logo

La vaccinazione è una misura preventiva contro varie malattie, quindi i bambini vengono vaccinati sin dalla tenera età. I medici praticamente non danno consigli su cosa è permesso fare dopo questo e cosa è proibito. Di norma, puoi solo sentire da loro che il bambino non può essere lavato per diversi giorni.

Perché è vietato il contatto con l'acqua? Quando posso fare il bagno al mio bambino dopo la vaccinazione? Cosa dovrebbero fare i genitori se un bambino non può addormentarsi senza le procedure dell'acqua serale? Le giovani madri sono molto preoccupate per questi problemi..

Molte madri sono interessate al motivo per cui i medici non raccomandano di fare il bagno a un bambino dopo la vaccinazione.

Perché è vietato fare il bagno a un bambino dopo la vaccinazione?

Tra i motivi più comuni per cui i pediatri non sono autorizzati a fare il bagno al bambino dopo la vaccinazione sono i seguenti:

  • è severamente vietato pettinare il sito di iniezione e il contatto della pelle con l'acqua, al contrario, contribuirà al desiderio del bambino di graffiare;
  • la vaccinazione è stress per un piccolo organismo, un vaccino riduce l'immunità immatura, le procedure idriche, specialmente quelle lunghe, possono causare eccitazione del sistema nervoso, portare all'ansia e all'ansia di un bambino e durante questo periodo un tale carico è completamente inutile.

In alcuni casi, i medici proibiscono categoricamente il nuoto. Prima di tutto, si tratta di lezioni in piscina o di fisioterapia, che prevedono il contatto diretto del bambino con l'acqua (doccia, vasca). Perché tale bagno dovrebbe essere posticipato e di quanto? Il fatto è che nelle pareti di un policlinico o di una piscina, dove la madre conduce il bambino, c'è un'alta probabilità di incontrare persone malate che sono una fonte di infezione da batteri o virus. Se l'immunità del bambino è indebolita dalla vaccinazione, questo rischio aumenta.

Procedure idriche dopo vaccinazione contro rosolia, morbillo, parotite

Se il bambino è stato vaccinato contro rosolia, morbillo o parotite, il contatto con l'acqua è vietato per il giorno successivo (si consiglia di leggere: quale dovrebbe essere la normale risposta alla vaccinazione contro il morbillo?). Il vaccino contro queste infezioni può avere i seguenti effetti sulla condizione del corpo del bambino:

  • una violazione dei ritmi biologici;
  • alcuni valori degli indicatori del sangue peggiorano;
  • ci saranno cambiamenti nel funzionamento del sistema nervoso.
Dopo la vaccinazione, il bambino ha spesso un malfunzionamento nel regime giornaliero: immediatamente dopo la procedura, può addormentarsi per diverse ore, quindi svegliarsi ed essere cattivo. In questo caso è vietato nuotare.

Fare il bagno dopo un test di Mantoux

Il sito di iniezione per la reazione di Mantoux non deve essere bagnato, tanto meno lavato. Le procedure idriche dovranno essere posticipate di tre giorni. Un ulteriore pericolo sono i sali e il cloro dannosi per la pelle contenuti nell'acqua. Queste sostanze possono aumentare il prurito, compresa l'area in cui è stata erogata l'iniezione. Di conseguenza, il test di Mantoux aumenterà di dimensioni, superando la norma e il risultato della reazione alla tubercolosi sarà errato.

Se fare il bagno dopo un'iniezione contro DTP?

La DTP è una di quelle vaccinazioni difficili da prendere per i bambini. Dopo di ciò, la temperatura aumenta quasi sempre, poiché il sistema immunitario inizia ad agire attivamente e sviluppa corpi protettivi contro tre malattie contemporaneamente.

È meglio rifiutare le procedure igieniche dopo la vaccinazione con DTP per un po ', rimandandole per 24-48 ore (si consiglia di leggere: vaccinazione per bambini con DTP). Durante questo periodo, è necessario osservare le condizioni del bambino, poiché la reazione del sistema immunitario potrebbe non verificarsi immediatamente. Fare il bagno in combinazione con l'alta temperatura e un deterioramento del benessere generale non porterà sicuramente alcun beneficio al bambino. Sarà possibile riprendere le normali procedure non appena le condizioni del bambino saranno completamente normalizzate..

Procedure idriche dopo la vaccinazione con BCG

I pediatri non vietano di fare il bagno al bambino dopo il vaccino BCG, ma solo se il bambino si sente bene. Questa regola funziona per la maggior parte degli altri vaccini. Già lo stesso giorno in cui è stata fatta l'iniezione contro BCG, puoi riscattare il bambino.

Fare il bagno dopo la vaccinazione contro l'epatite

Dopo l'introduzione del vaccino contro l'epatite, non vi sono rigidi divieti al contatto con l'acqua. Tuttavia, in questo caso, è necessario prestare attenzione alle condizioni generali delle briciole. Se non vi è alcuna reazione negativa a un vaccino contro l'epatite, le procedure igieniche possono essere avviate quasi immediatamente (vedere anche: Vaccino contro l'epatite B: effetti collaterali nei bambini). Sarà possibile fare il bagno al bambino lo stesso giorno in cui è stata effettuata la vaccinazione per l'epatite, solo è necessario mantenere una temperatura dell'acqua accettabile - nell'intervallo 36-39 gradi.

Briciole da bagno dopo la vaccinazione contro la poliomielite

La situazione è diversa se l'iniezione è stata eseguita per via intramuscolare o sottocutanea. Complicanze ed effetti collaterali compaiono spesso dopo un simile metodo di vaccinazione contro la poliomielite. Quando in questo caso sarà possibile riscattare le briciole? Qui si applica la regola di cui sopra: è necessario monitorare le condizioni del bambino e agire sulla situazione.

Con la vaccinazione orale contro la poliomielite, l'unica controindicazione è l'ingestione di cibo e acqua per due ore. Puoi fare il bagno con la buona salute del bambino

Raccomandazioni generali

Ad alcuni bambini non piacciono le procedure per l'acqua, in questo caso, dopo la vaccinazione, non dovrebbero essere costretti a fare il bagno. Se i genitori pensano che il bambino ne abbia bisogno, allora dovresti aderire ad alcuni consigli:

  1. Se c'è qualche dubbio se sia possibile fare il bagno a un bambino dopo la vaccinazione, allora puoi limitarti solo a una doccia.
  2. È necessario proteggere il bambino da forti sbalzi di temperatura dopo aver visitato il bagno, ad esempio, se la stanza è abbastanza fresca (sotto i 20 gradi), l'acqua non dovrebbe in nessun caso essere calda e si dovrebbe limitare il periodo in cui il bambino è nell'acqua.
  3. Durante le procedure igieniche, non è necessario strofinare il corpo con una salvietta, in particolare l'area della pelle in cui è stata effettuata l'iniezione, altrimenti la superficie potrebbe essere danneggiata.

