logo

Conosciuta da tutti e da tutti, la varicella raramente causa serie preoccupazioni. Tranne quelli che non si sono ammalati durante l'infanzia. Gli adulti hanno davvero la varicella? Cosa è meglio: ammalarsi o vaccinarsi? Quali farmaci sono pericolosi con questo virus? Risposte specialista in malattie infettive Daria Panieva.

Daria Panieva è una dottoressa in malattie infettive. Esperienza lavorativa 7 anni. Condivide le conoscenze sulle malattie infettive sul suo blog Instagram.

Varicella: nei bambini, negli adulti e in gravidanza

- A che età le persone ottengono spesso la varicella?

- Dipende dal tipo di popolazione di cui stiamo parlando. Ci sono paesi in cui la vaccinazione contro la varicella è inclusa nel calendario nazionale delle vaccinazioni e la maggior parte delle persone è vaccinata. E ci sono quelli dove non sono entrati. Nel primo caso, l'incidenza è generalmente bassa, anche tra i bambini. Nel secondo - sia i bambini che gli adulti sono malati, ma, molto spesso, i bambini in età prescolare più anziani.

In Russia, la vaccinazione contro la varicella non è stata ancora inclusa nel calendario nazionale. La circolazione del virus è diffusa e quasi tutti i bambini hanno il tempo di affrontarlo prima della scuola.

- Per chi è pericolosa la varicella?

- Per tutti a rischio. Quando diciamo che i bambini tollerano la varicella più facilmente, intendiamo quelli che hanno più di un anno. Dall'adolescenza, è già più difficile e il rischio di complicanze è maggiore. Anche le donne in gravidanza, le persone con malattie croniche e un sistema immunitario indebolito, compresi i malati di cancro o i farmaci immunosoppressori, se indicati, sono a rischio di complicanze.

- Quali sono queste complicazioni?

- Ad esempio, polmonite da varicella. Questa è la complicazione più comune nelle donne in gravidanza malate, specialmente nel terzo trimestre. Il virus della varicella non è estremamente pericoloso per la gravidanza. Con lo sviluppo della malattia nel primo trimestre, il rischio di danno fetale è molto basso (0,4–2,0%). Ma se una donna si ammala 5 giorni prima della nascita o entro 7 giorni dopo, il bambino è a rischio di varicella congenita, che è difficile per i neonati.

- Quale sarà il trattamento del paziente a rischio?

- I medici gli prescrivono aciclovir o valaciclovir. I preparati con questi ingredienti attivi sono efficaci contro i virus dell'herpes, che includono il virus della varicella. Acyclovir è prescritto a tutti gli adolescenti e gli adulti per prevenire il decorso grave della malattia..

Come prevenzione di emergenza, alle donne in gravidanza viene somministrata una specifica immunoglobulina anti-ventosa, poiché non possono essere vaccinati. Ma, sfortunatamente, non è sempre disponibile. Pertanto, è meglio quando si pianifica una gravidanza in caso di dubbio se fosse malata o meno, per chiarire se ci sono anticorpi contro il virus. E se non ci sono anticorpi, allora vaccinati. Questa è l'opzione più ragionevole..

- E come lo scoprono?

- Per rilevare l'immunità al virus della varicella, è necessario donare il sangue per gli anticorpi contro questo virus. Il risultato sarà noto tra qualche giorno. Naturalmente, qualsiasi analisi può essere falsa positiva o falsa negativa. Questa non fa eccezione, ma la probabilità di un risultato falso è bassa..

Eruzioni cutanee e temperatura con varicella

- Come distinguere le eruzioni cutanee con la varicella dagli altri?

- Le eruzioni cutanee con la varicella di solito compaiono contemporaneamente con un aumento della temperatura. Ogni elemento dell'eruzione cutanea attraversa diverse fasi: un punto, un punto in aumento, una bolla, una crosta. L'eruzione cutanea è accompagnata da prurito e copre non solo la pelle, ma anche le mucose. Tuttavia, l'autodiagnosi non vale la pena, in quanto vi sono altre malattie in cui possono esserci manifestazioni simili.

- Le eruzioni cutanee nei bambini devono essere trattate?

- La complicazione più comune della varicella nell'infanzia è l'attaccamento di un'infezione batterica della pelle. Se il bambino pettina l'eruzione cutanea, si forma una superficie della ferita, a cui l'infezione può facilmente attaccarsi. Dire che non è necessario elaborare nulla non sarà del tutto vero. Un'altra cosa è che i coloranti a cui siamo così abituati non sono usati in tutto il mondo. Lo stesso "verde". Lì, viene data preferenza a farmaci come, ad esempio, lozione alla calamina, che riduce il prurito. E più piccolo è, meno graffi e rischio di infezione secondaria. Il nostro vecchio "biglietto verde" non ha base di prove, perché è apparso ed è stato ampiamente introdotto in pratica molto prima che apparisse il termine "medicina basata sull'evidenza". Tuttavia, ci sono alcuni vantaggi nell'usarlo: quando lo tingi, non perdi l'eruzione cutanea. È noto che la varicella è considerata contagiosa per altri 5 giorni dopo la comparsa dell'ultimo elemento dell'eruzione cutanea. Quando coloriamo con i coloranti, possiamo tracciare l'aspetto di quelli nuovi. Dal punto di vista del pericolo per gli altri, è importante, ma per il paziente la cosa principale è ridurre il disagio e il prurito e prevenire l'attaccamento di un'infezione batterica. Perché l'elaborazione locale non è necessaria da ignorare.

- Ha senso usare antistaminici per ridurre il prurito?

- È consentito, ma questo non è nelle raccomandazioni ufficiali. Si ritiene che fondi locali sufficienti. Esistono raccomandazioni nazionali e straniere molto diverse riguardo al nuoto. È assolutamente vietato nuotare qui, mentre all'estero, al contrario, dicono che l'acqua fredda allevia il prurito.

- Che cosa mi consiglia?

- Raccomando di fare il bagno in acqua fresca sotto la doccia, quindi non strofinare con un asciugamano, ma solo ammollo la pelle.

- È possibile camminare con la varicella?

- È possibile se il paziente si sente abbastanza bene per una passeggiata. Ma, ovviamente, allontanarsi solo dalle altre persone. Nessun parco giochi o strade affollate.

- E abbassa la temperatura o no?

- È necessario se ti senti male ed è alto - sopra i 38. Ma in nessuna parte del mondo usi l'aspirina per questo scopo, poiché esiste il rischio di sviluppare la sindrome di Reye (insufficienza epatica acuta ed encefalopatia). E non è consigliabile utilizzare prodotti a base di ibuprofene - sono stati condotti studi che hanno mostrato una connessione tra il suo uso nella varicella e lo sviluppo di complicanze batteriche. Pertanto, è meglio usare farmaci a base di paracetamolo.

- Di recente, puoi spesso leggere il contrario - dicono, il paracetamolo può causare gravi complicazioni...

