logo

La domanda se sia possibile includere nuovi prodotti nella dieta inizia a preoccupare alcuni genitori dall'età di tre mesi. Se il bambino sta allattando, aumentando di peso bene, gli alimenti complementari devono essere posticipati fino all'inizio di 6 mesi. In altri casi, la conoscenza dei prodotti è consentita in precedenza. Se gli alimenti complementari iniziano a tre mesi, è necessario prestare maggiore attenzione a ciò che il bambino mangerà..

Presentazione delle innovazioni alimentari

Il medico può prescrivere alimenti complementari a 3 mesi per un bambino allattato naturalmente al seno, secondo indicazioni speciali. Questi includono un lento aumento di peso, una mancanza di latte materno o alcune malattie del bambino, come l'anemia.

Ci sono alcune regole e regolamenti, il cui rispetto è semplicemente necessario per l'introduzione precoce degli alimenti nella dieta..

Un diagramma dettagliato ti aiuterà a capire come va la conoscenza dei nuovi prodotti..

Il nome del prodotto1o giorno2o giorno4 ° giorno5 ° giorno7 ° giornoTrentesimo giorno
Porridge¼ di cucchiainoMezzo cucchiainoUn po 'meno di un cucchiaino intero1 cucchiaino35 grammi55 grammi
Il succoUn paio di gocceMezzo cucchiaino1 cucchiaino15 ml35 ml55 ml
Purè di patateAlcune gocce1/4 cucchiainoMezzo cucchiainoUn po 'meno di un cucchiaino15 g45 g

Si raccomanda di iniziare alimenti complementari con succo per i bambini allattati al seno che non hanno problemi di peso. È meglio iniziare a dare una bevanda a mela o pera. La prima volta bastano poche gocce. Il succo non può essere somministrato nella sua forma pura, si consiglia di diluirlo con acqua in un rapporto di 1: 1. Se il corpo ha assunto la prima dose, è possibile aggiungere una porzione nei giorni seguenti.

Se il bambino è in sovrappeso, è possibile iniziare cibi complementari con purea di verdure o di frutta.

La preferenza è data ai prodotti che hanno un colore opaco. Di verdure, zucchine, cavolfiori, broccoli dovrebbero essere i primi a essere dati. Dalla frutta è meglio iniziare con una mela e una pera verdi.

Prima di cucinare le verdure, devono essere lavate, scottate con acqua bollente, semi pelati e di girasole, tagliate a fettine. Far bollire in acqua fino a quando è morbido. Non aggiungere sale e zucchero. Dopo che le verdure sono cotte, devono essere tritate. Entro la fine della settimana, il volume di purea di frutta o verdura dovrebbe essere di 50-55 grammi.

Si consiglia di introdurre i cereali nel menu di quei bambini che aggiungono lentamente grammi preziosi. Puoi dare cereali, che nella loro composizione non hanno proteine ​​del glutine. Questo componente provoca una malattia dell'intestino tenue (celiachia) e sviluppa una tendenza alle allergie. Il grano saraceno o i cereali di riso sono la scelta ideale. Devi cucinare il porridge sull'acqua.

Se il bambino ha la tendenza alla costipazione, allora non dovresti dargli piatti con riso troppo spesso, poiché questo cereale ha un effetto fissante.

Questo è un diagramma approssimativo del menu di un bambino allattato al seno che ha tre mesi.

  1. La mattina deve iniziare con il latte materno. Il bambino dovrebbe aspirare circa 200 ml. La prima colazione è alle 6 del mattino.
  2. Pranzo alle 10 circa. Il bambino viene alimentato con latte materno (180 ml) e offre succo di frutta (20 ml).
  3. Il pranzo alle 14 dovrebbe essere stretto, quindi puoi includere purè di verdure - circa 55 g, succo di frutta - 20 ml, latte materno - 120 ml.
  4. Per cena, puoi offrire purea di frutta - circa 30 ml e latte materno - 170 ml.
  5. Prima di andare a letto (22 ore), devi assolutamente mettere il bambino sul petto. Non è necessario nutrire il bambino in questo momento della giornata con qualcosa di diverso dal latte materno.

Un bambino di 3 mesi potrebbe aver bisogno di essere nutrito più di cinque volte al giorno, in particolare uno che è allattato al seno. E quasi tutti i bambini si svegliano per l'alimentazione notturna e più di una volta.

