logo

Tutto il contenuto di iLive è controllato da esperti medici per garantire la migliore accuratezza e coerenza possibile con i fatti..

Abbiamo regole rigorose per la scelta delle fonti di informazione e ci riferiamo solo a siti affidabili, istituti di ricerca accademica e, se possibile, comprovata ricerca medica. Si noti che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono collegamenti interattivi a tali studi..

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri materiali sia impreciso, obsoleto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Una donna incinta subisce grandi cambiamenti nel sistema ormonale e immunitario, quindi, durante la gravidanza, possono verificarsi complicazioni e malattie che il corpo femminile non ha mai incontrato prima. Una delle malattie che possono complicare la gestazione è la psoriasi. Qual è la ragione del suo aspetto nel corpo di una donna in buona salute, come questa malattia può influenzare il corso della gravidanza e come essere trattata correttamente?

Codice ICD-10

Epidemiologia

Questa malattia è considerata ereditaria, l'infezione con essa è impossibile..

Secondo studi medici, la psoriasi colpisce dall'1 al 3% della popolazione mondiale, più spesso questa malattia si verifica nei giovani (circa il 75%), meno spesso negli anziani (circa il 25%), i maschi e le donne soffrono allo stesso modo di questa malattia.

Cause della psoriasi in gravidanza

La psoriasi, o, come viene chiamato, lichene squamoso, è una malattia dermatologica autoimmune non infettiva specifica dell'organo. Con questa patologia, sono colpiti sia la pelle che i capelli e le unghie..

La causa della psoriasi durante la gravidanza può essere un enorme stress sul corpo della donna. Durante questo periodo, ci sono cambiamenti globali nel sistema ormonale del corpo femminile, che possono influenzare negativamente il sistema immunitario, indebolendolo. L'impulso per l'insorgenza della malattia può essere lo stress. Pertanto, si consiglia alle donne in gravidanza di evitare disordini. Un ruolo importante è svolto dallo stato dell'intestino e del fegato. È necessario controllare il loro lavoro, per prevenire il rilassamento corporeo e l'ingresso di tossine. Una mancanza di vitamina D influisce negativamente anche sulle condizioni della pelle, quindi è necessario ricostituire il bisogno del corpo di questa vitamina e più spesso essere esposti alla luce solare.

Fattori di rischio

Nonostante il fatto che qualsiasi donna possa avere la psoriasi, ci sono ancora alcuni fattori che possono provocare o accelerare la malattia:

  • fattore ereditario (se qualcuno dei parenti aveva questa malattia);
  • malattie virali e infettive come l'HIV, infezione da streptococco;
  • forte stress psico-emotivo, stress;
  • lunga permanenza in climi freddi;
  • l'uso di determinati farmaci;
  • bere eccessivo, fumare;
  • lesioni della pelle;
  • obesità.

patogenesi

La patogenesi della malattia non è stata completamente studiata, ma spiccano le seguenti teorie:

Con lo sviluppo della psoriasi, si distinguono tre fasi:

  • sensibilizzazione (accumulo);
  • latente (nascosto);
  • effettrici.

Nella sua forma e struttura, questa malattia è caratterizzata da una maggiore attività muscolare, con una proliferazione accelerata delle cellule dello strato corneo esterno delle cellule (epidermide), a seguito della quale le cellule degli strati inferiori della pelle spostano le cellule superiori verso l'esterno, impedendo loro di maturare prima della cheratinizzazione.

Sintomi della psoriasi durante la gravidanza

La principale manifestazione clinica di questa malattia è l'eruzione cutanea. I primi segni della malattia compaiono sotto forma di insorgenza sulla pelle, con localizzazione nelle pieghe della pelle, all'inguine e all'addome. È possibile un danno alle mucose. Le eruzioni hanno l'aspetto di papule rosate, di colore o biancastre, arrotondate. Le placche psoriasiche possono quindi diffondersi ad altre aree della pelle, incluso il cuoio capelluto. Molto spesso, le eruzioni cutanee sono localizzate sulle superfici estensorie degli arti inferiori e superiori. In luoghi di eruzioni cutanee, la pelle diventa secca, screpolata, può sanguinare. Si verifica prurito. Inoltre, le unghie sono spesso colpite. Con la psoriasi, possono verificarsi anche dolori articolari. La malattia è accompagnata da debolezza generale, aumento della fatica, uno stato psico-emotivo depresso.

fasi

Secondo lo sviluppo della malattia nella psoriasi, ci sono tre fasi:

  • progressivo (caratterizzato dalla comparsa di nuove lesioni);
  • stazionario (non ci sono nuove eruzioni cutanee, le lesioni non aumentano).

Le forme

La psoriasi è divisa in diversi tipi, a seconda delle dimensioni e della forma delle eruzioni cutanee..

  • pinpoint (dimensione delle papule con una punta di spillo);
  • a forma di lacrima (leggermente più punteggiato di dimensioni, sotto forma di una goccia)
  • a forma di moneta (le eruzioni sono rappresentate da grandi placche rotonde);
  • figurato (grandi focolai di lesioni della pelle, forma riccia);
  • a forma di anello (la forma di eruzioni ricorda gli anelli);
  • geografico (le lesioni interessate si fondono, assomigliando a una mappa geografica);
  • serpiginoso (focolai in costante aumento di lesioni cutanee).

Inoltre, in base alla gravità, si distinguono tre forme di patologia:

  • lieve (1-3% della pelle è interessato);
  • gravità moderata (il 3-10% della pelle è interessato);
  • pesante.

Le forme più gravi di psoriasi includono pustolosa (eruzioni cutanee con contenuto purulento, accompagnato da arrossamento della pelle e gonfiore) e artropatica (piccole e grandi articolazioni sono coinvolte nel processo infiammatorio, che può portare a deformazione ossea e limitazione della mobilità della sutura). Se la forma pustolosa della malattia ha iniziato a svilupparsi durante la gravidanza, dopo la consegna la psoriasi scompare.

In più della metà dei casi si osserva la psoriasi della testa. Se la malattia viene trascurata e innescata, può portare a forme più gravi di psoriasi. Con la localizzazione della malattia sul cuoio capelluto, la pelle colpisce più spesso le orecchie, sopra di loro, i lobi delle orecchie; pelle nelle parti frontale e occipitale della testa; sulla parte posteriore del collo; nel mezzo dei capelli. All'inizio della malattia, possono formarsi diversi punti rosati, senza confini chiari e processi infiammatori della pelle. Forse un forte peeling della pelle del cuoio capelluto, simile alla forfora. Con questo lieve grado di malattia, la diagnosi differenziale è difficile, poiché i suoi sintomi sono molto simili alle manifestazioni cliniche di altre dermatosi del cuoio capelluto. Il segno più comune di psoriasi della testa è la cosiddetta corona psoriasica. Allo stesso tempo, è visibile la transizione dal cuoio capelluto alla pelle nella fronte, nella nuca, sopra le orecchie e dietro di loro. Poiché il processo patologico si verifica nello strato superiore dell'epidermide e non influisce sui follicoli piliferi, questa malattia non influenza la perdita e la crescita dei capelli.

Se questa malattia non è sottoposta a un trattamento sufficientemente grave, la psoriasi dal cuoio capelluto andrà in altre aree della pelle sane.

La classificazione della psoriasi della testa in base alla gravità e alla forma della malattia è simile alla classificazione generale della psoriasi.

Complicanze e conseguenze

Il decorso della malattia in gravità da lieve a moderata praticamente non influenza lo stato della donna incinta e non ha conseguenze negative sia per la donna stessa che per il feto.

È molto più pericoloso quando, con la coincidenza di una serie di fattori negativi che colpiscono il corpo di una donna incinta, possono insorgere complicazioni che possono portare a gravi conseguenze..

