluppo di eventi, è necessario monitorare il peso e la nutrizione, praticare regolarmente qualsiasi sport.

Diabete e gravidanza

Diabete

Più recentemente, la maggior parte dei medici non ha categoricamente raccomandato alle donne diabetiche di rimanere incinta e partorire. Quali trucchi non dovevano essere le madri in attesa di salvare il bambino, eppure molto spesso la gravidanza si è conclusa con aborto spontaneo, morte fetale o nascita di un bambino con anomalie diabetiche nella crescita e nello sviluppo.

La scompenso del diabete prima o durante la gravidanza a volte ha portato a gravi conseguenze per la salute delle donne. La mancanza di mezzi di autocontrollo, la mancanza di consapevolezza delle donne e la scarsa qualità delle attrezzature non hanno permesso di fornire cure mediche tempestive. Di conseguenza, la donna ha perso per sempre l'opportunità di avere un figlio.

Caratteristiche del decorso della gravidanza nel diabete

Uno studio congiunto di ostetrici ed endocrinologi ha dimostrato che il diabete non è un ostacolo assoluto alla nascita di un bambino sano. La salute del bambino è influenzata negativamente dalla glicemia alta e non dalla malattia stessa, quindi per una gravidanza favorevole, devi solo mantenere un livello normale di glicemia. I moderni mezzi di autocontrollo e la somministrazione di insulina contribuiscono a questo successo..

Esistono dispositivi per il monitoraggio del feto che consentono di tenere traccia di eventuali cambiamenti, quindi la probabilità di avere un bambino praticamente sano in una donna con diabete oggi non è inferiore rispetto a qualsiasi altra donna senza disturbi metabolici. Eppure, alcune difficoltà e problemi in questo caso non possono essere evitati, quindi la necessità di un monitoraggio più attento dello stato di salute della futura mamma.

Prima di tutto, la gravidanza con alto contenuto di zucchero dovrebbe essere pianificata solo, specialmente se non c'è un monitoraggio regolare dei livelli di zucchero. Dal momento della gravidanza fino al suo riconoscimento di solito ci vogliono 6-7 settimane e durante questo periodo il feto è quasi completamente formato: il cervello, la colonna vertebrale, l'intestino, i polmoni vengono deposti, il cuore inizia a battere, pompando sangue comune per madre e bambino. Se durante questo periodo il livello di glucosio della madre aumentava ripetutamente, ciò inevitabilmente influiva sul bambino.

L'iperglicemia provoca disturbi metabolici nel corpo emergente, che porta ad errori nella posa degli organi del bambino. Inoltre, l'inizio della gravidanza con un aumento dello zucchero è sempre associato al rapido sviluppo e alla progressione delle complicanze diabetiche nelle madri. Pertanto, una gravidanza così "improvvisa" è fatale non solo per il bambino, ma anche per la donna stessa.

La curva ideale dello zucchero dovrebbe apparire così:

  • a stomaco vuoto - 5,3 mmol / l;
  • prima dei pasti - 5,8 mmol / l;
  • un'ora dopo aver mangiato - 7,8 mmol / l;
  • due ore dopo aver mangiato - 6.7.mmol / l.

Preparazione preliminare

3-6 mesi prima del concepimento proposto, è necessario prendersi particolarmente cura della propria salute e controllare completamente la glicemia - utilizzare un glucometro ogni giorno e ottenere un completo risarcimento per la malattia. Ogni caso di grave iperglicemia o chetonuria è dannoso per la salute della donna e del possibile bambino. Più lunga e migliore era la compensazione prima del concepimento, maggiore era la probabilità di un normale decorso e interruzione della gravidanza.

Quelli con diabete di tipo 2 dovranno passare dalla misurazione dello zucchero nelle urine a studi più informativi. In alcuni casi, il medico può consigliare temporaneamente (fino alla fine dell'allattamento al seno) di passare dalle compresse ipolipemizzanti (possono danneggiare il feto) alle iniezioni di insulina. Anche prima del concepimento, è necessario consultare un certo numero di specialisti, poiché anche una gravidanza di successo è sempre un grande peso per il corpo e devi sapere come influenzerà la tua salute.

Se una donna è costretta a prendere qualsiasi farmaco (anche i complessi vitaminici), è necessario chiedere al medico in anticipo se possono influenzare negativamente il feto e con cosa possono essere sostituiti. La maggior parte delle controindicazioni alla gravidanza che si verificano con il diabete può essere eliminata se si affronta seriamente questo. La scompenso della malattia, l'incapacità di esercitare l'autocontrollo della glicemia, le infezioni genito-urinarie concomitanti sono completamente superate..

Ma, sfortunatamente, ci sono ancora controindicazioni assolute associate alla malattia coronarica del diabete mellito, insufficienza renale (con proteinuria, ipertensione, aumento dei livelli di creatina nel sangue) e grave gastroenteropatia (gastroparesi, diarrea). Quando tutte le manifestazioni del diabete vengono compensate e l'esame medico è completato, dovrai essere paziente e ottenere il supporto della famiglia prima di iniziare una conversazione con il tuo ginecologo sull'annullamento della contraccezione.

Successivamente, puoi acquistare test a casa per determinare la gravidanza e non appena uno di essi mostra un risultato positivo, dovresti immediatamente andare dal medico per confermare il fatto della gravidanza con un esame del sangue o delle urine per la gonadotropina corionica.

Come evitare complicazioni

L'intero periodo della gravidanza - dal primo giorno al momento della nascita - le condizioni della futura madre sono costantemente monitorate da un endocrinologo e un ostetrico-ginecologo. La scelta dei medici deve essere affrontata molto seriamente: l'osservazione di uno specialista altamente qualificato minimizzerà la probabilità di gravi problemi di salute. Trasportare un bambino con diabete ha alcune caratteristiche che non dovrebbero essere dimenticate.

