logo

Un volo è pericoloso per le donne in gravidanza? È possibile prendere il sole sotto il caldo sole turco mentre è in posizione? O forse dovresti giocare al sicuro e posticipare il viaggio? L'autore del Daily Baby, insieme a un medico qualificato, risponde alle domande più comuni poste dalle future madri prima di andare all'estero.

Due storie di viaggiatori incinte

Oksana Belova non aveva intenzione di volare in un altro paese con il suo futuro bambino. Lei e suo marito hanno acquistato i biglietti per il Vietnam tre mesi prima che venissero a conoscenza del tanto atteso rifornimento in famiglia..

“I pensieri su come volare in un altro paese in una situazione erano molto spaventosi: non sapevo cosa aspettarmi, ma volevo rilassarmi. Ho deciso: se il volo è strettamente controindicato, ovviamente, consegneremo i biglietti.

Allo stesso tempo, non tutto è andato liscio - a sei settimane, al primo appuntamento con il ginecologo e dopo un'ecografia, sono stato messo a rischio di interruzione e mi è stato prescritto un farmaco ormonale - rassicurandomi che tutto sarebbe andato bene.

Ho raccolto tutte le informazioni sui "viaggi in gravidanza" dai forum delle donne, di cui mi sono pentito in seguito, e alla fine ho scoperto tutto solo dal mio medico ", afferma Oksana.

Pochi giorni prima della partenza, la ragazza ha superato tutti i test necessari per il primo trimestre e ha fatto una proiezione, che ha rivelato che aveva una bassa compiacenza. Ma il medico ha rassicurato la donna incinta e ha detto che non ha visto controindicazioni categoriche per il volo.

“Per quanto riguarda le controindicazioni: tutto è individuale, è solo il medico che decide, in base all'intera gamma di studi. Per quanto ne so, la placenta previa e la minaccia di interruzione in alcuni casi sono una controindicazione.

Di conseguenza, il volo è caduto alla fine dell'undicesima settimana di gravidanza, quando la tossicosi era quasi finita.

A proposito di ciò che non puoi fare in vacanza: devi stare attento con tutti i tipi di massaggi. Nei paesi asiatici, i cosiddetti "massaggi ciechi" sono comuni. La procedura viene eseguita da specialisti ciechi. Sono molto elogiati: a causa dell'alta sensibilità, il massaggio nelle loro prestazioni è indescrivibile. Il pensiero scivolò attraverso per visitare questi maestri dei miracoli. Ma l'abitudine di ricontrollare tutto 10 volte mi ha salvato da un atto avventato. Non abbiamo discusso di questo punto con il dottore, quindi sono salito su Internet. Si è scoperto che fare massaggi nelle fasi iniziali è altamente scoraggiato. Soprattutto tecniche orientali che mirano a un effetto molto forte sul corpo. Queste manipolazioni possono causare aborto o complicazioni. Ad esempio, un leggero massaggio rilassante, ma in ogni caso è meglio consultare il proprio medico e scoprire la sua opinione su questo problema..

Dalle istruzioni del mio ginecologo: niente di esotico in termini di intrattenimento (giostre, parchi acquatici) e cibo (carne di coccodrillo, struzzi, frutti sconosciuti, escludere cibi piccanti, bere solo acqua in bottiglia). Prendi il sole solo la mattina presto fino alle 10:00 e dopo le 17:00, fai attenzione ai condizionatori d'aria e prendi tutti i farmaci prescritti da un ginecologo e terapista ", ricorda.

A differenza della prima eroina, per Yana Tokareva, il volo nella posizione era pianificato: la ragazza aveva una gravidanza difficile e sognava il mare. Yana è volata in Turchia al quinto mese di gravidanza.

“Nel primo trimestre sono stato mandato in viaggio d'affari a Vladivostok. Mi sentivo molto male: c'era una terribile tossicosi, quindi mi sono rifiutato di volare. Era spaventoso, all'improvviso qualcosa sarebbe andato storto. Nelle prime fasi della gravidanza, c'è un'alta probabilità di aborto spontaneo, quindi ho deciso di non rischiare.

Nel secondo trimestre, la tossicosi si è attenuata, ho iniziato a sentirmi un po 'meglio. Ma la nausea e il vomito persistevano ancora. Mi sono reso conto che avevo urgente bisogno di andare al mare. Sentivo che sarei stato molto meglio lì che nella mia nativa Siberia. Il marito era molto preoccupato e all'inizio non voleva nemmeno sapere di andare all'estero. Ma gli ho suggerito di andare dal medico per un'ecografia e di chiedere il suo permesso. Il medico ha emesso il suo verdetto: puoi volare in Turchia. Ha sottolineato che il volo non dovrebbe durare più di 6-7 ore.

A proposito, durante il volo ho dovuto nascondere il mio stomaco, perché alcune compagnie aeree chiedono l'opinione di un medico che una donna incinta possa volare. Non avevamo una conclusione del genere, quindi ho dovuto indossare abiti larghi in cui non era chiaro che ero in posizione. Durante il volo di ritorno, un ufficiale dell'aeroporto locale mi chiese se ero incinta. L'ho riso, dicendo che era solo grasso. Ma in generale, devi stare attento, perché potrebbero non essere autorizzati a lasciare il paese.

Cosa dice il dottore?

Commenti ginecologo, specialista in ginecologia estetica e ricostruttiva Tatyana Pavlyuk:

- Raccomando di pianificare voli fino a 20 settimane di gestazione. Ci sono, ovviamente, controindicazioni al volo.

Questi includono una storia di condizioni tromboemboliche (ad esempio, trombosi venosa delle gambe profonde), vene varicose gravi, eventuali malattie croniche nella fase acuta, pressione arteriosa instabile e disturbi del ritmo cardiaco, placenta previa completa per più di 18 settimane e, naturalmente, una minaccia aborto.

Un volo è pericoloso?

La nostra eroina Oksana commenta: “Soprattutto avevo paura dei voli e dei dispositivi negli aeroporti. Sorprendentemente, il volo per il Vietnam è andato benissimo: mi sono sentito benissimo e ho portato sette ore sull'aereo perfettamente. Per quanto riguarda i dispositivi, i doganieri mi hanno rassicurato: hanno detto che tutti i telai erano assolutamente sicuri per le donne in gravidanza e che non c'erano minacce. La stessa cosa è successa all'aeroporto vietnamita. Ho preso tutti i preparativi necessari, una patch di cinetosi e sacchetti di plastica in caso di imprevisti, che per fortuna non sono stati utili nel mio bagaglio a mano. Prese anche un inalatore per matita nasale, che dovettero usare al decollo per rilassarsi e alleviare le vertigini. Assicurati di vestirti comodamente e di portare con te una giacca o una giacca calda e un cuscino da viaggio "..

- Durante il volo, aumenta il rischio di complicanze tromboemboliche, in altre parole: blocco della nave da parte di un trombo distaccato. Questa formidabile condizione senza un'adeguata assistenza specialistica può essere fatale. Ma non dimenticare che la gravidanza stessa aumenta questi rischi di 5-6 volte rispetto alla popolazione generale. Quindi, le future madri, in linea di principio, sono esposte a questo rischio durante la gravidanza e volare su un aereo lo aumenta leggermente.

