logo

Durante la gravidanza, hai studiato ciò che è possibile e ciò che non può essere nella tua posizione. Hai imparato molto sull'anatomia, varie malattie, farmaci, metodi alternativi di trattamento. Molto probabilmente, ti sei limitato in alcuni alimenti per vari motivi, in attesa della rimozione di queste restrizioni. E finalmente è nato un bambino.

Il parto non è stato affatto il completamento dell'istituzione di molti tabù e studi di teoria medica complessa. Questo è solo l'inizio. Dopo tutto, ora sei una madre che allatta e il bambino è ancora molto dipendente da te. E anche se sta già respirando da solo, ma nutrire e prendersi cura del bambino è interamente sulle spalle di sua madre. Ora studierai nuove piaghe: i bambini. Ma affinché sorgesse tale necessità il più raramente possibile, il bambino dovrebbe ricevere una buona salute.

Naturalmente, hai gettato le basi in fase di pianificazione e, successivamente, il concepimento e il portamento del bambino. Ma anche ora, dopo la sua nascita, sei in grado di influenzare la sua salute nella direzione del miglioramento, o viceversa. E prima di tutto una corretta alimentazione postpartum.

Perché è importante?

La nutrizione dopo il parto è importante nel senso che tutto ciò che hai mangiato passa in ogni caso al bambino insieme al latte materno. Diversi prodotti possono avere un effetto molto diverso sul bambino, spesso - molto indesiderabile e persino estremamente negativo. Da molti di loro, il bambino sarà gonfio, molti causano allergie, dolore, dolore, disagio e costipazione nel bambino. Senza eccezioni, tutti formano il sapore del latte, che a un piccolo mangiatore potrebbe non piacere. Anche il sistema nervoso di un neonato è influenzato dal cibo che arriva con il latte materno. Non dimenticare che il primo alimento popolerà la microflora intestinale del piccolo uomo - e questa è generalmente la base della salute in generale per la vita.

Inoltre, durante la nascita hai svolto il lavoro più duro, stanco ed esausto. Non hai mangiato a lungo, indebolito e, possibilmente, cucito dopo le pause. Pertanto, le linee guida nutrizionali postpartum sono importanti anche per la tua salute..

Bene, non il più importante, ma anche importante: per 9 mesi molto probabilmente hai guadagnato un paio di chili in più. Molti di loro andranno via da soli durante i primi giorni dopo la consegna. Ma dovrai occuparti del resto da solo. E la nutrizione è direttamente correlata a questo problema..

Quindi, come dovrebbe mangiare una donna dopo il parto? Cosa può, cosa non può? Cosa è necessario e perché? Come tornare in forma senza pregiudicare l'allattamento? E come nutrire il bambino in modo che non provi disagio? Cominciando dall'inizio.

I primi tre giorni dopo la nascita

La regola più importante ora: un minimo di tutto. È l'ideale per mangiare come se dovessi uscire da un digiuno prolungato - estremamente attentamente e lentamente.

Fin dai primi giorni di vita, vengono lanciati gli intestini di un neonato. Inizia il tuo pasto con cibi più leggeri, in modo da non appesantire il tratto digestivo.

Come bevanda, sono adatti tè caldo caldo, sciroppo di mirtilli rossi, infusi di erbe e decotti (ortica, borsa da pastore e crosta di sangue). Se hai punti, il brodo di pollo è utile per una rapida guarigione. A proposito, la mancanza di cibo solido aiuterà anche ad evitare la formazione di feci, che è molto importante se sei stato cucito.

Entro la fine del terzo giorno, inizia gradualmente a introdurre il cibo "più serio".

La fine della prima settimana dopo la nascita

Già dal quarto giorno, puoi iniziare a mangiare il porridge. La cosa migliore è la farina d'avena. Puoi grano saraceno, miglio e grano. Ma devono essere bolliti in acqua e senza zucchero aggiunto. Puoi un bel po 'di sale o un po' di miele, ma con molta attenzione.

Concediti anche due mele al forno, ma non più di due volte al giorno. Lo stesso numero di volte che puoi mangiare verdure in umido in olio vegetale: rapa, svedese, zucca, carote, zucchine, melanzane. La barbabietola è particolarmente utile per una donna che allatta..

Puoi ancora avere una zuppa di verdure o di frutta, anche due volte al giorno. E per ora lasciamo invariato il drink.

I primi giorni dopo la nascita Nutrizione

Dopo la nascita di un bambino, una delle principali preoccupazioni di una giovane madre diventa l'instaurazione di un allattamento al seno completo. Le mamme imparano la corretta applicazione, nutrono i bambini su richiesta e si assicurano che il latte sia sempre sufficiente. E non l'ultima domanda per una madre che allatta è la nutrizione e il regime alimentare nei primi giorni più critici dell'allattamento al seno, cosa puoi mangiare e bere nei primi giorni e settimane dell'allattamento al seno, vale la pena limitarti a determinati alimenti, la nutrizione può influenzare l'allattamento?

Perché è necessario?

Nei primi giorni dopo il parto, una donna ha bisogno di nutrienti ed energia per riprendersi dal parto e produrre prima il colostro, che è ad alto contenuto calorico e molto grasso, e quindi per produrre latte in volumi crescenti. Tuttavia, durante il parto, una donna sperimenta stress che colpisce tutti gli organi e sistemi e le relazioni degli stessi organi nella cavità addominale cambiano a causa del fatto che l'utero cessa di esercitare pressione su di loro. La digestione non è ancora così attiva e completa come lo era prima della gravidanza e la nutrizione dovrebbe essere speciale.

Nel primo giorno dopo il parto, non tutte le donne sperimentano la fame, il corpo è stanco e la donna vuole solo rilassarsi. Tuttavia, vale la pena ricordare che è necessario mangiare per ripristinare rapidamente la forza. Il primo giorno può essere un pasto leggero - zuppa di verdure o purè, soufflé di carne o pesce, un piatto di verdure in umido. Man mano che la condizione migliora, puoi gradualmente tornare alla solita dieta durante la gravidanza, ad eccezione dei prodotti irritanti, gassosi e allergenici.

Composizione del latte e impatto nutrizionale

Il latte materno viene sintetizzato nelle cellule della ghiandola mammaria dal plasma sanguigno: è costituito da acqua con sali e vitamine disciolti, proteine, grassi e carboidrati, nonché varie sostanze biologicamente attive. La composizione del latte cambia nel tempo: i primi due o tre giorni sono colostro denso e ipercalorico, quindi latte di transizione e già maturo. Vari alimenti che la madre consuma possono in qualche modo influenzare la digestione del bambino, causando a volte reazioni indesiderate o negative. La digestione del bambino è particolarmente sensibile a queste sostanze nelle prime settimane di vita, quando gli intestini del bambino sono ancora molto teneri e i sistemi enzimatici sono ancora immaturi. Alcuni alimenti possono causare coliche, gonfiore e flatulenza, gravi disagi e costipazione e reazioni cutanee come eruzioni cutanee, arrossamenti o desquamazione. Alcuni alimenti possono aggiungere un odore o un sapore diverso al latte materno, il che potrebbe anche non piacere al bambino. Alcuni componenti nutrizionali materni possono avere un effetto stimolante sul sistema nervoso (ad esempio la caffeina nel caffè e nel tè).

