logo

Dieta dopo il parto: alimenti consentiti e vietati. La necessità di una dieta, consigli nutrizionali per le madri con problemi gastrointestinali, le conseguenze del mancato rispetto della dieta.

Nutrizione immediatamente dopo il parto

Dopo il parto, il bambino e la madre continuano a rimanere in stretto contatto: ciò che la donna mangia, il bambino riceve con il latte.

Ecco perché è necessario rivedere la dieta ed eliminare inutili.

Una corretta alimentazione è anche benefica per una donna, ha un effetto positivo sul corpo e aiuta a ripristinare la forza più velocemente..

Nutrizione per una madre che allatta: la necessità di una dieta

I medici non hanno ancora raggiunto un'opinione comune sulla dieta di una madre che allatta: alcuni sostengono che dovrebbe essere vario e illimitato, mentre altri credono che una donna dovrebbe astenersi dal consumare molti alimenti. Tuttavia, un numero enorme di fatti dimostra che vale la pena monitorare la nutrizione. Questo è necessario sia per il bambino che per la mamma.

L'unico cibo per un neonato è il latte materno. È nutriente, ha una ricca composizione di oligoelementi, sostanze nutritive e vitamine. Da esso, il bambino riceve tutto il necessario.

La qualità del latte dipende dall'alimentazione della mamma. Le sostanze presenti negli alimenti vengono assorbite nel sangue e dal sangue nel latte. Un'alimentazione scorretta influisce sul benessere del bambino: il tratto gastrointestinale si deteriora, compaiono reazioni allergiche.

Una dieta equilibrata è importante per la mamma. Grazie a prodotti arricchiti con vitamine, il corpo recupera più velocemente. Il periodo di gravidanza e parto è un processo complesso che richiede molta energia. Il rispetto di una dieta può aiutare a migliorare le condizioni di una giovane madre, a perdere peso più velocemente, accumulando oltre 9 mesi di aspettativa del bambino.

Quali alimenti può mangiare una madre che allatta durante l'allattamento?

A volte sembra alle madri che allattano che il cibo nei primi tempi sia molto scarso, quasi tutto è proibito.

L'elenco degli alimenti consentiti si sta espandendo ogni settimana, gradualmente i soliti alimenti che potrebbero essere consumati facilmente prima della gravidanza vengono riportati alla dieta.

Una donna dovrebbe mangiare carne magra. È una ricca fonte di proteine, necessaria per madre e figlio per mantenere una vita normale. Gli esperti consigliano di mangiare carne una settimana dopo il parto, iniziando con 50 grammi e aumentando gradualmente la porzione. L'eccezione è il pollame. Permesso di mangiare:

Il pesce è anche ricco di proteine, ma viene digerito molto più velocemente e più facilmente delle proteine ​​ottenute dalla carne. Il pesce è ricco di omega-3, calcio e fosforo. Durante l'allattamento, dovresti scegliere varietà con un contenuto di grassi inferiore all'8%, tra cui:

Non meno importanti componenti di una dieta sana sono i latticini e i prodotti a base di latte acido. Si consiglia l'uso di ricotta, yogurt senza additivi, panna acida. Il contenuto di grassi di questi prodotti non deve superare il 5%. Le madri allattate al seno mangiano formaggi a pasta dura. Il latte di mucca è sostituito da mandorle, avena e cocco. Tuttavia, nelle prime settimane, dovresti abbandonare completamente qualsiasi tipo di latte.

Una dieta per le madri che allattano consente di mangiare più uova al giorno. Con un'allergia in un bambino, le uova di gallina vengono sostituite con le quaglie. Bollire meglio le uova ed evitare cibi come uova strapazzate..

Il primo frutto che viene mangiato proprio in ospedale è una mela. Per evitare allergie, è meglio scegliere mele verdi o gialle. Un po 'più tardi, puoi mangiare una pera, è arricchita di fibre e vitamine. La fibra pulisce il corpo e ha un effetto benefico sul funzionamento del tratto gastrointestinale. Inoltre, la dieta è integrata con banane, lamponi, albicocche.

Nei primi giorni dopo l'incontro con il bambino, si consiglia di mangiare vari cereali sull'acqua, brodi, zuppe leggere. Tale cibo viene assorbito più facilmente dall'organismo. Puoi mangiare una fetta di pane integrale.

Elenco di cibi e piatti proibiti fino a tre mesi dopo la consegna

C'è un elenco di alimenti che una madre che allatta non dovrebbe mangiare. Anche se lo stato di salute subito dopo il parto è eccellente, vale la pena ritardarne l'uso..

Vale la pena abbandonare i prodotti che provocano la comparsa di allergie. Questi includono:

  • cioccolato (specialmente con additivi);
  • frutti di mare (gamberi, cozze);
  • agrumi e frutti esotici;
  • frutti rossi e bacche;
  • patatine, cracker;
  • colazioni pronte;
  • prodotti semi-finiti;
  • miele.

Alle madri che allattano è vietato mangiare carne e pesce grassi, varie carni affumicate. Ad esempio, salsicce, salsicce, prosciutto, ecc. Si sconsiglia inoltre il cibo in cui viene aggiunto un gran numero di spezie. Non aggiungere aglio, cipolle ai piatti.

Devi rinunciare ai dolci: torte, dolci, torte, biscotti dal negozio. Contengono zucchero, che provoca inoltre il processo di fermentazione..

La colica in un bambino provoca latte, legumi, cavoli. Il latte è un prodotto ricco di lattosio, che provoca la formazione di gas. Nei primi mesi dopo la nascita di un bambino, deve essere abbandonato.

Il divieto è imposto su tutti i tipi di cibo in scatola: pesce in scatola, carne, pasta, ecc. Gli alimenti in scatola contengono troppo sale, causano gonfiore, mal di testa.

I caffè dovranno temporaneamente smettere di bere la loro bevanda preferita e rinunciare al tè forte. Queste bevande possono causare allergie..

La dieta di una madre che allatta nel periodo postpartum

La dieta della mamma sta cambiando molto. Tuttavia, coloro che sono abituati ad attenersi alle regole di una dieta sana, questi cambiamenti sembreranno minimi. I prodotti dannosi possono essere facilmente sostituiti con analoghi utili. Una bella porzione ti aiuterà a gustare anche il pasto più semplice..

Il menu il primo giorno dopo la nascita

Mangiare il primo giorno dopo il parto dovrebbe essere facile. Menu di esempio il primo giorno:

  • colazione: porridge sull'acqua;
  • merenda: una mela cotta nel forno;
  • pranzo: brodo leggero con verdure;
  • merenda: ricotta a basso contenuto di grassi;
  • cena: verdure al vapore e polpette di pollo.

La nutrizione dovrebbe essere varia e nutriente. Ciò fornirà al corpo tutte le vitamine e i minerali necessari..

Dieta per una settimana: un elenco approssimativo di piatti

Dieta è un approccio responsabile alla maternità e prendersi cura della propria salute e della salute del bambino. Un menu pre-progettato farà risparmiare tempo per passarlo con il bambino.

