logo

La frequenza di rilevazione del DNA del papillomavirus umano (HPV) nelle donne in gravidanza varia a seconda della popolazione. L'HPV è un fattore significativo nel verificarsi di aborto spontaneo, parto prematuro, preeclampsia e età gestazionale a basso peso alla nascita. Quando HPV m

La frequenza di rilevazione del DNA del papilloma virus umano (HPV) nelle donne in gravidanza varia a seconda della popolazione. L'HPV è un fattore significativo di aborti spontanei, parto pretermine, pre-eclampsia, basso peso nel periodo di gestazione del feto. Con HPV, può verificarsi un'infezione verticale o ematogena del feto. Il rischio di contaminazione è ridotto a causa del parto cesareo e nel caso in cui livelli di proteina C reattiva superiori a 10 mg / dL.

Il papillomavirus umano (HPV) è uno dei patogeni a trasmissione sessuale più comuni [1]. L'HPV è un virus a DNA che infetta l'epitelio squamoso multistrato della vagina, della cervice, del retto, della laringe, delle tonsille e della faringe [1]. In presenza di questo patogeno, sia nei portatori di infezione asintomatici che nei pazienti con carcinoma cervicale, i tipi più oncogenici (BOT) 16 e 18 sono spesso rilevati [2]. L'HPV avvia l'insorgenza di neoplasie maligne nella zona anogenitale, rinofaringe [1] ed è un componente necessario della malignità del processo patologico [2]. Quando integrato nel genoma di una cellula ospite, l'HPV può anche influenzare la salute riproduttiva, la fertilità, i risultati ostetrici e neonatali [1].

Lo scopo di questa recensione era di riassumere lo stato attuale dei dati scientifici che riflettono l'impatto dell'HPV sulla gravidanza e il suo esito e rispondere alle seguenti domande: la presenza della gravidanza è un fattore che provoca l'infezione da HPV? se l'infezione influisce sulla possibilità del concepimento; qual è il ruolo dell'HPV nel verificarsi di complicanze ostetriche, esiste il rischio di trasmissione verticale dell'HPV al feto.

Metodi di ricerca

Una revisione delle pubblicazioni nel periodo 2013-2018 del database della Biblioteca Nazionale di Medicina PubMed e della biblioteca scientifica scientifica russa eLIBRARY.RU è stata effettuata utilizzando le seguenti condizioni di ricerca: gravidanza e HPV. Le pubblicazioni sono state incluse nella recensione se hanno affrontato i seguenti problemi:

1) la frequenza di HPV durante la gravidanza;
2) risultati della vaccinazione;
3) fertilità;
4) complicazioni nelle donne in gravidanza;
5) il rischio di infezione del feto e del neonato.

Risultati della ricerca

La frequenza di HPV durante la gravidanza

Esistono vari punti di vista sia sulla frequenza dell'infezione che sulla rilevazione del virus BOT nelle donne in gravidanza. Nella popolazione incinta, la frequenza dell'infezione da HPV è variabile e può essere bassa - 1,3% [3] o alta - 24,3% [4]. Il rilevamento di VOT HPV nelle donne in gravidanza raggiunge il 68,2% [4]. Un certo numero di ricercatori non trova cambiamenti nella frequenza di rilevazione dell'HPV durante la gravidanza [5] e non nota cambiamenti nella carica virale durante il periodo di gestazione [5]. Altri autori identificano sia una più alta infezione delle donne in gravidanza [6] con un picco nel rilevamento di HPV nel secondo trimestre di gravidanza [4, 6], sia un cambiamento nella frequenza di BOT [4] con la massima espressione di DNA nel terzo trimestre [4]. Aumentare il rischio di rilevare l'infezione da HPV in donne in gravidanza di età superiore ai 24 anni (40%), razza Negroide (30%), fumo (20%) e clamidia urogenitale [7].

Vaccinazione contro l'HPV

Gli studi non hanno rivelato un effetto negativo della vaccinazione sia prima della gravidanza [8] che nel periodo periovulatorio [9] o all'inizio della gravidanza [6] sulla frequenza dell'aborto spontaneo, del parto prematuro, delle malformazioni congenite del feto, della sua morbilità e del parto morto [8-10].

Nel 2018, M. Arbyn [10] ha scoperto che la vaccinazione contro l'HPV eseguita prima della gestazione riduce il rischio di rilevazione della gravidanza di CIN (neoplasia cervicale intraepiteliale della cervice uterina) II (dal 287/10 000 al 2/10 000), CIN III ( da 70/10 000 a 0/10 000) e carcinoma cervicale invasivo (da 10/10 000 a 0/10 000).

Nel 2017, B. Lawton [11], valutando i risultati ostetrici nelle donne che hanno ricevuto un vaccino tetravalente prima della gravidanza, ha notato una riduzione del 13% del tasso di natalità pretermine (OR 0,87; IC al 95% 0,78-0,96). Il tasso di incidenza della preeclampsia e il tasso di nati morti nei pazienti non è cambiato [11].

Fertilità HPV

Esistono diversi punti di vista sul cambiamento della fertilità durante l'infezione da HPV. Alcuni ricercatori hanno scoperto che quando il virus è integrato nella testa dello sperma, la sua motilità diminuisce, aumenta il numero di anticorpi antisperma [12], il che viola il processo di fecondazione [1, 13] e le blastocisti risultanti hanno un potenziale di impianto inferiore a causa del danno cellulare del trofoblasto, che può essere una causa di aumento del rischio di aborto spontaneo [14]. Pertanto, l'HPV riduce la vitalità delle cellule riproduttive..

Tuttavia, in altri lavori [1, 15], non è stata trovata alcuna correlazione tra entrambi i tipi BOT e bassi oncogeni di HPV con pH dello sperma, il suo volume, il conteggio totale degli spermatozoi, la loro motilità e la presenza di anticorpi dello sperma, che hanno suggerito l'assenza di un effetto significativo dell'infezione da HPV sulla fertilità.

In uno studio sul possibile impatto dell'HPV sull'esito delle tecnologie di riproduzione assistita (ART), C. E. Depuydt [16] ha osservato che le donne infette hanno una probabilità 6 volte inferiore di rimanere incinta con inseminazione intrauterina (p = 0,0041).

Altri ricercatori hanno ottenuto dati in cui è stato scoperto che durante l'ART, solo l'infezione da HPV del paziente non modifica la fertilità e l'esito della gravidanza [17], e una diminuzione della frequenza del concepimento si verifica solo quando il partner è infetto [17].

Complicanze della gravidanza con infezione da HPV

Le complicanze più comuni dell'infezione da HPV, secondo alcuni ricercatori, sono l'aborto spontaneo [18] e il parto prematuro [7, 18]. Uno studio dettagliato dell'effetto dell'HPV sull'aborto ha rivelato che l'agente patogeno è in grado di peggiorare il processo di impianto e la crescita del trofoblasto [19]. Al fine di verificare la genesi infettiva dell'aborto spontaneo, è stato condotto uno studio sulla membrana deciduale dell'utero e del corione nelle donne con infezione da HPV [20]. È stato scoperto che il DNA HPV del 6 °, 11 °, 58 °, 66 ° e 82 ° tipo è stato trovato nei tessuti studiati nel 9,9% dei casi [20]. È stato riscontrato che la prevalenza dell'infezione da HPV durante il parto pretermine tra i pazienti raggiunge il 18,1% (p = 0,019) [21]. È stata stabilita una correlazione tra carica virale, espressione della proteina MMP2 (matrice metalloproteinasi 2) e termine di parto pretermine [21].