- Questa è pura speculazione sull'acqua. Qualsiasi medicina, infatti, è veleno. Quando si usano droghe, è necessario ricordare sempre le possibili reazioni in caso di sovradosaggio. Questo è nelle istruzioni, così come gli effetti collaterali. Negli Stati Uniti, un sovradosaggio di paracetamolo è la principale causa di insufficienza epatica acuta. Al fine di ridurre i rischi di uso incontrollato e violazione del programma di assunzione, vengono condotte campagne di informazione, i produttori sono tenuti a indicare in lettere maiuscole sul pacchetto se il paracetamolo è incluso nella preparazione, così come i preparati vengono rimossi dai contatori di libero accesso in modo che il farmacista chiarisca ancora una volta il programma di assunzione. Ma non si dice che il paracetamolo sia pericoloso e non possa essere assunto. Se usato in modo appropriato in conformità con il regime di dosaggio, questo farmaco non è pericoloso. Usalo correttamente..

È meglio vaccinarsi piuttosto che ammalarsi

- Si ritiene che ottenere la varicella durante l'infanzia sia meglio che vaccinarsi...

- Le malattie infettive sono un processo difficile da controllare. In ogni caso, non possiamo prevedere in che modo una persona soffrirà la malattia. Infatti, durante l'infanzia, la varicella è spesso tollerata facilmente e senza conseguenze. Una persona si riprenderà e avrà l'immunità per tutta la vita. Allo stesso tempo, la varicella può verificarsi con complicazioni. Esistono gruppi a rischio inclini a un decorso più grave della malattia. E in effetti, possono verificarsi complicazioni in coloro che non ne fanno parte. Inoltre, non dimenticare l'herpes zoster.

- Il virus della varicella non scompare dal corpo dopo la malattia, ma si deposita nei nodi nervosi e "vive" lì in modalità sonno, senza causare alcun processo patologico. Ma solo fino a quando l'immunità al virus è sufficiente per contenerlo. Quando il livello di anticorpi specifici diminuisce in modo critico, il virus si riattiva, che si manifesta sotto forma di un'altra malattia chiamata herpes zoster. Molto spesso, questo è il numero di anziani o persone con condizioni di immunodeficienza. La varicella trasferita durante l'infanzia è sempre un rischio di contrarre l'herpes zoster in età adulta, indipendentemente da quanto facilmente sia andata.

- Cioè, in realtà, è una ricaduta della varicella?

- Sì, potresti dirlo. Ma solo le manifestazioni sono completamente diverse. La cosa principale che si preoccupa dell'herpes zoster è un danno ai nervi che causa una grave sindrome del dolore. Il dolore può essere insopportabile e durerà a lungo. Inoltre, a differenza della varicella, l'herpes zoster può ripresentarsi ripetutamente.

La vaccinazione riduce significativamente il rischio di herpes zoster.

- Quali vaccini vengono utilizzati oggi per la prevenzione della varicella?

- Usiamo spesso Varilrix. Non ci sono ancora vaccini domestici, quindi non è necessario scegliere tra quelli importati e quelli domestici. La nostra vaccinazione contro la varicella non è inclusa nel calendario nazionale generale delle vaccinazioni, ma in alcune regioni è disponibile tramite un'assicurazione medica obbligatoria. Ad esempio, a Mosca è incluso nel calendario regionale e puoi farlo gratuitamente. Esiste anche un vaccino per l'herpes zoster, ma non l'abbiamo ancora registrato.

- Immunità dopo la vaccinazione per la vita?

- Non possiamo giudicare chiaramente l'immunità di lunga durata di una vaccinazione. I dati variano da 10 a 20 anni, fino all'immunità permanente. La rivaccinazione non è raccomandata, ma dopo aver raggiunto i 50–55 anni di età, si raccomanda anche a chiunque sia stato o è stato vaccinato contro la varicella di somministrare il vaccino contro l'herpes zoster. Questo è un vaccino dello stesso virus, ma differisce per composizione e principio di azione ed è riconosciuto per ricordare al sistema immunitario ciò che aveva incontrato in precedenza per stimolare l'immunità.

Feste di mulini a vento, varicella ripetuta e antipiretico “pericoloso”

- Cerchiamo di chiarire con certezza - una persona che è stata malata o vaccinata contro la varicella può infettarsi di nuovo con essa?

- Questo succede. La malattia infettiva è sempre la lotta tra l'immunità e un agente patogeno. Il vincitore è quello la cui arma è più forte. Gli anticorpi vengono prodotti in risposta al vaccino e all'infezione. Può darsi che il bambino sia entrato in contatto con un paziente con varicella, abbia ricevuto una dose molto elevata del virus e gli anticorpi che ha non erano sufficienti. E poi può ammalarsi di nuovo. Ma, naturalmente, la malattia verrà trasferita in una forma molto lieve, con elementi isolati di un'eruzione cutanea. Qualsiasi vaccinato si ammala più facilmente.

- È possibile ottenere la varicella e non notarla?

- È possibile un decorso asintomatico della malattia. Può darsi che una persona sia sicura di non aver sofferto di varicella, ma di averla subita in forma lieve. In questo caso, per sicurezza, puoi donare sangue agli anticorpi. Ne ho già parlato sopra.

- Cosa provi per un fenomeno come le "feste della varicella" quando vanno a visitare la "varicella"?

- Molto tempo fa c'era una moda per loro negli Stati Uniti. I nostri compatrioti fino ad oggi lo diffondono. Ma negli Stati Uniti ora non puoi organizzare una festa del genere, perché c'è un vaccino nell'impiegato nazionale e nessuno si ammala davvero. Quando non ci sono metodi di prevenzione, può ancora essere giustificato in qualche modo. E se non c'è modo di essere vaccinati, allora puoi andare a visitare la "varicella". Quando abbiamo a disposizione un vaccino, le parti della varicella sono al livello dell'assurdità.

Il vaccino contro la rosolia, l'influenza e la varicella viene somministrato prima della gravidanza?

Ogni donna che vuole rimanere incinta pensa a come proteggere se stessa e il suo bambino da numerose infezioni. La pianificazione della gravidanza non è solo uno stile di vita sano, ma anche vari studi medici. Il loro obiettivo è identificare possibili malattie per i futuri genitori. Le vaccinazioni durante la pianificazione della gravidanza sono una parte importante della prevenzione. La maggior parte di essi deve essere eseguita almeno due o tre mesi prima del concepimento.

Quali malattie vengono vaccinate

Il corpo della donna percepisce le cellule del bambino come estranee. Se l'immunità funzionerà a pieno regime, saranno respinti e si verificherà un aborto spontaneo. Ma la natura è organizzata in modo saggio: durante la gravidanza, l'immunità inizierà necessariamente a diminuire le sue funzioni protettive. Questo aiuta la donna a sopportare il bambino. Ma c'è un rovescio della medaglia. A causa di una diminuzione dell'immunità, una donna incinta è sensibile alle malattie infettive.

Se la futura mamma si ammala, il trattamento sarà problematico. Dopotutto, la maggior parte dei farmaci è controindicata per una donna incinta: possono danneggiare un nascituro. Bene, se stiamo parlando di un raffreddore comune: non è pericoloso ed è facile sconfiggerlo con l'aiuto di rimedi popolari. Ma ci sono malattie che possono danneggiare seriamente la mamma e il bambino.