Il più importante in termini di salute del feto può essere considerato 1 trimestre di gravidanza - da 1 a 12 settimane. In questo momento, due minuscole cellule danno vita a un nuovo uomo e la sua salute e vitalità dipendono da come ciò accade. Il costante monitoraggio di un livello stabile di zucchero nel sangue consentirà a tutti gli organi vitali del feto di formarsi correttamente. Non meno importante è l'autocontrollo per la crescita e lo sviluppo della placenta.

La futura mamma dovrebbe ricordare che il corpo ora sta lavorando in una nuova modalità insolita. Nelle prime fasi della gravidanza, aumenta la sensibilità all'insulina, che richiederà una riduzione temporanea delle dosi normali. In questo caso, l'acetone nelle urine può apparire anche con un leggero aumento del glucosio (già a 9-12 mmol / l). Per prevenire l'iperglicemia e la chetoacidosi, dovrai usare il glucometro molto più spesso 3-4 volte al giorno.

Molte donne avvertono nausea e vomito nel primo trimestre, ma le donne diabetiche in questo caso devono superare un test delle urine per l'acetone. Se gli attacchi di vomito sono abbondanti e frequenti, sarà necessaria la prevenzione dell'ipoglicemia: bevanda dolce regolare, nei casi più gravi, iniezioni di glucosio. Nei primi mesi, le visite dal ginecologo dovrebbero essere almeno 1 volta a settimana in condizioni normali e quotidiane in qualsiasi emergenza.

Il periodo dalle 13 alle 27 settimane è considerato il più piacevole: la tossicosi è rimasta in passato, il corpo si è adattato a un nuovo stato ed è pieno di forza. Ma a partire dalla 13a settimana circa, il pancreas del bambino inizia a funzionare e, se la madre ha zucchero, il bambino rilascerà troppa insulina in risposta, il che porta allo sviluppo della fetopatia diabetica (tutti i tipi di crescita e disturbi dello sviluppo). Dopo il parto, un bambino del genere ha inevitabile ipoglicemia, a causa della cessazione del flusso di sangue "dolce" materno.

Entro la 20a settimana, il dosaggio dell'insulina dovrà essere nuovamente regolato, poiché la placenta cresciuta inizia a secernere gli ormoni contrormonali necessari per lo sviluppo del bambino, ma riducendo gli effetti dell'insulina assunta dalla donna. Durante la gravidanza, la necessità di insulina può aumentare di 2 o più volte, non c'è nulla di sbagliato in questo, il primo giorno dopo il parto tutto tornerà alla normalità. In nessun caso puoi scegliere tu stesso le dosi: il pericolo è troppo grande; solo un endocrinologo può farlo in modo rapido e preciso, devi solo visitarlo più spesso del solito.

Alla 20a settimana, la donna viene inviata per un'ecografia per segni di anomalia congenita del feto. Allo stesso tempo, è necessario visitare nuovamente l'ottico. L'intero terzo trimestre ogni due settimane è un'ecografia di controllo. La fase finale della gravidanza richiederà un maggiore apporto calorico (per fornire al bambino tutto il necessario) e un aumento delle unità di pane.

Entro la 36a settimana, una donna deve essere ricoverata in ospedale nel dipartimento di patologia delle donne in gravidanza per prevenire eventuali complicazioni e viene scelto il metodo di parto. Se tutto è in ordine, comprese le dimensioni e la posizione del feto, eseguire la solita nascita naturale. Le indicazioni per il taglio cesareo sono:

  • ipossia fetale;
  • grande frutto;
  • complicanze della gravidanza nelle donne;
  • complicanze vascolari del diabete.

Se al momento del parto la futura madre non ha sviluppato complicanze e il livello di zucchero non supera i limiti consentiti, il parto è buono come quello di una donna in buona salute e il bambino non è diverso dai suoi coetanei.

Un elenco di esempio di esami per la correzione di disturbi diabetici (e qualsiasi altro):

  • consultazione endocrinologa;
  • esame completo da un ginecologo e trattamento completo delle infezioni genitourinarie (se presenti);
  • esame da un oculista (con un esame obbligatorio del fondo), se necessario - combustione delle navi interessate del fondo per evitare la rottura e l'emorragia;
  • studio completo della funzione renale;
  • consultazione di un neurologo, cardiologo e terapista.

Parole semplici sulla diagnosi del diabete gestazionale durante la gravidanza

Il diabete mellito gestazionale durante la gravidanza (MH) è un tipo di diabete che si verifica nelle donne in relazione a disturbi ormonali nel terzo trimestre. Di conseguenza, lo zucchero nel sangue aumenta dopo aver mangiato e diminuisce a stomaco vuoto.

La patologia rappresenta una minaccia per il bambino, in quanto può provocare l'insorgenza di malattie congenite..

Per evitare che ciò accada, alle 24-28 settimane si raccomanda a una donna di fare un'analisi per il diabete gestazionale e, in caso di diagnosi della malattia, aderire a determinate regole di nutrizione e stile di vita. In alcuni casi, è necessaria una terapia farmacologica, che può essere prescritta solo da un medico.

Al diabete gestazionale viene assegnato un codice ICD di 10 - Circa 24.

Le cause

Le cause del diabete gestazionale nelle donne in gravidanza non sono state stabilite. Tuttavia, sempre più esperti sono propensi alla versione che la patologia sviluppa sullo sfondo dell'insufficienza ormonale. Di conseguenza, gli ormoni bloccano la produzione di insulina. Tuttavia, il corpo non può permettere una simile situazione, poiché madre e bambino hanno bisogno di glucosio per il normale funzionamento di organi e sistemi. Di conseguenza, c'è un aumento compensativo della sintesi di insulina. Ecco come si sviluppa il diabete gestazionale..