In caso di infezione da HPV, sono state rilevate più spesso la minaccia di interruzione della gravidanza [7, 18, 22], preeclampsia [7], un feto con scarsa età gestazionale [7], anemia di donne in gravidanza [22], oligohydramnios o polidramnios [22]. Durante il parto è stata rivelata una frequenza più elevata di debolezza del lavoro [22]. È stata stabilita una correlazione diretta tra carica virale e rischio di trauma del canale del parto [22]. La stessa frequenza di complicanze della gravidanza e del travaglio è stata osservata sia con infezione da HPV asintomatica che in presenza di manifestazioni cliniche sotto forma di CIN II - III [22].

Numerosi altri studi hanno messo in dubbio il ruolo dell'HPV nella genesi delle complicanze ostetriche [3, 7]. In questi studi non è stata trovata alcuna correlazione tra infezione da HPV e frequenza dell'aborto spontaneo [23], parto prematuro [3, 24], placentite [24], rottura prematura delle membrane dei frutti [3], insufficienza ischemico-cervicale [3], preeclampsia [3] ] e distacco prematuro della placenta [3]. È stato notato il fatto della riduzione della frequenza della nascita prematura [22] e del parto chirurgico [7] durante l'infezione da HPV..

Il rischio di contaminazione fetale e neonatale in presenza di HPV in una donna incinta

Nello studio di possibili infezioni fetali, il DNA dell'HPV è stato rilevato nel sangue cordonale nel 2,2–13% [25, 26], nella placenta nel 4–14% [25, 26], nel canale del parto nel 24% [25, 26] e colostro nello 0,8% [25]. È stato stabilito che il più alto tasso di infezione della placenta è associato al rilascio del DNA patogeno nel primo trimestre di gravidanza [26]. La frequenza della contaminazione da HPV di un neonato durante il parto naturale potrebbe raggiungere l'11,2–58,2% [25–27], di cui BOT - fino al 40–70% delle osservazioni [25, 27].

Altri ricercatori hanno scoperto una frequenza inferiore di infezione dei neonati con trasporto asintomatico di HPV da parte della madre - 5,2% [28]. Nei bambini contaminati, l'agente patogeno viene successivamente eliminato, ma nell'11% l'isolamento del DNA dell'HPV persiste fino a 24 mesi di vita [26]. Sono stati stabiliti i seguenti fattori ad alto rischio per la contaminazione del neonato: elevata carica virale, specialmente nel primo trimestre di gravidanza, presenza di un agente patogeno nel canale cervicale di una donna incinta, infezione mista del paziente [26].

È stato scoperto che quando la concentrazione di proteina C reattiva nel siero di sangue nelle donne in gravidanza è superiore a 10 mg / dl (p = 0,001), il rischio di trasmissione verticale dell'HPV dalla madre al feto si riduce [27].

Gli studi di K. Chatzistamatiou [29] hanno scoperto che il taglio cesareo elettivo porta a tassi significativamente più bassi di infezione da HPV nei neonati rispetto alle nascite naturali (14,9% e 28,2%, rispettivamente) [29].

È stato rivelato che dopo la vaccinazione con il vaccino tetravalente HPV nel sangue del cordone ombelicale nei neonati, gli anticorpi anti HPV del 6o ceppo sono determinati nel 67% dei casi, HPV dell'11o ceppo nell'83%, HPV del 16o ceppo nel 92% e HPV 18- ceppo - nel 39%, che può prevenire l'infezione del feto [30].

Conclusione

Pertanto, allo stato attuale, i dati sugli effetti dell'infezione da HPV sulla gravidanza sono contraddittori. Secondo i ricercatori, la frequenza di rilevazione del DNA dell'HPV nelle donne in gravidanza varia tra le diverse popolazioni dall'1,3% al 24,3%. L'HPV viene diagnosticato nel secondo trimestre di gravidanza più spesso che nel primo trimestre; il massimo rilevamento di HPV HPV si verifica nel III trimestre. Il rischio di infezione da HPV aumenta l'età di una donna incinta di età superiore ai 24 anni, una razza nera, il fumo, la clamidia urogenitale. La vaccinazione porta a una riduzione significativa della frequenza di diagnosi nelle donne in gravidanza con neoplasia cervicale intraepiteliale II - III, carcinoma cervicale e parto prematuro. La vaccinazione effettuata durante il periodo periovulatorio o all'inizio della gravidanza non influisce negativamente sul corso della gravidanza o sulle condizioni del feto e ha un effetto protettivo sull'infezione del neonato.

L'infezione da HPV di un partner sessuale può portare a una diminuzione della possibilità di concepimento e all'inizio di un aborto spontaneo. L'HPV è un fattore di rischio per l'aborto spontaneo, il parto prematuro, la preeclampsia e la formazione di un feto gestazionale non ponderato..

Con l'HPV, può verificarsi un'infezione verticale o ematogena del feto. Il rischio di contaminazione può essere ridotto da un intervento chirurgico (taglio cesareo elettivo) e dal parto con una proteina reattiva C sierica in gravidanza superiore a 10 mg / dl.

Altri ricercatori hanno notato la stabilità del tasso di infezione da HPV durante la gravidanza, l'assenza dell'effetto dell'HPV sulla fertilità e le complicanze ostetriche. Questi lavori indicano che l'infezione da HPV del paziente non appartiene ai principali fattori decisivi che determinano il complicato decorso della gestazione, del travaglio e delle condizioni del feto.

Pertanto, lo stato della domanda sulla natura dell'effetto dell'HPV sulla gravidanza e il risultato per il neonato rimane in molti modi controverso, controverso, che richiede ulteriori ricerche in questo gruppo di pazienti.