Devo essere vaccinato prima della gravidanza? Posso rimanere incinta dopo la vaccinazione? Quanto tempo posso rimanere incinta dopo la vaccinazione? Le risposte a queste importanti domande sono nel nostro articolo..

Quindi quali vaccinazioni devi fare quando pianifichi un concepimento?

Sono note molte malattie che rappresentano una grave minaccia per la salute di una donna in attesa di un bambino.

Le vaccinazioni aiutano a proteggere da queste malattie.

Succede che una donna non ricordi se fosse malata di qualsiasi tipo di malattia, se fosse stata vaccinata. Per capire se è possibile essere vaccinati, un medico che pianifica una gravidanza raccomanderà un'analisi per gli anticorpi contro varie infezioni. Questo studio rivela proteine ​​speciali nel sangue - immunoglobuline. Sono portatori di contatto con il virus o il batterio..

Se nel sangue viene rilevata un'immunoglobulina di classe G, significa che la donna ha sofferto di questa malattia e ha l'immunità. Pertanto, la vaccinazione non ne vale la pena. Le proteine ​​di classe M nel sangue indicano che la donna al momento del prelievo è la portatrice della malattia e ha bisogno di cure. Ma se non ci sono anticorpi, è necessario vaccinarsi: questo aiuterà la futura mamma a proteggersi dalla malattia.

Soffermiamoci su alcune vaccinazioni in modo più dettagliato..

Rosolia

Questa è una delle malattie più pericolose e gravi per una donna che aspetta un bambino. I virus della rosolia penetrano facilmente nella placenta e diventano una fonte di tutti i tipi di difetti fetali. Pertanto, un vaccino contro la rosolia prima della gravidanza è un componente essenziale della prevenzione.

Ecco come appare la rosolia

La rosolia fa paura a una donna incinta perché è facile che si infetti. Il virus viene trasmesso da goccioline trasportate dall'aria. Per due o tre settimane durante il periodo di incubazione, la donna non sperimenterà malessere. Se non sei stato vaccinato contro la rosolia durante la pianificazione di una gravidanza e una donna è malata, i medici ti consiglieranno fortemente di abortire. La rosolia è particolarmente pericolosa nel primo trimestre.

Se non è stata effettuata la vaccinazione prima della gravidanza, la rosolia può portare a conseguenze irreparabili. Un bambino può nascere ritardato mentale e con malformazioni congenite.

Se il virus è entrato nel corpo alla fine della gravidanza, quando si sono formati tutti gli organi principali e i sistemi vitali del bambino, queste terribili conseguenze possono essere evitate..

Se una donna che prevede di diventare madre non è sicura di essere stata vaccinata, è possibile eseguire un esame del sangue per gli anticorpi. Ma questo è facoltativo. Gli studi hanno dimostrato che il vaccino contro la rosolia non farà alcun danno al corpo, ma rafforzerà solo la protezione contro questa infezione..

Qualsiasi vaccino contro la rosolia è efficace quasi al 100% e fornisce protezione per circa 20 anni..

Il vaccino è costituito da un virus vivo. Pertanto, l'immunità appare immediatamente. Sarà sufficiente fare una vaccinazione. La vaccinazione contro la rosolia prima della gravidanza trasmetterà al neonato gli anticorpi con latte materno.

Durante la gravidanza, è severamente vietato essere vaccinati contro la rosolia. Il feto può essere infettato dal virus del vaccino vivo. Una domanda importante: per quanto tempo puoi rimanere incinta dopo la vaccinazione contro la rosolia? I medici dicono: dopo la vaccinazione, puoi rimanere incinta non prima di 3 mesi.

Varicella

La varicella è considerata una malattia infantile. L'infezione colpisce i bambini di età inferiore ai dieci anni. Sebbene questa età possa essere considerata molto condizionata. La malattia viene trasmessa da goccioline trasportate dall'aria, i bambini la tollerano abbastanza facilmente. Gli adulti si ammalano meno spesso, ma molto più duramente.

Eruzione cutanea da varicella

La varicella si presenta solo una volta nella vita e la stragrande maggioranza degli adulti l'ha già avuta. Pertanto, il possibile rischio di contrarre la varicella è piccolo. Tuttavia, se l'infezione è entrata nel corpo all'inizio della gravidanza, allora questo è irto della nascita di un bambino con varicella congenita. E l'alta temperatura della madre durante la malattia ovviamente non sarà utile per il nascituro.

Se non ricordi se hai avuto la varicella, devi donare il sangue per gli anticorpi contro questo virus. Se le immunoglobuline sono assenti, è necessario essere vaccinati. Età gestazionale pianificata - almeno un mese dopo il vaccino.

Influenza

La malattia più comune e insidiosa che può portare a una donna incinta molti problemi. Forse questa malattia è familiare a tutti. La fonte della malattia è una persona malata. L'infezione viene trasmessa da goccioline trasportate dall'aria.

Le persone portano la malattia in diversi modi. La gravità della malattia dipende da quanto è forte la loro immunità, nonché dai farmaci scelti. Se il corpo è forte e indurito, l'influenza fluirà rapidamente e relativamente facilmente. In altre circostanze, la malattia è irta di gravi complicazioni. Ad esempio, durante la gravidanza, quando l'immunità viene ridotta, l'influenza può persino essere fatale..

Ho bisogno di un vaccino antinfluenzale quando pianifico una gravidanza??

Un vaccino antinfluenzale prima della gravidanza è probabile che sia raccomandato dal medico, soprattutto prima di un'epidemia. Dopotutto, se la futura mamma ha l'influenza, molte droghe le sono vietate. E a causa di un'immunità indebolita, una donna incinta può sperimentare una serie di complicazioni spiacevoli e molto pericolose. Le conseguenze più gravi della malattia possono essere le seguenti:

  • Nascita prematura
  • Aborto Spontaneo
  • Infezione intrauterina del feto.
  • Infiammazione polmonare della mamma

Pertanto, ottenere un vaccino antinfluenzale non è solo possibile, ma anche necessario. I vaccini moderni non hanno un virus vivo, quindi nella maggior parte dei casi il vaccino viene tollerato abbastanza facilmente. L'opzione migliore è la gravidanza dopo un vaccino antinfluenzale almeno due mesi dopo.

"Tutte le vaccinazioni, compresa la rosolia, vengono somministrate almeno 2-3 mesi prima di pianificare una gravidanza", conferma Elena Kanaeva, ostetrico-ginecologa, dottoressa di categoria superiore, candidata alle scienze mediche, direttrice della clinica familiare Repromed. - E durante la gravidanza non vengono somministrate vaccinazioni.

Perché non può essere vaccinato durante la gravidanza stessa?

Una domanda così difficile può affrontare future madri. Durante la gravidanza, le vaccinazioni non sono consigliate perché indeboliscono il corpo. Inoltre, sono possibili reazioni individuali al vaccino (ad esempio un'allergia o un forte aumento della temperatura). Qualsiasi vaccino è un potenziale rischio. Passaggi errati possono portare a gravi conseguenze..