Le patologie autoimmuni sono una delle possibili cause della MH. Tali malattie influenzano negativamente lo stato del pancreas. Il risultato è una diminuzione della sintesi di insulina.

Gruppi a rischio

Ci sono fattori che aumentano il rischio di MH:

  • Obesità.
  • Nazionalità Gli scienziati hanno dimostrato che alcune nazionalità soffrono di diabete gestazionale più spesso di altre. Questi includono neri, asiatici, latini e nativi americani.
  • Aumento della concentrazione di glucosio nelle urine.
  • Compromissione della tolleranza al glucosio.
  • Disposizione genetica. Se in famiglia qualcuno ha sofferto di questa patologia, allora c'è la possibilità che una tale malattia venga diagnosticata in una donna.
  • Parto precedente, se il peso del bambino superava i 4 kg.
  • La gravidanza precedente era accompagnata da diabete gestazionale.
  • Una grande quantità di liquido amniotico.

Sintomi

Ci sono alcuni segni che indicano indirettamente l'insorgenza del diabete gestazionale:

  • forte aumento di peso;
  • minzione frequente e odore di acetone dalle urine;
  • affaticamento anche dopo un riposo prolungato e mancanza di esercizio fisico;
  • costante bisogno di bere;
  • perdita di appetito.
  • Se si ignorano questi sintomi e non si consulta un medico, la malattia progredirà e si verificheranno i seguenti sintomi:

    • confusione di coscienza;
    • svenimenti;
    • aumento della pressione sanguigna;
    • dolore al cuore, che alla fine può portare a un ictus;
    • problemi con l'attività renale;
    • deficit visivo;
    • lenta guarigione delle ferite sull'epidermide;
    • intorpidimento degli arti inferiori.

    Per evitare ciò, si consiglia di visitare regolarmente specialisti.

    Diagnostica

    Per diagnosticare il diabete gestazionale, a un paziente viene prescritto un esame del sangue. Affinché il risultato sia affidabile, si raccomanda di seguire le regole per la consegna del biomateriale:

    • tre giorni prima dello studio, non è consigliabile apportare modifiche al sistema nutrizionale e si dovrebbe aderire alla normale attività fisica;
    • donano sangue a stomaco vuoto, quindi dopo cena e al mattino non dovresti mangiare, né bere tè o altre bevande tranne l'acqua pulita senza gas.

    L'analisi viene eseguita come segue:

    • il biomateriale viene prelevato dal paziente;
    • una donna beve acqua con glucosio;
    • dopo due ore, il biomateriale viene nuovamente raccolto.

    Indicatori di analisi

    La norma della glicemia:

    • da un dito - 4,8-6 mmol / l;
    • da una vena - 5,3-6,9 mmol / l.

    Di conseguenza, al diabete gestazionale vengono diagnosticati i seguenti indicatori di analisi:

    • da un dito a stomaco vuoto - sopra 6,1 mmol / l;
    • da una vena a stomaco vuoto - sopra 7 mmol / l;
    • dopo aver bevuto acqua con glucosio - superiore a 7,8 mmol / l.

    Se lo studio ha mostrato livelli di glucosio normali o bassi, a 24-28 settimane di gestazione viene prescritto un secondo test. Ciò è dovuto al fatto che in una fase iniziale l'analisi potrebbe mostrare un risultato inaffidabile.

    Il diabete durante la gravidanza ha diversi tipi, a seconda del momento dell'evento:

      diabete pre-registrato - questo tipo di diabete è stato diagnosticato prima della gravidanza (questa varietà, a sua volta, è divisa in diabete di primo e secondo tipo);

    diabete gestazionale o diabete in gravidanza.

    Il diabete gestazionale, a sua volta, ha una propria classificazione, a seconda della terapia prescritta:

    • compensato dalla terapia dietetica;
    • compensato dalla terapia dietetica e dall'insulina.

    La terapia è prescritta, a seconda del tipo di diabete e della gravità della patologia.

    Trattamento

    Come trattare il diabete gestazionale? Esistono due modi principali: terapia dietetica e terapia insulinica. Solo un medico può determinare se un paziente necessita di consulenza clinica..

    Terapia insulinica

    La terapia insulinica è prescritta se la dieta non porta il risultato desiderato e il livello di glucosio nel sangue non torna alla normalità per molto tempo.

    In questo caso, l'introduzione di insulina è una misura necessaria che impedisce l'insorgenza della fetopatia..

    Il medico prescrive anche questo tipo di trattamento con una normale concentrazione di zucchero, ma con un grande peso del bambino, con una grande quantità di liquido amniotico o gonfiore dei tessuti molli.

    Si raccomanda l'introduzione del farmaco a stomaco vuoto e prima di una notte di riposo. Tuttavia, il dosaggio esatto e il programma delle iniezioni sono determinati dal medico, in base alla gravità della patologia e alle caratteristiche individuali del paziente.
    Le iniezioni di insulina vengono eseguite con una siringa speciale. Il farmaco viene somministrato per via sottocutanea. In genere, una donna esegue un'iniezione da sola dopo aver consultato uno specialista.

    Se è richiesta una dose giornaliera maggiore di insulina, il medico può somministrare una pompa per insulina sottocutanea.