Una complicazione molto grave e pericolosa che può minacciare la vita della futura mamma e del suo bambino è la psoriasi pustolosa generalizzata. Questa complicazione può essere innescata da uno squilibrio ormonale, dalla produzione e dall'assimilazione della vitamina D da parte del corpo femminile. L'insorgenza della malattia è improvvisa, accompagnata dalla comparsa di eritema rosso vivo sulla pelle, sono colpite vaste aree della pelle, su cui piccole papule formano formazioni cutanee sotto forma di un'eruzione cutanea che si eleva sopra la pelle. Le papule compaiono in gran numero, si fondono e al loro posto si formano pustole, con contenuto purulento. Insieme ai processi patologici della pelle, si osservano sintomi clinici di natura generale: debolezza generale, un forte aumento della temperatura corporea, brividi, che è accompagnato da mal di testa, diminuzione dell'appetito, nausea e vomito e disturbi mentali. Questa condizione della donna incinta può portare alla nascita prematura. È necessario iniziare immediatamente il trattamento. I sintomi scompaiono dopo l'aborto. La psoriasi pustolosa, complicata da un'infezione secondaria, può portare alla sepsi e quindi alla morte. Con un trattamento tempestivo e adeguato, le pustole guariscono, i rimanenti sintomi generali svaniscono.

Un'altra forma grave di lichene squamoso è la psoriasi artropatica, che può portare a danni articolari: l'artrite psoriasica. Innanzitutto, le articolazioni più piccole sono coinvolte nel processo patologico, quindi l'infiammazione si diffonde alle articolazioni centrali e quindi le articolazioni grandi sono interessate. Con la progressione della malattia, la cartilagine e i tendini sono coinvolti nel processo infiammatorio. Nel quadro clinico della malattia, si osservano gonfiore e indolenzimento delle articolazioni, la pelle delle articolazioni diventa cremisi, c'è una limitazione del movimento nelle articolazioni. Se non trattata, questa forma di artrite porta al riassorbimento e all'atrofia del tessuto osseo. La funzione motoria di una persona è compromessa. Successivamente, il tessuto connettivo delle pareti dei vasi si unisce al processo infiammatorio. In questo caso, possiamo parlare di artrite psoriasica generalizzata.

  • Malattia metabolica.

Una delle complicanze nelle forme gravi di psoriasi può essere una violazione dei processi metabolici nel corpo. Di conseguenza, il sistema cardiovascolare soffre. Di conseguenza, possono svilupparsi malattie come ictus, malattie ischemiche e ipertoniche, infiammazione del muscolo cardiaco (miocardite), difetto della valvola mitrale, malnutrizione del muscolo cardiaco (distrofia miocardica), insufficienza renale, non infiammazione batterica dell'uretra e della vescica e, nei casi più gravi, sviluppo dell'oncologia.

  • Danno mucoso ed effetti sulla vista.

Se il lichene squamoso non viene trattato, la malattia progredisce e può portare a danni alle mucose degli organi interni. In questo caso, soffrono gli organi del tratto gastrointestinale.

Le complicanze oftalmiche comprendono congiuntivite (infiammazione della mucosa dell'occhio), sclerite (infiammazione della membrana esterna dell'occhio), irite (infiammazione dell'iride dell'occhio), uveite (infiammazione dei vasi dell'occhio). Queste malattie non sono di natura batterica, con un trattamento tempestivo e adeguato, queste complicazioni possono essere curate.

Si riferisce anche a gravi complicanze e si verifica, di regola, in casi non trattati e trascurati. In questo caso, quasi tutti i tegumenti della pelle sono interessati e la pelle non può far fronte alle sue funzioni fisiologiche. Le funzioni di termoregolazione, respiratoria ed escretoria della pelle sono disturbate. Le conseguenze di questa complicazione possono essere avvelenamento del sangue settico e morte..

  • Disturbi del sistema nervoso.

In alcune forme gravi di lichene squamoso, possono verificarsi lesioni del sistema nervoso centrale e del cervello. Si sviluppa l'encefalopatia (una lesione organica non infiammatoria del cervello), che può portare a convulsioni epilettiche, allo sviluppo di convulsioni. Atrofia, accompagnata da perdita di peso e debolezza muscolare.

Diagnosi della psoriasi durante la gravidanza

La base della diagnosi della psoriasi durante la gravidanza è un quadro clinico pronunciato e la storia del paziente. Un dermatologo dovrebbe identificare una relazione ereditaria nell'insorgenza della malattia, fattori che potrebbero provocare la malattia. Questa malattia è caratterizzata dalla presenza di una triade psoriasica: macchie di stearina (cerosa), film psoriasico e rugiada nel sangue.

Di seguito vengono forniti i seguenti tipi di diagnostica di laboratorio e strumentale..

Viene prescritto un esame istologico, in cui può verificarsi cheratoderma (ipercheratosi - un aumento del contenuto di cheratina nell'epidermide), l'assenza di corio (derma) con una superficie granulare e uno strato di germoglio (spinoso) dell'epidermide.

Viene prescritto un esame del sangue di laboratorio: esami del sangue clinici e biochimici generali. Vengono inoltre condotti numerosi studi (ECG, ultrasuoni degli organi interni, radiografia) al fine di determinare in quali organi e sistemi si sono verificati i disturbi e quali sono le condizioni generali del corpo della donna incinta.

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale è di grande importanza, il cui scopo è quello di escludere altre malattie della pelle simili nei sintomi, come: eczema seborroico, varie dermatosi, sifilide papulare, lichene piatto e rosa, neurodermite, lupus eritematoso sistemico, sindrome di Reiter (uroartrite reattiva).

Chi contattare?

Trattamento della psoriasi in gravidanza

Il trattamento di questa malattia in una donna incinta deve essere affrontato con molta attenzione e sistematica. Se al paziente è stata diagnosticata la malattia prima della gravidanza, si deve tener conto del fatto che i farmaci usati per il trattamento della psoriasi hanno un effetto teratogeno (effetti tossici negativi sul feto, che portano ad anomalie congenite o possono causare aborto spontaneo, congelamento fetale). Quando si usano questi farmaci, è necessario ricorrere all'uso di contraccettivi e la pianificazione della gravidanza è necessaria 3-4 mesi dopo l'interruzione del farmaco. Stiamo parlando principalmente di farmaci come l'acitretina (compresi altri retinoidi), il metotrexato.

Durante la gravidanza, si consiglia di ricorrere alla terapia locale, utilizzando creme idratanti e agenti lenitivi (creme, lozioni e oli). Dai prodotti esfolianti si possono usare acido salicilico e urea. Il cortisone è uno dei farmaci approvati per la terapia locale durante la gravidanza. Tuttavia, il suo utilizzo deve essere ridotto al minimo. Il cortisone della droga non ha un effetto dannoso sul corpo della madre, così come sul bambino non ancora nato, ma sotto la sua influenza possono apparire smagliature sulla pelle. I principali rimedi esterni per la psoriasi durante la gravidanza sono unguenti, a causa del loro effetto lieve e delicato sull'epidermide colpita.

Unguento contenente acido salicilico ad una concentrazione del 2%, 3%, 4%, 5% e 10%.

Con la psoriasi, l'unguento al 2% viene utilizzato più spesso. Applicare uno strato sottile sulla superficie interessata 1-2 volte al giorno.

Dagli effetti collaterali - raramente sono state osservate reazioni allergiche locali.

Non applicare unguento su mucose, verruche, segni di nascita. Se il farmaco entra nelle mucose, è necessario risciacquare con acqua, in grandi quantità.

È usato in medicina come decongestionante (disidratante) e diuretico.

Per la psoriasi, viene utilizzata una crema al 10% e unguento al 30%, che viene applicata 1-2 volte al giorno con uno strato sottile e uniforme sulle aree interessate dell'epidermide.

Per uso esterno, sono possibili tali effetti collaterali del farmaco sul corpo come: reazione allergica locale, prurito e arrossamento della pelle.

La conservazione dell'urea è fornita in una confezione sigillata, in un luogo asciutto, a una temperatura non superiore a 25 C. Periodo di validità - 24 mesi dalla data di rilascio del farmaco.

