logo

Naso che cola, tosse, febbre: questi sintomi non piaceranno a nessuno, ma il loro aspetto è particolarmente allarmante per una madre che allatta. In questo caso, una donna si trova in una situazione difficile: ha paura di infettare il suo bambino con latte "malato", ma allo stesso tempo l'allattamento non le consente di consumare la maggior parte delle medicine per il raffreddore. Cosa fare? Svezzare il bambino dal seno e riprendersi più velocemente con potenti farmaci o combattere il raffreddore comune usando metodi popolari, ma non interrompere l'allattamento? Trova le risposte a queste domande nel nostro articolo..

Dovresti smettere di allattare con un raffreddore?

La giovane madre ebbe un raffreddore e i parenti all'unanimità affermano che l'allattamento al seno dovrebbe essere interrotto fino a quando la donna non sarà completamente guarita. Ma non tutte le madri seguono immediatamente questo consiglio, l'intuizione le dice: l'alimentazione non deve essere interrotta.

La brusca interruzione dell'allattamento può causare alcune difficoltà:

  • Il nuovo cibo può indurre un bambino ad avere coliche, indigestione e allergie;
  • Anche se il bambino prende la miscela, potrebbero esserci problemi con la ripresa dell'allattamento. Bere da un biberon è molto più facile; c'è la possibilità che il bambino non prenda più il seno in seguito;
  • Quando si interrompe l'allattamento al seno, una donna sarà costretta a esprimere costantemente, ma se si salta semplicemente la procedura successiva, una madre fredda può sperimentare lattostasi, ristagno di latte o mastite;
  • Anche in pochi giorni senza alimentazione, il latte della mamma potrebbe scomparire e tutti conoscono i benefici dell'allattamento al seno.

Non sono tutte le difficoltà che può causare l'interruzione della lattazione, motivo per cui anche le madri che hanno il raffreddore non si affrettano a farlo. Inoltre, i pediatri moderni hanno dimostrato che l'alimentazione durante il raffreddore comune è sicura..

Perché l'allattamento al seno durante il raffreddore è considerato sicuro?

Molte persone dimenticano che i virus che la madre trasmette al bambino con il latte iniziano ad entrare nel corpo del bambino molto prima di quanto la donna sospetti della malattia. Dal giorno in cui il virus entra nel corpo di una donna, passano fino a tre giorni fino ai primi sintomi di un raffreddore. Quando la madre scopre il naso che cola e la febbre, il bambino avrà il tempo di procurarsi gli agenti causali con il latte. Ha quindi senso fermare l'epatite B? Ovviamente no!

Per molti, il fatto che il latte materno infetto sia persino benefico per i bambini sarà una rivelazione. Come spiegarlo? Come con qualsiasi raffreddore comune, il corpo di una giovane madre inizia a produrre anticorpi dal primo giorno della malattia. Inibiscono lo sviluppo del virus, ma allo stesso tempo entrano in tutti gli organi e tessuti, compreso il latte materno. Con il latte materno, il bambino riceve frammenti di questo virus, già parzialmente neutralizzato, nonché anticorpi. In risposta, un piccolo organismo inizia a produrre attivamente i propri anticorpi. Di conseguenza, il latte materno durante il raffreddore comune rafforzerà solo la difesa immunitaria del corpo del bambino, condurrà una sorta di "allenamento" per lei.

Privando il bambino del latte materno durante il raffreddore comune, la madre lo priva contemporaneamente di preziosi anticorpi che penetrano nel suo corpo con il latte materno. E se durante questo periodo sostituisci il latte materno con una miscela, il bambino ha tutte le possibilità di essere infettato. E in questo caso, dovrà combattere la malattia da solo!

Il latte materno si deteriora con il raffreddore?

I pediatri hanno negato la credenza obsoleta che durante un raffreddore, il latte di una madre che allatta può andare male.

Durante la malattia della madre, non succederà nulla al latte, non diventerà acido e non diventerà dannoso per il bambino se la ragazza non assume droghe vietate durante l'allattamento.

È possibile e necessario nutrire il bambino nel solito modo, non è necessario esprimerlo, e ancora di più nel latte bollente. Il trattamento termico è impotente contro la maggior parte dei virus, ma uccide tutti i nutrienti che sono così ricchi nel latte materno. Il latte materno può diventare davvero pericoloso per il bambino quando la madre si auto-medica, solo un medico può decidere se il medicinale è sicuro per l'allattamento.

Come trattare un raffreddore per una madre che allatta?

L'unico aspetto negativo dell'alimentazione continua durante i raffreddori è che la madre non può usare la maggior parte dei farmaci antivirali, in quanto possono danneggiare il bambino se ingerito con latte materno. Ma non dovresti preoccuparti di questo, oggi il mercato farmaceutico ha molte medicine fredde per le madri che allattano.

Trattamento farmacologico

Per ridurre la temperatura corporea elevata, la madre che allatta può bere il paracetamolo, è considerato sicuro sia per la madre che per il bambino. In un caso eccezionale, è consentito bere qualsiasi antipiretico una volta, ma vale la pena pre-esprimere il latte per diverse poppate.

I farmaci sintomatici aiuteranno a sconfiggere la tosse e il naso che cola, molto spesso sono prescritti dai medici. È molto importante indossare una maschera medica quando si prende un raffreddore, poiché la probabilità che un bambino venga infettato da goccioline trasportate dall'aria è molto più alta rispetto al latte materno.

Se la madre ha il raffreddore, dovrebbe eseguire più spesso la pulizia bagnata nella stanza del bambino, lavarsi le mani e anche ricordare di ventilare la stanza.

Metodi popolari

Se la malattia non è così difficile e c'è un'opportunità per rifiutare i farmaci, allora puoi essere trattato con rimedi popolari:

  • Tisana o decotto.
  • aromaterapia.
  • Inalazioni, anche sopra le patate.
  • Pediluvi.
  • Marmellata di lamponi.
  • Latte con miele e limone, ecc..

Cosa fare se la mamma si ammala:

Quindi, il raffreddore in una madre che allatta non è un motivo per abbandonare l'allattamento. Oltre al trattamento tradizionale, non dovresti dimenticare che devi bere molti liquidi. Ciò non solo supporterà l'allattamento, ma eviterà anche che le mucose della cavità nasale e della gola si secchino, provocando un aumento della sudorazione e dell'escrezione di espettorato.

Vediamo cosa fare e come essere curati se una madre che allatta si ammala:

Allattamento al seno e malattie della mamma

Le madri che allattano sono persone viventi e talvolta si ammalano.

La stragrande maggioranza delle malattie non sono controindicazioni all'allattamento al seno e non richiedono l'interruzione dell'allattamento durante il trattamento. Ma con alcuni di essi, l'allattamento al seno ha le sue caratteristiche, temporanee o permanenti.

In questa sezione, raccogliamo informazioni su varie malattie, medicine e opzioni di trattamento in modo che le donne che allattano abbiano l'opportunità di fare una scelta informata..

