logo

Nei tentativi di stabilire, mantenere e prolungare l'allattamento il più a lungo possibile, quasi l'unica domanda per una giovane madre è cosa può e non può essere mangiato durante l'allattamento? E stiamo parlando non solo di prodotti che consentono al latte di essere nutriente, ma anche di quelli che possono danneggiare la salute del bambino. A che ora iniziare a introdurre determinati ingredienti nel menu di una madre che allatta e quali alimenti non dovrebbero essere consumati e posposti fino alla fine della poppata: una madre premurosa e amorevole ha più che sufficienti domande. E trovando la risposta, vale la pena trasferire nuove conoscenze alla tua famiglia, alle tue abitudini alimentari e alle caratteristiche individuali dello sviluppo del tuo bambino.

Cosa non puoi mangiare una madre che allatta

In primo luogo, vale la pena chiarire l'elenco degli alimenti vietati durante l'allattamento in modo che tali ingredienti siano completamente esclusi dalla dieta infermieristica. Innanzitutto, è:

- prodotti contenenti alcol. L'uso costante di bevande alcoliche porta a una diminuzione dell'allattamento, perché quando esposto al sistema nervoso di una donna, la produzione della prolattina necessaria, un ormone che influenza direttamente il flusso del latte, si deteriora. Penetrando nel corpo dei neonati, particelle dannose di bevande alcoliche possono causare coliche, palpitazioni cardiache e anche portare a disturbi del sonno del bambino e alla sua eccitazione nervosa;

- varietà casearie e troppo dolci di cioccolato, muffin e altri dolci. Prima di tutto, l'elevato contenuto di zucchero in tali prodotti influenzerà negativamente la figura di una giovane madre. Inoltre, la digestione del bambino non è ancora abbastanza sviluppata per digerire carboidrati semplici da questi alimenti. Di conseguenza, tale sollievo nella dieta della madre porterà a disturbi digestivi, gonfiore o coliche. Lo sviluppo di diatesi o allergie ai dolci non è inoltre escluso quando una madre mangia una grande quantità di cibo dolce;

- caffè, tè e bevande contenenti caffeina. I primi mesi, una tale bevanda è controindicata durante l'allattamento. Quindi, dopo sei mesi dalla nascita del bambino, puoi inserirli gradualmente nel menu, usando caffè bollito e tè sfuso, non dalle borse. È indesiderabile bere tali bevande a causa dello stesso funzionamento instabile del tratto digestivo del bambino - il suo corpo non è semplicemente pronto a percepire e rimuovere la caffeina. E come risultato dell'effetto cumulativo, può portare a gravi conseguenze per un bambino piccolo;

- alimenti semilavorati e in scatola, nonché qualsiasi prodotto contenente coloranti, addensanti e stabilizzanti. Oltre al fatto che la vera composizione di tali piatti e la qualità degli ingredienti è sconosciuta, la combinazione di proteine ​​con carboidrati, ad esempio negli gnocchi, è dannosa per il bambino. Tali prodotti portano a reazioni allergiche e aumento della formazione di gas;

- bibita. Una grande quantità di liquido che una madre che allatta dovrebbe bere non significa che devi bere bevande assolutamente dannose. Non c'è alcun vantaggio in loro, né per la mamma, né per il bambino, ma porteranno un danno considerevole alla salute dei bambini. In un neonato, bere carbonato causerà dolore addominale, aumento della flatulenza e disturbi intestinali;

- cipolle, aglio, peperoncino e altri condimenti pronunciati. Tali additivi alimentari possono cambiare il gusto del latte materno, in casi eccezionali, i bambini rifiutano persino di allattare;

- pancetta affumicata, salsicce grasse e pesce. Tale cibo non ha proprietà utili: i cibi affumicati sono forti allergeni, portano alla disidratazione e possono causare avvelenamenti. Nei neonati, tali ingredienti aggraveranno la colica fisiologica naturale, causeranno un accumulo di gas e le feci compromesse;

- frutti di legumi. Oltre alle sostanze che aumentano l'amarezza del latte materno, i legumi possono causare coliche e disturbi digestivi nel bambino;

- pane nero, che può provocare bruciore di stomaco nella madre e aumento della formazione di gas nel neonato;

- dalle verdure non è consigliabile mangiare crauti e cavoli sott'aceto, ravanello, ravanello. Un problema già noto con un cambiamento nel gusto del latte materno quando una madre consuma tali prodotti è accompagnato da possibili reazioni allergiche. Inoltre, a questi tipi di verdure è vietato mangiare dalle madri che hanno problemi di cistifellea, fegato o pancreas. Irritante la mucosa con i suoi principi attivi, tali verdure amare portano al gonfiore;

- agrumi e frutti di paesi esotici. Arance, ananas, frutto della passione e adulti spesso causano eruzioni cutanee e arrossamenti sulla pelle, e soprattutto un neonato non ne ha bisogno. Gli enzimi necessari per la lavorazione di tali prodotti si formano nei neonati solo entro sei mesi, quindi questi ingredienti dovrebbero essere consumati da una madre che allatta il più tardi possibile.

Inoltre, nei primi tre mesi dalla data di nascita del bambino, alle madri non è permesso mangiare: frutti di mare, latticini con un'alta percentuale di grassi, latticini a base di latte acido, compresi i formaggi (piccanti, salati o con additivi). Salse e marinate, noci e miele: tutti questi ingredienti dovrebbero essere provati con estrema cautela e solo dopo che il bambino è un po 'più forte.