Unguento all'idrocortisone all'1% per uso topico locale.

1-3 volte al giorno viene applicato con uno strato sottile e uniforme sulla zona della pelle interessata. Per un migliore assorbimento nell'epidermide, l'unguento deve essere applicato con movimenti leggeri, massaggiando la pelle.

Con l'uso esterno di questo farmaco, non sono stati osservati effetti collaterali.

La conservazione di questo farmaco viene fornita in un luogo asciutto e buio a temperatura ambiente.

Unguento a base di ossido di zinco.

Ha effetti antisettici, astringenti, antinfiammatori, emollienti ed essiccanti.

Gli effetti collaterali si verificano estremamente raramente, con ipersensibilità individuale ai componenti dell'unguento. In questa situazione, possono verificarsi una sensazione di bruciore, pelle secca, iperemia..

Le condizioni di conservazione dell'unguento allo zinco suggeriscono un luogo fresco e asciutto, a una temperatura non superiore a 25 ° C.

Smetti di usare l'unguento dopo 24 mesi dalla data di rilascio.

Ha effetti anti-infiammatori e antifungini, riduce la sensazione di bruciore e prurito ed è un buon agente antiporiatico..

Viene applicato 2-3 volte al giorno sulle aree della pelle colpite dalla psoriasi..

Gli effetti collaterali sono molto rari, di solito manifestati da una reazione allergica locale al farmaco: pelle secca e arrossamento nel sito di applicazione dell'unguento.

È necessario conservare il farmaco in un luogo buio, a una temperatura non superiore a 25 ° C.

Periodo di validità - non più di 24 mesi dopo il rilascio di fondi.

Trattamento fisioterapico della psoriasi

Il metodo più comune per il trattamento topico del lichene squamoso durante la gravidanza è la fototerapia ultravioletta. Questo metodo è completamente sicuro sia per la madre che per il bambino..

Inoltre, con questa patologia, si può ricorrere alle seguenti procedure fisioterapiche: radiazioni ultraviolette nel sangue, crioterapia, laser ad eccimeri, ozono terapia, ipnosi, elettrostimolazione, terapia a risonanza magnetica.

Si raccomanda alle pazienti in gravidanza con psoriasi di assumere vitamine. Inoltre, va tenuto presente che i derivati ​​delle vitamine A e D sono vietati per l'uso nella psoriasi durante la gravidanza, poiché questi farmaci hanno effetti teratogeni e possono causare lo sviluppo di anomalie nel feto.

Medicina alternativa

Oltre al trattamento medico e fisioterapico, possono essere utilizzati metodi di medicina tradizionale. Dei rimedi popolari, vengono utilizzati principalmente vari mezzi per uso esterno. Consideriamo alcuni di essi in modo più dettagliato..

Per preparare un prodotto a base di propoli (un prodotto dell'attività vitale delle api), è necessario prendere 250 ml di olio vegetale, bollirlo, quindi dopo aver aggiunto 25 gr. propoli, mescolare accuratamente la massa risultante fino a che liscio. Da questo strumento, gli impacchi vengono applicati alle aree interessate della pelle per 1-2 giorni dopo il trattamento preliminare con la soluzione di perossido di idrogeno nelle aree problematiche dell'epidermide.

Un rimedio popolare molto efficace per la psoriasi, è necessario utilizzare il succo di una pianta che ha raggiunto l'età di tre anni per curare la malattia. Il succo di aloe contiene un gran numero di sostanze bioattive: vitamine, polisaccaridi, micro e macro elementi, enzimi. Il succo di questo cactus è una potente guarigione e astringente, nonché un potente biostimolatore che aiuta ad aumentare l'immunità.

Prima di tagliare le foglie di aloe, è necessario smettere di annaffiare la pianta per 2 settimane, creando una siccità artificiale per essa. Metti le foglie tagliate in un luogo buio e fresco per 5 giorni, quindi fai del succo. Con questo strumento, trattare le aree problematiche della pelle più volte al giorno fino a quando le eruzioni cutanee non scompaiono completamente.

Si applica contemporaneamente esternamente e verso l'interno. Macinare la radice di sedano a uno stato molle e spalmare le aree interessate dell'epidermide con il prodotto ottenuto per 2 ore. Il succo appena preparato dalla radice di sedano viene assunto per via orale 2 cucchiai 3 volte al giorno. La durata del trattamento con questo metodo è di 2 mesi.

Catrame pronto di betulla da farmacia da diluire con olio di semi di girasole in rapporto 1: 1. Tratta la pelle colpita con questa miscela.

Acquista un olio di olivello spinoso pronto all'uso in farmacia, che può essere utilizzato per trattare le aree della pelle problematiche 1-3 volte al giorno..

100 gr. Le erbe di celidonia versano 4 litri di acqua fredda, portano ad ebollizione, coprono e lasciate fermentare per 1 ora. Filtra il brodo risultante e aggiungilo a una vasca piena d'acqua 40 - 45 C. Fai un bagno alle erbe per 5-10 minuti ogni giorno.

I bagni alle erbe con l'aggiunta di decotti delle seguenti piante hanno anche un effetto positivo nel trattamento della psoriasi: successione, camomilla, menta, kirkazona.

Nel trattamento del lichene squamoso nella medicina tradizionale, vengono utilizzati decotti e tinture di alcune piante, ma molte di esse hanno un gran numero di controindicazioni per le donne in gravidanza, pertanto si raccomanda di limitare l'uso di rimedi popolari in varie fasi della gravidanza e durante l'allattamento ad uso esterno.

Medicinali omeopatici utilizzati nella psoriasi.

  • Unguento Psoriaten.

Contiene tintura matriciale di magonia cava. Dopo la pulizia, la pelle viene massaggiata con leggeri movimenti massaggianti nelle aree interessate dell'epidermide tre volte al giorno. Non è consentito unguento sulle mucose. Gli effetti collaterali sono possibili con ipersensibilità individuale agli unguenti, mentre c'è iperemia (arrossamento), prurito nell'area problematica della pelle che è stata sottoposta a trattamento con il farmaco. In questo caso, è necessario annullare l'uso del farmaco.

Olio raffinato derivato. Questo rimedio omeopatico viene prodotto sotto forma di granuli o gocce. Il farmaco viene assunto per via orale. Il dosaggio è prescritto dal medico omeopatico individualmente. Effetti collaterali: all'inizio del trattamento con il farmaco, si osserva una leggera esacerbazione dei sintomi clinici della malattia. In casi molto rari, l'ipersensibilità ai componenti del farmaco.

Un rimedio omeopatico completo, prodotto sotto forma di gocce orali. Viene applicato 8-10 gocce 3 volte al giorno, pochi minuti prima di un pasto o un'ora dopo un pasto. Le gocce possono essere sciolte in 10 ml di acqua e, tenendo la soluzione per diversi secondi nella cavità orale, quindi ingerirla. E puoi anche gocciolare il prodotto sotto la lingua senza prima dissolverli.

Gli effetti collaterali di questo farmaco non sono stati osservati.

Medicina omeopatica complessa complessa. Viene applicato per via parenterale, 1 3 fiale a settimana. Un effetto collaterale durante l'uso di questo farmaco può essere l'ipersalivazione (aumento della salivazione) o l'ipersensibilità individuale a determinati componenti del farmaco.

Preparazione omeopatica di zolfo. Disponibile sotto forma di unguenti, granuli e gocce. Con la terapia esterna, viene utilizzato un unguento, sfregando nelle aree interessate dell'epidermide una volta al giorno, di notte. Granuli e gocce vengono applicati per via orale sotto forma di soluzioni. Il dosaggio del farmaco è prescritto dal medico individualmente. Quando si prescrive il farmaco nella fase iniziale del trattamento, è possibile esacerbare i sintomi della malattia, il farmaco, in questo caso, non deve essere annullato. Con l'intolleranza individuale da parte del corpo dei componenti di un rimedio omeopatico, sono possibili manifestazioni allergiche: iperemia cutanea, prurito.