Cosa mettere nell'armadietto dei medicinali di un viaggiatore?

“Ho raccolto il kit di pronto soccorso molto accuratamente. Oltre ai farmaci necessari per me, prescritti dai medici (ormoni, vitamine, pillole di fegato e stomaco), era necessario assumere medicinali nel kit di pronto soccorso del viaggiatore per mio marito e consentirmi in caso di situazioni impreviste. Antipiretici, antistaminici, antidolorifici, disinfettanti, cerotti, bende, gocce nasali ”, ricorda Oksana.

Yana aderisce al punto di vista opposto: la ragazza non ha portato con sé un kit di pronto soccorso.

“Ho preso solo medicine per il bruciore di stomaco, dal momento che mi ha dato fastidio dall'inizio del secondo trimestre. Se necessario, qualsiasi farmaco può essere acquistato in farmacia, che si trova in tutti i paesi. Pertanto, non ritengo necessario prendere un mucchio di pillole con me. ".

- La cosa più importante è rendere il volo il più confortevole possibile. È necessario assumere tutti i farmaci da prescrizione dal proprio medico. Si consiglia di volare in calze a compressione o collant per donne in gravidanza. Pertanto, riduci il rischio di possibili trombosi, riduci la segnalazione delle gambe dopo il volo.

Sullo sfondo dell'eccitazione emotiva, potrebbe esserci un leggero aumento del tono uterino, quindi porta con te le compresse di Noshpa, questo ti aiuterà a togliere il tono. In generale, le linee guida per la raccolta dei kit di pronto soccorso del viaggiatore sono standard.

Come mi sentirò in vacanza?

Cosa succede se la tossicosi peggiora? Come posso trasferire l'acclimatazione in questo stato? Il calore influirà negativamente sul mio benessere? Le risposte sono prevedibili: è improbabile che l'aria di mare pulita, la vitamina D naturale, la frutta fresca e le emozioni positive ti facciano star male..

“Mi sono sentito benissimo in vacanza: nessuna acclimatazione (abbiamo un fuso orario con il Vietnam), il desiderio di nuotare nel mare e prendere il sole dopo il difficile inverno e primavera siberiani, mangiare frutta e frutti di mare hanno fatto il loro lavoro. La routine quotidiana, sebbene fosse diversa dall'ordinaria, non causava alcun disagio: alzarsi alle sei del mattino, alle sette, di regola, già in spiaggia, alle nove del mattino tornavano nelle loro stanze o camminavano fino a quando faceva molto caldo, sonno pomeridiano, pranzo, passeggiata serale e ritiro anticipato, verso le nove di sera ”, ricorda Oksana.

Jana conferma: in vacanza, la sua salute è notevolmente migliorata.

“Avevo paura che in Turchia mi sarei sentito male, la tossicosi avrebbe rovinato il resto. Avevo paura che mi sarei gonfiato. Comunque - un altro paese, non sai mai cosa. Ma il mare guarisce davvero: mi sono sentito molto meglio lì che nella mia nativa Siberia. Ho provato un sollievo incredibile, perché non ero quasi malato. L'unica cosa: dopo tutto, le mie gambe si sono gonfiate un po '. Ma nel complesso, tutto è stato perfetto. Mio marito ed io abbiamo fatto un'escursione in montagna, e in questo giorno era +50 gradi. È stato difficile per mia moglie, ma per me - almeno l'henné! Non sono affatto stanco, mi sono sentito benissimo ".

- Se la gravidanza procede normalmente, una donna incinta, di regola, si sente meglio in vacanza che in condizioni normali.

Cosa posso mangiare??

I paesi d'oltremare sono, di regola, non solo il mare e il sole, ma anche prodotti e piatti stravaganti che vuoi davvero provare. È possibile mangiarli in vacanza?

“Ho mangiato solo cibi familiari, ho provato in modo che i piatti non fossero piccanti, anche se a volte mi sono permesso di mangiare qualcosa di pepe. Ho fatto affidamento su frutti di mare e frutta, che abbiamo scarsamente disponibili, abbiamo mangiato molte zuppe. Siamo andati solo a istituzioni fidate, su raccomandazioni di amici e recensioni su Internet. Più volte hanno preso il cibo di strada a loro rischio e, per fortuna, non hanno mai avvelenato nulla. Come ho già detto, il mio medico mi ha proibito di mangiare qualsiasi cosa esotica nel cibo e ho seguito le sue istruzioni ", afferma Oksana Belova.

Yana Tokareva ammette: nel cibo era guidata dai suoi sentimenti. Il dottore prescrisse una dieta proteica alla ragazza, ma Yana poteva permettersi cibi "proibiti" se lo voleva davvero. Le emozioni negative della bontà non consumata, secondo lei, sono molto peggiori del danno del piatto raccomandato.

- Tutto dipende dalle caratteristiche individuali della donna e dalla presenza di patologia concomitante dal tratto gastrointestinale. Soprattutto, ogni donna in una posizione dovrebbe ricordare: gli alimenti ricchi di proteine ​​e poveri di grassi animali, come i frutti di mare, rimangono sempre una priorità. È importante avere abbastanza fibre nella dieta, consumare carboidrati lenti (cereali, pasta integrale) e limitare l'assunzione di carboidrati veloci, che contribuirà al rapido aumento di peso: prodotti da forno, frutta, dolci.

Per quanto riguarda la carne di struzzo o frutti esotici, non ci sono controindicazioni specifiche per le donne in gravidanza. Vale la pena concentrarsi sulle preferenze di gusto e sulle raccomandazioni del medico.

Posso prendere il sole?

Una bella abbronzatura al cioccolato è il motivo per cui molte ragazze volano al sole. Ma come essere una donna in una posizione: prendere il sole o non prendere il sole?

“Ho preso il sole rigorosamente su consiglio di un medico e usando prodotti con la massima protezione dai raggi ultravioletti. Ho trovato un massimo di 50 SPF nei negozi locali e in Vietnam ho comprato la crema con SPF 81. Sono sempre andato in una bandana bagnata per non surriscaldarmi, mi ha aiutato molto. È vero, per non prendere un raffreddore, l'ha affittato in un bar dove i condizionatori d'aria lavorano intensamente. Si copriva con un asciugamano bagnato di notte per non languire dal caldo e non accendere il condizionatore d'aria.

Due giorni prima della partenza, ha preso un raffreddore proprio sotto l'aria condizionata in un parco di divertimenti. Temperatura 37,8, naso che cola, mal di testa. All'aeroporto, prima dell'imbarco, ho bevuto l'unica compressa di paracetamolo per trasferire il volo e il giorno dopo mi sono iscritto al dottore a casa.

Anche Yana non si nascose dal sole e venne nella sua città natale con una bellissima abbronzatura bronzo.

“Ho preso il sole, ma mi sono coperto lo stomaco. Non c'erano istruzioni per il medico per questo, questi sono i miei desideri personali: sentivo che non avevo bisogno di aprirlo al sole ", ha aggiunto Yana.

- In una posizione così eccellente puoi e dovresti prendere il sole. Sfortunatamente, nella maggior parte delle città della Russia ci sono pochissime ore di luce all'anno. È scientificamente provato che la vitamina D influenza positivamente sia il corso della gravidanza che il suo esito. Pertanto, è molto necessario per una donna incinta ottenere un utile oligoelemento. Ma non dimenticare i rimedi e ricorda che la misura è soprattutto.

