logo

L'epatite C si trova spesso durante la gravidanza? Dopotutto, le future mamme devono superare una serie di test, inclusi i test per l'infezione da HIV e il virus dell'epatite. Secondo le statistiche ufficiali, l'HCV si trova in ogni seconda donna che è venuta per la ricerca obbligatoria. Ma l'epatite C positiva è pericolosa durante la gravidanza per il nascituro? Puoi trovare la risposta a questa domanda nel nostro articolo..

Epatite C nelle donne in gravidanza: caratteristiche del decorso dell'infezione

La percentuale di ragazze rimaste incinte, a conoscenza della loro pericolosa diagnosi, è piuttosto piccola. Dopotutto, la futura mamma teme che la sua infezione venga trasmessa al bambino e ritiene che l'epatite C e la gravidanza siano incompatibili. E queste paure sono pienamente giustificate, poiché durante la gestazione e durante l'allattamento, il corpo del bambino sarà strettamente collegato con quello della madre.

Sintomi

L'epatite C non si chiama semplicemente "killer silenzioso". Nelle fasi iniziali, questa malattia potrebbe non manifestarsi affatto. In rari casi, i sintomi dell'epatite C durante la gravidanza possono includere:

  1. Mal di testa persistente;
  2. Aumentati attacchi di nausea;
  3. Tossicosi grave;
  4. Malessere generale, sensazione simile al raffreddore;
  5. Sensazione di dolori alle articolazioni;
  6. Disturbi digestivi.

Con epatite positiva, la gravidanza di una donna può verificarsi con alcune complicazioni. In particolare, alcuni pazienti hanno un'intolleranza acuta ai cibi fritti in una fase precoce..

Nelle fasi successive, i sintomi dell'HCV durante la gestazione possono essere più acuti e palesi. Questo può essere espresso gonfiore degli arti e del viso e bianchi ingialliti degli occhi e dolore al fegato con periodici attacchi di nausea. Spesso durante la gravidanza e l'epatite C in una fase grave della malattia, si osservano feci scolorite e sciolte e urine scure.

Diagnosi e analisi dell'epatite C durante la gravidanza

È possibile diagnosticare l'HCV durante la gestazione solo con l'aiuto di studi appropriati. Un'analisi degli anticorpi dell'epatite C durante la gravidanza è una procedura standard che prevede la raccolta del sangue del paziente in una provetta sterile. Studi standard sul biomateriale ottenuto vengono effettuati allo scopo di rilevare il patogeno dell'epatite di vari tipi mediante reazione agli anticorpi. Un risultato positivo del test può indicare che una donna incinta ha HCV. Dovresti anche fare un test PCR per l'epatite C durante la gravidanza..

Epatite C falsa positiva durante la gravidanza

Tuttavia, non sempre un test anticorpale positivo significa che è presente un virus pericoloso nel corpo della donna. Succede anche che una reazione simile del biomateriale agli anticorpi dell'epatite C durante la gravidanza sia falsa. In questo caso, infatti, la donna è completamente in salute.

Un fenomeno simile si chiama epatite C falsa positiva durante la gravidanza. Le ragioni di questo fenomeno possono essere le seguenti:

  • Ristrutturazione ormonale del corpo prima del parto;
  • La presenza di neoplasie benigne o maligne;
  • Infezione virale, non necessariamente HCV.

Pertanto, se una donna ha riscontrato l'epatite C durante la gravidanza, dovrebbe sottoporsi a una serie di esami aggiuntivi che confutano o confermano questa diagnosi. In particolare, si consiglia di testare lo stesso test anticorpale più volte durante l'intero periodo di gestazione..

Trattamento dell'epatite C nelle donne in gravidanza: è possibile o no?

Anche l'epatite virale C e la gravidanza sono una combinazione complessa dovuta alla complicanza del trattamento della malattia. Attualmente, il dibattito dei principali epatologi sulla possibilità di trattare l'HCV durante la gestazione e l'allattamento non si interrompe. Molti esperti ritengono che il consumo di grandi quantità di farmaci possa danneggiare il feto. Ma se l'epatite C viene rilevata durante la gravidanza, cosa dovrebbe fare il paziente?

Secondo recenti studi di un professore associato dell'Università di Pittsburgh, Catherine Chappel, la dose giornaliera standard di Ledipasvir (90 mg) e Sofosbuvir (400 mg) può dare un risultato positivo in caso di epatite C e gravidanza. È troppo presto per dirlo con certezza, ma l'esperimento Chappel, condotto con la partecipazione di 9 donne in gravidanza, non solo affette da HCV, ma anche infetto da HIV, ha dato un risultato positivo.

Un complesso terapeutico di 12 settimane ha facilitato l'eliminazione dell'epatovirus dai loro organismi. Tuttavia, l'esperimento non è ancora finito: queste giovani madri e i loro bambini saranno attentamente monitorati nel corso del prossimo anno.

Pertanto, si può presumere che sia possibile la terapia per l'epatite C durante la gravidanza e il parto. Tuttavia, in nessun caso dovresti automedicare. Assicurati di consultare il tuo medico.

Epatite C, gravidanza e parto: conseguenze per il bambino

Molti pazienti sono preoccupati per la domanda: è possibile pianificare una gravidanza per l'epatite C? In effetti, la presenza di epatovirus nel corpo non è una grave controindicazione per la gravidanza. Al contrario, l'effetto distruttivo della malattia sul corpo della donna durante la gestazione è sospeso e l'agente patogeno non influisce negativamente sul feto.

Non è una controindicazione per una gravidanza pianificata ed epatite C in un marito. Una tale famiglia dovrà semplicemente controllare con i propri medici più spesso e fare più test.

Tuttavia, nel caso dell'epatite C durante la gravidanza, devono essere prese in considerazione le possibili conseguenze per il bambino. Le infezioni intrauterine del feto sono estremamente rare, ma comunque accadono.

Al fine di evitare conseguenze per il bambino durante l'epatite C durante la gravidanza, la donna incinta con un HCV diagnosticato dovrebbe consultare regolarmente il suo medico e monitorare le sue condizioni. Inoltre, la madre può infettare il bambino dopo il parto, ad esempio quando si prende cura del bambino. Per quanto riguarda l'epatite C durante la gravidanza, forum e pagine tematiche sono pieni di consigli di giovani madri sulla cura di un neonato e sulla protezione del neonato da una possibile infezione da HCV.

Nascita dopo il trattamento dell'epatite C.

La gravidanza dopo l'epatite C nella maggior parte dei casi procede normalmente senza il minimo rischio di recidiva per la madre e di infezione per il bambino. Pertanto, il parto dopo la lotta contro la malattia passa senza complicazioni. Tuttavia, i pazienti che continuano ad assumere farmaci durante l'allattamento devono continuare la terapia sotto la stretta supervisione di un medico. Pertanto, dopo la lotta contro l'epatite C durante la gravidanza, non si osservano le conseguenze per il parto..