Menu per la prima settimana dopo la consegna:

  1. Colazione: casseruola di ricotta a basso contenuto di grassi, porridge sull'acqua, panini con pane integrale con formaggio magro.
  2. Spuntino: mele, banane, yogurt senza additivi.
  3. Pranzo: varie zuppe e brodi (verdure, con l'aggiunta di carne magra o pesce);
  4. Spuntino: purea di mele fatta in casa, formaggio magro, kefir, biscotti e additivi senza zucchero.
  5. Cena: pesce al vapore e cavolfiore; petto di pollo bollito e zucchine in umido, polpette di pollo e broccoli.

A seconda delle preferenze di gusto, verdure e carne possono essere bollite, stufate, al vapore.

Quanto bere acqua immediatamente dopo il parto

Medici e altri specialisti non hanno ancora raggiunto un punto di vista unificato sulla quantità di liquidi da bere. Tuttavia, il fatto che l'80% del latte materno sia costituito da acqua non può essere confutato..

Immediatamente dopo la nascita, dovresti bere quanto il corpo richiede. Tuttavia, non dovresti superare la norma giornaliera. Nelle prime settimane, si consiglia di bere liquidi in quantità limitata.

Le nonne e i sostenitori dei metodi conservativi in ​​medicina sostengono che un eccesso di liquido porta a lattostasi, troppo latte. Tuttavia, questa è l'opinione sbagliata. La quantità di latte nei primi giorni dopo il bambino è dovuta all'ormone ossitocina. Oltre al riflesso di suzione, più il bambino succhia intensamente il seno, più veloce arriva il latte.
Le ricette di medicina tradizionale raccomandano di bere decotti (con ortica, camomilla). Le madri che allattano si concedono composta di frutta secca senza zucchero aggiunto, tè debole.

Se arriva il latte

Il secondo o il terzo giorno dopo il parto, molte madri notano che il loro seno è aumentato, diventa più duro. A questo punto, la produzione di latte aumenta, la donna si sente a disagio. Non preoccuparti, dopo alcuni giorni, quando il corpo si adatta, il gonfiore diminuirà.

Se c'è troppo latte, è necessario consultare un medico, che ti dirà cosa fare. Al fine di evitare spiacevoli conseguenze, le madri limitano l'assunzione di liquidi. Tuttavia, non abbandonare completamente l'acqua, è vitale per il corpo. Bere è necessario quando una madre che allatta ha sete. La limitazione dovrebbe essere piccola.

Cosa può provocare dolore intestinale nelle madri dopo taglio cesareo

Dopo il taglio cesareo, molte giovani madri soffrono di dolore intestinale, problemi alle feci. Questo problema è facilmente risolvibile se segui la dieta e le raccomandazioni di un medico. Dovresti mangiare cibi cotti sotto forma di zuppe, purè di patate. Includi cibi ricchi di fibre nella tua dieta.

Una nutrizione scorretta provoca dolore nell'intestino, dopo l'operazione, ha bisogno di tempo per riprendersi. Questo processo richiede almeno 60 giorni. Le restrizioni familiari a una madre che allatta sono integrate da molti altri prodotti:

  • maionese, ketchup, senape e altre salse;
  • Fragola;
  • carota;
  • pasticceria, pane (anche farina integrale).

Dieta per madri che allattano con malattie croniche dell'apparato digerente

La nutrizione di una madre con malattie croniche dell'apparato digerente non è praticamente diversa dalla nutrizione di una donna in buona salute che sta allattando. I cambiamenti ormonali possono aggravare le malattie esistenti o provocare il loro aspetto.

Ad esempio, la gastrite cronica può peggiorare durante l'allattamento. Durante questo periodo, dovresti prestare attenzione ai prodotti con un effetto avvolgente: semi di lino, avena, radice di liquirizia. Una madre che allatta con gastrite può mangiare pane di lino, ma questo può essere fatto solo nel secondo o terzo mese dopo l'inizio dell'allattamento al seno.

Ciò che è irto di non conformità con le raccomandazioni

La mancata osservanza delle raccomandazioni riguarda sia il bambino che la madre. Le deviazioni dalla dieta nei primi mesi di vita possono causare problemi in futuro.

Un'alimentazione scorretta provoca allergie nel bambino. Può manifestarsi non solo sotto forma di arrossamento sulla pelle. Il bambino ha eruzioni cutanee, croste sulla testa, il colore delle feci cambia.

Inoltre, con un'alimentazione scorretta, il bambino è tormentato da gonfiore, coliche, costipazione. Il consumo di alcol, anche in piccole quantità, interferisce con lo sviluppo mentale e fisico..

I "prodotti dannosi" non apportano benefici al corpo di una giovane madre. Mangiandoli come cibo, non riceve una quantità sufficiente di nutrienti, vitamine, minerali. Da qui l'emergere di vari problemi: dalla carenza vitaminica alle malattie gastrointestinali.

Quanto hai bisogno di dieta

Il tempismo di una dieta è un punto controverso. Se il bambino e la madre sono sani, dovresti aderire alla dieta per un paio di mesi, aggiungendo gradualmente nuovi prodotti alla dieta. Se esistono problemi di salute, è necessario consultare il proprio medico. La dieta dovrebbe essere abbastanza rigorosa e durare almeno 3 mesi.
Conclusione

L'allattamento al seno dovrebbe essere sano. Le inibizioni rigorose causano stress, che provoca problemi con l'allattamento. Una giovane madre dovrebbe ricordare una regola: una dieta ben composta è la chiave per una buona salute e buon umore!

Periodo postpartum

Ogni donna incinta si sta preparando per l'aspetto del bambino e più il termine della nascita è vicino, più l'aspettativa è forte. Ma spesso su ciò che accade nelle prime ore e giorni dopo la nascita del bambino, la futura mamma non sa nulla. Ma il periodo postpartum è un momento speciale per una donna che ora sta imparando a fare la madre, allattare, prendersi cura di un bambino, comprendere la maternità.

Parliamo in modo più dettagliato di ciò che sta accadendo con il corpo nel periodo postpartum, di ciò che è, quali fenomeni ci si può aspettare e cosa dovrebbe essere preparato.

"Il periodo postpartum è chiamato periodo di circa 6-8 settimane, a partire immediatamente dopo la nascita del parto. In questo periodo, lo sviluppo inverso (involuzione) di tutti i cambiamenti che si verificano in connessione con la gravidanza e il parto si verifica fino a quando non viene ripristinato lo stato iniziale della donna.

In ostetricia, il periodo postpartum è condizionatamente suddiviso in inizio e fine.

  • Il primo periodo postpartum dura solo 4 ore dopo la consegna. In questo momento, la donna che ha partorito deve essere attentamente monitorata, poiché è nelle prime ore dopo il parto che è più probabile la manifestazione più grave delle più complicazioni postpartum. Molto spesso è sotto il controllo del personale medico dell'ospedale di maternità.
  • Il tardo periodo postpartum inizia 4 ore dopo il parto e termina con un completo restauro dei sistemi genitali, nervosi, cardiovascolari e di altro tipo del corpo femminile, nonché con cambiamenti nel sistema endocrino e nelle ghiandole mammarie che forniscono la funzione di lattazione. Allo stesso tempo, si stanno verificando cambiamenti psicologici: una donna ha bisogno di capire cosa è successo, di abituarsi a nuovi sentimenti e sensazioni.