Se la gravidanza si verifica in inverno e in primavera, se una donna incinta lavora come medico, insegnante, commesso o siede in un ufficio densamente popolato, il rischio di infezione è elevato. Pertanto, alcuni medici raccomandano ancora un vaccino antinfluenzale, sebbene possa danneggiare il bambino. Qui la decisione è tua. Se riesci a "sederti" fuori dall'epidemia di influenza a casa, fai a meno del vaccino. È meglio instillare i membri della famiglia - marito, madre, figlio maggiore, in modo che non portino il virus alla famiglia.

Per quanto riguarda gli uomini, la pianificazione della gravidanza non è una controindicazione alle vaccinazioni. Non ci sono prove che il vaccino influisca sulla qualità dello sperma. Ma se sei preoccupato per questo problema, puoi far vaccinare tuo marito e posticipare la pianificazione di un mese. O il futuro padre può aspettare con il vaccino prima della gravidanza della moglie.

Numerose recensioni positive di donne che, prima di rimanere incinta, sono state vaccinate contro virus pericolosi, confermano che è necessaria la vaccinazione prima della gravidanza. Proteggerà mamma e bambino da possibili complicazioni..

Varicella durante la gravidanza: c'è un motivo di forte preoccupazione

Aspettare un bambino è un processo piacevole ed eccitante. Durante questo periodo, una donna cerca di proteggersi da possibili malattie. Tuttavia, questo non è facile da fare se il bambino più grande frequenta la scuola materna o la scuola e in qualsiasi momento può portare a casa un qualche tipo di virus, ad esempio la varicella nota a tutti. Quanto è pericolosa questa infezione durante la gravidanza? Come può influenzare la salute del feto?

Cos'è la varicella

La varicella (o la varicella) è una malattia virale acuta. È causato dal microrganismo varicella-zoster, che è un parente stretto del virus dell'herpes. Ha paura della luce solare aperta, muore a causa dei disinfettanti, ma è ben conservato in condizioni di umidità e freddo. Il virus si diffonde attraverso goccioline trasportate dall'aria e insieme a goccioline di saliva può essere trasportato a distanze decenti - fino a 20 metri.

È interessante notare che in medicina la varicella fu descritta per la prima volta dal medico italiano G. Gvidi (Vidius) già nel XVI secolo. Tuttavia, fino alla metà del XIX secolo, la malattia era considerata un tipo di vaiolo. Il termine "varicella" fu introdotto solo nel 1872 in Ungheria.

La malattia attraversa tre fasi:

  1. Il periodo di incubazione (nascosto) - dal momento dell'infezione (contatto con una persona malata) alle manifestazioni iniziali. Nei bambini e negli adulti fino a trenta anni, sono circa due settimane, dopo 30 anni possono durare fino a tre settimane.
  2. Periodo prodromico (o stadio dei "precursori") - inizia un paio di giorni prima della formazione delle prime papule.
  3. Il periodo dell'eruzione cutanea è direttamente la comparsa di un'eruzione cutanea. Questa fase dura 7-9 giorni, dopo di che le papule si seccano e scompaiono..

Un'eruzione cutanea è il sintomo principale della varicella. Le papule sul corpo si formano in modo casuale (di tanto in tanto - ogni due o tre giorni durante la prima settimana dopo la loro scoperta, si verifica una nuova "onda", mentre i vecchi e i nuovi elementi coesistono contemporaneamente), non influenzano gli strati interni della pelle, non lasciano cicatrici quando scompaiono ( a meno che non li pettini duramente). Le eruzioni cutanee sono accompagnate da prurito, che può essere semplicemente insopportabile.

All'inizio, l'eruzione cutanea appare sulla testa e sul viso, quindi gradualmente scende al di sotto (il tronco), mentre colpisce gli arti meno spesso.

Ogni elemento rash attraversa una serie di fasi:

  1. La papula è un tubercolo rosso che sale leggermente sopra la pelle.
  2. Vescicola. Il tubercolo è pieno di liquido sieroso.
  3. Pustola. Una bolla che scoppia viene trasformata in squame e coperta da una crosta che cade nel tempo. Questo processo accelera la pettinatura, anche se a seguito di ciò possono rimanere cicatrici (i batteri entrano nella ferita).
L'eruzione dura circa una settimana, dopo di che si asciuga gradualmente

Oltre al principale, ci sono altri segni della malattia. Il grado della loro manifestazione dipende dall'età e dalle caratteristiche individuali del paziente.

  1. Aumento della temperatura. Nei bambini, di norma, non supera i valori del subfebrile, negli adulti può raggiungere i 39 ° C. Questo sintomo è di solito diversi giorni prima dell'eruzione cutanea.
  2. Malessere generale, mal di testa, mancanza di appetito.
  3. A volte ci sono piccoli dolori addominali che durano 1-2 giorni dopo la rilevazione dell'infezione..

La varicella è una malattia prevalentemente infantile. Negli adulti, di solito è più difficile (è per questo che molti genitori vogliono persino che il loro bambino riceva la varicella e lo portano specialmente all'asilo durante l'epidemia). Il numero di ondate di eruzioni cutanee è molto più grande, il loro sviluppo inverso si verifica più tardi rispetto ai bambini, tutti gli altri sintomi sono anche più pronunciati (segni di intossicazione del corpo). Inoltre, la probabilità di unire un'infezione batterica e complicazioni sotto forma di polmonite, artrite, laringite, meningite, ecc., È piuttosto elevata (queste patologie iniziano con nausea, vomito, svenimento).

Tuttavia, ci sono eccezioni alle regole. L'autrice di queste righe si ammalò di varicella solo all'età di 29 anni dopo aver mandato il bambino all'asilo (ovviamente, il contatto con i bambini colpiti). Sorprendentemente, la malattia è passata in una forma molto mite: la temperatura di 38 ° C è durata solo un giorno, dopo di che è tornata alla normalità e c'erano pochissime eruzioni cutanee (non ce n'era quasi nessuna sul viso). A proposito, mio ​​figlio, che a quel tempo aveva quasi tre anni, si ammalò anche due settimane dopo: e la malattia era molto peggio per lui di mia madre: un'eruzione cutanea abbondante sul corpo con forte prurito, la febbre è durata diversi giorni.

Se durante l'infanzia un bambino non può avere la varicella durante un'epidemia in una squadra di bambini, quindi in età adulta, il contatto con un corriere è quasi sempre un'infezione.

Caratteristiche del decorso della malattia in diverse fasi della gravidanza

Di per sé, la "situazione interessante" non aggrava il decorso della varicella, non porta ad un aumento delle complicanze nelle donne: il pericolo in questo caso minaccia il feto. Dopotutto, la malattia provoca un virus che, penetrando nel sangue e nei tessuti del corpo femminile, è in grado di penetrare nella placenta ed esercitare il suo effetto dannoso lì..

Le donne in gravidanza non sono così spesso infettate dalla varicella (circa 1 caso per 1000 persone). Tuttavia, se la famiglia ha bambini piccoli o la donna stessa è una dipendente di un asilo, il rischio di infezione aumenta molte volte (ovviamente, se la madre non aveva mai avuto la varicella).