Gravidanza con epatite C e caratteristiche della terapia durante questo periodo

L'epatite C è una malattia virale comune che colpisce il tessuto epatico. La patologia provoca lo sviluppo del processo infiammatorio, a seguito del quale muoiono le cellule della ghiandola, che porta a funzioni compromesse e effetti negativi su altri organi. Una caratteristica distintiva è la natura cronica del corso, mentre la variante acuta viene osservata raramente. L'epatite C nelle donne in gravidanza è una minaccia significativa, pericolosa sia per il corpo della madre che per il feto.

Informazione Generale

La malattia è provocata da un virus che entra nel sangue umano. L'agente patogeno colpisce il fegato a causa della maggiore sensibilità degli epatociti alle infezioni. I microrganismi dannosi dopo la penetrazione nell'organo non possono avere un effetto attivo per lungo tempo. Questo periodo è latente, non ci sono sintomi di patologia..

Esistono diversi genotipi del virus che causano l'epatite C durante la gravidanza. Differiscono nella natura del corso, possibili complicazioni. La malattia procede in forma cronica. È estremamente difficile rilevare patologie nelle prime fasi a causa della mancanza di sintomi pronunciati.

Caratteristiche del corso

L'epatite cronica C durante la gravidanza procede allo stesso modo di altre categorie di pazienti. Con la malattia, si osserva un lieve quadro clinico. Spesso le donne commettono un errore prendendo i sintomi della patologia epatica per gli effetti collaterali che si verificano durante il parto.

È importante saperlo! La trasmissione avviene per via parenterale - con l'ingresso di microrganismi virali nel sangue. Non è escluso il rischio di contatto e infezione domestica. Una donna può rimanere incinta dopo l'infezione o, al contrario, acquisire un'infezione durante il periodo di gestazione.

Modi possibili per trasmettere l'agente patogeno per l'epatite:

  • Per trasfusione di sangue infetto.
  • L'uso di strumenti medici non sterili.
  • Sesso non protetto.
  • Uso ripetuto di siringhe, aghi.
  • Contatto con il seme di un uomo infetto.

Il periodo di incubazione va da 14 giorni a sei mesi. La durata dipende da numerosi fattori, tra cui il numero e il grado di attività dei microrganismi patogeni. Nella stragrande maggioranza dei casi, i segni precoci si verificano dopo 8-10 settimane dal momento dell'infezione.

  • Debolezza muscolare.
  • Alta fatica, prestazioni ridotte.
  • Manifestazioni di dispepsia (amarezza in bocca, bruciore di stomaco, eruttazione).
  • Nausea con vomito.
  • Disagio, meno spesso dolore nell'ipocondrio destro.
  • Prurito della pelle.
  • Eruzione cutanea.
  • epatomegalia.
  • Dolori articolari.
  • Urine scure.
  • Feci incolori.

Molti dei sintomi elencati sono simili ai sintomi della tossicosi che soffrono le donne. Per questo motivo, individuare la malattia in modo tempestivo è estremamente difficile. Il verificarsi di tali manifestazioni è un'indicazione diretta per un esame diagnostico.

Per identificare la patologia, viene eseguito un esame del sangue in cui si trovano anticorpi virali. Un test di screening viene eseguito tre volte durante l'intero periodo di gravidanza. Allo stesso tempo, la presenza di RNA patogeno nei campioni è determinata dalla PCR. Questo metodo consente di determinare con precisione il tipo di epatite e il suo genotipo..

Sono comuni casi in cui il risultato del test è positivo, ma la donna non è infetta. Per escludere una falsa diagnosi, i test vengono eseguiti più volte. Una risposta inaffidabile è provocata da disturbi concomitanti che si verificano nel corpo, processi autoimmuni e l'uso di determinati farmaci. Inoltre, un risultato falso positivo è dovuto agli errori degli assistenti di laboratorio nella preparazione dei campioni per la ricerca.

La presenza della malattia non influisce sulla capacità di concepire un bambino. Pertanto, la gravidanza con epatite C in una donna si verifica spesso non pianificata. In tali casi, deve essere presa una decisione di interruzione. La possibilità di aborto è considerata con una maggiore probabilità di conseguenze negative per il bambino..

Rischio per il feto

In precedenza, l'epatite C e la gravidanza erano ritenute incompatibili a causa dell'alta probabilità di avere bambini con disabilità. La principale complicazione della patologia è l'infezione intrauterina. Tuttavia, questo fenomeno è raramente osservato - nel 6% dei casi.

I microrganismi virali sono in grado di passare attraverso i tessuti della placenta. Pertanto, l'agente patogeno può essere trasmesso al bambino dalla madre in modo verticale. Nel periodo neonatale, tali bambini hanno maggiori probabilità di sviluppare ittero, tuttavia il rischio di gravi complicanze è trascurabile.

Lo sviluppo di gravi anomalie o altre deviazioni pronunciate è considerato raro. Nella maggior parte dei casi, ciò si verifica sullo sfondo delle concomitanti complicanze della gravidanza e dell'epatite C nella madre. I fattori aggravanti comprendono sbiadimento tardivo, cattive abitudini, malattie croniche, in particolare l'HIV.

Dopo il parto, il bambino deve sottoporsi a un esame regolare per i sintomi di danno epatico. Se questi non si trovano nei primi 12 mesi, il bambino è considerato sano. La presenza di anticorpi contro gli anticorpi del virus dell'epatite nei bambini a un anno e mezzo indica la presenza di infezione.

Misure terapeutiche

Il corso simultaneo di gravidanza ed epatite C nella madre esclude la possibilità di somministrazione di farmaci. I farmaci, come Ribavirin o Sofosbuvir, sono proibiti per le donne che hanno un bambino. Inoltre, questa limitazione è valida per tutti i periodi. Ciò è dovuto al fatto che i farmaci migliorano significativamente le reazioni protettive che si verificano nel corpo. Per questo motivo, il feto può essere influenzato da agenti immunitari, portando ad aborto spontaneo.

Durante la terapia, è severamente vietata un'intensa attività fisica. Non esporre il corpo agli effetti di sostanze fredde e velenose, incluso l'alcol. È necessario escludere la possibilità di superlavoro.

I farmaci sicuri possono essere utilizzati per il trattamento. Questi includono farmaci del gruppo di epatoprotettori (Essentiale, Karsil, Hofitol). Tuttavia, il principale metodo di terapia è la dieta..

La futura mamma dovrebbe mangiare bene per fornire completamente al proprio corpo e feto le sostanze necessarie. Si consiglia di mangiare cibo 6-8 volte al giorno in piccole porzioni. Tutti gli alimenti che sovraccaricano il fegato sono esclusi dalla dieta. Questi includono carne e pesce grassi, cibo in scatola, affumicato, fritto, dolciumi, salsicce.