Contiene anche articoli sull'ipoplasia mammaria, sebbene non sia una malattia, ma questa particolare condizione può influenzare in modo significativo la produzione di latte materno. L'allattamento al seno con insufficienza del tessuto ghiandolare è possibile, ma ha le sue specifiche.

Malattie materne autoimmuni e allattamento al seno

Le malattie autoimmuni sono uno dei problemi di salute più comuni tra le donne in età fertile. Secondo l'American Association for the Study of Autoimmune Diseases, circa uno su cinque residenti negli Stati Uniti soffre di questi disturbi (inoltre, 2/3 di questo numero sono donne). Purtroppo, ai nostri giorni, le malattie autoimmuni non sono più un evento raro, come lo erano prima. La causa dell'aumentata frequenza delle malattie autoimmuni è attualmente sconosciuta. Le madri con disturbi autoimmuni spesso affrontano problemi speciali durante la gravidanza e l'allattamento. E spesso non riescono a trovare le risposte alle loro domande nella letteratura standard per i genitori. Questa breve rassegna ha lo scopo di fornire una migliore comprensione dei problemi legati alla maternità nelle malattie autoimmuni..

Dr. Jack Newman sull'allattamento al seno per le malattie autoimmuni

Tutti sanno che il latte materno contiene anticorpi che proteggono dalle infezioni. In effetti, il latte materno contiene molti fattori immunitari, infatti - dozzine che aiutano a proteggere il bambino dalle infezioni. Gli anticorpi sono solo uno di questi fattori..

Medicinali e allattamento

Molte donne ricevono raccomandazioni per interrompere l'allattamento se è necessario un trattamento. La continuazione consapevole dell'allattamento durante l'assunzione di farmaci è molto più importante del possibile rischio di assumere questo medicinale attraverso il latte materno. Questa decisione affronta molti aspetti del bambino, della famiglia e della società nel suo insieme. Durante lo svezzamento sorgono molti più rischi: quindi sorge la domanda: una piccola concentrazione del farmaco rende il latte materno più pericoloso della miscela?

Se una madre che allatta ha il raffreddore

Le informazioni di seguito sono tratte da varie fonti di riferimento. È indicato come guida per il raffreddore. L'autore e la comunità della rete di allattamento al seno (e i volontari di Milk Mom - circa. Transl.) Non sono responsabili di eventuali conseguenze indesiderate quando si utilizzano queste informazioni. Le decisioni prese a livello clinico sono di responsabilità dei professionisti e dei consulenti per l'allattamento. Le informazioni fornite nell'articolo riflettono i dati ottenuti dalla fonte originale. Tuttavia, non possono sostituire i dati forniti dai professionisti..

Come trattare una tosse a una madre che allatta?

Ci sono persone che preferiscono essere curate con rimedi popolari e non voglio riprendere la chimica. Ma se puoi verificare la compatibilità con l'allattamento, puoi controllare le erbe. Di seguito sono riportate informazioni su alcune popolari erbe per la tosse e il loro effetto sull'allattamento al seno basato su due fonti: il Manuale dell'Ospedale Marina Alta (http://www.e-lactancia.org/en/) e il database della Biblioteca medica statale Lactmed ( http://toxnet.nlm.nih.gov/cgi-bin/sis/htmlgen?LACT.htm)

Ipoplasia del seno: non tutte le mammelle possono produrre abbastanza latte materno

L'ipoplasia del seno nelle madri appena nate è stata documentata in diversi casi clinici. [1-5] Tuttavia, tra donne e medici, si ritiene sempre più che qualsiasi seno possa produrre abbastanza latte, indipendentemente dalle sue dimensioni [14]. Si consiglia alle donne in gravidanza di pensare a metodi alternativi di alimentazione solo se hanno subito un intervento chirurgico al seno. Questo articolo discute le moderne raccomandazioni sull'allattamento al seno, l'anatomia e la fisiologia della ghiandola mammaria, come riconoscere le violazioni della lattogenesi II con un'enfasi sull'ipoplasia della ghiandola mammaria e le manifestazioni cliniche correlate.

Allattamento al seno con ipoplasia mammaria

L'ipoplasia del seno o l'insufficienza della ghiandola mammaria (abbreviazione inglese IGT) si verificano in media nel 3% delle donne. Nel 2013, nella sola Mosca, ci sono state 126.000 nascite secondo le statistiche. Se supponiamo che la situazione con l'allattamento al seno sia tornata alla normalità e che tutte le madri inizino immediatamente ad allattare dopo il parto, nel 2013 più di 3.500 madri potrebbero sperimentare ipoplasia del seno. Ogni anno, il numero di nascite, e quindi il numero di madri con ipoplasia, che iniziano ad allattare, aumenta. Queste madri meritano di conoscere la verità e, soprattutto, di avere informazioni che l'incapacità di nutrire un bambino non significa l'impossibilità dell'allattamento al seno in generale. Anche con l'ipoplasia del seno, allatta il tuo bambino.

Insufficienza ghiandolare

Hai provato a bere fieno greco?
Probabilmente non bevi abbastanza acqua

L'eccesso di peso non è un ostacolo all'allattamento. Dichiarazione della società in sovrappeso: allattamento al seno e obesità

Conformemente alla raccomandazione dell'Organizzazione mondiale della sanità sui metodi ottimali per l'alimentazione di un bambino, i documenti politici dell'American Academy of Pediatrics, dell'American College of Obstetrics and Gynecology, dell'Accademia dell'allattamento al seno, dell'Accademia della nutrizione e della dietetica, la posizione della Federal Society for Overweight (FOPIV) è la seguente: le donne dovrebbero essere incoraggiate continuare l'allattamento esclusivamente fino a circa 6 mesi di vita del bambino e poi per il primo anno e più, con l'introduzione di alimenti complementari in base all'età del bambino e al desiderio della madre.

Ingestione di droghe e altri prodotti chimici nel latte materno

L'American Association of Pediatricians sottolinea l'importanza della diffusione dell'allattamento al seno negli Stati Uniti. Un motivo comune per l'interruzione dell'allattamento al seno è la nomina di una madre che allatta con farmaci e il consiglio del suo medico di interrompere l'alimentazione. Questo lavoro mira a fornire a pediatri, ginecologi e terapisti informazioni sulla penetrazione dei farmaci nel latte materno. La maggior parte dei farmaci che possono essere prescritti alla madre non dovrebbe influire sulla produzione di latte o sulle condizioni del bambino. Questa informazione è importante non solo per proteggere i bambini dagli effetti indesiderati del brusco piegamento dell'allattamento al seno, ma anche per migliorare il trattamento farmacologico delle madri che allattano. Tre altri argomenti importanti in questo lavoro: nicotina, sostanze psicotrope e protesi al silicone..

Introduzione di agenti di contrasto alle madri che allattano

La somministrazione di qualsiasi mezzo di contrasto iodato o a base di gadolinio è talvolta prescritta per l'esame visivo delle donne che allattano. Sia il paziente che il medico possono essere preoccupati per la potenziale tossicità per il bambino dall'agente di contrasto che viene escreto nel latte materno..