Quindi, in quali casi è consentito fare il bagno ai bambini dopo la vaccinazione? Quasi sempre, ma ci sono rare eccezioni. Di per sé, le procedure igieniche nell'acqua non rappresentano alcun pericolo per la salute delle briciole, le condizioni in cui vengono eseguite sono spesso dannose. È necessario escludere la pettinatura del sito di iniezione dopo il contatto con l'acqua, l'ipotermia dopo aver fatto il bagno e troppo a lungo in acqua. Se segui tutte le regole e le precauzioni, il solito "rituale del bagno" per il bambino non gli farà del male, ma ti aiuterà a calmarti dopo una dura giornata.

Procedure idriche dopo DTP: pro e contro

Dopo che il bambino è stato vaccinato, i genitori hanno molte domande su quali restrizioni esistano nei primi giorni dopo questa procedura.

Molto spesso si preoccupano se è possibile fare il bagno a un bambino dopo la vaccinazione con DTP. Il corpo reagisce in modo particolarmente doloroso alla somministrazione di questo vaccino. Naturalmente, vari fattori, tra cui le procedure idriche, influenzano il benessere del bambino.

Le ragioni del divieto di nuotare

Il bagno minaccia che un'infezione o un virus che possano compromettere la salute possano arrivare al sito di iniezione. Tuttavia, i medici vietano le procedure idriche per un altro motivo. Come risultato del bagno, si verificano cambiamenti come arrossamento, febbre e irritazione.

Inoltre, il sistema immunitario dopo la somministrazione del vaccino è indebolito. Gli anticorpi vengono prodotti attivamente nel corpo. Durante il bagno, c'è il rischio di ipotermia, che è irta di raffreddore e l'inizio del processo infiammatorio.

Dopo l'immunizzazione, si osservano spesso tali reazioni del corpo:

  • ipertermia (i valori del termometro superano i 39 gradi Celsius), abbattere la temperatura con farmaci antipiretici è problematico;
  • brividi;
  • rinorrea
  • mal di testa;
  • sonnolenza;
  • irritabilità;
  • pianto;
  • debolezza;
  • apatia;
  • conati di vomito;
  • diarrea;
  • tosse;
  • spasmi
  • gola infiammata.

Le differenze di temperatura durante il bagno provocano la manifestazione di questa sintomatologia. A contatto con l'acqua, è possibile l'inizio del processo infiammatorio. La risposta del corpo al vaccino è migliorata. La situazione sta peggiorando.

Quanto tempo non può essere lavato

I medici affermano che non è possibile lavarsi durante il giorno prima della vaccinazione e tre giorni dopo. Se le condizioni del bambino non peggiorano, è necessario astenersi dalle procedure idriche per non più di un giorno. L'importante è nuotare per un breve periodo, non permettere ipotermia e surriscaldamento. Fare il bagno aiuterà il bambino a riprendersi più velocemente dopo la vaccinazione.

Quando è permesso nuotare

Se il bambino mangia con appetito, gioca e non vi è alcuna reazione del corpo al vaccino, puoi lavarlo il primo giorno dopo l'immunizzazione.

La cosa principale è osservare una serie di regole:

  1. Usa acqua bollita. Non aggiungere decotti alle erbe.
  2. Mantenere la temperatura dell'acqua entro 36-39 gradi Celsius.
  3. I bambini non possono nuotare a lungo. 5-10 minuti sono sufficienti.
  4. Il luogo di vaccinazione può essere inumidito solo con acqua, ma non strofinato con una spugna.
  5. Dopo essere uscito dal bagno, asciugare immediatamente il bambino con un asciugamano e indossarlo, evitando l'ipotermia.
  6. È necessario assicurarsi che non ci siano correnti d'aria nella stanza.

In conformità con questi requisiti, non si verificheranno conseguenze negative dopo DTP. Il bagno è consentito immediatamente dopo l'introduzione del vaccino in assenza di cambiamenti nel benessere del bambino.

Dato che la reazione alla vaccinazione si manifesta spesso il secondo giorno, si consiglia comunque di rimandare il nuoto..

Se bagnato: possibili effetti

I medici avvertono i genitori che il sito di iniezione non può essere bagnato il primo giorno. Il contatto con l'acqua aumenta il rischio di una reazione del corpo locale..

Se si bagna l'area interessata, si osservano le seguenti modifiche nel sito di vaccinazione:

  • arrossamento;
  • rigonfiamento;
  • rigonfiamento;
  • dolore
  • eruzioni cutanee;
  • formazione di compattazione;
  • zoppaggine.

I microrganismi patogeni si trovano nell'acqua, provocando l'inizio del processo infiammatorio. Quando penetrano nella ferita aperta, inizia la suppurazione.

Per eliminare gli effetti collaterali, è necessario un intervento chirurgico. I preparati locali con formazione di pus nel sito di iniezione sono inefficaci.

Il sito di iniezione era bagnato: cosa fare

È impossibile bagnare la vaccinazione DTP, ma se ciò è accaduto, non fatevi prendere dal panico. È necessario bagnare il sito di iniezione con un asciugamano. Strofinarlo è severamente proibito. Tali azioni aggraveranno la situazione..

Se si verifica una reazione locale, l'area interessata viene trattata con unguento di Troxevasin.

Il farmaco migliora la circolazione sanguigna e il sigillo inizia a risolversi. Il dolore viene interrotto, il prurito e l'infiammazione vengono eliminati.

Le compresse non possono essere applicate al sito di iniezione. È anche vietato utilizzare agenti antisettici e applicare metodi di medicina tradizionale. Tutte le azioni sono coordinate con il medico. L'automedicazione è inaccettabile.

Le conseguenze del bagno: quando hai bisogno dell'aiuto di un medico

La risposta al vaccino DTP è normale. Tali modifiche non destano preoccupazione. Questa è la risposta immunitaria del corpo, in cui inizia la sintesi di anticorpi e la creazione di una barriera protettiva alle infezioni. Il deterioramento della salute dopo il bagno non è un motivo per consultare un medico.

Esistono numerosi segnali di avvertimento derivanti dal contatto con l'acqua..

Quando si verificano i seguenti sintomi con un appello a un'istituzione medica, non puoi esitare:

  • il bambino piange continuamente per tre ore;
  • il sito di iniezione è molto gonfio, una macchia rossa o un sigillo di diametro supera gli 8 centimetri;
  • ascesso purulento apparso nella zona di iniezione;
  • dopo ogni pasto si nota il vomito;
  • la temperatura supera i 39 gradi Celsius e non scende nemmeno quando si usano farmaci antipiretici;
  • la pelle diventa cianotica o gialla;
  • c'è un arresto respiratorio temporaneo;
  • si verifica perdita di coscienza;
  • appare una grave forma di allergia (shock anafilattico, edema di Quincke);
  • i crampi compaiono in assenza di ipertermia.

Con tali sintomi, i genitori devono consultare un medico e parlare delle azioni svolte nel periodo post-vaccinazione. Non solo il nuoto può portare allo sviluppo di complicazioni pericolose. Queste informazioni aiuteranno il pediatra a valutare la situazione e scegliere le tattiche di trattamento..

L'opinione dei dottori

Il compito principale dei genitori è di mantenere la solita routine e prevenire lo stress. Se un bambino è abituato a nuotare prima di andare a letto, rifiuta categoricamente di fare il bagno.

La cosa principale è prevenire un'esposizione prolungata all'acqua e all'ipotermia. L'opzione migliore è fare la doccia o lavare con acqua calda.