    Dieta

    La componente principale di un trattamento efficace della patologia è l'osservanza di alcune regole nutrizionali. Questo aiuta a normalizzare i livelli di zucchero nel sangue. Ecco i principi della nutrizione che si consiglia di aderire a questo tipo di patologia:

  • cibi affumicati, salsicce, salse grasse, noci, semi, burro, margarina e anche carne grassa dovrebbero essere esclusi dalla dieta;
  • si consiglia di introdurre nel menu carne magra, pollame e varietà di pesce magre;
  • non puoi friggere il cibo; quando cucini, devi dare la preferenza al vapore, all'ebollizione e alla cottura;
  • si consiglia di utilizzare latte e prodotti derivati ​​con una frazione di massa minima di grassi;
  • è necessario introdurre nella dieta verdure fresche, erbe e funghi;
  • dovrebbe passare alla nutrizione frazionata, cioè mangiare cibo 5-6 volte al giorno in piccole porzioni;
  • al giorno, non puoi mangiare più di 1800 kcal.
  • Effetto sul feto

    Qual è il pericolo della diagnosi per il nascituro? Scopriamolo.

    Il diabete gestazionale durante la gravidanza influisce negativamente sullo sviluppo del bambino.

    Se la patologia viene diagnosticata nelle prime settimane, c'è il rischio di aborto spontaneo. Una malattia può anche portare a malattie congenite in un bambino..

    Molto spesso, il cervello e il cuore soffrono della malattia..

    Se la patologia si è verificata nel secondo o terzo trimestre, questo porta a una crescita eccessiva del bambino e al suo aumento di peso. Di conseguenza, dopo il parto, lo zucchero del bambino scende al di sotto del normale, il che può causare problemi di salute..

    Se una donna incinta sviluppa diabete gestazionale, ma non esiste una terapia a tutti gli effetti, la fetopatia fetale è altamente probabile.
    Tale patologia minaccia il bambino con le seguenti conseguenze:

    • peso del bambino superiore a 4 kg;
    • squilibri nel corpo;
    • deposizione eccessiva di grasso nello spazio sottocutaneo;
    • gonfiore dei tessuti molli;
    • problema respiratorio
    • ittero;
    • problemi circolatori e viscosità del sangue.

    Se a una donna incinta è stato diagnosticato il diabete, quindi per il normale corso del travaglio, una donna deve aderire alle raccomandazioni del medico. Con una tale patologia, una donna viene ricoverata in ospedale a 37-38 settimane.

    Anche se il lavoro non si verifica, viene indotto artificialmente, ma solo se il bambino è considerato a tempo pieno. Questo evita lesioni alla nascita..

    La consegna naturale non è sempre possibile. Se il bambino è troppo grande, i medici prescrivono un taglio cesareo.

    Previsioni e prevenzione

    Il rispetto delle raccomandazioni del medico per il diabete gestazionale fornisce una prognosi favorevole per la donna incinta e il bambino. Se è possibile mantenere il livello di zucchero a un valore normale, ciò consentirà alla donna di sopportare e dare alla luce un bambino sano.
    Evitare l'insorgenza del diabete gestazionale non è sempre possibile, ma è comunque possibile ridurre il rischio di sviluppare la malattia.
    Le seguenti misure preventive aiuteranno a fare questo:

    • riduzione del peso ad un segno accettabile;
    • passaggio ai principi di una corretta alimentazione;
    • rifiuto del cosiddetto stile di vita sedentario e aumento dell'attività fisica, se ciò non minaccia la gravidanza;
    • ricovero in ospedale come raccomandato da un medico.

    Video utile

    Alle donne incinte con MH vengono spesso poste un'intera serie di domande: in quale settimana partoriscono, avendo questa diagnosi, come essere dopo il parto e quale dovrebbe essere l'osservazione postpartum, nonché le conseguenze per il bambino.
    Abbiamo selezionato per te un video con i commenti di uno specialista e un diario video di una futura madre con diagnosi di MH:

    Conclusione

    Se il diabete gestazionale viene diagnosticato durante il periodo di gestazione, questo non è un motivo per farsi prendere dal panico o interrompere la gravidanza. Fatti salvi determinati principi nutrizionali e il rispetto delle prescrizioni del medico, una donna ha tutte le possibilità di sopportare e dare alla luce un bambino sano senza minacciare la propria salute.

    Diabete e gravidanza

    Sebbene la gravidanza sia un periodo gioioso nella vita di una donna, è un enorme stress per il suo corpo. Ciò porta al fatto che, in presenza di una predisposizione e di fattori favorevoli, la futura mamma può sviluppare o manifestare un qualche tipo di malattia. Questi includono il diabete.

    Cos'è il diabete?

    Per mantenere l'attività vitale, le cellule del corpo umano hanno bisogno di glucosio (zucchero). È un tipo di carburante che penetra nella cellula a causa dell'insulina (l'ormone del pancreas). Lo zucchero nel sangue (glucosio) si forma in due casi: da alimenti contenenti carboidrati e come risultato della scomposizione del glucosio (glicogeno), che è nel fegato.

    Il diabete mellito è una malattia in cui vi è una mancanza assoluta o relativa di insulina nel corpo, ma allo stesso tempo c'è un aumento del livello di zucchero (glucosio) nel sangue. In questo caso, il metabolismo è disturbato e si verificano cambiamenti patologici in vari organi e tessuti. Ad esempio, con il diabete mellito si notano lesioni dei piccoli vasi degli occhi (possibilmente cecità), reni, pelle, muscoli, sistema nervoso e tratto gastrointestinale. Inoltre, con il diabete mellito si osserva un indebolimento del sistema immunitario, che forse è una delle cause delle frequenti complicanze batteriche. Tutto ciò porta al fatto che i pazienti diabetici lamentano secchezza delle fauci, sete, consumo di una maggiore quantità di liquidi, eccessiva minzione, aumento o diminuzione dell'appetito, debolezza, perdita di peso, prurito della pelle, specialmente nel perineo, disturbi del sonno. Hanno una tendenza alle malattie della pelle pustolosa, alla foruncolosi.