Letteratura

  1. Zacharis K., Messini C. I., Anifandis G., Koukoulis G., Satra M., Daponte A. Papilloma virus umano (HPV) e fecondazione: una mini recensione. [Risorsa elettronica] // Medicina (Kaunas). 2018. lug. 27. Vol. 54, Numero 4. P. 50. URL: https://www.mdpi.com/1010-660X/54/4/50, gratuito. Il titolo dallo schermo. (Data del trattamento 02.12.2018). DOI: 10.3390 / medicina54040050.
  2. Piccolo W. Jr., Bacon M. A., Bajaj A., Chuang L. T., Fisher B. J., Harkenrider M. M., Jhingran A., Kitchener H. C., Mileshkin L. R., Viswanathan A. N., Gaffney D. K. Cancro cervicale: una crisi sanitaria globale. [Risorsa elettronica] // Cancro. 2017. lug. 1; Vol, 123, Numero 13. P. 2404-2412. URL: https://jhu.pure.elsevier.com/en/publications/cervical-cancer-a-global-health-crisis/ Titolo dello schermo. (data del trattamento 02.12.2018). DOI: 10.1002 / cncr.30667. Epub 2017, 2 maggio.
  3. Nimrodi M., Kleitman V., Wainstock T., Gemer O., Meirovitz M., Maymon E., Benshalom-Tirosh N., Erez O. L'associazione tra infiammazione cervicale ed evidenza istologica dell'HPV negli strisci PAP e esiti avversi in gravidanza nella popolazione a basso rischio. [Risorsa elettronica] // Eur. J. Obstet. Gynecol. Reprod. Biol. 2018. Jun. 225. P. 160–165. DOI: 10.1016 / j. ejogrb.2018.04.023. Epub 2018 20 aprile. URL: https://www.ejog.org/article/S0301-2115(18)30190-8/fulltext (consultato il 12/02/2018).
  4. Kim Y. H., Park J. S., Norwitz E. R., Park J. W., Kim S. M., Lee S. M., Park C., Kim B. J., Koo J. N., Oh I. H., Song, Y. S. Genotipica prevalenza dell'infezione da papillomavirus umano durante la gravidanza normale: uno studio trasversale? [Risorsa elettronica] // J. Obstet. Gynaecol. Res. 2014. Volume 40. P. 200–207. DOI: 10.1111 / jog.12155. URL: https://ru.scribd.com/document/328039652/Genotypic-prevalence-of-human-papillomavirus-infection-during-normal-pregnancy-A-cross-sectional-study. (Data di accesso 12/02/2018).
  5. Trottier H., Mayrand M. H., Baggio M. L., Galan L., Ferenczy A., Villa L. L., Franco E. L., Ludwig-McGill Cohort Study Group. Rischio di infezione da papillomavirus umano (hpv) e neoplasia cervicale dopo la gravidanza. [Risorsa elettronica] // BMC Gravidanza Parto. 2015. ottobre 7. Vol. 15. P. 244. DOI: 10.1186 / s12884–015–0675–0. DOI: 10.1186 / s12884–015–0675–0. URL: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26446835 (consultato il 12/02/2018).
  6. Liu P., Xu L., Sun Y., Wang Z. La prevalenza e il rischio di infezione da papillomavirus umano nelle donne in gravidanza. [Risorsa elettronica] // Epidemiol. Infettare. 2014. Vol. 142. Edizione 8. R. 1567-1578. URL: https://doi.org/10.1017/S0950268814000636 (data di accesso 12/02/2018).
  7. Kaur H., Schmidt-Grimminger D., Remmenga S. W., Chen B., Islam K. M., Watanabe-Galloway S. Il papillomavirus umano influenza gli esiti della gravidanza? Un'analisi dei dati ospedalieri 2012–2014. [Risorsa elettronica] // Int. J. Womens Health Wellness. 2015. DOI: 10.23937 / 2474-1353 / 1510006. URL: https://www.clinmedjournals.org/articles/ijwhw/international-journal-of-womens-health-and-wellness-ijwhw-1-006. php? jid = ijwhw. (Data di accesso 12/02/2018).
  8. Lipkind HS, Vazquez-Benitez G., Nordin JD, Romitti PA, Naleway AL, Klein NP, Hechter RC, Jackson ML, Hambidge SJ, Lee GM, Sukumaran L., Kharbanda EO Esiti materni e infantili dopo la vaccinazione papillomavirus umana nella percezione precettiva periodo o durante la gravidanza. [Risorsa elettronica] // Obstet. Gynecol. 2017. settembre Vol. 130. Edizione 3. R. 599-608. DOI: 10.1097 / AOG.0000000000002191. URL: https://journals.lww.com/greenjournal/pages/articleviewer.aspx?year=2017&issue=09000&article=00015&type=Fulltext (accesso 12/02/2018).
  9. Kharbanda EO, Vazquez-Benitez G., Lipkind HS, Sheth SS, Zhu J., Naleway AL, Klein NP, Hechter R., Daley MF, Donahue JG, Jackson ML, Kawai AT, Sukumaran L., Nordin JD Rischio spontaneo aborto dopo vaccinazione involontaria di papillomavirus umano in gravidanza. [Risorsa elettronica] // Obstet. Gynecol. 2018 lug. Vol. 132. Edizione 1. R. 35–44. doi: 10.1097 / AOG.0000000000002694. URL: http://www.scicombinator.com/articles/4047747 (accesso 12/02/2018).
  10. Arbyn M., Xu L., Simoens C., Martin? Hirsch P. P. Vaccinazione profilattica contro i papillomavirus umani per prevenire il cancro cervicale e i suoi precursori. [Risorsa elettronica] // Database Cochrane di revisioni sistematiche. 2018. Numero 5. Art. No: CD009069. DOI: 10.1002 / 14651858. CD009069. pub3. URL: https://www.researchgate.net/publication/325048497_Prophylactic_vaccination_against_human_papillomaviruses_to_prevent_cervical_cancer_and_its_precursors (accesso 12/02/2018).
  11. Lawton B., Howe A. S., Turner N., Filoche S., Slatter T., Devenish C., Hung N. A. Associazione della precedente vaccinazione contro l'HPV con ridotta nascita pretermine: uno studio basato sulla popolazione. [Risorsa elettronica] // Vaccino. 2018. 2 gennaio Vol. 36. Edizione 1. P 134-140. DOI: 10.1016 / j.vaccine.2017.11.11.020. Epub 2017, 27 nov. URL: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29174108 (consultato il 12/02/2018).
  12. Garolla A., Pizzol D., Bertoldo A., de Toni L., Barzon L., Foresta C. Association, prevalenza e clearance di papillomavirus umano e anticorpi antisperma in campioni di seme infetto di pazienti sterili. [Risorsa elettronica] // Fertil. Steril. 2013. Volume 99.P. 125–131. DOI: 10.1016 / j.fertnstert.2012.09.006. URL: https://www.researchgate.net/publication/232221933_Association_prevalence_and_clearance_of_human_papillomavirus_and_antisperm_antibodies_in_infected_semen_samples_from_infertile_patients (accesso 02.12.2018).
  13. Yang Y., Jia., C. W., Ma Y. M., Zhou L. Y., Wang, S. Y. Correlazione tra infezione da spermatozoi HPV e infertilità maschile. [Risorsa elettronica] // Asian J. Androl. 2013. Vol. 15. R. 529-532. DOI: 10.1038 / aja.2013.36. URL: https://www.researchgate.net/publication/236252566_Correlation_between_HPV_sperm_infection_and_male_infertility (accesso 12/02/2018).
  14. Noventa M., Andrisani A., Gizzo S., Nardelli G. B., Ambrosini G. È tempo di spostare l'attenzione sulle fasi iniziali dello sviluppo dell'embrione per evitare prove inconcludenti sull'infertilità correlata all'HPV: dibattito e proposta. [Risorsa elettronica] // Riproduce. Biol. Endocrinol. 2014. Vol. 12. R. 48. DOI: 10.1186 / 1477–7827–12–48. URL: https://rbej.biomedcentral.com/articles/10.1186/1477–7827–12–48 (accesso 12/02/2018).