Trattamento chirurgico per la psoriasi

Il trattamento chirurgico del lichene squamoso consiste in un intervento chirurgico nella valvola dell'intestino tenue per ripristinare le sue funzioni. Questa operazione secondo il metodo di V. Martynov consente all'intestino tenue di ripristinare la capacità di purificare le tossine, a seguito delle quali, diversi mesi dopo l'intervento chirurgico, è stato osservato il recupero dalla psoriasi o la remissione persistente per un lungo periodo di tempo.

Questo metodo di trattamento della psoriasi è discutibile in termini di fattibilità ed efficacia.!

Prevenzione

Durante il periodo di remissione, è molto importante attuare misure preventive volte ad aumentare il periodo di indebolimento o scomparsa dei segni della malattia. Per le donne in gravidanza affette da psoriasi, ci sono una serie di procedure che devono essere seguite. Sono i seguenti: idratare la pelle e l'aria nella stanza, indossare abiti larghi realizzati con tessuti naturali, climatoterapia (riposo in mare); evitare lo stress e il forte sforzo fisico, limitare l'assunzione di cibi grassi, piccanti, affumicati e fritti negli alimenti, rifiutare di usare alcol e nicotina, usare droghe con cautela, rafforzare l'immunità e combattere il rilassamento corporeo.

previsione

La psoriasi è una malattia che non può essere completamente curata. Questo è un processo cronico e il compito della medicina è prevenire che la malattia diventi più grave, minimizzare le esacerbazioni, minimizzare le manifestazioni cliniche e massimizzare il prolungamento della fase di remissione..

Psoriasi e gravidanza

La gravidanza è il periodo più meraviglioso della vita di ogni donna. Il tempo in cui una minuscola creatura cresce e si sviluppa all'interno del corpo della madre, ogni donna viene percepita con timore reverenza e rispetto speciali. Una tempesta di emozioni e sentimenti avvolge dal momento in cui il fatto della gravidanza è confermato dal medico e non lascia andare fino alla nascita.

Naturalmente, ogni donna vuole che questo periodo di vita non venga oscurato da momenti spiacevoli. Nel processo di portare un bambino, il corpo della futura mamma sperimenta un enorme stress fisico ed emotivo. Vale la pena parlare delle esperienze vissute da una donna incinta?!

Tuttavia, la gravidanza non è sempre regolare e sicura. Tutti e nove i mesi non sono un periodo di tempo così piccolo. Durante questo periodo, la donna dovrà essere registrata nella clinica prenatale, sottoporsi a numerosi esami, superare un numero enorme di test e visitare molti medici. Ciascuno di questi "eventi" è accompagnato dall'eccitazione: è tutto sicuro, il bambino si sta sviluppando correttamente?

È noto che l'immunità di una donna incinta è ridotta ed è qui che la futura madre sta aspettando diversi pericoli. La malattia più comune durante questo periodo può essere una potenziale minaccia per un piccolo organismo trasportato sotto il cuore materno..

La maggior parte delle malattie può essere curata in modo sicuro durante questo periodo, l'importante è consultare un medico in tempo e non ricorrere ai fondi della "nonna" e il consiglio di un amico, farmacista o vicino più esperto.

Gravidanza e psoriasi È pericoloso?

Una delle malattie che causano molti disagi a una donna incinta è la psoriasi. Probabilmente, in relazione a questa circostanza, molte potenziali madri si chiedono: quanto sia pericolosa questa malattia durante la gravidanza, se influenzerà lo sviluppo del bambino?

La psoriasi durante la gravidanza non è qualcosa di straordinario. Molte donne sanno di persona di cosa si tratta. Va detto che la psoriasi non è contagiosa. Pertanto, rispondendo alla domanda sul pericolo di questa malattia, dovrebbe essere detto con fiducia: no, non è pericoloso. Questa malattia non può essere un ostacolo per avere un figlio e una madre felice.

Studi medici condotti nel corso di decenni indicano che la psoriasi non interferisce con il portamento di un bambino e non viola la funzione riproduttiva del corpo femminile. Va solo detto che il rischio di trasmissione del gene responsabile dello sviluppo di questa malattia da madre a figlio, se diagnosticato con uno dei genitori, è compreso tra l'8 e il 15%. In presenza di questa malattia in due genitori, la probabilità che il bambino lo erediti aumenta al 60%. In realtà, questa non è un'alta percentuale di infezione: un bambino ha maggiori probabilità di nascere senza questa predisposizione.

Va sottolineato che non è la malattia stessa ad essere ereditata, ma solo il gene responsabile, cioè il bambino può nascere con questa predisposizione. Potrebbe anche non essere, e ancora di più, queste cifre non significano che il bambino nascerà con la psoriasi! No, le briciole non avranno aree della pelle danneggiate - il bambino nascerà esattamente come quelli che non hanno predisposizione a questa malattia. Non aver paura e preoccupati troppo.

Va detto che nelle donne in gravidanza la psoriasi scompare senza evidenti caratteristiche. Il decorso della malattia e la sua dipendenza dalla gravidanza sono individuali.

La natura del verificarsi della psoriasi è tale che si verifica:

  1. con varie violazioni nei processi metabolici;
  2. con un turbamento del sistema endocrino;
  3. a seguito di esperienze nervose e traumi psicologici;
  4. con una predisposizione genetica;
  5. con altri fattori esterni e immunologici;

Con una predisposizione genetica alla malattia, la gravidanza molto spesso allevia questa malattia. Uno studio condotto negli Stati Uniti ha dimostrato che un terzo delle donne nei primi 3 mesi di gravidanza ha mostrato un miglioramento, la malattia ha avuto un decorso molto più lieve. Solo il 20% di tutti gli intervistati ha dichiarato che la malattia è peggiorata, il resto non ha notato cambiamenti radicali nelle loro condizioni. Un altro studio ha dimostrato che le condizioni delle donne con psoriasi migliorano durante la gravidanza nel 63%.

Nonostante ciò, gli studi condotti dagli scienziati non danno un'idea chiara di quali cambiamenti ormonali nel corpo "innescino" la malattia o contribuiscano alla sua estinzione.

Trattamento della psoriasi durante la gravidanza.

È noto che il trattamento di varie malattie nelle donne in gravidanza ha alcune difficoltà. Qualsiasi farmaco durante questo periodo viene usato con estrema cautela, i medici rifiutano di usarne molti.

La malattia in sé non è pericolosa per il bambino, una potenziale minaccia allo sviluppo intrauterino del bambino proviene dai farmaci. Il loro ricevimento durante la gravidanza, la donna dovrà fermarsi.

In generale, il trattamento di questa malattia ha alcune difficoltà solo se la donna incinta ha una grave forma di psoriasi. Prima della gravidanza, si raccomanda a una donna di avvisare un dermatologo che deciderà già sull'opportunità di continuare il trattamento con i farmaci usati o di offrire un'alternativa a quelli già prescritti.

Il trattamento della psoriasi durante la gravidanza deve essere effettuato esclusivamente sotto la supervisione di un medico, non si dovrebbe ricorrere al consiglio di amici o fidanzate e applicare pillole o crema raccomandate in farmacia. Solo un medico, dopo aver analizzato il decorso della malattia e le condizioni della donna incinta, dovrebbe prescrivere questo o quel farmaco. La scelta di tali farmaci, purtroppo, è molto limitata in questa situazione, poiché tutti sono tossici e rappresentano una minaccia per il feto. A causa del fatto che durante la gravidanza abbastanza spesso c'è un miglioramento delle condizioni della pelle, il medico può ridurre la dose o annullarla del tutto. Si consiglia una donna in questo momento per monitorare attentamente le condizioni della pelle e prevenirne l'essiccazione. La complessità del trattamento della psoriasi durante la gravidanza è che è abbastanza difficile scegliere un farmaco, poiché rappresentano tutti un pericolo per la madre o il bambino.