Un bambino allattato al seno a questa età è difficile abituarsi al cibo per adulti. Confronta tutti i prodotti con il latte materno. Non puoi costringerlo a mangiare o rinunciare immediatamente in caso di fallimento.

Ad esempio, il primo giorno puoi dare una goccia di succo. Il secondo giorno, puoi aumentare la quantità di succo a due gocce. Il terzo giorno, il cibo diventerà familiare e sarà meno probabile che venga rifiutato dal bambino. Se ciò non accade, puoi dare qualche goccia ancora qualche giorno.

Suggerimenti e avvertenze

L'introduzione di alimenti complementari prima dei 5 mesi è classificata come precoce. Non puoi decidere nulla da solo. Il medico ti dirà se è necessario conoscere il cibo per adulti. Inoltre, ti dirà con quale prodotto iniziare a nutrire un bambino che sta allattando. Il medico considera:

  • l'età del bambino (dovrebbe avere 3 mesi);
  • tipo di alimentazione (artificiale o naturale);
  • l'interesse del bambino per il cibo che è nel piatto negli adulti;
  • il bambino non respinge il cucchiaio se lo porti in bocca;
  • dopo l'allattamento al seno, non si verifica saturazione e il bambino desidera integratori;
  • la salute del bambino.

L'allattamento al seno non dovrebbe andare di lato. Il latte materno non deve essere scartato, anche se non abbastanza. Devi fare ogni sforzo per stabilire l'allattamento..

La mamma dovrebbe allattare il più a lungo possibile. Il latte materno contiene tutti i nutrienti necessari per il pieno sviluppo del bambino e anticorpi che proteggono il suo corpo da varie infezioni.

Al momento dell'introduzione di alimenti complementari, la mamma dovrebbe prendere in considerazione alcuni punti.

  • Dopo l'introduzione del prodotto, è necessario monitorare le condizioni del bambino. La reazione può apparire non solo il primo giorno, ma anche il terzo all'aumentare del volume del prodotto..
  • Il primo corso deve essere monocomponente. Non puoi alimentare contemporaneamente diversi nuovi prodotti..
  • In media, ci vogliono 7-10 giorni per un mese intero per conoscere un nuovo prodotto..
  • La consistenza del piatto dovrebbe essere il più vicino possibile al latte materno.
  • Devi nutrirti con un cucchiaio. Non dovrebbe essere in metallo e piccolo. Tale alimentazione garantirà lo sviluppo delle capacità di masticazione e deglutizione..
  • Non è possibile introdurre alimenti complementari se il bambino è malato, cattivo o vaccinato.
  • La conoscenza di un nuovo prodotto dovrebbe essere effettuata al mattino, in modo che ci siano più opportunità di osservare il comportamento e le condizioni del bambino.

È vietato dare a un bambino di 3 mesi frutti di mare, verdure e frutta di colore brillante, in particolare rosso (pomodori, lamponi, mele rosse). Non somministrare latte di mucca e capra, nonché uova di gallina o di quaglia.

Difficile da percepire dal sistema digestivo saranno anche prodotti come carne, ricotta e altri prodotti caseari.

Una reazione indesiderata da parte del corpo del bambino può verificarsi come segue:

  • sgabello turbato;
  • malattie infiammatorie dell'apparato digerente;
  • la comparsa di un'eruzione cutanea;
  • rigurgito frequente e abbondante;
  • il bambino può sperimentare coliche e aumento della formazione di gas nell'addome;
  • l'immunità diminuisce e aumenta la suscettibilità alle malattie infettive;
  • una tendenza alle reazioni allergiche in età avanzata;
  • la mancata osservanza della corretta tecnica di alimentazione può portare a un bambino che soffoca o soffoca;
  • cibi complementari portano ad una diminuzione dell'appetito.

A tre mesi, è necessario seguire le regole per introdurre alimenti complementari nella dieta dei neonati. Il suo sistema digestivo non è completamente formato, manca degli enzimi necessari che distruggerebbero il cibo. La mamma ha bisogno di provare in modo che tutto vada per il meglio..

Come presentare correttamente la prima esca

Informazione Generale

La domanda su come viene introdotta la prima poppata al bambino in un determinato periodo è molto importante per ogni madre. Le informazioni su come avviene l'introduzione della prima poppata del bambino sono molto diverse. Inoltre, le informazioni su Internet sono sostanzialmente diverse da quelle di cui parlano gli anziani..