  15. Luttmer R., Dijkstra M. G., Snijders P. J., Hompes P. G. Pronk D. T., Hubeek I., Berkhof J., Heideman D. A., Meijer C. J. Presenza di papillomavirus umano nello sperma in relazione alla qualità dello sperma. [Risorsa elettronica] // Hum. Reprod. 2016. Vol. 31. R. 280–286. DOI: 10.1093 / humrep / dev317. URL: http://paperity.org/p/87890906/presence-of-human-papillomavirus-in-semen-in-relation-to-semen-quality (accesso 12/02/2018).
  16. Depuydt C. E., Verstraete L., Berth M., Beert J., Bogers J. P., Salembie, G., Vereecken A. J., Bosmans E. La positività al papillomavirus umano nelle donne sottoposte a fecondazione intrauterina ha un effetto negativo sui tassi di gravidanza. [Risorsa elettronica] // Gynecol. Obstet Investire. 2016. Vol. 81. P. 41–46. DOI: 10.1159 / 000434749. URL: http://booksc.org/book/45539570/b46603 (accesso 12/02/2018).
  17. Siristatidis C., Vaidakis D., Sertedaki E., Martins W. P. Effetto dell'infezione da virus del papilloma umano sull'esito della fecondazione in vitro: revisione sistematica e meta-analisi. [Risorsa elettronica] // Ostacolo ad ultrasuoni. Gynecol. 2018. Vol. 51. R. 87–93. DOI: 10.1002 / uog.17550. URL: https://obgyn.onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1002/uog.17550 (accesso 12/02/2018).
  18. Xiong Y. Q., Mo, Y., Luo Q. M., Huo S. T., He W. Q., Chen Q. Il rischio di infezione da papillomavirus umano per aborto spontaneo, parto pretermine spontaneo e tasso di gravidanza delle tecnologie di riproduzione assistita: una revisione sistematica e una meta-analisi. [Risorsa elettronica] // Gynecol. Obstet Investire. 2018. URL: https://doi.org/10.1159/000482008 (consultato il 12/02/2018).
  19. Pereira N., Kucharczyk K., Estes J., Gerber R., Lekovich J., Elia R., Spandorfer S. Infezione da papillomavirus umano, infertilità e risultati riproduttivi assistiti. [Risorsa elettronica] // Journal of Pathogens. Vol. 2015. Articolo ID 578423. P 8.Http: //dx.doi.org/10.1155/2015/578423 (data di accesso 02.12.2018).
  20. De Freitas L. B., Pereira C. C., Merçon-de-Vargas P. R., Spano L. C. Papillomavirus umano nei tessuti fetali e materni da casi di aborto spontaneo. [Risorsa elettronica] // J. Obstet. Gynaecol. 2018. Jun. Vol. 8. R. 1–5. DOI: 10.1080 / 01443615.2018.1454408. URL: https://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/01443615.2018.1454408?journalCode=ijog20 (accesso 12/02/2018).
  21. Mosbah A., Barakat R., Nabiel Y., Barakat G. Papilloma virus umano ad alto e basso rischio associato al parto pretermine spontaneo: uno studio caso-controllo in un centro terziario, in Egitto. [Risorsa elettronica] // Matern Fetal Neonatal Med. 2018 marzo Vol. 31. Edizione 6. P. 720–725. DOI: 10.1080 / 14767058.2017.1297403. Epub 2017 6 marzo. URL: http://www.scicombinator.com/articles/3123622 (consultato il 12/02/2018).
  22. Kravchenko S. S., Zakharenkova T. N., Teslova O. A. Caratteristiche del decorso della gravidanza, del parto, del periodo postpartum e delle condizioni dei neonati nelle donne con infezione da papillomavirus genitale. Questioni sanitarie e ambientali. S. 59–65. URL: https://cyberleninka.ru/article/n/osobennosti-techeniya-beremennosti-rodov-poslerodovogo-perioda-i-sostoyanie-novorozhdennyh-u-zhenschin-s-genitalnoy-papillomavirusnoy (accesso 12/02/2018).
  23. Conde-Ferráez L., Chan May Ade, A., Carrillo-Martínez J. R., Ayora-Talavera G., González-Losa Mdel R. Infezione da papillomavirus umano e aborto spontaneo: uno studio caso-controllo condotto in Messico. [Risorsa elettronica] // Eur. J. Obstet. Gynecol. Reprod. Biol. 2013. Vol. 170. R. 468–473. DOI: 10.1016 / j. ejogrb.2013.07.002. URL: http://www.scicombinator.com/articles/576657 (consultato il 2 dicembre 2018).
  24. Breton Hernandez P., Garcés Valenzuela M., Moreno Romea E., Paules Tejero C., Benito R., Oros D. Infezione del tratto genitale inferiore da HPV: correlazione con disfunzione trofoblastica indotta da HPV nella nascita tardiva pretermine. [Risorsa elettronica] // Ostacolo ad ultrasuoni. Gynecol. 2014. Vol. 44. R. 68. DOI: 10.1002 / Uog.13656. URL: http://booksc.xyz/book/32593865/6e5f6e (accesso 12/02/2018).
  25. Teixeira L. O., Amaral S. C., Finger-Jardim F., da Hora V. P., Gonçalves C. V., Soares M. A., de Martinez A. M. Frequenza del papillomavirus umano nella placenta, nel colostro e nel sangue del cordone ombelicale. [Risorsa elettronica] // Rev. Bras. Ginecol. Obstet 2015 maggio. Vol. 37. Edizione 5. R. 203–207. DOI: 10.1590 / SO100-720320150005293. URL: http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0100-72032015000500203&lng=pt&nrm=iso&tlng=en (consultato il 12/02/2018).
  26. Trottier H., Mayrand MH, Coutlée F., Monnier P., Laporte L., Niyibizi J., Carceller AM, Fraser WD, Brassard P., Lacroix J., Francoeur D., Bédard MJ, Girard I., Audibert F Papillomavirus umano (HPV) trasmissione perinatale e rischio di persistenza dell'HPV nei bambini: design, metodi e risultati preliminari dello studio HERITAGE. [Risorsa elettronica] // Ris. Papillomavirus 2016 dicembre Vol. 2. R. 145–152. DOI: 10.1016 / j. pvr.2016.07.07.001. Epub 2016, 12 luglio. URL: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5886899/ (accesso 12/02/2018).
  27. Jach R., Galarowicz B., Huras H., Pawlik D., Basta T., Streb J., Wolski H., Ludwin A., Ludwin I. Trasmissione verticale dell'HPV in gravidanza. Uno studio clinico prospettico su donne in gravidanza HPV-positive. [Risorsa elettronica] // Ginekol Pol. 2014 settembre Vol. 85. Edizione 9. P.672–676. URL: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25322538 (accesso 12/02/2018).
  28. Lee S. M., Park J. S., Norwitz E. R., Koo J. N., Oh I. H., Park J. W., Kim S. M., Kim Y. H., Park C. W., Song Y. S. Rischio di trasmissione verticale del papillomavirus umano durante la gravidanza: uno studio prospettico. [Risorsa elettronica] // PLoS One. 13 giugno 2013 Vol. 8. Numero 6. R. 66368. DOI: 10.1371 / journal. pone.0066368. Stampa 2013. URL: http://www.oalib.com/references/15580227 (accesso 12/02/2018).
  29. Chatzistamatiou K., Sotiriadis A., Agorastos T. Effetto del modo di consegna sulla trasmissione verticale del papillomavirus umano - Una meta-analisi. [Risorsa elettronica] // J. Obstet. Gynaecol. 2016. Vol. 36. Edizione 1. R. 10-14. DOI: 10.3109 / 01443615.2015.1030606. Epub 2015 settembre 14. URL: http://www.scicombinator.com/articles/2059302 (consultato il 12/02/2018).
  30. Matys K., Mallary S., Bautista O., Vuocolo S., Manalastas R., Pitisuttithum P., Saah A. Trasferimento madre-bambino di anticorpi anti-papillomavirus umano (HPV) a seguito di vaccinazione con HPV quadrivalente (tipo 6 / 16/11/18) vaccino antiparticolato simile a un virus. [Risorsa elettronica] // Immunologia clinica e vaccinale. 2012. Vol. 19. Numero 6.R. 881? 885. AGGIUNTO A CENTRAL: 28 febbraio 2013. 2013 Numero 2. URL: https://doi.org/10.1128/CVI.00002-12 (consultato il 2 dicembre 2018).