Così ancora: vola o non vola?

Entrambe le eroine del nostro materiale rispondono con fiducia: necessariamente. Naturalmente, se esiste una possibilità e non ci sono controindicazioni.

- L'indicatore più importante delle limitazioni è lo stato di salute della donna incinta e le raccomandazioni specifiche del medico curante riguardo a questa donna. Se la gravidanza procede senza complicazioni, perché non fornire emozioni positive a te stesso, perché quando fa bene alla mamma, fa bene all'omino nel suo stomaco.

Il vantaggio principale della "vacanza incinta" è, naturalmente, emozioni positive, aria salubre del mare, visite regolari al mare, un cambiamento di scenario e prendere il sole.

Allo stesso tempo, ogni gravidanza è individuale, nessuno è al sicuro da emergenze e complicazioni. Inoltre, nessuno vorrebbe ammalarsi o andare in ospedale in un altro paese. Ma se tu o i tuoi cari con i quali parti per la strada parli perfettamente la lingua per una comunicazione produttiva nel paese di riposo, hai un'assicurazione medica di alta qualità, quindi non ci sono ragioni speciali per l'eccitazione. E ricorda: la gravidanza non è una malattia.

Cosa possono fare le donne incinte in vacanza?

Molte giovani donne che hanno un figlio si rifiutano di andarsene e preferiscono aspettare la maternità a casa. Altri, al contrario, non vedono nulla di riprovevole nel passare una settimana o due in mare o semplicemente andare all'estero.

Vediamo se è possibile per le donne incinte volare su un aereo e dove è meglio trascorrere una vacanza, trovandosi in posizione.

Per quanto tempo le donne incinte possono pilotare un aereo??

Il problema del viaggio in aereo durante la gravidanza deve essere discusso con il medico. In assenza di complicazioni e di un decorso favorevole della gravidanza, è improbabile che lo specialista dissuada il paziente dal viaggiare.

Se parliamo dei tempi, la maggior parte degli ostetrici-ginecologi consiglia di volare su un aereo dopo il primo trimestre, ma non superare le 36 settimane. Il più "calmo" è il secondo trimestre.

Dopo 30 settimane, dovresti avere un certificato dal tuo medico sullo stato di salute che indica la durata della gravidanza. Tale documento può essere richiesto al momento della registrazione per un volo in aeroporto.

Dove è meglio andare?

Un lungo volo (verso la Repubblica Dominicana, il Messico, Cuba, la Tailandia, lo Sri Lanka o il Vietnam) può stancare notevolmente una donna in una posizione, quindi dovresti immediatamente rifiutare un simile viaggio. Aggiungi a questo il gonfiore, la tossicosi e la "dipendenza" dal bagno e vedi di persona che è meglio scegliere i paesi situati in un paio d'ore d'estate.

Alla domanda "Dove andare in congedo in gravidanza?" l'opzione migliore sarebbe l'Europa con un clima temperato e favorevole alla ricerca. Spagna, Italia, Grecia, Croazia, Montenegro, Albania, Francia, Cipro: qui le vacanze al mare possono essere combinate con instancabili passeggiate all'aria aperta. Puoi prendere una macchina e fare un giro tu stesso. Come parte del gruppo turistico, le donne in gravidanza potrebbero non essere molto a proprio agio e il percorso può essere molto stancante.

Al fine di rafforzare il sistema immunitario e la salute generale, è possibile scegliere le terme con sorgenti curative: Sivash sputa in Azov, Transcarpazia, Marianske Lazne nella Repubblica Ceca.

È possibile nuotare nel mare e prendere il sole in stato di gravidanza?

Una donna in una "posizione interessante" spesso rifiuta le "gioie estive stagionali", evitando l'esposizione al sole e nuotando nell'acqua.

E questo è fondamentalmente sbagliato! Naturalmente, l'esposizione al sole dovrebbe essere dosata, soprattutto perché l'abbronzatura si “attacca” alle donne in gravidanza molto più velocemente. Ma i raggi UV sono necessari per la futura mamma!

I bagni solari aiutano ad accelerare il metabolismo, aumentano l'immunità, migliorano il funzionamento delle ghiandole endocrine, la quantità di emoglobina nel sangue sta crescendo e molto altro!

L'abbronzatura è particolarmente utile per le donne in gravidanza che sono costantemente a corto di luce solare, ad esempio residenti nella regione settentrionale.

Sì, e nell'effetto positivo del nuoto non c'è dubbio!

L'acqua ti consente di alleviare lo stress e l'affaticamento, riduce il gonfiore. Il nuoto mantiene il tono di tutto il corpo, ti permette di allenare il respiro e i muscoli di tutto il corpo, inclusi i muscoli addominali, che sicuramente aiuteranno durante il parto.

Che tipo di direzione del "mare" scegliere per la futura mamma?

Se vuoi "visitare sicuramente il mare", ti consigliamo di prestare attenzione ai seguenti paesi:

PRIMAVERA: Emirati Arabi Uniti - marzo-maggio; Crimea - maggio; Italia - aprile-maggio; Spagna - aprile-maggio; Israele (maggio).

L'ESTATE non è il periodo migliore per viaggiare all'estero. Ti consigliamo di rimanere nella tua base climatica, rilassarti nel campeggio o stabilirti sulla riva del lago, fare più passeggiate e rilassarti dalla corsa quotidiana.

Luglio-Agosto può essere trascorso nella Repubblica Ceca, sul territorio dei laghi di montagna in Austria, nel Nord Italia.

Dalle destinazioni balneari dovresti scegliere: Crimea, Bulgaria, Grecia, Cipro - a giugno; Spagna - giugno, fine agosto; Paesi baltici - luglio, agosto.

AUTUNNO - un ottimo momento per brevi viaggi in climi più caldi.

A settembre, un mare comodo per nuotare ed emozionanti escursioni attendono in Spagna, Bulgaria, Crimea, Grecia, Cipro, Turchia e Malta.

Ad ottobre puoi andare in Grecia o in Tunisia.

A novembre, il più comodo degli Emirati Arabi Uniti.

I mesi INVERNALI sono meglio trascorsi in spa e spa. Certo, puoi andare negli Emirati Arabi Uniti, ma non guardare nemmeno a distanze più lunghe.!

Vi auguriamo un piacevole soggiorno, un'esperienza piacevole e una consegna facile.!

È possibile pilotare un aereo durante la gravidanza? Periodi favorevoli e sfavorevoli per voli, controindicazioni e possibili conseguenze negative

Il sito fornisce informazioni di riferimento a solo scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È richiesta la consultazione di uno specialista!

Attualmente, il viaggio aereo è diventato un evento abbastanza ordinario, non causando forti emozioni in una persona di qualsiasi età, a meno che non abbia paura del panico di volare. Tuttavia, anche un evento così comune come il trasporto aereo causa preoccupazione e molte domande se una persona che prevede di viaggiare in aereo è una donna incinta.

In relazione all'aumentata vigilanza di una donna incinta in merito alle proprie condizioni, da cui dipende il normale sviluppo del feto, si interroga sulla sicurezza di quasi tutte le azioni ordinarie, incluso il viaggio aereo. Considera i possibili effetti del viaggio aereo sulle condizioni di una donna incinta e rispondi alla domanda: "posso volare su un aereo durante la gravidanza?"