L'effetto della nutrizione sulla mamma

Durante il parto, specialmente nei tentativi, una donna spende un'enorme quantità di calorie e consuma attivamente le riserve di grasso formate durante la gravidanza. Inoltre, il parto non è un processo rapido e di conseguenza si scopre che una donna non mangia praticamente nulla per circa un giorno. Pertanto, i processi digestivi rallentano e il corpo passa al modo di spendere le sue riserve nutrizionali. Inoltre, durante il parto, una donna perde anche una certa quantità di sangue e determinate sostanze (ferro, vitamine) con esso. Pertanto, fin dai primi giorni dopo la nascita, è necessario ricostituire attivamente le sostanze perse attraverso l'alimentazione. Ma immediatamente dopo il parto, l'appetito si riduce: il corpo è stanco e la digestione non è pronta per assumere una grande quantità di cibo. L'appetito si riprenderà completamente il terzo o il quarto giorno. Prima di ciò, hai bisogno di cibo semplice e facilmente digeribile..

Nei primi tre giorni dopo la nascita, la regola principale della nutrizione sarà la moderazione in quantità e qualità. L'ideale sarà il cibo come quando si lascia il digiuno e la dieta, aumentando gradualmente il volume e la densità del cibo. Fin dai primi giorni, la nutrizione di una donna va anche alla produzione di latte, quindi tutti i componenti irritanti e allergenici sono esclusi. Puoi iniziare bevendo bevande calde alla frutta e infusi, composte e decotti di erbe. Saranno utili brodi leggeri con cracker o crostini, purè di patate, carne macinata o piccole cotolette al vapore. Nei primi giorni, non dovresti appoggiarti a cibi solidi, specialmente con le cuciture - questo può portare a costipazione. Entro il terzo giorno, puoi mangiare una dieta a tutti gli effetti almeno 4-5 volte al giorno, ma tutti i piatti dovrebbero essere bolliti e semiliquidi.

Cibo dal quarto giorno

Nella dieta compaiono gradualmente cibi più densi: saranno utili contorni di cereali e cereali. Forniscono valore nutrizionale, stimolano l'intestino e hanno una bassa allergenicità. Il più utile per le giovani madri sarà la farina d'avena e il porridge di grano saraceno, ma devono essere cotti in acqua e senza zucchero. Puoi anche diversificare la nutrizione dei frutti sottoposti a trattamento termico: mele e pere cotte, banana. Puoi mangiare verdure in forma bollita o in umido, al forno - ad eccezione di ravanello, ravanello, cavolo. A poco a poco, è possibile aggiungere insalate di verdure fresche con olio o panna acida a basso contenuto di grassi per attivare la peristalsi. Sarà una fonte di vitamine e prevenzione della costipazione..

I prodotti proteici devono essere presenti nella dieta - carne e pesce, latticini, ma non latte intero stesso - dovrebbero essere limitati a circa 100-200 ml al giorno durante la cottura o per l'aggiunta al tè. Una grande quantità di latte è specifica per provocare allergie nel bambino, poiché le proteine ​​del latte vaccino possono penetrare nel latte materno della donna.

Entro la fine della prima settimana dopo il parto e al momento della dimissione, una donna può aderire alla solita dieta razionale e sana senza l'uso di cibi potenzialmente allergenici e pieni di sostanze chimiche (cibi e piatti dai colori vivaci, cibi altamente salati, in scatola, ricchi di spezie, maionese, ketchup). In un primo momento è necessario evitare di mangiare cibi e piatti esotici, frutta e verdura vibranti, agrumi e cioccolato. Con l'espansione della dieta e la crescita del bambino, puoi gradualmente espandere la tua dieta.

Cosa bere nei primi giorni?

Durante il parto, una donna perde molto liquido, inoltre, vi è anche una pronunciata perdita di sangue e ridistribuzione del sangue attraverso i vasi. Pertanto, fin dai primi giorni, sono necessari il rifornimento di riserve di liquidi e la prevenzione della disidratazione. Un ulteriore volume di liquido è necessario anche per l'allattamento: fino a 400-800 ml di liquido vengono consumati al giorno nel latte.

Il primo giorno dopo il parto, è meglio bere a piccoli sorsi e molto spesso acqua normale o leggermente mineralizzata, concentrandosi sulla sete. Entro la fine del primo giorno, puoi bere un tè debole senza zucchero, un decotto di frutta secca o composta. Il volume di liquidi al giorno dovrebbe essere aumentato - in media è di circa 2-2,5 litri. Le madri che allattano sono vietate da tè e caffè, bibite e cacao altamente allergici. Devi stare attento con latte intero, succhi di frutta acquistati.

Bevande a base di latte acido: kefir, bere yogurt senza additivi, yogurt, latte fermentato fermentato saranno utili. Acqua minerale senza gas, acqua potabile, tisane e composte saranno utili per bere regolarmente. È necessario berlo in una forma calda, preferibilmente tra i pasti con piccoli volumi, circa 50-100 ml, ma spesso. Ciò consentirà al corpo della donna di ricevere abbastanza liquido per la produzione di latte e di accelerarne l'arrivo. Molte donne notano che un bicchiere di liquido caldo preso 10-15 minuti prima dell'alimentazione stimola l'assunzione di latte..

È necessario nei primi giorni dopo la nascita rifiutare il tè forte con lo zucchero: può eccitare il bambino e disturbare il suo sonno. Inoltre, non è consigliabile conservare succhi di frutta e succhi freschi: sono allergeni, possono irritare la digestione e contenere troppo zucchero.

Man mano che il bambino cresce, la nutrizione della donna dovrebbe espandersi gradualmente, non è possibile seguire una dieta rigorosa per tutti i mesi dell'allattamento al seno - questo porterà al fatto che il tuo corpo esaurirà tutte le sue risorse. Pertanto, poiché l'allattamento al seno è un processo fisiologico, non dovrebbe imporre restrizioni all'alimentazione e alla vita in generale. Devi tornare agevolmente alla tua dieta approssimativa, che prima eri incinta, ma, naturalmente, con l'eliminazione di cibi potenzialmente dannosi e allergenici, chimica degli alimenti e fast food. Allattamento al seno - questo è il momento di passare a una corretta alimentazione razionale e fissare questa abitudine per la vita.

Cosa posso mangiare dopo il parto?