Attenzione! L'autotrattamento è proibito, poiché ciò può danneggiare il nascituro. Non è raccomandato l'uso di mezzi non tradizionali e medicinali per farmacia la cui sicurezza non è stata dimostrata attraverso studi clinici.

Parto con epatite C

Le donne a cui viene diagnosticata una malattia virale vengono partorite in un'unità speciale. È destinato direttamente agli infetti. La differenza dal solito ospedale di maternità è l'osservanza delle misure anti-epidemiologiche.

Le donne infette possono essere partorite naturalmente. Per ridurre il rischio di conseguenze negative dell'epatite C durante la gravidanza per il bambino, si raccomanda il taglio cesareo. Questo metodo riduce la probabilità di trasmettere il virus al neonato..

I bambini nati da madri malate sono osservati da specialisti in malattie infettive. Il primo giorno di vita vengono vaccinati contro l'epatite dei gruppi A, B. È possibile determinare se un bambino è infetto solo dopo 1-1,5 anni, con test ripetuti.

Allattamento

L'allattamento al seno per le donne con infezione da epatite C non è controindicato, poiché la probabilità che agenti patogeni entrino nel latte è praticamente esclusa. Sono stati segnalati solo pochi casi di infezione da lattazione e sono spiegati da una maggiore concentrazione di virus nel corpo della madre.

Prevenzione

È impossibile eliminare completamente il rischio di infezione. Non è stato sviluppato un vaccino in grado di sviluppare l'immunità contro l'epatite C. Tuttavia, la probabilità della malattia, anche nelle donne in gravidanza, può essere significativamente.

Le misure preventive includono:

  • Evitare il contatto con possibili fonti di infezione.
  • Pianificazione e gestione adeguate della gravidanza.
  • Igiene.
  • Esame diagnostico regolare.
  • Rispetto delle raccomandazioni del medico.
  • Atti sessuali protetti.

L'epatite C nelle donne in gravidanza è una malattia comune. La patologia è caratterizzata da un lieve quadro clinico, motivo per cui viene spesso diagnosticata in ritardo. Il più grande pericolo per il feto è l'infezione intrauterina. La terapia elimina la possibilità di assumere farmaci antivirali, quindi la malattia viene trattata con dieta e adiuvanti.

Epatite virale C e gravidanza: è possibile dare alla luce un bambino sano

Secondo le statistiche mediche, che tengono conto solo dei casi registrati di HCV, il numero di persone con una tale malattia virale del fegato supera i 300 milioni, ma secondo dati non ufficiali, questa cifra si avvicina a un miliardo di persone. Fino al 60% di tutte le lesioni epatiche è associato a infezione cronica da HCV. Inoltre, la patologia nella maggior parte dei casi colpisce le persone di età compresa tra 16 e 36 anni: età fertile fisicamente attiva.

Di conseguenza, un problema come l'epatite virale C e la gravidanza è estremamente acuto, soprattutto in considerazione dei frequenti casi di diagnosi tardiva e dell'impossibilità di una terapia mirata durante il periodo di gestazione.

Subito dopo il concepimento, si verifica l'inibizione fisiologica della produzione di anticorpi e della replicazione del virus (se l'infezione è già avvenuta). Pertanto, il livello di immunoglobuline specifiche per HCV nel primo trimestre è inferiore alla soglia di sensibilità di molti sistemi di test utilizzati. Pertanto, un singolo studio sull'epatite C nelle fasi iniziali della gestazione non è significativo.

L'elevata probabilità di infezione è dovuta a una diminuzione della difesa immunitaria della madre durante lo sviluppo del feto. Ciò crea condizioni ottimali non solo per l'infezione, ma anche per la replicazione rapida del virus. Per questo motivo, un riesame dell'epatite C nelle donne in gravidanza viene effettuato più vicino alla data di nascita (di solito a 28-32 settimane, prima di andare in congedo di maternità.

Non sottovalutare il carico fisiologico sul fegato durante lo sviluppo fetale. Per neutralizzare i prodotti vitali del bambino e fornire loro materiale plastico, tutte le riserve funzionali dell'organo vengono mobilitate. Il volume del sangue circolante aumenta del 40%, aumenta la produzione di molte sostanze biologicamente attive, in particolare estrogeni e progesterone. Durante questo periodo, parametri anormali dei test del fegato, alcuni medici percepiscono come un adattamento del corpo a un nuovo stato.

La frequenza massima di rilevazione dell'HCV nelle donne in gravidanza è rilevata nei gruppi a rischio. Quindi la combinazione di HIV ed epatite C durante la gravidanza è registrata nel 54% dei casi.

In precedenza, un test ELISA obbligatorio per il danno virale al fegato era stato prescritto solo a determinate categorie di donne:

  • sottoposti a trasfusione di sangue (fino al 1992, quando esistevano metodi accurati per rilevare il virus dell'epatite C in materiale biologico);
  • con concomitante HIV e / o epatite B;
  • dipendente dall'uso di droghe per via endovenosa;
  • avere partner virali infettati dal virus;
  • sottoposti regolarmente a emodialisi;
  • dopo trapianto d'organo, ecc..

Al momento, la ricerca è obbligatoria per tutti senza tenere conto dei gruppi a rischio o dello stato sociale. Ma anche nei paesi con un sistema sanitario sviluppato, l'epatite C viene rilevata solo in 1/3 dei casi prima della gravidanza. Nella stragrande maggioranza, la diagnosi avviene dopo il concepimento, quando un'efficace terapia antivirale non è possibile a causa dell'elevato rischio per il feto in via di sviluppo.

Diagnosi prenatale di HCV

I protocolli esistenti includono una descrizione completa di entrambi i tempi di quando essere testato per l'epatite C e un elenco di metodi diagnostici raccomandati. Attualmente vengono utilizzati due tipi principali di studi: molecolare e sierologico. I primi sono progettati per rilevare l'RNA del virus dell'epatite C, i secondi sono progettati per rilevare gli anticorpi rilasciati quando l'HCV entra nel corpo.

In un laboratorio clinico, le immunoglobuline sono determinate mediante saggio di immunoassorbimento enzimatico (ELISA) nel plasma o nel siero. Ma nel 2017 sono comparsi test rapidi sul mercato farmaceutico per determinare gli anticorpi anti-HCV nella saliva umana. La conferma della diagnostica ELISA è uno studio condotto con il metodo dell'immunoblot ricombinante (RIBA). La specificità dei sistemi di prova utilizzati oggi raggiunge il 90%.