Cambiamenti fisiologici che si verificano nel corpo dopo il parto


Elenchiamo i cambiamenti fisiologici che si verificano necessariamente nel corpo di una donna dopo il parto e sono associati alla fine della gravidanza e all'inizio del periodo di allattamento.

  • L'utero si contrae e ritorna alle sue dimensioni originali, la sua mucosa viene ripristinata. La dimensione trasversale dell'utero immediatamente dopo la nascita è di 12-13 cm, peso 1000 g. Alla fine di 6-8 settimane dopo la nascita, la dimensione dell'utero corrisponde alla sua dimensione all'inizio della gravidanza e la massa è di 50-60 g.
  • Le lesioni dei tessuti molli guariscono: crepe e lacrime. Le crepe guariscono senza lasciare traccia e si formano cicatrici nei punti di rottura.
  • L'edema degli organi genitali esterni, che si è formato nelle ultime settimane di gravidanza e durante il parto, diminuisce.
  • I legamenti che trasportano carichi pesanti durante la gravidanza e il parto perdono la loro elasticità. Si perde la mobilità delle articolazioni e delle altre articolazioni ossee, che hanno anche portato carichi durante la gravidanza e il parto.
  • Gli organi interni che sono stati spostati a causa delle grandi dimensioni dell'utero (stomaco, polmoni, intestino, vescica, ecc.) Occupano la loro posizione precedente.
  • Tornando gradualmente al lavoro nella modalità precedente, tutti gli organi che portavano un doppio carico durante la gravidanza (reni, fegato, cuore, polmoni, ecc.)
  • Ci sono cambiamenti nel sistema endocrino. Le ghiandole endocrine, che sono state ingrandite durante la gravidanza, diminuiscono gradualmente al loro stato normale. Tuttavia, gli organi del sistema endocrino che forniscono l'allattamento continuano a funzionare attivamente..
  • Le ghiandole mammarie aumentano di dimensioni. Ora devono garantire l'alimentazione del neonato e imparare a fare il latte in base alle esigenze legate all'età del corpo in crescita del bambino.


Ora discutiamo il corso del periodo postpartum e le caratteristiche della cura postpartum, in base alla conoscenza dei cambiamenti che si verificano nel corpo della donna.


Il corso del periodo postpartum e le caratteristiche dell'assistenza postpartum

  • Per una contrazione uterina di successo, è molto importante che il neonato venga applicato sul seno durante la prima ora dopo la nascita e frequente (una volta ogni 2 ore durante il giorno) e l'alimentazione a lungo termine.
  • La suzione dei bambini stimola la produzione dell'ormone ossitocina ed è quindi un modo molto efficace per ridurre l'utero. Durante l'alimentazione, l'utero si contrae attivamente, a causa del quale una donna può provare dolori crampi nell'addome inferiore. Nei primi giorni dopo il parto, per ridurre l'utero, dovresti mettere una piastra riscaldante con ghiaccio per 30 minuti e più spesso sdraiati sullo stomaco.
  • Vale anche la pena usare l'erboristeria profilattica volta a ridurre l'utero, a partire dal 4 ° giorno dopo la nascita. È possibile utilizzare per questa erba borsa di pastore, ortica, achillea e foglie di betulla. Le erbe possono essere alternate (ad esempio, 3 giorni in una borsa da pastore, quindi alternare ortica e achillea a giorni alterni, quindi foglie di betulla; o cambiare tutte le erbe a turno a giorni alterni) o mescolare in proporzioni uguali.

1 cucchiaio di erba viene versato con un bicchiere di acqua bollente e insistito per 30 minuti, quindi filtrato. Brodo preparato bere ¼ di tazza 4 volte al giorno.

  • Troppi effetti sull'utero e altri organi della cavità addominale, che non hanno ancora preso la loro posizione iniziale, possono portare a un cambiamento nella posizione di questi organi o causare un processo infiammatorio. Pertanto, non è consigliabile indossare bende di serraggio e impegnarsi in esercizi fisici attivi volti a sollevare la stampa addominale.
  • In connessione con la contrazione dell'utero nella prima settimana dopo il parto, viene secreta un'abbondante scarica postpartum - lochia. Quando ci si alza o si cambia la posizione del corpo, lo scarico può aumentare. Queste secrezioni si schiariranno gradualmente dal sanguinante al rosa pallido e cesseranno infine 6 settimane dopo il parto. Per mantenere la pulizia, oltre ad accelerare il processo di guarigione di lacrime o lesioni dei tessuti molli, è necessario condurre con cura la toilette degli organi genitali esterni. Nella prima settimana dopo il parto, tre volte al giorno, il lavaggio con acqua calda dovrebbe essere completato lavando i genitali esterni con un decotto di corteccia di quercia.

4 cucchiai di corteccia di quercia in una ciotola smaltata versare 500 ml di acqua bollente. Far bollire per 15 minuti, aggiungendo acqua bollente. Togliere dal fuoco e insistere per altri 15 minuti, filtrare.

A partire dalla seconda settimana fino a quando non viene chiarito lo scarico, per questi scopi è possibile utilizzare brodo di camomilla due volte al giorno..

2 cucchiai di camomilla versare 1 litro di acqua bollente, lasciare per 20 minuti, filtrare.

  • Per la fusione dei tessuti, è molto importante asciugare le cuciture dopo il lavaggio e trattarle con ulteriori agenti curativi. Si consiglia l'intero periodo postpartum di usare biancheria intima solo con tessuti naturali e, se possibile, gli stessi cuscinetti.

Inizio dell'allattamento

È importante sin dai primi giorni stabilire l'allattamento al seno completo. I processi di lattazione normale contribuiscono alla normalizzazione dello sfondo ormonale nel corpo femminile, grazie al quale anche il periodo di recupero postpartum avrà più successo.

Nei primi giorni dopo il parto, non è consigliabile indossare un reggiseno. In questo momento, solo una piccola quantità di colostro viene rilasciata dal torace, il che è estremamente benefico per il bambino..

Il 2-7 ° giorno, a seconda della natura del corso del parto, si verifica una corsa al latte. Da questo momento in poi, è conveniente utilizzare argomenti o camicie per allattare per sostenere il seno. In alcuni casi, un'ondata di latte può essere accompagnata da febbre alta, comparsa di dolore e noduli nelle ghiandole mammarie. In questo caso, è necessario ridurre l'assunzione di liquidi. Dovresti ricorrere al pompaggio solo quando si verificano sensazioni dolorose in un seno pieno, 1-2 volte al giorno, ed esprimere il seno solo fino a quando non appare una sensazione di sollievo. La febbre del latte dura 1-3 giorni.

Dall'aspetto del latte, è importante applicare il bambino al seno abbastanza spesso, questo migliora l'attività contrattile dell'utero e contribuisce alla formazione dell'allattamento.
Se il bambino è con sua madre, dovresti provare a metterlo al petto almeno una volta ogni 2 ore. Se tenuto separatamente, è necessario stabilire un pompaggio regolare ogni 3 ore, ad eccezione dell'intervallo notturno dalle 24.00 alle 6.00 del mattino. In questo momento, la donna ha bisogno di riposo.