Molti medici affermano che non ci sono seri ostacoli al bagno nel periodo post-vaccinazione. Al contrario, qualsiasi disagio sperimentato dal bambino influisce negativamente sull'attività del sistema immunitario.

Un breve bagno senza l'uso di detergenti non è in grado di peggiorare la condizione. La cosa principale è che la temperatura dell'acqua rientra nei limiti normali e il bambino non si surriscalda.

Se al bambino non piace fare il bagno e durante le procedure fa gli scoppi d'ira, piange costantemente, è meglio rimandare le visite al bagno per i primi giorni dopo l'introduzione del siero. Non sovraccaricare il corpo indebolito con ulteriori emozioni negative.

Sarà sufficiente pulire il bambino con salviettine umidificate o un asciugamano precedentemente inumidito con acqua.

È severamente vietato strofinare il luogo della vaccinazione con un panno o una spugna. È sufficiente lavare l'area interessata semplicemente dal sudore accumulato. Se i genitori hanno deciso di impedire al bambino di fare il bagno per questo periodo, è necessario assicurarsi che il sito di iniezione rimanga pulito.

Il sudore accumulato sulla ferita può portare all'insorgenza di un processo infiammatorio locale. Il gonfiore appare sulla pelle. Il posto dove è stato somministrato il vaccino sta arrossendo. Eruzioni cutanee simili a una reazione allergica e compattazione non sono escluse.

Nel periodo post-vaccinazione, non sono necessarie ulteriori manipolazioni. Cercare di alleviare le condizioni del bambino può portare a un aggravamento della situazione..

Con l'introduzione del vaccino DTP, si verificano spesso effetti collaterali. Pertanto, dopo l'immunizzazione, ci sono una serie di limitazioni, tra le quali merita particolare attenzione l'abbandono delle procedure idriche.

Non esiste un divieto definitivo di nuoto. Se non ci sono cambiamenti nelle condizioni, sarà utile un lavaggio rapido. Un'altra cosa è se il bambino ha reagito dolorosamente al vaccino. Allo stesso tempo, fare il bagno dovrebbe essere ritardato fino a quando non ti senti normale..

È possibile fare il bagno a un bambino dopo la vaccinazione contro l'epatite

È abbastanza comune tra i genitori che è severamente vietato fare il bagno a un bambino dopo un vaccino contro l'epatite B. Ci sono molti pregiudizi sull'azione dell'acqua. Alcuni credono che neutralizzi il vaccino o reagisca con i suoi componenti. Pertanto, si verifica un panico quando l'umidità è caduta accidentalmente nel sito di iniezione. È necessario scoprire se l'acqua è davvero così pericolosa per il bambino che può peggiorare la sua salute dopo la vaccinazione. I genitori dovrebbero considerare quando è vietato fare il bagno..

Quanti giorni

C'è un malinteso sul fatto che la vaccinazione DTP abbia alcune caratteristiche comuni con il test di Mantoux, a causa del fatto che a quest'ultimo è vietato bagnare (anche se non categoricamente). La raccomandazione per limitare il bagno è principalmente associata al rischio di malattie gravi che possono peggiorare sullo sfondo di una diminuzione delle proprietà protettive del corpo dopo un'iniezione. L'acqua che entra nel sito di iniezione è completamente sicura..

Con una buona salute, puoi nuotare dopo la vaccinazione con DTP il primo giorno dopo la manipolazione. Con gli effetti collaterali (febbre, tosse, ecc.), Non puoi fare il bagno al bambino, poiché vari fattori dell'ambiente estraneo possono scatenare un raffreddore, gravi complicazioni.

Se i sintomi dolorosi persistono il terzo o il quarto giorno dopo la data in cui l'iniezione era necessaria per aumentare l'immunità, il paziente deve essere mostrato al medico e agire secondo le sue istruzioni successive.

Raccomandazioni chiave nel periodo post-vaccinazione


Prima di tutto, non essere timido nel porre domande e chiedere consiglio al medico. Dopotutto, è lui che può parlare delle possibili reazioni al vaccino e cosa fare quando compaiono.
Non abbiate fretta di lasciare immediatamente il centro medico in cui sono stati vaccinati. Dovresti sederti lì per circa mezz'ora, preferibilmente vicino all'ufficio del medico. Ciò contribuirà a rilassare e, in caso di effetti collaterali, il tuo bambino sarà rapidamente aiutato.

Perché non puoi fare il bagno al bambino dopo la vaccinazione. Opinioni e pregiudizi

Gli esperti raccomandano di condurre procedure in acqua il giorno prima dell'iniezione del vaccino e di fare il bagno successivo per effettuare solo il giorno successivo o due giorni dopo l'iniezione. L'effetto di tale divieto è determinato dal desiderio di proteggere l'immunità indebolita del bambino dagli effetti di fattori ambientali patogeni (acqua grezza, sporca, temperatura del bagno).

I sintomi della febbre possono essere compresi dai livelli di malumore e disattenzione dei bambini. Se non corrispondono alla norma, è severamente vietato fare il bagno e qualsiasi altra procedura per l'acqua. Questo spiega perché in nessun caso dovresti fare il bagno a tuo figlio se non ti senti bene. Se il bambino ha uno stato normale, buon appetito e buon umore, è permesso nuotare quasi immediatamente dopo la vaccinazione, non ci sono restrizioni.

Le opinioni della mamma

Una delle domande più comuni delle madri è: "Posso ottenere il vaccino DTP?".

Le mamme spesso confondono le vaccinazioni contro la pertosse, la difterite, il tetano e il Mantoux, quindi credono erroneamente che non dovresti mai bagnare il vaccino DTP. Questo è un mito comune. Dopo l'introduzione del farmaco, puoi fare un impacco di acqua, senza paura di una reazione negativa del corpo. Il problema principale dopo la vaccinazione non è il contatto del sito di iniezione con l'acqua, ma il sistema indebolito del corpo, che non è in grado da qualche tempo di respingere i fattori esterni, che possono successivamente portare a gravi malattie.

L'opinione dei dottori

I pediatri ritengono che dopo la somministrazione del vaccino valga davvero la pena astenersi dal lavaggio per circa 48 ore, ma credono anche che l'umidità sulla zona della pelle in cui è stato iniettato il vaccino non influisca sull'immunità. Questo punto di vista è spiegato come segue: il sistema immunitario dei bambini dopo qualsiasi tipo di vaccinazione è debole, gli anticorpi vengono prodotti a una velocità tremenda, motivo per cui il rischio di qualsiasi malattia è significativamente aumentato. L'immunità, incapace di fornire una resistenza adeguata, è esposta a un'infezione esterna e la malattia insorge. I medici insistono anche sul fatto che la vaccinazione durante la gravidanza fa più male che bene.

I medici raccomandano di limitare le procedure per il bagno di un neonato per un massimo di due giorni al fine di dare al suo corpo il tempo di riprendersi.

È possibile fare il bagno a un bambino dopo la vaccinazione con DTP

Nonostante le raccomandazioni, molte persone pensano ancora che sia possibile fare il bagno a un neonato dopo la vaccinazione con DTP se si sente bene. Parzialmente. È impossibile nuotare categoricamente in presenza di tali sintomi di una manifestazione di malessere:

  • rinorrea
  • tosse;
  • letargia;
  • febbre;
  • qualsiasi altra manifestazione di deterioramento.