Alcune restrizioni dietetiche durante la gravidanza sono abbastanza naturali, perché un bambino dovrebbe ricevere un massimo di nutrienti. Ma anche dopo la nascita del bambino, devi mangiare correttamente e i requisiti per la dieta della madre sono ancora più rigorosi rispetto a quando porta il feto, perché ora il bambino con latte materno riceve ciò che la madre mangia. Ti diremo cosa puoi mangiare dopo il parto e come organizzare correttamente la tua alimentazione per una donna in questo articolo..

Caratteristiche

Il corpo femminile deve riprendersi dopo il parto, e questo è un processo molto complesso e ad alta intensità energetica. Ecco perché l'alimentazione è di particolare importanza in materia di riabilitazione. Non è un segreto che le puerperas interrompano spesso il lavoro dell'intestino, inizia la costipazione. E l'inevitabile perdita alla nascita può portare allo sviluppo di anemia. Il cibo progettato e selezionato correttamente aiuterà a far fronte a tali problemi..

Circa 2-3 giorni dopo la nascita, una donna inizia a sviluppare il latte materno corposo, che differisce dal colostro e dal latte primario. E la salute del bambino da questo momento inizia a dipendere direttamente da ciò che la madre che allatta prende nel cibo, poiché tutte le sostanze benefiche (e dannose) dal cibo della donna cadono nella composizione del latte materno.

La dieta dovrebbe essere variata, ma delicata e attenta, con un effetto benefico sul processo di riabilitazione postpartum in una donna, nonché sul benessere e le condizioni del bambino.

Il parto può avvenire in modo naturale, ma può essere chirurgico (taglio cesareo). Dopo la prima e la seconda nascita, i principi della nutrizione saranno diversi l'uno dall'altro, ma ci sono solo tre principi di base che si applicano a tutte le donne durante il parto e le puerperas:

  • sicurezza e ipoallergenicità;
  • diversità ed equilibrio;
  • corretto regime alimentare.

Dovrebbe essere chiaro che un'alimentazione sicura significa cibo neutro, senza allergeni, coloranti, stabilizzanti del gusto, aromi e conservanti.

Tutte queste sostanze penetrano rapidamente nella composizione del latte materno e possono causare danni irreparabili alla salute del bambino. Sono anche pericolosi i prodotti che possono causare la fermentazione dei gas intestinali sia nella madre che nel bambino, il cui sistema digestivo non è ancora stabile.

Diversità significa che con il cibo una donna dovrebbe ricevere quanti più nutrienti, vitamine, minerali ed elementi di base possibili. È impossibile prevenire le "distorsioni" e includere il prodotto consentito nella dieta, ma con il suo grande vantaggio di massa. Ad esempio, mangia solo latticini o solo carne. Ad ogni pasto, una donna e un bambino dovrebbero ricevere grassi, proteine ​​e carboidrati..

Bere comporta la presenza di una quantità abbastanza grande di liquido, soprattutto durante i primi due giorni. Per evitare un'allattamento eccessivo, a partire dal terzo giorno la quantità di liquido viene ridotta a 0,8 litri al giorno da quella inizialmente consigliata di un litro e mezzo.

Bere correttamente contribuirà a un recupero più rapido del corpo femminile, alla perdita di peso dopo il parto e all'instaurazione dell'allattamento.

Nutrizione dopo il processo fisiologico di nascita

La nascita naturale può avvenire secondo lo schema classico e con complicazioni, e questo fattore è decisivo nel determinare la dieta dopo la nascita del bambino. Se una donna ha partorito pesantemente, è stata eseguita un'episiotomia o si sono verificate rotture spontanee del perineo, della cervice, del tratto genitale, quindi la nutrizione è pianificata tenendo conto del divieto di tentativi dopo il parto. Una donna non dovrebbe spingere forte per non danneggiare le cuciture, e quindi ci dovrebbero essere dei piatti nella sua dieta che non porteranno a costipazione, ad esempio cereali liquidi e semi-liquidi, purè di patate. Il cibo non dovrebbe essere denso.

Anche dopo un parto non complicato, la donna non raccomanda di mangiare cibi che aumentano il processo di formazione di gas nell'intestino e anche fibre grossolane, verdure e frutta crude sono indesiderabili. Dovrebbero essere esclusi dalla dieta durante la prima settimana dopo la nascita del bambino.

Gli alimenti grassi e un'abbondanza di cibi proteici possono aumentare il contenuto di grassi del latte, che è pieno di disturbi digestivi nel bambino a causa della carenza fisiologica di enzimi legati all'età.

Nei primi tre giorni dopo la nascita, a una donna viene mostrato cibo che è stato sottoposto a trattamento termico: cereali, purè di patate, zuppe, mele cotte, pere, carni magre, pesce, ricotta, latte. L'introduzione graduale di frutta e verdura cruda è un compito per il prossimo futuro, di solito è consentito introdurli in modo limitato alla fine del primo mese dopo la consegna.

Il cibo deve essere cotto a vapore, bollito, cotto. Fritte, piccanti, salate, spezie, una grande quantità di zucchero sono controindicate per le donne.

Tutti questi requisiti corrispondono al cibo preparato per le donne durante il parto in ospedale. Per ridurre al minimo i rischi di conseguenze indesiderate, è importante tenere conto delle reazioni allergiche individuali, nonché delle reazioni allergiche esistenti del padre del bambino. Questo è importante perché anche una donna può avere un'allergia a un prodotto autorizzato e inoltre, con un alto grado di probabilità, il bambino erediterà un'allergia dai suoi genitori - madre e padre.

Se il papà appena nato è allergico a un determinato prodotto, esiste il rischio che il bambino abbia la stessa reazione negativa, anche se la madre non è allergica a questo prodotto.

Durante l'allattamento al seno di una giovane madre, è molto importante mangiare piccole quantità, ma spesso - circa 6 volte al giorno. Ciò non solo aiuterà a stabilire una normale lattazione e migliorare la qualità del latte materno, ma stabilizzerà anche il metabolismo nel corpo femminile, in modo che i chili in più acquisiti durante la gravidanza andranno molto più velocemente.

Ogni nuovo prodotto nel primo e secondo mese dopo il parto, e anche successivamente, viene somministrato con cautela a partire da una piccola quantità. Durante il giorno, valutano se ci sono cambiamenti nelle condizioni del bambino. Se il bambino continua a mangiare con appetito, non è coperto da un'eruzione cutanea, in un giorno puoi aumentare gradualmente la quantità di questo prodotto nella dieta. Se il bambino è ansioso, lo stomaco è dolorante, le feci molli, il sonno è disturbato, compaiono eruzioni dermatologiche, il prodotto viene abbandonato e al medico vengono prescritti farmaci da prescrizione per le allergie per aiutare il bambino a liberarsi più rapidamente della sensibilizzazione.

È importante non introdurre contemporaneamente più di un nuovo prodotto, altrimenti sarà molto difficile capire che cosa esattamente il bambino sviluppa una reazione allergica.

