logo

Tempo di lettura: min.

L'iperplasia endometriale è una malattia caratterizzata da un'eccessiva proliferazione dello strato della membrana nell'utero. Tale malattia non è attribuita all'oncologia. Tuttavia, nelle donne in età riproduttiva, spesso si pone la questione se sia possibile rimanere incinta con iperplasia endometriale, poiché spesso la combinazione di iperplasia endometriale ghiandolare e gravidanza sono incompatibili.

La possibilità di gravidanza con iperplasia endometriale

È possibile una gravidanza con iperplasia endometriale Quando parliamo di iperplasia ghiandolare, l'opportunità di concepire un bambino è ridotta al minimo. Le violazioni del sistema ormonale causano una mancanza di ovulazione con iperplasia endometriale e se si verifica l'ovulazione, la mucosa non può accettare l'embrione. Tuttavia, è ancora possibile rimanere incinta con iperplasia endometriale.La gravidanza dopo iperplasia endometriale può essere non fisiologica. Con una fecondazione riuscita in futuro, il feto è difficile da sviluppare: potrebbero esserci patologie congenite nello sviluppo del feto, che spesso porta ad un aborto spontaneo. Occasionalmente, l'impianto dell'embrione ha successo, tuttavia, dopo la nascita, il bambino ha un ritardo nello sviluppo.

È possibile rimanere incinta dopo l'iperplasia endometriale

Se il trattamento della patologia viene avviato in modo tempestivo, una donna può rimanere incinta dopo l'iperplasia endometriale in modo naturale. Il trattamento terapeutico è di prevenire le cause alla base della malattia e l'uso di contraccettivi orali per sei o più mesi. Con un decorso grave della malattia, il ginecologo raccomanda il curettage di strati inutili del guscio.

Ricevi un'email di promemoria per l'iperplasia endometriale!

L'effetto dell'iperplasia sul concepimento e sulla gravidanza

Come risultato della diagnosi, l'iperplasia endometriale, la probabilità di concepire e rimanere incinta, è molto piccola. Sotto l'influenza dell'insufficienza ormonale, che è associata all'inizio della gravidanza, la minaccia di mutare un tumore benigno nell'endometrio intrauterino in uno maligno aumenta in modo significativo. Di conseguenza, in quasi tutti i casi, i ginecologi sono obbligati a insistere sull'interruzione artificiale della gravidanza per l'eventuale successiva terapia. Per non ricorrere a tali misure, è necessario sottoporsi a una visita medica in anticipo e, se necessario, condurre una terapia.

Gravidanza dopo iperplasia. Sullo sfondo dell'iperplasia uterina, l'insorgenza della gravidanza si presenta in una forma eterogenea: l'uovo è fisso e si sviluppa sulla cavità incolume dell'utero quando c'è iperplasia endometriale focale e gravidanza. Questi esempi sono eccezionali e le donne che diventano così incinte necessitano di un attento controllo medico durante la gravidanza. Voci che l'iperplasia peggiora durante la gravidanza sono insensate. Non è in grado di ridurre, inoltre, l'iperplasia crea difficoltà nel corso della gravidanza, che ha bisogno del controllo di un ginecologo in cura. L'iperplasia endometriale è una grave malattia uterina che richiede immediatamente un trattamento esteso. Altrimenti, a una donna può essere diagnosticata l'infertilità e talvolta questa malattia può svilupparsi in oncologia. Una visita sistematica dal medico e il monitoraggio del ciclo possono interferire con la progressione di questa malattia..

È possibile una gravidanza con iperplasia?

Per un lungo periodo, si pensava che l'iperplasia endometriale fosse un verdetto caratteristico che privava il genere femminile di tutte le possibilità di conoscere la felicità materna. Oggi la medicina si sta sviluppando e non si trova in un posto. Già oggi esistono tecniche speciali per il trattamento efficace dell'iperplasia e, dopo aver completato l'intero corso della terapia, il concepimento è del tutto possibile. Per ripristinare la funzione della gravidanza, una donna, prima di tutto, deve sottoporsi a una diagnosi completa, che determinerà la forma e il livello di pericolo della malattia, quindi un medico qualificato prescriverà una terapia personale.

Se il corso del trattamento della patologia è stato completato con successo, puoi tranquillamente provare a concepire un bambino. La gravidanza dopo il trattamento dell'iperplasia endometriale e dopo il curettage di solito si verifica rapidamente. È importante considerare quanto tempo ci vuole per rimanere incinta dopo aver pulito l'iperplasia. I medici consigliano di astenersi dal tentare di concepire per 3 mesi.

Dopo il trattamento, la gravidanza andrà bene e il bambino nascerà forte e sano. Tuttavia, ci sono complicazioni. Se una donna non può rimanere incinta dopo il trattamento, le vengono offerte due opzioni per risolvere il problema:

  • FIV con iperplasia endometriale. La fecondazione in vitro può essere eseguita dopo iperplasia endometriale se sono stati utilizzati metodi delicati nel trattamento della malattia. Se l'endometrio è stato rimosso, la probabilità di rimanere incinta è ridotta.
  • ICSI per iperplasia endometriale - una delle opzioni per la fecondazione in vitro.

In caso di ripetuta esacerbazione della malattia, a volte osservata dopo il parto, si raccomanda al paziente di sottoporsi a un'operazione di curettage dell'endometrio.

È possibile rimanere incinta con iperplasia endometriale

L'attività degli organi del sistema riproduttivo femminile è regolata dagli ormoni. La violazione del loro equilibrio porta inevitabilmente a patologie che impediscono la gravidanza. Una di queste malattie è l'iperplasia endometriale. Rimanere incinta con iperplasia endometriale è quasi impossibile. Con una tale malattia, il ciclo mestruale è disturbato. Esistono diversi tipi di iperplasia endometriale, uno dei quali è combinato con processi oncologici.

È molto importante diagnosticare l'iperplasia endometriale in modo tempestivo al fine di prevenirne lo sviluppo. Pertanto, è necessario essere regolarmente esaminati da un ginecologo.

Cos'è l'iperplasia endometriale

L'endometrio è il tessuto che riveste la cavità uterina dall'interno. Svolge un ruolo importante nel processo di ovulazione, aumenta di dimensioni in un momento in cui le possibilità di concepimento sono elevate. È nello strato endometriale che l'ovulo fecondato viene solitamente fissato e lì continua il suo sviluppo. Affinché ciò avvenga senza problemi, lo strato interno dell'utero deve avere uno spessore ottimale. Se è troppo sottile, può verificarsi un aborto spontaneo..

Ma in alcuni casi si osserva il contrario: l'endometrio cresce eccessivamente, causando infertilità. Lo strato uterino reagisce così ai cambiamenti ormonali che si verificano nel corpo femminile. Riguarda la carenza di progesterone e un eccesso simultaneo di estrogeni. Tali deviazioni non consentono lo sviluppo dell'endometrio, come previsto. Di conseguenza, aumenta costantemente di dimensioni, non svolge le sue funzioni e non si verifica l'ovulazione.

Con l'iperplasia uterina endometriale, il ciclo mestruale "soffre". La donna ha un forte sanguinamento intermestruale. Particolarmente pericolosa è la presenza di cisti e polipi, che possono degenerare in tumori maligni..

Cause della malattia

I motivi esatti per cui si sviluppa l'iperplasia dello strato interno dell'utero non sono noti. Ma ci sono diversi fattori di rischio:

  1. Tumori e cisti sulle ovaie.
  2. Ipertensione arteriosa.
  3. Diabete.
  4. Obesità.
  5. Malattia della tiroide.
  6. Neoplasie benigne nell'utero.
  7. Malattia epatica grave.
  8. Malattia surrenalica.

Inoltre, ci sono fattori che di solito causano squilibri ormonali nel corpo femminile:

  • stress e depressione frequenti;
  • malattie infettive trasferite, processi infiammatori;
  • bassa immunità;
  • procedure chirurgiche nell'utero, come l'aborto o il curettage.
L'iperplasia dello strato endometriale dell'utero è una patologia pericolosa, che nella maggior parte dei casi provoca una mancanza di concepimento.

È possibile rimanere incinta con iperplasia endometriale

Non ha senso pianificare una gravidanza per quelle donne che hanno un aumento patologico dello strato interno dell'utero. Dopotutto, il concepimento è impossibile in assenza di ovulazione, provocata da uno squilibrio ormonale e con disturbi strutturali dell'endometrio. In casi molto rari, si verificano ancora la fecondazione e l'attaccamento dell'embrione. Ma, una tale gravidanza, di regola, termina sempre in un aborto o è accompagnata da anomalie nello sviluppo del feto.

Gravidanza con varie forme di iperplasia endometriale

Esistono diverse forme di questa malattia, che differiscono nella variante istologica. Successivamente, consideriamo la probabilità di gravidanza con ciascuno di essi.

  1. Ghiandolare-cistico e ghiandolare-stromale.
  2. Focal.
  3. Diffondere.
  4. atipico.

Forma ghiandolare-cistica e ghiandolare-stromale

Con questo tipo di patologia si notano cambiamenti benigni nello strato mucoso dell'organo genitale femminile. Accompagnato da violazioni della posizione delle ghiandole nello stroma, che diventano sinuose. La malattia procede in forma acuta e cronica.

Nell'endometrio ispessito sono presenti alterazioni cistiche, le ghiandole sono ingrandite. Tutto ciò impedisce lo sviluppo dell'ovulazione. Pertanto, con l'iperplasia ghiandolare dello strato uterino interno, non si verificherà una gravidanza.

Forma focale

Con l'iperplasia focale, le cellule endometriali interessate sono localizzate in una determinata area nella cavità uterina. Molto spesso si trovano nei polipi e nelle cisti. Nel cinque percento dei casi, la malattia è accompagnata dalla formazione di un polipo nello strato mucoso. Le singole parti del tessuto crescono con lo stroma sottostante. Rispetto alla forma ghiandolare, in cui la principale è la componente ghiandolare, nella focale viene fissato più tessuto focale.

Forma diffusa

Questo tipo di iperplasia è caratterizzato da una lesione uniforme dell'intero strato mucoso nella cavità dell'organo riproduttivo femminile. Le cellule patologiche crescono parallelamente al volume dell'endometrio.

Forma atipica

Questa è la forma più difficile della malattia. Con esso, a volte si nota una crescita accelerata delle ghiandole. Ma i cambiamenti strutturali nel tessuto, che spesso portano allo sviluppo di neoplasie maligne, sono molto più pericolosi. Iperplasia endometriale atipica e gravidanza sono incompatibili.