Quando è meglio astenersi e quanto non si può fare il bagno a un bambino dopo la vaccinazione

I bambini non devono limitare completamente il bagno. La cosa principale è monitorare costantemente il bambino: misurare la sua temperatura, controllare le sue condizioni. Con un eccellente indicatore di salute, è consentito nuotare e questo non è pericoloso. Se ci sono sospetti sulla cattiva salute del bambino, è meglio rimandare eventuali procedure idriche per il tempo necessario per un completo recupero. Dobbiamo cercare di fornirgli la massima pace..

Le vaccinazioni DTP sono considerate tra le più difficili dell'intero calendario delle vaccinazioni. Questo perché il bambino deve combattere immediatamente con tre infezioni, la più reattiva delle quali è la pertosse bacillo. Da un lato, gli effetti collaterali sono stress per un complesso immunitario fragile e, dall'altro, la loro manifestazione indica i processi corretti di formazione di una barriera antibatterica.

Per ridurre la probabilità di complicanze dopo la somministrazione di DTP, è importante mostrare il piccolo paziente al pediatra prima della manipolazione. Forse identificherà e differenzerà le controindicazioni gravi o false alla procedura, ad esempio infezioni respiratorie acute, esacerbazione della patologia cronica, sindrome convulsiva, immunodeficienza e così via. Se tali condizioni sono confermate, la vaccinazione verrà annullata o rinviata..

Secondo la classificazione medica, si distinguono tali gradi di reazione corporea alla vaccinazione (a seconda della temperatura corporea):

  • debole - fino a 37.5 ° C incluso;
  • media - 37,6-38,5 ° C;
  • forte - superiore a 38,5 ° C.

Con un aumento della temperatura corporea, puoi dare ai bambini un quarto di una compressa di analginum, dato il fatto di una possibile allergia o intolleranza. I medici non raccomandano l'uso di altri farmaci e sono invitati a cercare sempre il parere di un esperto..

Quando posso fare il bagno al mio bambino dopo la vaccinazione DTP?

I medici non raccomandano di fare il bagno al bambino immediatamente dopo la vaccinazione, anche se in buona salute. Di solito i bambini sono autorizzati a eseguire procedure idriche non il primo giorno, ma almeno dopo due giorni.

In caso di cattive condizioni stabili dei bambini, anche il quarto giorno, i genitori dovrebbero consultare un medico per un aiuto qualificato.

Tutto sui bambini

Per non essere disabilitato

- Il fatto è che il livello di immunità alla poliomielite nei bambini si forma oggi esclusivamente con mezzi artificiali, cioè attraverso l'immunizzazione, perché i bambini di età superiore ai tre mesi vengono vaccinati contro la poliomielite.
Nel primo anno di vita, il bambino viene vaccinato tre volte e la rivaccinazione (reintroduzione del vaccino) viene effettuata a 18 mesi, a tre anni, a sei e quattordici anni. Le prime due vaccinazioni vengono eseguite per via intramuscolare: viene introdotto il cosiddetto vaccino inattivato per la poliomielite, che contiene i virus uccisi della malattia. La terza vaccinazione e rivaccinazione viene effettuata da un vaccino orale vivo..

Se hai vaccinato un bambino, anche se è al centro dell'infezione, rimarrà sano. Ma se il bambino non viene vaccinato, corre il rischio di ammalarsi. E ammalarsi è molto difficile.

Sintomi della malattia

- La poliomielite è una malattia virale acuta che viene trasmessa da una persona malata a goccioline sane e fecali-orali e sospese nell'aria.

Il virus stesso può vivere nell'acqua e nel suolo. Inoltre, tollera perfettamente temperature sia basse che relativamente alte..

Una volta nell'intestino, il virus inizia a proliferare, causando disturbi intestinali. Già dall'intestino, penetra nel flusso sanguigno, quindi con il flusso di sangue ai linfonodi e quindi nel tessuto cerebrale. Le cellule nervose e i tessuti colpiti dal virus muoiono, motivo per cui il paziente sviluppa paralisi o paresi degli arti.

Di norma, la malattia inizia improvvisamente: la temperatura del bambino aumenta bruscamente, spesso appare un naso che cola, si lamenta di nausea, pesantezza alla testa, affaticamento e mal di gola...

Spesso, molte madri non sospettano nemmeno che il bambino sviluppi la poliomielite, quindi non hanno fretta di chiamare un medico, curare il bambino da soli. Per qualche tempo, potrebbe sentirsi meglio, ma poi appare dolore alle gambe e alla schiena, il bambino perde conoscenza. Quindi i genitori si rendono conto che il problema è grave e chiamano l'ambulanza.

- Ma i focolai di poliomielite in Russia non si verificano da molto tempo...

- A metà degli anni '90 fu registrato un focolaio di poliomielite nel territorio dell'ex Unione Sovietica. Quindi i rifugiati dalla Cecenia e dalle repubbliche dell'Asia centrale si sono riversati a Mosca, Tver, Yaroslavl e altre città della Russia centrale. Dopo il crollo del paese, i bambini, come sapete, non sono stati vaccinati, quindi erano molto malati. Penso che se le madri e i padri di oggi vedessero come questi bambini sono stati poi tormentati, non farebbero nemmeno una domanda - dovrebbero vaccinare i loro figli dalla poliomielite o no.

Distruggi il virus. Veramente?

- Sì, in Tagikistan. Nel 2010, è stato da lì che lo hanno portato nel territorio del nostro paese.

- L'umanità è riuscita a sconfiggere il vaiolo, forse la poliomielite sarà in grado di sconfiggere nel prossimo futuro?

- Non credo che nei prossimi anni saremo in grado di distruggere questo virus. E dato il fatto che numerosi rifugiati provenienti dall'Afghanistan, dall'Africa e dal Medio Oriente oggi hanno letteralmente inondato l'Europa, è quasi impossibile parlarne affatto. Pertanto, quando qualcuno inizia a sostenere che l'Europa si è liberata dalla poliomielite, sono scettico al riguardo.

A proposito, fino a poco tempo fa tutti erano sicuri che non esistesse il morbillo in Europa, ma tre anni fa lo scoppio di questa malattia non si è verificato in Pakistan e in Africa, ma nella prosperosa Berlino e Parigi. Da lì, il morbillo è arrivato in Russia.

Vivo o morto?

- Tutto il discorso sui pericoli delle vaccinazioni preventive, penso per lo più inverosimile. Sì, non tutti i bambini tollerano bene la vaccinazione, qualcuno ha la febbre nei primi giorni dopo la vaccinazione, i bambini si sentono male, ma, di regola, tutti questi sintomi scompaiono in due o tre giorni. In ogni caso, la conclusione, da vaccinare o meno, è data dal medico, che deve esaminare il bambino prima di questo.

- Ma molte madri e padri credono che i vaccini domestici siano di scarsa qualità, quindi i bambini hanno complicazioni. Che ne dici di questo??