Dopo un parto naturale, se una donna non allatta al seno per qualche motivo, è importante seguire una dieta moderata durante la prima settimana per consentire all'intestino di ripristinare le sue funzioni. Quindi una donna può mangiare ciò che le piace, ciò che vuole, quasi senza limiti. La cosa principale è prevenire la costipazione e la diarrea.

Cosa mangiare dopo taglio cesareo?

Nel modo più serio, si raccomanda alle donne che hanno avuto un taglio cesareo di avere un piano alimentare. Il travaglio chirurgico è associato alla penetrazione nella cavità addominale e quindi il recupero è più lungo, inoltre, per diversi giorni, viene preservato l'effetto sul corpo dei farmaci somministrati come anestesia.

Il primo giorno dopo l'operazione, si raccomanda alla donna di rifiutare il cibo, poiché l'intero intestino può portare a una pressione sull'utero e le sue pareti sono state sezionate e suturate durante l'operazione. Senza tale pressione, la contrazione degli organi riproduttivi è più veloce. Anche la spinta è controindicata, quindi è importante prevenire la costipazione.

Il primo giorno ti è permesso di bere. Ma c'è una limitazione quantitativa - non più di un litro e mezzo di acqua pura, al fine di prevenire l'edema postoperatorio. Puoi aggiungere un paio di gocce di succo di limone all'acqua.

Entro la fine del primo giorno dopo il travaglio chirurgico, una donna è autorizzata a mangiare manzo secondario o brodo di pollo. Secondario significa che la carne viene cotta in due acque. Quello che sarà il secondo diventerà il brodo giusto, non diverso nell'aumentata concentrazione. Il brodo può essere salato, ma in quantità molto piccole.

È permesso mangiare alla fine del secondo giorno insieme a un brodo di crackers fatti in casa fatti di pane bianco, senza sale e altre spezie.

Al secondo giorno, è consentito mangiare purè di patate senza burro, tè moderatamente dolce e composte diluite o bevande alla frutta. Puoi mangiare la purea di bambini in barattoli.

Porridge sull'acqua, scarso, aggiungere il terzo giorno. Allo stesso tempo, è indesiderabile cucinare riso e semola. È accettabile l'uso di cotolette di vapore di pollo tritato, kefir.

Dal quarto giorno dopo l'operazione, la madre appena coniata è autorizzata ad andare al tavolo comune e organizzare il suo cibo secondo i principi generali che si applicano a tutti coloro che partoriscono, indipendentemente dal metodo di consegna.

È molto importante prendere lassativi o fare un clistere se il terzo giorno una donna non va in bagno "per grande necessità". A casa, dopo la dimissione, dovresti rispettare le regole dell'organizzazione del cibo secondo le tabelle dei prodotti proibiti e consentiti comuni a tutte le donne che lavorano.

Regole per la ristorazione di HS

La composizione del latte materno deve essere satura e sicura per le briciole, deve contenere tutte le sostanze necessarie per la crescita e lo sviluppo. Fino a sei mesi, solo il latte materno è presente nella dieta del bambino e quindi deve essere di qualità adeguata. La mamma deve occuparsene..

Dovresti abbandonare le diete rigide, le diete mono, le diete in cui una donna sperimenterà un sentimento di fame. I menu sono preferibili con una settimana di anticipo. Ciò ti aiuterà con l'acquisto dei prodotti necessari, oltre a disciplinare la puerpera e ti renderà più responsabile nella scelta dei prodotti..

Non dovresti ricordare ancora una volta che una donna dovrebbe mangiare solo prodotti freschi e di alta qualità - non solo i prodotti con una scadenza scaduta sono inaccettabili, ma anche quelli che stanno per scadere questo periodo.

Devi studiare attentamente le iscrizioni sulla confezione, nei prodotti semplici oggi puoi trovare additivi e stabilizzatori così inaspettati che sicuramente non gioveranno al bambino e alla madre.

Quando si prepara il menu, è importante dividere la dieta quotidiana in sei pasti, ciascuno, tranne l'estremo, la sera, dovrebbe includere tutti i gruppi di sostanze necessarie - proteine, grassi, carboidrati, mentre le proteine ​​dovrebbero essere almeno il 40% della dieta totale. Il pasto serale prima di dormire dovrebbe essere facilitato - solo yogurt o solo frutta.

Viene considerata la dieta ottimale in cui una donna mangerà ogni 3-3,5 ore. Un pasto serale dovrebbe essere non solo leggero, ma anche non tardi - circa 2 ore prima di andare a letto. Dovresti rifiutare il cibo di notte. È importante saturare i pasti del mattino con i carboidrati: la colazione e il primo spuntino che precede la cena. Uno spuntino e una cena per rendere più sature le proteine.

Cosa è raccomandato?

L'elenco dei prodotti consentiti dopo la nascita alle madri che allattano è piuttosto lungo. Se una donna si consulterà con lui durante la pianificazione del menu, non consentirà fastidiosi e pericolosi "errori". Controlla se questo o quel prodotto può essere consumato, la seguente tabella ti aiuterà.

Tabella dei prodotti approvata

Gruppo di prodotti

Cosa si può mangiare

Da quando è consentita l'introduzione??

Latticini e latte acido

Latte (2,5% e inferiore), kefir (senza grassi), yogurt fatto in casa, panna acida a basso contenuto di grassi, ricotta.

Kefir e ricotta - da 2-3 giorni dopo la consegna, latte - da 1 mese, panna acida - dopo 2 mesi.

Avena, miglio, riso, mais, orzo perlato, grano saraceno.

Sull'acqua - dai primi giorni, ad eccezione del riso e dell'orzo perlato, nel latte - dopo 1 mese. L'aggiunta di olio è possibile dopo 3 settimane (in piccole quantità). Riso, mais e orzo perlato devono essere consumati in piccole quantità..

Pane e Panetteria

Pane integrale di seconda scelta, pane grigio, biscotti secchi, cracker.

10-12 giorni dopo la nascita. Eccezione: i cracker di grano, che sono ammessi dai primi giorni.

Cremoso, vegetale (girasole, oliva, semi di lino).

Cremoso - 21 giorni dopo la consegna (non più di 25 grammi al giorno), vegetale - 10 ml, senza sottoporlo a riscaldamento e ebollizione, in natura.

Manzo, vitello, maiale magro (lombo), coniglio.

Bollito, cotto, in umido e cotto a vapore, per cucinare brodi, primi piatti - da 2-3 giorni dopo la consegna, a partire da cotolette di vapore.

Pollo (petto), tacchino, anatra.

Una settimana dopo la consegna Metodi di cottura: bollitura, stufatura, cottura al forno. Maggio 3-4 giorni dopo la nascita.

Tutte le varietà a basso contenuto di grassi - pollock, carpe, merluzzo, nasello, pesce persico, eglefino, ecc..

Per primi e secondi, in umido, bollito, cotto e cotto a vapore da 3 settimane dopo la consegna.