Come trattare l'iperplasia endometriale

Non prendere la diagnosi di iperplasia endometriale come una frase e l'incapacità di diventare madre. In effetti, il rilevamento tempestivo della malattia e una terapia adeguata danno risultati positivi. Dopo le procedure diagnostiche, il medico sarà in grado di scegliere il regime di trattamento più appropriato in base alle caratteristiche individuali del corpo. La cosa più importante qui è scoprire le cause esatte dei disturbi ormonali.

Affinché il trattamento dell'iperplasia endometriale sia efficace e rapido, è necessaria una diagnosi di alta qualità..

Nella fase iniziale della patologia, i medici prescrivono farmaci a base di ormoni per ripristinare l'equilibrio tra progesterone ed estrogeni nel corpo del paziente. I farmaci più comunemente prescritti sono:

  • complessi vitaminici;
  • contraccettivi orali combinati;
  • farmaci gestagenici, ad esempio Duphaston;
  • preparati a base di ferro, ecc..

Puoi prendere la medicina rigorosamente come prescritto dal medico. Non è possibile scegliere autonomamente determinati farmaci, regolare il dosaggio, aumentare o diminuire il periodo del ciclo di trattamento. Tutto ciò può portare a conseguenze disastrose e aggravare la situazione. Dopotutto, il medico tiene conto di molti fattori nella selezione degli agenti terapeutici. Tra questi ci sono l'età del paziente, la presenza di eventuali patologie concomitanti, peso corporeo, condizioni generali del corpo, ecc..

Un altro metodo di trattamento è l'isteroscopia con curettage dello strato endometriale. Il suo uso è consigliabile con lo stadio avanzato dell'iperplasia, nonché in assenza di risultati positivi dopo la terapia conservativa. Un tale intervento è assolutamente sicuro e con il suo aiuto diventa possibile mantenere le funzioni riproduttive..

Il trattamento per l'iperplasia endometriale uterina dura circa sei mesi. Lo stesso tempo è necessario per ripristinare lo sfondo ormonale, stabilire il ciclo mestruale e i processi ovulatori. Pertanto, la gravidanza può essere pensata non prima di un anno dopo la terapia.

Quali sono le possibilità di gravidanza dopo il trattamento

Il concepimento è del tutto possibile dopo un ciclo di trattamento completo. Ma la gravidanza dopo l'iperplasia dovrebbe essere pianificata. Se i farmaci ormonali sono stati utilizzati nel processo di terapia, allora puoi prepararti per la futura maternità solo un mese dopo la loro cancellazione. Ma se è stato utilizzato un intervento chirurgico, il periodo di recupero dovrebbe durare almeno sei mesi.

Le possibilità di rimanere incinta dopo il trattamento per l'iperplasia endometriale sono abbastanza alte.

È molto importante osservare diverse regole dopo il trattamento dell'iperplasia per aumentare le possibilità di concepimento:

  1. Sii attento alla tua salute, informa il tuo medico di tutti i cambiamenti, specialmente se si verifica un sanguinamento che non è associato alle mestruazioni.
  2. Esamina regolarmente.
  3. Mangia correttamente.
  4. Smetti di fumare e bere alcolici.
  5. Evita lo stress grave.
  6. Controlla il peso corporeo.
  7. Per vivere uno stile di vita attivo.

FIV con iperplasia endometriale

Se, dopo un lungo trattamento dell'iperplasia endometriale, il concepimento non si verifica ancora, i medici raccomandano la fecondazione in vitro. Con questa procedura, molte coppie sono già riuscite a diventare genitori felici. Tuttavia, ciò non significa che non sia richiesto un ciclo di trattamento prima della fecondazione in vitro. Con l'iperplasia, l'inizio e lo sviluppo di una gravidanza sia naturale che creata artificialmente sono impossibili. Dopotutto, questa malattia è accompagnata da una mancanza di ovulazione. Pertanto, i medici semplicemente non saranno in grado di prendere le uova. Pertanto, prima devi recuperare e solo allora pensare alla maternità.

Scrivi nei commenti, di fronte all'iperplasia endometriale prima o la malattia è stata rilevata solo ora? Come sei riuscito a diagnosticare quale trattamento è stato prescritto? Condividi la tua esperienza con altri lettori, li aiuterà molto. Fare domande. Valuta l'articolo, ci aiuta a crescere. Grazie della visita. Sii in buona salute e incinta!

Iperplasia e gravidanza: è possibile la gravidanza con iperplasia endometriale

Impatto sul concepimento e sulla gravidanza

Molti medici sono convinti che la diagnosi di iperplasia endometriale sia un ostacolo al concepimento e al buon corso della gravidanza. Ciò è dovuto al fatto che i cambiamenti ormonali che si sono verificati, nonché la crescita attiva dello strato mucoso bloccano la possibilità di ovulazione. Inoltre, un cambiamento nella sua struttura è considerato un ostacolo alla gravidanza, che non consente al feto di attaccarsi alle pareti dell'organo genitale.
Ma ci sono eccezioni in cui persiste la probabilità della gravidanza. Tuttavia, vale la pena considerare che in tali casi la probabilità di un corso favorevole della gravidanza è minima. Quando si trasporta un bambino da una donna che soffre di iperplasia endometriale, si può osservare quanto segue:

  • disturbi dello sviluppo embrionale;
  • la comparsa di malattie congenite nel bambino;
  • aborto spontaneo.

Oltre a queste conseguenze, i cambiamenti ormonali causati dal concepimento di un bambino possono aumentare significativamente la probabilità che una malattia benigna degeneri in oncologia. Per questo motivo, quando viene rilevata l'iperplasia, i medici consigliano vivamente di interrompere artificialmente la gravidanza, quindi sottoporsi a un esame completo e un corso di terapia.

Qual è la diagnosi pericolosa??

L'iperplasia endometriale è irta di infertilità. La mucosa uterina con questa diagnosi è così cambiata che il feto non può attaccarsi alla sua parete.

Per questo motivo, le donne con iperplasia non possono rimanere incinta.

Ma non solo l'incapacità di dare alla luce rende l'iperplasia una malattia pericolosa. In alcuni casi, il processo iperplastico può diventare la base per la malignità.

In particolare, questo rischio aumenta per le donne oltre i 40 anni con una diagnosi di iperplasia.

Inoltre, se l'iperplasia non viene trattata in alcun modo, tali malattie possono verificarsi sullo sfondo:

  • cisti ovarica;
  • polipo del canale cervicale;
  • polipo uterino;
  • adenomiosi;
  • nodo miomato.

Ciò è dovuto al fatto che l'iperplasia endometriale è una malattia di natura ormonale e che i disturbi ormonali sono un catalizzatore di molte altre malattie del sistema riproduttivo.

Il concetto di iperplasia

Prima di tutto, l'iperplasia endometriale è una diagnosi ginecologica, durante la quale i tessuti endometriali nella cavità uterina iniziano il processo di crescita intensiva nei posti sbagliati. Questa patologia si sviluppa a causa di uno squilibrio degli ormoni nel corpo di una donna. La quantità di estrogeni (ormone sessuale) è in eccesso.

Le presunte cause, secondo i medici, di iperplasia:

  • nel corpo di una donna, si verifica un aumento dei livelli di estrogeni;
  • la presenza di processi infiammatori cronici;
  • violazione del metabolismo (metabolismo);
  • diabete mellito;
  • molti aborti;
  • fibromi uterini;
  • problemi con il sistema endocrino;
  • curettage passato;
  • la presenza di endometriosi;
  • patologia epatica;
  • la presenza di policistico;
  • tumori degli organi genitali, nonché tumori delle ghiandole mammarie;
  • predisposizione ereditaria;
  • operazioni ginecologiche;
  • presenza di disfunzione ovarica.

Caratteristiche della patologia durante l'allattamento

È quasi impossibile diagnosticare in modo indipendente l'iperplasia endometriale. Ciò è dovuto al fatto che una tale malattia non ha sintomi specifici. Principalmente le donne si rivolgono al ginecologo lamentandosi di non essere in grado di rimanere incinta, infertilità. Tale complicazione si verifica sullo sfondo di una malattia avanzata, le sue fasi precedenti possono manifestarsi con i seguenti sintomi:

  • aumento della durata delle mestruazioni;
  • fallimento del ciclo mestruale;
  • la comparsa di abbondanti mestruazioni;
  • la presenza di piccoli sanguinamenti uterini;
  • forte dolore nella regione addominale inferiore.

Se si verificano questi sintomi, è necessaria una visita medica urgente. Ciò è dovuto al fatto che quando la patologia viene rilevata in una fase precoce, il suo trattamento è notevolmente semplificato. E una terapia efficace ti consente di mantenere la capacità di concepire un bambino.

Quando compaiono i suddetti segni di patologia, è necessario prestare attenzione alla presenza di fattori che provocano il suo sviluppo. Le principali cause della malattia includono:

  • terapia ormonale irrazionale;
  • disfunzione, tumori, ovaio policistico;
  • disturbi del sistema immunitario;
  • fibromi uterini;
  • ipertensione
  • malattie della ghiandola endocrina;
  • endometriosi;
  • la presenza di patologie a trasmissione sessuale;
  • diabete;
  • mastopatia
  • aborto frequente, curettage;
  • difetti uterini congeniti;
  • obesità;
  • patologia epatica;
  • predisposizione genetica.

Più donne hanno fattori di rischio che influenzano lo sviluppo della malattia, maggiore è la probabilità di iperplasia.

L'effetto dell'iperplasia su un bambino durante l'allattamento? La risposta chiara è no. Poiché questa malattia si trova nella cavità uterina e non ha nulla a che fare con il latte materno. Ma ancora non è necessario rimandare il trattamento nella scatola lunga. Dal momento che minaccia di varie complicazioni, tumori maligni e infertilità.

Il sintomo principale dell'iperplasia postpartum è l'interruzione persistente nel ciclo mestruale. Sintomi come:

  • Scarico sanguinante prima delle mestruazioni;
  • Sanguinamento frequente dopo un ritardo.

Il motivo principale della comparsa di iperplasia durante l'allattamento (di seguito HB) è un cambiamento ormonale dopo la nascita di un bambino. Se la madre che allatta ha notato i sintomi, vale la pena consultare immediatamente un medico, che a sua volta prescriverà il trattamento giusto, che può essere eseguito in diversi modi:

  • farmaco;
  • Chirurgicamente
  • Combinato.

Vale la pena ricordare che con HB il trattamento è sintomatico. Con un trattamento conservativo, vengono prescritti farmaci che correggono la produzione di ormoni e riducono la gravità dei sintomi avversi.

Nelle fasi successive della malattia, il medico prescrive un intervento chirurgico. Le operazioni sono: con misure radicali e rimozione dell'utero, nonché con la conservazione dell'organo genitale.

Vale la pena ricordare che prima consulta uno specialista, maggiore è la probabilità di rilevare una malattia e maggiori sono le possibilità che una donna si riprenda completamente. E anche meno conseguenze negative per il tuo corpo e la salute del bambino.