Il grado di minaccia rappresentato dal feto per la varicella dipende in gran parte dall'età gestazionale..

1 trimestre

Nelle prime fasi (fino a circa 20 settimane), le complicanze per il bambino sono circa il 5%. Durante questo periodo, qualsiasi infezione è pericolosa, perché vengono posati i sistemi e gli organi del futuro bambino. La placenta è ancora finalmente formata solo dalla 20a settimana, quindi non può proteggere l'embrione dai danni. Potrebbe sviluppare la varicella intrauterina, il che significa le seguenti conseguenze:

  1. Congelamento della gravidanza.
  2. Aborto spontaneo.
  3. Anche se l'embrione non muore, può potenzialmente avere problemi con lo sviluppo del sistema nervoso centrale, l'udito, la visione, il tratto gastrointestinale, la vescica, l'atrofia degli arti, i cambiamenti cicatriziali nella pelle. Alla fine, queste complicazioni porteranno alla sua morte..
Se il virus della varicella infetta un embrione nel primo trimestre di gravidanza, è probabile che muoia

La varicella all'inizio della gravidanza non è un'indicazione incondizionata per l'aborto, come nel caso, ad esempio, della rosolia. Dopo tutto, se non si è verificato un aborto spontaneo o se la gravidanza non si è congelata, molto probabilmente tutto è in ordine con l'embrione.

2 trimestre

Dopo 20 settimane, il rischio è leggermente ridotto (fino al 2%), poiché la placenta è già completamente formata e protegge il bambino da influenze esterne negative. Complicazioni possono verificarsi se la malattia infettiva della madre è grave. Le patologie possono essere le seguenti:

  1. Sviluppo osseo e muscolare improprio.
  2. Cicatrici sulla pelle.
  3. Deficit visivo.
  4. Polmonite congenita.
  5. Disordini neurologici.

Un'ecografia per una donna con varicella è necessariamente prescritta per determinare malformazioni fetali. Se trova gravi patologie, il medico di solito suggerisce di interrompere artificialmente.

Se una donna ha la varicella nel secondo trimestre, deve eseguire un'ecografia non programmata per identificare possibili malformazioni fetali

Si raccomandano anche altri studi:

  1. L'amniocentesi è una raccolta di liquido amniotico. La procedura aiuta a identificare possibili anomalie genetiche nel bambino..
  2. Cordocentesi: prelievo del sangue del cordone ombelicale dal feto.

3 trimestre

Verso la fine della gravidanza, la minaccia delle gravi conseguenze della varicella è in aumento. L'infezione nel terzo trimestre è pericolosa se la mamma ha la varicella 7-10 giorni prima del parto. Il rischio di infezione del bambino alla nascita è di circa il 50%. Il corpo del bambino non ha ancora sviluppato abbastanza anticorpi: il sistema immunitario non sarà semplicemente in grado di resistere al virus. Di conseguenza, un bambino sviluppa la varicella congenita (neonatale) con patologie concomitanti di organi interni (encefalite, danno al fegato, organi respiratori, ecc.). Un neonato può persino morire poco dopo la nascita (secondo le statistiche, questo è il 25% dei bambini infetti). Se la madre si ammala di varicella circa una settimana prima della nascita, quindi in metà del caso, il bambino nasce con varicella congenita

Se la madre si è ammalata prima di tre settimane prima del parto, la prognosi in questo caso è abbastanza favorevole. Dopotutto, il suo corpo è riuscito a sviluppare anticorpi contro il virus e trasmetterli al bambino. Anche se si ammala dopo la nascita, tutto scorrerà in una forma lieve..

Trattamento della varicella nelle donne in gravidanza

Quando compaiono i primi segni di varicella, la futura mamma dovrebbe contattare immediatamente il suo ginecologo. Il medico valuta la gravità della malattia, la presenza di infezioni secondarie, tenendo conto della durata della gravidanza.

Per un periodo superiore a 20 settimane, il medico può prescrivere iniezioni di immunoglobuline alla donna (a volte ciò avviene dopo il contatto con il paziente, anche prima che compaiano i primi segni della malattia).

Inoltre, a volte il farmaco antivirale Acyclovir è prescritto per le donne in gravidanza (nel primo trimestre, è indesiderabile usarlo a causa del possibile effetto sull'embrione). Allevia i sintomi acuti e accelera il recupero. Tuttavia, affinché il rimedio abbia l'effetto desiderato, è necessario iniziare a prenderlo entro 24 ore dopo la comparsa delle prime papule.

Il resto del trattamento per la varicella nelle donne in gravidanza viene effettuato secondo lo schema standard (in linea di principio, lo stesso dei bambini):

  1. Le eruzioni cutanee sono trattate con una normale soluzione verde brillante o blu di metilene.
  2. Un condimento di garza imbevuto di lozione alla calamina aiuta a ridurre il prurito..
  3. Il farmaco Tsindol (a base di zinco) avrà un effetto antisettico sulla pelle e sulle piaghe secche.

Galleria fotografica: farmaci per il trattamento della varicella in una donna incinta

Con la varicella incinta, non è necessario surriscaldarsi: questo aumenterà solo il prurito. Fare il bagno è meglio sostituirlo con una doccia calda. La pelle non può essere strofinata con un asciugamano, bagnarsi solo delicatamente e ogni volta viene utilizzato un nuovo asciugamano. Durante il periodo di malattia, una donna dovrebbe bere di più e mangiare cibi sani per il rapido recupero del corpo.

Se i sintomi della varicella si sono verificati nella donna incinta immediatamente prima del parto, i medici di solito cercano di ritardarli per un periodo di 5-7 giorni. Durante questo periodo, la futura mamma darà al bambino preziosi anticorpi contro il virus e, anche se si ammala, trasferirà tutto relativamente facilmente. Se il ritardo nel parto non ha funzionato, quindi immediatamente dopo la nascita del bambino, viene introdotta l'immunoglobulina, che lo aiuterà a resistere all'infezione. Successivamente, i medici monitorano attentamente le condizioni del bambino per due settimane. Se la nascita non può essere posticipata, al bambino viene somministrata immunoglobulina dopo la nascita

Se una donna ha un'eruzione cutanea nell'area genitale, i medici stanno prendendo in considerazione un taglio cesareo.

Come aspettarsi che la mamma si protegga dall'infezione da varicella

Anche in fase di pianificazione, una donna incinta dovrebbe scoprire se aveva la varicella nella sua infanzia. Se è impossibile scoprirlo, puoi fare un'analisi speciale in laboratorio per identificare gli anticorpi contro la varicella.

Se la futura mamma non ha mai incontrato la varicella, quindi prima del concepimento (preferibilmente in tre mesi) si raccomanda di essere vaccinata contro questo virus.

Nella fase di pianificazione della gravidanza, è consigliabile che una donna venga vaccinata contro la varicella

Nel nostro paese, la vaccinazione contro la varicella viene effettuata con i preparati di Okavax e Varilix (il primo prende il nome dal ragazzo giapponese Oka, da cui il virus è stato isolato dalle vescicole cutanee). Contengono un virus dell'herpes indebolito, che il corpo umano può facilmente superare, mentre sviluppa un'immunità adeguata. Naturalmente, dopo la vaccinazione, c'è il rischio di contrarre un'infezione, ma molto poco.