Prima dei ritmi di suzione del bambino, si può osservare una suzione irrequieta, dove non ci sono praticamente pause o, al contrario, una suzione lenta quando il bambino dorme e salta l'alimentazione. Pertanto, a partire dalla terza settimana dopo il parto, la madre deve monitorare il numero di applicazioni in modo che la perdita di peso e la disidratazione del corpo non si sviluppino e consentire al bambino di rimanere al seno fino a quando deve compensare lo stress alla nascita.

È importante fin dai primi giorni assicurarsi che il bambino non solo succhia il capezzolo, ma afferri anche il più possibile l'areola, al fine di evitare il verificarsi di abrasioni o crepe nel capezzolo.

È necessario nutrire il bambino in una posizione comoda per non stancarsi. All'inizio, specialmente se una donna ha le lacrime, sarà una posa "sdraiata sulla mano". Inoltre, la madre può padroneggiare le pose "seduto", "in piedi", "da sotto il braccio" e inizia ad alternarle. Entro la settima settimana, le ghiandole mammarie si adattano al processo di allattamento e alimentazione.

Prevenzione della depressione postpartum

Il termine "depressione postpartum" è familiare nel nostro tempo a chiunque non abbia mai partorito prima. Ci sono molte ragioni per questo e un elenco separato sarà richiesto per elencarli. Pertanto, è indispensabile prevenire la depressione postpartum, a partire dal sesto giorno dopo il parto, per almeno due settimane.

  • Per fare questo, prendi l'infuso di motherwort, valeriana o peonia, 1 cucchiaino 3 volte al giorno.
  • Di grande importanza è il supporto e la comprensione di parenti e amici, in particolare del marito.
  • Vale la pena il primo mese per limitare l'accoglienza degli ospiti, anche con le migliori intenzioni, poiché ciò richiede ulteriori sforzi da parte della donna.
  • È importante non sovraccaricare la donna che ha dato alla luce le faccende domestiche, per permetterle di riguadagnare le forze, di adattarsi al nuovo ruolo della madre.
  • È utile dormire a sufficienza, incluso andare a letto 1-2 volte al giorno. Per dormire bene, la mamma deve imparare a dormire con il suo bambino. Con un sogno comune, una donna ha l'opportunità di rilassarsi e di non saltare su ogni cigolio di un neonato, e i bambini stessi dormono molto più comodamente accanto alla madre.
  • È molto importante trovare una persona che aiuti la giovane madre a mettersi a proprio agio con le sue nuove responsabilità, le chiederà e le insegnerà come affrontare il bambino e ascolterà tranquillamente le conversazioni su eventi ed esperienze legati al bambino..

"Tradizionalmente, nei primi nove giorni dopo il parto, una donna era considerata malata e ci si aspettava di ricevere cure postpartum particolarmente attente. Fino a 42 giorni, si credeva che la donna e il bambino necessitassero ancora di cure speciali.

Pertanto, non le è stato permesso di fare lavori domestici, permettendole di stabilire relazioni nella coppia "madre-figlio" e di abituarsi ai cambiamenti della vita. E quelli intorno a lei si prendevano cura della donna stessa, si assicuravano che non avesse bisogno di nulla e che potesse riprendersi completamente dal parto.

  • Pertanto, entro 6 settimane dal parto, non è necessario fare passeggiate. La madre e il bambino in questo momento hanno bisogno di guarigione dopo il parto, l'allattamento e la pace e non le passeggiate. Soprattutto se il bambino è nato nella stagione fredda. A causa di una diminuzione delle forze immunitarie, anche un leggero raffreddamento può portare allo sviluppo di un processo infiammatorio..
  • Per gli stessi motivi, non si consiglia a una donna di camminare a piedi nudi e in abiti leggeri, ed è meglio sostituire il bagno con una doccia.
  • Piacevoli mezzi sotto forma di bevande aiuteranno anche a prendersi cura della salute della donna che ha partorito. Una buona bevanda a base di chaga ripristina la forza.


Bevanda ai funghi Chaga


Per ripristinare e mantenere meglio l'immunità, una donna può assumere i cinorrodi, sotto forma di sciroppo (2 cucchiaini 3 volte al giorno) o sotto forma di composta, infuso, è possibile con l'erba di timo.

2 cucchiai di rosa canina e 1 cucchiaio di timo versare 300-400 ml di acqua bollente. Insisti sul thermos per 30 minuti, bevi tutto il giorno.


Il periodo postpartum non è meno importante per una donna della gravidanza e della nascita stessa. In questo momento, non solo viene ripristinato il funzionamento del corpo, ma anche il passaggio di una donna a un nuovo stato. Impara a prendersi cura del neonato, allatta al seno, getta le basi per l'ulteriore salute del bambino, realizza il suo ruolo materno e comprende la scienza materna.
Il successo del periodo postpartum e, in futuro, la salute fisica e mentale della madre e del bambino dipendono dal rispetto delle regole per l'assistenza postpartum e dall'applicazione delle raccomandazioni tradizionali per la cura della donna durante il parto..

I primi giorni della vita di mamma e bambino

Valutazione dell'articolo:

Attenzione! Tutti i materiali sul sito sono di natura raccomandatoria. Assicurati di consultare il tuo medico

1. Cosa devi preparare immediatamente dopo la nascita del bambino.

Nei loro pensieri sulla nascita imminente, le madri più in attesa raggiungono solo il momento in cui nasce il bambino. Ma il primo grido del bambino non segna la fine del parto, nemmeno dal punto di vista dell'ostetrico-ginecologo. Inoltre, dopo il parto, madre e bambino dovranno vivere in ospedale per diversi giorni e superare una serie di test molto importanti! A volte è questo poco tempo dopo il parto prima di essere dimesso a casa che è molto difficile per la mamma. Queste difficoltà spesso "crescono" da una banale impreparazione per la percezione stessa della fase postpartum, che promette a mamma il primo esame di maternità. Cosa succede dal momento in cui senti il ​​tanto atteso e solenne "Hai una ragazza!" o "Hai un ragazzo!" e prima di lasciare l'ospedale di maternità? Quindi, ti offriamo una specie di enciclopedia delle prime ore e giorni della tua maternità. Cos'è questo? Urla? Chi sta urlando? "Oh, che bell'uomo!" risuonò la voce sonora dell'ostetrica. Nella testa di mia madre è un po '"nebbioso", ma non appena lo mettono sul suo stomaco. "Sì, questo è mio figlio! Sono nato." - "Figlio, mamma, che schifo!" Il bambino è nato, ma in realtà non lo è tutto qui, perché è terminato solo il 2 ° stadio del travaglio, e ora la nascita della placenta è avanti, la placenta e le sue membrane sono separate dalle pareti dell'utero e vanno fuori entro 20 minuti dopo la nascita del bambino. La madre stanca, ma felice, le mette le briciole allo stomaco, permettendo per gustare gocce di colostro dal seno della madre per il neonato, questo pasto è necessario non solo per il bambino, ma anche per la madre, poiché promuove le contrazioni uterine e la "evacuazione" tempestiva del parto. Se la placenta è ritardata (è consentito attendere la nascita della placenta per 25-30 minuti), alla madre viene somministrata l'anestesia e viene eseguito un “audit” manuale delle pareti della cavità uterina. L'ossitocina o un altro farmaco che provoca contrazioni uterine.

