logo

Il parto è sempre stress per il corpo femminile. Ma passano diverse settimane, mesi e il corpo della giovane madre inizia ad adattarsi gradualmente alle nuove condizioni. Si sta stabilendo l'allattamento, si sta costruendo un modo di vivere fondamentalmente nuovo. E la madre appena coniata pensa: quando dopo il parto le mestruazioni iniziano con l'allattamento. Dopo tutto, le mestruazioni sono una compagna costante delle donne in età fertile.

Amenorrea lattazionale

Il parto è sempre accompagnato da un processo di rigetto della placenta. Questa è una cosa molto "sanguinosa", perché provoca danni ai capillari. Il sanguinamento dopo la separazione della placenta può durare un mese intero e anche la metà. Tali secrezioni sono chiamate ventose. Il ciclo mestruale non ha nulla a che fare con questo, questo fenomeno è un ordine completamente diverso. Quanti periodi completi iniziano?

Nei primi momenti dopo la nascita di un bambino, il corpo femminile inizia a produrre prolattina. Il ruolo principale nella produzione dell'ormone è svolto dalla ghiandola pituitaria, la parte del cervello. È la prolattina che è responsabile dello sviluppo del primo alimento del bambino: il latte materno. E inibisce anche l'inizio delle mestruazioni (blocca la maturazione dei follicoli durante l'allattamento). Questo periodo di riposo del sistema riproduttivo femminile è chiamato amenorrea postpartum o amenorrea lattazionale. Questo fenomeno si osserva in tutte le donne che allattano non in orario, ma su richiesta. Quanto dura l'amenorrea dipende da diversi fattori:

  • caratteristiche di una donna particolare;
  • la durata e la frequenza del processo di alimentazione di un bambino.

È l'allattamento al seno che colpisce la ghiandola pituitaria per iniziare a produrre prolattina. Ma dopo tutto, dipende da questo ormone quanti mesi dopo la nascita, le mestruazioni iniziano con la Guinea. Se la madre inizia ad applicare il bambino al torace meno spesso 7-8 volte al giorno, i livelli di prolattina iniziano a diminuire. Di conseguenza, l'inizio delle mestruazioni sta diventando più probabile.

Quando inizieranno le mestruazioni

Mesi dopo il parto con l'allattamento al seno - quando iniziano? Tutto dipende dalla complessità del sistema ormonale di una donna in particolare. E anche dalle caratteristiche del GV, che lei pratica. La madre si nutre spesso (quando il bambino lo desidera) o raramente (secondo il regime)? Il bambino beve acqua? Si nutre di una miscela? Tutti questi punti influenzano la durata della prima mestruazione..

Quindi quando iniziano? Ecco le opzioni:

Un mese dopo la consegna A volte lochia, invece di fermarsi, entro la fine di 30 giorni inizia a distinguersi con maggiore forza. Questo fenomeno è spesso preso dalle donne per le prime mestruazioni. Tali casi sono molto rari, ma si trovano comunque nella pratica medica..

Tra due, due mesi e mezzo. Se una donna trasferisce immediatamente il bambino nella miscela, quindi con l'alimentazione artificiale, i periodi arrivano rapidamente.

Tra tre o quattro mesi. Le mestruazioni con GV dopo quattro mesi sono la norma e parlano del buon lavoro della ghiandola pituitaria di una madre che allatta. Inoltre, questa situazione si verifica quando la madre trasferisce il bambino in alimenti misti, cioè il bambino mangia la miscela e il latte materno contemporaneamente o quando l'allattamento al seno crolla completamente.

6-8 mesi dopo. Il periodo di tempo più comune in cui si osserva la ripresa delle mestruazioni con le guardie. La maggior parte dei bambini assume cibi complementari, quindi chiedono il seno molto meno spesso, principalmente prima di coricarsi. L'allattamento inizia gradualmente a diminuire, il livello degli ormoni tende ai precedenti indicatori "pre-gravidanza". Gli omoni sessuali stimolano la produzione di uova e provocano le mestruazioni durante l'allattamento.

Quando il bambino compie un anno. Molte mamme di "Godastiks" iniziano i loro periodi, anche se l'allattamento continua per intero.

Succede che le mestruazioni non si verificano fino al completamento completo dell'allattamento con l'allattamento al seno prolungato (un anno e mezzo o più). E inizia un paio di mesi dopo l'ultima applicazione.

E tutte queste situazioni sono assolutamente normali..

Quindi, quando iniziano le mestruazioni durante l'allattamento dopo il parto? Non esiste una risposta corretta e inequivocabile. Tutto dipende dalla complessità della lattazione e dal corpo femminile.

In che modo le mestruazioni influiscono sull'allattamento

Durante le mestruazioni, alcune madri possono ritenere che la quantità di latte sia leggermente diminuita. Il bambino al seno della madre a volte diventa nervoso, perché il latte scorre più lentamente del solito. Fortunatamente, questo declino non dura a lungo - letteralmente i primi 2-3 giorni dopo l'inizio del primo periodo mestruale dopo il parto.

In futuro, la quantità di latte torna alla normalità e l'allattamento sta migliorando. Per la maggior parte dei bambini, tuttavia, tali cambiamenti possono passare completamente inosservati. Di norma, al momento dell'inizio della prima mestruazione, il bambino è piuttosto vecchio ed è alimentato in modo complementare. Ciò compensa il bambino per una certa carenza di latte materno..

Alcuni esperti sono propensi a credere che le mestruazioni influenzino indirettamente l'appetibilità del latte materno, motivo per cui il bambino rifiuta di allattare. Tuttavia, non ci sono dati confermati su questo - secondo la maggior parte dei medici, le mestruazioni non influenzano in alcun modo il gusto e l'odore del latte materno. Pertanto, la causa dell'ansia del bambino nel seno della madre non è associata all'insorgenza delle mestruazioni, ma è causata da altre cause.

Le prime mestruazioni con gv - cosa sono

I primi periodi mestruali dopo il parto durante l'allattamento possono essere qualsiasi - abbondanti o deboli, prolungati o di due giorni. Tutto questo è normale. Dovresti essere prudente solo se lo scarico è troppo abbondante, simile al sanguinamento uterino, o se il ritardo dura più di tre settimane.

Anche la durata del ciclo sui ripari non viene impostata immediatamente. L'impostazione del ciclo mestruale è una questione puramente individuale. In genere, il ciclo ritorna normale 3-4 mesi dopo il completamento dell'allattamento. Ma se la madre che allatta ha avuto un ciclo irregolare prima della gravidanza, potrebbe riscontrare problemi simili anche dopo la fine della poppata. Le caratteristiche del processo di nascita (parto naturale o taglio cesareo) in una situazione in cui si stabiliscono le mestruazioni non svolgono un ruolo.

Molte ragazze prestano attenzione al fatto che le mestruazioni durante l'allattamento non sono diventate così dolorose come prima: lo stomaco non fa più male, lo stato generale di salute è cambiato. Forse il motivo è che l'utero, piegato prima della gravidanza, ha assunto una posizione normale dopo il parto. Inoltre, alcune madri notano che il ciclo mestruale è diventato un po 'più breve del solito.

Quando hai bisogno di vedere un dottore

E sebbene l'inizio delle mestruazioni sia un processo molto individuale, in alcuni casi dovresti sembrare al ginecologo:

  • Quando la madre si rifiutò di allattare e le mestruazioni non iniziarono 4 mesi dopo la nascita. Questa situazione può essere causata da problemi nel sistema genito-urinario..
  • Se hai disattivato l'allattamento al seno, ma non ci sono stati né periodi né periodi. Aspetta un paio di mesi e vai dal dottore. Ciò può indicare endometriosi, infiammazione "sul lato femminile" o (più spesso) disturbi ormonali nel corpo.
  • Le mestruazioni durante l'allattamento sono insolitamente abbondanti, devi indossare una "notte" sdraiata nel pomeriggio e persino completarla con un tampone.
  • L'individuazione ha un odore sgradevole. Questo può segnalare infezioni del sistema genito-urinario..
  • Il dolore grave non abituale nell'addome inferiore è inquietante. In una situazione del genere, dovresti sempre andare urgentemente dal ginecologo e non importa se è successo o no.