In che modo l'iperplasia influisce sul rilevamento fetale

Non esiste alcuna possibilità di concepimento e gravidanza di successo con questa diagnosi. A causa dello squilibrio ormonale e di una grande espansione della massa endometriale, l'ovulazione non è possibile. Inoltre, l'altra struttura dello strato mucoso dell'utero non ha l'opportunità di prendere un embrione.

Se si è verificata una gravidanza, il che è estremamente raro, non ci sono praticamente possibilità di sopportare il bambino. La gravidanza con iperplasia endometriale minaccia:

  • Sviluppo fetale improprio;
  • Patologie congenite del bambino;
  • aborto spontaneo;
  • Congelato nel primo trimestre.

All'inizio della gravidanza, a causa dell'elevata probabilità di una transizione da un tumore benigno al cancro, gli esperti consigliano vivamente di interrompere artificialmente il portamento del bambino e di condurre un trattamento successivo. Qualunque cosa accada, prima di pianificare una gravidanza, è necessario sottoporsi a una visita medica e, se necessario, iniziare il trattamento.

È possibile rimanere incinta con iperplasia endometriale

Per un lungo periodo, si riteneva impossibile rimanere incinta con l'iperplasia. Ma a seguito dello sviluppo della medicina, sono stati sviluppati metodi per il trattamento efficace di questa patologia. Dopo aver completato il corso di trattamento completo, il corpo della donna ripristina completamente la funzione riproduttiva, diventa possibile dare alla luce un bambino sano.

Per aumentare la probabilità di una gravidanza di successo, una donna dovrebbe sottoporsi a una visita medica al fine di identificare la forma di iperplasia, lo stadio del suo sviluppo. Sulla base dei dati diagnostici ottenuti, il medico prescriverà un trattamento efficace e si consulterà sull'esclusione di tutti i fattori che provocano l'insorgenza di questa patologia.

L'iperplasia endometriale uterina ghiandolare è un tipo di patologia relativamente sicura, caratterizzata da un leggero ispessimento dello strato mucoso. Lo scarico uterino in questo caso è minimo. I medici dicono che con questo disturbo è impossibile rimanere incinta.

Lo stesso vale per il tipo cistico ghiandolare. È caratterizzato da sintomi vividi, l'endometrio inizia a crescere, formando cisti, polipi che interferiscono con il concepimento.

Questo tipo di patologia è considerato il più pericoloso. È caratterizzato da un cambiamento nella struttura delle cellule dei tessuti dello strato ghiandolare. È impossibile rimanere incinta con una forma atipica. Inoltre, questa forma della malattia si sviluppa spesso in un tumore canceroso..

Se non riconosci la patologia nel tempo, questo è irto non solo dell'impossibilità del concepimento, ma anche della necessità di una terapia anticancro, la rimozione dell'utero. La patologia può essere riconosciuta da periodi irregolari, un cambiamento nella loro natura.

Con forma focale

Questa forma di patologia è compatibile con la gravidanza. Ciò è dovuto al fatto che l'endometrio sviluppa focolai. Ma vale la pena considerare che la probabilità di concepimento è molto bassa.

Le donne con iperplasia focale che sospettano segni di gravidanza dovrebbero registrarsi urgentemente con un ginecologo e vederlo regolarmente, poiché in questo caso è possibile:

  • la formazione di patologie fetali;
  • il verificarsi di endometriosi uterina;
  • degenerazione di siti alterati in cancro;
  • aborto precoce.

In casi eccezionali, la gravidanza può curare la malattia. Ciò accade quando, sotto l'influenza del concepimento, i livelli di progesterone tornano alla normalità..

Con forma diffusa

L'iperplasia endometriale ghiandolare della forma diffusa non consente a una donna di rimanere incinta, poiché copre quasi l'intera cavità dell'organo. Anche se l'ovulazione persiste, un uovo fecondato perde la sua capacità di attaccarsi alle pareti uterine.

La difficoltà del concepimento risiede nel fatto che la forma diffusa di patologia colpisce il ciclo mestruale, rendendolo irregolare.

Con un tale disturbo, dovrebbe essere eseguita l'isteroscopia: il curettage dell'endometrio. Questa procedura ti permetterà di studiare le cellule cambiate, oltre a prescrivere un trattamento efficace, dopo di che la mucosa vaginale si riprenderà, la donna avrà di nuovo l'opportunità di dare alla luce un bambino.

Per molto tempo si è creduto che fosse impossibile rimanere incinta con iperplasia endometriale. Tuttavia, ora la medicina sta andando avanti con grandi passi e ha ampiamente successo, così come nel trattamento di questa malattia. Al momento, ci sono molti schemi di terapie efficaci per l'iperplasia, il che rende abbastanza reale la possibilità di concepire e portare un bambino.

Diagnostica

La diagnosi dell'iperplasia endometriale comprende tutta una serie di studi per determinare la forma, le cause e le malattie, nonché pianificare ulteriori trattamenti.

  • Esame ginecologico: consente di riconoscere le malattie infiammatorie che accompagnano questa patologia o sono la causa della malattia.
  • L'ecografia degli organi riproduttivi è un metodo di esame indolore. Utilizzando questo studio, è possibile valutare le condizioni dell'endometrio, l'eventuale ispessimento, le dimensioni e le condizioni dell'utero e delle appendici, ecc..
  • L'isteroscopia è uno dei metodi diagnostici più efficaci che consente di esaminare la cavità uterina utilizzando speciali apparecchiature ottiche, nonché di prelevare un campione di tessuto per l'esame istologico (biopsia). Sulla base di questa analisi, viene determinata la forma della malattia.
  • Curettage diagnostico - prescritto per lo studio della mucosa alterata.
  • Ecosalpingografia: quando viene introdotto un farmaco speciale nella cavità uterina, è possibile valutare le condizioni della mucosa, la pervietà delle tube di Falloppio e anche identificare i fuochi di iperplasia, cisti, polipi.
  • La risonanza magnetica è uno dei metodi di ricerca più efficaci in grado di rilevare i più piccoli cambiamenti negli organi.

Il metodo di trattamento della malattia

La terapia dell'iperplasia nelle donne in età riproduttiva consiste nell'uso di metodi di trattamento conservativo, che consente di preservare la capacità di avere figli. Se una donna ha sanguinamento uterino, il medico prescrive prima una procedura per il curettage dell'utero.

Quindi vengono utilizzati agenti ormonali, il cui effetto è abbassare il livello di estrogeni, il suo effetto sull'endometrio. In media, il corso del trattamento dura 6 mesi e quindi per altri sei mesi viene eseguita la terapia riabilitativa. Ha diretto:

  • normalizzare lo sfondo ormonale;
  • ripristino del ciclo mestruale;
  • normalizzazione dei processi di ovulazione;
  • ripresa della funzione riproduttiva.

Se il trattamento conservativo non è efficace, a una donna viene prescritto un intervento chirurgico. Molto spesso questo viene fatto con forme avanzate di patologia. La chirurgia prevede l'uso della resezione isteroscopica. Questa tecnica terapeutica ti consente di mantenere la capacità di avere figli.

Se l'iperplasia è complicata dalla presenza di patologie concomitanti (ovaie policistiche, tumori), il medico può prescrivere un'operazione più grave. Tale è la resezione dell'utero, dell'ovaio, privando una donna della funzione riproduttiva. Ecco perché è molto importante diagnosticare la patologia nelle prime fasi e iniziare il trattamento in tempo.

Manifestazioni cliniche della malattia

I sintomi dell'iperplasia endometriale non si manifestano sempre, a volte una donna viene a conoscenza della malattia durante un esame. Ma la comparsa di alcuni segni dovrebbe allertare. Questi includono:

  • Irregolarità mestruali. L'irregolarità, la presenza di spotting di natura eterogenea con la comparsa di coaguli di sangue o particelle della mucosa sono i principali segni della malattia.
  • Il sanguinamento è un sintomo abbastanza comune. Nei giovani pazienti, durante la formazione del ciclo, si osserva sanguinamento abbondante con coaguli di sangue. È più probabile che si verifichi un sanguinamento ciclico prolungato al momento delle mestruazioni nelle donne in età riproduttiva. Aciclico, non correlato al ciclo, diversa durata e intensità del sanguinamento sono anche caratteristiche delle donne in età fertile. Durante la menopausa, i pazienti sono preoccupati per le perdite abbondanti e irregolari, che ricordano le mestruazioni, al termine delle quali appare lo spotting. Nel periodo postmenopausale, lo spotting diventa scarso e disturba una donna per molto tempo.
  • Dolore: questo sintomo si verifica nel 70% dei pazienti. Algodismenorrea - periodi dolorosi - il primo segnale di disturbo e indica la progressione della malattia. L'aspetto del dolore è associato ad un aumento della pressione all'interno dell'utero e del vasospasmo. Durante l'intimità, il dolore non è un segno caratteristico, ma dopo il rapporto sessuale una donna è preoccupata per lo spotting.

Iperplasia endometriale e gravidanza: è necessario un trattamento prima del concepimento!

L'iperplasia endometriale è una malattia caratterizzata da uno strato ispessito e invaso dell'endometrio uterino.

Contrariamente alle voci diffuse dalle voci popolari, questa non è affatto un'oncologia..

Esistono diversi tipi di iperplasia e solo alcuni possono diventare potenzialmente maligni.

Cos'è l'iperplasia endometriale

Secondo le statistiche, l'iperplasia endometriale si verifica nel 5% dei pazienti ginecologici.

Negli ultimi anni, c'è stato un aumento del numero di donne con diagnosi di questa patologia..

Cause della malattia

Questa malattia ha una natura ormonale. Inizia a causa di un aumento degli ormoni estrogeni nel sangue..

Questa patologia si chiama iperestrogenia e le seguenti ragioni la causano:

cambiamenti legati all'età - la quantità di estrogeni prima della menopausa nel corpo di una donna cambia;

eccesso di estrogeni con mancanza di progesterone;

disfunzione ormonale;

infiammazione del sistema riproduttivo;

disfunzione della corteccia surrenale;

storia di aborto e curettage della cavità uterina;

  • tumore ovarico che produce ormoni.
  • Le malattie concomitanti sono considerate obesità, diabete mellito, nonché ipertensione, patologie mammarie, patologia tiroidea.

    Sintomi

    A differenza del flusso mestruale, non hanno regolarità. Inoltre, differiscono dalle mestruazioni nella loro moderazione, stanno imbrattando..

    Si verificano anche emorragie rivoluzionarie che accompagnano i coaguli di sangue, ma è più probabile che questo sia caratteristico dell'adolescenza - il momento in cui il ciclo è appena stato istituito.