Dopo la nascita del parto, la madre dovrà esaminare il canale del parto. Questo non è sempre piacevole, ma quasi sempre indolore. Un po 'più di pazienza - e verrà il tempo per un riposo post partum di due ore in sala parto. Di solito le mummie che sono in euforia usano questo rilassamento per informare i parenti su un telefono cellulare e poi sonnecchiano tranquillamente.

2. Cosa attende il bambino immediatamente dopo la nascita.

Primi esami

Immediatamente dopo la loro nascita, vengono "arresi" da un neonato, che viene esaminato da un neonatologo pediatrico presente alla nascita.

♦ Prima di tutto, il bambino dovrà pulire il tratto respiratorio superiore, elaborare il cordone ombelicale, pesare e misurare la crescita.

♦ Un punteggio Apgar, che include cinque indicatori: funzione cardiaca, frequenza respiratoria, riflessi, colore della pelle e tono muscolare (di solito un bambino riceve un punteggio Apgar immediatamente dopo la nascita e ha un'età di 10 minuti). il bambino ottiene da 0 a 2 punti, che idealmente dovrebbero essere uguali a 10. Anche "Nove" o "otto" sono buoni. "Sette" indicherà che le briciole sono in condizioni soddisfacenti, e "sei" e sotto è già un segnale di aiuto ( allo stesso tempo, non diffondono il bambino sullo stomaco della madre..

♦ Allo stesso tempo, il medico controllerà il tono muscolare delle briciole (se le braccia del bambino sono piegate, allora tutto va bene), così come altri riflessi muscolari del bambino. Un bambino sano, appena uscito dalla pancia di sua madre, può già fare molto: si prende la bocca e si succhia un dito, che si tiene lungo la guancia. Si aggrappa saldamente alle dita dell'adulto incastonate nei suoi palmi. Se metti il ​​piccolo su una superficie piana, alza la gamba, come se stesse per andare (questo si chiama "camminata automatica").

♦ Il pediatra ascolta il cuore del bambino (dovrebbe battere a una velocità di 140 battiti al minuto) e i polmoni (la respirazione del bambino deve essere pulita e regolare).

♦ Il medico valuterà le reazioni del bambino a stimoli sonori, sensoriali e visivi e persino la voce del bambino.

♦ Non senza un parere medico sul colore della pelle. Un neonatologo preme un po 'sulla pelle del bambino per verificare quanto velocemente viene ripristinato il suo colore. Normalmente, ci vogliono almeno tre secondi, il che significa: il sistema vascolare del bambino funziona bene.

♦ Il medico controllerà anche il "polso inguinale" per escludere una possibile malformazione dell'aorta.

Un neonatologo pediatrico analizza la pancia del bambino per assicurarsi che sia morbida e che le dimensioni del fegato e della milza siano normali. A proposito, in questo momento, il bambino può lasciare le feci originali (meconio), che è spesso, viscoso, di colore verde-marrone scuro (questo è lo standard per le feci dei bambini durante i primi 3-4 giorni).

♦ Infine, il medico esaminerà attentamente l'espressione facciale del neonato (dopo tutto, una smorfia infelice e dolorosa è caratteristica di molte malattie) e misurerà il perimetro della sua testa (la dimensione media è di 35 cm), sentendo contemporaneamente la fontanella e le suture craniche.

3. Rimanere mamma e bambino in ospedale.

Liquidazione e appuntamento

Il bambino è nato con un punteggio di 8 o superiore nella scala Apgar e il pediatra non ha dubbi sulla sua salute, e la madre si sente bene e può prendersi cura del neonato - ciò significa che non portano il bambino nel reparto pediatrico, ma lo danno immediatamente al genitore. Se la madre dopo il primo giorno e la notte con il bambino si sente esausta, non è vergognoso chiedere aiuto all'infermiera dei bambini. In ogni ospedale di maternità ci sono "appartamenti" di 1-2-3 letti, e in alcuni ci sono camere "di lusso", che vengono pagate separatamente e dove i parenti o una tata possono stare con il puerperale e il neonato. Qual è il "ripieno" della stanza dopo il parto? Un letto, un comodino, un fasciatoio e un lettino speciale su ruote per briciole, un rubinetto con acqua calda e fredda, nonché un gabinetto e una vasca da bagno nella scatola (cioè una in due stanze). doccia e servizi igienici saranno soli su tutto il piano. Bene, al fine di non sperimentare l'inconveniente dell'insediamento spontaneo, le condizioni di permanenza nel reparto postpartum dovrebbero essere determinate e scelte prima della consegna. Bene, ora sulle procedure obbligatorie. Inoltre, la madre e il bambino dialogheranno quotidianamente con medici e infermieri. Quindi, la routine per la mamma:

♦ misurazione giornaliera e serale di temperatura e pressione;

♦ esame quotidiano e trattamento delle suture (se il parto era fisiologico, quindi queste manipolazioni vengono eseguite su una sedia ginecologica) più quarzizzazione;

♦ esame giornaliero delle ghiandole mammarie;

♦ esami del sangue e delle urine (il giorno dopo la nascita e prima della dimissione). Il bambino verrà visitato quotidianamente da un neonatologo e un'infermiera (sono nel dipartimento per un giorno), eseguendo le seguenti procedure:

♦ ispezione e trattamento giornalieri dell'ombelico (tutte le procedure con l'ombelico sono eseguite dall'infermiera, non dalla mamma!);

♦ esame della pelle per "ingiallimento". Se l'ittero primario non si attenua 5-6 giorni dopo la nascita, al bambino viene prescritta la fototerapia - viene posizionata sotto una lampada a luce speciale;

♦ esame del sangue da un dito (nel caso dell'ittero primordiale - da una vena), per il livello di bilirubina nel sangue;

♦ il 3 ° giorno, tutti i neonati sottoposti a un esame del sangue dal tallone per fenilchetonuria (una malattia rara ma pericolosa che richiede un trattamento precoce);

♦ secondo il calendario delle vaccinazioni, al secondo giorno di vita viene somministrata la prima vaccinazione contro l'epatite B. Avendo informazioni nell'arsenale, assicurati sempre di chiedere allo staff medico cosa faranno con le briciole o con te, quale farmaco verrà somministrato e perché è necessario. Tieni presente che l'ultima parola è sempre tua madre, cioè tua!

4. Cura del bambino.

Nella maggior parte degli ospedali di maternità, il personale attira attivamente una giovane madre per prendersi cura del bambino. Non pensare che una mamma inesperta da uno a cinque minuti sia appena stata presentata con un bambino fasciato - e questa è la fine. No, infatti, al genitore viene spiegato chiaramente e chiaramente come prendersi cura del bambino: le infermiere insegnano a lavare il bambino (di solito appena sotto un rubinetto con acqua calda), vestirsi (o fasciare), trattare le pieghe della pelle. A proposito, secondo l'esperienza di molte madri, i prodotti per l'igiene dei bambini importati spesso causano allergie, quindi i cosmetici domestici sono preferibili per i più piccoli. I marchi Alenka e Karapuz, così come il sapone domestico inodore per i bambini, si sono dimostrati validi. Solo una madre decide di fasciare o indossare immediatamente "piccoli uomini" a maglia. A proposito, anche pediatri esperti consigliano l'opzione "adulto", insistendo su biancheria intima, tutine e tute fatte con capi delicati. Vuoi swaddle? Per favore, solo gratis. E se all'improvviso si scopre che non si è calcolato lo stock di uniformi e non sono rimasti vestiti puliti per bambini, non lavare lo sporco sotto il rubinetto. Piega i vestiti in una borsa e passa i parenti. Non solo lavano bene i vestiti, ma stirano anche le cose per il bambino, il che è necessario. E puoi colmare il "divario" nella dote chiedendo pannolini all'ospedale: potrebbero non essere molto belli nell'aspetto, ma puoi essere sicuro della loro pulizia (anche sterilità).