Ma non importa quante raccomandazioni riceve una giovane madre, è importante che la prima poppata del bambino sia introdotta nel modo più corretto possibile. Ecco perché devi familiarizzare con quei consigli che ti consentono di ottenere risposte alle domande più importanti. Ad esempio, a quale età puoi dare acqua a un bambino, quanti mesi puoi dare la ricotta e simili.

Ogni madre ha bisogno di familiarizzare con queste informazioni in dettaglio in modo da poter fornire al bambino l'alimentazione, che verrà introdotta correttamente. Questo, a sua volta, garantirà che sia il bambino allattato al seno che il bambino artificiale avranno il giusto sistema digestivo.

Le prime esche per l'allattamento al seno, regole generali

Le giovani madri hanno sempre molte domande su come amministrare correttamente l'alimentazione supplementare, se è necessario somministrare acqua, ecc. Prima di tutto, è importante considerare che con l'allattamento al seno completo, cioè se la madre mantiene il programma di alimentazione, il bambino sta crescendo attivamente, alimentando prima di sei mesi il bambino non ha bisogno.

A volte le madri, credendo che il bambino non stia assumendo abbastanza latte materno, iniziano a nutrirsi con la miscela. Tuttavia, la maggior parte dei pediatri, incluso Komarovsky, ritiene che non sia necessario nutrire i bambini ben sviluppati. Quando dare la miscela in aggiunta e se dovrebbe essere fatto, è meglio chiedere al pediatra.

Come praticare l'introduzione di un nuovo prodotto, ogni madre aiuterà a comprendere la tabella o lo schema per l'introduzione di alimenti complementari durante l'allattamento. Questa tabella descrive chiaramente quando introdurre alimenti complementari per l'allattamento al seno per mesi e quali alimenti dovrebbero essere somministrati in un momento specifico.

Tuttavia, l'inizio del processo di introduzione di alimenti complementari solleva molte domande su come e quando iniziare a dare a un bambino un prodotto specifico. Ad esempio, il cavolfiore o il porridge di mais sono il prodotto "giusto" per iniziare l'alimentazione, è possibile dare prugne secche a un bambino di sei mesi, quando dare acqua a un neonato, ecc..

Idealmente, ogni madre non dovrebbe solo studiare letteratura, ma anche consultare regolarmente un pediatra. È lui che risponderà chiaramente alle domande sulla possibilità di avere la zucca per l'epatite B, se è possibile per i broccoli, ecc. E regolerà anche lo schema di alimentazione che si intende praticare..

Quando introdurre alimenti complementari per i bambini?

Ci sono molti consigli su quando iniziare ad allattare un bambino. E secondo l'esperienza delle nonne, l'inizio dell'alimentazione dovrebbe essere effettuato il prima possibile.

Tuttavia, tutte le domande che infastidiscono la giovane madre su quanti mesi puoi nutrire il tuo bambino e su cosa vale la pena iniziare a dargli da mangiare, devi prima chiedere al medico dei bambini.

In effetti, negli ultimi anni, l'approccio a quanto iniziare a nutrire un bambino, dove iniziare meglio, è cambiato in modo significativo. E se le nonne moderne per la maggior parte sono davvero dell'opinione che, per esempio, il porridge per bambini a tre mesi o la ricotta per un bambino di 4 mesi, questo è normale, allora i medici credono diversamente.

Tutti gli studi scientifici condotti da scienziati e medici moderni confermano che la risposta alla domanda su a quale età un bambino può essere nutrito è la seguente: se si pratica solo l'allattamento al seno, il bambino dovrebbe essere nutrito non prima di 6 mesi. Esistono raccomandazioni simili riguardo a quanti mesi puoi nutrire un bambino che sta crescendo con un'alimentazione artificiale: a questi bambini vengono dati alimenti complementari un mese prima, ma è anche possibile iniziare a conoscere alimenti "per adulti" da 6 mesi.