    È sicuro di dire che è tempo di un medico se:

    • si verifica sanguinamento uterino di natura sconosciuta;
    • mestruazioni pesanti e prolungate;
    • il ciclo mestruale non è regolare.

    Se, dopo una prolungata assenza di mestruazioni, si verifica un sanguinamento uterino improvviso, questo è un segno sicuro di iperplasia endometriale, specialmente quando si tratta di una donna durante la menopausa.

    segni

    Alcuni segni esterni, insieme ai sintomi principali, possono indicare una malattia. Segni di iperplasia:

  • letargia, debolezza, affaticamento;
  • mal di testa;
  • vertigini;
  • pallore della pelle;
  • dolori nell'addome inferiore alla vigilia delle mestruazioni.
  • Certo, non è possibile parlare di iperplasia esclusivamente per questi motivi, ma se allo stesso tempo ci sono fallimenti del ciclo e sanguinamento uterino, molto probabilmente si tratta di iperplasia.

    Diagnosi della malattia

    I principali metodi per diagnosticare oggi l'iperplasia endometriale uterina:

    • ecografia transvaginale;
    • hydrosonography;
    • isteroscopia;
    • istologia.

    Il medico diagnostica la malattia secondo il seguente schema:

      Ascolta i reclami dei pazienti.

    Indaga sulla storia della vita - ci sono malattie del fegato, ipertensione, carboidrati alterati e metabolismo dei grassi.

    Indaga su una storia ginecologica: la natura del ciclo mestruale, la presenza di sanguinamento uterino, mastopatia, mioma, infertilità.

    Esame ginecologico.

    Conduce studi batteriologici e batterioscopici.

    Conduce un ciclo di ricerca ormonale.

    Viene eseguita l'istologia di una raschiatura completa della mucosa. Tenuto alla vigilia delle mestruazioni o nelle prime ore delle mestruazioni.

    Prima del curettage e dopo il curettage, viene eseguita l'isteroscopia, che consente il monitoraggio dell'operazione.

    L'ecografia transvaginale consente di valutare la forma, i contorni e la struttura interna della cavità uterina.

  • Esame radioisotopico della cavità uterina. Con l'iperplasia, l'intensità dell'assorbimento del farmaco radioattivo da parte dei tessuti dell'utero sarà maggiore rispetto ai livelli normali dell'endometrio.
  • Qual è la diagnosi pericolosa??

    L'iperplasia endometriale è irta di infertilità. La mucosa uterina con questa diagnosi è così cambiata che il feto non può attaccarsi alla sua parete.

    Per questo motivo, le donne con iperplasia non possono rimanere incinta.

    Ma non solo l'incapacità di dare alla luce rende l'iperplasia una malattia pericolosa. In alcuni casi, il processo iperplastico può diventare la base per la malignità.

    In particolare, questo rischio aumenta per le donne oltre i 40 anni con una diagnosi di iperplasia.

    Inoltre, se l'iperplasia non viene trattata in alcun modo, tali malattie possono verificarsi sullo sfondo:

    • cisti ovarica;
    • polipo del canale cervicale;
    • polipo uterino;
    • adenomiosi;
    • nodo miomato.

    Ciò è dovuto al fatto che l'iperplasia endometriale è una malattia di natura ormonale e che i disturbi ormonali sono un catalizzatore di molte altre malattie del sistema riproduttivo.

    Trattamento e prevenzione

    In genere, il trattamento dell'iperplasia consiste in diverse fasi:

    1. Smetti di sanguinare, se necessario.
    2. Terapia ormonale volta a sopprimere l'endometrio.
    3. Ottimizzazione dello stato ormonale.
    4. Osservazione clinica 5 anni dopo il trattamento ormonale, 6 anni dopo le misure chirurgiche.

    Se la terapia conservativa non è efficace, è necessario un intervento chirurgico.

    Nelle donne in età fertile, la resezione isteroscopica viene più spesso utilizzata, nelle donne in menopausa, in alcuni casi viene eseguita l'isterectomia (rimozione) - se stiamo parlando di forme atipiche di iperplasia.

    La prevenzione dell'iperplasia è in cose molto semplici che saranno vere per la prevenzione di altre malattie del sistema riproduttivo:

    1. Esame ginecologico regolare.
    2. Controllo del peso.
    3. Evitare lo stress, soprattutto cronico.
    4. Controllo del ciclo mestruale.

    La possibilità di gravidanza con iperplasia endometriale

    Quando si tratta di iperplasia ghiandolare, la possibilità del concepimento si avvicina allo zero.

    Il fatto è che l'insufficienza ormonale porta all'assenza di ovulazione e se l'ovulazione si è verificata, la mucosa non sarà in grado di prendere il feto.

    Con una concezione di successo, l'ulteriore sviluppo del feto è molto difficile: sono possibili patologie di sviluppo, nella maggior parte dei casi si verifica un aborto spontaneo.

    Ma dopo il trattamento dell'iperplasia, una donna può naturalmente concepire, specialmente se il trattamento è iniziato in modo tempestivo.

    L'effetto della gravidanza sul decorso della malattia

    Se la gravidanza si verifica con iperplasia, questo accade con una forma focale. Cioè, l'uovo si è attaccato e si sviluppa su una cavità uterina intera, intatta.

    Questi casi sono ancora isolati e le donne che rimangono incinta in questo modo richiedono una costante supervisione medica durante l'intero periodo di gestazione.

    Voci che l'iperplasia diminuisce durante la gravidanza possono essere chiamate ragionamenti densi..

    Non diminuirà in alcun modo, inoltre, l'iperplasia rende problematica la gravidanza, richiedendo un'attenzione medica speciale.

    L'iperplasia endometriale è una grave malattia uterina che richiede un trattamento completo tempestivo.

    Altrimenti, una donna può acquisire una successiva diagnosi di infertilità e, in alcuni casi, l'iperplasia può innescare la formazione di un tumore maligno..

    È possibile rimanere incinta dopo il curettage: come riprendersi dopo e prepararsi al concepimento di un bambino, raccomandazioni di ginecologi ed esperti

    Cos'è l'iperplasia endometriale - cause e sintomi della malattia

    Il curettage dello strato interno dell'utero è un'operazione in ginecologia che può terrorizzare coloro che hanno riscontrato questo problema per la prima volta. L'intervento chirurgico viene eseguito sia a fini medici che diagnostici. È possibile rimanere incinta dopo il curettage e per quanto tempo dopo la pulizia accadrà - le principali domande che riguardano le donne prima di questa procedura.

    Esistono diversi tipi di curettage (pulizia dell'utero o del curettage).

    Il curettage diagnostico viene effettuato in questi casi:

    • fallimento nel ciclo mestruale;
    • avvistamento dopo la menopausa;
    • la probabilità di una malattia come il cancro uterino;
    • infertilità incomprensibile.

    Il curettage medico viene effettuato con le seguenti diagnosi:

    • endometrite (patologia nello strato superiore dell'endometrio);
    • iperplasia endometriale (cambiamento anormale e sua crescita);
    • sanguinamento uterino (pulizia per eliminarlo);
    • conseguenze dell'aborto (interruzione incompleta, infiammazione da lui provocata).

    Le cause del curettage possono anche essere l'aborto diretto, una gravidanza congelata, le conseguenze di un aborto spontaneo (rimozione della placenta residua).

    Molte donne sono interessate a come curettage. La medicina moderna ha fatto in modo che la procedura fosse indolore per il paziente in anestesia. Uno dei migliori anestetici è il propofol, che fornisce un risultato morbido e confortevole. La tecnica dell'aborto e del curettage è quasi la stessa: la cervice si espande e il suo strato interno viene pulito.

    La procedura descritta è considerata abbastanza sicura. C'è qualche rischio di complicanze, ma sono piuttosto rare:

    • complicazione dopo anestesia;
    • infezione dopo l'intervento chirurgico;
    • rottura della parete uterina.

    Con il corretto curettage eseguito da un medico esperto e un anestesista, di solito non ci sono conseguenze negative.

    Per ridurre la sindrome del dolore, si raccomandano antispasmodici (ad esempio, no-spa 1 compressa tre volte al giorno). Gli antibiotici sono anche necessari per prevenire l'infezione..

    Il riposo sessuale per due settimane dopo l'intervento chirurgico è una garanzia per ridurre il rischio di complicanze. Con l'iperplasia endometriale, il medico prescriverà un trattamento ormonale per eliminare la probabilità di una ricaduta..

    Con i rimedi popolari devi essere il più attento possibile, perché almeno 2 settimane è vietato lavare con infusi di erbe e decotti utili in un altro caso.

    È possibile rimanere incinta dopo il curettage? Non ci sono praticamente problemi con questo: una donna può rimanere incinta da due a tre settimane dopo l'intervento chirurgico.

    La consultazione con un medico sarà necessaria solo se è impossibile rimanere incinta dopo un periodo più lungo. Di solito da sei a nove mesi.

    Lo specialista raccomanderà anche un momento favorevole al concepimento, quando il corpo del paziente si riprenderà completamente.

    Se sorgeva la domanda su come rimanere incinta dopo una gravidanza extrauterina, in questo caso dovrai compiere ulteriori sforzi.

    Dovrebbe essere chiaro che la causa della patologia è una violazione o un blocco della tuba di Falloppio. Di conseguenza, il feto non si sviluppa nel corpo dell'utero, che rappresenta una grave minaccia per la vita di una donna.

    Per evitare una gravidanza extrauterina, dovresti consultare un ginecologo nelle prime fasi ed eliminare i fattori che provocano la patologia della posizione fetale, che includono:

    • infezioni del tratto urinario;
    • cambiamenti postoperatori negli organi pelvici;
    • cambiamenti ormonali totali.

    Un chiaro controllo su queste manifestazioni negative renderà la donna al sicuro dall'occorrenza o dal ripetersi di una gravidanza extrauterina..

    C'è un mito secondo cui dopo una gravidanza congelata, una donna non può mai diventare madre. Una visita regolare dal ginecologo, un attento studio dei segni pericolosi previene i problemi. I sintomi che dovrebbero allertare la futura mamma includono:

    • problemi sanguinanti;
    • debolezza e febbre;
    • disadattamento delle dimensioni dell'utero con la gravidanza prevista.

    Lo stile di vita sbagliato che può provocare la morte del feto è uno dei primi provocatori della patologia.

    Più in dettaglio, l'argomento può essere studiato nel nostro articolo, una gravidanza congelata: segni, sintomi, metodi di prevenzione. Da esso scoprirai chi è a maggior rischio di avere problemi, quali segni indicheranno un congelamento fetale, cosa prova la donna incinta, quali sono le condizioni della madre e cosa fare per non incontrare più la patologia.