Cosa può fare una madre che allatta

Un elenco dettagliato di prodotti non raccomandati impone una certa responsabilità alla mamma e talvolta sembra che non ci sia assolutamente nulla da mangiare durante l'allattamento. In realtà, questo è tutt'altro che il caso. Un'alimentazione sana può essere deliziosa e varia. Quindi, i prodotti autorizzati per l'allattamento sono i seguenti:

  1. Carne. Tra i prodotti a base di carne, dovrebbero essere preferiti carne di manzo, coniglio, pollo o tacchino. La bistecca o la carne macinata è una fonte di proteine ​​vitali, aiuterà una madre coniata a nuovo a riprendersi più rapidamente dopo il travaglio e garantire il pieno sviluppo del bambino. Inoltre, il corpo femminile riceve le vitamine necessarie e un'impennata di forza, che è molto importante nel duro "lavoro" quotidiano della mamma.
  2. Pesce. Il vantaggio delle varietà bianche e magre è il pollock, il merluzzo. I piatti di pesce sono fornitori di grassi e aminoacidi sani. Tali prodotti sono facilmente assorbiti dall'organismo, soddisfano in modo significativo la necessità di proteine ​​e l'olio di pesce influenza favorevolmente lo sviluppo del bambino.
  3. Prodotti contenenti proteine ​​del latte. Non si tratta di yogurt grasso, ricotta, kefir, formaggio o latte di capra. Contengono calcio, fosforo, che è importante per la salute delle donne, e utili bifidobatteri nei prodotti a base di latte fermentato, che aiutano il corpo a rimettersi in forma più velocemente, rafforzare l'immunità e mantenere la salute per lungo tempo.
  4. Uovo. L'eccezione è una reazione intollerabile a mia madre o un'allergia. Per altri aspetti, le uova di gallina e di quaglia con GV forniscono al bambino vitamina D, grazie al ferro stabilizzano il livello di emoglobina e gli aminoacidi in esse contenuti aumentano l'attività mentale. La vitamina A aiuta a rafforzare l'immunità e il calcio aiuta il tessuto osseo, i capelli e le unghie..
  5. Frutta e bacche di stagione. Mele verdi valide, pere, banane, pesche, ciliegie, fichi. Si tratta di varietà quasi ipoallergeniche che contengono vitamina C, silicio, che previene le malattie virali e favorisce la digestione. Fibre, iodio, acido folico e pectina, beta-carotene e magnesio sono solo una piccola parte degli oligoelementi benefici nei frutti consentiti. Aiutano con lo stress, hanno un effetto benefico sul sistema immunitario, aggiungono energia e l'ormone della felicità a una madre che allatta..

Possibili conseguenze di una dieta scorretta

Alcune madri, dopo aver dato alla luce il loro primogenito, cercano di attenersi a una dieta a base di latte, credendo che in questo modo aumenterà la produzione di latte. In effetti, il latte materno scorre esattamente quanto il bambino è in grado di mangiare. E il latte non influisce sul processo di allattamento. Ma un consumo eccessivo di prodotti che aumentano l'allattamento può portare a lattostasi o infiammazione delle ghiandole mammarie..

Sarà sbagliato mangiare un gran numero di arance e mandarini, sperando che contengano molte più vitamine. È molto meglio e più sano mangiare frutti del clima locale. Le mele abituali saranno molto più benefiche dei litchi o dei mango stravaganti.

Alcune diete raccomandano che le donne si limitino a mangiare ingredienti a base di carne. Fare questo in pratica non ne vale la pena, poiché la carne contiene una grande quantità di sostanze necessarie e utili per mamma e bambino. Tale consiglio può essere applicato ad eccezione della scelta di una varietà di prodotti a base di carne. Non è consigliabile mangiare carne di maiale e anatra con gv, sono varietà troppo grasse e scarsamente digeribili.

Se la madre si limita completamente nel cibo, considerando che tutti i prodotti sono dannosi per il bambino, anche questo non porterà a nulla di buono. La mancanza di nutrienti, al contrario, è più probabile che porti ad un aumento di peso rispetto a un'alimentazione corretta ed equilibrata. Gli alimenti di dubbia qualità possono causare effetti negativi sull'apparato digerente, causando fermentazione e gonfiore.

Le conseguenze più negative di una dieta scorretta, ovviamente, sono i problemi di salute del bambino. Pertanto, una violazione della dieta da parte della madre può causare un'allergia nel bambino, compromettere la digestione o danneggiare l'ulteriore sviluppo del bambino con l'assunzione costante di alcol.

L'alimentazione impropria della madre o il consumo di una certa quantità di alimenti vietati non significa che il bambino sia in pericolo o che il cibo consumato dalla madre sia completamente trasmesso al bambino. Tutto nella dieta di una madre che allatta dovrebbe essere moderato. Puoi bere un bicchiere di champagne per il nuovo anno e mangiare una fetta di cetriolo sottaceto al tavolo festivo. E in modo che ciò non influisca in alcun modo sul bambino, la madre può usare questi prodotti per un certo tempo prima di allattare o nutrire il bambino con riserve di latte precedentemente espresse. Tutti i suggerimenti e le raccomandazioni si riferiscono principalmente all'uso moderato di ciascun prodotto, perché la stessa cipolla verde proibita affronta bene il ripristino della forza e della salute di una donna dopo il parto. Pertanto, se la madre non ha rivelato reazioni allergiche ai prodotti, è improbabile che appaiano nel bambino.

È possibile per la madre che allatta purè di patate?