    Perché si sviluppa il diabete gestazionale?

    Il diabete mellito gestazionale (GDM) o il diabete in gravidanza è un disturbo del metabolismo dei carboidrati che si verifica per la prima volta o viene riconosciuto per la prima volta durante la gravidanza. In generale, i cambiamenti nel metabolismo dei carboidrati durante la gravidanza sono giustificati. Ciò è dovuto al fatto che il feto in crescita ha bisogno di materiale energetico, principalmente glucosio. Inoltre, l'azione dell'insulina è parzialmente bloccata a causa di un aumento del livello degli ormoni della gravidanza (principalmente progesterone), che si manifesta fortemente dopo la 20a settimana di gravidanza. Per mantenere lo zucchero nel sangue entro limiti normali, il pancreas di una donna incinta in buona salute produce una maggiore quantità di insulina. Se le cellule del pancreas non riescono a far fronte al maggiore carico per loro, si verifica una carenza relativa o assoluta di insulina e si sviluppa il diabete gestazionale..

    Ma vale la pena notare che non tutti sviluppano il diabete gestazionale. C'è una predisposizione al suo sviluppo, che si realizza sotto l'influenza di alcuni fattori di rischio. Questi includono sovrappeso o obesità, diabete in parenti stretti, età della madre superiore ai 25 anni, appartenente a un determinato gruppo etnico (asiatici, africani, spagnoli), storia ostetrica gravata. Inoltre, il rischio di sviluppare il diabete nelle donne in gravidanza sorge se il bambino precedente alla nascita pesava più di 4-4,5 kg o se la donna ha aborto spontaneo (più di 3 aborti spontanei nei trimestri I o II della gravidanza).

    Caratteristiche del decorso del diabete nelle donne in gravidanza

    La gravidanza influisce significativamente sul decorso del diabete. Innanzitutto, nel primo trimestre di gravidanza, c'è un miglioramento nel decorso della malattia (diminuisce la glicemia). A questo punto, la dose di insulina è ridotta di 1/3. Ma già all'inizio del secondo trimestre (dalla 13a settimana), al contrario, il decorso della malattia peggiora e la dose di insulina deve essere aumentata. Già nel terzo trimestre (a partire dalla 32a settimana e prima del parto), sono di nuovo possibili un miglioramento del decorso del diabete e la comparsa di ipoglicemia. Pertanto, la dose di insulina è ridotta del 20-30%.

    Durante il parto, lo zucchero nel sangue può fluttuare in una direzione o nell'altra. Ad esempio, sotto l'influenza di influenze emotive (dolore, paura), la sua quantità può aumentare. Allo stesso tempo, il parto è un processo fisico complesso che porta alla fatica. Come risultato dello spreco di energia, i livelli di zucchero possono scendere in modo significativo. Tutto ciò porta al fatto che durante il parto, i medici controllano il livello di glucosio nel sangue di una donna ogni due ore. Dopo la nascita, lo zucchero nel sangue diminuisce rapidamente e poi aumenta gradualmente, raggiungendo il livello precedente alla gravidanza entro il 7-10 ° giorno del periodo postpartum.

    Gestione della gravidanza per il diabete

    La gestione della gravidanza nei pazienti con diabete mellito viene eseguita ambulatorialmente e in regime di ricovero. Se lo stato di salute della donna incinta è soddisfacente, verrà ricoverata in ospedale tre volte..

    Diabete e gravidanza

    Il diabete mellito è una malattia caratterizzata da una carenza nel corpo dell'insulina (l'ormone pancreatico responsabile del metabolismo del glucosio), quando il pancreas produce una piccola quantità di questo ormone. Prima che l'insulina fosse usata come medicinale, il parto nelle donne con diabete era raro. La gravidanza si è verificata solo nel 5% delle donne e ha minacciato la vita, la mortalità fetale del feto ha raggiunto il 60%. Il trattamento con insulina ha permesso alla stragrande maggioranza delle donne diabetiche di avere figli. Sebbene la mortalità fetale intrauterina sia possibile con il trattamento e la gestione razionali della gravidanza, la sua probabilità può essere significativamente ridotta. Pertanto, per una donna con diabete, è molto importante prepararsi per la gravidanza sotto la supervisione di un endocrinologo e continuare il monitoraggio durante la gravidanza.

    Maggio Shechtman
    Accademico della International Academy of Informatization, Professore, MD.

    Chi è a rischio?

    La predisposizione delle donne al diabete può essere considerata nei seguenti casi:

    • se entrambi i genitori di una donna hanno il diabete,
    • se il suo gemello identico è un diabetico,
    • se in precedenza una donna era nata con un bambino di peso superiore a 4500 g,
    • se una donna è obesa,
    • se avesse aborti abituali,
    • con polidramnios,
    • con glucosuria (rilevazione dello zucchero nelle urine).

    Il fatto che una donna soffra di diabete è spesso noto anche prima della gravidanza, ma il diabete può manifestarsi per la prima volta durante la gestazione.

    Sintomi della malattia

    L'insulina ha un effetto su tutti i tipi di metabolismo. Con la mancanza di questo ormone, l'assunzione di glucosio è compromessa, la sua degradazione aumenta, con conseguente aumento della glicemia (iperglicemia) - il principale segno del diabete.