Molte madri credono che sia impossibile rimanere incinta durante l'allattamento, perché l'uovo non matura nel corpo. Alleviato da questo fatto, le giovani madri non ritengono necessario usare ulteriori contraccettivi. Tuttavia, è stato scientificamente provato (e confermato dalla pratica) che la gravidanza durante l'allattamento in assenza di mestruazioni è del tutto possibile. La prova di ciò sono molti casi, a seguito dei quali il tempo del bambino è apparso in famiglia.

Le mestruazioni sono iniziate - il latte sta andando via?

Se il periodo è iniziato durante l'allattamento, ciò non significa affatto che non ci sarà più latte ed è tempo di trasferire il bambino nella miscela. La quantità di latte materno dipende poco dalle mestruazioni. Di conseguenza, una madre può nutrire il suo bambino fino a quando non ritenga necessario rannicchiarsi o fino a quando il latte scompare spontaneamente. Il ciclo mestruale non ha nulla a che fare con questo processo..

Le mestruazioni segnalano che il sistema riproduttivo è in ordine. La presenza di secrezioni indica la possibilità per una donna di avere figli, è per loro che le ragazze predicono molti processi nel corpo (ad esempio l'inizio dell'ovulazione). Allo stesso tempo, è inutile indovinare quando la prima mestruazione dovrebbe iniziare dopo il parto. Una giovane madre dovrebbe rilassarsi e godersi il processo di allattamento. La natura si prenderà cura degli altri processi fisiologici del corpo femminile.

Gravidanza - mestruazioni dopo il parto

La gravidanza è il periodo più importante nella vita di ogni donna. In questo momento, le donne incinte sono interessate a molte domande: come mangiare, quale attività fisica è consentita, è possibile fare sesso, ecc..

Dopo il parto, la situazione cambia un po '. La donna inizia a preoccuparsi del neonato e della sua stessa salute. Ad esempio, uno di questi - quando le mestruazioni iniziano dopo il parto.

La risposta a questa domanda dovrebbe essere nota a tutte le future mamme. Quindi sarà più facile determinare quali cambiamenti nel corpo femminile sono normali e quali indicano anomalie e richiedono cure mediche.

Periodo di recupero dopo le mestruazioni

Dopo il concepimento, la funzione mestruale è "disabilitata". Per 9 mesi, una donna non è disturbata dai giorni critici. La loro assenza è associata a un cambiamento nei livelli ormonali. Solo dopo il parto il corpo inizia a riprendersi: lo sfondo ormonale ritorna normale e le mestruazioni ricominciano.
Non esiste un periodo di tempo specifico dopo il quale le mestruazioni possono iniziare dopo il parto. Il tempo della sua insorgenza per ogni donna individualmente. Nella maggior parte dei casi, le mestruazioni iniziano dopo il completamento dell'allattamento al seno. Ciò è dovuto al fatto che durante l'allattamento nella ghiandola pituitaria viene prodotto un ormone chiamato prolattina.

Non solo controlla la produzione di latte, ma inibisce anche il funzionamento delle ovaie. Questa è la ragione della mancanza di un normale ciclo mestruale. Se l'allattamento al seno continua per lungo tempo e l'alimentazione complementare viene introdotta in ritardo, quindi l'inizio delle mestruazioni dopo il parto si verifica dopo che il bambino ha un anno.

Alcune donne iniettano esca presto. Nella ghiandola pituitaria, la prolattina inizia a essere prodotta in quantità minori e cessa di sopprimere la funzione ovarica. Molto spesso, le mestruazioni in una situazione simile iniziano sei mesi dopo il parto.

Ci sono momenti in cui le giovani madri immediatamente dopo il parto combinano l'alimentazione artificiale per il bambino con l'allattamento. Ciò porta al fatto che la funzione mestruale viene ripristinata 3-4 mesi dopo la nascita del bambino.

In alcune situazioni, le donne non possono affatto allattare al seno un bambino. Le mestruazioni in questo caso possono iniziare dopo il parto in 6-10 settimane.

Il ripristino della funzione mestruale è influenzato non solo dal momento di interruzione dell'allattamento al seno, ma anche da molti altri fattori, sia interni che esterni. Tra questi ci sono i seguenti:

  • regime del giorno e riposo;
  • nutrizione;
  • la presenza di malattie croniche, complicanze;
  • condizione psicologica.

L'inizio delle mestruazioni dopo il parto: caratteristiche

Nella maggior parte dei casi, dopo il parto, il ciclo mestruale diventa rapidamente regolare. Solo i primi due mesi, i giorni critici possono anticipare il programma o ritardare un po '.

Ci sono molte voci sul ciclo mestruale e sulla velocità della sua guarigione. Spesso puoi sentire che il ripristino delle mestruazioni dopo il parto dipende direttamente da come è nato il bambino. In realtà non è così. L'inizio delle mestruazioni non ha nulla a che fare con il parto naturale o con taglio cesareo.

Dopo l'inizio delle mestruazioni, molte donne notano che le mestruazioni sono diventate meno dolorose, il disagio non si fa più sentire. Questo fenomeno è fisiologicamente spiegabile. Di solito, il dolore durante le mestruazioni si verifica a causa della flessione dell'utero, che impedisce il normale deflusso di sangue. Dopo il parto nella cavità addominale, la disposizione degli organi cambia leggermente, la curva si raddrizza. A questo proposito, i dolori durante i giorni critici scompaiono ulteriormente.

Molto spesso, le mestruazioni sono confuse con le secrezioni chiamate lochia. Sono una miscela di coaguli di sangue e muco. La causa della lochia risiede nel danno alla membrana uterina. I primi giorni dopo la nascita, sono abbondanti e hanno un colore rosso brillante. Dopo una settimana, i lochia acquisiscono una tinta brunastra e il loro numero diminuisce notevolmente. A poco a poco, stanno diventando sempre più scarsi. Ciò è dovuto al fatto che la mucosa dell'utero guarisce. Lochia può essere assegnato entro 6-8 settimane. Dopo ciò si fermano.

Dopo il parto durante l'allattamento e in assenza di mestruazioni, può verificarsi il concepimento. È noto che la maturazione dell'uovo e la sua uscita dalle ovaie iniziano circa due settimane prima del sanguinamento. Alcuni giorni prima e dopo l'ovulazione, c'è la possibilità di rimanere incinta.

L'inizio delle mestruazioni dopo il parto non è un segno che il corpo femminile è pronto per la prossima gravidanza. Un recupero completo richiede un paio d'anni. Dopo questo periodo, è consigliabile pianificare il bambino successivo. Pertanto, prima dell'inizio delle mestruazioni, è necessario prendersi cura della contraccezione.

Situazioni in cui consultare un medico

Dopo la nascita del bambino e con l'alimentazione artificiale, le mestruazioni non si sono verificate? Un fatto simile può indicare la presenza di malattie del sistema genito-urinario. Dopo l'interruzione dell'allattamento al seno, anche le mestruazioni possono essere assenti. La ragione di ciò è la patologia postpartum, l'endometriosi, i disturbi ormonali, il gonfiore e l'infiammazione ovarica. In assenza di giorni critici, dovresti assolutamente consultare un medico per prevenire il verificarsi di conseguenze indesiderabili.

Uno specialista medico dovrebbe essere consultato anche se le mestruazioni sono molto abbondanti. Se con una scarica forte ci vogliono 2 ore in più di 1 guarnizione, questo dovrebbe essere considerato sanguinamento. Sintomi come indolenzimento, odore sgradevole e un'ombra scura di sangue dovrebbero essere allarmati..

Se dopo 2-3 mesi dopo l'inizio dei giorni critici il ciclo mestruale non si è ripreso, questa è già una deviazione. In una situazione del genere, dovresti chiedere consiglio a un ginecologo. La causa può essere uno squilibrio ormonale..

A volte le donne che diventano madri lamentano un deterioramento della sindrome premestruale. Risposte alle domande: perché questo sta accadendo e come affrontare il problema, lo troverai nel video alla fine dell'articolo.