È possibile per la madre che allatta purè di patate?

L'alimentazione di una madre che allatta dovrebbe essere razionale ed equilibrata. Dopo tutto, ha bisogno di ricevere tutti i nutrienti, le vitamine e i minerali necessari. Quindi il suo corpo verrà ripristinato con successo e l'allattamento verrà mantenuto. E il latte materno per il bambino sarà il cibo più salutare.
Ma non sempre la mamma può mangiare cibi, anche quelli che appartengono alla categoria della corretta alimentazione. Le reazioni allergiche nei neonati e nei bambini più grandi non sono affatto rare oggi. E indigestione e indigestione si verificano anche in loro. Pertanto, una donna è costretta a limitare la propria dieta, aderire a una dieta, introdurre nuovi prodotti gradualmente e con molta attenzione, monitorando attentamente la reazione del bambino a ciascuno di essi separatamente.

È possibile schiacciare con l'allattamento? Gli alimenti purea sono ben assorbiti. I pediatri moderni raccomandano di dare una purea di bambini da 6 mesi. In precedenza si credeva che fosse pronto a mangiare tale cibo già da 3-4 mesi. Ma ciò era dovuto al fatto che la nutrizione artificiale per i bambini era scarsa, la sua composizione di vitamine e minerali era sbilanciata. Pertanto, il bambino ha ricevuto sostanze utili da purè di patate sin dalla tenera età.

Oggi l'allattamento al seno è supportato in tutto il mondo. Un bambino che mangia il latte materno non ha bisogno di alcuna nutrizione aggiuntiva per almeno sei mesi. E oggi, per i bambini artificiali, vengono prodotte miscele con una composizione il più vicino possibile alla composizione del latte materno. Pertanto, non devono essere nutriti fino a 6 mesi.

È possibile schiacciare le patate durante l'allattamento?

La patata ha un posto speciale nella nostra dieta. È difficile trovare una persona che non lo ama e sulla cui tavola non è presente almeno una volta al giorno. I raccolti di radice hanno vitamine e minerali, sono molto nutrienti. Ma ecco come si giocano le patate gioca un ruolo enorme. I piatti fritti non sono utili solo alle madri che allattano, ma a tutti gli altri. L'opzione più accettabile per il consumo di patate è bollita o schiacciata. Ma è necessario cuocerlo con una quantità minima di olio, in acqua o latte, se non è proibito. Il piatto dovrebbe essere leggero, tenero. In grandi quantità, non ne vale ancora la pena..

È possibile che una madre che allatta abbia una purea di frutta e verdura?

Inoltre, non tutte le persone che allattano possono mangiare frutta e verdura fresca senza problemi. In questo caso, puoi ricostituire le riserve di vitamine e minerali con purea di bambini. Questo prodotto è realizzato con materie prime naturali, senza additivi di coloranti, aromi, zucchero e suoi sostituti, con il rigoroso rispetto di tutte le norme e requisiti. Ma è importante scegliere purè di patate di qualità, da produttori fidati. Solo allora puoi essere sicuro della sua composizione e che non danneggerà te e il bambino.

Per i principianti, si consiglia di provare una purea di patate monocomponente in una piccola quantità, letteralmente un paio di cucchiaini da tè. Ad esempio, la mela, la più neutra. Osserva la reazione del bambino durante il giorno. Se tutto va bene, puoi aumentare il servizio. Quindi gradualmente portare a pieno. Le purè di patate multicomponente possono essere introdotte se hai già provato tutto ciò che è nella sua composizione e non ci sono state reazioni negative.

Quindi, puoi avere una purea per bambini per la madre che allatta. È molto gustoso, sarà un'ottima aggiunta alla tua dieta quotidiana. E più tardi puoi offrirlo al tuo bambino. Siamo sicuri che non lo rifiuterà, poiché conosce già il gusto.

Perdere peso giusto! Dieta per allattare un neonato

Come rimanere in forma in un periodo difficile per il corpo? Vi diciamo qual è la dieta corretta durante l'allattamento al seno di un neonato.

Il tuo obiettivo è perdere peso durante l'allattamento? Prima di tutto, consulta un medico: qualsiasi passaggio errato può influire sulla salute del bambino. Vi diciamo in cosa consiste la dieta giusta per l'allattamento..

La dieta della mamma per la perdita di peso durante l'allattamento al seno un neonato: principi generali

Seguire le linee guida di base per perdere gradualmente peso durante l'allattamento..

  • Mangia cibi ricchi di proteine ​​2-3 volte al giorno.
  • Mangia tre piccole porzioni di verdure ogni giorno..
  • Aggiungi due piccole porzioni di frutta al menu ogni giorno..
  • Includi cereali integrali nella tua dieta quotidiana.
  • Bevi acqua solo per dissetarti. Non c'è bisogno di forzarti a bere una certa quantità di liquido.
  • Se aderisci a uno stile di vita vegetariano, allora devi assumere integratori B12.

Quanto costa una dieta per l'allattamento?

L'allattamento al seno richiede calorie extra. Regola calorie: determina la quantità individuale giornaliera e aggiungi altre 500 calorie. Solo dopo che il bambino inizia a mangiare altri cibi puoi ridurre le calorie. Ricorda, non "risparmi" calorie extra in te stesso, ma le dai al bambino.

Posso bere caffè durante l'allattamento??