Allattamento al seno ed epatite B e C

È sicuro per una madre infetta dal virus dell'epatite B (HBV) o dall'epatite C allattare al seno un bambino immediatamente dopo la nascita?

Latte materno e HIV

La prima cosa che viene chiesta a quasi tutti coloro che sentono parlare della donazione di latte materno è la domanda sullo stato dell'HIV del donatore. "Che cosa succede se il mio bambino ottiene l'HIV attraverso il latte?"?

Trasmissione dell'HIV all'allattamento al seno

Tra il 2000 e il 2014, a causa della maggiore disponibilità di terapia antiretrovirale (ART) per l'HIV, la percentuale di bambini appena infetti è diminuita del 58% da 520.000 a 220.000. Nonostante il fatto che la trasmissione dell'HIV da madre a figlio possa verificarsi durante la gravidanza, il parto e allattamento al seno, ci sono significativi benefici per la salute di questi bambini associati all'allattamento al seno.

L'allattamento al seno può prevenire l'infezione da HIV??

Uno studio recente suggerisce che l'allattamento al seno può impedire la trasmissione dell'HIV da madre a figlio dal latte attraverso il latte e che ipotesi precoci sull'HIV e sull'HBV potrebbero essere errate..

Elenco di risorse gratuite per la sicurezza di droghe e allattamento (in inglese)

Nota: questo articolo è principalmente per i consiglieri che allattano al seno in modo che possano aiutare più efficacemente le mamme a controllare la compatibilità dei farmaci.

I tuoi clienti ti hanno mai chiamato, chiedendoti se un particolare medicinale è compatibile con l'allattamento? Molti medici dicono alle madri che allattano di "esprimere e versare il latte" o di scomunicare, sebbene ciò non sia effettivamente necessario. In altri casi, si presume che se il medicinale viene venduto da banco o è un'erba, allora è assolutamente sicuro. Non è sempre così.

Latte rosa brillante: dentellatura batterica.

Il latte materno può assumere una tinta rosata a causa della Serration marcescensis, un batterio gram-negativo a forma di bastoncino che produce un pigmento rosso-arancio (tripirrolo). Questo pigmento, che si chiama prodigiosina, può essere l'agente eziologico di varie malattie e persino portare alla morte di neonati.

Di seguito sono due situazioni in cui il latte materno delle madri che allattano è diventato rosa. In entrambi i casi, hanno trovato Serration marcescens..

Allattamento al seno durante la pandemia di COVID-19: è possibile allattare al seno se si mangia coronavirus?

La pandemia di coronavirus (Covid-19) solleva molte domande sull'allattamento al seno. Allo stato attuale (26/03/2020), tutte le organizzazioni internazionali e leader mondiali: OMS, UNICEF, CDC, ILCA, WABA e altri raccomandano di continuare l'allattamento al seno, anche se la madre o il bambino è malato, e rimandare la scomunica, se possibile.

Raccomandazioni dell'UNICEF: Nutrire neonati e bambini piccoli in un contesto di proliferazione di COVID-19

Per supportare il personale del sistema sanitario e i volontari nella preparazione e nella risposta alla pandemia di COVID-19, l'UNICEF prevede di produrre e aggiornare una serie di brevi guide informative basate sull'evidenza ogni dieci (10) giorni quando saranno disponibili nuove informazioni e prove. Questa breve versione della guida ha lo scopo di fornire informazioni relative all'alimentazione di neonati e bambini piccoli nelle circostanze della pandemia di COVID-19. Non copre altre misure di risposta più ampie disponibili in altri manuali. Come comunità nutrizionista, continueremo a sviluppare la nostra comprensione delle soluzioni pratiche per lo sviluppo di programmi nel contesto della distribuzione di COVID-19. La preparazione dei documenti e la diffusione delle lezioni apprese e le prove emergenti saranno fondamentali per attuare la risposta più appropriata ed efficace a una pandemia.

Coronavirus (COVID-19): Separare i neonati dalle loro madri infette: ponderare rischi e benefici

Le attuali raccomandazioni sull'opportunità di separare le madri infette da coronavirus (COVID-19) dai loro neonati sono contraddittorie. Sebbene le attuali linee guida per i pazienti con coronavirus (COVID-19) consentano l'allattamento al seno, non ci sono informazioni chiare nei media al riguardo..

È stato riferito che molti ospedali americani separano regolarmente le madri infette dai loro neonati [nella Federazione Russa la stessa situazione - ca. Ed.]. La separazione rende difficile l'allattamento al seno, anche se l'allattamento al seno è consentito e incoraggiato.

Né il nuovo virus, né i suoi parenti immediati della famiglia SARS, sono stati rilevati nel latte materno, sebbene ci siano ancora poche ricerche sul nuovo virus (1,2). Tuttavia, è impossibile dire assolutamente che il virus non viene trasmesso attraverso il latte materno..

Allattamento al seno e farmaci antivirali

A causa della crescente preoccupazione per il coronavirus COVID-19, che è apparso a Wuhan (Cina), diffondendosi in tutto il mondo e causando la sindrome da insufficienza respiratoria acuta coronavirus 2 (SARS-CoV-2), i pensieri si rivolgono alla ricerca di un metodo di trattamento e, in particolare, curare le madri che allattano. A rigor di termini, al momento non esiste un farmaco antivirale con comprovata efficacia contro una nuova infezione.

Domande comuni sull'allattamento al seno e COVID-19 per gli operatori sanitari

Queste risposte alle domande sull'allattamento al seno e sul coronavirus (COVID-19 o SARS-CoV-2) sono state emesse dall'OMS il 28 aprile specificamente per rispondere alle domande degli operatori sanitari.

Come trattare un raffreddore durante l'allattamento con la mamma, è possibile nutrire un bambino

Un raffreddore è sempre un evento spiacevole. Causa molti problemi, ma un raffreddore è particolarmente pericoloso durante l'allattamento. Cosa fare se la mamma si ammala? Questo influenzerà il corpo delle briciole? La droga gli avrebbe fatto del male? Ed è possibile allattare al seno un bambino con SARS? Le risposte sono in questo articolo..

Trattamento

In precedenza, un genitore malato era separato dal bambino e gli era proibito nutrirlo con latte. Ma ora è già noto che le madri non possono fermare l'allattamento. Con il latte materno, il bambino riceve tutte le sostanze necessarie. Anche se la mamma può infettarlo, il raffreddore scompare facilmente.

Cose da ricordare

In precedenza, una donna doveva stare attenta durante il raffreddore e scegliere i fondi giusti. Ora non ce n'è bisogno urgente, poiché hanno iniziato a produrre medicine fredde sicure. Ma non hai bisogno di rilassarti comunque: se tua madre è malata, deve essere adeguatamente trattata. Devi anche cercare di non infettare il bambino.

  1. prendere fondi sconosciuti. Per prima cosa devi assicurarti che siano sicuri;
  2. prescrivere farmaci per te stesso e trattarti senza consultare un medico. Ciò è particolarmente vero per le alte temperature;
  3. non seguire il dosaggio corretto;
  4. interrompere completamente l'alimentazione del bambino.