Durante la gravidanza è vietata la vaccinazione contro la varicella. Il concepimento può essere pianificato solo tre mesi dopo la vaccinazione. Tuttavia, se una donna scopre della sua gravidanza dopo la somministrazione del vaccino, questa non è un'indicazione assoluta per l'aborto..

La vaccinazione non esclude ulteriori misure protettive:

  1. Una donna già incinta deve assumere complessi vitaminici (a proposito, questo non farà male in fase di pianificazione). Ciò aumenterà la resistenza del corpo alle infezioni, perché quando nasce un bambino, l'immunità materna diminuisce naturalmente.
  2. Se possibile, è meglio non andare all'asilo durante il periodo di gravidanza di un bambino in età prescolare più grande - una potenziale fonte di infezione.
  3. Se i bambini più grandi non hanno ancora avuto la varicella, possono anche essere vaccinati..

Gravidanza dopo la varicella

Dopo aver sofferto di varicella, una donna può pianificare in sicurezza una gravidanza. Infatti, nel suo sangue contiene gli anticorpi necessari per combattere il virus. Tuttavia, va ricordato che la malattia sopprime l'immunità generale e vi è un aumentato rischio di contrarre qualsiasi altra infezione (ad esempio, ARVI), che può influire negativamente sul processo di gestazione.

Non sempre le condizioni di una donna ti consentono di iniziare a pianificare la gravidanza - il corpo è spesso impoverito da un'infezione debilitante. Pertanto, è consigliabile ripristinare la forza e solo allora continuare a concepire un bambino.

Berezovskaya E.P..

Per ridurre al minimo i possibili rischi, la gravidanza dopo la varicella è meglio rimandare di 3-4 mesi. Questa volta è abbastanza per rafforzare la tua salute. Una donna non avrà bisogno di farmaci e procedure: deve solo condurre uno stile di vita sano, rilassarsi molto e seguire una dieta equilibrata.

Possibilità di reinfezione

Molte persone credono che se una persona ha la varicella, allora non sarà più infettata, perché gli anticorpi contro questo virus sono nel sangue, fornendo immunità per tutta la vita. Tuttavia, oggi questa infezione colpisce sempre più coloro che l'hanno sofferta durante l'infanzia: ciò è dovuto alla mutazione del virus, all'acquisizione di nuove proprietà. Anche la moderna ecologia sfavorevole, l'uso frequente e irragionevole di antibiotici, malnutrizione e fattori di stress svolgono un ruolo. E quindi, non si può dire con assoluta certezza che la varicella non è un pericolo per la futura mamma se l'ha sofferta durante l'infanzia.

Circa la metà delle donne in gravidanza con varicella ha precedentemente manifestato questa infezione..

Video: Dr. Komarovsky sui pericoli della malattia per una donna incinta e un bambino

Molti percepiscono la varicella come una malattia infantile innocua. Tuttavia, durante la gravidanza, quando il sistema immunitario diminuisce naturalmente, qualsiasi virus comporta un potenziale pericolo. Certo, la varicella non è così spaventosa per la futura madre, come, ad esempio, la rosolia. Tuttavia, in rari casi, può danneggiare il feto: nelle prime fasi può provocare un aborto spontaneo e in quelli successivi (prima del parto) può causare gravi malformazioni. La cosa principale per una donna infetta non è il panico, ma deve essere osservato da un medico che prescriverà il corso di trattamento necessario per ridurre al minimo le possibili conseguenze.

La fattibilità della vaccinazione contro la varicella: il nome dei vaccini, caratteristiche, costo, opinioni dei medici

La vaccinazione contro la varicella è un metodo medico provato ed efficace che può aiutare a prevenire l'infezione. La domanda sulla necessità della vaccinazione oggi è piuttosto acuta e molte persone non possono dare una risposta definitiva se hanno bisogno di un vaccino contro la varicella o se è meglio contrarre questa malattia.

Prima di trarre conclusioni, è necessario comprendere cos'è la varicella, quali tipi di vaccini esistono, quali controindicazioni e possibili complicanze devono essere prese in considerazione.

Nell'articolo parleremo in dettaglio dei vaccini, quale vaccino è meglio e perché, delle conseguenze dell'uso e dell'opportunità della vaccinazione per un adulto e un bambino.

Esiste un vaccino contro la varicella

Il vaccino contro la varicella (varicella) è apparso per la prima volta nel 1974. Esperti medici dal Giappone e dagli Stati Uniti hanno testato il vaccino ottenuto usando il ceppo Oka del virus VZV e condotto test di laboratorio. La sicurezza dell'uso del vaccino è stata confermata dai risultati registrati nel position paper dell'OMS:

Il 90% dei vaccinati ha avuto protezione 10 anni dopo la vaccinazione negli Stati Uniti e 20 anni in Giappone.

Nel programma di vaccinazione adottato in Russia, la vaccinazione contro la varicella è un punto abbastanza nuovo. Si ritiene che il primo vaccino efficace sia apparso in Russia nel 2008 e un anno dopo sia stato incluso nel programma di immunizzazione regionale..

Caratteristiche e necessità di vaccinazione

Si raccomanda di eseguire la procedura durante l'infanzia, prima che il bambino raggiunga i 12 anni. In questo caso, è importante determinare correttamente il metodo e il luogo di somministrazione del farmaco. Quindi, il farmaco viene principalmente somministrato per via intramuscolare nel muscolo deltoide.

Tipi di vaccini e loro nome

Molte persone si preoccupano del nome del vaccino contro la varicella, di quante ne esistono e quale è meglio. In Russia vengono utilizzati due tipi di vaccini principali: Varillrix e Okavax. Prendi in considerazione ciascuno dei vaccini.

Okavax

Che cos'è okavax?

Okavax è un vaccino vivo contenente il virus Varicella Zoster in valori accettabili (secondo le istruzioni, almeno 1000 PFU).

Il farmaco è disponibile in due flaconi: uno contiene una polvere con un agente infettivo, nel secondo un liquido per diluizione.

Quante volte fa okavax?

Il vaccino okavax è conveniente in quanto viene usato una volta. Nel 90% dei casi, si osserva un'immunità prolungata per molti anni (dai 20 anni).

Dove viene prodotto il vaccino??

Il vaccino viene somministrato una volta nella regione muscolare della spalla. Il farmaco non viene utilizzato per via endovenosa!

Utilizzare in bambini e adulti, durante la gravidanza, la pianificazione e l'allattamento.

Okavax è indicato per l'uso da bambini di 1 anno di età che non sono stati vaccinati prima e non avevano la varicella. Il vaccino è strettamente controindicato durante la gravidanza. Con l'allattamento, la decisione viene presa dal medico, in alcuni casi il rischio viene valutato come beneficio-danno.

Si consiglia alle donne di rimanere al sicuro un mese prima e due mesi dopo la vaccinazione..