Certo, la caffeina entra nel latte, ma per la maggior parte dei bambini questo non interferisce. Tuttavia, ricorda che se il bambino non dorme bene o è irritato, è necessario ridurre la quantità di caffeina o abbandonarla completamente. Alcuni studi dimostrano che i neonati sono più sensibili alla caffeina rispetto ai bambini più grandi. Quindi la consultazione preliminare del medico non farà male.

La dieta dell'allattamento al seno della mamma per mesi

1o e 2o mese

Per aiutare il bambino ad adattarsi alle nuove condizioni, nel primo mese la dieta durante l'alimentazione dovrebbe essere rigorosa. Niente cibi e piatti esotici, grassi e dannosi.

L'allattamento al seno

Il latte materno è un alimento ideale per i bambini. Affinché l'allattamento avvenga senza problemi sia per la madre che per il bambino, è importante rispettare una corretta alimentazione: preparare il menu in modo che includa tutti i gruppi di prodotti. Se una madre che allatta mangia in modo equilibrato e completo, il latte materno fornirà al bambino tutti i nutrienti necessari.

Quali sono i benefici dell'alimentazione naturale??

Il latte materno contiene molti oligoelementi e sostanze in grado di soddisfare tutte le esigenze del corpo del bambino, in particolare nei primi 4-6 mesi della sua vita.

È importante!

Allo stesso tempo, la composizione del latte non è costante: differisce in diversi momenti della giornata e in diversi periodi di lattazione. Ad esempio, la concentrazione di grassi cambia anche durante una poppata: alla fine è 4-5 volte più alta che all'inizio. Si ritiene che il contenuto di grassi alla fine di questo processo funga da regolatore della saturazione, quindi il tempo di qualsiasi alimentazione non dovrebbe essere arbitrariamente limitato *.

Energia e formazione di una forte immunità. Per quanto riguarda il lattosio in generale, questa non è solo un'ottima fonte di energia per il bambino. Nel suo corpo, si scompone in sostanze che aiutano lo sviluppo del sistema nervoso centrale. Gli enzimi contenuti nel latte materno colonizzano il corpo del bambino con la flora, la forma e il rafforzamento necessari del sistema immunitario, il che significa che sarà meno probabile che siano colpiti da virus.

Sentimenti teneri. Con l'alimentazione naturale, la connessione emotiva tra la madre e il suo bambino si intensifica, il che è anche importante. Inoltre, durante l'alimentazione, il corpo femminile produce ormoni ossitocina e prolattina, che hanno un effetto sedativo..

Quale dovrebbe essere la nutrizione di una madre che allatta?

Durante l'alimentazione, il corpo femminile spende molta energia. È per questo motivo che molti nutrizionisti non raccomandano diete ipocaloriche durante l'allattamento, poiché un'alimentazione moderata da sola provoca carenza di energia **.

È importante!

Se durante la produzione di latte il corpo non riceve abbastanza microelementi, li spende dal proprio approvvigionamento. Pertanto, è importante aumentare la quantità di alimenti sani nella dieta - questo aiuterà la madre a evitare una carenza di vitamine e minerali.

L'autrice dell'articolo “Nutrizione durante l'allattamento” osserva Svetlana Dorokhova: “Va ricordato che non esiste un singolo prodotto specifico o un gruppo in grado di soddisfare tutte le esigenze di una giovane madre in sostanze nutritive e benefiche. Ecco perché il compito principale in questo periodo di tempo è di costruire la tua dieta in modo tale che contenga prodotti di vari tipi ”**.

Quali alimenti dovrebbero essere presenti nella dieta di una madre che allatta?

È importante!

Si raccomanda di introdurre gradualmente nuovi elementi nel sistema alimentare, osservando la reazione del bambino a un particolare piatto.

È meglio aderire a un sistema frazionario, cioè mangiare 5-6 volte al giorno 30-40 minuti prima di nutrire il bambino - questo contribuisce a una migliore secrezione di latte. Presta attenzione all'elenco degli alimenti essenziali che supporteranno il tuo corpo:

  • latticini a basso contenuto di grassi: kefir, panna acida, formaggio, ricotta;
  • cereali: grano saraceno, mais, riso;
  • frutta e verdura: pere, mele, patate, cavolfiore, cavoletti di Bruxelles bianchi, broccoli, zucchine e altri;
  • zuppe: su brodo vegetale;
  • carni magre: filetto di tacchino, pollo (bollito e in umido e cotolette di vapore);
  • pane: grano, 2 ° grado, segale;
  • bevande: tisana, composta di frutta secca, succo senza zucchero;
  • oli: 20-40 g di burro e 20-30 g di oli vegetali.

Quali prodotti richiedono restrizioni?

  • Latte intero (puoi aggiungerlo ai cereali).
  • Albicocche, pesche, melone, ciliegia, ciliegia, ribes, prugna.
  • Semola, pane, prodotti farinacei.
  • Dolci, Confetteria e Zucchero.
  • sale.

Quali alimenti non sono raccomandati per una madre che allatta?

Quasi tutto ciò che una madre mangia, in una forma o nell'altra, è presente nel latte. Evita gli alimenti che possono compromettere l'appetibilità del latte (salato, acido, piccante) e il suo odore (aglio). Alcuni alimenti, come legumi e cavoli, possono avere un effetto negativo sull'intestino del bambino: aumentare la produzione di gas e persino causare diarrea. Non è consigliabile mangiare cibi che potrebbero causare allergie..