Mele (verdi), mele di altri colori, tutti i frutti non acidi - pere, albicocche, frutta secca, bacche (anguria, mirtilli, caprifoglio).

In forma bollita e cotta - dal primo giorno dopo il parto (mele verdi). Mele colorate - sei mesi dopo la consegna, bacche - da tre mesi.

Patate, carote, zucchine, zucca, cetrioli, pomodori, piselli, zucca, barbabietole.

Patate, carote, barbabietole - dai primi giorni, il resto - a tappe in un mese. Nel primo mese - solo trattato termicamente.

Marshmallows bianco, bianco pastiglia

In piccole quantità, gradualmente a partire da 3 mesi dalla consegna.

Tè, tisana alla menta e melissa, acqua minerale naturale, succhi fatti in casa fatti in casa, bevande alla frutta, composta.

Non concentrato e debole, subito dopo la nascita.

Da 1 mese dopo la nascita in piccole quantità e come una frittata o bollita.

Tutto tranne le arachidi (allergene forte!).

Da 1 mese dopo la consegna.

Gamberetti, aragoste e scampi, aragoste, alghe.

Sei mesi dopo la nascita del bambino. Alghe - dopo 3 mesi.

Un mese dopo la nascita del bambino.

Spezie e condimenti

Foglia di alloro, aneto essiccato, prezzemolo

Due mesi dopo la consegna.

Cipolle verdi, prezzemolo, aneto, insalata, foglie di menta.

Dopo due mesi.

Panna acida, farina.

Un mese dopo la nascita del bambino.

Da questi prodotti è possibile creare un menu ricco in cui una donna non morirà di fame e si sentirà "trattenuta". Va ricordato che i prodotti lattiero-caseari, carne (pollame, pesce), cereali e verdure dovrebbero essere presenti nella dieta ogni giorno.

Cosa è proibito?

È vietato durante l'allattamento tutti i prodotti pericolosi, in termini di penetrazione nel latte materno, nonché quelli che possono peggiorare le condizioni di una donna nel processo di riabilitazione dopo il parto. Dovresti leggere l'elenco degli alimenti che le donne dovrebbero evitare..

  • Bevande gassate, limonata: portano alla formazione di gas intestinali, inoltre contengono una grande quantità di zucchero e talvolta coloranti.
  • Cibo da fast food, fast food - ricco di grassi, zucchero, nonché coloranti e aromi. Possono causare gravi allergie nei bambini e anche contribuire alla violazione del metabolismo dei grassi, quindi il sovrappeso può essere un problema non solo per la mamma ma anche per il bambino.
  • Verdure - cavoli, ravanelli e sedano. Il primo aumenta la formazione di gas nell'intestino, il resto: rovina il gusto del latte materno, il bambino può rifiutare di prendere il seno.
  • Prodotti che contribuiscono alla formazione di gas: lievito, legumi, pane di segale, kvas.
  • Carni grasse (agnello, maiale), pollame (cacciagione), pesce grasso (sgombro, aringa, ecc.).
  • Funghi (scarsamente digeriti e possono contenere sostanze tossiche).
  • Cioccolato, marmellata, latte condensato, marmellate e conserve, miele, cacao e caffè. Una grande quantità di zucchero è pericolosa non solo per la figura di mia madre, ma anche per un bambino.
  • Ketchup, salsa di soia, maionese, salsa chili, barbecue, teriyaki, tutte le spezie tranne quelle consentite sopra. Appetito Kindle, possono essere allergeni.
  • Salsicce, tutti i tipi di salsicce.
  • Crema di formaggio. Contiene conservanti e un'alta percentuale di grassi.
  • Cagliata glassata: contiene molto zucchero e conservanti.
  • Cibo in scatola - verdure, pesce, carne. I conservanti sono molto pericolosi per il bambino..
  • Torte, pasticcini, dolci, prodotti da forno di fabbrica.
  • Frutta - pesche e banane, nonché tutti gli agrumi. Contengono una grande quantità di zucchero, spesso fungono da fattori che provocano una reazione allergica.

Una donna deve aggiungere a questo elenco quei prodotti per i quali lei e il padre del bambino hanno un'allergia individuale. E, naturalmente, sono vietati l'alcol in qualsiasi forma e in qualsiasi quantità, nonché i medicinali che non sono prescritti da un medico. L'alcool etilico e molti prodotti farmaceutici penetrano molto rapidamente nel latte materno e vengono trasmessi al bambino..

Come fare un buon menu?

Per non limitarti troppo e non mangiare troppo, una donna ha bisogno di ricordare la regola d'oro di una dieta equilibrata e sana durante l'allattamento. Il volume totale di ogni pasto non deve superare i 400 grammi. Questo include zuppe, insalate e piatti principali.

È abbastanza semplice da immaginare: una cena composta da 150 grammi di zuppa di verdure, 100 grammi di grano saraceno bollito, 100 grammi di vapore o pollo bollito o cotoletta di pollo dello stesso peso, così come insalata di verdure per un importo di 50 grammi sarà giusto..

Secondo questo principio, si consiglia di formare ogni pasto ad eccezione di un pasto serale, in cui sarebbe ragionevole mangiare solo yogurt termostato o bere kefir con cracker di grano.

A proposito di cosa succede dopo il parto, guarda il prossimo video.

Nutrire una madre che allatta dopo il parto

La nutrizione dopo il parto per una donna che allatta ha molte caratteristiche e divieti. Dopotutto, la composizione e la quantità del latte materno dipendono direttamente da questo. I capricci del bambino dovuti a cattiva salute, a un breve sonno, a costipazione: tutte queste sono conseguenze della mancata osservanza della dieta da parte di una madre che allatta. Quindi cosa devi mangiare in modo che il bambino sia sano e calmo?
La nutrizione nei primi mesi dopo il parto dovrebbe essere facile, ma frequente, i nuovi alimenti dovrebbero essere introdotti attentamente, osservando la reazione del bambino. Non dimenticare le restrizioni sul cibo spazzatura. Considera i principi di base della formazione dei menu per una giovane madre.

Perché è importante mangiare bene??

Una corretta alimentazione della madre dopo il parto assicurerà l'allattamento, il benessere e la salute del neonato.

Tutto ciò che la madre ha mangiato entra nel corpo del bambino con il latte materno e può provocare conseguenze negative:

  1. Colica gonfia e grave.
  2. Costipazione o viceversa, diarrea.
  3. Per alcuni prodotti, possono verificarsi manifestazioni allergiche sotto forma di eruzione cutanea. Altre informazioni sulle allergie nei neonati →
  4. Degustazioni e cibi aromatici compromettono il gusto del latte e il bambino può rifiutarsi di allattare..
  5. L'alimentazione impropria di una madre che allatta dopo il parto può avere un effetto eccitante sul sistema nervoso del bambino.

A seguito di una dieta, una donna fornirà anche a se stessa e alla sua famiglia un buon riposo. Dopotutto, un bambino che non soffre di coliche o costipazione dorme meglio, mangia bene e aumenta di peso.