Poiché i mezzi per trattare la psoriasi sono tossici, molto spesso un dermatologo prescrive una terapia locale. Tuttavia, molti dei farmaci topici hanno effetti teratogeni, ad es. in grado di causare anomalie e mutazioni del feto e, di conseguenza, sono controindicati nelle donne in gravidanza.

Tra i farmaci locali vietati durante la gravidanza, vanno segnalati i derivati ​​della vitamina A e della vitamina D. I primi hanno effetti teratogeni e sono molto pericolosi per lo sviluppo di briciole.

Sorge una domanda logica: come trattare la psoriasi durante la gravidanza? I medici sono autorizzati a utilizzare i seguenti mezzi:

  1. emollienti: idratanti, oli e lozioni;
  2. cortisone;
  3. vari agenti esfolianti come acido salicilico e urea.

Va ricordato che i preparati degli ultimi due elementi nell'elenco possono essere utilizzati occasionalmente e applicati solo ad aree limitate della pelle. Pertanto, vorrei sottolineare ancora una volta il fatto che il loro uso senza prescrizione e controllo da parte di un medico specialista è inaccettabile!

Poiché l'uso di molti farmaci durante la gravidanza è inaccettabile, il trattamento sistemico della psoriasi durante la gravidanza ha un elenco limitato di misure. Tra questi, si distinguono l'assunzione di ciclosporina e la fototerapia con UV - B. La ciclosporina non è pericolosa per lo sviluppo del feto, ma ha anche un effetto collaterale sulla donna incinta; È prescritto solo con una forma grave della malattia. La fototerapia è assolutamente sicura..

Come accennato in precedenza, le cause della psoriasi nelle donne in gravidanza sono diverse e non completamente comprese. In alcuni casi, la malattia peggiora, in altri, al contrario, una donna incinta nota un miglioramento. La ricerca su questo tema, gli scienziati sono in corso. Una volta, naturalmente, i medici possono dire chiaramente cosa e perché provoca il suo sviluppo e ciò che, al contrario, è un deterrente.

In conclusione, vorrei ricordare a tutte le donne con psoriasi che questa malattia della pelle non può e non deve diventare un ostacolo alla gravidanza e alla maternità. Una gravidanza felice e di successo è possibile con una tale diagnosi. La cosa più importante è una visita tempestiva da un medico, un trattamento adeguato e una diagnosi nelle prime fasi della psoriasi.

Cosa posso consigliare a quelle donne in gravidanza che sono malate di psoriasi?

  1. iscriversi a corsi per donne incinte o giovani madri (scuola di giovani madri). Frequentare le lezioni aiuterà a comprendere questo problema in dettaglio, per dissipare la maggior parte dei dubbi e delle paure che sono inerenti a ogni donna incinta in questo momento;
  2. vivi una vita piena, goditi il ​​tuo nuovo stato;
  3. più camminare all'aria aperta, rilassarsi;
  4. non appena si avvicina il momento del congedo di maternità, senza indugiare a entrarci. Rimandare il lavoro e lasciarti concentrare sul nascituro, occuparti solo di te stesso e prepararti al parto;
  5. cerca di eliminare tutti i tipi di stress - in questo stato di ansia ed emozioni negative non porterà nulla di buono. È necessario "ricostruire" e non consentire alla negatività di entrare nella vita.

Un ruolo enorme in questa situazione è giocato dall'ambiente della donna incinta: marito, figli grandi, parenti. In questo momento, una donna ha bisogno di emozioni positive e uno stato calmo e pacifico.

Pertanto, una donna deve solo aderire a un certo regime, ridurre al minimo le emozioni negative e seguire chiaramente le istruzioni dei medici. Seguendo le raccomandazioni, la futura mamma sarà felice di sperimentare una gravidanza e godersi lo stato attuale, non prestando attenzione al disagio causato dalla psoriasi.

Le malattie della pelle portano sempre molti disagi e ansia. Ma una donna incinta che si trova in uno stato di attesa di un miracolo non vale la pena attribuire particolare importanza a questo disturbo. La medicina moderna, i medici qualificati e il cuore materno aiuteranno una donna a superare questo difficile, ma allo stesso tempo, un modo meraviglioso. La gravidanza dovrebbe portare solo impressioni positive e aiutare a preparare il processo più responsabile nella vita di una donna: il parto.

Psoriasi e gravidanza

Fortunatamente, la gravidanza e la psoriasi sono compatibili, non impedisce a una donna di realizzare il sogno della maternità, quindi la gravidanza con la psoriasi è un evento abbastanza quotidiano. La gravidanza rende una donna bella, speciale. Per 9 mesi è in attesa di un miracolo, la vita cambia, diventando più emotiva. La futura mamma in questo momento vive in costante cura di se stessa e del nascituro, spesso è sopraffatta dalle paure. Soprattutto queste paure sono grandi nelle donne in gravidanza con psoriasi..

Domande sulla psoriasi in gravidanza

Tutte le domande relative alle paure sulla psoriasi possono essere divise in tre gruppi:

  1. Il nascituro erediterà la psoriasi?
  2. Si verificherà una esacerbazione della psoriasi durante la gravidanza o viceversa la psoriasi scomparirà?
  3. Come trattare l'esacerbazione della psoriasi durante la gravidanza?

Ora tratteremo ogni domanda in ordine e, oltre alle statistiche asciutte, ti parlerò della mia esperienza, dove sarà appropriata.

Il nascituro erediterà la psoriasi?

È dimostrato che la predisposizione ereditaria della trasmissione della psoriasi durante la gravidanza, con una malattia di un genitore, è solo del 10%. Nei casi in cui entrambi i genitori sono malati, la possibilità di una predisposizione è del 50%. Inoltre, le statistiche indicano spesso la comparsa dei primi sintomi della psoriasi all'età di 20-30 anni.

La psoriasi è una malattia non trasmissibile, quindi il controllo naturale delle nascite e l'allattamento non sono controindicati..

Uno studio su gemelli identici ha mostrato che la natura dell'insorgenza della psoriasi è molto complessa e solo in parte ha una componente genetica. Solo in uno dei gemelli la psoriasi è apparsa in 1/3 dei casi, l'altro è rimasto sempre sano, questo serve come prova convincente della grande influenza di fattori esterni sullo sviluppo della psoriasi.

Ho una sorella gemella identica, non ha la psoriasi e in generale non conosco nessuno dei miei parenti con una diagnosi del genere. Non nego l'influenza dell'ereditarietà in questa malattia, ma concordo sul fatto che la comparsa della psoriasi dipende più da fattori esterni che da una predisposizione ereditaria.

Si verificherà una esacerbazione della psoriasi durante la gravidanza o viceversa la psoriasi scomparirà?

Gli studi condotti su pazienti affetti da psoriasi in gravidanza hanno dimostrato che c'è un miglioramento della psoriasi nel quaranta-sessanta percento dei casi entro la fine del primo trimestre, e una esacerbazione della malattia si verifica solo nel dieci-venti percento.

Ci saranno esacerbazioni nelle donne in gravidanza o miglioramenti possono essere previsti conoscendo lo stato di una precedente gravidanza con la psoriasi. Nell'87% delle donne incinte, ogni successiva gravidanza era simile durante la psoriasi.

Le ragioni complete per il miglioramento della psoriasi sono sconosciute, ma è noto che un aumento del progesterone e degli estrogeni ha un pronunciato effetto immunosoppressivo e un aumento del cortisolo ha un effetto antinfiammatorio.

Nel caso di un effetto negativo della psoriasi sulla gravidanza, la progressione della malattia in alcune donne in gravidanza porta a una nascita precoce o il bambino nasce con un peso ridotto, nel caso peggiore, un aborto spontaneo.

Succede che la gravidanza è un fattore scatenante nell'attivazione della psoriasi.