    A differenza del solito aborto chirurgico (fino a 12 settimane dal concepimento) e del vuoto (fino a 5 settimane dopo la fecondazione), l'aborto medico è considerato più benigno nelle prime fasi della gravidanza. Il fallimento, l'arresto dello sviluppo fetale e quindi la sua morte vengono eseguiti utilizzando mihoprostol, mifepristone, postinor e pencrofton.

    Va ricordato che l'uso frequente di questi farmaci è inaccettabile e porterà a sterilità o aborti ripetuti. Questo è un metodo estremo, che in nessun caso dovrebbe diventare una pratica familiare, che si concluderà con l'incapacità di una donna di diventare madre.

    Dopo un aborto medico, puoi rimanere incinta in un paio di settimane, ma questo non è abbastanza per ripristinare completamente il corpo. Sei mesi di protezione dalla prossima concezione sono un prerequisito, raccomandato dai medici. Rimanere incinta dopo l'interruzione medica della gravidanza è abbastanza realistico con il rigoroso rispetto di tutte le regole.

    Attento atteggiamento nei confronti della salute prima di pianificare l'aggiunta alla famiglia e durante la nascita di un figlio tanto atteso, consultazioni regolari con specialisti sono la chiave per una felice maternità in futuro.

    L'endometrio è il rivestimento interno dell'utero, o meglio, lo strato mucoso che riveste la cavità uterina. Crea le condizioni necessarie per l'impianto dell'uovo fetale, il suo normale sviluppo.

    In altre parole, la mucosa “trattiene” l'ovulo fecondato all'interno dell'utero, gli fornisce nutrimento, partecipa alla formazione della placenta.

    L'endometrio consiste nel sostenere il tessuto connettivo (stroma), le ghiandole uterine e numerosi vasi sanguigni immersi in esso.

    Tutte le strutture della mucosa uterina si sviluppano e funzionano sotto la "guida" degli ormoni sessuali. Nella prima metà del ciclo mestruale (durante la fase di influenza degli estrogeni), le ghiandole uterine e lo strato funzionale dell'endometrio crescono.

    Nel secondo - sotto l'influenza del progesterone - questa crescita si interrompe. Lo stroma endometriale si gonfia, accumula sostanze benefiche. Le ghiandole uterine iniziano a secernere una secrezione mucosa nutriente. Ogni mese, l'endometrio si prepara a "prendere", "nutrire" e conservare un uovo fetale nell'utero.

    Se non si verifica una gravidanza, lo strato funzionale "troppo maturo" dell'endometrio viene distrutto e respinto con sangue mestruale.

    Nel prossimo ciclo mensile, in base all'effetto equilibrato degli ormoni sessuali, la mucosa uterina viene ripristinata dalla piastra basale dei "germogli".

    Posizione della mucosa uterina - endometrio

    Con la "scomposizione" degli effetti ormonali bilanciati, più precisamente - estrogenia, le ghiandole uterine si moltiplicano eccessivamente e la mucosa uterina si ispessisce.

    L'iperplasia endometriale è una proliferazione anormale benigna della mucosa uterina associata a stimolazione iperestrogenica

    La causa dell'iperplasia endometriale è uno squilibrio ormonale generale o locale: un effetto eccessivo di estrogeni sulla mucosa uterina con insufficiente azione del progesterone.

    • Sanguinamento uterino che porta all'anemia
    • Infertilità
    • malignità
    1. Spotting non mestruale.
    2. Irregolarità mestruali:
      • amenorrea,
      • hyperpolymenorrhea,
      • ciclo mestruale irregolare.
    • Ultrasuoni: un esame ecografico dell'utero rivela segni di iperplasia endometriale aumentando la dimensione dell'eco-M.
    • Isteroscopia con curettage diagnostico separato dell'endometrio - conferma o confuta la diagnosi ecografica.
    • Esame istologico del tessuto rimosso: stabilisce la diagnosi finale.

    Iperplasia ovarica: quando è una diagnosi

    Infatti, l'iperplasia è una malattia in cui l'endometrio cresce attorno all'ovaio, rendendolo più grande. Tale patologia può essere causata da insufficienza ormonale o essere congenita. I medici definiscono questa malattia una condizione peritumorale..

    Il concepimento con una tale malattia è possibile, ma ciò accade raramente. Vale la pena notare che dopo aver effettuato la diagnosi, è necessario identificare il motivo per cui il tessuto ha iniziato a crescere e fermare il centro di irritazione il più presto possibile. Concepire un bambino non funziona a causa della mancanza di ovulazione.

    1. aborti spontanei;
    2. posizionamento improprio dell'embrione;
    3. lo sviluppo dell'embrione si interrompe;
    4. neoplasie maligne.

    Gravidanza dopo

    Dopo la terapia, il sistema riproduttivo torna alla normalità e la gravidanza desiderata arriverà rapidamente.

    Quando possibile

    Dopo un esame completo, dovresti astenersi dal cercare di concepire per 3 mesi. Quindi devi fare in modo che il corpo della futura mamma sia tornato alla normalità. Pertanto, 3 mesi dopo il trattamento, è possibile pianificare una gravidanza.

    Controindicazioni

    Esistono diverse controindicazioni in cui una donna non sarà in grado di rimanere incinta da sola:

    1. Dopo il trattamento, l'endometrio ha ricominciato a crescere. Ciò suggerisce che non tutti i problemi sono risolti. In questo caso, la ragazza verrà nuovamente sottoposta a trattamento, poiché la gravidanza è controindicata.
    2. Dopo il trattamento, lo sfondo ormonale della ragazza non è tornato alla normalità.
    3. Malattie del fegato e del cuore.

    Momenti speciali

    • disegno, dolori acuti nell'addome inferiore, nella parte bassa della schiena;
    • mestruazioni irregolari o loro completa assenza;
    • sanguinamento uterino aciclico;
    • aumento del tono muscolare della cavità addominale;
    • spasmo dell'addome;
    • alta temperatura corporea;
    • dolore durante il rapporto sessuale.

    Se una donna presenta almeno alcuni di questi sintomi prima della gravidanza, è necessario uno studio aggiuntivo. Durante il periodo di gestazione, i metodi di esposizione sono limitati, non così efficaci.

    La gravidanza con la diagnosi è quasi impossibile, ma nelle prime fasi della malattia può verificarsi l'attaccamento dell'embrione. Pertanto, in questo caso, viene eseguito un aborto medico. Questa malattia interrompe il naturale processo di sviluppo dell'embrione, che successivamente provocherà un aborto spontaneo e, in caso contrario, il bambino nascerà con anomalie.

    Con una tale malattia, vale la pena iniziare il trattamento il più presto possibile. Se eseguito, in futuro porterà alla sterilità. Dopo un ciclo di terapia, la gravidanza naturale si verifica nell'80% dei casi.

    Se ti è stato diagnosticato questo, non ritardare il trattamento fino a dopo. Nelle prime fasi, puoi ancora sbarazzarti della malattia senza conseguenze. Altrimenti, il sistema riproduttivo smetterà di funzionare, il che porterà alla sterilità..

    È possibile rimanere incinta con iperplasia ovarica o uterina? Cosa scatena la malattia? Cosa fare per sbarazzarsi della malattia?

    Diverse diagnosi durante un esame ginecologico fanno domandare a una donna se può partorire con una tale malattia? Cosa ha causato la malattia e come sbarazzarsene il più presto possibile. L'iperplasia è una malattia comune che si verifica più spesso nelle donne di età superiore ai 40 anni, ma ci sono casi in cui le ragazze più giovani affrontano una tale malattia.

    Indicazioni per il curettage della mucosa uterina

    1. Sospetto di iperplasia endometriale secondo i risultati degli ultrasuoni:
      • In età riproduttiva: il valore dell'eco M dei primi 7 giorni del ciclo mestruale è superiore a 7-8 mm.
      • Nelle donne in postmenopausa: dimensione dell'eco M di almeno 6 mm.
    2. In età fertile: sanguinamento uterino, spotting non associato alle mestruazioni.
    3. Nelle donne in postmenopausa: scarico sanguinante dai genitali di qualsiasi natura.
    4. A volte il curettage uterino viene eseguito per valutare l'efficacia del trattamento ormonale dell'iperplasia endometriale o di altre patologie uterine.

    Il curettage delle pareti della cavità uterina con iperplasia endometriale è una procedura sia diagnostica che terapeutica.

    • Rimozione di endometrio malsano insieme a possibili formazioni patologiche (polipi ghiandolari, ecc.)
    • In alcuni casi: arresto di emergenza sanguinamento uterino.

    Il curettage della mucosa uterina o la "pulizia" con iperplasia endometriale devono essere effettuati sotto il controllo dell'isteroscopia. Il curettage "cieco" (senza controllo visivo) nel moderno sviluppo della ginecologia operativa non è giustificato.

    L'isteroscopia è una piccola operazione endoscopica durante la quale viene esaminata una cavità uterina utilizzando uno speciale sistema ottico.

    Sotto il controllo visivo dell'isteroscopia, vengono eseguite molte procedure chirurgiche terapeutiche, incluso il curettage delle pareti della cavità uterina.

    L'isteroscopia con curettage viene eseguita:

    • nell'ospedale,
    • in una sala operatoria specializzata,
    • in generale, anestesia prevalentemente endovenosa,
    • senza una singola incisione sul corpo del paziente: l'isteroscopio e gli strumenti chirurgici sono inseriti nella cavità uterina attraverso il canale cervicale.
    Isteroscopia

    Il tempismo ottimale dell'isteroscopia con curettage con iperplasia endometriale:

    • Con un ritmo conservato delle mestruazioni: 3-4 giorni prima delle mestruazioni previste.
    • Con oligomenorrea con metrorragia: il primo giorno della comparsa di spotting aciclico.

    Controindicazioni all'isteroscopia con curettage con iperplasia endometriale:

    • Processo infiammatorio acuto nei genitali.
    • "Bad Smear": 3-4 gradi di purezza della vagina.
    • Malattia infettiva generale acuta.
    • Grave patologia non ginecologica.

    L'effetto degli ormoni sul corpo di una donna determina non solo le sue condizioni quotidiane, ma anche la capacità di adempiere alla funzione riproduttiva - concepimento e nascita di un bambino.

    Per garantire una gravidanza tanto attesa e creare condizioni per sopportare il feto, è necessario che tutti gli organi del sistema riproduttivo siano sani.

    Una delle cause dell'infertilità femminile è l'iperplasia endometriale, una malattia in cui è impossibile concepire un bambino.

    L'iperplasia è una grave malattia ginecologica in cui vi è una proliferazione incontrollata di tessuti del rivestimento interno dell'utero - l'endometrio.

    Il motivo principale è lo squilibrio ormonale tra i due principali ormoni femminili estrogeno e progesterone. Normalmente, le ovaie femminili producono ciclicamente questi ormoni.