- Voglio fare una domanda: in che modo i genitori determinano la qualità del vaccino? Sì, la reazione nei bambini può essere molto diversa. Non è un segreto Ma gli antibiotici possono anche essere allergici, tuttavia, molte madri li acquistano senza prescrizione medica in farmacia e li usano in modo incontrollato anche quando il loro bambino non ne ha bisogno. Per quanto riguarda i vaccini, passano attraverso un controllo molto severo, quasi meno severo dei farmaci.

- Un'altra domanda dei genitori: è possibile vaccinare un bambino con un vaccino non vivente?

- Negli ultimi anni, la Russia ha iniziato a utilizzare il vaccino inanimato - inattivato -. Il fatto è che se un vaccino viene vaccinato con un vaccino vivo per un bambino con immunodeficienza, ciò può portare a una grave complicazione: la polio associata al vaccino. Ecco perché utilizziamo vaccini sia vivi che non viventi. Ripeto, le prime due vaccinazioni sono somministrate da un vaccino non vivente proprio per evitare successivamente le complicazioni associate alla somministrazione di un vaccino vivo all'interno.

Non portare all'asilo!

- I capi delle istituzioni prescolastiche fanno assolutamente bene! Nelle scuole materne, durante la vaccinazione contro la poliomielite, i bambini non vaccinati devono essere isolati da coloro che hanno ricevuto un vaccino vivo, poiché il virus viene rilasciato entro un mese nell'ambiente esterno. Ma, come ha recentemente spiegato Anna Popova, Chief Sanitary Officer della Russia, i leader del DOU devono offrire ai bambini non vaccinati l'opportunità di visitare le strutture. Tuttavia, non saranno ammessi al gruppo di bambini vaccinati con un vaccino vivo..

Regole generali per il bagno dopo la vaccinazione

Esistono regole speciali per il bagno di un neonato dopo la somministrazione di DTP.

  1. Il bagno non dovrebbe richiedere molto tempo..
  2. L'acqua dovrebbe essere calda, ma non calda.
  3. Avvolgi il bambino solo con un pannolino pulito e un asciugamano.
  4. Assicurati di disinfettare il bagno o altro luogo di balneazione con agenti antibatterici.
  5. Non utilizzare gel doccia e shampoo "aggressivi".
  6. Assicurati di tenere la testa del bambino con la mano.

Non è necessario chiudere la papula, tuttavia, se il bambino sta nuotando in acqua non bollita, questa azione non diventerà superflua. In questo caso, verrà in soccorso una normale toppa in tessuto con cotone.

Non puoi fare il bagno al bambino dopo la vaccinazione, oppure puoi ancora?

La maggior parte dei bambini ama i trattamenti con acqua e sono pronti a sguazzare nel bagno per ore e ore. Questa attività aiuta molti a calmarsi prima di andare a letto la sera. Tuttavia, dopo la vaccinazione, il medico spesso impone il divieto di nuoto - per un giorno o più. Cosa dovrebbero fare i genitori: fidarsi dei dottori o andare avanti con quelli del bambino.

Cosa spiega il divieto delle procedure idriche dopo la vaccinazione

Ogni vaccino è un intervento nel lavoro del corpo del bambino, uno shock per il sistema immunitario, che non è ancora completamente formato. Inizia la produzione attiva di anticorpi contro i patogeni introdotti. In alcuni bambini questo è accompagnato da un leggero aumento della temperatura, in altri non esiste una reazione del genere - tuttavia, l'immunità in ogni caso si indebolisce, può comparire mal di gola, moccio, tosse, ecc. Se si aggiungono fattori avversi esterni a questo, il rischio di complicanze aumenta.

Fare il bagno a un bambino è una procedura di tempera. Dopotutto, la parte superiore del corpo delle briciole per lungo tempo è sopra l'acqua calda (raffreddata) e rotola solo periodicamente con essa.

Il bagno è una procedura di indurimento per il bambino, perché la schiena e il torace vengono periodicamente raffreddati e quindi riscaldati con acqua

Questo è molto utile per un bambino sano, ma se il suo corpo è indebolito, potrebbero sorgere problemi:

  1. L'acqua del rubinetto non è sterile, ma la pelle, sebbene piccola, è ancora una ferita in cui i batteri possono entrare.
  2. A causa del vapore del corpo nel sito di iniezione, può verificarsi compattazione (infiltrazione).
  3. Se le impurità entrano nella ferita dall'acqua, può iniziare il prurito..
  4. Essere in acqua calda può causare un aumento della temperatura, anche se era normale.
  5. C'è un alto rischio di ipotermia seguito dallo sviluppo di un raffreddore.
  6. Il surriscaldamento del corpo può sovraccaricare il sistema nervoso e questo è un onere aggiuntivo.

Una piccola ferita rimane sempre nel sito di iniezione - i batteri possono entrare attraverso l'acqua

Nel frattempo, alcuni pediatri (incluso il Dr. E. Komarovsky) sono abbastanza fedeli alla possibilità di fare il bagno dopo la vaccinazione. A loro avviso, se il bambino si sente normale dopo aver ricevuto il farmaco, non c'è aumento della temperatura, quindi è del tutto possibile accontentarlo con le procedure dell'acqua. Tuttavia, sono ancora necessarie precauzioni:

  1. Il bagno dovrebbe essere di breve durata. È meglio sostituire il sedile del bagno con una doccia calda.
  2. Non rendere l'acqua troppo calda (non creare un forte contrasto con la temperatura dell'aria), le correnti d'aria non sono consentite in bagno.
  3. Non è consentito strofinare il sito di iniezione con un panno e un asciugamano.
  4. Per un effetto antisettico e sedativo, versa un decotto di camomilla, valeriana nel bagno, gocciola un po 'di olio di lavanda.
  5. Dopo il lavaggio, il raffreddamento eccessivo è inaccettabile: il bambino deve immediatamente essere vestito calorosamente.

Galleria fotografica: precauzioni per il bagno dopo la vaccinazione

Video: azioni dopo la vaccinazione (racconta il Dr. E. Komarovsky)

Per quanto riguarda la visita alla piscina, deve essere posticipato. Lì, il bambino contatta molte persone, è probabile che tra loro ci saranno portatori della malattia. E per un organismo indebolito da un vaccino, questo è pericoloso. Lo stesso vale per il nuoto in acque libere..

Una visita in piscina dopo la vaccinazione deve essere posticipata.

Video: visita la piscina dopo la vaccinazione

Possibilità di nuotare dopo alcune vaccinazioni

La possibilità di fare il bagno dipende anche da quale vaccino il bambino ha ricevuto e in che modo (per via orale o iniezione). Quindi, dopo la vaccinazione contro la poliomielite o l'influenza (gocce in bocca), è abbastanza possibile lavarsi.

Dopo la vaccinazione orale contro la poliomielite, è del tutto possibile nuotare

Le iniezioni contro la tubercolosi (BCG) e l'epatite sono anche considerate relativamente sicure in termini di procedure idriche (naturalmente, a condizione che le briciole siano in buona salute).

Dopo la vaccinazione con CPC (contro morbillo, parotite, rosolia), le procedure in acqua devono essere posticipate di almeno un giorno. Questo vaccino influisce temporaneamente sull'emocromo, sulla funzione del sistema nervoso.