  • Prodotti altamente allergenici - pesce, caviale, frutti di mare (gamberi, granchi, gamberi, bastoncini di granchio, snack in scatola), uova, funghi, noci, miele, cioccolato, caffè, cacao.
  • Prodotti affumicati e in salamoia, carne fritta.
  • Latte intero, panna, latticini con aromi e ripieni di frutta, cagliata glassata.
  • Frutti tropicali, fragole, lamponi.
  • Fast Food e Fast Food.
  • alcool.
  • Bevande gassate.

Video "Potenza durante l'acqua calda"

Kushalieva Ksenia, pediatra, specialista in allattamento

Consigli utili

Gli allergeni tendono ad accumularsi gradualmente nel corpo. In questo modo, il bambino può rispondere ai cibi presenti nella dieta della madre nelle ultime due settimane. Per questo motivo, gli esperti raccomandano alle madri che allattano di tenere un diario alimentare in cui tutti i pasti dovrebbero essere registrati. In questo caso, se il bambino manifesta sintomi di allergia, sarà possibile esaminare le voci del diario e suggerire a quale prodotto il corpo ha reagito. Tali note sono particolarmente rilevanti nei primi mesi di vita di un bambino..

Quanto bere liquidi?

Non si può dire inequivocabilmente se una donna debba consumare più acqua durante l'allattamento. Tuttavia, dovresti bere il tuo solito volume, ma altrimenti concentrati sulla quantità di latte. Se è abbastanza o in eccesso, non dovresti bere acqua con la forza. Se succede che non è abbastanza, aumentare il volume di circa 1000 ml. Si consiglia di placare la sete con acqua purificata in bottiglia senza gas. La necessità di liquido accompagna spesso l'inizio del processo di alimentazione, quindi puoi prenderti cura di questo in anticipo e tenere una bottiglia d'acqua nelle vicinanze **.

Devo prendere le vitamine?

Il periodo di allattamento è accompagnato dalla maggiore necessità dell'organismo di acidi calcio, vitamina D, iodio e Omega-3. Se una donna mangia in modo equilibrato, tenendo conto di tutte le raccomandazioni, non aver paura della loro carenza. Non è necessario assumere vitamine a propria discrezione: possono essere prescritte solo da un medico e solo dopo aver superato i test. Tuttavia, al fine di aumentare l'allattamento e mantenere il livello di minerali e vitamine nel corpo femminile, si consiglia di includere nella dieta prodotti specializzati, ad esempio Lactamil: contiene i macro e microelementi necessari, vitamine, prebiotici, erbe lattogonous, acidi grassi Omega-3 e Proteine ​​del siero di latte.

È necessario aderire a una dieta?

Se noti una reazione allergica nel tuo bambino, prova a rimuovere i prodotti che potrebbero causarla dal tuo menu. Allo stesso tempo, non dimenticare che un'allergia può verificarsi non solo per qualsiasi alimento, ma anche per medicine, cosmetici, animali domestici. Il medico può prescrivere una dieta ipoallergenica per l'intero periodo di alimentazione, se l'allergia alimentare non scompare o la sua causa non è esattamente stabilita.

Video "Sulla nutrizione delle madri in gravidanza e in allattamento"

Sergeeva Svetlana Nikolaevna, pediatra, candidata in scienze mediche, ricercatrice leader presso il Laboratory of Age Nutritionology, Institute of Nutrition

* Svetlana Stankevich, Natalia Barabash "A che serve il latte materno?"

Dieta della mamma per l'allattamento al seno

Regole generali

L'allattamento al seno è il tipo di alimentazione ottimale per un bambino. Innanzitutto, questa è una manifestazione dell'amore materno e, in secondo luogo, un prodotto alimentare ideale di alta digeribilità con un livello ottimale ed equilibrato di sostanze per il bambino, con presenza di fattori protettivi e sostanze biologicamente attive, che aiuta a creare una barriera contro le influenze ambientali.

Va ricordato che una corretta alimentazione di una madre che allatta dopo il parto è una garanzia della salute del bambino. È importante seguire una dieta sana. Da un lato, questa è una dieta varia, razionale ed equilibrata, cioè dovrebbe contenere tutti i componenti necessari per il bambino (proteine, grassi, carboidrati, ferro, vitamina C, calcio, iodio, magnesio, vitamina D, omega-3 e omega-6) e, d'altra parte, dovrebbero essere i piatti dietetici preparati separatamente per una madre che allatta, ad eccezione della frittura e del grasso. Il cibo dovrebbe essere sufficiente, anche con un alto contenuto calorico - nei primi 6 mesi è 2700 kcal, nei mesi successivi è leggermente inferiore - 2650 kcal.

Perché la nutrizione di una donna è così importante? Perché con il latte materno, il bambino riceve tutte le sostanze benefiche. Le proteine ​​sono l'elemento alimentare più importante per lo sviluppo del corpo e la sua quantità consumata da una donna dovrebbe essere di 106-110 g, la maggior parte (60%) sono proteine ​​animali e il 40% sono vegetali. Pertanto, è molto importante mangiare carne, pesce, latticini, cereali, noci e verdure. È vero, la quantità di proteine ​​nel latte non dipende dalla quantità di proteine ​​consumate da una donna e la quantità di grassi, oligoelementi minerali e vitamine è precisamente correlata alla quantità di queste sostanze nella dieta. Tutte le sostanze necessarie entrano nel latte dal corpo della madre anche quando non sono adeguatamente rifornite di cibo, ma le riserve di una donna che allatta sono esaurite.