Igiene personale durante il ripristino delle mestruazioni dopo il parto

Dopo la nascita di un bambino, un'attenzione particolare dovrebbe essere prestata all'igiene personale, perché durante questo periodo il corpo femminile richiede un atteggiamento più attento e attento.

Prima del ripristino del ciclo mestruale, non è consigliabile utilizzare cuscinetti che hanno una rete assorbente e tamponi. I fondi indicati non funzioneranno con lochia. Durante essi, è meglio usare guarnizioni con una superficie liscia. Ogni 3-4 ore devono essere cambiati.

Dopo il parto, si raccomanda un frequente bagno dei genitali. È meglio rifiutare gel "intimi" in questo momento. Puoi usare un normale sapone per bambini.

Il contatto sessuale è indesiderabile entro 6 settimane dal parto. Il sesso non protetto è inaccettabile, poiché le infezioni possono penetrare nell'utero.

In conclusione, vale la pena sottolineare che il momento in cui le mestruazioni iniziano dopo il parto non si verifica in momenti diversi in donne diverse. La durata del processo di recupero è puramente individuale. Un ruolo importante dopo il parto è svolto dall'igiene personale. In questo momento, è necessario prestare molta attenzione al proprio corpo per evitare che le infezioni entrino nell'utero e l'insorgenza di eventuali processi infiammatori.

Ciclo mestruale dopo il parto

La nascita e i primi mesi di maternità sono lasciati alle spalle e molte giovani madri hanno una domanda: quando inizierà la prima mestruazione? In alcune donne, il ciclo viene ripristinato subito dopo il parto, mentre altri attendono giorni critici per molti mesi. Da cosa dipende questo processo e le mestruazioni dopo il parto saranno le stesse di prima?

Dopo la nascita naturale

Immediatamente dopo la separazione della placenta nella fase finale del travaglio, un piccolo numero di coaguli di sangue rimane nella cavità uterina, che continuano a essere rilasciati fino a 7-10 giorni. Entro 2-3 giorni dalla nascita, l'endometrio subisce cambiamenti strutturali sotto l'influenza del progesterone, viene respinto e secreto verso l'esterno sotto forma di lochia (scarico postpartum).

Durante i primi 3-4 giorni, le ventose sono luminose, di colore rosso scuro, possono essere con coaguli, quindi entro circa 10 giorni acquisiscono un carattere rosso, quindi fino a 3 settimane possono avere un colore giallastro ed essere mucose.

I processi rigenerativi iniziano nella cavità uterina. Lo strato interno dell'utero viene ripristinato durante i primi 7-10 giorni. Lo spessore endometriale normale viene raggiunto 3-4 settimane dopo la nascita. La cervice si forma entro 3 giorni, ma la faringe interna rimane aperta di 2-3 cm. E solo entro la fine della prima settimana dopo la nascita la cervice si sarà completamente formata. La funzione delle ovaie in assenza di allattamento viene ripristinata in media dopo 6- 8 settimane, ovvero dopo 2-2,5 mesi dalla nascita, può iniziare la prima mestruazione.

Con l'allattamento al seno regolare, le mestruazioni (amenorrea durante l'allattamento) possono essere assenti durante l'allattamento o prima dell'introduzione di alimenti complementari. Quando una donna allatta regolarmente, la ghiandola pituitaria produce grandi quantità di ormone prolattina, che stimola la produzione di latte. Blocca l'ovulazione. Con l'introduzione di alimenti complementari, la quantità di allattamento al seno diminuisce e, di conseguenza, diminuisce la sintesi di prolattina. In questo caso, le mestruazioni, di norma, vengono prima della fine dell'allattamento, molto spesso 6-7 mesi dopo la nascita e dovresti iniziare a proteggerti in questo momento. Se la nutrizione del bambino è stata inizialmente miscelata, le mestruazioni vengono ripristinate in media entro il 4 ° mese dopo la nascita.

Dopo taglio cesareo

Molto spesso, dopo l'intervento chirurgico, il ciclo mestruale viene ripristinato come dopo una nascita normale.

Con l'alimentazione artificiale, l'ormone ossitocina non viene rilasciato, il che riduce l'utero, quindi il suo recupero è più lento, inoltre, anche la cicatrice sull'utero rallenta questo processo. Di conseguenza, le mestruazioni riprendono, in media, 2-3 settimane dopo rispetto all'alimentazione artificiale dopo la nascita naturale.

Possibili problemi

La durata del ciclo mestruale dopo il parto e la durata delle mestruazioni possono essere diverse e differire da come era prima del parto. È possibile che dopo il parto, la durata del ciclo e le mestruazioni stesse cambino. Durante il ripristino della funzione, è possibile un aumento del volume di sangue perso, ma non superare i limiti consentiti - 150 ml (non più di 10 "maxi" tamponi). Entro 4-6 mesi, il ciclo sarà stabilito, quindi sono possibili fluttuazioni da 21 a 40 giorni. Questa non è una patologia se questi cambiamenti rientrano nella norma fisiologica.

Mancanza di mestruazioni

L'assenza di mestruazioni per sei mesi in assenza di allattamento o per un anno durante l'allattamento è considerata una possibile patologia. Ciò può essere dovuto all'iperprolattinemia. Dopo l'allattamento, la prolattina dovrebbe diminuire a un livello normale. Se ciò non accade, la prolattina sopprime l'ovulazione e le ovaie non sintetizzano gli ormoni che regolano il ciclo mestruale. L'assenza di mestruazioni dovrebbe allertare la donna in termini di gravidanza successiva, poiché l'ovulazione si verifica prima dell'inizio della prima mestruazione postpartum. Suggeriamo di leggere il test di ovulazione.

Ciclo problematico

Oltre all'assenza delle mestruazioni, potrebbero esserci problemi con la regolarità del ciclo, la sua durata, durata, volume delle perdite di sangue, spotting prima e dopo le mestruazioni.

  1. Se il ciclo non è stato stabilito entro 6 mesi, questa è l'occasione per consultare un medico.
  2. Se la durata del ciclo è cambiata dopo il parto ed è inferiore a 21 giorni o superiore a 35 giorni, dovrebbe essere consultato anche un ginecologo. Troppo breve (1-2 giorni) o troppo lungo (più di 7 giorni) possono essere un segno di qualsiasi patologia, ad esempio endometriosi o fibromi uterini.
  3. Il volume della perdita di sangue deve essere di almeno 50 ml e non superiore a 150 ml. Nei giorni più "abbondanti" una guarnizione centrale dovrebbe essere sufficiente per 4-5 ore. Le mestruazioni magra possono essere un segno di disturbi ormonali: iperprolattinemia, endometrite, sinechia. Le mestruazioni troppo profuse possono essere un segno di fibromi uterini, processi infiammatori degli organi pelvici. In entrambi i casi, è necessario un consulto con un ginecologo.
  4. Forse dopo la nascita, l'apparizione di avvistamento avvistamento pochi giorni prima delle mestruazioni ed entro 3-7 giorni dopo il suo completamento. Questo sintomo è un segno di endometriosi o endometrite. Qualsiasi spotting nel mezzo del ciclo è una patologia e richiede una consultazione con un ginecologo.

Mensile dopo il parto

Il fatto che il corpo della donna dopo il parto ritorni alla normalità è riportato dal normale ciclo mestruale. Allo stesso tempo, la maggior parte delle giovani madri è preoccupata per la domanda principale: quando iniziano esattamente i periodi dopo il parto?

Quando arrivano le mestruazioni dopo il parto?

Ponendo questa domanda a un ginecologo, è probabile che tu ottenga una risposta ragionevole: "Quando finirà l'allattamento". Anche se allatterai al seno il tuo bambino per due o tre anni (anche se solo su richiesta), il normale ciclo mestruale “aspetterà” per tutto il tempo necessario. Questo è esattamente ciò che è accaduto in quei giorni in cui non c'erano miscele artificiali per i neonati o erano impopolari: le donne che allattavano hanno semplicemente dimenticato le mestruazioni per un anno, due o più.