5. Allattamento al seno.

Anche se leggi molta letteratura alla vigilia del parto e ti consideri "esperto" nell'allattamento al seno, avrai sicuramente bisogno del consiglio di un medico o di un'infermiera nel mettere le briciole sul petto. L'inesperienza (anche la paura di prendere il bambino tra le braccia), unita al disagio fisico, può causare non uno stupore, quindi una confusione: "Com'è conveniente prenderlo per nutrirsi?" Secondo le regole, un pediatra dovrebbe venire nel reparto per spiegare alla madre come mettere il bambino al petto, ma spesso questa visita del medico si trasforma in una lezione banale. Proviamo a prevenire possibili errori.

♦ Prendi il bambino tra le braccia o mettilo accanto a te sul letto. Ora con una mano appiattisci leggermente il torace vicino all'areola e con l'indice solleva il capezzolo in modo che sia inserito con la parte inferiore dell'areola nella bocca del bambino.

♦ Il bambino ha sbagliato il petto? Va bene, non estrarre il capezzolo dalla bocca delle briciole! Con il pollice (pad up), allarga delicatamente le gengive del bambino e rilascia il capezzolo, quindi riprova. Se il problema persiste, non esitare a chiedere aiuto a un'infermiera. Succede anche che nei primi giorni dall'arrivo del latte (a partire dal terzo giorno dopo il parto), il seno si ingrossa, diventa caldo e stretto al tatto. In questo caso, prima di nutrirsi, è necessario massaggiare facilmente le ghiandole mammarie (è bene farlo sotto il flusso di una doccia calda) e, mentre si tira il capezzolo, provare a cospargere le prime gocce di latte.

Non eccede? Non esitare a contattare la tua infermiera per richiedere un massaggio al seno: questo ti aiuterà a sciogliere il petto e vedrai come procedere in futuro. E se compaiono improvvise crepe dolorose sui capezzoli (questo accade dopo un paio di poppate), il medico può consigliare cuscinetti in silicone e una crema per le crepe. A proposito, tutti questi fondi possono essere acquistati presso il dipartimento o nella farmacia dell'ospedale di maternità. Se l'ingorgo continua a non placarsi dopo l'alimentazione, il dolore si intensifica o compaiono macchie rosse sul petto, suona immediatamente l'allarme. I problemi al seno sono iniziati dopo la dimissione dall'ospedale? Consultare il proprio ospedale di maternità per un consiglio..

6. Estratto dall'ospedale.

L'ostetrico-ginecologo le dà "bene" per le dimissioni. Non dovrebbe avere la febbre e problemi con le ghiandole mammarie. Il genitore riceve un certificato di congedo per malattia, che deve essere presentato al medico dopo la consultazione del medico. Le condizioni del bambino sono valutate da un neonatologo.

Il bambino dopo la nascita perde 100-150 g del suo peso (ma non di più!) - non spaventarti, come l'ittero, che passerà entro la fine del primo mese. Il residuo ombelicale è già scomparso e il bambino si sente bene! Sì, il bambino ha anche i seguenti documenti: un certificato di nascita per la registrazione presso la clinica per bambini più un certificato di nascita iniziale, che viene presentato all'anagrafe. Quindi, i documenti sono pronti, le cose vengono raccolte, resta da legare un nastro luminoso sul fascio del bambino - e per incontrare i parenti in attesa! Il giorno dopo la dimissione verrai visitato da un pediatra locale. ma questo è l'inizio di un'altra storia!

Dopo il parto

Anche prima della nascita delle briciole, la futura madre dovrebbe essere preparata per il fatto che con la nascita di un bambino dovrà affrontare cambiamenti cardinali. Sono associati alla cura di un bambino che nel primo anno di vita richiederà molta attenzione da parte di sua madre. Dovresti anche tenere conto del fatto che dopo il parto sarà necessario ripristinare la forza e la salute spese per sopportare il feto e il travaglio.

Soddisfare

introduzione

Sicuramente ogni futura mamma ha sentito da amici esperti con bambini che dopo il parto una donna si aspetta un deterioramento dello stato psicologico ed emotivo, e se il processo di nascita del bambino è stato difficile e ha avuto complicazioni, allora può svilupparsi anche una profonda depressione postpartum.

Per evitare tutti gli aspetti negativi sopra descritti, per il parto e il periodo postpartum, è necessario prepararsi con cura in anticipo, quindi i problemi possono essere ridotti al minimo.

Le condizioni fisiche della mamma dopo il parto

Indipendentemente da come è nato il bambino, il periodo di recupero della donna sarà lo stesso, ad eccezione di alcuni punti. Cosa succede al corpo dopo il parto, quali sintomi sono normali e quali sono considerati patologici.?

La mamma dovrebbe essere pronta per i seguenti fenomeni presentati:

  • Lochia: stanno individuando dall'utero, che lo aiutano a liberarsi dopo il parto. Nei primi due giorni dopo la nascita del bambino, si distinguono per l'abbondanza e una tinta rossa brillante. Dopo novantasei ore, iniziano a impallidire e, dopo dieci giorni, la lochia diventa bianca o giallastra e diminuisce anche di volume. Le allocazioni cessano solo dopo un mese e mezzo dalla nascita.
  • Crampi addominali: il dolore spasmodico provoca un utero in contrazione, che dovrebbe tornare alle sue dimensioni originali. Smetteranno di disturbare una donna due settimane dopo il parto.
  • Fatica e debolezza: il parto è un enorme stress per il corpo, il cui trasferimento ha speso grandi riserve di forza ed energia, e ora dovranno essere ripristinati per un po 'di tempo.
  • Dolore nel perineo: il più forte sarà il primo giorno dopo il parto. Il disagio è aggravato dalla seduta, dall'energia o dal camminare. Passa dopo una settimana.
  • Difficoltà con i movimenti intestinali - con costipazione, una donna può incontrare nei primi giorni dopo la nascita. Se il problema persiste, dovrebbe consultare uno specialista, poiché ciò può portare a un grave processo infettivo e infiammatorio..
  • Disagio nei muscoli - i muscoli fanno male a causa dei forti tentativi che la donna ha sperimentato durante il parto.
  • Sudorazione intensa: l'iperidrosi è associata a disturbi ormonali e dura tre giorni dopo la nascita del bambino.

Inoltre, la mamma dovrebbe prestare particolare attenzione al seno per evitare la mastite. Se compaiono crepe, infiammazioni o spotting sui capezzoli, sarà semplicemente impossibile nutrire il bambino e, inoltre, ci vorrà molto tempo per trattare.