È molto importante considerare tutte le sfumature: cosa, quando, quanto dare al bambino. Se l'età del bambino si avvicina a sei mesi, dovresti porre al medico tutte le domande pertinenti: quando dare il tuorlo, introdurre le patate. È altrettanto importante sapere quando introdurre la carne nel cibo del bambino e con quale carne iniziare. Al fine di condurre correttamente il processo di introduzione di alimenti complementari e apprendere tutto sulle sue caratteristiche, i genitori sono anche incoraggiati a studiare letteratura moderna speciale..

Perché l'esca non dovrebbe essere somministrata prima?

I genitori che vogliono prendere in considerazione tutte le importanti regole dell'alimentazione complementare dovrebbero capire che per i bambini di età inferiore ai 6 mesi qualsiasi alimento diverso dal latte materno o dalla formula artificiale non è solo non salutare, ma anche dannoso.

L'introduzione dell'alimentazione infantile non viene effettuata prima, poiché il bambino non ha gli enzimi necessari per digerire nuovi tipi di alimenti fino a sei mesi. Pertanto, se le regole vengono violate e il bambino riceve determinati alimenti prima (anche se si tratta di zucca o altri alimenti “leggeri”), non verrà assorbito e non porterà benefici al corpo. E se il cibo non verrà digerito, allora un carico grave sul corpo è inevitabile e anche piccole quantità di cibo creeranno un carico. Ecco perché la procedura per l'introduzione di alimenti complementari secondo Komarovsky, nonché sulle raccomandazioni di altri specialisti, prevede una certa sequenza di introduzione di verdure e altri prodotti.

Quando e come iniziare correttamente dipende da cosa mangia il bambino. La prima alimentazione durante l'alimentazione artificiale viene introdotta un po 'prima a causa del fatto che i sistemi enzimatici in questi bambini maturano un po' prima. C'è una tabella speciale per l'introduzione di alimenti complementari durante l'alimentazione artificiale, che può facilitare notevolmente l'introduzione di nuovi alimenti. Tuttavia, ci sono alcune raccomandazioni generali non solo su quando iniziare, ma anche su come inserirlo correttamente: il regime di somministrazione prevede che ogni nuovo alimento venga iniziato a essere somministrato a un bambino in una quantità di 5 g al giorno. A poco a poco, la quantità di cibo aumenta, di norma, ogni giorno, per una settimana, e di conseguenza viene portato a 100 o 150 g.

Tuttavia, si consiglia comunque di consultare il proprio medico a quale età esattamente per introdurre nuovi alimenti e quando introdurre questo o quel prodotto con l'alimentazione artificiale.

Si consiglia di introdurre alimenti complementari con alimentazione mista, nonché con alimentazione artificiale - da circa cinque mesi. L'introduzione corretta con l'alimentazione mista prevede che inizialmente al bambino venga somministrato uno dei tipi di verdure e per 1-2 settimane ogni giorno aumenti il ​​numero di grammi di alimenti.

C'è una tabella di alimentazione speciale per i bambini allattati al seno, allattati al seno o misti. Si suppone che abbia uno schema speciale per l'introduzione di alimenti complementari, ci sono informazioni su dove iniziare, ecc. Schemi simili su come viene introdotta l'integrazione sono suggeriti dal Dr. Komarovsky e altri specialisti..

Lettino da allattamento per bambini su seno e allattamento artificiale

Età (mesi)Prodotti
6Broccoli, cavolfiori, carote, zucchine, zucca.
7Porridge: mais, riso, grano saraceno. Il porridge deve essere privo di latticini.
8Carne: coniglio, tacchino, pollo, vitello, agnello. Patate, tuorlo.
9Prodotti a base di latte acido: ricotta, kefir.
10Frutta: prugne, pera, mela.

La moderna tabella dell'introduzione di alimenti complementari da parte dell'OMS (per età del bambino)

Età del bambino678910undici12
Purea di fruttaCompilato da: Marina Stepanyuk - farmacista, giornalista medica Specialità: farmacista altro

Istruzione: laureato presso il Rivne State Basic Medical College con una laurea in Farmacia. Si è laureata alla Vinnitsa State Medical University. M.I. Pirogov e uno stage basato su di esso.

Esperienza lavorativa: dal 2003 al 2013 - ha lavorato come farmacista e manager di un chiosco farmacia. Ha ricevuto lettere e riconoscimenti per molti anni di lavoro coscienzioso. Articoli su argomenti medici sono stati pubblicati su pubblicazioni locali (giornali) e su vari portali Internet.