    Le fluttuazioni dei livelli ormonali portano ad un aumento dello spessore della mucosa uterina interna. Quindi si sta preparando per l'introduzione di un uovo fecondato e lo sviluppo del posto fetale durante la gravidanza.

    Se si verifica una violazione del contenuto ormonale e viene prodotto un eccesso di estrogeni, inizia la crescita incontrollata dell'endometrio. Riempie gradualmente l'intero lume dell'utero, inizialmente formando un tumore benigno. Con un'ulteriore crescita, può trasformarsi in tumore maligno - uterino.

    Oltre a riempire il lume dell'utero, con iperplasia, ci sono:

    • irregolarità mestruali: gli estrogeni interferiscono con la maturazione e l'ovulazione delle uova;
    • periodi abbondanti e lunghi;
    • nel periodo intermestruale appare lo spotting dalla vagina.

    Finora non sono state stabilite le cause dell'iperplasia. L'ignoranza dei motivi non consente di sviluppare metodi di trattamento affidabili. Per la maggior parte delle donne diagnosticate, l'iperplasia endometriale e la gravidanza erano incompatibili.

    Lo studio graduale delle cause che contribuiscono allo sviluppo della malattia, lo sviluppo di nuovi metodi per il trattamento delle malattie endocrine e il miglioramento della tecnica chirurgica in alcuni casi ci consentono di sopprimere la rapida crescita dell'endometrio e aiutare la cellula fecondata a impiantarsi nella parete uterina.

    L'appello primario di una donna a un medico è dovuto all'incapacità di rimanere incinta. La diagnosi si basa sull'esame intrauterino e l'esame istologico. Viene stabilita la natura dei cambiamenti cellulari e viene diagnosticata una delle possibili forme di iperplasia endometriale:

    • focale;
    • diffondere;
    • atipico;
    • cistica ghiandolare;
    • stromale ghiandolare.

    Dopo aver stabilito la natura dei cambiamenti nella mucosa, viene prescritto un trattamento individuale, che include:

    • farmaci ormonali;
    • contraccettivi orali;
    • gestageni;
    • multivitaminici;
    • preparazioni di ferro.

    In casi complessi, viene prescritto un trattamento chirurgico: il curettage della cavità uterina con successiva terapia ormonale, che impedisce la comparsa di nuove crescite. La durata del trattamento è lunga, da sei mesi o più.

    Misure preventive

    Si possono raccomandare le seguenti misure preventive:

    • regolari esami ginecologici;
    • rifiuto di cattive abitudini;
    • controllo del peso;
    • mangiare sano;
    • evitare lo stress.

    La possibilità di gravidanza con iperplasia endometriale

    Iperplasia endometriale e gravidanza sono quasi incompatibili. Anche in rari casi in cui una paziente affetta da questa malattia rimane incinta, le possibilità di avere e avere un bambino sano sono minime. Pertanto, è importante conoscere i segni della patologia e ricevere la terapia necessaria in tempo nelle fasi iniziali della pianificazione della gravidanza.

    segni

    L'iperplasia endometriale è un processo patologico, accompagnato da una crescita significativa della mucosa dello strato uterino dell'endometrio, che si sviluppa a causa di insufficienza ormonale. Con il progredire della malattia, si formano neoplasie benigne che interferiscono con il concepimento e i processi ovulatori.

    Fattori quali endometriosi, sindrome dell'ovaio policistico, malfunzionamenti nel sistema endocrino, precedente curettage, aborti e altri interventi chirurgici ginecologici possono provocare la malattia..

    Con l'iperplasia uterina endometriale, nei pazienti compaiono i seguenti segni clinici:

    • sanguinamento uterino;
    • disturbi mestruali;
    • mestruazioni eccessivamente pesanti, intense e dolorose.

    Il processo iperplastico nelle fasi iniziali può essere rilevato da regolari esami ginecologici preventivi. I medici affermano che la diagnosi e il trattamento tempestivi di questa malattia aumentano le possibilità di una donna di rimanere incinta.

    È possibile rimanere incinta con iperplasia endometriale? Secondo i ginecologi, le possibilità di portare e avere un bambino sono persino ridotte a coloro che potrebbero concepire con questa diagnosi. Questo perché la crescita dello strato endometriale e i disturbi ormonali inibiscono i processi ovulatori.

    La struttura strutturale della mucosa uterina cambia, impedendo che l'embrione venga accettato e fissato. Manifestazioni simili sono più caratteristiche della forma ghiandolare della malattia. Pertanto, la gravidanza e la forma ghiandolare dell'iperplasia endometriale sono concetti incompatibili.

    L'iperplasia endometriale focale offre la possibilità di concepire un bambino, ma tale gravidanza è estremamente difficile e può essere interrotta in qualsiasi momento. Inoltre, la probabilità di sviluppare complicanze, malattie concomitanti.

    È possibile una gravidanza con iperplasia endometriale diagnosticata? Secondo gli esperti, la gravidanza con iperplasia endometriale è quasi impossibile.

    Le pazienti in gravidanza con iperplasia endometriale nella maggior parte dei casi hanno le seguenti complicanze:

    • aborti spontanei nelle prime fasi;
    • violazione dei processi di corretto sviluppo embrionale;
    • anomalie congenite del feto.

    Inoltre, nei pazienti con patologia iperplastica durante la gravidanza e i relativi cambiamenti ormonali, i rischi di sviluppare le seguenti malattie concomitanti sono molte volte più elevati:

    • fibromi uterini;
    • la formazione di neoplasie maligne;
    • PCOS;
    • poliposi;
    • neoplasie cistiche localizzate nell'ovaio.

    A causa degli alti rischi dello sviluppo dell'oncologia, gli specialisti raccomandano che i pazienti interrompano artificialmente la gravidanza, seguiti da un corso terapeutico. La gravidanza dopo l'iperplasia endometriale è del tutto possibile con un trattamento adeguato e, soprattutto, tempestivo.

    Metodi di trattamento

    Nel trattamento di questa patologia nei pazienti in età riproduttiva, gli specialisti danno la preferenza ai metodi conservativi che consentono di mantenere la capacità di sopportare i bambini. In presenza di sanguinamento uterino, viene prima interrotto dalla procedura di trattamento del curettage..

    Nella fase successiva, viene condotto un corso di terapia ormonale, finalizzato a ridurre i livelli di ormoni estrogeni e i loro effetti sullo strato endometriale.

    La durata media di un corso terapeutico è di circa sei mesi. Successivamente, la terapia riabilitativa viene eseguita per altri 6 mesi, al fine di normalizzare lo sfondo ormonale, il ciclo mestruale, i processi ovulatori e la funzione riproduttiva..

    In assenza della corretta efficacia della terapia conservativa, con la forma avanzata della malattia, è necessario un intervento chirurgico. L'operazione viene eseguita principalmente mediante resezione isteroscopica, che consente di salvare la funzione riproduttiva.

    Tuttavia, se il processo patologico viene avviato gravemente, procede in una forma grave e atipica, ci sono malattie concomitanti, come ovaie policistiche, neoplasie tumorali - potrebbero essere necessari interventi chirurgici più gravi e su larga scala. La resezione dell'utero o dell'ovaio può privare il paziente delle possibilità di maternità, quindi è così importante sottoporsi alla terapia necessaria nelle prime fasi dello sviluppo del processo patologico.

    Quindi, dopo tutto, dopo aver completato il trattamento dell'iperplasia endometriale, è possibile rimanere incinta? I medici osservano che se la terapia è stata eseguita correttamente e in modo tempestivo, il paziente ha tutte le possibilità di concepire e dare alla luce un bambino sano. Nel caso in cui persistano difficoltà con il concepimento, si raccomanda alle donne che hanno subito questa patologia di usare i seguenti metodi di medicina riproduttiva:

    • Inseminazione artificiale IVF;
    • iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi nel citoplasma ovale.

    Queste procedure aumentano significativamente la probabilità di una gravidanza, anche dopo una grave forma di iperplasia endometriale..

    La gravidanza dopo il trattamento dell'iperplasia endometriale richiede una pianificazione competente e un monitoraggio costante da parte di medici qualificati. Il periodo del successivo concepimento è determinato principalmente dal metodo di trattamento.

    Se la terapia ormonale è stata utilizzata per combattere la patologia dello strato endometriale, è possibile pianificare letteralmente l'inizio del concepimento 4 settimane dopo la cancellazione dei farmaci ormonali.

    Se il paziente è stato sottoposto a intervento chirurgico, quindi prima di pianificare la gravidanza, è necessario un periodo di riabilitazione, la cui durata è di almeno sei mesi.

    Per prevenire l'iperplasia endometriale, aumentare l'efficacia del trattamento e aumentare le possibilità di gravidanza, i pazienti devono aderire a determinate regole:

    • visitare regolarmente un ginecologo per sottoporsi a esami professionali (almeno 2 volte l'anno);
    • consultare un medico in caso di perdite vaginali sospette, sanguinamento uterino, malfunzionamento delle mestruazioni;
    • prevenire l'aumento di peso;
    • evitare situazioni stressanti e shock psico-emotivi;
    • smettere di fumare;
    • mangiare bene e razionalmente;
    • essere attivo, attivo, fare sport.

    Quando si pianifica una gravidanza dopo aver completato un ciclo di trattamento, è necessario ascoltare attentamente le raccomandazioni del proprio medico. Dopo la fine della terapia, viene eseguita una diagnosi completa ripetuta per assicurarsi che il problema sia risolto e che non vi siano rischi per la salute della paziente stessa e del suo bambino non ancora nato.

    Iperplasia endometriale e gravidanza - non combinare. Questa patologia non solo riduce le possibilità di una concezione di successo, ma anche se lo fa, i rischi di aborto spontaneo, lo sviluppo di patologie congenite in un bambino e i processi oncologici in una futura madre sono alti.

    Dopo un adeguato ciclo terapeutico, una donna potrebbe dare alla luce un bambino sano.

    Ma i ginecologi sottolineano che per la conservazione della funzione riproduttiva è molto importante identificare la malattia ed eseguire il trattamento necessario proprio nelle prime fasi dello sviluppo del processo patologico prima del concepimento.

    L'iperplasia è una patologia caratterizzata dalla proliferazione attiva dell'endometrio uterino. I medici considerano questo disturbo e l'inizio della gravidanza come cose incompatibili. Ciò è dovuto al fatto che questa condizione complica il processo di fecondazione dell'uovo e in circostanze eccezionali può causare infertilità.

    Ma con l'implementazione di una terapia razionale e tempestiva per l'iperplasia endometriale, può verificarsi una gravidanza. La probabilità esiste con l'iperplasia focale, ma la presenza di questa patologia richiede un monitoraggio regolare da parte del medico curante.