Un bambino del genere cresce e si sviluppa tranquillamente senza soffrire di prurito allergico e dolore costante nella pancia e la madre non è nervosa nel tentativo di calmare il bambino. Inoltre, una dieta equilibrata e regolare, ad esclusione di fritti e grassi, aiuterà una donna a liberarsi dei chili in più guadagnati durante la gravidanza.

Molto dipende dalle abitudini alimentari della madre durante la gravidanza. Se una donna in precedenza consumava costantemente cachi, mele, prugne, quindi dopo il parto puoi anche aggiungere questi prodotti alla dieta. Tuttavia, se la madre non ha mangiato questi frutti prima e dopo il parto è stata portata via dal loro consumo, è possibile che il bambino abbia un'allergia.

Il menu deve essere progettato in modo tale che nella dieta quotidiana siano stati:

Nutrizione nei primi tre giorni dopo la nascita

Il problema di seguire una determinata dieta dovrebbe essere considerato da una donna non solo dopo la comparsa del bambino, ma anche durante la gravidanza. Con scarsi test, il medico può consigliarle di limitare l'uso di determinati alimenti per non provocare un deterioramento.

Pochi giorni prima della nascita, è meglio abbandonare eccessi come:

  • cioccolato;
  • noccioline
  • caffè, tè forte, cacao;
  • fragole, pomodori, pesce rosso;
  • piatti affumicati o salati;
  • agrumi e vari cibi esotici.

L'uso di prodotti lattiero-caseari è anche meglio ridurre. Quindi, proteggerai il neonato dalla diatesi immediatamente dopo la nascita.

Il cibo il primo giorno dopo la nascita dovrebbe consistere in piatti preparati al momento e leggeri, senza condimenti piccanti e aromatici. Dopotutto, durante questo periodo, una donna inizia ad avere un processo di allattamento e ad abituare il suo bambino.

È meglio limitarsi ai cereali nell'acqua, un uovo sodo o un pezzo di carne magra, puoi mangiare una zuppa magra senza friggere. Sono ammessi dolci, una mela cotta, una banana e un semplice biscotto.

C'è un'opinione secondo cui per aggiungere latte, una donna ha bisogno di un drink abbondante. Non è così, poiché bere molti liquidi può portare a vampate di calore e ristagno di latte nel petto. Dopotutto, un neonato mangia molto poco.

Coloro che hanno partorito con taglio cesareo non dovrebbero mangiare cibi ricchi di fibre: verdure e frutta crude, pane integrale, crusca. Nei primi giorni dopo l'intervento chirurgico, è meglio limitarsi all'acqua senza gas.

La fine della prima settimana dopo la nascita

Una donna che allatta non dovrebbe morire di fame. Mangiare dopo il parto nei primi giorni dovrebbe essere frequente e frazionario, idealmente - dopo ogni poppata dovresti mangiare cibo leggero e bere tè caldo o composta.

Alla fine della prima settimana dopo la nascita di un bambino, la mamma può:

  1. Tè caldo zuccherato, succo di mirtillo rosso, composta di frutta secca, decotti alle erbe.
  2. Verdure al vapore: barbabietole, zucchine o melanzane, carote, zucca con un paio di gocce di olio vegetale.
  3. Dal pane nero o di segale, puoi preparare i cracker per il tè o la zuppa.
  4. Introduci alcune fettine di pesce di mare a basso contenuto di grassi nella dieta, osservando il benessere del bambino.
  5. Un po 'di purè di patate o pasta.
  6. Manzo bollito a basso contenuto di grassi.
  7. Latticini (non più di 300 g al giorno).
  8. Una volta al giorno, assicurati di mangiare zuppa magra o borsch senza cavolo.
  9. Aggiungi con attenzione noci e formaggio a pasta dura al tuo menu.
  10. Mangia una banana e due mele cotte al giorno.

Introduci attentamente nuovi prodotti nella tua dieta in piccole porzioni, osservando attentamente la reazione del bambino ad essi.

Le porzioni devono essere piccole, quindi la mamma non guadagna chili di troppo..

Nutrizione nelle prime 4 settimane dopo la nascita

Sono passate diverse settimane dalla nascita del bambino, il bambino è cresciuto un po ', e sembrerebbe che la mamma possa tornare alla sua solita dieta, ma no. La nutrizione nel primo mese dopo la nascita è importante come nei primi giorni.

Durante questo periodo, le madri che allattano sono autorizzate:

  • tutti i cereali sull'acqua, tranne riso, mais e grano;
  • puoi mettere un po 'di burro nel porridge;
  • fette magre di manzo o pollame bolliti;
  • latte, yogurt;
  • frutta cotta, verdure crude verdi.

Puoi preparare frittelle di ricotta e casseruole con la ricotta aggiungendo frutta secca o bacche. È consentito aggiungere un po 'di panna acida ai piatti..

Quando introduci nuovi prodotti nella tua dieta, dovresti essere guidato da una serie di regole:

  1. Usa un nuovo piatto al mattino, ma è meglio al mattino e controlla attentamente la reazione del bambino.
  2. Aggiungi solo un nuovo prodotto al giorno.
  3. Se il bambino ha mostrato eruzioni cutanee o è diventato nervoso e capriccioso, allora è meglio rifiutare di usare un nuovo piatto. Per comodità di osservazione e sistematizzazione delle informazioni, è necessario tenere un diario nutrizionale..
  4. Inserisci nuovi prodotti nel tuo menu in piccoli pezzi. Con una buona reazione del bambino, la porzione può essere aumentata al pasto successivo.

Periodo di allattamento al seno

Naturalmente, la nutrizione nel primo mese dopo la nascita è molto limitata, ma dopo 8-12 settimane può essere notevolmente ampliata.

In questa fase, è consentito aggiungere:

  1. Alcuni dolci (marshmallow, marmellata, caramelle naturali). Scegli un prodotto con un numero minimo di coloranti, senza odori chimici estranei, con una breve durata.
  2. Frutta secca (uva passa, prugne secche, albicocche secche, datteri). Possono essere consumati in natura e aggiunti a vari piatti. Non dimenticare di lavare bene la frutta secca prima di mangiare, e ancora meglio - cospargili di acqua bollente.
  3. Diversificare il menu con altri tipi di pesce.
  4. Un po 'di mais bollito e giovani piselli, senza dimenticare di notare le condizioni del bambino dopo l'introduzione di nuovi prodotti.
  5. Frutta fresca di stagione (pesche, albicocche, prugne, mele non varietà rosse). Delle bacche - caprifoglio, mirtilli, ribes bianco e uva spina.
  6. Quattro mesi dopo il parto, puoi aggiungere succhi di frutta appena spremuti al tuo menu, ma è meglio diluirli con acqua bollita e bere non più di un bicchiere al giorno.