Il magnesio è necessario per il processo di sintesi proteica e la formazione di enzimi; in sua presenza, il calcio viene assorbito nel corpo. Crusca di frumento, semi di sesamo, semi di zucca e semi di girasole sono ricchi di magnesio. Il calcio è necessario per la prevenzione del rachitismo nel bambino, la crescita e la formazione dello scheletro. La fonte chiave di calcio è latte, ricotta, kefir, yogurt, formaggi a pasta dura. Ma con un'allergia in un bambino alle proteine ​​del latte vaccino, i prodotti lattiero-caseari sono esclusi dalla dieta della madre. Inizialmente, viene escluso solo il latte e si verifica una reazione ai latticini e alla ricotta.

Naturalmente, tutti questi prodotti dovrebbero essere introdotti gradualmente nella dieta, poiché oltre ai nutrienti utili e necessari per la crescita e lo sviluppo dei nutrienti, un bambino può anche ricevere allergeni con il latte. La dieta di una madre durante l'allattamento non dovrebbe appesantire il sistema immunitario del bambino e causare gonfiore e coliche. Ciò è particolarmente importante per i primi 2-3 mesi, quando il bambino sviluppa la digestione. A questo proposito, la dieta deve essere gradualmente estesa e passare da piccola a grande in relazione al cibo.

Quale dovrebbe essere la nutrizione per le donne che allattano? Il primo mese dovrebbe essere una dieta rigorosa e nel prossimo un'attenta introduzione di nuovi prodotti nella dieta. Fino a tre mesi, mentre il bambino è soggetto a coliche, è necessario monitorare in particolare la dieta e astenersi da alimenti che causano flatulenza. Di solito la colica inizia in 2-3 settimane e termina in 3-6 mesi.

Le regole di base per l'allattamento sono:

  • Cinque - sei pasti al giorno per la madre (3 pasti principali e 2 spuntini). Mangiare è il momento migliore per nutrirsi - il momento migliore è 30 minuti prima.
  • Metodi di cottura bolliti e al vapore, rifiuto di cibi grassi e fritti.
  • L'uso di soli alimenti naturali preparati al momento, esclude cibi pronti, prodotti con coloranti e conservanti, tutti i tipi di alimenti in scatola.
  • L'introduzione di un gran numero di prodotti lattiero-caseari contenenti calcio.
  • Mangiare carne magra e pesce.
  • Rispetto del regime di consumo - 1,5-1,6 litri al giorno (acqua purificata, acqua da tavola senza gas, bevande alla frutta, bevande alla frutta). L'assunzione di liquidi è uno dei fattori importanti nella lattazione prolungata. Devi bere un bicchiere d'acqua 10 minuti prima di nutrirti. Allo stesso tempo, non puoi bere liquidi al di sopra del normale, che possono causare gonfiore, stress sui reni e produzione eccessiva di latte e successivamente lattostasi.
  • Durante l'allattamento, sono esclusi i prodotti per migliorare la fermentazione (legumi, dolci, pasticcini, kvas, pane nero, banane, uva, mele dolci, verdure in salamoia, cavolo bianco, cetrioli, bevande gassate, dolci, formaggi dolci, paste cagliate e cereali dolci).
  • Limitare il consumo di frutta e verdura crude, poiché in questa forma aumentano la motilità e causano gonfiore. Per questo motivo, è meglio cuocere o stufare frutta e verdura e iniziare a mangiare in piccole porzioni, poiché una grande quantità di fibra può causare l'allentamento delle feci nel bambino e gonfiore.
  • Le verdure con fibre grossolane e oli essenziali, che sono forti stimolanti digestivi (ravanello, ravanello, rapa, sedano, acetosa, funghi) non sono ammessi e il bambino può causare gonfiore e coliche intestinali.

Entro la fine del secondo o terzo mese, la dieta si sta già espandendo in modo significativo, ma è necessario introdurre attentamente nuovi prodotti per 3-4 giorni consecutivi e osservare il comportamento del bambino. Il primo giorno, puoi mangiare un piccolo pezzo di un prodotto e il giorno successivo, esaminare la pelle del bambino e osservarne le condizioni generali. Se non ci sono eruzioni cutanee, arrossamenti o desquamazione sulla pelle, puoi mangiare questo prodotto in quantità leggermente maggiore il secondo giorno e osservare di nuovo la reazione. Il terzo giorno, lo stesso prodotto viene riutilizzato e vengono valutate le condizioni del bambino, se tutto è normale, puoi lasciare questo prodotto nella dieta.

Una somministrazione così lunga è necessaria perché una reazione allergica potrebbe non verificarsi immediatamente. Il prossimo nuovo prodotto viene testato allo stesso modo. Tenere un diario alimentare e monitorare la reazione del bambino ai nuovi prodotti aiuterà a rilevare in modo accurato e, soprattutto, il fattore allergico nel tempo.

Dieta mensile di una madre che allatta

Per comodità, è stata compilata una tabella che include prodotti consentiti e vietati..