Se una giovane madre si ammala, deve anche nutrire il bambino con latte attentamente. I farmaci raggiungono un'alta concentrazione due ore dopo l'ingestione. Con il latte materno, viene passata una piccola porzione di questi medicinali. È meglio pianificare il trattamento e l'alimentazione in anticipo o eseguire la decantazione.

È molto più facile se al bambino sono già stati somministrati alimenti complementari. Quindi è possibile aumentare il tempo di 3-4 ore. Durante il freddo, non si applicano divieti speciali sui fondi, ma è ancora importante fare attenzione:

  • occorre prestare attenzione con i preparati di aspirina. Se c'è troppo acido acetilsalicilico, può interferire con il lavoro degli organi del bambino e della madre;
  • I farmaci a base di bromexina trattano bene la tosse, ma non dovrebbero essere assunti da una madre che allatta;
  • gli analgesici sono vietati, poiché influenzano negativamente il lavoro del sistema nervoso del bambino;
  • Prima di iniziare a trattare te stesso, devi conoscere il dosaggio, nonché le regole per l'assunzione di farmaci;
  • se la mamma si ammala, devi contattare un pediatra. Ti dirà come prevenire il raffreddore in un bambino. E dirà anche cosa fare se il bambino fosse ancora in grado di infettare;
  • se il bambino è allergico, alla mamma è permesso usare antistaminici.

A volte le condizioni della mamma peggiorano. La SARS è particolarmente pericolosa durante l'allattamento.

Devi usare farmaci che sono vietati durante l'allattamento. In questo caso, si consiglia di esprimere il latte ogni 3-4 ore. Ma non è necessario interrompere l'alimentazione del bambino con il latte. Non aver paura di infettarlo.

Cosa posso prendere

Ci sono molti farmaci proibiti durante l'allattamento, quindi è meglio familiarizzare con quelli che non sono proibiti. È meglio avere un elenco delle medicine giuste a portata di mano. Se la mamma è malata, sarà più facile per lei scegliere un trattamento. In questo caso, fare attenzione a non infettare il bambino. Ma se la situazione è critica, solo andare dal medico aiuterà.

Farmaci che possono trattare i raffreddori durante l'alimentazione:

  1. Se la mamma ha solo il naso che cola, puoi provare Naftisin, Tizin e altri analoghi.
  2. Per la tosse, puoi prendere Ambroxol e un elisir di erbe. I medici non vietano gli estratti vegetali, ad esempio la radice di liquirizia. I medici raccomandano gocce di anice.
  3. Durante un forte raffreddore, puoi prendere le gocce di Pinosol. Si basano su estratti di piante e quindi non danneggiano. Inoltre, hanno anche un'azione antimicrobica.
  4. Se la madre ha solo i primi segni di raffreddore, Aquamaris aiuterà. Dovrebbero irrigare e irrigare i passaggi nasali. Puoi usarlo per un bambino. Per non infettare il bambino, è necessario utilizzare solo gocce, ma non spray.
  5. Gargarismi con furatsilinom aiuteranno a sbarazzarsi di mal di gola grave.
  6. Un raffreddore durante l'allattamento è pericoloso se la mamma ha la febbre. In questo caso, il paracetamolo può essere usato, ma in misura limitata. I medici raccomandano Nurofen, ma questo è se il bambino ha già più di 3 mesi. I mezzi aiuteranno a sbarazzarsi di mal di testa e debolezza.
  7. Oscillococcinum tratta bene i raffreddori.

Medicina popolare

Anche i vecchi metodi noti non sono proibiti: sfregamento, impacchi di erbe, banche, infusi di erbe trattano bene l'ARVI durante l'allattamento. I pediluvi con le erbe aiutano. Gli intonaci di senape non saranno superflui. Se la tosse è molto forte, le inalazioni di erbe aiuteranno. Puoi usare sia il vecchio metodo con le patate sia i metodi moderni: i nebulizzatori.

A volte anche i rimedi popolari possono causare un'allergia in un bambino. Pertanto, devono essere usati con attenzione.

Durante un raffreddore, si consiglia a una madre che allatta di bere più infusi di erbe. Piantaggine, foglie di lampone, ribes aiutano bene. Il tè può essere preparato in un thermos e bevuto durante il giorno a piccoli sorsi.

Alcuni rimedi popolari

  1. Inalazione di patate. Devi bollire alcune patate, impastare, aggiungere alla soda. Sopra la pentola con brodo caldo devi sederti per circa 15-20 minuti. Per un effetto maggiore, copri la testa con un asciugamano. Le stesse inalazioni sono fatte da un decotto di eucalipto.
  2. Il succo di aloe mescolato con miele è una buona alternativa alle gocce costose. Raramente provoca allergie nel bambino. Puoi anche tagliare alcune fette di aglio succoso e mescolare con olio.
  3. Il dolore di risciacquo viene rimosso sciacquando con infusi di erbe: camomilla, salvia. Puoi usare una soluzione di sale ordinario o marino.

Per prevenire il raffreddore, la madre deve monitorare la sua salute e la salute del suo bambino.

Come non infettare un bambino con il raffreddore durante l'HS?

Il corpo di una donna che è recentemente diventata madre è più vulnerabile a varie malattie virali. La ragione sta nell'immunità indebolita e nell'affaticamento cronico..

Ma durante l'allattamento, un'attenzione particolare dovrebbe essere prestata anche a piccoli cambiamenti negativi nello stato di salute. Dopotutto, qualsiasi malattia catarrale colpisce non solo la femmina, ma anche il corpo dei bambini.

I primi segni della malattia nell'epatite B

L'infezione con tali malattie si verifica più spesso attraverso il tratto respiratorio superiore, che in una giovane madre è già sovraccarica, perché è necessario molto ossigeno per produrre latte. Pertanto, ai primi segni di infezione da virus respiratorio, una donna dovrebbe prendere misure volte alla sua pronta guarigione. I primi sintomi di un raffreddore sono:

  1. grave debolezza;
  2. fatica;
  3. acufene o congestione;
  4. rinorrea
  5. gola infiammata;
  6. febbre;
  7. tossendo, starnutendo.

Un raffreddore normale dura, di norma, non più di 10 giorni, ma se non si inizia il trattamento durante esso, è possibile aggravare la situazione e provocare l'insorgenza di malattie più gravi.

Se dare il seno con l'herpes sul labbro?

Spesso, le donne durante l'allattamento compaiono piccole bolle trasparenti riempite di liquido sulle labbra. Dopo 3-4 giorni scoppiano e al loro posto si forma una densa crosta, sotto la quale si rigenerano le mucose..

Un tale raffreddore si chiama herpes labiale e molto spesso richiede solo un trattamento locale. Con la comparsa di tali eruzioni cutanee, non è necessario sospendere l'allattamento o addirittura trasferire il bambino in miscele specializzate.

Di solito, l'aspetto dell'herpes nella cavità orale è accompagnato solo da un leggero prurito. L'uso di unguenti e gel speciali ti consente di curare in modo rapido e sicuro un raffreddore.

È possibile nutrire un bambino con latte e come non infettare un bambino?