    I pazienti diabetici lamentano secchezza delle fauci, sete, consumo di una maggiore quantità di liquidi (più di 2 l), eccessiva minzione, aumento o diminuzione dell'appetito, debolezza, perdita di peso, prurito della pelle, specialmente nel perineo, e disturbi del sonno. Hanno una tendenza alle malattie della pelle pustolosa, alla foruncolosi.

    Per la diagnosi del diabete, sono necessari test di laboratorio, prima di tutto, la determinazione della quantità di zucchero nel sangue. La diagnosi di diabete mellito può essere fatta quando il livello di glucosio nel sangue prelevato a stomaco vuoto da una vena è superiore a 7,0 mmol / L o nel sangue prelevato da un dito è superiore a 6,1 mmol / L. Questo livello si chiama iperglicemia..

    Il sospetto di diabete si verifica quando i livelli di glicemia a digiuno sono nell'intervallo 4,8-6,0 mmol / L. Quindi è necessario condurre un test di tolleranza al glucosio più complesso: questo test consente di studiare la risposta del corpo all'introduzione di glucosio aggiuntivo. Con l'iperglicemia iniziale, la diagnosi è chiara e non è necessario alcun test. Lo zucchero nel sangue deve essere determinato all'inizio della gravidanza settimanalmente e entro la fine della gravidanza - 2-3 volte a settimana.

    Il secondo importante indicatore del diabete è la rilevazione dello zucchero nelle urine (glucosuria), ma con la presenza simultanea di iperglicemia (aumento della glicemia). La glucosuria senza iperglicemia si trova spesso in donne sane e si chiama "glucosuria in gravidanza". Questa condizione non è un segno di malattia..

    Il diabete mellito grave viola non solo i carboidrati, ma anche il metabolismo dei grassi. Quando il diabete è scompensato, appare la chetonemia (un aumento della quantità di prodotti del metabolismo dei grassi - corpi chetonici, incluso l'acetone nel sangue) e l'acetone si trova nelle urine.

    Con un livello di zucchero nel sangue normale stabile e la normalizzazione del test di tolleranza al glucosio, si ritiene che il diabete sia in uno stato di compensazione.

    Il diabete si verifica con danni a molti organi e sistemi del corpo: soffrono piccoli vasi degli occhi, reni, pelle, muscoli, sistema nervoso, tratto gastrointestinale.

    Una malattia oculare particolarmente pericolosa è la retinopatia diabetica, accompagnata da un progressivo calo dell'acuità visiva, emorragia retinica e minacciosa cecità. Il danno ai reni si manifesta con un aumento della pressione sanguigna, la presenza di proteine ​​nelle urine, gonfiore, compromissione della vista, insufficienza renale cronica (una violazione dell'ambiente interno del corpo causata dalla perdita irreversibile del tessuto renale), che in questo caso si sviluppa prima rispetto ad altre malattie renali. Il diabete mellito contribuisce alla comparsa di un'altra patologia renale, in particolare associata all'infezione: pielonefrite, cistite. Nel diabete mellito si osserva un indebolimento del sistema immunitario, che è probabilmente una delle cause delle frequenti complicanze batteriche..

    Il diabete colpisce anche i genitali. Nelle donne si notano aborti spontanei, parto prematuro e morte fetale.

    Una pericolosa complicazione della gravidanza è il coma. Potrebbero svilupparsi coma ipoglicemizzante e chetonemico (un altro nome è diabetico), in cui il paziente perde conoscenza. I motivi per cui possono essere disturbi della dieta (assunzione eccessiva o insufficiente di carboidrati) e una dose di insulina inadeguata al livello di glucosio nel sangue - eccessiva o insufficiente.

    Esistono 3 gradi di diabete mellito:

    1 grado (lieve): iperglicemia a digiuno inferiore a 7,7 mmol / l; la normalizzazione della glicemia può essere ottenuta con una singola dieta.

    Grado 2 (medio): iperglicemia a digiuno inferiore a 12,7 mmol / l; la dieta non è sufficiente per normalizzare lo zucchero nel sangue, è necessario il trattamento dell'insulina.

    Grado 3 (grave): l'iperglicemia a digiuno è maggiore di 12,7 mmol / l, le lesioni vascolari degli organi sono espresse, c'è acetone nelle urine.

    Caratteristiche del decorso della malattia nelle donne in gravidanza

    Durante la gravidanza, il decorso del diabete cambia in modo significativo. Diverse fasi di questi cambiamenti possono essere distinte..

    1. Nel primo trimestre di gravidanza, il decorso della malattia migliora, il livello di glucosio nel sangue diminuisce e questo può portare allo sviluppo di ipoglicemia. Pertanto, la dose di insulina è ridotta di 1 /3.
    2. A partire da 13 settimane di gravidanza, il decorso della malattia peggiora, aumenta l'iperglicemia, che può portare al coma. La dose di insulina deve essere aumentata.
    3. A partire da 32 settimane di gravidanza e prima della nascita, è possibile migliorare nuovamente il decorso del diabete e la comparsa di ipoglicemia. Pertanto, la dose di insulina è ridotta del 20-30%.
    4. Durante il travaglio si verificano fluttuazioni significative dei livelli di zucchero nel sangue; l'iperglicemia può svilupparsi sotto l'influenza di influenze emotive (dolore, paura) o ipoglicemia a seguito del lavoro fisico svolto, dell'affaticamento di una donna.
    5. Dopo il parto, lo zucchero nel sangue diminuisce rapidamente e poi aumenta gradualmente, raggiungendo il livello che era prima della gravidanza entro il 7-10 ° giorno del periodo postpartum.