Anche la DTP (vaccino contro la pertosse, la difterite, il tetano - pericolose malattie infettive) è abbastanza difficile da tollerare. Spesso provoca un aumento della temperatura nei bambini, una diminuzione dell'appetito, insonnia, malumore, senso di oppressione e arrossamento nel sito di iniezione. Il nuoto è consentito dopo la normalizzazione del bambino.

Il vaccino DTP non è ben tollerato dai bambini, quindi è meglio aspettare un po 'dopo il bagno

Per quanto riguarda il test di Mantoux (molti lo considerano erroneamente una vaccinazione), quindi a causa dell'umidità può aumentare di dimensioni, iniziare a prudere. Ciò comporterà un risultato distorto della reazione alla tubercolosi. Pertanto, è impossibile bagnare il "pulsante" per tre giorni dopo l'iniezione.

Sebbene molti medici avvertano i genitori di non fare il bagno al bambino dopo la vaccinazione, non prenderlo come un divieto categorico. In alcuni casi, le procedure idriche sono abbastanza accettabili, specialmente con la normale salute del bambino e il rispetto di determinate regole. Tuttavia, a volte nuotare è davvero meglio.

Fare il bagno dopo la vaccinazione: perché non è possibile bagnare il vaccino e cosa accadrà se si trascura questa regola?

Durante una visita medica preventiva il giorno dell'immunizzazione, il medico spiega quali reazioni al vaccino possono verificarsi in un bambino o in un adulto, in risposta all'introduzione di una preparazione immunobiologica specifica, perché è impossibile bagnare il vaccino, visitare luoghi affollati e introdurre nuovi prodotti nella dieta.

Perché non puoi bagnare il luogo della vaccinazione?

I professionisti che raccomandano di limitare le procedure idriche nei primi giorni dopo la vaccinazione, sostengono il loro punto di vista con diverse considerazioni:

  • il sito di iniezione è una piccola ferita. Proteggendo l'area di iniezione dagli effetti dell'acqua per un paio di giorni, mantengono la crosta formata che la copre;
  • l'acqua del rubinetto contiene molte impurità: sali di magnesio, ferro e calcio, cloro e sostanze organiche depositati sulla pelle durante il bagno;
  • la permanenza prolungata in un bagno caldo, un bagno o una sauna comporta un ulteriore onere per i sistemi di base del corpo, tutte le cui forze mirano a formare un'immunità specifica;
  • la differenza di temperatura durante e dopo il bagno può causare ipotermia.

Gli esperti ritengono che questi motivi siano sufficienti per smettere di fare il bagno entro due o tre giorni. Sebbene alcuni studi dimostrino che con una condizione soddisfacente del bambino, il bagno nella maggior parte dei casi non lo minaccia.

Cosa succede se ti lavi dopo la vaccinazione??

L'eccessivo entusiasmo per le procedure idriche nel periodo post-vaccinazione può causare un decorso patologico delle reazioni alla vaccinazione:

  • la ferita da iniezione cotta a vapore in acqua è una porta d'ingresso per l'infezione, che può provocare reazioni infiammatorie locali violente;
  • l'esposizione all'acqua del rubinetto clorata può causare irritazione, prurito e infiammazione di un'iniezione cutanea lesa;
  • a causa dell'ipotermia, esiste una probabilità di esacerbazione di malattie lente e manifestazioni implicite;
  • i cambiamenti di temperatura durante le procedure idriche aumentano la suscettibilità non specifica del corpo alle infezioni respiratorie.

Molti attribuiscono erroneamente il corso patologico delle reazioni alla vaccinazione all'azione del preparato immunobiologico utilizzato per la vaccinazione. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, è dovuto a errori nel regime nel periodo post-vaccinazione..

Quanti giorni non puoi fare il bagno a un bambino dopo la vaccinazione?

La durata e la gravità delle restrizioni dipendono dal grado di reattogenicità del vaccino, dallo stato di salute generale del vaccino e dalle caratteristiche del decorso delle reazioni alla vaccinazione:

  • I preparati immunobiologici privi di cellule (acellulari) - AaKDS, ADS, Infanrix, Pentaxim, vaccini contro l'epatite B, infezioni emofiliche, encefalite trasmessa da zecche, rabbia - hanno una reattività molto inferiore. Le reazioni vaccinali dopo queste vaccinazioni di solito si verificano in modo latente, senza sintomi pronunciati. La restrizione al bagno e al bagno in questi casi è valida per 24 ore, al fine di evitare infiammazioni, irritazioni e infiltrazioni nel sito di iniezione;
  • I vaccini a cellule intere (virione intero) - DTP, Tetracock, Influenza - provocano una potente risposta immunitaria del corpo, manifestata da sintomi sistemici e locali, che di solito si risolvono spontaneamente in un periodo di 72 ore. Si consiglia alle persone vaccinate con prodotti biologici reattogenici di astenersi dalle procedure idriche durante questo periodo;
  • Vaccini PDA e Priorix. Reazioni sistemiche possono verificarsi nella seconda settimana dal vaccino. Si astengono dopo il bagno solo nel primo giorno - per prevenire lo sviluppo di reazioni infiammatorie locali nel sito di iniezione;
  • Test di Diaskintest e Mantoux. Le vaccinazioni non lo sono, vengono effettuate con l'uso di prodotti biologici che i bambini non fanno allo scopo di formare l'immunità, ma per la diagnosi precoce della tubercolosi. Non è consigliabile influenzare i test intracutanei (immergere, strofinare o pettinare, applicare soluzioni o unguenti, applicare cerotti) per non distorcere il risultato - il diametro dell'infiltrato, in base al valore di cui giudicano la presenza o l'assenza della malattia.

Non eseguire procedure idriche e non fare il bagno ai bambini dopo qualsiasi vaccinazione con febbre, debolezza, malessere, gravi manifestazioni respiratorie.

Precauzioni per il bagno

Fare un bagno caldo ha un effetto calmante su una persona e, per molti bambini, fare il bagno è un rituale serale indispensabile per un sonno tranquillo.

Pertanto, i genitori spesso trascurano il divieto di procedure in acqua, ma allo stesso tempo seguono le raccomandazioni mediche:

  • fare il bagno al bambino solo un giorno dopo la vaccinazione;
  • evitare il contrasto di temperatura tra l'acqua del bagno e l'aria nell'appartamento;
  • limitare (dimezzare) il tempo in cui un bambino rimane in acqua;
  • non influire sul sito di iniezione con un panno;
  • Questa zona viene drenata con un asciugamano in movimenti di assorbimento, non sfregamenti;
  • per 3-5 giorni, per evitare reazioni allergiche, non utilizzare olii essenziali, sali da bagno, nuovi detergenti;
  • rifiutare di visitare i bagni, le saune.

Se il bagno non è parte integrante della preparazione per coricarsi, nei primi due o tre giorni dopo la vaccinazione, le procedure igieniche si limitano al risciacquo sotto la doccia.

Piscina e vaccinazione

Se il bambino o l'adulto non ha pronunciato reazioni generali o locali al vaccino, dal quarto giorno dopo la vaccinazione, gli specialisti ti permetteranno di riprendere a visitare la piscina.