Utilizzando la reazione a catena della polimerasi (PCR), vengono determinate sia la presenza di HCV (analisi qualitativa) sia il livello di viremia (rilevazione quantitativa). La specificità di questa tecnica di ricerca supera il 97%, il che rende la PCR uno dei metodi più affidabili per diagnosticare l'epatite C in qualsiasi categoria di pazienti. L'analisi falsa positiva è possibile solo se il tecnico di laboratorio o l'errore di qualità dell'apparecchiatura.

I moderni sistemi di test utilizzati per la formulazione della reazione a catena della polimerasi consentono di determinare l'RNA dell'HCV a un livello di 10-50 UI / ml (con PCR di alta qualità) e 25–7 UI / ml per la valutazione quantitativa della carica virale. Alcuni metodi altamente sensibili consentono di identificare immediatamente gli indicatori di viremia, aggirando lo stadio di una determinazione qualitativa della presenza del virus dell'epatite C.

Dopo aver confermato la diagnosi, la genotipizzazione è obbligatoria. Ma in casi isolati (meno del 5% delle donne in gravidanza), non è possibile stabilire il tipo di HCV.

Dopo aver confermato la diagnosi, il medico decide di condurre una biopsia epatica.

La manipolazione viene eseguita in anestesia sicura per il feto, ma secondo rigorose indicazioni. Questi includono:

  • l'incapacità di determinare il tempo di infezione;
  • Genotipi HCV caratterizzati da rapida progressione e rischio di complicanze;
  • mancanza di informazioni sui metodi diagnostici non invasivi (elastometria, ultrasuoni);
  • sospetto carcinoma epatocellulare;
  • desiderio della donna di sottoporsi a una procedura di biopsia.

Si consiglia di condurre lo studio prima di iniziare la terapia. L'identificazione di patologie come la steatosi, l'accumulo di ferro, non interferiscono con la nomina di farmaci antivirali, ma determinano l'ulteriore prognosi dello sviluppo della patologia. Se viene rilevata cirrosi o cancro al fegato, viene presa una decisione sulla sicurezza di mantenere la gravidanza (sia per una donna che per un bambino).

Metodi di trasmissione e gruppo di rischio

La principale via di trasmissione dell'infezione da HCV è attraverso il contatto diretto con sangue infetto o gocce secche (il virus rimane praticabile fino a 4 giorni). Meno comunemente, la malattia viene trasmessa attraverso il contatto sessuale ed è quasi impossibile essere infettati da baci ordinari.

Le seguenti categorie di donne sono a rischio:

  • personale medico che è in costante contatto con il sangue;
  • dipendente da iniezioni di droga;
  • rapporto sessuale incomprensibile;
  • mogli o conviventi di pazienti infetti;
  • sottoposto a frequenti procedure mediche invasive.

Ma un'analisi per l'epatite C è una parte obbligatoria dell'esame che passa ogni donna incinta..

Sintomi e segni

Una delle manifestazioni più comuni di HCV è:

  • sindrome astenica, si verifica in quasi tutte le donne in posizione, ma spesso questo sintomo è considerato una manifestazione naturale della gravidanza e non è associato alla malattia di base;
  • sindrome dispeptica (rilevata nel 40-50% dei casi);
  • epatosplengomegalia (riscontrata nel 35-40% dei pazienti), a volte la sindrome è dovuta all'ereditarietà;
  • aumento dei livelli di enzimi epatici e bilirubina (registrati nel 50–52% dei casi);
  • colestasi con disturbi digestivi concomitanti (si verifica nel 20-25% dei pazienti).

Ma in alcuni pazienti, il livello di ALT e bilirubina rimane entro i limiti normali durante l'intero periodo di gestazione. Le manifestazioni extraepatiche di HCV durante la gravidanza di solito includono la sindrome antifosfolipidica e la crioglobulinemia mista.

Se i test hanno mostrato epatite C durante la gravidanza, i seguenti segni di laboratorio indicano una prognosi sfavorevole:

  • sindrome emorragica;
  • rigonfiamento
  • ascite;
  • aumento della concentrazione della bilirubina totale a 200 μmol / l o più;
  • una diminuzione del livello di proteine ​​totali e altri indicatori del metabolismo delle proteine;
  • diminuzione dell'indice di protrombina (fino al 50% o meno) e fibrinogeno.

Quando si identificano tali segni e sintomi, una donna ha bisogno di un monitoraggio costante della condizione, del controllo dei parametri vitali del feto. Quando il rischio di complicanze è troppo elevato e richiede un trattamento immediato, decidere la possibilità di interrompere la gravidanza per motivi medici.

Errori di analisi

A volte durante la gravidanza, ELISA è positivo, ma ciò non indica sempre la presenza di un'infezione nella madre. Durante il periodo di trasporto di un bambino, il lavoro del sistema immunitario umano viene completamente ricostruito, inizia il rilascio di proteine ​​specifiche, che distorcono i dati di un test immunoenzimatico.

Pertanto, un ELISA positivo richiede sempre conferma e diagnosi aggiuntiva. Per escludere l'infezione durante la gravidanza o prima del concepimento, uno studio qualitativo e quantitativo è prescritto dal metodo di impostazione della reazione a catena della polimerasi.

Il rilevamento di HCV durante la PCR è quasi il 100% di conferma della diagnosi. In questo caso, è necessario eseguire test per varie patologie concomitanti, valutare le condizioni del fegato. Con una minima carica virale, la gravidanza può essere preservata.

Posso rimanere incinta di epatite C

Alle donne con diagnosi di infezione da HCV viene spesso chiesto da un medico se possono rimanere incinta di epatite C. Secondo esperimenti su animali e sulla base dell'esperienza clinica, l'HCV non influisce sulla fertilità di una donna. Tuttavia, il rischio di aborto spontaneo nelle prime fasi è del 20%.

Ma tenendo conto dell'impatto negativo della malattia sulla formazione del bambino, della mancanza di metodi adeguati di terapia e controllo della replicazione del patogeno durante lo sviluppo del feto, la risposta alla domanda è che è possibile pianificare una gravidanza con epatite C, negativa. Attualmente, ci sono opportunità per trattare efficacemente l'HCV e il corso della terapia di solito non dura più di 24 settimane.

Se, dopo sei mesi e poi 48 settimane dopo la fine del trattamento, la PCR di alta qualità conferma l'assenza del virus nel corpo, possono essere eliminate spiacevoli conseguenze per il feto e una minaccia per la salute della donna stessa. In questo caso, è possibile una gravidanza sicura..

È sicuro concepire se suo marito ha l'HCV

Dovresti anche evitare di pianificare una gravidanza se al tuo partner viene diagnosticata un'infezione da HCV. La trasmissione sessuale del virus è improbabile, ma possibile, quindi quando si utilizza il sesso, è necessario utilizzare un preservativo. Se la gravidanza si verifica da un uomo con epatite C, il sangue viene donato per HCV da ELISA e PCR.