La vaccinazione di emergenza contro la varicella viene effettuata entro e non oltre 72 ore o 3 giorni dopo il contatto.

istruzioni speciali

Dopo la vaccinazione, è necessario rimanere sotto controllo medico per 30 minuti per prevenire reazioni allergiche. Il giorno della vaccinazione e il giorno successivo, si raccomanda di astenersi dallo stress fisico e mentale, non contaminare o bagnare il sito di iniezione.

Varilrix

Che cos'è Varilrix?

Valirix (il nome corretto per il vaccino Varilrix) è una polvere sotto forma di una siringa attaccata ad essa piena di contenuto liquido. Questi farmaci contengono una dose terapeutica del virus patogeno. Il contenuto dell'agente infettivo è estremamente ridotto, pertanto l'introduzione di tali fondi non rappresenta alcun pericolo per l'uomo.

Utilizzare in bambini e adulti. Quante volte usano?

Consentito per l'uso da parte di bambini dai 12 mesi. Nei bambini di età inferiore ai 13 anni, il vaccino viene usato una volta. Nei bambini di età superiore ai 13 anni e negli adulti due volte con un intervallo da 6 a 10 settimane.

Varilrix è controindicato in gravidanza e allattamento. La gravidanza deve essere pianificata 3 mesi dopo l'uso del vaccino..

Vaccinazione d'emergenza

In casi urgenti, la vaccinazione viene effettuata entro 4 giorni o 96 ore dopo il contatto con il paziente con 1 dose di vaccino (0,5 ml). I medici raccomandano, per efficacia, di essere vaccinati entro i primi 3 giorni (72 ore) dopo il contatto.

Paese di origine: Belgio.

Per comodità, abbiamo formato una tabella in cui abbiamo confrontato i vaccini okavax e varilrix in base a varie caratteristiche.

Confronto tra i vaccini Okavax e Varilrix

(dati compilati in base alle istruzioni del vaccino)

Da 1 anno a 13 anni

(1 volta)

30 minuti dopo la vaccinazione è sotto la supervisione di un medico;

Il sito di iniezione deve essere protetto da umidità e sporco;

Il giorno dell'iniezione e 1 giorno dopo astenersi dallo stress mentale e fisico;

Non pianificare una gravidanza entro 2 mesi.

30 minuti dopo la vaccinazione è sotto la supervisione di un medico;

Non pianificare la gravidanza entro 3 mesi.

caratteristicheOkavaxVarilrix
StrutturaVirus Varicella Zoster (ceppo OKA) almeno 1000 PFU in 1 dose (0,5 ml) ed eccipientiVaricella zoster (ceppo Oka), almeno 3,3 lg di PFU in 1 dose (0,5 ml) ed eccipienti
Metodo di somministrazione del vaccinoSottocutanea, nel braccio (nei muscoli della spalla)Sottocutanea, nel braccio (nei muscoli della spalla)
Utilizzare nei bambiniDa 1 anno
Uso per adultiUna voltaDue volte con un intervallo di 6-10 settimane
Gravidanza e allattamentoDurante la gravidanza - vietato; con allattamento - dopo aver consultato un medico.Proibito
Utilizzare nella pianificazione della gravidanzaProteggere 1 mese prima della vaccinazione e 2 mesi dopo la vaccinazioneNon pianificare la gravidanza entro 3 mesi dalla vaccinazione
Vaccinazione d'emergenzaEntro 3 giorni (72 ore) dopo il primo contattoEntro 3-4 giorni o 72 - 96 ore dopo il primo contatto
Istruzioni speciali dopo la vaccinazione
Azione vaccinaleda 10 a 20 anni, lieve manifestazione di varicella in caso di infezioneda 10 a 20 anni, lieve manifestazione di varicella in caso di infezione
Prezzo)Da 2.000 - 3.500 rubli.Da 4.000 a 5.500 rubli.
Paese produttoreGiapponeBelgio

Devo essere vaccinato

Questa domanda è molto rilevante, tuttavia, prima di rispondere, è necessario ricordare le pericolose complicazioni che la varicella può comportare. Queste complicazioni includono:

  • Infiammazione del tessuto osseo seguita da artrite.
  • Patologie degli organi interni (cuore, fegato, reni e altri organi).
  • Malattie infettive del cervello.
  • L'herpes zoster è una malattia causata dallo stesso gruppo di agenti patogeni, ma con un decorso più grave.
  • Danno significativo alla pelle, presenza di focolai di suppurazione (foruncolosi).
  • Interruzione a lungo termine del sistema immunitario, che porta a frequenti malattie infettive. E molte di queste patologie, come sepsi o polmonite, spesso finiscono con la morte del paziente.

Per ridurre il rischio di sviluppare queste complicanze, si raccomanda di essere vaccinati contro la varicella in modo tempestivo..

Opinione del Dr. Komarovsky

Chi ha bisogno di immunizzazione prima

Qualsiasi persona può affrontare un problema, tuttavia, in alcuni casi, la probabilità di infezione aumenta in modo significativo. Pertanto, alcune persone hanno bisogno prima della vaccinazione..

Si raccomanda la vaccinazione contro la varicella:

  1. Donne che pianificano una gravidanza (la vaccinazione deve essere effettuata entro e non oltre 3 mesi prima del tempo stimato di concepimento).
  2. Malati di cancro sottoposti a chemioterapia.
  3. Le persone che assumono farmaci che sopprimono l'immunità per lungo tempo.
  4. Le persone che hanno malattie croniche degli organi interni.

Inoltre, gli operatori sanitari, nonché i dipendenti delle istituzioni secondarie e prescolari, devono proteggersi dalla varicella, poiché queste persone sono a rischio.

Controindicazioni per la vaccinazione contro la varicella

Prima di decidere la procedura di vaccinazione, è necessario prestare attenzione alle controindicazioni disponibili. Pertanto, la vaccinazione contro la varicella non può essere eseguita se:

  • C'è intolleranza individuale ai singoli componenti del vaccino..
  • Una persona soffre di gravi malattie che deprimono il sistema immunitario (ad es. HIV o AIDS).
  • Una persona ha sofferto di meningite (la vaccinazione è possibile solo dopo sei mesi dalla guarigione).
  • Ci sono malattie acute o croniche in una fase avanzata del loro sviluppo.
  • Una persona ha subito un'infezione almeno un mese fa (si tratta anche di lievi patologie infettive).
  • È stato effettuato il trattamento con prodotti sanguigni o sono state somministrate immunoglobuline a una persona (la vaccinazione può essere effettuata solo sei mesi dopo la fine della terapia).
  • Anche la gravidanza e l'allattamento sono controindicazioni indicate nelle istruzioni di Okavax e Varilrix

Possibili complicazioni dopo la vaccinazione contro la varicella

Le reazioni negative al vaccino contro la varicella sono piuttosto rare, in circa il 5% dei casi. Le complicanze più comuni che si verificano nei primi 2 giorni dopo la vaccinazione includono:

  • Ipertermia (il più delle volte la temperatura sale a segni subfebrilari, si osserva molto meno spesso l'alta temperatura).
  • La comparsa di eruzioni cutanee in alcune aree o in tutto il corpo.
  • Grave prurito cutaneo, comparsa di irritazione, arrossamento della pelle.
  • Mal di stomaco.
  • Dolore muscolare.
  • Fatica, sonnolenza e debolezza.
  • Attacchi di nausea, a volte accompagnati da vomito.
  • Disturbi delle feci (diarrea).
  • Segni di una malattia infettiva, come tosse, rinite.