Volo durante la gravidanza

Il viaggio aereo durante la gravidanza, a qualsiasi età gestazionale fino alla nascita, è assolutamente sicuro e non causa danni significativi sia alla donna che al feto. Le uniche controindicazioni al trasporto aereo durante la gravidanza sono le minacce di aborto spontaneo o parto prematuro, distacco di placenta, gestosi, sanguinamento, anemia di grado III, preeclampsia ed esacerbazione delle malattie croniche esistenti. In assenza di queste controindicazioni, una donna incinta può volare liberamente su un aereo in qualsiasi momento. Pertanto, se la gravidanza procede normalmente e la donna si sente bene, allora può benissimo volare su aeroplani moderni senza alcun danno a se stessa e al nascituro.

In generale, il grado di sicurezza del trasporto aereo per ogni particolare donna incinta dipende dal suo stato di salute. Cioè, in effetti, la sicurezza del volo durante la gravidanza è la stessa della donna, ma non della donna incinta.

I potenziali pericoli attualmente noti e i possibili effetti negativi del trasporto aereo sul corpo umano non sono tanto la crescita e lo sviluppo del feto nell'utero, quanto qualsiasi adulto o bambino che fa un viaggio in aereo. Ciò significa che tutti i rischi e i pericoli del trasporto aereo per le donne in gravidanza sono esattamente gli stessi delle donne, uomini e bambini non in gravidanza. Pertanto, i principali rischi del trasporto aereo sono considerati "sindrome dei viaggiatori di classe economica", aumento del rischio di tromboembolia, eccessivo essiccamento delle mucose degli organi ENT, infezione da infezioni aerotrasportate, a causa dell'accumulo di un gran numero di persone nella cabina, ecc..

Tuttavia, tutti i rischi relativi del trasporto aereo possono essere ridotti a quasi zero seguendo semplici regole di condotta durante il volo, che considereremo separatamente.

Quindi, possiamo concludere che una donna in buona salute la cui gravidanza sta procedendo normalmente (senza complicazioni) può tranquillamente volare su un aereo, seguendo semplici regole volte a minimizzare i rischi, quando è necessario, poiché il trasporto aereo è sicuro per lei e il suo bambino non ancora nato. Se una donna ha delle complicazioni durante la gravidanza, dovresti prima eliminarle, dopo di che, dopo aver ottenuto un miglioramento duraturo, puoi effettuare voli, anche seguendo semplici regole che minimizzano i rischi e l'impatto negativo del volo su un aereo.

Controindicazioni gravidanza

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda alle donne in gravidanza di rifiutare il volo se presentano le seguenti condizioni o malattie:

  • Gravidanza di un anno per più di 36 settimane;
  • Gravidanza multipla per più di 32 settimane;
  • I primi sette giorni dopo la nascita;
  • Gravidanza complicata (ad esempio, la minaccia di aborto spontaneo, gestosi, tossicosi grave, ecc.).

Queste raccomandazioni dell'OMS sono piuttosto vaghe perché riflettono solo i punti principali e molto generali in cui una donna incinta non è consigliata per volare su un aereo. Inoltre, sono di natura consultiva e non appartengono a controindicazioni. Dalle raccomandazioni dell'OMS emerge inoltre chiaramente che una donna incinta può volare su un aereo quando ne ha bisogno, poiché i viaggi aerei sono sicuri per lei e il feto.

Controindicazioni più precise al trasporto aereo durante la gravidanza sono date da ostetrici-ginecologi di paesi sviluppati in Europa e negli Stati Uniti. Quindi, le seguenti condizioni in una donna sono assolutamente controindicazioni ai viaggi aerei durante la gravidanza:

  • Placenta previa (completo);
  • preeclampsia;
  • Anemia di grado III (livello di emoglobina inferiore a 70 g / l).

Ciò significa che se ci sono controindicazioni assolute, le donne in gravidanza non devono volare in aereo in nessun caso..

Oltre all'assoluto, ci sono relative controindicazioni ai viaggi aerei per le donne in gravidanza. In presenza di tali controindicazioni relative, una donna può volare su un aereo con cautela, tuttavia, i medici raccomandano fortemente in tali casi di rifiutare il viaggio aereo. Pertanto, le seguenti condizioni e malattie sono correlate alle controindicazioni relative ai viaggi aerei durante la gravidanza:

  • Minaccia di parto prematuro;
  • Rischio di aborto spontaneo;
  • Sospetto di distacco di placenta;
  • Anemia di grado II (livello di emoglobina inferiore a 90 g / l, ma superiore a 70 g / l);
  • Bassa localizzazione della placenta (contata solo dalla 20a settimana di gravidanza);
  • Struttura anormale della placenta;
  • Individuare dalla vagina in qualsiasi fase della gravidanza che si verifica 1-2 giorni prima del volo previsto;
  • Posizione errata del feto nell'III trimestre di gravidanza (dalle 28 alle 40 settimane incluse);
  • Gravidanze multiple per 24 settimane di gestazione;
  • Procedure invasive (ad esempio, amniocentesi, coriocentesi, ecc.) Entro 7-10 giorni prima del volo previsto;
  • gestosi;
  • Tossicosi grave;
  • Vomito eccessivo;
  • Tromboflebite passata;
  • Diabete non controllato;
  • Ipertensione non controllata;
  • Insufficienza istmico-cervicale;
  • Esacerbazione di malattie croniche (ad esempio, infezioni erpetiche, citomegalovirus, ecc.);
  • Malattie infettive acute (inclusi raffreddori, influenza, ecc.);
  • Gravidanza derivante da fecondazione in vitro;
  • Cicatrice dell'utero.

Possibili effetti avversi del viaggio aereo durante la gravidanza

Rischio di parto prematuro a causa di cadute di pressione durante il decollo, l'atterraggio e la turbolenza

Molte persone hanno messo radici nell'idea che i viaggi aerei in qualsiasi fase della gravidanza aumentano il rischio di parto prematuro. Inoltre, questo fatto è spiegato dal fatto che le cadute di pressione che si verificano durante il decollo, l'atterraggio e la turbolenza influenzano negativamente l'utero, causando lavoro.

Tuttavia, le osservazioni pratiche a lungo termine dei voli delle donne in gravidanza nelle diverse fasi della gravidanza hanno dimostrato che la frequenza della nascita pretermine nell'aria è la stessa del suolo. E la caduta di pressione non influisce in alcun modo sull'attività contrattile dell'utero. In altre parole, il viaggio aereo non aumenta il rischio di parto prematuro, quindi non dovresti aver paura di questo. E anche se una donna ha già il rischio di aborto spontaneo o parto prematuro, il viaggio aereo non lo aumenterà. Pertanto, questa opinione è un mito..

Il rischio di parto pretermine può essere determinato utilizzando l'ecografia transvaginale con una misurazione della lunghezza della cervice. Se la cervice è più lunga di 14 cm, il rischio di parto prematuro è praticamente zero e puoi volare in sicurezza. Se la cervice è più corta di 14 cm, c'è il rischio di parto prematuro, il grado in cui il medico deve valutare e decidere se questa donna può volare su un aereo.