O. V. Yakovleva 1, candidato di scienze mediche
T. N. Glukhova, MD, professore
I. E. Rogozhina, dottore in scienze mediche, professore

Università Statale Medica Statale Saratov FSBEI intitolata a V.I. Razumovsky del Ministero della Salute della Federazione Russa, Saratov

Gravidanza e papillomavirus umano / O. V. Yakovleva, T. N. Glukhova, I. E. Rogozhina 70
Per citazione: il medico curante n. 2/2019; Numeri di pagina nel numero: 70-73
Tag: parto prematuro, aborto spontaneo, basso peso alla nascita, virus

Papillomi durante la gravidanza

Il papilloma è una neoplasia benigna che si verifica a seguito di infezione da virus del papilloma umano (papillomavirus, HPV). La comparsa di papillomi durante la gravidanza è spesso associata non solo a un'infezione virale, ma anche a cambiamenti ormonali. Nella maggior parte dei casi, tali formazioni non sono pericolose per la futura madre e figlio. Se le neoplasie causano disagio, il trattamento può essere effettuato anche durante la gravidanza - per questo viene utilizzata la terapia farmacologica o la rimozione chirurgica..

Perché i papillomi crescono durante la gravidanza

La comparsa di papillomi durante la gravidanza è un evento comune. Con cosa può essere collegato? Come sapete, il motivo principale della comparsa di tali formazioni è l'infezione da papillomavirus, ma ciò non significa che le donne in gravidanza siano più spesso infettate dall'HPV. Il fatto è che durante la gravidanza c'è un'attivazione di un'infezione latente, cioè virus che sono, per così dire, in uno stato di sonno, inattivo. Nel corpo di una donna incinta, si verificano molti cambiamenti fisiologici, tra cui un indebolimento del sistema immunitario, un cambiamento nei livelli ormonali. Tutto ciò può portare alla comparsa di papillomi, verruche, condilomi su viso, corpo, genitali.

Sintomi principali

La clinica dei papillomi nelle donne in gravidanza non è diversa dalle manifestazioni classiche. Il sintomo principale è la presenza di formazioni sotto forma di papille su qualsiasi parte della pelle e delle mucose.

Sulla pelle

I papillomi possono uscire ovunque - vicino agli occhi, sul collo e sul petto, nell'area intima. Che aspetto hanno queste formazioni:

  • hanno una forma papillare e quando crescono possono assomigliare a un cavolfiore oa una cresta di gallo;
  • più spesso piccolo - da 0,1 a 2 mm, meno spesso di più;
  • può essere singolo o multiplo (papillomatosi);
  • colore dal rosa pallido al marrone chiaro;
  • la superficie è piatta, liscia;
  • l'istruzione ha contorni chiari.

Spesso, la presenza di educazione sulla pelle è l'unico sintomo della presenza di infezione da HPV. Se la crescita sulla pelle è spesso lesa, possono verificarsi dolore o sanguinamento. Il prurito è molto meno comune, intorpidimento della pelle.

Sulle mucose

Spesso durante la gravidanza, i papillomi compaiono sulla parete della vagina, sulla cervice. Una donna non lo sa sempre, poiché il loro aspetto non appare con alcun sintomo. È possibile notare la comparsa di neoplasie sulla mucosa degli organi genitali solo con un esame ginecologico.

La comparsa di neoplasie sulla mucosa degli organi genitali è più pericolosa che sulla pelle del viso e del corpo. Ciò è dovuto a due fattori:

  1. Spesso, il danno agli organi genitali è causato da ceppi di papillomavirus, che hanno proprietà oncogeniche. Pertanto, aumenta la probabilità di sviluppare malattie maligne..
  2. C'è una possibilità di trasmissione del virus da una donna a un bambino mentre passa attraverso il canale del parto.

Pericolo e conseguenze per il corpo

Nella maggior parte dei casi, il risultato è favorevole, la comparsa di papillomi durante la gravidanza non è pericolosa. Inoltre, tali formazioni spesso passano dopo il parto, quando lo sfondo ormonale cambia e il sistema immunitario si normalizza..

In rari casi, quando infettati da ceppi oncogenici di papillomavirus, lo sviluppo di tumori maligni.

Cosa fare quando compaiono i papillomi

Con la comparsa di papillomi sulla pelle, non puoi preoccuparti, ma aspetta fino alla fine della gravidanza, molto probabilmente, scompariranno da soli. Se le neoplasie sono ferite o creano disagio, è necessario consultare un medico. Il medico effettuerà un esame e, se necessario, prescriverà ulteriori test. Il trattamento può essere effettuato sia dopo il parto che durante la gravidanza. La cosa principale è scegliere un metodo terapeutico appropriato.

È possibile fare a meno dell'intervento chirurgico

Puoi liberarti della crescita durante la gravidanza senza intervento chirurgico. Per questo, viene utilizzato un metodo di trattamento conservativo: l'uso di farmaci, correzione dello stile di vita. Le principali direzioni della terapia farmacologica: la lotta contro l'infezione virale e il rafforzamento dell'immunità

La difficoltà della terapia è che è necessario scegliere un medicinale che non avrebbe un effetto negativo sulle condizioni del feto, pertanto non sono prescritti medicinali generali per le donne in gravidanza.

Possono essere utilizzati farmaci antivirali generali e immunomodulatori (i farmaci per uso generale possono essere prescritti solo dopo il parto):

Oltre alla terapia antivirale, vengono spesso prescritti farmaci locali che possono rimuovere le formazioni. I farmaci citotossici e cheratolitici sono usati principalmente per rimuovere le formazioni sulla pelle. Tutti loro sono prescritti sotto forma di unguenti, gel, soluzioni per uso esterno. Quali medicinali possono essere usati:

Rimozione chirurgica di papillomi durante la gravidanza

Esistono metodi sicuri per la pronta rimozione dei papillomi, quindi è possibile eliminare le neoplasie, se assolutamente necessario, anche durante la gravidanza. Tra tutti i possibili metodi di trattamento, la laser terapia e la crioterapia sono più spesso utilizzate, meno spesso - l'elettrocoagulazione. Il trattamento viene effettuato in anestesia locale, l'anestesia non viene utilizzata..

Come è la rimozione

Pro e contro del metodo

La terapia laser si basa sull'effetto mirato di un flusso di luce diretta (laser) sulla pelle o sulle mucose.

I principali vantaggi della rimozione laser delle formazioni sono l'elevata efficienza e l'assenza di complicanze postoperatorie, il periodo di recupero è indolore. Lo svantaggio è l'alto costo della procedura.

La criodistruzione consiste nell'esposizione all'azoto liquido. La formazione è congelata con la sua successiva distruzione.

Una bolla piena di contenuti trasparenti appare nel sito di esposizione all'azoto liquido. Dopo 1-2 settimane, questa bolla esplode.

La criodistruzione è un trattamento conveniente. Utilizzando azoto liquido, è possibile rimuovere le formazioni con una probabilità del 60-100%. Tuttavia, potrebbero essere necessarie diverse procedure per rimuoverlo completamente..

L'elettrocoagulazione è un metodo di trattamento delle neoplasie con l'aiuto della corrente elettrica. L'elettrocoagulatore cauterizza i tessuti patologicamente alterati, il che porta alla loro distruzione.

L'elettrocoagulazione è altamente efficace, per una completa rimozione dei papillomi è sufficiente 1 sessione. Gli svantaggi di questo trattamento comprendono la probabilità della formazione di difetti non cicatrizzanti a lungo termine sulla pelle e sulle mucose.