Se una donna non ha trovato il virus, è necessario rispettare le più rigorose misure preventive utilizzando metodi di contraccezione barriera durante i rapporti sessuali e protezione contro l'ingestione accidentale di sangue contaminato nel corpo. All'uomo viene prescritta una terapia antivirale e studi appropriati per valutare le condizioni del fegato. L'epatite C in un marito e la gravidanza sono pienamente compatibili, a condizione che la donna e il bambino siano protetti dalle infezioni dopo il parto.

Caratteristiche del decorso dell'epatite C durante la gravidanza

Di solito, l'epatite C durante la gravidanza si manifesta con gravi sintomi clinici dovuti all'aumento del carico sul fegato. Una donna di solito ha lamentele di estrema stanchezza e disturbi digestivi. Ma le stesse manifestazioni sono considerate abbastanza normali per una donna incinta. Ma se la sindrome astenica, la debolezza e i disturbi del sonno progrediscono, questo serve come motivo per sospettare l'epatite C.

Forma cronica

L'epatite cronica C viene diagnosticata molto più spesso. Di solito la malattia procede in forma anicterica. Spesso, l'unico segno distintivo di HCV è una costante sensazione di stanchezza e affaticamento. Dopo aver mangiato cibi "pesanti" (carni affumicate, cibi grassi, cibi fritti), si verifica un dolore sordo o una sensazione di pienezza nell'ipocondrio giusto. I disturbi delle feci sono spesso noti..

Forma acuta

Il periodo acuto di infezione da HCV nelle donne in gravidanza può verificarsi sullo sfondo di tali sintomi:

  • ittero (si verifica nel 20% dei casi dopo un periodo di incubazione di 1-2 settimane);
  • sindrome astenenovegetativa;
  • fatica
  • debolezza;
  • mancanza di respiro e un forte battito cardiaco al minimo sforzo fisico;
  • diminuzione dell'appetito;
  • nausea;
  • vomito
  • episodi periodici di febbre fino a 37,5–38 °;
  • disagio nell'ipocondrio destro.

Sono anche possibili sintomi di colestasi: un cambiamento nel colore di urina e feci, eruttazione con un sapore di amarezza in bocca. L'intensità dei segni clinici aumenta con l'inosservanza di una dieta rigorosa, il consumo di alcol, anche in piccole quantità.

Vettore

Attualmente, il termine "portatore" di epatite virale C non viene praticamente utilizzato. Spesso usato per determinare il decorso latente di HCV, cioè senza alcun sintomo clinico pronunciato. Questa forma della malattia è caratterizzata da un lento sviluppo di complicanze dal fegato o dall'assenza di cambiamenti nella struttura del parenchima epatico.

Ma la gravidanza durante il trasporto è un fattore che provoca l'inizio della fase di replicazione attiva del virus. Tuttavia, nel 60% dei casi, alle donne viene diagnosticato l'HCV durante i test, che vengono somministrati nella fase di registrazione in una visita ginecologica. Con un alto grado di probabilità, la patologia inizierà a progredire, il che può influire negativamente sia sul corso della gravidanza che sullo sviluppo intrauterino del feto..

Il virus può essere trasmesso al feto?

Alla domanda se l'infezione da HCV viene trasmessa da madre a figlio, i medici non danno una risposta chiara. Per eredità, il virus non passa al neonato. Alcuni esperti sostengono addirittura che l'epatite C non può essere trasmessa verticalmente. Altri forniscono dati provenienti da esperimenti clinici, in base ai risultati di cui la probabilità che il feto venga infettato in utero va dal 3 al 10%.

L'epatite C viene trasmessa al bambino durante la gravidanza in presenza dei seguenti fattori di rischio (presentati nella tabella):

Confezione da HIVLa concomitante presenza del virus dell'immunodeficienza umana aumenta la probabilità di trasmissione verticale di HCV di 2-3 volte. I farmaci per la terapia antiretrovirale sono prescritti per prevenire l'infezione.
Carica viraleCon bassa viremia, la probabilità di infezione intrauterina è minima. Con un'elevata carica virale, il rischio di trasmissione verticale aumenta in modo significativo. Ma le informazioni sulla possibilità di modificare i parametri della viremia in base alla durata della gravidanza non sono sufficienti. Ci sono dati provenienti da studi medici che indicano un aumento della carica virale nel 3 ° trimestre. In altre fonti, sono stati osservati risultati positivi della PCR subito dopo il concepimento nel 37% delle donne, ma alla fine della gestazione, la PCR negativa è stata ottenuta nel 18% dei pazienti
Iniezione di drogheLo stile di vita asociale riduce l'aderenza alla terapia, crea le condizioni per l'attaccamento di altre infezioni virali
Periodo di gestazioneNon ci sono dati che confermano la dipendenza del rischio di infezione dal termine di nascita
Genere infantileSecondo le statistiche mediche, le ragazze vengono infettate 2 volte più spesso dei ragazzi. Gli stessi dati sono stati ottenuti studiando le statistiche sulla trasmissione intrauterina dell'HIV. L'esatto meccanismo di questa dipendenza non è noto.
Tecnica di consegnaRidurre il contatto del bambino con il sangue contaminato della madre riduce anche la possibilità di infezione. Tuttavia, la presenza di epatite C (senza co-infezione da HIV) non è un'indicazione rigorosa per il taglio cesareo, ma si raccomanda vivamente il parto chirurgico
Manipolazioni ostetriche durante la gravidanzaLa probabilità di trasmettere HCV al feto aumenta quando si usano le pinze ostetriche durante il parto, eseguendo una procedura di amniocentesi (puntura della vescica fetale a fini diagnostici)
AllattamentoNonostante i dati controversi degli studi clinici, l'epatite C non si applica alle infezioni trasmesse attraverso l'allattamento. Secondo gli esperti, l'infezione è più probabile se si riscontra una forma acuta di HCV durante il periodo di gestazione o con un'alta carica virale. I medici prestano anche attenzione all'allocazione di sangue da crepe nei capezzoli, il che aumenta significativamente la probabilità di infezione

L'ereditarietà dell'epatite C non è possibile. Tale termine viene utilizzato per patologie geneticamente determinate. Tuttavia, esiste il rischio di trasmissione verticale.

Trattare una malattia durante la gravidanza

Dopo aver ricevuto risultati positivi del test, molte donne sono interessate a come trattare l'epatite C durante la gravidanza. Ma non esistono metodi efficaci e allo stesso tempo sicuri per lo sviluppo fetale della terapia HCV. I farmaci antivirali ad azione diretta prescritti nei protocolli standard sono controindicati durante il periodo di gestazione a causa della mancanza di dati di sicurezza clinica. Alcuni farmaci negli esperimenti sugli animali hanno mostrato effetti teratogeni ed embriotossici pronunciati..