I risultati di molti anni di osservazioni pratiche non convincono molte donne, poiché ritengono che se i voli non aumentassero il rischio di parto prematuro e non influissero negativamente sulla gravidanza, le compagnie aeree non limiterebbero il loro accesso ai voli, richiedendo un certificato da un ginecologo che afferma che questa donna può volare su un aereo. Tuttavia, la politica delle compagnie aeree non ha nulla a che fare con l'effetto dei voli sulla gravidanza, quindi questa conclusione è fondamentalmente sbagliata.

Dovrebbe essere chiaro che una tale politica aerea non è determinata dall'impatto negativo dei voli sulla gravidanza, ma dal desiderio di ridurre al minimo la probabilità di stress per la squadra di linea, che riceveranno se il passeggero inizia a partorire in cabina. Dopotutto, né i piloti né le hostess sono ginecologi e non sono particolarmente disposti a trovarsi in una situazione in cui hanno bisogno di aiuto per partorire. Sebbene le hostess insegnino le abilità alla nascita, non sono dottori o ostetriche, e quindi dare alla luce donne è un'emergenza. E nessuno vuole essere in un'emergenza stressante, e quindi le compagnie aeree si assicurano semplicemente, preferendo non affrontare tali incidenti. È molto semplice farlo: limitare l'accesso ai viaggi aerei per le donne in gravidanza, che vediamo dalle compagnie aeree.

Trombosi venosa profonda o embolia polmonare (embolia polmonare)

Il rischio di trombosi venosa profonda con voli lunghi che durano più di 4 ore aumenta di 3-4 volte in tutte le persone e non solo nelle donne in gravidanza. Tuttavia, poiché la gravidanza stessa è già una condizione in cui è aumentato il rischio di tromboembolia ed embolia polmonare, i viaggi aerei aggravano questo rischio, aumentandolo da 3 a 5 volte rispetto alle donne sane non in gravidanza. Inoltre, il rischio di trombosi ed embolia polmonare è leggermente aumentato assumendo farmaci ormonali. Il rischio di trombosi ed embolia polmonare aumenta anche con l'allungamento del tempo trascorso in volo. Cioè, più dura il volo, maggiore è il rischio di complicanze trombotiche. Pertanto, questa opinione è vera..

Va ricordato che il rischio di trombosi ed embolia polmonare durante il viaggio aereo è associato a una bassa concentrazione di ossigeno e un'eccessiva secchezza dell'aria nella cabina dell'aeromobile, l'uso di alcol, caffè e acqua gassata, nonché un prolungato non movimento Tutti questi fattori causano la stasi del sangue nei vasi delle gambe e la disidratazione, che porta alla formazione di coaguli di sangue..

Tuttavia, questi aumentati rischi di trombosi ed embolia polmonare nelle donne in gravidanza possono essere minimizzati dal comportamento di volo corretto (camminando ogni 45-50 minuti, spesso muovendo le gambe in posizione seduta, indossando biancheria intima a compressione, ecc.). Se una donna incinta si attiene a queste regole di condotta in volo, il rischio di trombosi sarà significativamente ridotto. Attualmente, la British Society of Obstetrician-Gynecologists ha sviluppato le seguenti raccomandazioni per le donne in gravidanza, la cui attuazione ridurrà il rischio di trombosi:

  • Per 5 - 10 minuti ogni ora per sforzare i muscoli della gamba;
  • Ogni 45-50 minuti a piedi intorno alla cabina per 10-15 minuti;
  • Bere 500 ml di liquido all'ora (succo, acqua naturale);
  • Non bere caffè, tè, alcool;
  • Indossare calze a compressione a compressione preventiva.

Inoltre, se una donna incinta ha ulteriori fattori di rischio per trombosi, come peso superiore a 100 kg, gravidanza multipla, trombofilia, vene varicose, quindi prima del volo è necessario effettuare la preparazione del farmaco. Questa preparazione ha lo scopo di ridurre il rischio di trombosi ed embolia polmonare durante il viaggio aereo e consiste nella somministrazione di preparati di eparina a basso peso molecolare (ad esempio Fraxiparin, Dalteparin, Enoxiparin, ecc.). I farmaci vengono somministrati una volta, alla vigilia del prossimo volo, in un dosaggio di 5000 unità.

Se per qualche motivo è impossibile introdurre preparati a base di eparina a basso peso molecolare, possono essere sostituiti prendendo Aspirin 75 mg una volta al giorno il giorno prima e il giorno del volo. Tuttavia, l'aspirina per la prevenzione della trombosi venosa e dell'embolia polmonare è meno efficace delle eparine a basso peso molecolare..

Azione delle radiazioni cosmiche

Ad un'altitudine di oltre 2500 metri vi è effettivamente una radiazione radioattiva dovuta all'attività del sole. Il fatto è che l'atmosfera del nostro pianeta ritarda questi brillamenti solari radioattivi, impedendo loro di raggiungere la terra. Pertanto, una persona, mentre sulla terra, non è esposta alle radiazioni solari. Ma se sale nell'aria ad un'altezza di oltre 2500 metri, la radiazione solare la influenzerà completamente, poiché in questo caso l'effetto protettivo dell'atmosfera è già assente. Pertanto, trovandosi in moderni aerei di linea, il cui volo si svolge a un'altitudine di oltre 2500 metri (di solito a 10.000 metri), una persona è davvero esposta alle radiazioni solari.

Tuttavia, non bisogna farsi prendere dal panico, poiché questo effetto delle radiazioni solari è completamente sicuro per tutte le persone di qualsiasi genere ed età, comprese le donne in gravidanza. La sicurezza della radiazione solare a cui è esposta una donna incinta durante il viaggio aereo è dovuta al fatto che la dose di radiazione ricevuta è molto bassa. Quindi, la dose di radiazione solare ricevuta durante un volo transatlantico è 2,5 volte inferiore rispetto a una radiografia degli organi toracici. Pertanto, con un raro trasporto aereo, una donna incinta è esposta a piccole dosi di radiazioni che non sono dannose per lei o per il feto.

L'ipossia

Ad alta quota, l'aria è rarefatta e la concentrazione di ossigeno in essa contenuta è relativamente bassa. Di conseguenza, nella cabina, la concentrazione di ossigeno è inferiore rispetto all'aria sulla superficie terrestre. Questa situazione porta al fatto che nel sangue di qualsiasi persona, compresa una donna incinta, anche la quantità di ossigeno è leggermente ridotta. Tuttavia, l'ipossia non si verifica, poiché una diminuzione della pressione dell'ossigeno nel sangue provoca una serie di reazioni compensative che forniscono tessuti e organi O2 nelle quantità di cui hanno bisogno.

Pertanto, durante lo studio dell'effetto della bassa concentrazione di ossigeno nell'aria durante i viaggi aerei sul corpo delle donne in gravidanza, è stato rivelato che non c'erano segni di ipossia fetale (secondo il CTG). Cioè, una leggera diminuzione della concentrazione di ossigeno nell'aria e nel sangue di una donna durante il volo non porta a ipossia fetale e, pertanto, non influisce negativamente sulla sua condizione. Pertanto, la diffusa convinzione che il feto sperimenta la fame di ossigeno durante il viaggio aereo è un mito.