Le madri moderne di solito non lottano per un tale risultato, continuando ad allattare fino a quando il bambino non raggiunge i 6-12 mesi e da 4-5 mesi introducono gradualmente alimenti complementari. Inoltre, l'uso di contraccettivi ormonali può influire sull'inizio delle mestruazioni dopo il parto, quindi è difficile determinare con esattezza quando inizia le mestruazioni dopo il parto senza considerare una situazione specifica. In una donna, questo processo può iniziare dopo 3-4 mesi, in un altro - in 3 anni.

Il corpo di una giovane madre tornerà rapidamente alla normalità? Dipende da molte ragioni:

  • età della donna;
  • quanto è sana e se ha patologie concomitanti;
  • Allatta al seno e come scorre l'allattamento?
  • come procedevano la gravidanza e il parto.

I problemi mestruali possono verificarsi con:

  • rallentare il processo di involuzione uterina;
  • con uno stato indebolito del corpo (ad esempio, a causa di una breve pausa tra il parto);
  • prima nascita tardiva (dopo 30 anni);
  • storia gravata del parto.

Come capire che è iniziato davvero il periodo successivo al parto

Una donna che ha partorito non dovrebbe preoccuparsi se, durante i primi due mesi, le mestruazioni sono leggermente ritardate o si verificano un po 'prima del previsto, perché durante questo periodo il corpo riorganizza il ciclo.

Inoltre, non fidarti dei miti sull'inizio della prima mestruazione. Ad esempio, il fatto che la normalizzazione del ciclo mestruale dipende direttamente dal modo in cui è stata eseguita la nascita. In realtà, non esiste una correlazione diretta tra l'inizio delle mestruazioni e se il bambino è nato con taglio cesareo o durante la nascita fisiologica.

Ma il fatto che dopo il parto la maggior parte delle donne si sbarazzi del dolore mestruale avviene davvero. In alcuni casi, spiegare questo è abbastanza semplice: ad esempio, se il dolore negli organi pelvici era associato alla flessione dell'utero, la ragione di ciò era una violazione del deflusso di sangue. Dopo la nascita, gli organi addominali hanno leggermente cambiato la loro posizione e allo stesso tempo, la curva dell'utero, di regola, si raddrizza. Di conseguenza, il flusso di sangue viene normalizzato e il dolore scompare.

Alcune giovani madri prendono per le mestruazioni non il flusso mestruale, ma lochia postpartum - scarico di muco leggermente mescolato con sangue. Tuttavia, lochia non è ancora mensile, ma le conseguenze del trauma alle membrane uterine. Il colore della ventosa è rosso saturo, quindi rimane per diversi giorni dopo il parto. Entro una settimana, il volume delle ventose diminuisce e il loro colore si scurisce, fino a diventare marrone: questi segni indicano che la mucosa dell'utero guarisce. L'isolamento di Lochia può durare più a lungo, fino a due mesi del periodo postpartum. Quindi questo processo si interrompe e il corpo inizia a prepararsi per l'inizio della prima mestruazione o per un'altra gravidanza.

Una madre che allatta può rimanere incinta??

Sì, questo è del tutto possibile e anche senza l'inizio della prima mestruazione. Il fatto è che immediatamente dopo la maturazione, l'uovo va oltre l'ovaio: questo processo di ovulazione si verifica circa due settimane prima dell'inizio delle mestruazioni. Cioè, una donna può rimanere incinta sia prima dell'ovulazione che dopo. E, quindi, le mestruazioni potrebbero semplicemente non avere il tempo di venire.

È abbastanza difficile riconoscere i segni della gravidanza quando una donna sta allattando. E nelle fasi iniziali è quasi impossibile farlo. Infatti, durante l'alimentazione, il ciclo mestruale può essere completamente assente e potrebbe non essere completamente stabile. Nausea o minzione rapida possono essere associate ad avvelenamento o problemi urologici, l'oscuramento nell'area del capezzolo può indicare le conseguenze di una precedente gravidanza. Pertanto, se non hai intenzione di rimanere incinta così rapidamente, non dovresti fare affidamento sul metodo di amenorrea lattazionale, è meglio provare contraccettivi affidabili.

Il ciclo mestruale è di nuovo normale: è così?

Il ciclo mestruale dopo il parto viene ripristinato in modo naturale e gradualmente, e questo periodo dura circa due mesi. I primi cambiamenti che interessano il corpo di una giovane madre si verificano nei sistemi riproduttivo, endocrino, cardiovascolare e nervoso. Allo stesso tempo, i cambiamenti influenzano anche le ghiandole mammarie e l'utero, che è in fase di involuzione - lo sviluppo inverso.

L'involuzione uterina si verifica in una certa sequenza:

  • il fondo uterino cade (entro 12 giorni);
  • l'utero diminuisce di dimensioni (entro 2 mesi);
  • l'utero riduce la sua massa a 50 g (prima della nascita pesava circa 400 g);
  • si forma una faringe uterina interna (entro una settimana e mezza);
  • la faringe esterna dell'utero si chiude, assumendo la forma di un gap (entro tre settimane);
  • la mucosa interna dell'utero - l'endometrio viene ripristinato (entro due mesi).

Il tasso di involuzione uterina è influenzato dall'età della donna, dal suo stato di salute durante la gravidanza e dopo il parto, sia che la donna stia allattando o che utilizzi miscele artificiali. Il processo di involuzione può rallentare se il corpo della donna è indebolito dalla nascita ripetuta con una breve pausa nel tempo, se la giovane madre non si preoccupa del suo sonno e del regime di riposo.

Cosa può influenzare l'inizio delle mestruazioni dopo il parto

Di norma, l'arrivo della prima mestruazione postpartum può essere ritardato se una donna è gravemente ammalata, i suoi livelli ormonali non tornano alla normalità, con lo stress spesso sperimentato. Tuttavia, il principale tra tutti i motivi per l'arrivo delle mestruazioni è la durata dell'allattamento.

  • Se durante l'anno dopo il parto una donna allatta al seno il suo bambino esclusivamente, senza utilizzare alimenti complementari, la prima mestruazione dovrebbe essere attesa dopo il completamento dell'allattamento.
  • Se il bambino ha già un anno e la madre continua ad allattare, le mestruazioni possono iniziare con l'allattamento continuo.
  • Quando l'allattamento non è completamente completo e la madre nutre il bambino con una formula per bambini e amministra precocemente alimenti complementari, la prima mestruazione postpartum può arrivare in 3-5 mesi, nonostante il fatto che l'allattamento non si sia ancora fermato. Infatti, con una lattazione inferiore, l'ormone prolattina, che regola l'arrivo delle mestruazioni con il suo effetto sulle ovaie, viene prodotto in quantità minori. E, quindi, le mestruazioni possono verificarsi molto prima di quando si allatta senza allattare.
  • Se una donna non allatta al seno e il bambino mangia la formula del latte dalla nascita, la prima mestruazione dovrebbe essere prevista da uno a due mesi e mezzo dopo il parto.

Allattiamo al seno secondo il regime e su richiesta: quando arriva il periodo?

Quando il ciclo mestruale è completamente normalizzato, questo è un segnale che il corpo è pronto per una nuova gravidanza.

Ma come determinare la prontezza a rimanere incinta durante l'allattamento? Dopotutto, se non ci sono periodi, non ci sono segni evidenti che il corpo si sia davvero ripreso. In effetti, molto dipende dalla modalità di allattamento..

Il fatto è che l'ormone prolattina viene prodotta esclusivamente dall'allattamento al seno. Come già accennato, questo ormone non è solo "responsabile" della lattazione, ma ha anche la capacità di sopprimere la funzione ovarica. Tuttavia, se il bambino non viene nutrito secondo la domanda, ma secondo il regime, si verificheranno interruzioni nella produzione di prolattina. E in questo caso, la prima mestruazione può avvenire entro un paio di mesi dopo la nascita, cioè nello stesso momento in cui la madre non allatta.