Pertanto, l'epatite C viene trattata in modo sintomatico durante la gravidanza. La nomina di epatoprotettori (sia sintetici che fitopreparati a base di ingredienti naturali) è obbligatoria. Sono anche indicati la terapia antiossidante e i complessi vitaminici per la prevenzione dell'insufficienza placentare..

Ma in ogni caso, i farmaci adatti non possono essere selezionati in base alle recensioni sui forum o ai consigli dei propri cari. Il trattamento per l'HCV durante il periodo del parto deve essere effettuato solo da un medico sulla base di anamnesi, possibile ereditarietà gravata e risultati di studi clinici.

Parto e HCV

Se a una donna viene diagnosticata l'epatite C, la gravidanza e il parto devono essere monitorati da un medico esperto. Durante gli studi clinici, gli specialisti hanno raccolto informazioni su ciò che l'HCV è pericoloso per una donna e un bambino sia nel periodo di sviluppo intrauterino che dopo la nascita.

I medici hanno concluso che il rischio di trasmissione verticale non supera il 7-10% o anche meno se il virus viene rilevato nel 3 ° trimestre e il numero di copie dell'RNA dell'HCV è ridotto. Ma diagnosticare un bambino è possibile solo dopo il parto, quindi il compito dei medici è di ridurre al minimo il contatto del neonato con il sangue di una madre infetta.

L'epatite C, la gravidanza e il parto sono abbastanza combinati, l'infezione del neonato può essere evitata, ma tutte le istruzioni del medico devono essere attentamente osservate. Si raccomanda vivamente a una donna di acconsentire al parto cesareo. Allo stesso tempo, il personale medico, i neonatologi sono avvisati del rischio di infezione.

Il modo in cui l'epatite C influisce sulla gravidanza viene determinato durante i test e gli esami regolari che il medico prescrive al paziente. Ad alto rischio di ipossia intrauterina, sviluppo di gestosi, insufficienza placentare e altre complicanze, si raccomanda un parto prematuro per evitare malformazioni irreversibili del bambino.

Allattamento

Non è stato completamente stabilito se il virus viene escreto nel latte materno. Secondo alcuni studi clinici condotti in Europa e Germania, la probabilità di infezione è presente, ma non supera lo 0,8-0,95%. Tuttavia, nel periodo iniziale di allattamento nelle donne, spesso appaiono crepe sui capezzoli e ogni alimentazione è accompagnata dal rilascio di sangue - la principale fonte di infezione.

Pertanto, non appena una donna con epatite C rimane incinta, viene avvertita dell'esclusione dell'allattamento e del trasferimento del bambino all'alimentazione artificiale immediatamente dopo la nascita. Inoltre, se l'HCV si trova dopo il concepimento, dopo il parto viene prescritta una terapia antivirale, che è anche incompatibile con l'allattamento..

Possibili complicazioni e conseguenze per il bambino

Se l'epatite C viene diagnosticata durante la gravidanza, è possibile valutare le conseguenze per il bambino e i danni al corpo solo dopo il parto. In tutti i bambini nati da donne infette, le immunoglobuline materne che entrano nel flusso sanguigno della placenta si trovano nel sangue. Pertanto, lo svolgimento di test diagnostici da parte dell'ELISA non è indicativo.

Inoltre, gli anticorpi anti-HCV possono persistere fino a un anno e mezzo e questo non è un segno di infezione. Sono attualmente in corso studi clinici per stabilire se il feto protegge le immunoglobuline materne dall'infezione intrauterina..

La diagnosi di epatite C in un bambino viene effettuata all'età di tre e sei mesi dalla reazione a catena della polimerasi. Assicurati di rieseguire l'analisi, indipendentemente dal risultato. ELISA è consigliabile nei bambini di età superiore a un anno e mezzo.

Se infetto nel periodo perinatale, si sviluppa spesso l'epatite C cronica, caratterizzata da un decorso latente latente. Le manifestazioni extraepatiche si verificano estremamente raramente. L'attività del virus è bassa, i cambiamenti istologici nel tessuto epatico sono insignificanti.

Non sono disponibili informazioni sulla prognosi a lungo termine dell'epatite C nei bambini infetti durante lo sviluppo fetale o durante il parto. Si ritiene che la cirrosi, così come il prossimo stadio di complicanze - carcinoma epatocellulare, si verifichi in età adulta. Ma il decorso della malattia è esacerbato dalla coinfezione con altri tipi di epatite. Pertanto, la vaccinazione è obbligatoria.

È molto importante monitorare il corso del trattamento dell'infezione da HCV in una donna al fine di evitare l'infezione del bambino nel periodo postpartum.

Prevenzione dell'infezione durante la gravidanza

Durante la gravidanza, una donna deve sottoporsi a numerosi test e sottoporsi a numerosi studi, compresi quelli invasivi. Per evitare l'infezione, è necessario monitorare la sterilità e l'uso di strumenti monouso. Si raccomanda inoltre di astenersi dal visitare saloni di bellezza e di utilizzare i propri strumenti per manicure e / o pedicure.

Il periodo di gravidanza non è adatto per esperimenti con tatuaggi, rapporti sessuali casuali. È severamente vietato l'uso di articoli per l'igiene di altre persone (rasoi, pinzette, epilatori, ecc.). Dovresti anche visitare studi dentistici comprovati, dove è prestata la dovuta attenzione alle norme sull'asepsi..

Epatite C durante la gravidanza

Il virus dell'epatite C viene rilevato nelle giovani donne più spesso durante lo screening per prepararsi alla gravidanza o durante la gravidanza..

Tale esame per l'epatite C è molto importante a causa dell'alta efficacia del moderno trattamento antivirale (il trattamento per l'epatite C può essere prescritto dopo il parto), nonché la fattibilità dell'esame e dell'osservazione (se necessario, del trattamento) di bambini nati da HCV- madri infette.

L'effetto della gravidanza sul decorso dell'epatite cronica C

La gravidanza in pazienti con epatite C cronica non influisce negativamente sul decorso e sulla prognosi della malattia epatica. I livelli di ALT di solito diminuiscono e si ripresentano nel secondo e terzo trimestre di gravidanza. Allo stesso tempo, il livello di carica virale di solito aumenta nel terzo trimestre. Questi indicatori tornano al basale 3-6 mesi dopo la nascita, che è associato a cambiamenti nel sistema immunitario nelle donne in gravidanza.

Un aumento degli estrogeni inerenti alla gravidanza può causare segni di colestasi nei pazienti con epatite C (ad esempio prurito). Questi sintomi scompaiono nei primi giorni dopo il parto..

Poiché la formazione di cirrosi si verifica in media 20 anni dopo l'infezione, lo sviluppo della cirrosi nelle donne in gravidanza è estremamente raro. Tuttavia, la cirrosi può essere diagnosticata per la prima volta durante la gravidanza. Se non ci sono segni di insufficienza epatica e ipertensione portale grave, la gravidanza non rappresenta un rischio per la materia e non influenza il decorso e la prognosi della malattia.