Fino alla metà del 20 ° secolo, si credeva ampiamente che, al minimo segno di raffreddore, il bambino dovesse essere svezzato immediatamente e i suoi contatti con la madre infetta dovessero essere minimizzati il ​​più possibile..

Nel 1989, la Newsletter dell'OMS pubblicò informazioni completamente opposte a quanto precedentemente divulgato. Da allora, tutti i pediatri e gli specialisti dell'allattamento al seno hanno insistito sul fatto che durante il raffreddore una donna non solo può, ma deve continuare a nutrire naturalmente il suo bambino.

Pertanto, non è necessario interrompere l'allattamento. Al contrario, l'immunità del bambino diventerà più forte, poiché produrrà anticorpi speciali.

Per evitare di essere infettati da un raffreddore, è necessario osservare attentamente le norme di igiene personale, ventilare regolarmente la stanza ed eseguire la pulizia a umido. E, naturalmente, non dobbiamo dimenticare di assumere farmaci adeguati.

Guarda il video sulla possibilità di continuare ad allattare in caso di raffreddore:

Opinione Komarovsky

Un medico autorevole - Evgeny Komarovsky ritiene generalmente che un debole raffreddore durante l'allattamento, al contrario, sia utile per il bambino, aiuta a migliorare il funzionamento della sua immunità. A causa di ciò, con la successiva infezione, il corpo del bambino sarà molto più facile da affrontare con la malattia.

Questo onorato specialista presta particolare attenzione al fatto che i medicinali per il trattamento del raffreddore dovrebbero essere selezionati solo da uno specialista. Raccomanda di utilizzare i rimedi popolari solo come misure accessorie.

Guarda un video su quali rimedi sono i migliori per raffreddori e allattamento:

Quando consultare un medico durante l'alimentazione?

Le ragioni principali per contattare uno specialista sono:

  • deterioramento della salute ogni giorno;
  • la comparsa di nuovi segni di raffreddore;
  • fallimento del trattamento.

In tali situazioni, è necessario consultare un medico il più presto possibile. Solo lui, dopo aver esaminato e superato i test necessari da parte del paziente, sarà in grado di prescrivere il trattamento corretto e sicuro per il bambino e la madre.

Come rimuovere i primi segni della malattia durante l'allattamento?

Il modo più semplice per curare una malattia respiratoria virale nella fase iniziale del suo sviluppo. Inoltre, in questo caso, il rischio per la salute del bambino è minimo. I principi di base per eliminare i primi segni di raffreddore sono:

  • l'uso di una grande quantità di liquido caldo;
  • umidificazione regolare dell'aria;
  • aerare la stanza;
  • l'uso di farmaci approvati, preferibilmente su base vegetale;
  • aumentare l'immunità generale del corpo.

In generale, il trattamento precoce del raffreddore è:

  1. Nella corretta diminuzione della temperatura, se supera i 38,5 gradi. È meglio usare il paracetamolo, che è innocuo per una madre che allatta e il suo bambino..
  2. Per eliminare la congestione nasale, è meglio usare Vibrocil o Xylometazoline.
  3. Con tosse secca e mal di gola, oltre a bere pesante, aiutano anche le losanghe speciali.
  4. Quando l'espettorato lascia i bronchi, puoi usare solo sciroppi che non contengono sostanze come la bromexina.

Non dimenticare i farmaci antivirali complessi, ad esempio Grippferon, che è consentito alle donne durante l'allattamento.

Il trattamento tempestivo del raffreddore di una donna durante l'allattamento aiuta non solo a migliorare la sua salute più velocemente, ma anche a evitare gravi complicazioni. È necessario non solo adottare misure tempestive volte a migliorare la salute, ma solo i farmaci appropriati dovrebbero essere utilizzati per questo. Non ignorare la visita dal medico, perché solo un vero specialista sarà in grado di elaborare un regime di trattamento veramente efficace e sicuro.

Se la mamma si ammala: posso allattare?

A volte anche un leggero naso che cola fa pensare a una donna che allatta, in questo caso è sicuro allattare un bambino? Cosa posso dire se la mamma si ammala gravemente e ha bisogno di prendere la medicina. In quali casi non è necessario interrompere l'allattamento in caso di malattia, in quali situazioni sarà necessario svezzare il bambino per un po 'e come mantenere l'allattamento?

Anna Usynina
Neonatologo, professore associato, dipartimento di neonatologia e perinatologia, Northern State Medical University, Arkhangelsk

Per quali malattie è impossibile l'allattamento al seno??

In caso di malattia di una donna che allatta, i medici possono raccomandare di interrompere l'allattamento. A seconda del tipo e della gravità della malattia, un fallimento può essere:

  • temporaneo o permanente;
  • pieno (quando è vietato utilizzare anche latte espresso per nutrire il bambino);
  • parziale (quando è consentito l'uso di latte espresso senza restrizioni, ma non è possibile mettere il bambino sul petto).

Un divieto assoluto di allattamento al seno (non importa se il bambino lo riceve direttamente dal seno o in forma espressa) è la raccomandazione più categorica. Nella pratica pediatrica, tali situazioni sono relativamente rare. Questi includono, ad esempio, l'infezione da HIV o una forma aperta di tubercolosi nella madre. In caso di tubercolosi, una donna malata è una fonte di infezione per gli altri e dovrebbe essere localizzata e trattata in un ospedale specializzato. In primo luogo in termini di pericolo di infezione è, ovviamente, suo figlio.

Non solo queste malattie di per sé non sono compatibili con l'allattamento al seno, ma anche i farmaci usati per curarle che possono avere un effetto negativo sul corpo del bambino.

Rifiuto temporaneo dell'allattamento al seno in caso di malattia

L'abbandono temporaneo dell'allattamento al seno può essere raccomandato quando il processo di alimentazione è un test difficile per la mamma a causa della sua cattiva salute. Le ragioni possono essere molto diverse:

  • aumento della pressione sanguigna;
  • dolori di varia localizzazione;
  • malattie cardiache;
  • operazione trasferita, ecc..

In una situazione del genere, una donna potrebbe aver bisogno di farmaci non compatibili con l'allattamento. In questo caso, le ghiandole mammarie devono ancora essere svuotate dal pompaggio, altrimenti esiste il rischio di un nuovo problema per la madre che allatta: il ristagno del latte.

Puoi esprimerti a mano o con l'aiuto di un tiralatte. In entrambi i casi, la cattiva salute di una donna può richiedere assistenza da parte del personale medico. La decantazione dovrebbe essere effettuata secondo il regime di alimentazione del bambino - almeno ogni tre ore. È anche necessario di notte.

I medici possono raccomandare di alimentare temporaneamente il bambino con latte espresso se la madre ha lesioni al seno: ad esempio, erpetico (vescicole piene di un liquido trasparente) o pustole (vescicole piene di pus). Questa raccomandazione si applica ai casi in cui il capezzolo e l'areola non sono interessati..

Va notato che le eruzioni cutanee più estese rendono più difficile l'espressione e la possibilità di raccogliere latte non infetto, oltre a suggerire un trattamento serio per la madre, in cui i medicinali possono arrivare al bambino insieme al latte, e questo è indesiderabile per il bambino.