    Molti medici sono convinti che la diagnosi di iperplasia endometriale sia un ostacolo al concepimento e a una buona gravidanza.

    Ciò è dovuto al fatto che i cambiamenti ormonali che si sono verificati, nonché la crescita attiva dello strato mucoso bloccano la possibilità di ovulazione.

    Ma ci sono eccezioni in cui persiste la probabilità della gravidanza. Tuttavia, vale la pena considerare che in tali casi la probabilità di un corso favorevole della gravidanza è minima. Quando si trasporta un bambino da una donna che soffre di iperplasia endometriale, si può osservare quanto segue:

    • disturbi dello sviluppo embrionale;
    • la comparsa di malattie congenite nel bambino;
    • aborto spontaneo.

    Oltre a queste conseguenze, i cambiamenti ormonali causati dal concepimento di un bambino possono aumentare significativamente la probabilità che una malattia benigna degeneri in oncologia. Per questo motivo, quando viene rilevata l'iperplasia, i medici consigliano vivamente di interrompere artificialmente la gravidanza, quindi sottoporsi a un esame completo e un corso di terapia.

    Per evitare ciò, è necessario pianificare. Con lo sviluppo dell'iperplasia, una donna prima della gravidanza deve sottoporsi a un esame completo e iniziare un trattamento adeguato.

    È quasi impossibile diagnosticare in modo indipendente l'iperplasia endometriale. Ciò è dovuto al fatto che una tale malattia non ha sintomi specifici. Principalmente le donne si rivolgono al ginecologo lamentandosi di non essere in grado di rimanere incinta, infertilità. Tale complicazione si verifica sullo sfondo di una malattia avanzata, le sue fasi precedenti possono manifestarsi con i seguenti sintomi:

    • aumento della durata delle mestruazioni;
    • fallimento del ciclo mestruale;
    • la comparsa di abbondanti mestruazioni;
    • la presenza di piccoli sanguinamenti uterini;
    • forte dolore nella regione addominale inferiore.

    Se si verificano questi sintomi, è necessaria una visita medica urgente. Ciò è dovuto al fatto che quando la patologia viene rilevata in una fase precoce, il suo trattamento è notevolmente semplificato. E una terapia efficace ti consente di mantenere la capacità di concepire un bambino.

    Quando compaiono i suddetti segni di patologia, è necessario prestare attenzione alla presenza di fattori che provocano il suo sviluppo. Le principali cause della malattia includono:

    • terapia ormonale irrazionale;
    • disfunzione, tumori, ovaio policistico;
    • disturbi del sistema immunitario;
    • fibromi uterini;
    • ipertensione
    • malattie della ghiandola endocrina;
    • endometriosi;
    • la presenza di patologie a trasmissione sessuale;
    • diabete;
    • mastopatia
    • aborto frequente, curettage;
    • difetti uterini congeniti;
    • obesità;
    • patologia epatica;
    • predisposizione genetica.

    Preparazione per isteroscopia con curettage dell'endometrio

    Quali test devono essere superati:

    • Striscio vaginale "sulla flora": esame della secrezione vaginale per purezza.
    • Test PAP: striscio cervicale "per citologia".
    • Analisi generale delle urine.
    • Determinazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh.
    • Emocromo completo con formula leucocitaria.
    • Chimica del sangue:
      • proteine ​​totali,
      • creatinina,
      • urea,
      • ALT, AST
      • bilirubina totale, diretta, indiretta,
      • PTI
    • Sangue per i marcatori del virus dell'epatite: HBsAg, Anti-HCV.
    • Test HIV.
    • Esame del sangue della sifilide: PB / OPC.
    • Coagulogram.
    • FLO (fluorografia).
    • ECG (elettrocardiografia).
    • Ultrasuoni transvaginali degli organi pelvici.
    • Cardiologo.
    • Anestesista (informi il medico dei casi di allergie ai farmaci).
    • Se necessario: esame da parte di altri specialisti.

    Igiene personale prima dell'operazione programmata:

    • Al mattino (il giorno dell'intervento) fai una doccia igienica, lavati i denti, lavati, raditi con cura l'area genitale.

    Pasti il ​​giorno dell'intervento:

    • Non bere sutra, non mangiare (4-6 ore prima dell'anestesia, non puoi mangiare cibo e liquidi).
    • Se stai costantemente assumendo farmaci, informa in anticipo il tuo anestesista. Al mattino, le compresse consentite devono essere deglutite con un bicchiere d'acqua.

    Immediatamente prima dell'operazione (se necessario):

    • Libera la cavità orale: rimuovi protesi dentarie, piercing.
    • Rimuovere le lenti a contatto, l'apparecchio acustico.
    • Rimuovi gioielli.

    Come è il curettage endometriale

    Anestesia: l'anestesia endovenosa è preferita..

    Durata dell'operazione: tempo totale dell'intera procedura: circa 20 minuti.

    Dopo la registrazione in ospedale e la formazione necessaria, l'operatore sanitario invita il paziente in sala operatoria.

    Una donna viene posizionata su una sedia ginecologica per operazioni intrauterine.

    I genitali esterni e la vagina vengono disinfettati con un agente contenente iodio. L'urina viene deviata da un catetere. Misurazione della pressione sanguigna, conteggio delle pulsazioni.

    Viene somministrata l'anestesia (anestesia endovenosa generale a breve termine).

    Curette uterina - uno strumento chirurgico per il curettage dell'endometrio

    La vagina è espansa da uno "specchio" ginecologico. La cervice è fissata con strumenti speciali. Il canale cervicale viene gradualmente "aperto" dai dilatatori di Geghar. Quindi la curetta uterina n. 1-2 viene eseguita curettage (curettage) della superficie del canale cervicale.

    Curettage del canale cervicale

    La raschiatura risultante della mucosa cervicale viene posta in una bottiglia separata con formalina..

    Quindi, con l'aiuto di un dispositivo isteroscopio, viene eseguita una isteroscopia diagnostica panoramica.

    Isteroscopia. Iperplasia endometriale: endometrio ispessito sotto forma di pieghe

    Dopo una valutazione visiva delle mucose dell'utero.
    Una curette n. 4 viene inserita nella cavità uterina e viene eseguito il curettage delle pareti dell'utero: successivo accurato raschiamento dello strato funzionale dell'endometrio da tutte le superfici interne dell'utero e l'area degli angoli uterini.

    L'accuratezza della rimozione dell'endometrio viene valutata mediante isteroscopia..

    Tutto il tessuto raccolto dalle pareti dell'utero viene posto in una seconda bottiglia con un conservante.

    Dopo aver completato l'isteroscopia di curettage e di controllo, lo strumento endoscopico e gli strumenti chirurgici vengono rimossi. La vagina viene pulita con un batuffolo di cotone asciutto dai resti di sangue e tessuti. La cervice viene trattata con tintura di iodio. Decollano gli "specchi" vaginali.

    Una vescica di ghiaccio viene posizionata sulla parte inferiore dell'addome del paziente. Se necessario (in caso di diminuzione del tono uterino) fare un'iniezione di ossitocina, che riduce l'utero.

    Entrambi i contenitori con endocervice e campioni endometriali sono etichettati e inviati a un laboratorio istologico.

    Periodo postoperatorio

    Al termine dell'operazione, il paziente è sotto controllo medico nel reparto ospedaliero per 2 ore. Quindi, dopo aver valutato le condizioni generali e ricevuto le raccomandazioni individuali del chirurgo, può essere lasciata andare a casa.

    • Dolore: disagio nell'addome inferiore durante le prime ore dopo l'intervento. Il dolore minore ricorda il dolore mestruale.
    • Scariche: globuli rossi sanguinanti, non intensi, individuabili - possono essere osservati entro 5-10 giorni dopo l'intervento chirurgico.
    • Temperatura corporea: nei primi tre giorni dopo l'intervento chirurgico, un aumento serale della temperatura corporea a 37,3 gradi è considerato normale.
    • Terapia antibatterica: antibiotici, antinfiammatori, analgesici dopo il curettage dell'utero sono prescritti da un medico secondo le indicazioni individuali.
    • Mestruazioni dopo l'intervento chirurgico: si verificano in 28-31 giorni (in tempo) o con un breve ritardo (settimanale).
    • La temperatura corporea è salita sopra i 38 gradi.
    • Rivelato sanguinamento uterino profuso.
    • Grave dolore nell'addome inferiore e / o secrezione con un odore sgradevole.
    • Guida: è vietato guidare qualsiasi veicolo dopo aver applicato l'anestesia - entro 24 ore.
    • Attività fisica: limitare il sollevamento di pesi superiori a 3 kg - entro 1 mese.
    • La vita sessuale è vietata per 2-3 settimane.
    • Non è possibile utilizzare tamponi igienici, doccia, andare in sauna, bagno, piscina - per 1 mese.
    • Sostituisci il bagno con una doccia igienica - entro 2 settimane.

    Concezione e pianificazione della gravidanza dopo iperplasia endometriale uterina e ovarica: controindicazioni e conseguenze

    Il curettage diagnostico eseguito correttamente della cavità uterina con iperplasia endometriale non ha conseguenze negative.

    Questa piccola operazione non influisce sulla capacità fertile di una donna e in alcuni casi migliora la prognosi riproduttiva.

    Ma, come qualsiasi operazione, il curettage e l'isteroscopia con iperplasia endometriale in rari casi non escludono complicazioni.

    • Processi infettivi e infiammatori dell'endometrio, cervice.
    • Esacerbazione di malattie infiammatorie croniche della zona genitale.
    • Lesione meccanica della cervice, perforazione dell'utero.
    • Sanguinamento uterino.
    • Hematometer.
    • Complicanze chirurgiche associate all'anestesia, dr.
    • La formazione di aderenze intrauterine.

    Se il paziente segue tutte le raccomandazioni del medico curante, un'adeguata preparazione preoperatoria e le qualifiche appropriate del personale medico, il rischio di sviluppare conseguenze negative del curettage diagnostico dell'utero è trascurabile.

    Come ripristinare l'endometrio dopo il curettage

    Di norma, la mucosa uterina dopo la "pulizia" viene ripristinata in modo indipendente, senza difficoltà.

    Se l'endometrio non cresce dopo il curettage o non è sufficientemente compensato per stimolarne efficacemente la riparazione, applicare:

    • Estrogeni coniugati: Hormoplex, Premarin, Estrofeminal - secondo uno schema individuale.
    • COC monofasici: Logest, Mercilon, Lindinet-20, Microgenon, Rigevidon, ecc. - 21 giorni.

    Gravidanza e iperplasia endometriale: sono compatibili, come rimanere incinta dopo il trattamento, è possibile fare Eco con iperplasia

    Il trattamento dell'iperplasia endometriale è prescritto dopo la conferma istologica della diagnosi

    Le tattiche di gestione del paziente in ciascun caso sono individuali e dipendono dalla forma di iperplasia, età e piano riproduttivo del paziente, concomitante patologia ginecologica e somatica.