Commenti

Sì, e ho appena iniziato con broccoli e zucchine. A Heinz piaceva di più, sebbene ne provassero di diversi. Più simile al naturale, sia nella composizione che nel gusto)))

Prima di fornire informazioni alle masse, è necessario verificarne la pertinenza e i risultati di recenti studi nel campo della pediatria. Che tuorlo. In precedenza, veniva anche fornito olio di pesce. Il tuorlo era l'unica fonte di vitamina D. Al fine di evitare lo sviluppo del rachitismo, nonostante il rischio di una reazione allergica, è stato introdotto il tuorlo. Al giorno d'oggi, la vitamina D è disponibile e quasi ogni mamma ha uno smartphone con l'app Meteo, dove è possibile monitorare l'indice UV.

Fino a 4 mesi non abbiamo pensato agli alimenti complementari, abbiamo fatto artificiale) Stavamo usando miscele materne israeliane e in seguito ci è stato consigliato di pensare agli alimenti complementari, abbiamo porridge e purè di patate. Quindi alla fine di sei mesi abbiamo conosciuto la purea di mele, il riso e il porridge di mais)) Ci hanno parlato anche della composta, ci hanno dato un'ottima ricetta, quindi a volte impastano il porridge sulla composta - non puoi strappare via il bambino. Da 10 mesi abbiamo già testato 6 diversi tipi di cereali, soprattutto adoriamo la farina d'avena con frutta e una miscela di cereali)) Consiglio a tutti di mangiare questa azienda, sono sicuro della qualità lì! Se in estate puoi cucinare tu stesso le patate, poi in inverno tutti i frutti sono OGM solidi e ci fidiamo delle cose della madre) Controllato! Noi raccomandiamo!

Alimentazione complementare da 3 mesi

Gli alimenti complementari sono possibili a partire da 3 mesi? Come iniziare alimenti complementari in 3 mesi?
La questione della prima alimentazione preoccupa probabilmente ogni nuovo genitore. Chi non vuole introdurre rapidamente il suo bambino al cibo per adulti? Sembra ai genitori che grazie a questa nuova fase della sua vita, il bambino inizierà a crescere più velocemente, avrà più successo nei suoi piccoli risultati, sarà più sano. Ma vale la fretta? Le opinioni differiscono su questo tema. Molte madri, insieme alla maggior parte dei pediatri, credono che l'alimentazione precoce non solo non sia necessaria per il bambino, ma possa anche essere pericolosa per la sua salute. Altri, sulla base del consiglio di conoscenti o parenti, o di trovare tali informazioni negli spazi aperti della rete, decidono che per il loro bambino sono necessari alimenti complementari dai tre mesi.

I benefici degli alimenti complementari

Quali sono i benefici degli alimenti complementari da 3 mesi e se è possibile. Non è un segreto che tutti i bambini siano diversi. Ognuno è nato e cresce nella sua famiglia con i suoi ordini e principi e con la sua innata immunità. In una famiglia, gli adulti non pensano a ciò che mangiano: una mela non lavata o una pagnotta caduta. Sanno che non avranno conseguenze da ciò, e così è. In un'altra famiglia, un adulto con un sistema immunitario indebolito può prendere un disturbo, anche dopo aver lavato la frutta con acqua bollita. In tali famiglie con una buona immunità, i bambini sono più adatti alle influenze esterne e il loro corpo è pronto a prendere succo di mela, purè di patate e fettine di banana dai 3 mesi. Ma molto probabilmente, ai nostri giorni, tali situazioni sono l'eccezione piuttosto che la regola..

Quando è necessaria l'alimentazione anticipata

Per i bambini che non ricevono abbastanza micronutrienti e vitamine a causa della mancanza di latte materno, i medici prematuri prescrivono ai medici di iniziare gradualmente l'alimentazione dopo 3 mesi. Iniziare questi alimenti complementari non dovrebbe essere con succhi di frutta e purè di patate (ricorda, durante l'era sovietica era considerato corretto dare ai bambini da 2 settimane una goccia di succo di frutta), ma con cereali molto liquidi, nonché purea di verdure e succhi di frutta. Inoltre, all'inizio vengono offerte briciole non più di un quarto di cucchiaino, aumentando gradualmente la dose. Per evitare problemi digestivi e per verificare la presenza di reazioni allergiche, gli alimenti complementari iniziano con un solo prodotto e il passaggio al successivo è possibile solo dopo pochi giorni. Ma, ancora una volta, tali alimenti complementari sono possibili solo su raccomandazione dei medici e in casi speciali.