Tuttavia, l'ipertensione portale grave (espansione delle vene dell'esofago 2 e più) crea un aumentato rischio di sanguinamento dalle vene dilatate dell'esofago, che raggiunge il 25%.

Lo sviluppo di sanguinamento dalle vene dell'esofago si verifica più spesso nel secondo o terzo trimestre di gravidanza ed è estremamente raro durante il parto. A questo proposito, le donne in gravidanza con ipertensione portale possono avere un parto in modo naturale e il taglio cesareo viene eseguito secondo indicazioni ostetriche quando è necessario il parto in emergenza.

Date le peculiarità del decorso dell'epatite virale nelle donne in gravidanza e gli effetti avversi dell'interferone e della ribavirina sul feto, la terapia antivirale durante la gravidanza NON È CONSIGLIATA.

In alcuni casi, può essere necessario un trattamento farmacologico con farmaci con acido ursodesossicolico per ridurre la colestasi. Il trattamento del sanguinamento della vena esofagea e dell'insufficienza epatica nelle donne in gravidanza rimane nel quadro di quello generalmente accettato.

L'effetto dell'epatite cronica C sul decorso e sull'esito della gravidanza

La presenza di epatite virale cronica C nella madre non influenza la funzione riproduttiva e la gravidanza, non aumenta il rischio di malformazioni congenite del feto e dei nati morti.

Tuttavia, l'alta attività dei processi epatici (colestasi), nonché la cirrosi epatica, aumentano la frequenza della nascita prematura e l'ipotrofia del feto. Sanguinamento dilatato esofageo e insufficienza epatica aumentano il rischio di parto morto.

Il trattamento dell'epatite virale cronica con farmaci antivirali durante la gravidanza può avere un effetto negativo sullo sviluppo del feto, in particolare la ribavirina. Il suo uso durante la gravidanza è controindicato e il concepimento è raccomandato non prima di 6 mesi dopo l'interruzione della terapia.

Trasmissione del virus dell'epatite C da madre a bambino durante la gravidanza

Il rischio di trasmissione del virus da madre a figlio è valutato basso e, secondo varie fonti, non supera il 5%.
Gli anticorpi materni possono prevenire lo sviluppo dell'epatite virale cronica in un bambino. Questi anticorpi si trovano nel sangue di un bambino e scompaiono in 2-3 anni.

Il metodo di consegna non è essenziale per prevenire l'infezione del bambino durante il parto. Pertanto, non vi è motivo di raccomandare un taglio cesareo al fine di ridurre il rischio di infezione del bambino.

OSSERVAZIONE DI UN EPATOLOGO DURANTE LA GRAVIDANZA IN PRESENZA DI EPATITE CRONICA VIRALE C, IN PARTICOLARE NEL 2 ° E 3 ° TRIMESTRE.

Epatite C e gravidanza

L'epatite C e la gravidanza non sono una frase che porta ad un aborto o al rifiuto completo di avere figli. Questa è una malattia abbastanza comune nelle gestanti, che si presta bene al trattamento conservativo..

Il motivo principale della comparsa di una tale malattia epatica nelle donne durante il periodo di gravidanza è la penetrazione del patogeno nel corpo, nonché l'influenza di alcuni fattori predisponenti.

Le manifestazioni del quadro clinico non sono praticamente diverse dai segni della malattia in altre persone. I sintomi principali sono considerati un gusto amaro nella cavità orale, dolore sotto le costole giuste e acquisizione di una pelle giallastra.

La diagnosi richiede un viaggio completo, ma si basa su esami di laboratorio. Il trattamento viene effettuato solo con metodi conservativi, tra cui l'assunzione di farmaci approvati e l'osservazione di una dieta parsimoniosa.

Eziologia

L'agente eziologico di questa malattia è il virus HCV, che contiene il genoma dell'RNA e appartiene alla famiglia dei flavivirus. La principale via di penetrazione dei patogeni è considerata il sangue. Una persona sana può essere infettata indipendentemente dalla forma della malattia nel corriere.

La penetrazione del virus può verificarsi durante:

  • trasfusione di sangue: recentemente, tale fattore è il più raro, poiché il sangue e il plasma del donatore sono controllati obbligatoriamente per la presenza di un agente patogeno;
  • fare sesso senza preservativo con un portatore di virus;
  • uso accidentale o intenzionale di una siringa con una persona infetta;
  • visite dal dentista o dalla sala manicure - in questo caso, l'irresponsabilità di altre persone che non hanno disinfettato gli strumenti ha un ruolo;
  • inosservanza delle norme di igiene personale. Ciò può includere l'uso di uno spazzolino da denti o di un rasoio con epatite C;
  • attività professionale - se una donna è costretta a contattare costantemente il sangue sul lavoro.

Si noti che il virus non viene trasmesso:

  • con tosse o starnuti - anche se lo scarico è sulla pelle di una donna incinta;
  • attraverso strette di mano e abbracci;
  • usando lo stesso asciugamano, panno o posate;
  • quando si condividono cibi o si bevono bevande da un piatto;
  • quando si parla o si bacia.

Il principale gruppo a rischio sono le donne che:

  • durante il periodo di gravidanza, si iniettano sostanze narcotiche;
  • ha subito un intervento chirurgico in passato;
  • lavorare in istituti medici;
  • infetto da HIV;
  • soffre di altre malattie del fegato;
  • bisogno di emodialisi;
  • avere una vita sessuale promiscua e non protetta anche durante la gravidanza.

Nonostante un numero così elevato di fattori predisponenti, l'epatite C durante la gravidanza, nella stragrande maggioranza dei casi, non influisce sul processo di gravidanza. Inoltre, c'è un'alta probabilità di avere un bambino sano.

Ne consegue che l'epatite C, la gravidanza e il parto sono concetti compatibili.

Classificazione

Come in altre persone, l'epatite C nelle donne in gravidanza si presenta in diverse forme, a seconda del quadro clinico della patologia che differirà. Pertanto, la malattia è divisa in:

  • acuto: molto spesso procede senza esprimere alcun sintomo. Per questo motivo, una donna potrebbe anche non rendersi conto per molto tempo di essere portatrice di virus. Le manifestazioni cliniche iniziano ad esprimersi sotto l'influenza di determinati fattori;
  • cronico - si forma sullo sfondo di ignorare i sintomi e il trattamento prematuro della forma acuta;
  • complicato - caratterizzato da un significativo deterioramento delle condizioni del paziente a causa dello sviluppo di gravi complicanze.

L'epatite acuta C durante la gravidanza ha diverse opzioni di corso:

  • ittero - integrato da segni di ittero;
  • anicterico: oltre ai segni principali, non si osservano altri sintomi;
  • subclinico - differisce nell'espressione a breve termine o nella completa assenza di sintomi. Le condizioni della donna incinta non peggiorano e la malattia stessa viene rilevata solo dai cambiamenti negli esami di laboratorio.