Lo stato psicologico della mamma dopo il parto

I molti nuovi obblighi e responsabilità che ora devono essere sopportati per il bambino, cambiano moltissimo non solo la routine quotidiana, ma anche lo stile di vita della donna. Nei primi giorni dopo la comparsa delle briciole nel mondo, c'è un forte cambiamento nei livelli ormonali. La produzione di prolattina e ossitocina, necessarie per la produzione di latte, e la riduzione e la purificazione dell'utero, iniziano ad aumentare. Tutti questi cambiamenti influenzano fortemente lo stato emotivo di una donna..

Nei primi giorni di permanenza in ospedale, la mamma dovrà sentire:

  • Differenti differenze psico-emotive: all'inizio la donna sentirà l'euforia, e poi arriverà la depressione o persino la disperazione. Dopo alcuni giorni, la condizione dovrebbe stabilizzarsi..
  • Incertezza nei punti di forza e attrattiva;
  • Grave irritazione causata da impotenza;
  • Mancanza di interesse per il padre del bambino.

Inoltre, una donna può sperimentare depressione postpartum e aumento delle lacrime..

Depressione postparto

Molte donne il terzo giorno dopo la comparsa di briciole nel mondo, avvertono cambiamenti negativi nel loro stato emotivo. Tali cambiamenti in medicina sono chiamati depressione postpartum. Malinconia, apatia e in alcuni casi persino pensieri suicidi, possono tormentare una donna da diversi giorni a diversi mesi.

Per far fronte a questo problema, una donna ha bisogno di aiuto e supporto dalle persone a lei vicine. Gli psicologi affermano che la causa di questa patologia è l'affaticamento, le paure non accadranno come madre, l'insonnia, i problemi con l'allattamento e, naturalmente, lo squilibrio ormonale svolge un ruolo importante.

Lacrimazione aumentata

Alcune mamme sviluppano lacrime eccessive dopo il parto. Ciò non è dovuto alle migliori condizioni fisiche, alla paura di non far fronte al nuovo ruolo e allo squilibrio ormonale. In questo caso, la soluzione al problema sarà il consiglio di un amico che ha già un figlio e la consultazione di un pediatra che ti dirà come prendersi cura adeguatamente del bambino e aiutare a liberarsi delle preoccupazioni.

E, naturalmente, il miglior consigliere in materia di cura di un bambino può essere la propria madre e suocera, che hanno una vasta esperienza nella crescita dei figli e lo condivideranno sicuramente, avendo fornito tutta l'assistenza possibile in piacevoli problemi con il bambino.

Tè leggeri e rilassanti e la consapevolezza che questo è uno stato assolutamente normale che passerà presto e che una donna sarà in grado di godere appieno della maternità, può aiutare a sbarazzarsi di sentimenti e lacrime oppressivi, dedicando tutto il suo tempo al bambino.

Complicazioni postpartum

Nelle prime ore dopo il parto, una donna può sviluppare sanguinamento. Inoltre, un ematoma esteso può apparire nella regione perineale se le lacrime non sono state completamente suturate. Per evitare tali complicazioni, una donna si mette una bolla di ghiaccio sullo stomaco e prescrive il riposo a letto per diverse ore.

Inoltre, una permanenza di due ore nel reparto di maternità consente ai medici di monitorare una donna e fermare le complicazioni nel momento in cui si verificano. Se non ci sono problemi e la donna in travaglio si sente bene, lei e il suo bambino saranno trasferiti nel reparto, dove sarà fino alla dimissione.

Per riprendersi dal parto, il corpo ha bisogno di circa due mesi. Durante questo periodo, una donna dovrebbe monitorare attentamente la sua salute e visitare un ginecologo in tempo.

Quali complicazioni possono sorgere nei primi giorni dopo la nascita del bambino?

Lohiometer

La patologia si verifica a causa di un ritardo nell'utero. Nei primi due giorni, lo scarico è molto abbondante e può arrivare a 300 millilitri. Se diminuiscono di volume o cessano bruscamente del tutto, è necessario informare immediatamente il medico. Puoi sospettare lo sviluppo di lochiometri in caso di forte mal di testa, febbre alta e un odore sgradevole e acuto di secrezione.

Molto spesso, questa complicazione si sviluppa contro un blocco della cervice da parte di un coagulo sanguinante o parte del sacco fetale. Può anche verificarsi a causa della bassa contrattilità dell'utero..

Se una donna nota una diminuzione del volume o l'interruzione dei polloni, dopo di che si apre un sanguinamento grave, deve parlarne al medico, poiché la causa di questa complicazione è un pezzo di placenta che rimane nell'utero. Per eliminare la complicazione, è necessario curare l'utero con la successiva terapia.

Febbre

Dopo il parto, le donne sperimentano quasi sempre un aumento degli indicatori di temperatura. Nella maggior parte dei casi, questo è assolutamente normale, poiché un tale fenomeno è dovuto alla disidratazione del corpo, che viene facilmente interrotta.

Nei primi giorni dopo la nascita del bambino, una donna dimentica tutto ciò che la circonda, dedicando il suo tempo al bambino, per questo motivo il regime di alcolismo viene interrotto e il corpo inizia a sentire acutamente la mancanza di liquidi. Inoltre, con l'allattamento, il fluido è necessario anche in grandi volumi. Per far fronte alla temperatura, è necessario bere almeno tre litri di acqua al giorno. Ciò non solo ridurrà la temperatura, ma fornirà anche alle briciole la quantità necessaria di latte.

Tuttavia, la febbre non ha sempre cause innocue. Alcuni di loro richiedono cure mediche. Un aumento della temperatura può causare un processo infiammatorio nel corpo, rappresentato da pielonefrite, infiammazione del tratto urinario, polmoni, utero, nonché un lohiometro, mastite e lattostasi.

Atonia intestinale

Questa complicazione è causata da una diminuzione dell'utero dopo la nascita del bambino. Inoltre, la causa dell'atonia può essere l'inattività fisica, la disidratazione e l'assunzione di cibo insufficiente per la normale funzione intestinale la prima volta dopo il parto.

Se normalizzando la dieta e l'assunzione di liquidi, oltre ad aumentare l'attività fisica, la mamma non vede miglioramenti, dovrebbe consultare uno specialista.

lattazione

Prima di tutto, dopo la nascita del bambino, una donna deve imparare ad allattare. I seguenti suggerimenti permetteranno alla mamma di padroneggiare tutta la saggezza dell'alimentazione e di fornire al bambino una dieta completa:

  • Il latte deve essere espresso solo in caso di emergenza. Ad esempio, se la briciola deve essere lasciata per un po 'o la donna ha un ristagno di latte, che il neonato, a causa della sua età, non può ancora assorbire.
  • È importante imparare come attaccare correttamente il bambino al petto. Se il bambino non afferra correttamente il capezzolo, allora avrà fame e la donna avrà crepe e inizierà la lattostasi.
  • Durante l'alimentazione, è necessario alternare i cambiamenti del seno. Se la madre produce abbastanza latte, quindi per una procedura di alimentazione dovrebbe dare al bambino un seno e per la seconda alimentazione - l'altra.