Personalmente, avevo molta paura di andare all'osservatorio dell'ospedale di maternità, dove giacciono donne con malattie infettive e senza test, dato che la maggior parte dei medici non capiva affatto cosa fosse la psoriasi, ansimava nelle mie placche rosse e aveva chiaramente paura di toccarmi per non essere infettato.

Ma per fortuna, al quinto mese di gravidanza, non c'era alcun segno di psoriasi. Persino l'illusione sembrava che forse la malattia non comparisse più, ma subito dopo la nascita è tornata la psoriasi.

Come trattare l'esacerbazione della psoriasi durante la gravidanza?

Per proteggerti dall'aggravamento della psoriasi durante la gravidanza, non dovresti trascurare la prevenzione: consulta un dentista in modo tempestivo, previene la depressione con tè alle erbe rilassanti, bagni rilassanti, yoga, passeggiate all'aperto.

Se non è possibile evitare l'esacerbazione della psoriasi, quindi quando si sceglie la terapia per condizioni moderate e gravi, è necessario seguire i seguenti principi:

  • specificare se questi farmaci vengono utilizzati durante la gravidanza,
  • valutare il danno o il beneficio dell'uso del farmaco in un determinato periodo,
  • scegli la terapia più sicura ad alta efficienza,
  • astenersi dal prendere droghe con effetti irritanti e sensibilizzanti,
  • monitorare la dinamica dello stato, in assenza di un effetto positivo, modificare la terapia.

È molto importante coordinare tutta la terapia con il proprio medico, piuttosto che utilizzare i consigli di amici e farmacisti in farmacia.

Se durante la gravidanza la malattia progredisce e le eruzioni cutanee diventano notevolmente di più, vengono prescritti pomate e creme speciali, nonché preparati interni.

Unguenti e altri farmaci per uso esterno alleviano l'infiammazione e il prurito, accelerano la rigenerazione della pelle. In caso di risultati positivi, si consiglia di utilizzare solo trattamenti locali. Se è necessario asciugare la lesione sulla pelle, vengono utilizzati preparati di zinco o talco e se la pelle è asciutta, viene ammorbidita e idratata con speciali agenti idratanti. È importante sapere che la maggior parte dei medici oggi ha rifiutato di idratare con oli, si ritiene che asciughino ancora di più la pelle.

Per saperne di più su come affrontare il prurito nella psoriasi (compresi i metodi adatti alle donne in gravidanza), puoi qui.

Per il trattamento sistemico delle donne in gravidanza con psoriasi, di norma, vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci: con effetti antinfiammatori, antipruriti e antimicrobici.

Maggiori informazioni sui farmaci per la psoriasi e sulla loro sicurezza per le donne in gravidanza sono disponibili qui..

Caratteristiche della psoriasi nelle donne in gravidanza: segni, cause, trattamento

La psoriasi non è un ostacolo alla gravidanza, al parto naturale e all'allattamento. Tuttavia, le fluttuazioni del background ormonale cambiano il decorso della malattia durante questo periodo - molte donne notano un indebolimento dei sintomi durante la gestazione e un aggravamento della patologia dopo la nascita del bambino. Anche il regime di trattamento è in fase di revisione e può differire in modo significativo dal solito.

Le cause

Circa il 40-60% delle donne con l'inizio della gravidanza riferisce un miglioramento delle loro condizioni - hanno una diminuzione del prurito, nuove placche sono assenti e le vecchie spesso scompaiono completamente. Presumibilmente, ciò è dovuto ad un aumento del numero di ormoni (in particolare, progesterone ed estrogeni), che hanno un effetto immunosoppressivo, cioè riducono l'eccessiva risposta immunitaria che provoca un'eruzione psoriasica.

Tuttavia, è anche possibile intensificare i sintomi spiacevoli causati da tali fattori:

  • Un cambiamento nel rapporto degli ormoni può provocare non solo un'esacerbazione della forma cronica della psoriasi, ma anche il suo primo aspetto, anche se accade in rari casi.
  • L'abolizione dei soliti farmaci - unguenti ormonali o farmaci sistemici che sono vietati quando si trasporta un bambino.
  • Il parto naturale è un forte shock per il corpo, dopo la nascita del bambino, fino all'80% delle donne malate nota un aumento dei sintomi della patologia.
  • Il parto attraverso il taglio cesareo - come ogni tipo di intervento chirurgico, sono stressanti e possono causare una esacerbazione della malattia.
  • Disordini: nella maggior parte dei pazienti, comprese le donne in gravidanza, i sintomi della psoriasi sono aggravati dopo lo stress emotivo e anche a causa della paura di infettare il bambino.
  • Malattie infettive - le donne in gravidanza hanno indebolito le difese immunitarie, il che rende il corpo più facile da attaccare da virus, flora batterica e fungina.
  • Intorpidimento del corpo, intossicazione: durante la gestazione è particolarmente importante monitorare le condizioni dell'intestino e del fegato, mangiare bene.
  • Carenza di vitamina D: una carenza di questa sostanza non solo influisce negativamente sull'aspetto della pelle, ma influisce anche sulla condizione delle articolazioni della madre e sulla formazione del sistema osseo del bambino.

Sintomi

Per le donne in gravidanza e in allattamento, le seguenti forme di psoriasi sono caratteristiche:

  • Comune (placca). Inizia con un'eruzione cutanea sotto forma di papule, che crescono e si fondono gradualmente, formando placche pruriginose rosa, ricoperte di squame leggere e facilmente esfolianti. Gli elementi possono verificarsi ovunque, ma sono più spesso localizzati su ginocchia e gomiti, cuoio capelluto (psoriasi seborroica). Quando sono interessate grandi aree, parlano di un processo comune o generalizzato.
  • A forma di lacrima (appuntita, post-infettiva). Si sviluppa dopo un'infezione da streptococco o stafilococco. È caratterizzato dall'aspetto sul corpo di un'eruzione multipla che ricorda le gocce.

In base al comportamento della psoriasi durante la prima gravidanza (miglioramento o peggioramento delle condizioni di una donna), è possibile prevedere lo sviluppo del processo nelle gravidanze successive.

Ciò che minaccia

L'esacerbazione della malattia durante il portamento del bambino e l'allattamento può portare a spiacevoli conseguenze:

    Psoriasi pustolosa generalizzata (impetigine erpetiforme, malattia di Tsumbush). Una forma molto rara di patologia, di solito si sviluppa nel terzo trimestre o immediatamente dopo il parto, anche nelle donne che non hanno precedentemente sofferto di psoriasi. È caratterizzato dall'aspetto multiplo di pustole - sia nelle aree con placche, sia sulla pelle pulita. Il processo può coprire fino al 90% della copertura, la fusione, l'eruzione provoca esfoliazione della pelle e la formazione di cavità aperte piene di liquido - "laghi purulenti". Le aree interessate sono caratterizzate da indolenzimento, allo stesso tempo la temperatura corporea aumenta, la composizione del sangue cambia.

Trattamento

Durante la gestazione e l'allattamento, il regime di trattamento deve essere regolato. In presenza di psoriasi, si consiglia alle donne di pianificare il concepimento, interrompendo l'assunzione di farmaci in anticipo che possono influenzare negativamente lo sviluppo del bambino o il corso della gravidanza.

Farmaco

Molti medicinali durante questo periodo sono controindicati:

  • qualsiasi steroide, anche unguenti ormonali;
  • retinoidi (analoghi della vitamina A);
  • derivati ​​della vitamina D - calcitriolo, calcipotriolo;
  • citostatici, incluso metotrexato;
  • immunosoppressori, compresi farmaci a base di anticorpi monoclonali (MAT);

Per interrompere i sintomi, vengono utilizzati i seguenti farmaci:

  • Idratanti non ormonali. Hanno anche proprietà calmanti e rigeneranti: Acrustal, Antipsoriaz, Dermalex Psoriasis, Naftaderm, Cytopsor.
  • Cheratolitici. Rimedi locali che prevengono l'eccessiva cheratinizzazione della pelle - Kartalin, Losterin, Unguento salicilico.
  • Disinfettanti. Preparati per uso esterno, detergono la pelle e prevengono l'attaccamento di infezioni batteriche e fungine - Unguento di zinco, Zinocap.
  • Enterosorbents. Oltre a Smecta ed Enterosgel, che rimuovono le tossine, vengono prescritti sorbenti che regolano l'equilibrio della microflora intestinale - Lactofiltrum. Nei casi più gravi, i contagocce sono posizionati con un hemodez.