Contro di alimenti complementari da 3 mesi.

Sono ovvi. La maggior parte dei medici concorda sul fatto che gli alimenti complementari ad esordio precoce influenzano negativamente il funzionamento del tratto gastrointestinale. Dopotutto, è noto che proprio a questa età, i bambini di solito soffrono di coliche, nonostante abbiano già un alimento familiare: il latte materno o le miscele artificiali. Il loro corpo si sta abituando a questo cibo e non è pronto per elaborarne altri. Pertanto, con un inizio precoce dell'alimentazione, sono abbastanza probabili problemi di digestione, che possono verificarsi sia immediatamente che in età avanzata. Quindi, prima di iniziare alimenti complementari da 3 mesi, pensa se vale la pena rischiare la salute del bambino o è meglio aspettare uno o due mesi e introdurre nuovi alimenti su raccomandazione dei medici e senza rischi per il sistema digestivo del bambino. Il latte materno era e rimane per un bambino di tre mesi il miglior cibo, fornendo tutte le vitamine e i minerali necessari e saturandolo completamente.
L'alimentazione complementare da 3 mesi non è giustificata dalla maggior parte dei pediatri. A loro avviso, è più probabile che danneggi la salute del bambino. È possibile solo su indicazioni speciali e sotto la supervisione di medici..

Cosa può essere un bambino in 3 mesi

Spesso i genitori cercano di introdurre il cibo per adulti al proprio figlio il più presto possibile. Allo stesso tempo, la prontezza del corpo per i nuovi prodotti e bevande non viene presa in considerazione. Quando si decide di introdurre alimenti complementari precoci, è importante scoprire cosa può avere il bambino di 3 mesi se il rifornimento precoce del menu lo danneggerà.

Da quale età introdurre alimenti complementari

Ci sono 2 opinioni opposte su quando iniziare cibi complementari..

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda di nutrire i neonati esclusivamente con latte materno fino a 6 mesi.

Per i bambini nutriti con una miscela, il tempo di alimentazione arriva in 4,5 mesi. La maggior parte dei pediatri condivide questa opinione..

Il mix e il latte materno sono l'unica cosa di cui i bambini di tre mesi hanno bisogno.

Tale alimentazione rimane di base anche dopo l'alimentazione complementare ed è consigliabile mantenerla fino a quando il bambino ha 12 mesi..

In futuro, i genitori decideranno sulla conservazione dell'allattamento al seno e sulla miscela nel menu del bambino.

All'età di 3 mesi, la miscela e il latte materno sono abbastanza capaci di dare al corpo tutto il necessario per la normale crescita e sviluppo.

Gli esperti sottolineano che altri prodotti non sono solo non necessari, ma possono anche danneggiare il bambino. Dopotutto, il suo tratto digestivo è ancora sottosviluppato e semplicemente non pronto per nuovi piatti.

D'altra parte, alcuni decenni fa, la maggior parte dei genitori ha iniziato cibi complementari con succhi di frutta a 3 mesi.

Le nonne, in base alla loro esperienza, affermano che con un tale regime alimentare, i bambini sani sono stati allevati. Tutti i bambini sono individuali..

Qualcuno può davvero percepire nuovi cibi normalmente grazie a un sistema digestivo ben formato.

Forse una piccola parte del succo non causerà conseguenze. Ne vale la pena correre e rischiare la salute del bambino, decidono i genitori.

Qual è il pericolo di allattamento precoce

Tuttavia, la conoscenza precoce di succhi e altri prodotti può causare seri problemi. Ecco alcune delle conseguenze più probabili..

Allergia

Eruzioni cutanee, prurito, desquamazione della pelle e altre manifestazioni di una reazione allergica possono comparire a causa dell'immunità debole e di un sistema digestivo non sviluppato.

Gli enzimi mancano ancora nell'intestino del bambino per assorbire il cibo per adulti.

Se dopo le allergie i genitori continuano a dare al bambino il prodotto che lo ha causato, possono comparire complicazioni..

Tra questi ci sono la dermatite atopica e l'asma bronchiale..