Naturalmente, varie situazioni richiedono un approccio individuale (tenendo conto della gravità della malattia e del trattamento in corso) al problema.

Per quali malattie è consentito l'allattamento al seno??

Va tenuto presente che l'allattamento al seno o l'alimentazione di un bambino con latte materno espresso è possibile con le infezioni più comuni di una donna che non sono difficili.

Quindi, le infezioni respiratorie acute (ARI), l'infezione da citomegalovirus non sono motivi per trasferire un bambino all'alimentazione artificiale.

Nelle infezioni respiratorie acute, per non infettare il bambino, la donna deve indossare una maschera monouso durante l'alimentazione, che può essere acquistata in farmacia (una nuova maschera viene utilizzata per l'alimentazione successiva!).

Puoi anche continuare ad applicare sul torace con infezioni del tratto urinario, toxoplasmosi ed endometrite postpartum (infiammazione della mucosa uterina). Tuttavia, in questi casi, i farmaci indesiderati che la madre sta assumendo possono entrare nel corpo del bambino con il latte. Quindi si raccomanda un rifiuto temporaneo dell'allattamento al seno non principalmente a causa della malattia stessa, ma per eliminare gli effetti della terapia aggressiva sulla salute del bambino. Se esiste una tale minaccia, i medici cercano di prescrivere farmaci alla donna che allatta che non danneggerà il bambino. Ma in alcuni casi non è possibile farlo..

È possibile allattare al seno un bambino con epatite A e B, tuttavia, nel caso di quest'ultimo, il bambino deve ricevere un vaccino contro l'epatite B immediatamente dopo la nascita (viene eseguito il primo giorno di vita, quindi a 1, 2 e 12 mesi). L'epatite C non è inoltre una controindicazione assoluta all'allattamento..

La varicella (varicella) nella mamma richiede un approccio individuale nel decidere la possibilità di allattare. La situazione più pericolosa è quando una donna ha eruzioni cutanee caratteristiche pochi giorni prima del parto o nei primi giorni dopo il parto. Allo stesso tempo, la madre non può trasferire la giusta quantità di anticorpi proteici protettivi al suo bambino, poiché non hanno ancora il tempo di svilupparsi. Se al bambino viene prescritto correttamente un trattamento profilattico (immunoglobulina specifica contro la varicella), può essere consentito l'allattamento al seno.

La presenza di stafilococco nel latte materno non è una controindicazione all'allattamento. Questo microrganismo normalmente vive sulla pelle e può passare attraverso il latte dalla pelle delle ghiandole mammarie o dalle mani della madre quando lo esprime. La sua moderata quantità nel latte non deve essere considerata un segno di infiammazione della mammella, soprattutto se non ci sono sintomi di mastite (dolore e arrossamento della ghiandola mammaria, febbre, ecc.). La nomina di un'analisi del latte materno per stafilococco senza motivo apparente è irragionevole.

L'allattamento al seno con mastite è possibile e nella maggior parte dei casi anche indicato, poiché migliora il drenaggio del seno interessato, grazie al processo di suzione, e non danneggia il bambino. Ciò riguarda principalmente la mastite non infetta (catarrale). In caso di mastite purulenta o insorgenza di ascessi (ascessi) nella ghiandola mammaria, il chirurgo prende una decisione. A volte è necessario un trasferimento temporaneo del bambino a formule di latte adattate.

Il seno deve essere travasato e, in questo caso, è preferibile un tiralatte a causa della leggera pressione sull'areola.

L'ammissibilità dell'alimentazione delle briciole con latte espresso con mastite della madre dipende da diversi fattori:

  • l'entità del danno al seno;
  • qualità del latte (prima di tutto, presenza di pus in esso);
  • la natura (aggressività) del trattamento della mastite (cioè la compatibilità dei farmaci prescritti con l'allattamento al seno).

Nella maggior parte dei casi, il bambino viene temporaneamente trasferito nella formula per l'infanzia, il latte materno espresso non viene utilizzato per l'alimentazione, principalmente a causa dell'uso di farmaci per il trattamento della mastite, che può danneggiare il bambino quando entra nel corpo con il latte.

Dopo il trattamento, la donna riprende l'allattamento. Quando ciò accade esattamente dipende dal tasso di escrezione dei farmaci dall'organismo. Le raccomandazioni del medico al riguardo si basano sulle informazioni specificate nell'annotazione al farmaco. In media, 1-2 giorni dopo la fine del trattamento, il latte è considerato sicuro per il bambino.

Allattamento al seno e trattamento per la mamma

Esistono tre gruppi di farmaci:

  • categoricamente controindicato nell'allattamento al seno;
  • incompatibile con l'allattamento al seno;
  • compatibile con esso.

Sono stati sviluppati tavoli speciali in base ai quali si può giudicare quanto sia intensa la transizione di un farmaco dal sangue materno al latte materno e da esso al corpo del bambino.

Ovviamente, la medicina più ottimale per la madre, che non si distingue con il latte. Ad esempio, nel caso della nota aspirina (acido acetilsalicilico), la situazione non sembra così innocua: il 60-100% di questo rimedio passa dal latte materno alle briciole.

È necessario tenere conto del fatto che anche con una minima probabilità di penetrazione del farmaco nel latte, l'effetto negativo del farmaco può essere molto grave. Ad esempio, molti antibiotici sono limitati al latte, ma causano effetti collaterali tangibili sul bambino. Prima di tutto, questa è disbiosi - una violazione della microflora intestinale.

Va notato che non tutti i farmaci hanno ricevuto dati sulla loro compatibilità con l'allattamento. Se per un particolare farmaco non ci sono informazioni chiarificanti, allora nell'annotazione a un tale rimedio puoi spesso leggere la frase "non raccomandato durante l'allattamento".

Di norma, in tali situazioni, la decisione viene presa dalla madre che allatta e dal pediatra che osserva il bambino. Se i benefici dell'allattamento al seno superano il potenziale (ma non dimostrato) danno derivante dalla possibile ingestione del farmaco nel corpo delle briciole, viene scelta una scelta a favore dell'allattamento continuo. Naturalmente, tali casi richiedono un attento monitoraggio della salute del bambino da parte dei medici.

Come sostituire il latte materno?

Cosa fare se i medici hanno comunque vietato ad una madre malata di allattare?

La scelta è per un'alimentazione alternativa. Attualmente, è in vendita un vasto assortimento di formule di latte adattate per neonati a tempo pieno e prematuri. Il pediatra ti aiuterà a scegliere l'opzione più adatta al bambino.

Quando si sceglie un'alternativa all'allattamento al seno, è importante sapere se il trasferimento di briciole all'alimentazione artificiale sarà temporaneo o il bambino, purtroppo, non sarà più in grado di tornare al latte materno. La seconda opzione è tipica di una grave patologia in una madre che richiede un trattamento a lungo termine (ad esempio, con infezione da HIV, tubercolosi o cancro).