Questi sintomi possono avere vari gradi di gravità. Tutto dipende dalle caratteristiche del corpo in ogni caso..

Il bambino ha bisogno di una vaccinazione contro la varicella: i pro ei contro

La questione se i bambini hanno bisogno del vaccino contro la varicella spetta a ciascun genitore decidere autonomamente. Le opinioni sulla necessità della vaccinazione variano in modo significativo, alcuni genitori ritengono che la vaccinazione sia appropriata, mentre altri affermano che non è necessaria questa procedura..

Opinioni "FOR"

  1. Nonostante il fatto che la malattia sia molto più facile da tollerare durante l'infanzia, rimane la minaccia di gravi complicazioni. Pertanto, una vaccinazione tempestiva contro la varicella proteggerà il bambino dal loro verificarsi.
  2. Un bambino che ha avuto la varicella aumenta la probabilità di sviluppare herpes zoster in età adulta.
  3. La pelle del bambino è molto sottile e delicata, più spesso ci sono cicatrici e cicatrici da varicella su di essa.
  4. Il vaccino è sicuro per il bambino, in casi estremamente rari si osservano complicanze dopo la vaccinazione. Allo stesso tempo, il vaccino ti consente di proteggere in modo affidabile il tuo bambino da una malattia insidiosa. Ciò è particolarmente necessario per i bambini che frequentano la scuola materna o la scuola..

Opinioni "CONTRO"

  1. Un bambino in giovane età tollera la malattia relativamente facilmente, quindi molti genitori preferiscono che il loro bambino ottenga la varicella il prima possibile.
  2. La vaccinazione non è una procedura obbligatoria, quindi i genitori dovrebbero acquistare il farmaco con i propri soldi. Per le famiglie a basso reddito questa è una circostanza molto onerosa..
  3. Alcune madri dubitano dell'efficacia del vaccino.

È possibile ottenere la varicella dopo la vaccinazione

È possibile ottenere la varicella dopo la vaccinazione, ma questo è estremamente raro. Principalmente a rischio sono le persone con ridotta immunità, ad esempio, se una persona prende immunosoppressori per lungo tempo o soffre di frequenti malattie infettive.

Secondo le statistiche dell'OMS, la varicella dopo la vaccinazione si sviluppa in circa l'1% dei casi.

Le istruzioni per il vaccino Varilrix indicano che a seguito di studi clinici è stato rivelato: le persone vaccinate che erano in contatto con il malato non erano suscettibili all'infezione. In alcuni casi, la persona vaccinata soffre la malattia in una forma più lieve (non c'è febbre alta, meno eruzioni cutanee).

Uno studio condotto dai produttori di vaccini ha mostrato una protezione del 100% contro le manifestazioni cliniche standard della varicella e una protezione dell'88% contro qualsiasi manifestazione di infezione da virus della varicella..

Risposte a domande comuni

Per quanto tempo si applica il vaccino?

Il vaccino dura circa 10 a 20 anni..

Quale vaccino contro la varicella è il migliore per le donne in gravidanza

Le istruzioni per okavax e varilrix stabiliscono che la vaccinazione delle donne in gravidanza con questi vaccini è vietata.

A che età vengono vaccinati contro la varicella

La vaccinazione contro la varicella può essere effettuata da 1 anno.

Interazioni con altri vaccini? È necessario un rubinetto medico

Quando si utilizza Varilrix:

Il vaccino può essere utilizzato con vaccini inattivati, ad eccezione del vaccino contro la rabbia.

Varilrix può essere usato con il vaccino contro morbillo-rosolia-parotite o con il vaccino contro la difterite-tetano-pertosse.

In altri casi, tra la vaccinazione con Varilrix e altri vaccini, l'intervallo di somministrazione deve essere di almeno 1 mese.

Quando si utilizza Okavax:

La vaccinazione con Okavax deve essere effettuata dopo 4 settimane se i bambini sono stati vaccinati con vaccini vivi (vaccino antipolio, morbillo, parotite, rosolia, BCG, vaccino contro la febbre gialla). Maggiori informazioni sull'interazione con vaccinazioni specifiche sono disponibili nelle istruzioni.

Quanto dopo la vaccinazione contro la varicella puoi rimanere incinta

La pianificazione della gravidanza è consentita 2 mesi dopo la vaccinazione con Okavax e 3 mesi dopo la vaccinazione con Varilrix.

Dopo la vaccinazione contro la varicella, puoi contattare le persone

Come notato nelle istruzioni Varilrix, in rari casi è stata riportata la trasmissione del virus. Dopo la vaccinazione, il contatto deve essere evitato:

- con donne in gravidanza (specialmente nel primo trimestre),

- con persone ad alto rischio (pazienti con leucemia e pazienti che ricevono un trattamento immunosoppressivo)

Ne vale la pena essere vaccinati durante il periodo di incubazione e dopo il contatto con la varicella malata

Si consiglia di effettuare la vaccinazione con Okavax entro 3 giorni o 72 ore dopo il contatto. Varilrix: entro 3-4 giorni o tra 72 e 96 ore dopo il contatto con la varicella infetta.

Come procede la varicella dopo la vaccinazione

I medici affermano che la varicella nei vaccinati procede in una forma più lieve. La probabilità di infezione da varicella dopo la vaccinazione è del 90%,

Quante volte viene vaccinato

Okavax è fatto una volta. Varilrix per bambini da 12 mesi a 13 anni una volta, per adulti e bambini da 13 anni due volte con un intervallo di 6-10 settimane.

Dove ottenere un vaccino contro la varicella e verificare la presenza di vaccini

È possibile farsi vaccinare presso il centro medico a pagamento. Come opzione, è possibile verificare la disponibilità del vaccino nella clinica a cui è assegnato. Puoi prelevare e conoscere in dettaglio il vaccino telefonicamente, alla reception o all'appuntamento con un terapista (per adulti) o un pediatra (per bambini).

Recensioni sui vaccini

Secondo fonti di monitoraggio su Internet,

Conclusione

Il vaccino contro la varicella ti consente di proteggere in modo affidabile una persona da una malattia insidiosa e possibili complicazioni che possono seguirlo. Tuttavia, prima di decidere su tale procedura, è necessario prestare attenzione alle controindicazioni esistenti, alla possibilità di complicanze e al costo piuttosto elevato del vaccino.

In ogni caso, la vaccinazione aiuterà a proteggere te e i tuoi cari da una malattia spiacevole, il cui esito non può essere previsto..

Ti ricordiamo che i materiali inviati sono solo indicativi. Prima della vaccinazione, ti consigliamo di consultare il tuo medico, poiché è il medico che può valutare le tue condizioni e trovare il vaccino giusto.

Up