    In connessione con questa dinamica del processo patologico, una donna viene ricoverata in ospedale per la correzione delle dosi di insulina nei seguenti periodi di gravidanza:

    1. nelle prime settimane, non appena viene diagnosticata la gravidanza, per valutare la gravità del decorso della malattia e l'attenta compensazione del diabete;
    2. 20-24 settimane, quando il decorso della malattia peggiora;
    3. a 32 settimane per compensare il diabete e decidere i tempi e il metodo di consegna.

    La gravidanza influisce negativamente sul decorso del diabete. Il progresso delle malattie vascolari, in particolare, la retinopatia diabetica viene diagnosticata nel 35% dei pazienti, il danno renale diabetico contribuisce all'aggiunta della gestosi, una complicazione della gravidanza, manifestata da un aumento della pressione sanguigna, dalla comparsa di edema, proteine ​​nelle urine e dalla ricorrenza delle esacerbazioni della pielonefrite.

    La gravidanza nelle donne con diabete si verifica con un gran numero di gravi complicanze. La gestosi si sviluppa nel 30-70% delle donne. Si manifesta principalmente con aumento della pressione sanguigna ed edema, ma sono frequenti anche forme gravi di gestosi, fino all'eclampsia (convulsioni con perdita di coscienza). Con una combinazione di gestosi e danno renale diabetico, il pericolo per la vita della madre aumenta notevolmente, poiché l'insufficienza renale può svilupparsi a causa di un significativo deterioramento della funzionalità renale. La frequenza di nati morti nella gestosi nei pazienti con diabete è del 18–46%.

    L'aborto spontaneo si verifica nel 15–31% delle donne a 20-27 settimane di gravidanza o prima. Ma con un attento monitoraggio e trattamento, la minaccia di aborto spontaneo non supera quella delle donne sane. La nascita pretermine è frequente, le donne con diabete raramente portano fino al termine del parto. Il 20-60% delle donne in gravidanza può avere polidramnios. Con i polidramnios, vengono spesso diagnosticate malformazioni fetali e nati morti (nel 29%). La morte fetale intrauterina di solito si verifica a 36-38 settimane di gestazione. Più spesso questo accade con un grande feto, manifestazioni di diabete e gestosi. Se durante la gravidanza vengono diagnosticati polidramnios e malformazioni fetali, forse i medici solleveranno il problema dell'eccitazione del travaglio a 38 settimane.

    Il parto non procede sempre in modo sicuro per la madre e il feto a causa delle grandi dimensioni di quest'ultimo, causando lesioni - sia materne che infantili.

    L'incidenza di complicanze infettive postpartum nei pazienti con diabete è significativamente più elevata rispetto alle donne sane. La lattazione è insufficiente.

    A causa del peggioramento del decorso della malattia durante la gravidanza e di un aumento della frequenza delle complicanze della gravidanza, non tutte le donne con diabete possono sopravvivere in sicurezza alla gravidanza e al parto. La gravidanza è controindicata:

    1. con microangiopatie diabetiche (danno a piccoli vasi di vari organi),
    2. con forme insulino-resistenti della malattia (quando il trattamento con insulina non aiuta),
    3. con diabete di entrambi i coniugi (il pericolo di una malattia ereditaria del bambino è grande),
    4. con una combinazione di diabete e conflitto Rh (una condizione in cui i globuli rossi di un feto Rh-positivo vengono distrutti dagli anticorpi prodotti nel corpo di una madre Rh-negativa),
    5. con una combinazione di diabete e tubercolosi attiva,
    6. se in passato una donna ha ripetuto nati morti o bambini nati con difetti dello sviluppo.

    Se la gravidanza procede bene, il diabete viene compensato, il parto deve essere tempestivo ed effettuato attraverso il canale del parto naturale. In caso di diabete insufficientemente compensato o con un corso complicato di gravidanza, il parto prematuro viene eseguito a 37 settimane. Spesso nei pazienti con diabete mellito è necessario un parto chirurgico per taglio cesareo.

    I bambini nelle donne con diabete mellito nascono grandi a causa del tessuto adiposo (peso oltre 4500 g, altezza 55-60 cm). Sono caratterizzati da fetopatia diabetica: gonfiore, cianosi (scolorimento bluastro della pelle), viso a forma di luna (viso rotondo dovuto alle caratteristiche della deposizione di grasso), deposizione di grasso in eccesso, immaturità. Questi bambini si adattano molto peggio nel primo periodo postpartum, che si manifesta con lo sviluppo di ittero, una significativa perdita di peso corporeo e il suo lento recupero. L'altro estremo - la malnutrizione fetale (basso peso corporeo) - si verifica nel diabete nel 20% dei casi.

    Le malformazioni congenite sono osservate 2–4 volte più spesso che durante la gravidanza normale. I fattori di rischio per la loro insorgenza nel diabete mellito sono uno scarso controllo del diabete prima del concepimento, la durata della malattia oltre 10 anni e la patologia vascolare diabetica. Le cause genetiche non possono essere escluse. Si ritiene che già nelle primissime fasi della gravidanza, l'iperglicemia interrompa la formazione di organi. 5 volte più spesso delle donne sane, nascono bambini con difetti cardiaci, spesso con danni ai reni, al cervello e alle anomalie intestinali. Malformazioni incompatibili con la vita si verificano nel 2,6% dei casi.

    Disturbi dello sviluppo prenatale possono essere identificati attraverso studi speciali.

    Il rischio di sviluppare il diabete nella prole con diabete di uno dei genitori è del 2-6%, entrambi - 20%.

    Trattamento

    Una donna con diabete dovrebbe, prima della gravidanza, sotto la supervisione di un medico, ottenere il pieno risarcimento per il diabete e mantenere questa condizione durante la gravidanza.

    Il principio principale del trattamento del diabete mellito durante la gravidanza è il desiderio di compensare completamente la malattia mediante un'adeguata terapia insulinica in combinazione con una dieta equilibrata.