L'unica situazione in cui il feto può trovarsi in uno stato di ipossia durante il viaggio aereo è la presenza di anemia di grado III in una donna incinta. In questo caso, i meccanismi compensativi non sono sufficienti per eliminare l'ipossia a causa della mancanza della quantità richiesta di emoglobina.
Altro su ipossia

Telaio del metal detector al momento della registrazione

Vibrazioni e scuotimenti in volo

Disidratazione

Gonfiore del naso e comparsa di rinite, mal di gola e altri segni di raffreddore

Rischio respiratorio

Complicazioni ostetriche improvvise

Regole di condotta per le donne in gravidanza durante i viaggi aerei

I periodi più favorevoli della gravidanza per i viaggi aerei

Il periodo più favorevole e più sicuro per i viaggi aerei è il secondo trimestre di gravidanza, cioè dalle 14 alle 27 settimane di gestazione incluse. Durante questo periodo, i fenomeni di tossicosi sono già terminati, lo stomaco è ancora relativamente piccolo e la minaccia di parto prematuro è minima. Pertanto, si consiglia alle donne di pianificare voli specifici per il secondo trimestre di gravidanza.

Oltre a quelli favorevoli, ci sono anche periodi sfavorevoli per i voli, durante i quali il volo è più pericoloso per una donna incinta. Tali periodi sfavorevoli per i viaggi aerei, e in effetti per qualsiasi altra azione attiva, includono quanto segue:

  • Da 3 a 7 settimane di gravidanza;
  • Dalle 9 alle 12 settimane di gravidanza;
  • Dalle 18 alle 22 settimane di gravidanza;
  • Ogni periodo delle mestruazioni successive, che si sarebbe verificato se non ci fosse stata una gravidanza.

Durante questi periodi pericolosi e avversi, si consiglia di astenersi dal viaggiare in aereo..

Voli in diverse fasi della gravidanza

Volo in anticipo (1, 2, 3 e 4 settimane di gravidanza)

Volo durante il 1o trimestre (5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12 settimane di gravidanza)

Volo durante il 2o trimestre (13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 27 settimane di gravidanza)

Volo durante il 3o trimestre (28, 29, 30, 31, 32, 33, 34, 35, 36 settimane di gravidanza)

Regole per diverse compagnie aeree per donne in gravidanza

Attualmente, sono generalmente accettate le seguenti regole per il trasporto di donne in gravidanza, cui la maggior parte delle compagnie aeree aderisce:

  • Fino a 28 settimane di gravidanza, le donne possono salire a bordo senza certificati e documenti speciali;
  • Dalle 29 alle 36 settimane di gravidanza, le donne devono salire a bordo di un ginecologo affermando che il volo è consentito per salire a bordo dell'aereo;
  • Da 36 settimane è vietato viaggiare in aereo.

Un certificato di un ginecologo, necessario per un volo da 29 a 36 settimane di gravidanza, è valido per un massimo di 7 giorni, quindi è necessario ottenerlo immediatamente prima del viaggio pianificato. Inoltre, in qualsiasi fase della gravidanza, una donna può essere tenuta a registrarsi con un certificato o un altro documento (ad esempio, una carta di scambio) indicante l'età gestazionale.

Queste regole sono generali e più comuni, ma non universali. Molte compagnie aeree usano altre regole per il trasporto di donne in gravidanza, che possono essere più rigorose o, al contrario, leali. Ad esempio, alcune compagnie aeree prendono a bordo le donne dopo 36 settimane di gravidanza con un certificato di un ginecologo che indica che il volo è consentito. Pertanto, al momento dell'acquisto di biglietti aerei, è necessario scoprire le regole della compagnia aerea che opera il volo.

Le maggiori compagnie aeree hanno le seguenti regole per le donne in gravidanza:

  • KLM - gratuito fino a 36 settimane, dopo le quali il passeggero non potrà salire a bordo per nessun motivo;
  • BRITISH AIRWAYS - gratis fino a 28 settimane e dalle 28 alla consegna solo con un certificato del ginecologo, che indica che non ci sono controindicazioni al volo e con una dichiarazione compilata che la donna è a conoscenza di tutti i rischi e non incolpa la compagnia aerea;
  • LUFTHANSA - fino a 34 settimane liberamente, da 35 settimane fino alla consegna solo con un certificato di un ginecologo che lavora in un centro speciale della compagnia aerea;
  • Aeroflot e S7 - un certificato di un medico in qualsiasi fase della gravidanza;
  • UTair, Air Berlin, Air Astana - fino a 36 settimane con un certificato di un ginecologo e da 36 settimane - il volo è proibito;
  • Air France - liberamente in qualsiasi fase della gravidanza fino al parto;
  • Alitalia - fino a 36 settimane gratis, e quindi con un certificato medico.

Recensioni

Viaggiare durante la gravidanza: è possibile volare su un aereo, su come influisce il cambiamento di fusi orari, ecc. - video

Norme sul congedo di maternità: viaggi, voli, pasti, abbronzatura, ecc. - video

Autore: Nasedkina A.K. Specialista in ricerca biomedica.

Gravidanza e aereo

Limitazioni e raccomandazioni per i voli durante la gravidanza.

La gravidanza è un momento molto importante ed eccitante per una futura madre. Allo stesso tempo, non si vuole cambiare il solito modo di vivere e negare il piacere, ad esempio, di viaggiare. Nonostante molti pregiudizi e storie dell'orrore, vogliamo dire: la gravidanza e i voli in aereo sono completamente compatibili! Tuttavia, vale sempre la pena considerare le tue caratteristiche individuali e ricordare una serie di regole, che discuteremo di seguito.

Aerei all'inizio della gravidanza

La gravidanza precoce non è considerata il momento migliore per volare su un aereo. Le donne incinte nel primo trimestre di gravidanza lamentano spesso nausea, mal di testa, malessere generale - tutto ciò è dovuto a cambiamenti ormonali nel corpo.

I sintomi spiacevoli possono peggiorare se ti trovi su un aereo nelle prime fasi della gravidanza. Inoltre, nel periodo fino a 12 settimane di gravidanza, esiste un alto rischio di aborto spontaneo e la differenza di altezza e pressione può peggiorare le condizioni del feto: la bassa pressione nella cabina può causare carenza di ossigeno sia per gli organi interni della madre che per il bambino.

Con uno sviluppo sano della gravidanza, la probabilità di danno da un volo è estremamente piccola, ma prima di salire su un aereo all'inizio della gravidanza, dovresti comunque considerare le possibili conseguenze.

Il momento più sicuro per volare durante la gravidanza

Il periodo più comodo e sicuro per volare in aereo durante la gravidanza va dalle 14 alle 27 settimane di gravidanza. A questo punto, il corpo è già abituato a un nuovo stato e la donna non è tormentata da attacchi di tossicosi. La pancia non è ancora così grande, il che significa che puoi viaggiare il più comodamente possibile.

La maggior parte delle compagnie aeree autorizza liberamente voli per donne in gravidanza fino a un periodo di 36 settimane (se la gravidanza è singleton) o 32 settimane (se i gemelli nascono).