Dieta in allattamento, la tabella per mesi appare così:

MeseProdotti consentiti e loro sequenza di somministrazioneProdotti non consigliati
0-0,5
  • ricotta, kefir;
  • grano saraceno, farina d'avena porridge sull'acqua;
  • frutta - mele cotte, banane;
  • verdure bollite;
  • carne bianca di pollo, tacchino;
  • zuppe senza soffriggere, con l'aggiunta di cipolle;
  • pane grigio e bianco con crusca, essiccato;
  • tè verde e nero debole senza additivi;
  • mele cotte;
  • brodo di rosa canina;
  • tè per l'allattamento;
  • decotti di erbe: timo, melissa, equiseto, menta, achillea, calendula, ortica, emofilo.
  • yogurt con aromi e coloranti;
  • cioccolato;
  • semolino;
  • brodo di carne grassa;
  • cibi grassi e fritti;
  • agrumi;
  • Fragola;
  • grandi quantità di patate e pasta;
  • pere
  • acqua con gas e acqua dolce frizzante;
  • salsicce, prodotti affumicati, maionese;
  • alcol;
  • verdure crude;
  • latte intero (possibile solo nei piatti);
  • cavoli freschi e in salamoia, cetrioli, pomodori;
  • legumi;
  • frutti di mare;
  • gelato;
  • latte condensato;
  • Maionese;
  • cottura del lievito;
  • conserve e marmellate (limitato);
  • caffè;
  • formaggio fuso;
  • margarina.
1-3
  • frutta secca;
  • composta di mele secche senza zucchero;
  • ciliegie, ciliegie, angurie, uva spina (secondo la stagione) e frutta (mele, pere);
  • verdure crude;
  • vengono aggiunti yogurt naturale, yogurt, acidofilo, latte cotto fermentato;
  • formaggio magro e salato;
  • panna acida (contenuto di grassi fino al 15%);
  • pesce magro introdotto con molta attenzione bollito o cotto a vapore;
  • fegato di manzo, manzo, coniglio;
  • bevande e composte di frutta di mirtilli rossi, ciliegie, mirtilli, uva spina;
  • aneto, prezzemolo;
  • espandere il consumo di cereali aggiungendo miglio, grano, orzo perlato, riso integrale e bianco.
3-6
  • pane di segale essiccato;
  • barbabietola;
  • noci (esclusi pistacchi e arachidi);
  • carne di maiale magra;
  • cipolle fresche;
  • uova di quaglia e pollo;
  • basilico, pepe limitato, timo, salato, dragoncello;
  • Succhi appena spremuti.
6-9
  • miele;
  • in piccole quantità pesce rosso;
  • tè verde;
  • cetrioli, pomodori;
  • legumi;
  • aglio.
  • agrumi;
  • cioccolato;
  • piatti grassi;
  • prodotti affumicati;
  • cibo in scatola;
  • alcool.
9-12
  • Limone.

Forse 1 mese sembrerà il più difficile non solo in termini di nutrizione, ma anche di adattamento al regime dell'allattamento al seno e degli aumenti notturni. Fin dai primi giorni, il cioccolato, il caffè, il gelato e il latte condensato, i dolci, i dolci e la pasticceria saranno abbandonati. Verdure crude, legumi e cibi fritti sono vietati. Devi imparare a cucinare pasti dietetici e pensare più al tuo bambino che alle tue abitudini e desideri alimentari. È importante osservare il regime alimentare. Dal quarto, la quantità di fluido è 800-1000 ml.

Se il latte arriva rapidamente e ce n'è molto, è possibile ridurre leggermente il volume del liquido. Da 10 giorni dopo la nascita, è necessario aggiungere 0,5 tazze, portando a 1,5-2 litri fino alla fine del mese. Per tutto questo tempo per monitorare le condizioni del seno: dovrebbe essere indolore e morbido.

La dieta della madre che allatta nel primo mese include zuppe leggere su brodo vegetale o pollo debole, senza friggere. Può essere una zuppa di cereali o di verdure. Non è consentito mangiare borsch, zuppa di cavolo, hodgepodge, okroshka e sottaceti, in considerazione della presenza di cavoli e cetrioli in essi. I piatti principali sono di solito il porridge o le verdure in umido con una fetta di pollo bollito, dal momento che carne e pesce possono essere consumati in seguito. Non dimenticare che il sale deve essere limitato e tutti i piatti preparati senza spezie, quindi il cibo nel primo mese sarà insipido e monotono.

Per la maggior parte, l'elenco dei prodotti può espandersi più velocemente di quanto indicato nella tabella. Tutto dipende dalla reazione individuale del neonato a determinati prodotti. E la madre stessa può decidere come mangiarla, in base alle osservazioni sulla reazione del bambino. E come può mangiare, il bambino può "dire" con il suo comportamento, lo stato intestinale o il rifiuto di nutrirsi, se il gusto del latte è cambiato e non gli piaceva. Ma possiamo dire con certezza che nei primi tre mesi non puoi mangiare miele, marmellata, cioccolato, uova, frutta e verdura rossa, prodotti da forno, grassi, acidi e salati.

Nel caso in cui la madre sia predisposta alle allergie, è probabile che anche il bambino sia ipersensibile agli alimenti. In questi casi, devi essere più attento alla nutrizione. In caso di reazione allergica (arrossamento delle guance, secchezza e desquamazione della pelle nell'area delle ginocchia e dei gomiti), il prodotto deve essere escluso per un mese, quindi provare a inserirlo nuovamente in modo che il corpo si adatti gradualmente a questo allergene. Si noti che il cioccolato, i cibi grassi e affumicati, i cibi in scatola e l'alcol sono vietati per l'intero periodo dell'allattamento..

In conclusione, si deve dire che è vietato alle madri che allattano organizzare giornate di digiuno, seguire una dieta mono o una dieta ipocalorica. È pericoloso per il bambino e non ha bisogno della madre. In questo momento, ci vogliono circa 500 kcal per produrre latte, e se mangi bene e colleghi l'attività fisica nel tempo, i chili in più spariranno.