Con un corso complesso di psoriasi, il medico può prescrivere un uso a breve termine di glucocorticoidi topici, unguenti a base di idrocortisone o prednisolone, alla donna incinta. A volte un breve ciclo dell'immunomodulatore della ciclosporina.

Fisioterapia

La scelta ottimale durante la gravidanza è la terapia climatica: frequente permanenza all'aria aperta, prendere il sole, nuotare nel mare.

Radioterapia

Le donne in gravidanza sono autorizzate a sottoporsi a procedure UV-B (UVB) - esposizione ultravioletta alla pelle dei raggi dello spettro B con onde di 280-320 nanometri di lunghezza. Per escludere l'irradiazione di una pelle sana, si consiglia di scegliere un metodo a banda stretta, con una direttività più precisa del raggio luminoso. Questo trattamento elimina il prurito e favorisce il riassorbimento delle placche..

L'uso di fotosensibilizzanti (psoraleni) è controindicato, pertanto la fotochemioterapia (PUVA) non viene eseguita. Inoltre, non è consentito un laser ad eccimeri: non sono stati condotti studi sufficienti sull'uso del dispositivo durante il parto di un bambino.

Dieta

Le regole nutrizionali per la gravidanza e l'allattamento coincidono con i principi della dieta per la psoriasi:

  • Escludere piatti grassi, salati e affumicati, tè e caffè forti, nonché allergeni: cioccolato, prodotti rossi, agrumi dalla dieta.
  • La preferenza è data a frutta e verdura, cereali, varietà a basso contenuto di grassi di carne e pesce, prodotti lattiero-caseari. Grassi animali (burro) da sostituire con verdure.
  • Meglio cuocere a vapore, bollire o cuocere i piatti. I cibi fritti devono essere scartati.
  • Bere molti liquidi ogni giorno - acqua pura, succhi freschi, tisane.

Rimedi popolari

A causa dell'incapacità di utilizzare tutti i metodi della medicina tradizionale, le donne in gravidanza ricorrono spesso a trattamenti alternativi per la psoriasi. Tali farmaci aiutano ad eliminare i sintomi della patologia: alleviano l'infiammazione e il prurito, esfoliano delicatamente le squame, riducono le dimensioni delle placche, ma richiedono una consultazione obbligatoria con un medico - se la terapia non è corretta, il decorso della malattia può peggiorare.

I più popolari sono:

  • pulendo le placche con oli vegetali - germe di grano, olivello spinoso, oliva;
  • lozioni con succo di aloe o kalanchoe, decotti di camomilla, calendula, spago, celidonia o salvia;
  • lubrificazione dell'eruzione cutanea con una soluzione di soda, catrame, sulsenovoy, sapone borico o per bucato;
  • preparazione di tisane con germogli di camomilla, iperico, achillea, betulla.

Prevenzione

La psoriasi non impedisce l'inizio della gravidanza e non influisce sulla funzione fertile delle donne. Ma ci sono raccomandazioni generali per ridurre al minimo il rischio di esacerbazione della malattia durante la gestazione:

  • Si consiglia di pianificare un bambino per un periodo in cui vi è una remissione persistente, ad esempio per l'estate, se l'esposizione naturale alle radiazioni ultraviolette aiuta a migliorare il quadro clinico.
  • Prima della gravidanza, è necessario interrompere l'assunzione di farmaci teratogeni e attendere il tempo necessario affinché il corpo si schiarisca completamente - di solito ci vogliono almeno 3 mesi.
  • Durante il periodo di gestazione e allattamento, è importante provare emozioni positive. Se un'eruzione psoriasica provoca disagio psicologico o si verifica una depressione postpartum, si consiglia di consultare uno psicoterapeuta.

Psoriasi e gravidanza


Il periodo di gravidanza è il momento più meraviglioso e memorabile nella vita di ogni donna. Il fatto che un bambino piccolo si sviluppi e cresca all'interno è accettato da una futura madre con particolare attenzione e trepidazione. Un gran numero di emozioni e preoccupazioni appaiono dal momento in cui un medico conferma la gravidanza e non si placano fino alla nascita. Naturalmente, ogni donna vuole che la gravidanza sia sicura per la salute del bambino e non venga messa in ombra da seri problemi. Nell'articolo, consideriamo i concetti di psoriasi e gravidanza e quali sono le caratteristiche del decorso della malattia in questo delicato periodo.

Non è un segreto che dare alla luce un bambino è stress per il corpo di una donna. Durante questo periodo, l'immunità si indebolisce, la futura mamma aspetta molte malattie che danneggiano la sua salute, e quindi la salute del bambino. La malattia più comune per lei può influenzare notevolmente il normale sviluppo intrauterino del bambino. Una delle malattie, la cui probabilità durante la gravidanza è piuttosto elevata, è la psoriasi. A questo proposito, le madri stanno cercando di scoprire se la psoriasi è pericolosa durante la gravidanza e, in caso affermativo, cosa minaccia il bambino con questa malattia.

Che cos'è una malattia??

La psoriasi è una malattia cutanea non infettiva cronica che è accompagnata da un'eruzione rossastra-rosa sul corpo, desquamazione e altri sintomi. Tradotto dal latino, questo termine significa prurito o scabbia. Questi sono solo i principali sintomi che compaiono per primi.

Con tale dermatosi, le cellule della pelle si dividono dieci volte più velocemente, il che porta alla perdita di connessioni intercellulari. Di conseguenza, si verifica il prurito della pelle. Di norma, le prime zone interessate da curvature sul corpo (gomiti, ginocchia) e luoghi soggetti a lesioni o attrito sono le prime ad essere colpite. Anche la psoriasi sulla testa è comune..

Non puoi prendere questi segni per un criterio diagnostico. Con forme atipiche di psoriasi, la localizzazione dell'eruzione cutanea può cambiare.

La patologia si sviluppa durante la gravidanza?

La risposta alla domanda "La psoriasi può verificarsi durante la gravidanza?" inequivocabile - "Forse". Nella pratica medica, una combinazione come "psoriasi e gravidanza" è comune. Molte rappresentanti di sesso femminile sanno cos'è la psoriasi durante la gravidanza in prima persona. È importante che questa malattia non sia contagiosa e non influenzi la gravidanza. Non può influire sul processo di gestazione e privare una donna della possibilità di avere un bambino, di diventare madre.

Numerosi studi medici confermano questo fatto e medici professionisti sostengono coraggiosamente che la malattia non influisce sulla funzione riproduttiva del corpo di una donna. Ma c'è un piccolo rischio (circa il 15-30%) che il gene affetto da questa malattia possa essere trasmesso all'erede. Se entrambi i genitori sono malati, questi rischi crescono al 60%, ma ancora in molti casi il bambino nasce senza una tendenza a questa malattia.

È impossibile non menzionare come la gravidanza influenzi la psoriasi. Nelle donne in gravidanza, procede molto più facile e più calmo rispetto ad altri pazienti. In alcuni casi, la malattia che si è sviluppata anche prima del tempo della gestazione scompare completamente, quindi i genitori si pongono la domanda "Perché la psoriasi scompare quando si verifica una gravidanza?".

Molte persone pensano che diversi tipi di patologia (lacrima, pustolosa, placca) influenzino la gravidanza in diversi modi. Dovresti sapere che gli esperti confutano questo punto di vista. L'eccezione è solo un raro tipo eritrodermico, che colpisce non singole zone, ma l'intero corpo umano. In questo caso, la malattia verrà trasmessa al bambino e potrebbe influire sul suo normale sviluppo intrauterino e sulla salute della madre.