Se hai bisogno di un volo in aereo durante la gravidanza in un secondo momento (4 settimane prima della data prevista di consegna), la compagnia aerea ti chiederà un referto medico e il permesso di volare dal medico supervisore. Secondo le informazioni sul sito Web di Aeroflot, la conclusione deve essere firmata non più di 7 giorni prima del volo. Queste precauzioni sono spiegate dal rischio di parto prematuro..

Le politiche delle compagnie aeree relative ai voli in stato di gravidanza possono variare, quindi prima di acquistare i biglietti, controlla se ti sarà permesso volare.

Nonostante il fatto che la compagnia aerea richiederà un documento ufficiale solo in caso di volo in tarda gravidanza, vale sempre la pena consultare uno specialista se si prevede di viaggiare in aereo.

Come rendere confortevole un volo durante la gravidanza

Alcune semplici regole ti aiuteranno a rendere il volo su un aereo durante la gravidanza il più comodo possibile:

  • Prova a scegliere un posto vicino al corridoio. Quindi sarai meno costretto nei movimenti e ti sarà più comodo alzarti per allungare. Non stare fermo: questo aumenterà il rischio di trombosi e vene varicose a cui le donne incinte sono inclini.
  • Quando ti registri, chiedi i posti in prima fila, dove c'è più spazio per le gambe, o proprio di fronte alla cabina - c'è meno turbolenza.
  • Acquista calze a compressione. Aiuteranno a mantenere le vene in buona forma senza sovraccaricarle e garantiranno un normale flusso sanguigno. Inoltre, aiuteranno a evitare l'edema, che colpisce i passeggeri normali dopo i voli..
  • Bevi più acqua. L'aria nella cabina è molto secca e ciò può causare disidratazione. Si consiglia a ogni passeggero di bere mezzo litro di liquido ogni ora..
  • Assicurati di viaggiare con abiti comodi che non ostacolino i movimenti e porta anche piccoli cuscini sotto il collo e nella parte bassa della schiena.
  • Mentre sei seduto, non dimenticare di allacciare la cintura di sicurezza.

Infine, ricordiamo ancora una volta che la gravidanza e i voli aerei non sono concetti reciprocamente esclusivi. Fatte salve alcune regole e precauzioni, oltre a consultare il medico, è possibile viaggiare in sicurezza.

Donne incinte in mare: è possibile nuotare e prendere il sole durante la gravidanza

Autore: Anna Rudneva, 23 gennaio 2019, Categoria: Maternità

Bene, dimmi, chi non vuole andare al mare in estate? Immergiti nella sabbia calda, sguazza nel laccio delle onde. Penso che non ce ne siano.

Quindi, anche le donne incinte in mare lo vogliono! Forse anche più nitido degli altri, e forse nel mezzo della notte (un classico del genere!). E se di solito il desiderio della futura madre è la legge, allora con l'idea di correre alla donna incinta devi stare attento.

Dovrei rimanere incinta in mare? Una settimana sotto un sole caldo danneggerà la salute di un bambino? Dovresti abbronzare una donna incinta? Come proteggersi dalle macchie dell'età? Nuotare in acqua salata sarebbe utile? Quanto posso nuotare? La gestazione conta? I voli sono sicuri durante la gravidanza? Ci sono molte domande, vero? Scopriamolo insieme.

Consiglia l'ostetrica-ginecologa Anna Rudneva.

Soddisfare

  • 1. Ascolta l'articolo (presto disponibile)
  • 2. È possibile rimanere incinta in mare?
    • 2.1. Cosa dicono i medici: controindicazioni per riposare sul mare
    • 2.2. Dove andare al mare in gravidanza?
    • 2.3. Road to the sea: rischi e suggerimenti
  • 3. Può una donna incinta prendere il sole?
    • 3.1. Una donna incinta può prendere il sole al sole??
    • 3.2. Può una donna incinta prendere il sole in un solarium?
  • 4. È possibile per una donna incinta nuotare?
    • 4.1. Dove posso nuotare incinta?

È possibile rimanere incinta in mare?

Di per sé, l'acqua di mare è molto utile per le future mamme. Contiene ioni rame e ferro, è ricco di sali utili, iodio e selenio (gli ultimi due elementi sono particolarmente importanti: lo iodio, tra le altre cose, è responsabile della formazione delle capacità mentali del bambino e la carenza di selenio è irta di molte complicazioni della gravidanza). L'acqua salata provoca "buona" irritazione della pelle: i capillari si espandono, la nostra pelle inizia letteralmente a respirare, assorbendo ossigeno! Di conseguenza, il metabolismo in tutto il corpo è normalizzato, lo zucchero è ridotto, la pressione è normalizzata.

Il riposo in riva al mare è un prezioso contributo all'immunità di madre e bambino, pochi respiri di aria marina rilassano l'intero sistema nervoso. Sembrerebbe un peccato non approfittare di un recupero così piacevole, ma non così semplice!

Cosa dicono i medici: controindicazioni per riposare sul mare

Con l'inizio della stagione balneare, migliaia di future mamme pongono ai loro dottori la stessa domanda: "Posso essere incinta in mare?".

Come specialista, dirò subito che non esiste una risposta unica a questa domanda. Tutto dipende da come procede la gravidanza, se ci sono complicazioni o il rischio che si verifichino, ecc..

  • placenta previa (sia completa che parziale);
  • minacciato l'aborto;
  • preeclampsia (tossicosi tardiva);
  • qualsiasi malattia cronica nella fase acuta;
  • reazione allergica;
  • picchi di pressione;
  • emoglobina bassa;
  • ipertonicità uterina;
  • disegnando dolori nell'addome inferiore, individuando;
  • l'età gestazionale è inferiore a 12 settimane;
  • l'età gestazionale è superiore a 30 settimane;
  • se sono già avvenuti parto prematuro e aborto spontaneo;
  • proteine ​​presenti nelle urine.

Se il tuo ginecologo ha risolto almeno una delle complicazioni sopra elencate (la decisione di recarsi dalla donna incinta deve essere concordata con il medico!), Si consiglia di rifiutare temporaneamente di viaggiare a più di 100 km da casa. Una condizione indispensabile per rilassarsi fuori casa è la possibilità di venire periodicamente dal medico per un consulto e, se necessario, di ricevere prontamente cure mediche qualificate.

Dove andare al mare in gravidanza?

Se ti senti bene e il tuo medico con un'anima leggera ti lascia andare al mare, spetta a te scegliere il posto perfetto per rilassarti in mare incinta. Quanto segue deve essere aggiunto ai normali requisiti:

  • se all'estero, quindi vicino e non esotico;
  • senza un brusco cambiamento nel clima e nei fusi orari;
  • non meno di una settimana (il corpo ha solo il tempo di adattarsi, ma deve già partire!);
  • temperatura massima - 35 ° C, meglio - meno;
  • la possibilità di un trasferimento comodo e sicuro nel luogo di riposo.

Road to the sea: rischi e suggerimenti

Auto, treno o aereo?

Se puoi scegliere, dai la preferenza a un viaggio con un autista affidabile e attento. Ogni due ore o più spesso (come ti senti) fai delle soste, respira aria, allunga le gambe per 5-10 minuti. Si consiglia di indossare una fasciatura e calze a compressione..

Al secondo posto c'è la ferrovia.

Pianifica i tuoi voli con particolare attenzione..