Per due o tre settimane, i genitori monitorano attentamente il bambino per prevenire ipotermia e raffreddori, che possono indebolire la tensione dell'immunità formata.

Se il periodo post-vaccinazione procede con manifestazioni sistemiche e locali gravi, astenersi dal visitare la piscina fino a quando i sintomi scompaiono completamente.

È possibile uscire dopo l'immunizzazione??

Camminare all'aria aperta fa parte di un regime post-vaccinazione se il bambino è sano e le condizioni meteorologiche lo consentono.

  • per proteggere dalle infezioni da infezioni respiratorie, si evitano luoghi affollati: scelgono i parchi per l'esercizio fisico, non i campi da gioco, non visitano i negozi;
  • nell'abbigliamento per bambini preferiscono le cose fatte con tessuti naturali;
  • non permettere la sudorazione attiva - vesti il ​​bambino in base alle condizioni meteorologiche, non permettergli di correre molto;
  • fornire un regime alimentare adeguato, specialmente nella stagione calda.

Video collegati

Perché non è possibile bagnare Mantoux? La risposta nel video:

Quando organizzano il periodo post-vaccinazione, sono guidati dalle istruzioni dei medici, la maggior parte dei quali ritiene necessario osservare un regime delicato durante i primi tre giorni dopo la vaccinazione. Se dopo questo tempo il bambino è allegro e sano, tutte le restrizioni vengono rimosse e ritorna al suo solito modo di vivere.

Quanti giorni dopo la vaccinazione un bambino può fare il bagno

L'acqua, come l'aria, è la condizione principale per la vita sulla Terra. Questa straordinaria sostanza, alcune delle cui proprietà non sono state finora indovinate dagli scienziati, ci accompagna dal primo all'ultimo minuto della nostra esistenza.

L'acqua è un potente fattore naturale di un effetto positivo sul corpo umano. Pertanto, le procedure idriche sono la condizione più importante per la cura adeguata del bambino fin dai primi giorni della sua vita. Lavaggio, sfregamento, impacchi bagnati, pediluvi freschi, bagno: tutte queste attività sono molto utili per i bambini e non solo in termini di igiene.

La necessità di fare il bagno a un bambino è dovuta ai seguenti motivi:

  • Stare in acqua rafforza il sistema immunitario;
  • effetto benefico sul sistema muscolo-scheletrico;
  • sviluppa polmoni;
  • migliora la circolazione sanguigna;
  • calma il sistema nervoso.

I genitori di bambini piccoli apprezzano in particolare la capacità dell'acqua di rimuovere la sovraeccitazione dei bambini causata dalla loro naturale attività fisica. Ecco perché il bagno serale è un rituale necessario per preparare i bambini al sonno notturno.

Fare il bagno dopo l'introduzione del vaccino: è possibile o no?

Se un figlio o una figlia crescono in una famiglia, allora, ovviamente, segui il programma di vaccinazione obbligatoria dei tuoi figli. E devi sapere quando e quando vale la pena fare il bagno al bambino dopo l'introduzione della preparazione immunobiologica.

È molto importante che i genitori comprendano: le vaccinazioni sono piuttosto stressanti per il corpo del bambino. Sebbene la risposta immunitaria alla comparsa di agenti patogeni sia spesso prevedibile, tuttavia, dopo la vaccinazione, il sistema di protezione imperfetto si indebolisce. E quindi, i problemi di salute nei tuoi figli sono del tutto possibili.

Quindi non sorprende il motivo per cui i pediatri esperti ripetono insistentemente: in ogni caso è impossibile bagnare un posto di iniezione di vaccino. Vari microbi contenuti nell'acqua, che arrivano al sito di iniezione, spesso causano il deterioramento del bambino.

Per motivi di obiettività, si dovrebbe notare che ci sono specialisti la cui opinione generale in questa materia si riduce alla raccomandazione di essere guidati, in primo luogo, dalla presenza / assenza di una temperatura corporea elevata e, in secondo luogo, dal benessere del bambino.

Ma i professionisti ritengono indesiderabile il contatto con l'acqua immediatamente dopo la vaccinazione. Dopotutto, il bambino è sotto l'influenza del vaccino, a seguito del quale, anche con un minimo raffreddamento, sono possibili reazioni negative a qualsiasi infezione.

Conclusione: se il bambino è allegro, vivace, agile, quindi il 2 ° o il 3 ° giorno dall'iniezione di un farmaco immunopreventivo, sono consentite procedure idriche. Tuttavia, va ricordato: con un leggero aumento della temperatura, il livello di attività nei bambini piccoli rimane spesso ancora elevato. In questi casi, è meglio astenersi dal bagnare le tue preziose briciole, perché anche l'acqua calda può nuocere alla loro salute.

Inoltre, i genitori dovrebbero tenere conto del fatto che non è possibile visitare la piscina in modo che non vi siano infezioni da malattie batteriche o virali.

Vaccinazione contro morbillo, rosolia, parotite. E quando puoi fare il bagno al bambino?

L'introduzione di un vaccino combinato è l'unica salvezza di queste famigerate tre malattie più pericolose. Ma come percepisce il corpo del bambino l'attuale farmaco? A seconda dell'età, la risposta alla vaccinazione può variare..


Quando l'iniezione viene eseguita per la prima volta (al raggiungimento di 12 mesi), provoca una condizione simile a una lieve infezione virale: la gola diventa rossa, inizia un naso che cola e appare un'eruzione cutanea. Per mitigare questi effetti dell'immunizzazione, i pediatri consigliano di posticipare la procedura di lavaggio dei bambini per almeno un giorno, o anche due.

Oltre a quanto sopra, i motivi principali del divieto di nuoto sono che dopo la vaccinazione:

  • disturbi nel sistema nervoso centrale;
  • si notano fluttuazioni del bioritmo quotidiano;
  • gli esami del sangue indicano alcuni cambiamenti nei suoi indicatori.

Tali deviazioni sono generalmente insignificanti e durano relativamente brevi. Per non rischiare la salute dei bambini, dopo la vaccinazione, il contatto dovrebbe essere limitato a un paio di giorni non solo con l'ambiente acquatico, ma anche con gli estranei - sia adulti che bambini.

I genitori devono tenere presente che l'iniezione a volte provoca reazioni cutanee locali: arrossamento, gonfiore, bruciore o prurito. E se il bambino ha pettinato il sito di vaccinazione, la penetrazione di microrganismi in una ferita aperta può causare infiammazione.

Fare il bagno dopo un test di Mantoux

La diagnostica della tubercolina non è una vaccinazione. Questo è un test immunologico che viene eseguito per rilevare l'infezione da tubercolosi..

La papula formata nel sito di iniezione, a causa dell'ingresso di acqua e dell'esposizione a prodotti per l'igiene, può aumentare notevolmente di dimensioni, a seguito della quale i risultati del test vengono distorti. Pertanto, prima devi aspettare un test della reazione all'introduzione della tubercolina. E solo allora puoi fare il bagno senza paura al tuo bambino con sapone o gel doccia.

Quanto tempo posso nuotare dopo la vaccinazione con DTP??