Sintomi

Durante il periodo in cui ha un figlio, una donna è tenuta a monitorare lo stato della sua salute e del suo benessere. Poiché ogni corpo umano è individuale, varie condizioni nelle donne in gravidanza a volte possono diventare sintomi di esacerbazione della psoriasi.

I primi segni vividi della malattia possono essere i sintomi generali della normale intossicazione, vale a dire:

  • malessere;
  • diminuzione dell'appetito;
  • nausea;
  • disturbi psicologici;
  • aumento della temperatura.

Presto appare un singolo rossore sulla pelle, che provoca ansia e disagio. Successivamente, c'è un'espansione dell'area interessata e un aumento del numero di punti. Si notano spesso danni alle lamine ungueali su braccia e gambe, ingiallimento, desquamazione, arrossamento e gonfiore intorno all'unghia (psoriasi dell'unghia). C'è un cambiamento nella pelle dei palmi e dei piedi, la comparsa di crepe e arrossamenti, accompagnata da un dolore moderato.

Il motivo principale per la comparsa di questi sintomi può essere chiamato un aumento dell'ormone cortisolo, prodotto dalle ghiandole surrenali. Questa esacerbazione della psoriasi può causare parto prematuro e necessita di un trattamento immediato..

La malattia può anche svilupparsi in donne che non hanno precedentemente tollerato la malattia, a causa di cambiamenti a livello genetico o a causa di disturbi neuroendocrini.

A volte le madri confondono la psoriasi incipiente con l'herpes o l'impetigine, sebbene non vi sia alcuna connessione tra queste patologie.

Le cause

I medici non possono indicare con precisione i motivi della comparsa della malattia durante la gestazione. Circa il 10% dei pazienti ha una predisposizione genetica alla manifestazione della patologia cutanea, cioè nella loro famiglia uno o entrambi i genitori hanno sofferto di lichene squamoso. In altri casi, il fattore scatenante potrebbe essere rappresentato da situazioni stressanti di natura forte e prolungata, diabete mellito, malattie del fegato, dello stomaco, dell'intestino e persino frequenti contatti con sostanze chimiche domestiche non salutari. Se la psoriasi durante la gravidanza è apparsa per la prima volta, molto probabilmente il motivo principale è i cambiamenti a livello ormonale.

La psoriasi viene trasmessa a un bambino?

Geneticamente dimostrato che il rischio di trasmissione della malattia da madre a figlio è ridotto, ma se entrambi i genitori sono malati, aumenta significativamente al 60-70%. Il bambino nato esternamente non sarà diverso dagli altri neonati, cioè non nascerà con un'eruzione cutanea in alcune aree della pelle, ma avrà una predisposizione a questa malattia. E se in futuro appare almeno un fattore provocatorio della malattia, si farà sentire.

Pertanto, non tormentarti con domande sul fatto che sia pericoloso per il bambino, sopprimi il desiderio di diventare una madre in te stesso. Basta provare a leggere di più, studiare il forum, situazioni, recensioni, suggerimenti, foto, per essere preparati e ben informati.

Dopo la nascita, anche la psoriasi non richiede un intervento serio. E anche con la psoriasi, le madri possono allattare al seno i loro bambini.

Come già notato, la malattia durante la gravidanza è molto più semplice. In questo periodo, raramente ci sono casi in cui peggiora. Molto spesso, i pazienti riferiscono che la psoriasi è scomparsa e il prurito è sparito.

Qual è il pericolo per la madre?

La malattia descritta provoca un grande pericolo per la madre solo se non viene curata. Con una consulenza medica tempestiva e un trattamento adeguato, la psoriasi non è pericolosa.

È possibile prevenire l'esacerbazione della malattia?

Soprattutto, se una donna è a conoscenza della sua malattia, usa la pianificazione della gravidanza. Quindi, rivolgendosi all'ospedale, può informare il suo medico di questo, che ti dirà come trattare e come trattare la malattia prima della gravidanza.

Secondo i medici, nella loro pratica ci sono stati molti casi in cui le donne chiedono: "il marito ha la psoriasi, è possibile la gravidanza ed è la psoriasi pericolosa per la salute del nascituro?" Tutti i medici danno una risposta inequivocabile a queste domande, consistendo nel fatto che, se solo uno dei genitori è malato, il rischio di malattia nel bambino è trascurabile.

Metodi di trattamento di una malattia durante la gravidanza

Se una donna soffre di una malattia come la psoriasi durante la gravidanza, il trattamento per la madre non deve danneggiare il bambino. La difficoltà è che molti farmaci davvero utili devono essere abbandonati. La stessa malattia non danneggia il bambino, l'effetto sbagliato può essere portato da farmaci in gravidanza usati in modo improprio.

La psoriasi in gravidanza deve essere prescritta solo da un medico esperto e qualificato. In nessun caso dovresti ricorrere al consiglio di conoscenti, amici, parenti o recensioni discutibili da Internet. Solo il medico che ha studiato la storia medica ha preso in considerazione tutte le caratteristiche individuali del paziente, prescrive farmaci, la cui scelta è molto piccola.

Poiché la maggior parte dei farmaci sono tossici e possono causare cambiamenti mutazionali nel feto, alle donne in gravidanza è severamente vietato assumerli..

I medici consentono l'uso dei seguenti mezzi:

  • agenti idratanti e ammorbidenti per la pelle (lozioni, oli, creme);
  • Cortisone (un unguento che contiene gli ormoni della corteccia surrenale nell'uomo);
  • prodotti con effetto esfoliante (urea, acido salicilico);
  • unguenti non ormonali.

Risposte alle domande più frequenti

Più avanti nell'articolo cercheremo di scoprire le risposte alle domande che più spesso interessano le donne che si aspettano un bambino che deve affrontare una patologia cutanea.

Come trattare i rimedi popolari della psoriasi?

Esistono molti modi per trattare la patologia con rimedi popolari. Su Internet puoi trovare molti consigli su come spalmare le aree della pelle colpite, ad esempio tuorli di pollo, celidonia, succo di bacche e persino squame di pesce. Ma, nonostante il fatto che tutti i siti e i blogger si convincano dell'efficacia di questi metodi, è meglio consultare un medico esperto e in nessun caso fare automedicazione, soprattutto mentre si trasporta un bambino. Le mamme devono ricordare che ora sono responsabili non solo della loro vita, ma anche della vita del bambino che non è ancora nato.

Quali pomate sono meglio utilizzate per il trattamento?

Usa unguenti non ormonali che non contengono tossine che non danneggino il feto. Prima di utilizzare qualsiasi tipo di unguento, dovresti sempre consultare il tuo medico.

Come trattare la psoriasi sulla testa?

La psoriasi della testa viene trattata allo stesso modo della psoriasi in altre parti del corpo. I moderni prodotti farmaceutici offrono una vasta selezione di shampoo per psoriasi, creme, tonici e lozioni.

La psoriasi colpisce il feto?

Questa malattia non influisce sul feto, i farmaci più probabilmente usati sono l'effetto negativo, con cui dovresti stare attento.

Cosa è possibile dalla psoriasi durante la gravidanza?

Gli unguenti non ormonali sono usati per trattare questa malattia, meno comunemente preparati ormonali, creme idratanti (creme, unguenti, lozioni).

Video sulla psoriasi durante la gravidanza

Questo video ti permetterà di avere un quadro più chiaro della malattia durante la gravidanza..

Conclusione

Riassumendo, possiamo raccomandare a tutte le donne che soffrono di psoriasi che questa malattia non è un motivo per abbandonare la maternità. Una gravidanza calma, sana e felice con questa diagnosi è del tutto possibile. L'importante è consultare un medico in tempo, per sottoporsi a un corso efficace di trattamento.

Up