Restrizioni nutrizionali per le madri che allattano

Con quello che puoi mangiare dopo il parto, abbiamo capito. Ma questi prodotti non dovrebbero essere consumati da una donna durante l'allattamento al seno un bambino:

  1. Bevande alcoliche e cibo da fast food. È meglio escluderli anche in fase di gravidanza per evitare problemi di salute..
  2. Gli agrumi sono forti allergeni, inoltre devono essere rimossi dalla dieta di una madre che allatta. Nel periodo autunno-inverno, è meglio dare la preferenza a un brodo di cinorrodo o crauti, hanno anche molta vitamina C.
  3. Le torte da negozio, le torte alla crema e le caramelle con alcool devono essere sostituite con semplici biscotti. Se vuoi davvero, puoi cuocere una torta da solo preparando una crema pasticcera con latte magro.
  4. Molte donne bevono il tè con l'aggiunta di latte, considerando questa bevanda utile per l'allattamento. Ma non è così. Anche il latte di vacca intero è considerato un allergene e deve essere consumato con estrema attenzione, in piccole quantità. Meglio ancora, sostituire con la capra.
  5. Gli alimenti grassi, fritti, affumicati e salati sono proibiti non solo per una madre che allatta, ma anche per una donna incinta.

Nei primi giorni dopo il parto, la nutrizione della donna è molto limitata, questo è necessario per il benessere della donna in travaglio e del bambino. Mangiare cibi sani può aiutare il lavoro del tratto gastrointestinale del tuo neonato ed evitare tali spiacevoli problemi come coliche, gonfiore e costipazione. Più tardi, la dieta della mamma si espanderà, arrivando a quella che era prima della gravidanza.

Menu di esempio per la settimana

La madre che allatta può mangiare molti alimenti, il numero di pasti dovrebbe essere di almeno 4 al giorno. Se una donna vuole perdere peso, il cibo dovrebbe essere diviso in piccole porzioni, ma è necessario mangiare 6-7 volte al giorno. Va ricordato le regole del trattamento termico di alimenti, frutta cruda, verdure dovrebbero essere consumate in piccole quantità, mentre è necessario garantire che il bambino non abbia problemi con la digeribilità del latte.

Menu di esempio per la settimana:

Giorno della settimanaColazioneCenaHigh teaCena
LunediPorridge di farina d'avena sull'acqua, verdure in umido, latte cotto fermentatoZuppa di verdure, patate lesse, petto di pollo bollitoTè alla camomilla, biscotti, bananaMaccheroni, funghi in umido, frutta secca
martedìUovo sodo, broccoli in umido, pane e burro, tèPesce bollito, porridge di riso, ricotta con pera, compostaKefir, Charlotte con mela, biscottiCasseruola di verdure, polpette al vapore, yogurt
mercoledìPorridge d'orzo, zucchine bollite, frutta secca, kefirPasta, vitello in umido, insalata con verdure, tè dolceMela cotta, essiccazione, latte cotto fermentatoZuppa di pesce, uovo sodo, pane e burro, composta
giovediRicotta con panna acida, biscotti, tèPorridge di mais, verdure bollite, pollame, latte cotto fermentatoBiscotti, frutta secca, kefirZuppa di polpette, riso con verdure, composta
VenerdìPorridge di grano saraceno con gulasch di manzo, sandwich al formaggio, kefirSpezzatino di verdure, carne di coniglio al forno, tè con biscottiCasseruola di riso, essiccazione, frutta in umidoGnocchi con ricotta, purea di frutta, latte
SabatoPurè di patate con pesce al forno, yogurt naturale, bananaFarina d'avena con burro, polpette di carne di pollo al forno con mele, frutta in umidoCasseruola, succo o composta di frutta fatta in casaCheesecakes con panna acida, insalata con verdure, tè
DomenicaPorridge di riso con mela, panino al formaggio ryazhenkaZuppa di pesce, insalata di barbabietole (piccola quantità), cotolette al vapore, tèBiscotti, ricotta, tè verdeCasseruola con carne e patate, uovo sodo, composta di frutta secca

Se consideriamo le varie varianti del menu, possiamo vedere che non hanno dolci, caffè, cioccolato. I prodotti che contengono molto zucchero sono dannosi in questo caso, i dolci possono essere sostituiti con pastiglie, marmellate fatte in casa, caramelle gommosa e molle, pasticcini, ecc..

La cosa principale, ricorda che il tuo menu dovrebbe essere bilanciato e il cibo regolare. Anche con un elenco minimo di alimenti consentiti, puoi mangiare gustoso e vario. E per aiutare la mamma, le nostre ricette per l'allattamento sono utili..

Autore: Alla Shevchuk,
appositamente per Mama66.ru

Prodotti e piatti che possono essere consumati da una madre che allatta dopo il parto e che non possono essere inclusi nella dieta

L'allattamento al seno, nonostante tutte le difficoltà che sorgono lungo la strada, può essere senza esagerazione chiamato il periodo più felice della maternità. E non solo perché il titolo di "madre che allatta" le dà alcuni privilegi o un onore speciale nella cerchia familiare.

Nutrire un bambino con il proprio latte dà a una donna molte emozioni positive dalla tenerezza alla gioia.

È vero, succede che la madre stessa o i parenti intorno a lei cercano di imporre a se stessi, e quindi al bambino, una dieta povera, creando eccitazione e nervi inutili intorno alla dieta. Il nervosismo è facile da portare nell'atmosfera di una famiglia, se il problema - cosa si può mangiare dopo il parto - è considerato come un sistema di divieti e restrizioni.

Che tipo di cibo può avere una madre che allatta

Dato che la dieta di una madre che allatta dovrebbe consistere in un insieme equilibrato, facilmente digeribile e allo stesso tempo ricco di calorie, la medicina moderna afferma che dopo il parto puoi mangiare quasi tutto. Ci sono piccole restrizioni che verranno discusse in seguito, ma per ora ti offriamo di familiarizzare con i requisiti di base per la dieta infermieristica.

  1. Il Ministero della salute e dello sviluppo sociale raccomanda di mantenere un apporto calorico giornaliero di cibo consumato da una donna che allatta ad un livello di 2735 kcal, che è di circa 500 kcal in più rispetto alla media di una donna.
  2. Ciò che puoi mangiare una madre che allatta dopo il parto dovrebbe essere diviso in 5-6 ricevimenti al giorno, in modo da non mangiare troppo, ma anche per prevenire la fame.
  3. Per mantenere una normale lattazione, una donna ha bisogno di una bevanda abbondante - almeno 2-2,5 litri di liquidi al giorno (composte, tè, acqua potabile), di cui 200-300 ml dovrebbero essere nei prodotti a base di latte fermentato.
  4. Per stimolare l'attività motoria dell'intestino, è necessario mangiare verdure - almeno 400 g, bacche e frutta - circa 300 g, bere succhi (preferibilmente con polpa) - 200-300 ml.
  5. Al fine di prevenire l'anemia sideropenica, si raccomanda di ottenere fino a 10 mg di ferro (dalla carne) negli alimenti.