Metodi di prevenzione

Esistono metodi per prevenire la comparsa di papillomi. Tutti sono divisi in specifici e non specifici.

Profilassi specifica

La prevenzione specifica consiste nella vaccinazione. Per questo, è necessario pianificare una gravidanza ed essere vaccinati in anticipo. Ad oggi, sono stati registrati due vaccini per prevenire l'infezione da papillomavirus:

  • Cervarix - contro i tipi di HPV 16 e 18;
  • Gardasil - contro HPV tipi 6, 11, 16 e 18.

Le ragazze di età inferiore ai 26 anni vengono vaccinate; il corso prevede 3 vaccinazioni.

Prevenzione non specifica

I metodi di prevenzione non specifici mirano a prevenire l'infezione da papillomavirus prima della gravidanza e a rafforzare l'immunità durante il periodo di gestazione. Per prevenire l'infezione, è necessario utilizzare metodi contraccettivi di barriera, seguire le regole di igiene personale, lavarsi spesso le mani, non utilizzare asciugamani e pantofole comuni. Per rafforzare l'immunità, devi mangiare bene, muoverti di più, trattare le malattie concomitanti.

video

Ti offriamo la visione di un video sull'argomento dell'articolo.

Papillomi durante la gravidanza

È raro che una gravidanza funzioni senza intoppi. La maggior parte delle donne ha sintomi spiacevoli associati a cambiamenti nel loro corpo. Uno dei problemi comuni durante il parto è il papilloma. In termini semplici, queste sono piccole formazioni che sembrano una papilla in apparenza. Sono di natura benigna e quindi devono essere rimossi. Ma è possibile rimuovere i papillomi sul corpo durante la gravidanza? Portano qualche pericolo per il nascituro e la tua vita? Troverai le risposte a queste domande nell'articolo.!

Le formazioni sono pericolose e devono essere rimosse?

Se hai papillomi durante la gravidanza, non emettere l'allarme e corri per rimuoverli. Nella maggior parte dei casi, l'educazione si svolge da sola e non rappresenta una minaccia per la salute della madre e del nascituro. Molto spesso compaiono sopra o vicino al collo, al viso, al petto, sotto le ascelle e all'inguine. I medici non conoscono ancora i motivi esatti della formazione di papillomi, ma sono convinti che compaiano indipendentemente dalle condizioni della pelle della donna.

Se i papillomi sono usciti anche prima della gravidanza, il loro numero aumenterà solo durante il periodo di gravidanza. Molto spesso questo accade nel secondo e terzo trimestre. Se credi alle statistiche, allora ogni 4 persone hanno tali formazioni. Inoltre, le statistiche mostrano che il più delle volte compaiono nelle persone di età superiore ai 50 anni, e quelle a rischio sono in sovrappeso e con diabete.

I papillomi sono pericolosi durante la gravidanza? La risposta è no. Sono pericolosi solo se cresciuti nella vagina. Un bambino che passa attraverso il canale del parto può essere infettato, quindi il trattamento delle formazioni nell'area menzionata è obbligatorio.

Possibili cause delle formazioni

Naturalmente, la formazione di papillomi non è influenzata dal fatto stesso della gravidanza, ma dai cambiamenti che comporta. L'aspetto delle neoplasie sul corpo è spesso associato a:

  • con ormoni: hanno un effetto diretto sull'attività del papillomavirus;
  • con vestiti scomodi: vestiti stretti possono strofinare alcune parti del corpo, a seguito delle quali possono apparire neoplasie;
  • con un aumento del peso corporeo: durante la gravidanza, la maggior parte delle donne ingrassa, il che può causare la suddetta malattia.

È possibile rimuovere i papillomi durante la gravidanza?

Posso semplicemente andare a rimuovere i papillomi durante la gravidanza? Questa domanda preoccupa molte donne che hanno riscontrato questo problema. In generale, se l'educazione si comporta normalmente, non è necessario eliminarla. Un buon medico scoraggerà una donna incinta dal trattamento della malattia prima del parto, perché, come già accennato, la maggior parte dei tumori passa da sola. Tuttavia, se interferiscono con una donna o c'è il rischio di ferirle, si consiglia di rimuoverle. I medici possono fare una delle diverse cose:

  • tagliare la gamba di una formazione cadente;
  • cauterizzare il papilloma con acido;
  • sbarazzarsene con un laser;
  • rimuovere la neoplasia con elettroterapia.

Se non vuoi cauterizzare le formazioni e desideri rimuoverle tu stesso, puoi provare i rimedi naturali. Ad esempio, spesso, per rimuovere i papillomi, le donne usano l'aglio: un piccolo segmento deve essere pulito su aree problematiche della pelle. Si consiglia di farlo regolarmente, perché l'istruzione non andrà via dopo la prima applicazione.

Puoi anche usare le cipolle. La sua fetta deve essere inumidita con aceto, quindi pulire le parti interessate del corpo con esso. Alcuni usano la cenere di montagna rossa: deve essere impastato, applicato alle neoplasie e fissato tutta la notte.

Prevenzione delle malattie

Affinché i tumori non crescano e non sia necessario rimuoverli successivamente, si consiglia di seguire una serie di misure preventive. È particolarmente importante farlo per le persone a rischio. Se non vuoi imbatterti in questo fastidio, allora:

  1. Controlla il tuo peso. Come abbiamo già detto, i chili in più sono una possibile causa di neoplasie. In modo da non far crescere papillomi durante la gravidanza e non doverli rimuovere, prova a mangiare cibi sani e controlla il peso corporeo.
  2. Usa i preservativi. E sebbene i preservativi non possano garantire una protezione del 100% contro la malattia, i medici raccomandano vivamente di usarli. È anche consigliabile limitarsi a un solo partner sessuale: i rapporti sessuali con uomini diversi aumentano il rischio di neoplasie. Dovresti sapere che i papillomi possono svilupparsi con qualsiasi forma di intimità: anche se non c'è penetrazione.
  3. Indossa abiti comodi. Il tuo stomaco crescerà, quindi è necessario acquistare in anticipo abiti spaziosi che non comprimano le singole parti del corpo. I prodotti devono essere gratuiti: non premere da nessuna parte e non strofinare nulla. Quindi, ovviamente, non puoi sicuramente proteggerti dai papillomi durante la gravidanza, ma almeno ridurre il rischio del loro sviluppo.

Il papillomavirus non influenza quasi mai il corso della gravidanza. Non è necessario rimuovere le neoplasie, ma è consigliabile consultare un medico e spiegare il problema. Uno specialista li esaminerà e deciderà se trattarli prima della consegna..

Papilloma durante la gravidanza: qual è la malattia in questo periodo

Oltre l'80% delle donne sviluppa papillomi durante la gravidanza. Questo è un fenomeno naturale, poiché il sistema immunitario diminuisce durante questo periodo. Il papilloma (verruca) può apparire su qualsiasi parte del corpo: collo, petto, ascelle, viso. Di solito non è pericoloso. La minaccia per il feto è rappresentata solo dalle verruche genitali.

Perché appare il papilloma?

I papillomi durante la gravidanza compaiono indipendentemente dalle condizioni della pelle della donna. Il numero, la dimensione e la tonalità delle formazioni possono variare. Una verruca appare raramente da sola, il suo diametro varia da 1 mm a 4 cm e il suo colore va dalla carne al marrone-rosato..