Una donna dovrebbe imparare a prendersi cura adeguatamente delle ghiandole mammarie, a partire dalla scelta di biancheria intima specializzata per le madri che allattano. Il reggiseno dovrebbe essere scelto in tessuto naturale, non dovrebbe essere stretto, ma è necessario assicurarsi che supporti bene il torace. Se la mamma sceglie il reggiseno giusto, i suoi seni alla fine della poppata manterranno la stessa forma di prima del parto.

La dieta della mamma dopo il parto

Dopo la nascita delle briciole, una donna non dovrebbe immediatamente balzare sui suoi dolci preferiti e sui ricchi piatti fatti in casa. Non solo perché durante la gravidanza lo stomaco ha perso l'abitudine di mangiare tale cibo e mangiare abbastanza cibo porterà a costipazione, ma anche perché il bambino è completamente dipendente dal latte materno, nonché dalla sua qualità e quantità.

Se la mamma non mangia correttamente, il bambino inizierà gravi malfunzionamenti nel corpo, il che comporterà problemi di salute, come allergie, diatesi, coliche intestinali e altri disturbi.

Cosa dovrebbe essere presente nella dieta

Mentre una donna allatta al seno il suo bambino, deve abbandonare completamente piccante, affumicato, salato e grasso. Inoltre, se desidera che il latte sia nutriente e benefico per il suo bambino, deve rispettare le seguenti regole:

Il menu dovrebbe contenere prodotti con il necessario complesso di vitamine e minerali. Tali alimenti includono frutta fresca, verdura, riso, farina d'avena e grano saraceno. Gli agrumi e le fragole, che sono potenziali allergeni per il bambino, dovrebbero essere completamente esclusi dalla dieta. Se una donna ha deciso di introdurre nuovi prodotti nella sua dieta, questo dovrebbe essere fatto gradualmente, monitorando la reazione del bambino al latte. La mamma non dovrebbe mangiare cavoli e legumi, poiché causeranno gonfiore e coliche nel bambino.

Una donna non dovrebbe ridurre il contenuto calorico della sua dieta. Molte donne subito dopo la nascita cercano di perdere peso attraverso diete rigide. Tuttavia, mentre stanno allattando, devi pensare non a te stesso e alla tua forma, ma al bambino. Per non migliorare durante l'alimentazione e allo stesso tempo per rendere il latte ipercalorico e sano, è necessario aumentare l'apporto calorico di 500, rispetto alla dieta prenatale.

Gli alimenti devono essere ricchi di calcio

Il calcio è stato pesantemente consumato dal corpo durante la gravidanza, poiché era la base dello scheletro del bambino, e ora viene escreto da esso insieme al latte per fornire al bambino la giusta quantità di questo elemento. Per questo motivo, la futura madre dovrebbe avere molti alimenti arricchiti di calcio nella sua dieta. Devono essere consumati ad ogni pasto. Molto di questo elemento nel formaggio a pasta dura, latte, yogurt e latte acido.

L'assunzione di proteine ​​deve essere limitata. Ogni giorno non puoi mangiare più di 400 grammi di alimenti proteici. Molte proteine ​​si trovano in uova, pollo bollito, pesce di mare o di fiume, coniglio e tacchino. Ce n'è nei funghi, ma per il periodo dell'allattamento al seno, è meglio rifiutarli.

È molto importante osservare un regime alimentare. Oltre al liquido contenuto nei prodotti, una donna dovrebbe bere almeno otto bicchieri di liquido al giorno. Può essere succo, acqua, latte o brodo. Se la mamma ha l'iperidrosi, l'assunzione di liquidi dovrebbe essere aumentata a dodici bicchieri al giorno. Non dovresti bere più, altrimenti verrà caricato un grosso carico sui reni, che porterà allo sviluppo di edema. Il forte tè o caffè può essere bevuto solo una volta al giorno, non di più.

Nel menu postpartum, dovresti disattivare frutta secca, pane integrale, uva passa e altri alimenti ricchi di vitamina B, che è molto importante per lo sviluppo del cervello del bambino e delle sue capacità intellettuali in futuro..

Importanti regole per la cura del bambino

Inoltre, senza eccezione, tutte le madri, dopo il parto, sono interessate alla domanda relativa alle regole per prendersi cura di un neonato. Fin dai primi minuti della sua vita, ha bisogno di cure e attenzioni, che consiste non solo nell'allattamento al seno.

Nei primi giorni dopo la nascita, il bambino dorme molto, svegliandosi per mangiare. Se il bambino si comporta a disagio, spesso piange e urla, questo dovrebbe essere segnalato a uno specialista. Potrebbe avere qualcosa da ferire o potrebbe essere nella fase di adattamento alla vita al di fuori del corpo della madre.

Inoltre, una giovane madre deve conoscere alcune delle seguenti regole di assistenza all'infanzia riguardanti:

Alimentazione: i pediatri consigliano di nutrire il neonato non secondo il modello dell'orologio, come in passato, ma dandogli il seno solo quando lo desidera. Ciò non solo migliorerà l'allattamento e garantirà il flusso del latte, ma eviterà anche il ristagno che può scatenare la mastite. Una donna dovrebbe essere preparata per il fatto che il bambino dovrà essere nutrito molto spesso, fino a quando non impara a prendere il seno correttamente per essere pieno. Dovresti essere paziente e stabilire una procedura di alimentazione;

Bagno: i genitori devono affrontare questa importante procedura per la prima volta dopo la dimissione dall'ospedale. Devi fare il bagno quotidianamente al tuo bambino e farlo prima di sei mesi solo in un bagno speciale. Gli indicatori ottimali di temperatura dell'acqua sono considerati di 37 gradi e la temperatura dell'aria dovrebbe essere di almeno 20 gradi;

Cammina all'aria aperta

L'aria fresca è necessaria per il bambino per il normale sviluppo del corpo e il corretto funzionamento del sistema immunitario. La prima settimana dopo che il bambino è stato dimesso dall'ospedale, non è necessario portarlo fuori, basta ventilare la sua stanza. Inoltre, dopo aver sostituito il pannolino del bambino, è necessario lasciarlo nudo per un po 'in modo che la sua pelle possa respirare;

Pulizia: è molto importante monitorare non solo la pulizia della pelle del bambino, ma anche la pulizia degli oggetti che la circondano. Tutto dovrebbe essere pulito - dai giocattoli e utensili, alla biancheria da letto e ai vestiti. Nei primi mesi dopo la nascita, il bambino è molto sensibile agli effetti dei microrganismi patogeni. Ogni giorno, la mamma dovrebbe effettuare la pulizia bagnata, prendendosi cura della salute delle briciole. Inoltre, non dovrebbe dimenticare la sua igiene, poiché contatta costantemente il neonato.

Vestiti: nelle prime settimane si consiglia al bambino di fasciare, tale consiglio non è privo di logica. I neonati non possono controllare il proprio corpo, quindi il movimento caotico di braccia e gambe può provocare lesioni o spavento. Non è necessario avvolgere il bambino troppo stretto. Quando il bambino è nello stato di veglia, può essere indossato in cursori e gilet. È necessario un cappello quando fa freddo e dopo le procedure dell'acqua.

Conclusione

Senza dubbio, i primi giorni a casa saranno uno dei test più seri per una giovane madre. Ma questo non dovrebbe spaventarla, perché è in quei momenti che una donna conosce il suo bambino, e lui lei.

Up