Cosa devi considerare per una futura mamma prima di salire a bordo di un aereo:

  • la maggior parte delle compagnie aeree non ha restrizioni per le donne in gravidanza, ma quando acquisti i biglietti, controlla questo punto;
  • è consigliabile avere una carta di scambio che confermi l'età gestazionale (per un periodo superiore a 36 settimane, sarà necessario anche un permesso scritto dal medico per i viaggi aerei);
  • l'aria rarefatta e le cadute di pressione barometrica negli aerei moderni non possono più avere paura;
  • se non hai mai volato prima, è meglio rimandare il primo esperimento di volo fino al momento di reazioni più prevedibili del tuo corpo;
  • Naturalmente, non dovresti scegliere il trasporto aereo se hai paura del panico di volare!
  • quando acquisti i biglietti, scegli i posti nella navata laterale e più vicino alla toilette;
  • assicurarsi di allacciare la cintura di sicurezza, ma assicurarsi che la cintura di sicurezza sia sotto la pancia.

Non dimenticare l'assicurazione sanitaria! Quando si emette una polizza assicurativa, specificare se include situazioni legate alla gravidanza, sostegno al bambino in caso di parto prematuro, ecc..

Può una donna incinta prendere il sole?

Una donna incinta può prendere il sole al sole??

Prendere il sole è un antidepressivo efficace. Inoltre, il sole rafforza la nostra immunità, aumenta l'emoglobina, aiuta a sintetizzare la vitamina D (prevenzione del rachitismo nel bambino e osteoporosi postpartum nella madre). Quindi puoi e dovresti prendere il sole su una donna incinta, ma correttamente!

Devi sapere come proteggere te stesso e il tuo bambino dai possibili rischi di esposizione al sole..

  • Non surriscaldare! Il corpo della madre si surriscalda, anche il bambino nell'utero si surriscalda. Il sole caldo, anche in un atleta, può causare svenimenti, cosa possiamo dire di una donna incinta il cui trasferimento di calore non è stabile!
  • Il sole attiva tutti i processi del corpo: metabolismo, circolazione sanguigna, battito cardiaco, ecc. In caso di malfunzionamenti in questi processi, è necessario rifiutare l'abbronzatura.
  • L'esposizione prolungata al sole può provocare emorragie uterine (calo della pressione sanguigna, indebolimento del tono muscolare).
  • Il surriscaldamento al sole rallenta il flusso sanguigno, che a sua volta contribuisce allo sviluppo delle vene varicose.
  • Se la tua pelle ha già un segno di gravidanza sotto forma di macchie dell'età, non vale la pena prendere il sole - la pigmentazione si intensificherà.

Come prendere il sole in stato di gravidanza in modo che il relax in riva al mare dia solo emozioni positive?

1. Prendi il sole all'ombra (sì, puoi prendere il sole all'ombra!) O nasconditi sotto un ombrello ogni 20 minuti per evitare il surriscaldamento.

2. Assicurati di usare la protezione solare.

4. Visitare la spiaggia durante le ore di sicurezza: prima delle 10 e dopo le 17.

5. Ascolta il tuo corpo: la sudorazione e le palpitazioni si sono intensificate? Il sole dovrebbe essere interrotto immediatamente!

Può una donna incinta prendere il sole in un solarium?

Al momento, non sono stati condotti studi ufficiali su questo problema (spesso nei saloni è indicato il contrario). La maggior parte dei medici, incluso me stesso, insiste sul fatto che le donne in gravidanza non dovrebbero prendere il sole in un solarium.

Sei sicuro che il salone non abbia risparmiato sui sistemi di ventilazione della camera del solarium? (Ci sono casi in cui, a causa del surriscaldamento, persone assolutamente sane hanno perso conoscenza durante una sessione di abbronzatura in un lettino abbronzante!) Molti lettini abbronzanti usano anche lampade con raggi B predominanti (abbronzatura pubblicizzata). Tale abbronzatura è chiaramente dannosa, in Europa l'uso di lampade di questo tipo è ufficialmente proibito!

Mia cara mamma! Sulla base di quanto precede, non consiglio di andare incinta a un lettino abbronzante, se vuoi davvero prendere il sole un po '(!), Concediti un vero prendere il sole, ma assicurati di seguire le regole dell'abbronzatura per le donne in gravidanza!

Una donna incinta sa nuotare?

Sicuramente hai sentito parlare dell'aerobica in acqua per le donne in gravidanza e del parto in acqua - sembra che l'elemento acqua sia semplicemente creato per le future mamme!

L'acqua allevia lo stress e la fatica, dà una sensazione di facilità di movimento già dimenticata. Le procedure idriche sono un'ottima prevenzione del gonfiore e delle vene varicose, il nuoto allena la corretta respirazione e i muscoli addominali. Ma è tutto in piscina ed è possibile per una donna incinta nuotare nel mare?

È possibile, ma le raccomandazioni per il bagno in mare per le future mamme sono molto simili alle regole per nuotare nel mare. bambini. E questo non è sorprendente, perché insieme a te nel tuo ventre il tuo bambino è venuto a visitare il mare. Quindi assicuriamoci che sia tu che lui stiate bene.

Primo incontro con il mare. I pedaggi e la strada estenuante alle spalle - sei al mare. Quanto velocemente voglio tuffarmi! Ma non vale la pena farlo: lascia che il corpo si rilassi, abituati alla nuova temperatura. Disimballare le valigie, fare un pisolino per mezz'ora.

In mare - con un termometro. Abbiamo già parlato delle possibili spiacevoli conseguenze del surriscaldamento. Non meno pericolosa è l'ipotermia. Una donna incinta può nuotare solo ad una temperatura dell'acqua di almeno 21 ° C.

Il mare si preoccupa una volta. Se il mare è irrequieto, limitati a fare una passeggiata lungo la costa o sdraiati un po 'a terra. Fai attenzione alle grandi onde che possono ferirti e persino buttarti giù..

Non per molto, ma spesso. Sì, non mi va di lasciare l'acqua calda del mare, ma questa volta dovrò dosare il piacere. Nuota per 10-15 minuti, scendi a terra, avvolgiti in un asciugamano.

Ascoltiamo il corpo. Pelle d'oca, tensione muscolare palpabile - un segnale che è tempo di rilassarsi sulla spiaggia.

L'attività è moderata. Le attività in spiaggia attive devono essere abbandonate. Nuotare in un respiro calmo è l'ideale. Le donne incinte in mare dovrebbero dimenticare le discoteche rumorose della spiaggia. Usa le notti al mare per un sonno curativo e dolce.

Dove posso nuotare incinta?

Se hai già deciso di nuotare incinta in bacini naturali, ricorda che la nostra pelle è una barriera molto condizionale. Attraverso la pelle del corpo, varie sostanze e microrganismi possono entrare nel nostro corpo. Quale prevale nello stagno che ti piace? Questa è la domanda a cui dovresti pensare. Dopotutto, ora il tuo corpo è più vulnerabile alle influenze esterne che mai.

Raccomando alle donne in gravidanza di nuotare solo in corpi idrici approvati dalla stazione sanitaria ed epidemiologica, preferibilmente con acqua corrente e non in piedi (lago, stagno).

Prendi una vacanza al mare in modo responsabile e dal viaggio porterai il miglior souvenir - una carica di energia e salute per due - tu e il tuo futuro bambino!

Up