Se l'alimentazione artificiale è un fenomeno temporaneo, allora una donna dovrebbe sicuramente sostenere l'allattamento con espressioni frequenti secondo il regime alimentare del bambino, cioè almeno 8-12 volte al giorno. Per i bambini nei primi mesi di vita - una volta ogni 2,5–3 ore. Il latte filtrato non viene offerto al bambino e non viene conservato.

Il pediatra consente alla madre di dare latte espresso al bambino solo in situazioni in cui è pericoloso nutrirsi direttamente dal seno, ma il latte stesso non rappresenta alcuna minaccia per il bambino. Ad esempio, se una donna ha eruzioni erpetiche sulle ghiandole mammarie o tosse grave e naso che cola.

Nutri ma mascherato: l'OMS ha pubblicato le regole per le madri che allattano con coronavirus

Il coronavirus è l'argomento più discusso all'inizio del 2020. A febbraio, l'agente patogeno ha ricevuto il nome COVID-19. Le madri che allattano in tutto il mondo erano nel panico. Cosa succede se prendo un virus e infetto un bambino? Posso allattare al seno con coronavirus? E se l'infezione non è dimostrata, ma c'è stato un contatto con il corriere? Cosa c'è di peggio: esporre il bambino al rischio di contatto con l'infezione o rinunciare all'HB e lasciarlo senza protezione immunitaria? I medici non hanno ancora un'opinione chiara. Finora anche le raccomandazioni del Ministero della Salute russo. Ma l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dato le sue raccomandazioni su GV con COVID-19.

Cos'è

Il coronavirus è un'infezione virale. Si diffonde in tutto il pianeta alla velocità della luce e colpisce quasi tutti gli angoli del globo. In alcune regioni, più infetti, in altri - meno. Tuttavia, il tasso di diffusione di COVID-19 e le gravi complicazioni hanno rapidamente causato panico nelle persone.

Il 30 gennaio 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità in una riunione del comitato di emergenza ha riconosciuto la situazione attuale come estremamente pericolosa e le ha assegnato un significato internazionale..

L'11 marzo 2020, è stato annunciato che l'epidemia stava diventando una pandemia (diffusione globale della malattia). E l'Europa divenne il centro della pandemia.

Il coronavirus non è una peste bubbonica. In molti modi, la gravità della situazione è esagerata a causa della scala e della velocità di diffusione, nonché della mancanza di consapevolezza del patogeno.

COVID-19 è un virus della famiglia dei Coronaviridae. Fino a dicembre 2019, erano noti 39 ceppi del virus. COVID-19 divenne il quarantesimo. Il virus contiene RNA, una delle tre macromolecole presenti in quasi tutti gli organismi viventi. L'agente patogeno ha ricevuto il suo nome grazie alla sua struttura speciale. Se guardi il virus quando ingrandito al microscopio, mostrerà i processi a forma di colonna vertebrale.

Visivamente, sembrano una corona. La particolarità del virus è che imita con successo le molecole a cui rispondono i recettori cellulari. Quando penetra nell'organismo umano o animale, provoca manifestazioni catarrali, come la maggior parte delle infezioni virali. Una complicazione è la polmonite virale, la sindrome da distress respiratorio, l'insufficienza respiratoria e la morte può culminare..

Allattamento al seno Coronavirus

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) aggiorna quotidianamente le informazioni sul coronavirus. Monitoraggio rigoroso dei casi, monitoraggio delle persone di contatto ed esame dei pazienti con sospetto COVID-19.

Il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie fornisce raccomandazioni per le donne che sospettano di COVID-19 o che la malattia è già confermata. Le raccomandazioni si basano sulle conoscenze esistenti su questo patogeno, quindi possono essere aggiornate..

Gli studi hanno concluso che il coronavirus non viene trasmesso attraverso il latte materno. Nessun COVID-19 è stato rilevato nel latte materno di una donna in allattamento infetta. Ma la SARS viene trasmessa da madre a figlio attraverso uno stretto contatto, attraverso goccioline trasportate dall'aria e attraverso la mucosa. Pertanto, il rischio di infezione del bambino dalla madre portatrice è.

Il coronavirus è un ARVI. Le raccomandazioni sull'epatite B sono le stesse per tutti i tipi di infezioni virali respiratorie acute. Pertanto, con COVID-19, una madre che allatta deve seguire i consigli del Ministero della Salute https://www.rosminzdrav.ru/ministry/covid19 e del Center for Disease Control and Prevention https://www.cdc.gov/.

Se continuare l'allattamento al seno: raccomandazioni dell'OMS

L'Organizzazione mondiale della sanità pubblica raccomandazioni su COVID-19 per l'allattamento.

Citiamo il documento (tradotto dall'inglese):

“Dati i benefici dell'allattamento al seno e il ruolo insignificante del latte materno nella trasmissione di altre malattie e virus respiratori, la madre può continuare ad allattare. La madre dovrebbe indossare una maschera medica quando è vicino al bambino ed eseguire l'igiene delle mani prima e dopo uno stretto contatto con il bambino.

Dovrà anche seguire altre misure igieniche..

I bambini nati da madri con sospetto, probabile o confermato COVID-19 devono essere nutriti in conformità con le linee guida standard per l'alimentazione infantile, prendendo le precauzioni necessarie..

Come per tutti i casi confermati o sospetti di COVID-19, le madri che allattano o hanno un contatto pelle a pelle devono praticare l'igiene respiratoria, anche durante l'alimentazione (ad esempio, utilizzando una maschera medica accanto al bambino se la madre ha le vie respiratorie sintomi).

Eseguire l'igiene delle mani prima e dopo il contatto con il bambino e pulire e disinfettare regolarmente le superfici utilizzando prodotti speciali.

Sono necessari consulenza sull'allattamento al seno, supporto psicosociale di base e supporto per l'alimentazione pratica.

In situazioni in cui la grave malattia di una madre le impedisce di prendersi cura del suo bambino o le impedisce di continuare l'allattamento al seno diretto, le madri dovrebbero esprimere il latte e fornire in modo sicuro il latte materno al bambino. Madri e bambini dovrebbero essere in grado di stare insieme e praticare il contatto pelle a pelle, indipendentemente dal fatto che loro o i loro figli siano sospettati di avere COVID-19 probabile o confermato. ".

Quindi, nonostante il coronavirus sia considerato altamente contagioso (contagioso) e pericoloso (specialmente per le persone anziane), l'allattamento al seno non è raccomandato. Per annullare l'allattamento, se la madre ha COVID-19, è necessario solo se non ti senti bene, quando la donna non è in grado di allattare al seno il suo bambino. Il giovane corpo di solito affronta l'infezione e la malattia guarisce. Se la madre ha solo un leggero malessere, un leggero aumento della temperatura corporea e altri segni lievi, l'allattamento al seno dovrebbe assolutamente essere continuato.

I farmaci sintomatici sono usati per trattare una madre che allatta con COVID-19. Qualche tempo fa, l'Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che con questo virus è meglio non assumere farmaci a base di ibuprofene: "I FANS possono aggravare il decorso della malattia". Ma pochi giorni dopo questa informazione è stata confutata. Per il trattamento delle donne durante l'allattamento, il medico seleziona i farmaci approvati.