Al bambino viene somministrato il vaccino contro la pertosse - difterite-tetano in fasi da 3 mesi a un anno e mezzo, dopo di che i cicli di iniezione vengono ripetuti secondo il Calendario nazionale delle vaccinazioni della Federazione Russa.

Per evitare effetti collaterali dopo DTP, il bambino deve essere assolutamente sano. Prima dell'immunizzazione, i genitori devono avere un'ecografia del cervello del loro bambino e ottenere informazioni sui principali indicatori del suo sangue e delle urine.

Nel processo di preparazione alla vaccinazione, al bambino dovrebbero essere somministrati antistaminici, come con DTP sono possibili allergie. Tuttavia, è necessario fare attenzione a quei farmaci antiallergici che seccano le mucose del tratto respiratorio superiore. Non è raccomandato nel periodo di preparazione alla vaccinazione alimentare il bambino con nuovi prodotti per lui e bere bevande insolite.

I pediatri raccomandano ai genitori di fare il bagno al proprio bambino alla vigilia della vaccinazione, perché non si sa cosa succederà dopo: dopo tutto, la salute del bambino dopo il vaccino.

Esistono tre tipi di reazioni del corpo dei bambini all'azione del vaccino DTP:

  • debole - si manifesta a t ° corpo 37,5 ° C;
  • media - a t ° 38,5 ° C;
  • forte - a t ° 38,6 ° C e oltre.

L'uso di antipiretici aiuterà a ridurre il calore. Certo, è inaccettabile fare il bagno a un bambino o addirittura pulirlo con acqua mentre si trova in questo stato.

I genitori sono tenuti a considerare il fatto che i bambini rispondono in modo diverso al vaccino DTP. In alcuni, la temperatura può aumentare il giorno dell'immunizzazione; per altri, solo il secondo giorno dopo la vaccinazione o anche il terzo. Pertanto, è necessario garantire che lo stato già instabile delle briciole non sia aggravato da ulteriori fattori avversi.

Ma se il bambino non ha pronunciato reazioni negative durante l'iniezione di DTP, è di buon umore, mangia con appetito, gioca con piacere, quindi può essere lavato dopo 2-3 giorni dall'introduzione di DTP, tenendo conto di tutte le precauzioni:

  • l'acqua dovrebbe essere bollita con l'aggiunta di disinfettanti infusi / decotti di erbe;
  • temperatura dell'acqua - nell'intervallo da + 36 ° С a + 39 ° С;
  • il tempo assegnato per il lavaggio dovrebbe essere ridotto al minimo possibile;
  • nel processo di presa delle procedure dell'acqua, proteggere il sito di iniezione dallo sfregamento con una spugna;
  • dopo il bagno del bambino, è necessario asciugare rapidamente con un asciugamano e indossarlo immediatamente, evitando l'ipotermia;
  • l'appartamento non dovrebbe avere il minimo pescaggio.

L'adempimento esatto dell'insieme di requisiti durante il bagno dopo la vaccinazione aiuterà ad evitare varie complicazioni post-vaccinazione.

Fare il bagno dopo la vaccinazione con BCG

I neonati vengono vaccinati contro la tubercolosi nella prima settimana di vita. Appena entrando nel nostro mondo, i bambini piccoli dovrebbero già lottare per la propria sopravvivenza.

Un certo numero di specialisti che cercano di proteggere i bambini da eventuali infezioni il più a lungo possibile sono fermamente convinti che il bagno del bambino dopo la vaccinazione debba essere rinviato di almeno due giorni. Tuttavia, molti neonatologi affermano che i bambini vaccinati possono essere lavati il ​​giorno successivo.

Nonostante la piccola differenza nelle opinioni su questo tema, tutti i medici concordano su una cosa: se il bambino ha un malessere generale, tosse, naso che cola, febbre, il bambino può essere lavato solo con un recupero finale. Altrimenti, gli effetti dannosi non possono essere evitati..

Solo una visita medica consentirà di decidere inequivocabilmente se è pericoloso bagnare il sito di iniezione con acqua quando è diventato gonfio e rosso e appare un ascesso. Ma anche se il pediatra locale consente di lavare il bambino immediatamente dopo la vaccinazione BCG, è necessario proteggere la cicatrice emergente dal vapore, dal sapone e dallo sfregamento non appena la mela dell'occhio fino a quando non si forma una cicatrice.

Vaccino contro l'epatite B: è possibile fare il bagno a un bambino?

Un farmaco immunoprofilattico contenente un numero accuratamente calibrato di agenti patogeni per l'epatite viene utilizzato per attivare le risorse protettive interne. Stimola la produzione di anticorpi, a causa della quale, dopo la vaccinazione, lo sviluppo della malattia o non si verifica affatto o procede abbastanza facilmente.
I bambini di due tipi di malattia vengono vaccinati: epatite A e HBV; dalla vista Dall'iniezione di risparmio non sono ancora stati inventati.

Non dobbiamo dimenticare che tutte le forme di malattia formidabile portano una persona a morte prematura. E solo un vaccino contro l'epatite garantisce la formazione di un'immunità stabile contro una malattia mortale.

Il meno pericoloso è l'epatite A (ittero), sebbene possano essere infettati rapidamente, perché viene trasmesso da tutto ciò che una persona malata ha toccato, che si tratti di cibo, acqua o articoli per la casa. La vaccinazione tempestiva contro l'epatite è un metodo affidabile ed efficace per la prevenzione del cancro al fegato - una delle terribili complicanze di una malattia avanzata.

La trasmissione da epatite B (HBV) da uomo a uomo è possibile esclusivamente tramite biofluido: urina, sperma, sangue, sudore. Tutte le persone infette dal virus di questa forma della malattia successivamente ricevono cirrosi o cancro al fegato. L'immunità che non si attenua negli anni è possibile solo quando viene somministrata la vaccinazione.

Come risultato dell'immunizzazione effettuata anche in ospedale, la capacità di resistere a questa terribile malattia dura almeno 22 anni, anche se la pratica medica lo dimostra in effetti - tutta la vita.

La vaccinazione, anche nella prima infanzia, è ben tollerata dai bambini nella maggior parte dei casi. Ma a volte, per 2-3 giorni, i bambini possono avere diarrea, sudorazione profusa e allergie. Dopo 2-3 giorni, tutte queste reazioni, indurimento, arrossamento nell'area di iniezione scompaiono completamente.

Pertanto, per 2-3 giorni, poiché il bambino sarà vaccinato contro l'epatite, il bambino richiede una costante attenzione dei genitori. Se il bambino non ha letargia e debolezza, dopo questo periodo si consiglia di lavarlo, osservando semplici regole:

  • la temperatura dell'acqua nel bagno non deve superare i 37 ° C - 39 ° C, poiché l'acqua più calda provocherà un aumento anche della normale temperatura corporea;
  • dopo il bagno, il bambino deve essere rapidamente asciugato e vestito;
  • le bozze nell'abitazione dovrebbero essere escluse.

Vuoi che i tuoi figli vivano felici e contenti? Certo che vuoi. Quindi non ascoltare le persone ignoranti e far vaccinare i tuoi bambini in tempo!

Quanti giorni non possono fare il bagno: l'opinione di madri e pediatri

Up