Quando si nutrono su richiesta, ci vorrà circa un anno per ripristinare il ciclo mestruale e le mestruazioni arriveranno non prima di questo periodo. Va ricordato che la quantità di prolattina diminuirà abbastanza rapidamente se si modifica lo schema di alimentazione su richiesta al metodo di regime. In questo caso, l'arrivo delle mestruazioni accelererà.

  • Esperto
  • Articoli Recenti
  • Risposta

Informazioni sull'esperto: + MAMMA

Siamo il sito più amichevole per le mamme e i tuoi piccoli. Domande e risposte a loro, articoli unici di medici e scrittori - tutto questo con noi :)

Quando iniziano i primi periodi dopo il parto

Il parto è una prova seria per ogni donna. Cambiano radicalmente il lavoro del corpo e di tutti gli organi nel loro insieme, compreso il solito ciclo mestruale, quindi ogni donna che partorisce ha una domanda naturale quando iniziano le mestruazioni dopo il parto, che è considerata la norma e che può indicare malattie e complicanze ginecologiche.

Periodo postpartum

Dopo la nascita, l'utero perde gradualmente il suo tono e lentamente torna alle sue dimensioni e condizioni normali. I primi giorni dopo il parto, la ferita sul sito di cui la placenta inizia a sanguinare.

Questo evento non si applica alle mestruazioni: i medici lo chiamano emorragia postpartum, che dura diversi giorni e passa rapidamente. In primo luogo, lo scarico diventa forte, con pezzi di uovo amniotico e placenta, ma poi diventano gradualmente meno luminosi e passano. Deve essere chiaro che l'emorragia postpartum non può essere determinata quando si verificano le mestruazioni.

L'inizio della prima mestruazione dipende dai seguenti fattori:

  1. Il corso della gravidanza e la presenza di varie complicazioni. La gravidanza viola lo sfondo ormonale di una donna, quindi, se fosse difficile, le mestruazioni potrebbero non arrivare presto.
  2. Malattie croniche, complicanze postpartum, depressione, febbre materna prolungheranno significativamente il periodo di inizio delle mestruazioni.
  3. L'allattamento al seno C'è un modello: se il bambino è completamente allattato al seno, ma non più secondo il regime, le mestruazioni possono iniziare nel momento in cui il bambino viene svezzato dal seno. Se la madre ha iniziato ad allattare al seno il suo bambino secondo il programma, insieme alla prima esca, quindi con un corpo completamente sano per 3-4 mesi, puoi iniziare ad aspettare le mestruazioni. All'incirca allo stesso tempo, iniziano le mestruazioni, se una donna inizia l'alimentazione precoce. Ciò è dovuto al fatto che durante l'alimentazione viene rilasciato un ormone speciale nel corpo di una giovane madre, bloccando il progesterone e gli estrogeni, che sono necessari per il ciclo mestruale.
  4. Quando le mestruazioni iniziano dopo il parto, dipendono direttamente dalle caratteristiche genetiche individuali della donna. Se la madre non ha avuto le mestruazioni un mese dopo la fine della poppata, sua figlia non verrà in questo momento. Se le mestruazioni non si verificano dopo l'interruzione dell'allattamento al seno, questa potrebbe essere una patologia. In questo caso, dovresti assolutamente consultare un medico e condurre un esame.

Gli esperti osservano che la ripresa delle mestruazioni non è influenzata dal fatto che la donna stessa sia stata in grado di dare alla luce un bambino o se avesse un taglio cesareo.

Norma o patologia

Quanto tempo dopo la consegna delle mestruazioni, nessuno può dire con precisione. Nel periodo postpartum, l'utero viene ripristinato: vari tumori, cisti e altre anomalie possono scomparire. Le mestruazioni possono arrivare al momento dell'interruzione dell'allattamento al seno o un po 'prima. Possono essere irregolari, intermittenti, arrivare in anticipo o un po 'in ritardo.

L'intero ciclo mestruale viene ripristinato solo dopo uno e mezzo o due mesi dall'inizio delle mestruazioni, ma ciò non significa che la donna sia di nuovo pronta per la gravidanza. Si consiglia di pianificare il bambino non prima di 2 anni dopo l'inizio delle mestruazioni dopo il parto.

Diversi segni di patologia che ogni donna dovrebbe conoscere:

  1. Mestruazioni dolorose Alcune donne notano che le mestruazioni dolorose scompaiono ed è più facile sopportare emorragie mensili. Questo perché nel periodo postpartum, la curva dell'utero si raddrizza, provocando dolore. Giorni critici dolorosi: il primo segno di patologia, che richiede l'intervento appropriato di uno specialista.
  2. Se si verifica un deterioramento: le mestruazioni dovrebbero andare, ma non arrivano. Vale soprattutto la pena prestare attenzione se sono trascorsi più di sei mesi dalla fine della poppata. La ragione dell'assenza di mestruazioni può essere una patologia latente, un trauma o un fallimento ormonale.
  3. Sanguinamento pesante con dolori acuti. Se il primo giorno le mestruazioni hanno iniziato ad andare molto abbondantemente in modo che fosse necessario cambiare la guarnizione in meno di 2-3 ore, stiamo parlando di sanguinamento. In questo caso, è meglio non indugiare e consultare uno specialista o chiamare un'ambulanza. Dopo il parto, le mestruazioni diventano indolori o quasi indolori, lo stesso di prima.
  4. Se l'inizio delle mestruazioni viene costantemente interrotto, lo scarico è scarso, con un odore pungente o insolito.
  5. Se le mestruazioni iniziano prima che l'allattamento sia completo. Di solito, lo specialista che conduce la gravidanza può determinare quante mestruazioni iniziano dopo il parto, se l'allattamento si è interrotto. Se le mestruazioni iniziano prima della fine dell'alimentazione, si tratta di un grave fallimento ormonale.

Le madri appena nate dovrebbero sapere che il corpo ha recentemente dato alla luce troppa prolattina e che non c'è abbastanza estrogeno. In questa situazione, una donna può iniziare a ingrassare, quindi può essere necessaria una terapia ormonale.

Contatta uno specialista

Le più pericolose sono le mestruazioni pesanti con un grande scarico di sangue o impurità, una consistenza o un odore insolito. L'attenzione di uno specialista merita una condizione quando le mestruazioni durano meno di 2 giorni, quando è dolorosa o se c'è sanguinamento periodico che non è associato al ripristino del ciclo. Il dolore può tornare ed essere accompagnato da altri sintomi..

È male se le mestruazioni non si verificano per molto tempo dopo aver completato l'allattamento. Lo specialista determinerà perché ciò sta accadendo e prescriverà il trattamento..

Le prime mestruazioni dopo il parto

Quando arrivano le mestruazioni dopo il parto

La prima mestruazione dopo il parto nelle donne si verifica in momenti diversi. Qualcuno parla di sanguinamento già 1,5 mesi dopo la nascita di un bambino e qualcuno si preoccupa dell'assenza di mestruazioni sei mesi dopo questo evento. Quando i periodi successivi alla consegna sono normali, cosa determina i tempi della loro insorgenza e cosa fare con un ritardo?

Quando aspettare le mestruazioni

L'inizio delle mestruazioni è ritardato a causa dell'azione dell'ormone prolattina, a causa della quale viene effettuata l'allattamento. Ma in alcuni casi, la produzione di questo ormone è ridotta. Ciò accade nelle donne che nutrono il bambino secondo un programma e non su richiesta. Tra una poppata e l'altra, si ottiene un intervallo di più di 3 ore (anche di notte). Se un bambino inizia a ricevere una miscela. E anche con l'introduzione di alimenti complementari.
Quando le mestruazioni arrivano dopo la nascita nei primi 2 mesi, è colpa di queste circostanze..

Ma se una donna nutre il bambino su richiesta, c'è abbastanza latte, quindi le mestruazioni potrebbero non apparire fino alla fine della lattazione, una diminuzione della quantità di latte bevuta dal bambino e (o) la frequenza dell'assunzione di cibo. Vale la pena intraprendere qualche azione in modo che l'emorragia inizi il prima possibile? Non ha senso.