Anche l'organizzazione internazionale non governativa privata che supporta le donne che allattano al seno non raccomanda di interrompere l'allattamento durante la pandemia di COVID-19. La Leche League https://lllrussia.ru/coronavirus/ fornisce raccomandazioni basate sui documenti dell'OMS sulla cura dei COVID-19 infetti a casa.

Prevenzione del coronavirus in una madre che allatta

Dopo il parto, una donna ha ridotto l'immunità. Pertanto, aumenta il rischio di infezione da COVID-19. La mamma dovrebbe ricordare che ora è responsabile non solo di se stessa, ma anche del suo bambino. Per evitare la diffusione dell'infezione, l'OMS raccomanda di mantenere la quarantena per due settimane dopo la dimissione dall'ospedale o da altre strutture sanitarie. Questo termine non è stato scelto per caso.

Il periodo di incubazione di COVID-19 è in media 5 giorni, ma a volte può arrivare a 14 giorni. Se entro 14 giorni dalla quarantena la madre che allatta non ha avuto sintomi di coronavirus, può essere considerata sana. I termini di isolamento sono selezionati individualmente in ciascuna regione. Pertanto, per la prevenzione del coronavirus, le madri che allattano dovrebbero ascoltare i dirigenti delle entità costituenti della Federazione Russa.

Per la prevenzione di COVID-19, si raccomanda una donna durante l'allattamento:

  • Evita luoghi affollati. Non visitare centri commerciali, caffè, senza la necessità di non fare shopping.
  • Lavarsi spesso le mani con sapone. Non toccare il naso, gli occhi con le mani sporche, non toccare il viso.
  • Rifiuta i viaggi degli ospiti. Coccole meno con i vostri amici ed evitate di stringere la mano.
  • Al primo segno di malattia, informi il medico. Quando si conferma l'infezione nella madre, limitare il contatto ravvicinato con il bambino, lavarsi le mani prima di allattare e cambiare regolarmente la maschera.

L'infezione da coronavirus viene trasmessa attraverso il contatto diretto con una persona infetta. L'agente causale rimane attivo nei fluidi biologici e parzialmente su oggetti comuni. Un rischio maggiore di diffusione della malattia da goccioline trasportate dall'aria. È stato anche dimostrato che COVID-19 può essere trasmesso con il metodo fecale-orale..

Sintomi della malattia nelle donne con HB

Il coronavirus nelle donne durante l'allattamento si manifesta allo stesso modo delle altre persone. Sintomi

  • aumento della temperatura corporea (nell'89%);
  • tosse secca (68%);
  • affaticamento (nel 39%);
  • difficoltà respiratorie (nel 19%);
  • dolore muscolare (nel 15%);
  • mal di gola (nel 14%);
  • mal di testa (nel 13%);
  • naso che cola e congestione nasale (5%).

Meno del 5% dei coronavirus infetti ha manifestato disturbi dispeptici: nausea, aumento della formazione di gas, flatulenza.

Le conseguenze della scomunica

Non c'è da stupirsi che il latte materno sia considerato la migliore alimentazione per il bambino. Contiene oltre 2000 componenti. In miscele adattate di buona qualità, questa cifra non supera i 200. Nonostante le pubblicità dei produttori di alimenti per bambini, nella miscela di latte non ci sono immunoglobuline che vengono prodotte nel corpo della madre.

Non appena la mamma incontra qualche tipo di infezione, il suo sistema di difesa inizia a produrre anticorpi. Passano nel latte materno e vengono passati sul bambino. La mamma potrebbe non avere ancora i sintomi della malattia, ma il suo latte protegge già il bambino con forza e gravità. Pertanto, interrompere l'allattamento quando una donna conferma che COVID-19 è irragionevole.

Se il coronavirus è entrato nel corpo della donna, il suo sistema immunitario è attivato. Già nei primi giorni dopo il contatto con l'infezione, il sistema immunitario produce immunoglobuline - composti proteici che successivamente rimangono nel plasma sanguigno. Gli anticorpi con latte materno vengono trasmessi al bambino e lo proteggono..

5-10 giorni dopo l'infezione, la madre che allatta inizia a sospettare di essere malata. Ha i primi sintomi di COVID-19. A questo punto, la donna continua a nutrire il bambino e gli fornisce anticorpi. Il test del coronavirus che la madre che allatta supera dopo che appaiono i primi segni della malattia sarà pronto in 1-2 giorni. Lo studio stesso dura circa 4-5 ore, è necessario più tempo per il trasporto del biomateriale.

Quando una donna ottiene un risultato positivo e interrompe l'allattamento a causa della malattia, gli anticorpi preziosi cesseranno di entrare nel corpo del bambino. Lo svezzamento aumenta il rischio che un bambino venga infettato da COVID-19 e aumenta la probabilità di complicanze. È improbabile che prevenga la malattia. Dopotutto, il bambino è già stato in contatto con la madre infetta.

Se una madre o qualcuno in famiglia era in contatto con una persona infetta

Se qualcuno della famiglia è stato in contatto con una persona infetta o è tornato di recente dall'Europa, ha bisogno di essere messo in quarantena. Entro 14 giorni, una persona è isolata dalle altre persone. Se una madre che allatta è a rischio, è inutile isolarla dal bambino e interrompere l'epatite B. Di solito una persona con COVID-19 non è ancora a conoscenza della sua malattia, ma è già contagiosa.

Dove eseguire un test coronavirus

Un test di coronavirus viene eseguito in laboratori speciali in tutto il paese. La consegna dell'analisi in una clinica privata non funzionerà.

Rospotrebnadzor non raccomanda a tutti di sottoporsi a un esame. Anche se la madre che allatta ha lievi segni di SARS, è meglio rimanere a casa e non visitare di nuovo l'ospedale. L'unica ragione per l'esame sono solo i sintomi della polmonite virale di origine sconosciuta.

Come si ammalano i bambini?

Una madre che allatta, quando decide di svezzare un bambino da un seno con sospetto COVID-19, si occupa principalmente della salute del suo bambino. Il coronavirus sembra essere qualcosa di sconosciuto, molto contagioso e mortale. Ma non per i bambini. L'infezione è particolarmente pericolosa per gli anziani e i pazienti con malattie croniche. Per i bambini, COVID-19 è meno pericoloso..

Un bambino può essere infettato da un coronavirus da una mamma o da un estraneo. Più giovane è il paziente, più facile progredisce la malattia. In alcuni bambini, il coronavirus è completamente asintomatico o come un comune raffreddore e culmina nel recupero. Non puoi dire esattamente quanti bambini soffrono di coronavirus nella Federazione Russa. Molti lo portano inosservato e sono solo portatori.

Dall'inizio della pandemia di COVID-19, solo un bambino di età inferiore a 10 anni è morto di coronavirus (dati alla fine di marzo 2020). Tra tutte le persone che hanno confermato il coronavirus, solo l'1% dei pazienti di età inferiore ai 18 anni.

Up