La dieta dovrebbe essere abbastanza varia

Obbligatorio per un elenco di ciò che gli alimenti possono e devono essere consumati da una madre che allatta, è l'uso di una quantità sufficiente di tutti i principali gruppi alimentari:

  • carne e pesce;
  • pane e prodotti da forno;
  • groppa;
  • burro e oli vegetali;
  • uova, latte e prodotti lattiero-caseari;
  • verdure, frutta e bacche.

Elenco di alimenti che una donna in travaglio non può essere inclusa nella dieta

Il requisito principale per l'alimentazione di una madre che allatta: il cibo dopo il parto dovrebbe essere pieno e sicuro. Sicurezza significa non solo freschezza e qualità, ma metodi di cottura. Ad esempio, è necessario ridurre al minimo l'uso di:

  • fritto - è un pericolo cancerogeno;
  • salato: trattiene i fluidi nel corpo, causando edema e aumento della pressione sanguigna;
  • in scatola - può causare botulismo, avvelenamento; è possibile solo la conservazione in fabbrica per i bambini: purè di patate, succhi di frutta;
  • alimenti affumicati - pericolo cancerogeno.

Inoltre, questi prodotti sono dannosi per il funzionamento del fegato e del tratto gastrointestinale, provocano una violazione del metabolismo dei grassi e la deposizione di colesterolo nelle pareti dei vasi sanguigni, pertanto, né una madre che allatta né il suo bambino sono completamente utili.

Placche aterosclerotiche nei vasi

Per lo stesso motivo, non appoggiarti a piatti troppo grassi e piccanti. L'elenco degli alimenti che non possono essere mangiati o bevuti da una madre che allatta include:

  • alcool, bevande energetiche, soda dolce;
  • stoccafisso, funghi e altri prodotti che possono causare botulismo o intossicazione alimentare;
  • pesce crudo;
  • piatti piccanti e troppo piccanti (ad esempio con aglio, rafano e altre spezie piccanti);
  • cibi insoliti (ad esempio frutti tropicali luminosi) che la madre non ha mangiato prima della gravidanza e del parto - non è noto come il corpo del bambino reagirà a loro.

Quando si scelgono prodotti alimentari, una donna dovrebbe sempre pensare alla possibile reazione del bambino e rifiutare cibi che possono indurlo ad aumentare la formazione di gas e coliche: legumi, cavolo crudo, noci, soda. Se la madre tollera normalmente questi prodotti e il bambino non ha una reazione negativa nei loro confronti, possono essere consumati in piccole quantità.

Se la madre ama gli agrumi e continua a mangiarli dopo il parto, questo può essere fatto a condizione che questi prodotti non causino manifestazioni allergiche al bambino:

  • ansia
  • disturbi del sonno e delle feci;
  • sbalzi d'umore;
  • eruzioni cutanee.

Di norma, il bambino trasferisce con calma il cibo che sua madre ha mangiato per tutta la vita prima di nascere.

Menù esemplare di una donna appena nata

Immediatamente dopo il parto, una madre che ha speso molta energia ed energia inizia a superare la fame e le domande su cosa può essere mangiato da una donna che ha appena partorito. Come risulta da tutto quanto sopra, puoi portare all'ospedale di maternità tutto ciò che una donna vuole mangiare dopo il parto, se questi non sono prodotti proibiti.

Ogni istituzione medica ha le sue regole, quindi l'elenco dei prodotti vietati deve essere concordato con il personale dell'ospedale in modo che la metà dei portati non debba essere recuperata. In genere, un divieto negli ospedali di maternità include:

  • salsicce;
  • sottaceti;
  • verdure crude;
  • cioccolato;
  • agrumi;
  • caffè;
  • cibi in scatola, anche latte condensato.

Tutto il resto che viene cotto in umido o bollito, puoi mangiare la mamma dopo il parto.

Dopo essere stata trasferita nel reparto dopo il parto, una donna in travaglio può essere nutrita con qualsiasi primo piatto: brodo di pollo magro con cracker fatti in casa, borsch estivo o zuppa di cavolo. Nonostante una fame evidente, non è necessario mangiare troppo nelle prime ore: è necessario ricordare che andare in bagno può essere doloroso e i tentativi di costipazione possono portare allo stiramento delle suture perineali.

Ricette interessanti

Affinché il periodo dell'allattamento al seno non si trasformi in un altro onere per una donna che ha appena partorito, deve mangiare secondo le sue preferenze di gusto, con piacere e comprensione del fatto che condivide il suo pasto con il bambino indirettamente. Meno restrizioni saranno introdotte nella dieta, più velocemente il bambino si adatta alle tradizioni nutrizionali della famiglia, formerà preferenze simili per il cibo. Ecco alcune ricette che puoi non solo mangiare dopo la consegna a una madre che allatta, ma che possono diventare il piatto preferito della famiglia.

Tagliatelle Siberiane

Versare un pezzo di pollo domestico o tacchino con 1,5 litri di acqua, portare ad ebollizione. Dopo aver rimosso la schiuma dal brodo, salare, aggiungere la cipolla tritata finemente e un po 'di carote grattugiate, cuocere fino a quando la carne è pronta.

Separatamente, sbattere 1 uovo in una ciotola con un pizzico di sale, raffreddare impastare con farina, arrotolare in uno strato sottile. Tagliare lo strato in strisce larghe 5 cm e ogni striscia in spaghetti sottili (non più di 2-3 mm). Versare nel brodo bollente, lasciar bollire per 1 minuto e togliere dal fuoco. I noodles vanno bene con i cracker fatti in casa.

Verdure ripiene (zucchine, pomodori, peperoni)

Preparare la carne macinata, aggiungere la cipolla tritata finemente - circa la metà del volume di carne e ¼ del volume - riso crudo, ben lavato in acqua corrente, sale.

Zucchine giovani crude tagliate in cilindri di circa 8 cm di lunghezza. Togliete la polpa con un cucchiaino (può essere aggiunta al ripieno). I "tubi" risultanti ripieni di carne macinata. Se la carne forzata è più grande delle zucchine, puoi farcire alcuni peperoni dolci o pomodori medi (sono anche presi crudi e la polpa viene scelta con un cucchiaio), il piatto combinato sembra più bello.

Riempi le verdure ripiene in una casseruola, versa dell'acqua bollente per coprire un po 'e fai cuocere a fuoco basso.

Nel frattempo, separa lo stufato separatamente in una padella - cipolle tritate, carote, peperoni e pomodori (puoi usare la polpa estratta) fino a cottura.

Quando il riso nella carne macinata è completamente bollito, versare nella padella lecho, cospargere con erbe fresche tritate (raccolta prezzemolo, coriandolo, aneto e basilico), portare a ebollizione e togliere dal fuoco.

Up