Sintomatologia

Il periodo di incubazione dell'epatite C nelle donne in gravidanza varia da due settimane a sei mesi e per lungo tempo la malattia è completamente asintomatica. Questo diventa il motivo per cui la malattia diventa cronica. Tuttavia, un altro fattore che influenza la cronizzazione di tale danno epatico è che nel sesso più debole, il sistema immunitario viene soppresso.

I sintomi della fase acuta e l'esacerbazione del cronico hanno gli stessi sintomi, che includono:

  • grave debolezza e affaticamento;
  • sonnolenza costante;
  • riduzione delle prestazioni;
  • appetito alterato;
  • nausea accompagnata da vomito;
  • aumento della formazione di gas;
  • la comparsa di disagio e dolore nell'area sotto le costole giuste;
  • aumento della temperatura.

Il pericolo della malattia sta nel fatto che tali sintomi sono abbastanza spesso in attesa di madri scambiate per manifestazioni di gravidanza, motivo per cui semplicemente non prestano attenzione a loro. Ciò porta al fatto che i pazienti stessi provocano lo sviluppo di complicanze.

Più specifici saranno i sintomi di un disturbo itterico che ti costringono a cercare un aiuto qualificato. Manifestazioni cliniche simili includono:

  • prurito ed eruzione cutanea di eziologia poco chiara;
  • l'acquisizione di pelle e membrane mucose visibili di una tinta gialla;
  • cambiamento di colore di urina e feci. Il primo diventa più scuro, mentre il secondo diventa scolorito;
  • rivestimento giallastro della lingua;
  • la comparsa di dolore e un cambiamento nell'aspetto di grandi articolazioni;
  • un aumento del volume del fegato e della milza;
  • perdita di peso.

Il pericolo di epatite cronica C è che spesso diventa la causa di complicanze. Il periodo di gravidanza può portare alla sua attivazione e alla manifestazione intensa di sintomi. Altrimenti, l'epatite C non è influenzata in alcun modo dalla gravidanza.

Diagnostica

Affinché il medico sia in grado di formulare una diagnosi finale, saranno richiesti esami di laboratorio e strumentali. Prima di tutto, il medico ha bisogno di:

  • mettere in discussione la futura donna in travaglio per la presenza, la prima volta dell'apparizione e l'intensità dell'espressione dei sintomi - questo permetterà di capire in quale fase procede la malattia;
  • studiare la storia medica e la storia medica del paziente - questo è necessario per identificare la possibile causa dell'insorgenza della malattia;
  • condurre un esame fisico finalizzato alla palpazione della parete anteriore della cavità addominale, che aiuterà a identificare il dolore e l'epatosplenomegalia, ma alla fine della gravidanza è abbastanza difficile farlo. Inoltre, il medico dovrebbe valutare le condizioni della pelle e della sclera, nonché misurare la temperatura corporea della donna.

I test di laboratorio per l'epatite durante la gravidanza includono:

  • analisi del sangue generale e biochimica;
  • esame del sangue per la presenza di anticorpi contro il patogeno dell'epatite C;
  • PCR - per rilevare l'RNA del virus;
  • saggio di immunosorbente collegato;
  • analisi generale delle urine;
  • coprogram.

Tra gli esami strumentali consentiti durante il periodo di gravidanza, vale la pena sottolineare:

  • Ultrasuoni degli organi addominali: indica un aumento dell'organo interessato, ma non la causa della malattia;
  • biopsia del tessuto epatico - per successivi studi istologici per escludere il processo oncologico.

Vale la pena notare che nei neonati, gli anticorpi materni sono nel sangue per un altro anno. Per questo motivo, i test di laboratorio mostreranno un test falso positivo per l'epatite nel bambino. Ne consegue che il primo anno e mezzo di vita del bambino non sarà in grado di diagnosticare con precisione l'epatite C.

Trattamento

L'eliminazione dei sintomi e l'eliminazione della malattia nelle donne in gravidanza viene effettuata solo assumendo farmaci e osservando una dieta parsimoniosa.

Per interrompere i sintomi e migliorare le condizioni del paziente, è indicata la seguente somministrazione:

  • epatoprotettori;
  • immunomodulatori;
  • complessi vitaminici.

La terapia dietetica per l'epatite C nelle donne in gravidanza non sarà diversa dalla nutrizione terapeutica di altri pazienti con una diagnosi simile. La tabella dietetica numero cinque è presa come base e un medico completo per le malattie infettive fornisce un elenco completo di prodotti proibiti e consentiti, un menu approssimativo e raccomandazioni riguardanti la preparazione dei piatti.

Si possono ottenere buoni risultati usando le ricette della medicina tradizionale. Tuttavia, prima di iniziare tale trattamento, è necessario consultare il proprio medico, al fine di evitare lo sviluppo di allergie nel feto. Tale terapia prevede l'uso di:

  • succhi di verdura appena spremuti, in particolare carote;
  • miele e mamma;
  • stimmi di mais e tanaceto;
  • cardo mariano e camomilla;
  • achillea e iperico;
  • equiseto e ravanello nero;
  • Highlander e dogrose;
  • elecampane e repeshka;
  • bardana e salvia.

complicazioni

Il pericolo di una tale malattia risiede nel fatto che può causare complicazioni fatali per una donna, tra cui:

  • cirrosi epatica;
  • cancro epatocellulare.

Inoltre, l'epatite C in alcuni casi porta all'aborto spontaneo.

La velocità di trasmissione verticale del virus raggiunge il dieci percento. L'infezione del bambino è possibile durante:

  • miscelazione del sangue materno con sangue fetale in caso di rottura dei vasi placentare;
  • contatto con il sangue di una donna in presenza di danni strutturali alle mucose o alla pelle del bambino ricevuti durante il travaglio.

Prevenzione

A scopo preventivo, la comparsa di un disturbo simile nelle donne durante la gravidanza, è necessario rispettare le seguenti regole:

  • abbandonare completamente le dipendenze, in particolare l'iniezione di sostanze stupefacenti;
  • eseguire tutte le precauzioni quando si lavora con il sangue;
  • hanno solo protetto il sesso;
  • evitare di usare determinati oggetti con una persona infetta;
  • assicurarsi che gli strumenti medici e per la manicure siano accuratamente disinfettati;
  • passare una diagnosi completa prima del concepimento;
  • al minimo cambiamento di salute, contatta un ostetrico-ginecologo.

Tutti i pazienti con una diagnosi simile si preoccupano della domanda: è possibile partorire con l'epatite C? La risposta sarà positiva, ma il modo in cui nasce un bambino viene selezionato individualmente. C'è meno probabilità che un bambino venga infettato da un taglio cesareo.

Up