E non è necessario interrompere l'allattamento durante le mestruazioni. Questo non è dannoso. Sebbene alcuni bambini possano avere una reazione negativa. Ma non è associato a un cambiamento nella qualità del latte materno, ma al cambiamento dell'odore della madre. Ci sono scelte così piccole.

Probabilità di gravidanza e contraccezione raccomandata

Molte donne credono che una nuova gravidanza possa verificarsi solo quando la prima mestruazione arriva dopo il parto, cioè dopo questo fatto. Ma non è così. Sì, esiste un metodo di amenorrea durante l'allattamento, quando nei primi mesi dopo la nascita del bambino, a condizione che venga spesso applicata al seno, la madre potrebbe non essere protetta dalla gravidanza - dopo tutto, un alto livello di prolattina blocca l'inizio dell'ovulazione.
Tuttavia, tutto può cambiare. E la donna ha la prima ovulazione dopo la nascita del bambino prima dell'inizio delle mestruazioni. Cioè, una donna può rimanere incinta, anche se non ha mai mestruato dopo la nascita del bambino. A proposito, se le prime mestruazioni dopo la nascita sono scarse e allo stesso tempo ci sono stati atti sessuali, e ancora di più senza l'uso della contraccezione, è necessario controllare la gravidanza.

Preservativi, dispositivi intrauterini, spermicidi e contraccettivi orali possono essere usati come contraccettivi per una donna che ha recentemente partorito. Tutto con l'inizio dell'attività sessuale, circa 1,5-2 mesi dopo la nascita, preferibilmente dopo aver consultato un ginecologo (esame).

Situazione pericolosa

A volte capita che la prima mestruazione dopo il parto sia molto abbondante. Ciò è dovuto a cambiamenti ormonali, all'assunzione di farmaci, nonché a varie malattie (ad esempio, iperplasia endometriale).
Ogni donna dovrebbe sapere quando consultare urgentemente un medico, quanto sangue è considerato normale e quanto dura il primo periodo mestruale.

Normalmente, la perdita di sangue mensile di una donna è pari o inferiore a 50 grammi (per tutti i giorni). Tutto ciò che è di più è una mestruazione pesante. Più di 80 grammi di sangue perso minacciano di anemia (se la situazione si ripete di mese in mese). Bene, un medico dovrebbe essere consultato urgentemente se è iniziata un'emorragia uterina grave. Vale a dire, 1 assorbente (non giornaliero) dura un massimo di 2 ore. O più o meno abbondante scarica trascinata su. La durata patologica delle mestruazioni è superiore a 7 giorni.

È importante non confondere le mestruazioni con le secrezioni postpartum. A volte la scarica postpartum termina completamente in un tempo molto breve - letteralmente nei primi 10 giorni dopo la nascita. E poi dopo alcuni giorni, l'emorragia ricomincia e grave. Spesso è accompagnato da un odore sgradevole dalla vagina, dolore addominale e lo scarico stesso è di colore scuro e con coaguli. Non si tratta di mestruazioni, ma di lochia, il cui deflusso dall'utero è stato interrotto per qualche motivo. In tale situazione, sarà utile andare dal ginecologo per un esame e fare un'ecografia degli organi pelvici. Ricorda che le mestruazioni non possono iniziare prima di un mese dopo il parto, anche se una donna non ha mai allattato al seno un bambino.

Mensile dopo il parto

La nostra scelta

Alla ricerca dell'ovulazione: follicolometria

Raccomandato da

I primi segni di gravidanza. sondaggi.

Sofya Sokolova ha pubblicato un articolo su Symptoms of Pregnancy, 13 settembre 2019

Raccomandato da

Wobenzym aumenta la probabilità di concepimento

Raccomandato da

Massaggio ginecologico - effetto fantastico?

Irina Shirokova ha pubblicato un articolo su Gynecology, 19 settembre 2019

Raccomandato da

AMG - Ormone anti-muller

Sofya Sokolova ha pubblicato un articolo su Analysis and Surveys, il 22 settembre 2019

Raccomandato da

Argomenti popolari

Postato da: Aleshkaaa
Creato 11 ore fa

Autore: BeremenYulya
Creato 11 ore fa

Postato da: yalyubima
Creato 12 ore fa

Postato da: Kasatik01
Creato 11 ore fa

Postato da: Chriss91
Creato 9 ore fa

Postato da: Olga746
Creato 10 ore fa

Postato da: Yaroslavka2015
Creato 8 ore fa

Postato da: radio operator_Kat
Creato 14 ore fa

Postato da: Samerti
Creato 8 ore fa

Postato da: No
Creato 9 ore fa

Informazioni sul sito

Link veloci

Sezioni popolari

I materiali pubblicati sul nostro sito Web sono a scopo informativo e sono destinati a scopi didattici. Si prega di non usarli come consulenza medica. Determinare la diagnosi e la scelta dei metodi di trattamento rimane una prerogativa esclusiva del medico!

Le mestruazioni durante l'allattamento: miti e realtà

Il ripristino dei cicli mestruali dopo il parto provoca varie preoccupazioni nelle donne che allattano. E in molti casi, le ansie delle madri sono vane! Tuttavia, vale la pena scoprire esattamente come viene ripristinato il ciclo mestruale della donna che ha partorito e in che modo il processo di allattamento al seno influisce su questo. Fatti importanti, opinioni di esperti e molte informazioni utili di seguito.

Fonte: Burda Media

È normale che le mestruazioni ritornino solo pochi mesi dopo il parto? Ciò potrebbe influire negativamente sull'allattamento al seno? E viceversa: il bambino ha già 2 anni, ma non ci sono ancora periodi? Questo significa che la prossima gravidanza durante l'allattamento è impossibile? È normale che per molto tempo il ciclo “cammini” e non torni mai alla normalità? Diamo un'occhiata alle idee sbagliate più comuni in quest'area..

Quando verrà ripristinato il ciclo?

Non esistono standard rigorosi per la ripresa delle mestruazioni e con essa non esiste la possibilità di una nuova gravidanza. Tutto dipende dal fatto che la madre stia allattando o meno il bambino. E anche dalle caratteristiche individuali del corpo. La comparsa delle mestruazioni (se la secrezione è davvero mestruale, non le complicazioni postpartum) tre settimane dopo la nascita e l'amenorrea durante l'allattamento della durata di due anni - due poli della stessa norma.

Sullo sfondo dell'allattamento al seno, le mestruazioni di solito riprendono 11-18 mesi dopo il parto. Ma a volte - dopo 3 settimane o come l'altro estremo - dopo 2 anni.

Per molti aspetti, i tempi dei cicli di recupero dipendono dall'organizzazione dell'allattamento al seno: l'applicazione frequente di briciole al seno aiuta a mantenere un alto livello dell'ormone prolattina nel sangue, che è responsabile della soppressione dell'ovulazione. Lunghi intervalli tra le poppate, l'uso di un manichino e il dosaggio con acqua limitano il naturale bisogno del bambino di succhiare frequentemente e quindi portare a una riduzione più rapida dei livelli di prolattina. Al contrario, l'allattamento al seno intensivo nel secondo anno di vita di un bambino aumenta la probabilità di una successiva ripresa delle mestruazioni.

Il ciclo mestruale dopo la normale nascita fisiologica senza anomalie patologiche viene ripristinato dopo 6-8 settimane, se la donna non allatta al seno. Il ciclo dopo il parto non può cambiare se una donna non ha uno squilibrio ormonale e anomalie patologiche.

Quali cambiamenti mi attendono?

Non preoccuparti se, all'inizio, lo scarico è più scarso rispetto a prima della gravidanza e i cicli sono irregolari. Questa è una conseguenza del lavoro dell'ormone prolattina. Una situazione è anche possibile quando, dopo diversi periodi, i cicli scompaiono di nuovo per un po '. Ciò può accadere se, dopo un periodo di alimentazione più rara, il bambino aumenta nuovamente la frequenza di attaccamento al torace (ad esempio, durante un periodo di crescita o dentizione intensiva).