I papillomi durante la gravidanza compaiono per diversi motivi:

  1. Cambiamenti ormonali La gravidanza è accompagnata da costanti salti negli ormoni. Colpiscono il papillomavirus umano (HPV). Non puoi controllarne l'effetto, quindi devi tollerare la presenza dell'educazione;
  2. Aumento di peso Se la crescita è apparsa nelle fasi successive, questo è solitamente associato all'aumento di peso. La gravidanza negli ultimi mesi è caratterizzata da una rapida serie di chili in più. Ciò provoca la formazione di escrescenze, specialmente dove la pelle viene a contatto con altre parti del corpo e suda: ascelle, sotto le ginocchia e sotto il petto. Puoi evitare una situazione spiacevole aderendo rigorosamente a una dieta prescritta da un medico;
  3. Strofinando la pelle. Direttamente associato all'aumento di peso: vestiti e biancheria intima si restringono e feriscono la pelle. Affinché le verruche non compaiano durante la gravidanza per questo motivo, è sufficiente aggiornare il guardaroba in tempo.

Il papilloma è pericoloso?

I papillomi si formano durante la gravidanza in qualsiasi momento, tuttavia, la crescita più attiva si nota negli ultimi mesi. Se la verruca era presente in precedenza, la gravidanza provoca un aumento significativo e le formazioni della figlia compaiono nelle vicinanze. Se questa è l'infezione primaria, c'è il rischio di aborto spontaneo nei primi mesi.

In altri casi, la verruca non è pericolosa e causa solo disagio estetico e disagio fisico se la crescita viene toccata dal lino o da un'unghia.

Le verruche genitali, a loro volta, rappresentano una minaccia maggiore rispetto a una verruca convenzionale. È una crescita acuta e colpisce le mucose sia all'esterno che all'interno dei genitali..

Il condiloma si verifica su:

Il condiloma è pericoloso per le donne in quanto porta a un cambiamento nelle cellule epiteliali, al possibile sviluppo del cancro cervicale e alla displasia. Inoltre, la gravidanza con condiloma è accompagnata da mughetto..

Se i papillomi nelle donne in gravidanza non rappresentano una minaccia per il feto, i condilomi aumentano il rischio di infezione del bambino. Il papilloma in un neonato infetto durante il parto si manifesta nell'inguine o nel canale anale. In rari casi, si può osservare un danno al tratto respiratorio..

I papillomi durante la gravidanza vengono trasmessi al bambino in due modi:

  1. Contatto: attraverso la cervice o la placenta;
  2. Crescente: durante il passaggio del feto attraverso il canale del parto.

Di norma, il bambino presto supera il virus stesso. Tuttavia, prima di pianificare una gravidanza, è meglio diagnosticare la malattia in anticipo e liberarsene, poiché è difficile rimuovere i papillomi durante la gravidanza.

Come viene diagnosticato il papilloma?

Nelle fasi iniziali, le donne vengono sottoposte a screening per il papillomavirus umano. Pertanto, se ci sono formazioni durante la gravidanza, questo raramente è una sorpresa. Nel caso in cui la crescita esista già, viene effettuato un complesso di studi. Aiutano a determinare il tipo di virus e quanto è maligno..

I seguenti esami sono prescritti per le donne in gravidanza:

  • colposcopia: la cervice viene esaminata sotto ingrandimento;
  • PCR - analisi volta ad identificare il tipo di papillomavirus e il rischio di sviluppare formazioni oncogeniche;
  • analisi citologica: materiale biologico per lo studio viene prelevato da un canale situato nella cervice.

Durante la gravidanza, sono vietati l'esame istologico e la biopsia.

Come sbarazzarsi di papillomi

La gravidanza è una buona ragione per eseguire il trattamento con estrema cautela e solo se assolutamente necessario. L'unico motivo per rimuovere le escrescenze è il sospetto di cancro cervicale. L'indicazione relativa è considerata una crescita particolarmente grande, situata in un luogo in cui è facile ferire.

Praticamente sono vietati tutti i mezzi con cui viene di solito elaborata un'istruzione di questo tipo. Puoi lubrificare le verruche durante la gravidanza solo con acido tricloroacetico..

La rimozione delle formazioni viene eseguita anche con cautela, poiché la gravidanza, specialmente nelle fasi iniziali, può essere interrotta. Se necessario, escissione chirurgica, criodistruzione, elettrocoagulazione o rimozione laser.

Il rischio di infezione del neonato non è un'indicazione assoluta in cui viene effettuata la rimozione delle formazioni. Il corpo della madre e del bambino spesso affrontano facilmente l'HPV da soli. Pertanto, il trattamento dei papillomi durante la gravidanza è sempre selezionato individualmente.

Papillomi durante la gravidanza: cause e conseguenze

I papillomi durante la gravidanza sono un fenomeno comune che si verifica a causa di cambiamenti ormonali nel corpo di una futura madre. Le escrescenze non minacciano lo sviluppo del feto. Dopo il parto, la maggior parte delle formazioni scompare da sola, senza lasciare traccia.

Cause di gravidanza

Papilloma: una formazione benigna, colpisce la pelle, le mucose. In apparenza, la crescita è piccola, ha un colore marrone, carne, rosso scuro, ricorda da remoto una talpa. Crescite singole e di gruppo possono apparire sul corpo di una donna incinta, situata sul collo, sul viso, nelle aree intime, sotto le ascelle e sul seno. Se ci sono state manifestazioni di papillomavirus prima della gravidanza, è possibile la crescita, il danno alle aree sane della pelle.

La medicina moderna ha circa 170 ceppi del virus che colpiscono un quarto della popolazione mondiale. È possibile ottenere l'infezione dal corriere e dal paziente. L'infezione genitale proviene da un partner durante il rapporto sessuale.

Tra le cause dei papillomi sul corpo di una donna ci sono:

  1. Disturbi ormonali causati dalla ristrutturazione del corpo durante la gravidanza. L'attivazione del sistema ormonale influisce sulla produzione di cellule epiteliali.
  2. Indumenti selezionati in modo errato che causano danni alla pelle. Nel secondo, terzo trimestre, si verifica un insieme attivo di massa corporea, i vestiti possono spremere in alcuni punti, strofinare. Lo sfregamento provoca la comparsa di formazioni sulla pelle. Spesso, tali escrescenze passano indipendentemente dopo il parto.
  3. Se il virus era in uno stato dormiente, non si manifestava prima della gravidanza, quindi con un sistema immunitario indebolito, appare sulla pelle sotto forma di papillomi.
  4. Una diminuzione della difesa immunitaria provoca un'esacerbazione delle malattie croniche esistenti che incidono sul verificarsi di verruche.

Caratteristiche di localizzazione e sintomi

Alcuni ceppi non hanno sintomi, ma molti si manifestano con un'eruzione cutanea sul corpo di diverse tonalità, con una superficie ruvida diversa dal nevo. Le escrescenze possono avere una forma piatta o convessa, sistemarsi su una gamba o appendere. Il papilloma non provoca dolore, prurito, bruciore, arrossamento, se non a rischio di danni frequenti.

I luoghi preferiti per la comparsa di infezione sono il viso, la zona cervicale, le ascelle, la zona intima (luoghi soggetti a danni). Il collo è sfregato con un colletto, il petto, le ascelle - con un reggiseno, la zona intima - con la biancheria intima.

Durante il periodo di gravidanza, si verificano escrescenze sul petto, aureola dei capezzoli, comparsa di papilloma intraduttale della ghiandola mammaria. La crescita non interferisce, non rappresenta un pericolo, dopo il parto si risolve. Puoi sbarazzartene usando farmaci farmaceutici o moderni metodi di rimozione..