    La dieta delle donne in gravidanza con diabete deve essere concordata con l'endocrinologo. Contiene una quantità ridotta di carboidrati (200-250 g), grassi (60 - 70 g) e una quantità normale o addirittura aumentata di proteine ​​(1-2 g per 1 kg di peso corporeo); valore energetico - 2000-2200 kcal. Per l'obesità, è necessaria una dieta sub-calorica: 1600-1900 kcal. È molto importante consumare quotidianamente la stessa quantità di carboidrati. I pasti devono coincidere in tempo con l'inizio e la massima azione dell'insulina, quindi i pazienti che assumono preparazioni di insulina combinate (insulina prolungata e semplice) devono ricevere cibi ricchi di carboidrati un'ora e mezza e 5 ore dopo la somministrazione di insulina, nonché prima di coricarsi e al risveglio. È vietato l'uso di carboidrati a rapido assorbimento: zucchero, dolci, conserve, miele, gelati, cioccolato, torte, bevande zuccherate, succo d'uva, semolino e porridge di riso. Nelle donne in gravidanza con diabete senza obesità, tale dieta aiuta a normalizzare il peso corporeo dei neonati. L'alimentazione di una donna incinta con diabete dovrebbe essere frazionata, preferibilmente 8 volte al giorno. Durante la gravidanza, un paziente con diabete dovrebbe aumentare di peso non più di 10-12 kg.

    Le vitamine A, B, C e D, l'acido folico (400 mcg al giorno) e lo ioduro di potassio (200 mcg al giorno) sono necessari nella dieta delle donne in gravidanza con diabete..

    Se dopo 2 settimane di trattamento con una dieta almeno il doppio dei valori di glucosio sono elevati, passano alla terapia insulinica. Una crescita fetale troppo rapida, anche con glicemia normale, è anche un'indicazione per il trattamento dell'insulina. La dose di insulina, il numero di iniezioni e il tempo di somministrazione del farmaco sono prescritti e controllati da un medico. Al fine di evitare la lipodistrofia (mancanza di tessuto sottocutaneo nel sito di iniezione), l'insulina deve essere somministrata nello stesso posto non più di 1 volta in 7 giorni.

    Con forme lievi di diabete, è consentito l'uso di fitoterapia. Un numero di piante possiede proprietà ipoglicemizzanti. Ad esempio, puoi preparare foglie di mirtillo (60 g) in un litro di acqua bollente, preparare per 20 minuti, filtrare; bere 100 ml 4-5 volte al giorno, per lungo tempo, sotto il controllo della glicemia. Puoi usare la seguente raccolta: 5 g di baccelli di fagioli senza semi, 5 g di foglie di mirtillo, 5 g di paglia di avena tritata, 3 g di semi di lino, 2 g di radice di bardana tritata, mescolare, versare 600 ml di acqua bollente, far bollire per 5 minuti, lasciare agire per 20 minuti, filtrare. Bere 50 ml 6 volte al giorno per 4-6 mesi.

    Oltre alla dieta e all'insulina per i pazienti con diabete mellito, l'attività fisica è utile in questo caso, i muscoli che lavorano consumano glucosio e il livello di zucchero nel sangue diminuisce. Si consiglia l'escursionismo per le donne in gravidanza..

    I pazienti con diabete dovrebbero usare un glucometro, strisce diagnostiche per l'auto-monitoraggio, tuttavia, è impossibile diagnosticare il diabete sulla base di questi studi, perché non sono abbastanza precisi.

    Tutto quanto sopra descritto si riferisce al diabete mellito di tipo 1: è il diabete che si manifesta in giovane età, con esso la formazione di insulina nel pancreas è sempre compromessa. Il diabete di tipo 2 e il diabete in gravidanza sono molto meno comuni nelle donne in gravidanza..

    Il diabete mellito di tipo 2 si verifica nelle persone di età superiore ai 30 anni, spesso sullo sfondo dell'obesità. Con questa forma di diabete, lo stato degli organi riproduttivi non è quasi disturbato. Tuttavia, il rischio di sviluppare il diabete nella prole è molto alto. Le donne con diabete di tipo 2 di solito partoriscono durante la gravidanza a termine.

    I farmaci antidiabetici (non l'insulina) sotto forma di compresse che trattano il diabete di tipo 2 sono controindicati per le donne in gravidanza: attraversano la placenta e hanno un effetto dannoso sul feto (causando la formazione di malformazioni fetali), quindi l'insulina è prescritta anche alle donne in gravidanza con diabete di tipo 2.

    Il diabete in gravidanza si verifica nel 4% delle donne. Questa forma di diabete si sviluppa durante la gravidanza, passa subito dopo il suo completamento. Si sviluppa nelle donne obese con diabete nei parenti. Una storia ostetrica gravata (aborto spontaneo, parto morto, polidramnios, nascita di bambini grandi in passato) può indicare la sua presenza. Questa forma di diabete viene rilevata con l'aiuto di uno speciale test di tolleranza al glucosio, di solito nelle 27-32 settimane di gestazione. Il diabete in gravidanza scompare 2-12 settimane dopo la nascita. Nel corso dei prossimi 10-20 anni, queste donne sviluppano spesso il diabete come malattia cronica. La gravidanza con diabete in gravidanza è la stessa del diabete di tipo 2.

    Circa il 25% delle donne in gravidanza con diabete necessita di terapia insulinica.

    La gravidanza è un serio test per la salute di una donna con diabete. Per il suo completamento con esito positivo, è necessaria una scrupolosa attuazione di tutte le raccomandazioni dell'endocrinologo.

    Up