Tuttavia, la compatibilità ambientale dell'allattamento al seno non è l'unico fattore che influenza il ripristino dei cicli. Dipende anche dalla genetica e dai cambiamenti naturali nel background ormonale di una donna, a seconda dell'età o dello stile di vita attuale. Anche nella stessa donna, i tempi di insorgenza delle mestruazioni dopo ogni parto successivo possono variare. Allo stesso tempo, le donne la cui amenorrea durante l'allattamento dura abbastanza a lungo possono essere definite fortunate, perché questo aiuta a salvare la fornitura ovarica di uova e, quindi, a prolungare la giovinezza.

Dovresti essere avvisato se lo scarico è diventato scuro, scarso, il ciclo si è ridotto; un aumento della temperatura corporea durante le mestruazioni e uno sgradevole odore pungente di secrezioni; dolore nell'addome inferiore; abbondante scarlatto, debolezza, vertigini, nausea.

Posso rimanere incinta durante l'HB?

L'assenza di cicli mestruali durante l'allattamento al seno è in effetti la base di uno dei metodi naturali di pianificazione familiare - il metodo dell'amenorrea lattazionale (LAM), la cui affidabilità è del 98%. Tuttavia, puoi fare affidamento su questo metodo solo durante i primi 6 mesi e purché non ci siano perdite di sangue a 56 giorni dalla nascita.

Inoltre, per raggiungere l'efficacia dichiarata del metodo, una donna deve rispettare la seguente regola: il bambino deve essere allattato esclusivamente al seno (ricevere solo latte materno direttamente dal seno, è escluso l'uso di elettrodi e succhiotti), mentre gli intervalli tra le poppate non devono superare le 4 ore nel pomeriggio e 6 ore di notte. Se queste condizioni vengono violate, l'assenza di mestruazioni sullo sfondo dell'allattamento non è una protezione affidabile contro l'inizio di una nuova gravidanza, perché il corpo femminile è progettato in modo che l'ovulazione si verifichi sempre prima e solo dopo - le mestruazioni. Pertanto, se non sei pronto per l'apparizione di un altro bambino, vale la pena usare un altro metodo per posticipare il concepimento.

L'HB può essere un metodo contraccettivo affidabile se una donna applica attivamente il suo bambino al seno (dopo 2-3 ore), soprattutto di notte, poiché la prolattina viene prodotta di notte (dalle 2: 00-7: 00).

Il gusto del latte non cambierà?

Una delle preoccupazioni frequenti delle madri che allattano durante la ripresa dei cicli è un cambiamento nel gusto del latte materno, che presumibilmente può portare all'abbandono del seno da parte del bambino. Ma in primo luogo, non ci sono prove affidabili di questo fatto e, in secondo luogo, cambiamenti insignificanti nel gusto del latte si verificano quasi costantemente a seconda dello spettro dei prodotti usati dalla mamma. Questi cambiamenti sono comuni per i bambini e non comportano di per sé un rigetto del seno..

Per quanto riguarda l'effetto delle mestruazioni sulla quantità di latte, a volte le donne hanno la tendenza verso una leggera diminuzione della sua produzione nei primi giorni del ciclo. Tuttavia, questo è solo un fenomeno a breve termine e dopo un paio di giorni la quantità di latte diventa la stessa. Sulla base di ciò, possiamo concludere: l'inizio delle mestruazioni non è mai la causa di una vera mancanza di latte.

Ricorda che le condizioni necessarie per stabilire il processo di allattamento sono l'alimentazione frequente durante il giorno, la presenza di alimentazione notturna e il corretto attaccamento del bambino al torace e l'arrivo precoce delle prime mestruazioni postpartum non influisce sul successo del processo. Allo stesso tempo, l'allattamento non diminuisce, quindi, ogni donna è in grado di allattare al seno per tutto il tempo che desidera lei e il bambino, indipendentemente dai tempi della ripresa dei cicli mestruali.

Recupero del ciclo mestruale dopo il parto

Mestruazioni dopo il parto: ripresa, assenza, violazione

È noto che dopo il parto, il corpo di una donna ha bisogno di un po 'di tempo per normalizzare quegli organi e sistemi che hanno subito cambiamenti durante la gravidanza e il parto. Questo di solito richiede 6-8 settimane. L'eccezione sono le ghiandole mammarie e il sistema ormonale: per ripristinarle è necessario più tempo. È con i cambiamenti ormonali che è associato il ripristino del ciclo mestruale. Questo complesso processo merita una discussione dettagliata..

Una piccola escursione nella fisiologia

Immediatamente dopo la nascita, il livello di proteine ​​prodotte dalla placenta e regola molti processi metabolici nel corpo della gestante diminuisce drasticamente. Sezioni speciali del cervello - l'ipotalamo e la ghiandola pituitaria - sono una sorta di "conduttori" delle ghiandole endocrine. Regolano l'attività di varie ghiandole endocrine: la ghiandola tiroidea, le ghiandole surrenali, le ovaie nelle donne e i testicoli negli uomini. Nel periodo postpartum, il sistema endocrino, in particolare la ghiandola pituitaria, produce l'ormone prolattina, che a volte viene chiamato "ormone del latte", perché stimola la formazione di latte nelle donne dopo il parto e allo stesso tempo inibisce la produzione ciclica di ormoni nell'ovaio, inibendo così i processi di maturazione ovulo e ovulazione - l'uscita dell'uovo dall'ovaio. Ecco perché la maggior parte delle donne non ha le mestruazioni durante l'intero periodo di alimentazione naturale. Se il bambino mangia solo latte materno, è probabile che l'inizio delle mestruazioni alla fine del periodo di allattamento e, in caso di alimentazione mista, le mestruazioni vengano ripristinate entro il 3-4 ° mese dopo il parto. Ma va notato che ci sono eccezioni per ogni regola e che le donne che allattano al seno i loro bambini per un periodo non superiore a un anno possono ripristinare i loro cicli mestruali nello stesso lasso di tempo..

Voglio mettere in guardia contro un errore: spesso una giovane madre è sicura che in assenza di cicli mestruali regolari durante la gravidanza, la gravidanza non può verificarsi. Questo non è vero. L'ovulazione, e quindi il concepimento, può avvenire durante questo periodo..

In assenza di allattamento, l'ovulazione si verifica in media alla decima settimana dopo il parto e la prima mestruazione al 12 °. Le mestruazioni possono comparire nella 7-9 settimana dopo il parto; in tali casi, il primo ciclo mestruale è solitamente anovulatorio, cioè non accompagnato dal rilascio di un uovo dall'ovaio.

Dopo il taglio cesareo, il ripristino del ciclo mestruale avviene come dopo il parto naturale e dipende dal metodo di alimentazione.

Cosa puoi sentire

Le escrezioni dal tratto genitale continuano dal momento della nascita fino alla 6-8a settimana del periodo postpartum. Nonostante la sua somiglianza con il sangue mestruale, specialmente nei primi 3-4 giorni, queste secrezioni differiscono nell'origine dal sangue mestruale; si chiamano lochia. Al posto della placenta separata, si forma una vasta superficie della ferita; nei primi tre giorni, lo scarico da esso è di natura sanguinolenta, quindi, mentre la ferita guarisce (dal 3-4 ° al 7 ° -10 ° giorno), diventano saccarosio sieroso e dal 10 ° giorno acquisiscono un colore bianco-giallastro, mentre il loro numero diminuisce. Nella 5-6 settimana, la dimissione dall'utero cessa ed è della stessa natura di prima della gravidanza.

Più spesso, le mestruazioni riprese dopo il parto sono di natura ciclica corretta, ma è consentito l'instaurazione di un ciclo mestruale durante i primi 2-3 cicli, che può essere espresso da un ritardo delle mestruazioni o, al contrario, da una diminuzione dell'intervallo tra le mestruazioni. Nonostante la probabilità che questi fenomeni siano normali, con tali sintomi è necessario consultare un medico per escludere malattie come i processi infiammatori degli organi genitali interni, l'endometriosi, i tumori dell'utero e delle ovaie, ecc..