In caso di infezione da papillomavirus genitale, non vi è pericolo per il bambino nell'utero. Il feto è protetto. Le escrescenze vaginali sono pericolose per il bambino durante la nascita. All'esame, il ginecologo può consigliarti di rimuovere la formazione o seguire un ciclo di terapia farmacologica dopo il parto. I condilomi non vengono rimossi in qualsiasi momento, il medico può decidere sulla totalità delle indicazioni mediche per la nomina di un taglio cesareo al fine di evitare l'infezione del bambino. Puoi liberarti delle formazioni dopo il parto.

Diagnosi di HPV durante la gravidanza e dopo il parto

La diagnosi di papillomatosi è possibile se osservata su una sedia ginecologica durante il trattamento durante la gravidanza, nel periodo postpartum.

Per prevenire la comparsa di escrescenze di HPV durante il parto, è meglio sottoporsi a un esame completo del corpo durante la pianificazione di una gravidanza, superare test appropriati per sottoporsi a trattamento di disturbi esistenti prima del concepimento del bambino.

Durante la diagnosi durante la gravidanza, per lo studio sono prescritti test per determinare la presenza di HPV, a conferma della diagnosi. La raschiatura viene prelevata dalla superficie della cervice o del canale cervicale.

La comparsa di papillomi colpisce il feto ed è possibile partorire

Il papilloma durante la gravidanza non influisce sul feto durante la gravidanza, il bambino nell'utero è protetto. Se a una donna sono state diagnosticate le verruche genitali prima della gravidanza, con l'inizio della gravidanza, è possibile aumentare la loro crescita, con conseguente scarico dalla vagina. L'abbondanza di secrezioni influenza la crescita dei papillomi, creando un ambiente favorevole per il virus.

Un bambino può essere infettato da HPV pur avendo il tratto genitale durante il parto; c'è un contatto stretto con l'infezione. Nella maggior parte dei casi, il virus non rappresenta una minaccia per il corpo del bambino, il sistema immunitario fa fronte da solo. La malattia non mostra sintomi, non provoca conseguenze.

Durante il parto, il bambino viene infettato dal virus, manifestato da formazioni su laringe, bronchi, genitali e ano. La presenza del virus non è un'indicazione per un intervento chirurgico. I condilomi possono verificarsi nelle donne con diagnosi di AIDS..

Il virus può essere trasmesso da madre a figlio attraverso il canale del parto, direttamente per contatto. I papillomi dopo il parto possono scomparire da soli, senza lasciare residui.

Metodi di trattamento sicuri

Le crescite non interferiscono con il corso della gravidanza e spesso scompaiono dopo il parto. La rimozione con vari metodi non influirà sulla situazione, il papilloma può fuoriuscire su un'altra parte della pelle.

Quando si pianifica una gravidanza, è consigliabile sottoporsi a un trattamento per l'HPV. Ti salverà da inutili preoccupazioni durante il trasporto di un bambino. È possibile ottenere un vaccino dal papillomavirus all'attività sessuale.

Sono prescritti solo farmaci topici.

Preparati farmaceutici

Il trattamento farmacologico durante la gravidanza prevede l'uso di unguenti, gel, soluzioni che rimuovono le escrescenze e farmaci che stimolano il sistema immunitario. Questi includono:

NomeattoModalità di applicazione
KipferonSupposte per somministrazione rettale e vaginale. Aiuta a far fronte alle verruche genitali nella vagina. L'azione ha lo scopo di aumentare l'immunità, eliminando il papillomavirus. Il farmaco ha proprietà anti-infiammatorie.Le candele vengono inserite nella vagina per 1-2 pezzi (a seconda dei sintomi), 2 r / d. La terapia dura circa 10 giorni..
GalavitCandele progettate per combattere il virus HPV. Il prodotto ha un effetto antinfiammatorio e immunostimolante, che modifica le cellule del virus..Una candela viene presa una volta al giorno per 10 giorni, quindi una candela a giorni alterni. Un corso completo di terapia richiede 25 supposte..
ViferonDisponibile sotto forma di candele, unguenti. Aiuta a far fronte alle escrescenze nella vagina, stimola il sistema immunitario, esercita il controllo sulle formazioni, grazie alle proprietà antivirali.Viene somministrata una supposta per via rettale. Il corso dura circa 10 giorni..

L'unguento viene applicato sulla zona interessata della pelle, delle mucose o della vagina. Applicare uno strato sottile sulla formazione di unguento 4 r / d, per 5 giorni. Fai una pausa per 5 giorni, ripeti di nuovo il corso.

InfagelUn farmaco per il trattamento delle malattie virali, ha effetti antinfiammatori, immunostimolanti, antitumorali. Sopprime la crescita dell'infezione, provoca secchezza, distacco della verruca.Il prodotto viene applicato sull'area danneggiata della pelle o delle mucose. Attendere l'asciugatura completa, la formazione di un film protettivo. Utilizzare 2r / d per 5 giorni.
SolcodermLa soluzione per rimuovere i papillomi, a causa dell'azione degli acidi, provoca l'essiccamento della crescita, la sua precipitazione.Si raccomanda che la procedura di trattamento sia eseguita da un medico. L'applicazione deve essere individuata a causa dell'elevato rischio di ustioni per una pelle sana. Dopo la quarta procedura, il risultato diventerà evidente, il papilloma inizierà a esfoliare.

I farmaci della farmacia vengono utilizzati solo dopo la nomina di un medico.

Metodi di rimozione mini-invasivi

Quando l'eruzione cutanea di papillomi in luoghi soggetti a stress meccanico e verruche genitali, inclini a una rapida proliferazione, si raccomanda di rimuovere gli elementi usando metodi chirurgici. Le indicazioni per sbarazzarsi delle crescite sono: secrezione sanguinante e purulenta dalla superficie dei papillomi, prurito, bruciore, scolorimento, desquamazione.

Nome del metodoDescrizione
CriodistruzioneIl metodo per rimuovere la crescita usando azoto liquido, che ha un effetto congelante.
Terapia laserMetodo delicato, indolore e privo di laser per sbarazzarsi di escrescenze. Non lascia segni e cicatrici. Forse la rimozione in luoghi difficili da raggiungere, le mucose e la vagina. Non vi è alcun rischio di sanguinamento, cauterizzazione dei bordi del tessuto.

Altri metodi hardware: DEK e Surgitron durante la gravidanza non vengono utilizzati. Dopo la rimozione delle formazioni, si raccomanda di aumentare l'immunità per prevenire la ricaduta e la comparsa di nuove escrescenze in altre parti del corpo.

Possibili conseguenze e precauzioni

Non è consigliabile automedicare usando ricette popolari. Tale terapia può provocare infezioni, infiammazioni, ustioni a pelle sana.

In presenza di papillomi genitali, alcuni tipi di HPV si trovano nel cancro della cervice e della vagina. Possibile infiammazione e suppurazione con la formazione di ulcere.

Per migliorare la situazione, è necessario adottare misure preventive:

  • stile di vita sano, corretta alimentazione;
  • indossare abiti per taglia, scegliere abiti speciali per donne incinte da tessuto naturale;
  • il partner deve essere HPV persistente e non infetto.

Durante la gravidanza, la comparsa di varie formazioni è considerata una variante della norma, si verificano cambiamenti ormonali nel corpo. Bisogna fare attenzione a monitorare le formazioni e in caso di sintomi allarmanti chiedere aiuto agli specialisti.

Up