    L'iperplasia tipica è spesso trattata con COC monofasici a basso dosaggio o progestinici puri (Duphaston, Utrozhestan, Provera, ecc.) Con un ciclo da 3 a 6 mesi.

    Maggiori informazioni: trattamento dell'iperplasia endometriale

    L'efficacia del trattamento viene valutata ogni 3 mesi mediante ecografia e / o biopsia endometriale del tubo..

    L'iperplasia con atipia richiede una terapia ormonale continua per 6 mesi o più.

    Isteroscopia. Iperplasia atipica o precancer endometriale

    Iperplasia endometriale atipica in menopausa dopo il curettage viene trattata radicalmente: l'utero viene rimosso. Leggi questo in dettaglio nell'articolo: Iperplasia endometriale atipica

    Non esiste un singolo algoritmo per la gestione di pazienti di età inferiore ai 48 anni con iperplasia cistica ghiandolare tipica.

    In alcuni casi, dopo il curettage, viene eseguita un'osservazione dinamica con controllo a ultrasuoni, poiché il curettage endometriale in sé è una procedura medica.
    In altri, viene prescritta una terapia ormonale con COC o gestageni monofasici..

    Raccomandazioni internazionali per il trattamento dell'iperplasia endometriale cistica ghiandolare dopo il curettage leggi in dettaglio:
    Iperplasia endometriale cistica ghiandolare

    La tattica del trattamento dell'iperplasia durante la perimenopausa mira a ottenere una cessazione stabile delle mestruazioni con l'aiuto di preparati A-GnRH o progestinici iniettabili (Depo-Provera).

    Nelle donne anziane che soffrono di obesità, ipertensione, diabete, iperplasia endometriale ghiandolare-cistica (dopo il curettage e la conferma istologica) vengono prontamente trattate.

    Gli ormoni governano il sistema riproduttivo femminile. Pertanto, qualsiasi deviazione dal loro naturale equilibrio nel corpo porterà a malattie che impediscono la gravidanza. Previene la gravidanza e l'iperplasia endometriale.

    Una patologia pericolosa non consentirà il concepimento, violerà i termini del ciclo mestruale. E una delle sue forme "accompagna" i tumori cancerosi..

    Per non "perdere" lo sviluppo della malattia, è importante che le donne che sognano il concepimento siano sottoposte a un regolare esame ginecologico.

    Endometrio - uno strato che copre la cavità uterina. Mensilmente prende parte direttamente all'ovulazione. Un graduale aumento delle dimensioni del tessuto connettivo si verifica in un giorno significativo della possibile fusione di cellule germinali maschili e femminili.

    Tali cambiamenti sono necessari affinché un uovo fecondato possa ottenere un punto d'appoggio affidabile nella cavità uterina e continuare il suo sviluppo nei tessuti endometriali. Se lo strato interno dell'utero è troppo sottile, una concezione già trattenuta si spezzerà, causando un aborto spontaneo.

    Tuttavia, ci sono situazioni in cui l'infertilità è causata dalla proliferazione dell'endometrio. Tale deviazione è associata a violazioni dello sfondo ormonale di una donna, a cui lo strato uterino reagisce bruscamente. Una mancanza di progesterone in combinazione con un eccesso di estrogeni impedisce all'endometrio di svilupparsi nella sua forma ciclica naturale. Cresce costantemente, quindi una donna non ovula.

    L'iperplasia dell'endometrio uterino è pericolosa perché induce il ciclo mestruale a "smarrirsi", inizia il sanguinamento uterino profuso al di fuori dei cicli. Tuttavia, i più pericolosi sono le cisti e i polipi endometriali, che sono la causa dello sviluppo di tumori maligni.

    È difficile determinare la causa affidabile del "litigio" di progesteroni ed estrogeni. Tuttavia, i medici ritengono che tali fattori influenzino questo processo:

    • Tumore ovarico;
    • Cisti sulle ovaie;
    • Disturbi di natura neuroendocrina;
    • Patologia della tiroide;
    • Diabete;
    • Compromissione della funzione surrenalica e del fegato;
    • Ipertensione;
    • Fibromi uterini;
    • Obesità.

    Va notato che gravi fattori provocatori che influenzano lo squilibrio ormonale delle donne:

    • Processi infiammatori e infettivi;
    • Interventi chirurgici sulla cavità uterina (curettage, aborto e altri danni meccanici alla mucosa);
    • Difesa immunitaria ridotta;
    • Stress frequente a lungo termine.

    L'iperplasia endometriale è una patologia formidabile che occupa il secondo posto tra le malattie del sistema riproduttivo. Diventa una causa comune di infertilità femminile.

    La pianificazione della gravidanza per le donne con una patologia fissa della crescita endometriale è un compito ingrato. La mancanza di un'ovulazione regolare causata da disturbi ormonali, disturbi strutturali della mucosa uterina non consentirà il concepimento.

    Va notato che in alcuni casi è possibile una gravidanza con iperplasia endometriale. Tuttavia, non durerà a lungo. Tale concezione provoca aborti spontanei o gravi violazioni nello sviluppo del feto.

    Considera le forme della malattia che differiscono nella variante istologica e la probabilità di concepimento con esse.

    La forma ghiandolare è un processo benigno di cambiamento della mucosa uterina. È caratterizzato da una violazione della posizione delle ghiandole nello stroma, che diventano sinuose. Si sviluppa in forma acuta e cronica..

    La presenza di alterazioni cistiche nello strato ispessente dell'endometrio indica disturbi pronunciati in cui sono fissate le ghiandole cistiche. A causa di tali trasformazioni, una donna non ovula. Cioè, parlare di gravidanza con iperplasia endometriale sinusoidale non ha senso. Il concepimento è impossibile.

    Questa forma patologica è più complicata. Con iperplasia atipica, le ghiandole crescono ancora più velocemente. Tuttavia, i loro cambiamenti strutturali, che causano lo sviluppo di tumori maligni, sono più pericolosi per la salute delle donne. Infertilità: un fedele compagno della malattia.

    La divisione dell'iperplasia in forme viene effettuata dalla sua localizzazione.

    Con forma focale

    L'iperplasia focale è caratterizzata dalla localizzazione di cellule endometriali "affette" in una specifica area dell'utero. Il suo sviluppo è fissato in polipi, uno strato invariabile dell'endometrio, cisti.

    Nel 5% di tutti i casi registrati, l'iperplasia della mucosa sembra la formazione di un polipo endometriale (le singole parti della mucosa crescono con lo stroma sottostante). Se nelle forme ghiandolari è fissato come componente ghiandolare principale, nei polipi fibrosi c'è più tessuto connettivo.

    Lo strato modificato colpisce l'intera superficie della mucosa uterina. Lo strato cresce in modo uniforme. In questo caso, la proliferazione delle cellule endometriali aumenta parallelamente al volume della mucosa.

    Trattamento

    La diagnosi di iperplasia endometriale non è una frase. Se la patologia viene rilevata in tempo e il corso della terapia è selezionato correttamente, la donna ha l'opportunità di diventare madre.

    Il medico sarà in grado di scegliere il regime terapeutico corretto dopo un esame dettagliato, che rivelerà lo stadio della malattia e la sua forma. Per questo, viene eseguito un esame istologico di campioni endometriali. La direzione principale della diagnosi è comprendere ed eliminare il fattore che ha causato i cambiamenti ormonali patologici. Dopo aver ricevuto i dati necessari durante lo studio, il medico prescrive un regime terapeutico individuale.

    Se la patologia è nella fase iniziale del suo sviluppo, vengono trattate con farmaci a base di ormoni. Il loro compito è bilanciare il rapporto tra estrogeni e progesterone nel corpo di una donna.

    Durante la terapia, il medico prescrive tali farmaci:

    • Contraccettivi orali o farmaci ormonali;
    • Medicinali del gruppo dei gestageni (Duphaston);
    • Complessi vitaminici;
    • Preparati di ferro.

    Ricorda che la selezione indipendente di farmaci e il loro dosaggio è inaccettabile! Solo il medico curante dovrebbe occuparsi della selezione dei medicinali e della determinazione dei dettagli della loro somministrazione. Tiene conto di molti fattori: età, salute e peso della donna, presenza di altre malattie.

    Se la terapia conservativa non ha avuto successo o la malattia è iniziata, viene utilizzata l'isteroscopia con curettage dello strato endometriale "extra". Tale intervento chirurgico è sicuro. Ti consente di mantenere le capacità riproduttive delle donne.

    Nella maggior parte dei casi, la terapia dura almeno sei mesi. Sarà necessario lo stesso tempo per ripristinare l'equilibrio ormonale, il ciclo mestruale e il processo di ovulazione.

    Se vengono seguite tutte le raccomandazioni del medico, una gravidanza di successo sarà una ricompensa per la donna per un lungo trattamento. Tuttavia, tale concezione è meglio pianificata. La gravidanza dopo il trattamento con farmaci ormonali è prevista entro un mese dalla cancellazione dei farmaci "gravi". Dopo l'intervento chirurgico, il periodo di riabilitazione è più lungo, circa sei mesi.

    Per aumentare le possibilità di gravidanza dopo l'iperplasia endometriale, una donna deve seguire queste regole:

    • Sottoporsi a esami ginecologici preventivi;
    • Qualsiasi sanguinamento vaginale o perdite insolite dovrebbe essere la ragione per cure mediche immediate;
    • Controllo del peso;
    • Evitare sconvolgimenti emotivi e stress;
    • Rifiutare da cattive abitudini;
    • Equilibrio nutrizionale.

    Dopo un corso completo di trattamento e riabilitazione, viene eseguita una seconda diagnosi. Con il suo aiuto, viene determinato il successo della terapia.

    Eco con iperplasia

    Se, dopo una terapia prolungata, non si verifica il concepimento tanto atteso, i medici raccomandano alla donna di cercare aiuto dalla fecondazione in vitro. Tuttavia, ciò non significa che l'uso della "gravidanza da una provetta" sia possibile senza il trattamento della patologia.

    Iperplasia endometriale e fecondazione in vitro sono gli stessi concetti incompatibili di questa malattia e concezione naturale. Dopotutto, i cambiamenti nei tessuti endometriali non ti permetteranno di "selezionare" le uova necessarie, perché l'ovulazione non si verifica con la patologia. Anche se si verifica un miracolo, uno zigote addestrato non sarà in grado di "catturare" lo strato uterino per continuare il suo sviluppo.

    Tuttavia, dopo aver rimosso "l'eccesso" e il pericoloso strato uterino, riportando l'equilibrio ormonale alla normalità, una donna ha tutte le possibilità di diventare una madre felice.

    Up