Disordini gastrointestinali

Gli errori possono verificarsi in diversi modi. Da feci e dolori addominali a frequenti sputi e vomito.

Interruzioni nel lavoro degli organi interni

Il pancreas, i reni, il fegato e altri organi digestivi sono soggetti a stress eccessivo..

Di conseguenza, il bambino può avere la gastrite. A volte la malattia si manifesta nel corso degli anni, quindi i genitori non la associano all'alimentazione precoce..

Malnutrizione

A causa del cibo per adulti, in particolare di purea di frutta, il bambino può smettere di mangiare la quantità prescritta di latte o miscela.

Avrà un'immaginaria sensazione di sazietà..

Allo stesso tempo, le sostanze insufficientemente utili entreranno nel corpo. Questo potrebbe rallentarne lo sviluppo..

Come guidare l'esca anticipata

Se i genitori decidono ancora di presentare al bambino alimenti complementari a 3 mesi, è importante farlo nel modo giusto.

È meglio consultare un pediatra prima. Il medico può supportare questa decisione se il bambino ha rachitismo o anemia..

È importante dare al tuo bambino le porzioni minime.

Inizialmente, il nuovo cibo non dovrebbe saturarlo, ma preparare il corpo solo per ulteriori conoscenze con il cibo per adulti.

È inaccettabile dare subito al bambino una porzione di succo. Devi iniziare con alcune gocce.

Se la madre ha preparato il porridge, per la prima volta al bambino può essere offerto non più di un quarto di cucchiaino da tè.

Non puoi offrire più prodotti contemporaneamente. Meglio resistere a un intervallo da 3 a 7 giorni.

A 3 mesi, i bambini non hanno ancora i denti, quindi tutti i piatti dovrebbero avere una consistenza liquida.

In nessun caso dovresti dare pezzi di cibo. Il bambino può soffocare.

A questa età, il rischio di allergie è superiore a 5-6 mesi, quindi è necessario monitorare attentamente la reazione ai nuovi prodotti.

Con la comparsa di un'eruzione cutanea, disturbi delle feci, frequenti sputi, è meglio rimandare l'introduzione di alimenti complementari per almeno 2 settimane.

Da dove iniziare l'esca

È meglio iniziare con i succhi. Sono utili, più facili da digerire e hanno una forma liquida..

È meglio offrirli dopo l'alimentazione, in modo che il bambino abbia mangiato l'intera norma del latte materno o della miscela. Posso acquistare succhi pronti o cucinarli da solo.

All'inizio, puoi diluire il succo con acqua da 1 a 1.

A 3 mesi, non è consigliabile dare latte ai bambini. I latticini vengono assorbiti a lungo e spesso provocano una reazione negativa.

Cosa può mangiare e bere un bambino a 3 mesi

Delle bevande, è preferito il succo di mela. Le mele verdi sono ipoallergeniche. Ma il succo di frutti rossi può causare allergie, coliche, fermentazione nell'intestino.

Se il bambino ha ricevuto bene la prima porzione di succo, è possibile aumentarla gradualmente.

Tuttavia, non deve superare i 30 ml al giorno. Se il bambino si nutre artificialmente, anche con l'apparenza di succo, deve essere drogato con acqua.

Dopo che il bambino si sente a suo agio con il succo di mela, puoi introdurlo a nuovi gusti.

Va ricordato le proprietà di varie bevande. Quindi il succo di melograno, ciliegia e ribes nero ha un effetto rassodante.

E bevande da prugne, barbabietole, cavoli - un lassativo. Puoi offrire il succo di carota baby. Ha molto carotene utile per il corpo.

Tuttavia, dovrebbe essere somministrato in quantità minima e non tutti i giorni in modo che la pelle del bambino non diventi gialla.

Dietro il succo offrono purea di frutta. È inaccettabile includere gli agrumi nella dieta del bambino. Puoi dare una purea di mela verde.

In questo caso, deve essere sottoposto a trattamento termico.

I genitori non dovrebbero precipitarsi in cibi complementari. Il bambino avrà il tempo di conoscere nuovi piatti e di abituarsi a loro dopo alcuni mesi.

Se ci sono indicazioni speciali o non vedi l'ora di conoscere il bambino con nuovi gusti, è importante considerare tutti i rischi in modo che gli alimenti complementari non danneggino il bambino.

Up