Un normale ciclo mestruale dura in media 28 giorni (21-35 giorni). Il primo giorno delle mestruazioni si chiama il primo giorno del ciclo mestruale. I periodi mensili di solito durano 4-6 giorni (+ 2 giorni). La maggiore quantità di perdita di sangue si nota durante il primo e il secondo giorno. La perdita media di sangue per ciclo è di 30-35 ml (entro 20-80 ml). La perdita di sangue superiore a 80 ml per ciclo mestruale è considerata patologica.

L'intervallo tra le mestruazioni e la durata dello spotting dopo il parto può essere diverso; è importante che si "adattino" alla norma fisiologica sopra descritta.

Va notato che a volte la natura delle mestruazioni dopo il parto cambia. Quindi, se una donna ha avuto periodi irregolari prima del parto, quindi dopo il parto possono diventare regolari. Le mestruazioni dolorose prima del parto dopo il parto possono diventare indolori. Ciò è dovuto al fatto che il dolore è causato dalla cosiddetta curva dell'utero anteriormente, che complica il deflusso del sangue mestruale dall'utero. Durante la gravidanza e il parto, la posizione relativa degli organi nella cavità addominale cambia e l'utero acquisisce una posizione più fisiologica.

Possibili irregolarità mestruali

Uno dei motivi per la violazione del ripristino del ciclo mestruale dopo il parto può essere l'iperprolattinemia. Nella ghiandola pituitaria, si forma l'ormone prolattina (in quantità minori, questo ormone si forma anche negli uomini). Normalmente, in una donna, il livello di prolattina nel sangue aumenta durante la gravidanza e l'allattamento, che porta alla secrezione di latte da parte delle ghiandole mammarie. Non appena una donna smette di nutrire il suo bambino, i livelli di prolattina si riducono alla normalità. Se il livello di prolattina aumenta indipendentemente dalla gravidanza o non torna alla normalità dopo l'interruzione dell'allattamento al seno, questa condizione è chiamata iperprolattinemia patologica (PG). Come già notato, la prolattina sopprime l'ovulazione. Ecco perché la conservazione di una maggiore quantità di prolattina dopo l'allattamento può causare l'assenza di mestruazioni.

Tale situazione è più spesso associata all'aumentata funzione delle cellule pituitarie che secernono prolattina, il cui numero rimane normale o aumenta leggermente. Un'altra causa di iperprolattinemia può essere il prolattinoma - un tumore (adenoma) della ghiandola pituitaria che produce prolattina. Questa è la causa più comune di GHG durante un periodo non associato all'allattamento. Il prolattinoma ipofisario è una massa benigna. Gli specialisti chiamano questa formazione un tumore solo perché porta ad un aumento delle dimensioni della ghiandola pituitaria. La causa dell'iperprolattinemia alla fine dell'allattamento al seno può essere la mancanza di funzionalità tiroidea (ipotiroidismo), che viene facilmente rilevata misurando il livello dell'ormone stimolante la tiroide (TSH) nel sangue e viene facilmente corretta nella hall della terapia sostitutiva con farmaci ormonali tiroidei (L-tiroxina).

Uno dei sintomi della PG può essere una violazione del ritmo delle mestruazioni (oligo- o opsomenorrea - una diminuzione della quantità di sangue mestruale o accorciamento del sanguinamento mestruale), fino alla loro completa cessazione (amenorrea), poiché un aumento del livello di prolattina interrompe la formazione dell'ormone follicolo-stimolante (FSH) e la luteina ), che regola il ciclo mestruale. Tali pazienti spesso soffrono di mal di testa. Alla fine dell'allattamento al seno, viene conservata la formazione di latte in piccole quantità - alcune gocce con una pressione sul capezzolo. Sullo sfondo dell'attuale squilibrio ormonale, spesso si sviluppa la mastopatia. Le donne con PG possono sviluppare obesità.

I test diagnostici eseguiti per confermare la diagnosi sono abbastanza semplici. Di solito includono 15 esami del sangue per il contenuto di vari ormoni e uno studio della ghiandola pituitaria per determinare la forma della malattia. A proposito, il medico può prescrivere esami primari (un esame del sangue per il contenuto di prolattina e ormoni che caratterizzano la funzione della ghiandola tiroidea) in una clinica prenatale, ma ulteriori studi potrebbero richiedere il parere di un numero di specialisti.

Se i risultati di un esame del sangue mostrano che il livello di prolattina è elevato e non ci sono altre manifestazioni di GHG, è consigliabile ripetere l'analisi per assicurarsi che questo non sia un errore. È necessario controllare la funzione della ghiandola tiroidea, nonché determinare il livello di altri ormoni. Per studiare la ghiandola pituitaria, viene utilizzata la tomografia..

Di solito, le compresse sono prescritte per il trattamento di GHG. Il farmaco più testato per il trattamento dell'iperprolattinemia è la Bromkriptin (Parlodel). Altri farmaci sono anche usati: Lysenil, Abergin, Metergoline, Cabergoline (Dostinex). Tutti questi farmaci aiutano a ridurre il rilascio di prolattina, il cui livello nel sangue spesso scende alla normalità entro poche settimane dall'inizio del trattamento. Nelle donne, mentre la prolattina si normalizza, il ciclo mestruale viene ripristinato.

Un'altra complicazione che porta alla disfunzione mestruale dopo il parto è l'ipopituitarismo postpartum (sindrome di Sheehan). Questa malattia si sviluppa a causa di cambiamenti necrotici - "morte cellulare" nella ghiandola pituitaria. Tali cambiamenti possono verificarsi a seguito di sanguinamenti massicci nel periodo postpartum, dopo gravi complicanze settiche (batteriche) del parto, come la peritonite postpartum 1 o la sepsi 2. La grave gestosi della seconda metà della gravidanza, manifestata da edema, comparsa di proteine ​​nelle urine, aumento della pressione sanguigna, raramente sindrome convulsiva, può anche causare la sindrome di Sheehan, a causa dello sviluppo della coagulazione intravascolare (DIC). La frequenza della sindrome di Sheehan è dello 0,1%, ma con sanguinamenti postpartum o post-aborto massicci raggiunge il 40%.

Poiché questa è una violazione del ripristino del ciclo mestruale, si dovrebbe dire che una delle manifestazioni della sindrome di Sheehan è l'amenorrea - l'assenza di mestruazioni o oligomenorrea - una diminuzione della quantità di sangue mestruale fino a piccoli spotting. Il grado di disfunzione mestruale, così come la funzione di altre ghiandole endocrine, dipende dall'entità della lesione ipofisaria. Anche prima dell'inizio delle irregolarità mestruali, compaiono tali sintomi della sindrome di Sheehan, come mal di testa, affaticamento, debolezza, freddezza, ipotensione (diminuzione della pressione sanguigna), significativa perdita di peso, piccolo edema (pasticcità) degli arti inferiori e superiori, pelle secca, alopecia.

La diagnosi si basa sull'anamnesi (una relazione tra l'insorgenza della malattia e ruoli complicati), manifestazioni caratteristiche e reperti ormonali che mostrano una diminuzione degli ormoni della ghiandola pituitaria delle ovaie.

Il trattamento di questa malattia si basa sulla terapia ormonale sostitutiva, quando usano farmaci speciali cercano di compensare gli ormoni che devono essere prodotti nella ghiandola pituitaria e in altre ghiandole endocrine, comprese le ovaie. Sono prescritti farmaci glucocorticoidi, farmaci tireotropici. Con oligo e amenorrea, gli ormoni sessuali sono prescritti per compensare la mancanza di ormoni prodotti dalla ghiandola pituitaria e dalle ovaie. Il trattamento viene eseguito da un ginecologo insieme a un endocrinologo.

Ancora una volta, voglio ricordarti che se hai dei dubbi sul ripristino del ciclo mestruale, devi consultare un medico. A proposito, una prolungata assenza di mestruazioni dopo il parto può anche indicare l'inizio di una nuova gravidanza.

1 Peritonite - infiammazione del peritoneo - una sottile membrana di tessuto connettivo che copre le pareti e gli organi della cavità addominale.

2 Sepsi - una condizione in cui l'agente causale dell'infezione entra nel sangue.

Per domande di carattere medico, assicurati di consultare prima il medico.

Up