Un'alimentazione insufficiente della madre può portare al fatto che ci sarà una quantità insufficiente di latte e il bambino non riceverà abbastanza nutrizione. In questo caso, nel bambino appare uno sgabello affamato - eccessivamente acquoso e persino vicino alla consistenza all'acqua. Questo tipo di disturbo delle feci può essere determinato dalla dinamica del peso: il bambino lo guadagna male (meno di 450 g al mese e entro due settimane non aumenta di peso alla nascita), compaiono segni di disidratazione (fontanella affondata), il bambino è letargico e dorme molto. Devi anche fare un test sul pannolino bagnato. Con una quantità sufficiente di latte, il bambino urina 10 volte al giorno. In questo caso, la minzione è ridotta, l'urina si concentra e ha un odore pungente e il suo volume è piccolo. Su Internet puoi trovare una foto di queste feci patologiche. Le feci nel bambino si formano gradualmente, poiché ci vuole tempo per colonizzare l'intestino con microbi utili. Di solito ciò si verifica entro un mese, per alcuni più a lungo..

Prodotti consentiti

La dieta per l'allattamento al seno di un neonato include:

  • Pane integrale di 2 ° grado (preferibilmente con crusca), essiccazione, biscotti secchi, biscotti non molto dolci e cracker per pane grigio.
  • Vari cereali (con attenzione mais e orzo perlato) possono anche essere cotti con l'aggiunta di 1/3 di latte, preparare budini al vapore, casseruole con ricotta.
  • Sono ammesse varietà a basso contenuto di grassi di carne e pesce (manzo, vitello, coniglio, pollo, pollock, pesce persico, orata, melù, merluzzo, nasello, pesce persico) sotto forma di cotolette di vapore e un intero pezzo. Il pollame bianco dovrebbe essere preferito e il pesce dovrebbe essere consumato non più di 1-2 volte a settimana.
  • Include zuppe vegetariane e zuppe su un brodo di carne debole (secondario). Nei primi piatti è bene assumere patate, carote, cavolfiore e zucchine. Nelle zuppe puoi aggiungere polpette, gnocchi, fette di carne bollita.
  • Almeno 400 g di verdure bollite o fresche (se il bambino è ben tollerato) sono introdotti nella dieta come fonti di vitamine e fibre. La preferenza è data alle verdure neutre: carote, barbabietole, zucchine, zucca, zucca. Sono bolliti, puoi fare delle cotolette o stufare da loro. Le verdure fresche si consumano meglio nel verde, mentre le verdure dai colori vivaci vengono elaborate termicamente usando zuppe o stufati. Tuttavia, è necessario iniziare a utilizzare le verdure bollite o in umido.
  • Si consiglia di iniziare a mangiare frutta con le mele, quindi introdurre altri tipi, ma non molto aspri. La frutta deve scegliere il colore verde o bianco, puoi bere succhi di frutta per bambini, purea di frutta per bambini, mele e pere cotte. Durante il giorno, una madre che allatta dovrebbe mangiare 300 g di frutta e bacche (pere, mele, ribes, uva spina, ciliegie) e bere 200-300 ml di succo (preferibilmente con polpa). Possono essere preparati al momento o in scatola. In questo caso, devi scegliere i succhi da una serie di alimenti per bambini. Puoi mangiare mele e pere cotte, oltre a bere gelatina e frutta in umido da loro. I frutti secchi sono ricchi di fibre alimentari, quindi le prugne e le albicocche secche possono essere inserite con attenzione, osservando le feci del bambino.
  • Se il bambino è soggetto a costipazione, è necessario mangiare frutta secca, rivedere anche la dieta della madre e sostituire parzialmente i grassi animali con oli vegetali, oltre a includere più fibre (verdure, cereali, frutta, pane integrale).
  • La dieta quotidiana dovrebbe includere 600-800 ml di prodotti lattiero-caseari (acidophilus, yogurt naturale, kefir, yogurt) e ricotta o piatti da esso. 200 ml di latte e panna acida sono ammessi solo come additivo per il piatto. È meglio alternare latte e prodotti lattiero-caseari. Se parliamo del contenuto di grassi di questi prodotti, allora l'ottimale è del 2,5% e la ricotta - 5-9%. I prodotti a zero grassi non sono adatti per le donne che allattano.
  • Di pasticceria, raramente puoi permetterti meringhe, marmellate di frutta, marshmallow, marshmallow..
  • Un giorno puoi mangiare 25 g di burro, 15 g di verdura (mais, girasole, oliva, soia).
  • Le bevande includono tè senza additivi aromatici (nero o verde debole), tè alla menta, origano, timo, caffè a volte debole, acqua da tavola senza gas, bevande alla frutta e bevande alla frutta.

I principi di una corretta alimentazione durante l'allattamento

Il latte materno è un alimento ideale per un neonato. Ma in molti modi i suoi benefici dipendono dalla dieta di mia madre. Si tratta di una corretta alimentazione durante l'allattamento che verrà discussa in questo articolo. Raccomandiamo vivamente che le future mamme lo leggano in anticipo, perché è necessario monitorare il menu fin dalle prime poppate.

L'importanza di una corretta dieta infermieristica

Una nutrizione sana, equilibrata e ponderata della madre durante l'allattamento è necessaria sia per se stessa che per il bambino. Una donna ha bisogno di riprendersi dopo la gravidanza e il parto, inoltre, i primi mesi di vita del suo bambino sono molto difficili per lei sia fisicamente che psicologicamente. Una corretta alimentazione aiuterà a ripristinare la salute.

Il menu della mamma non è meno importante per il benessere del neonato. La microflora intestinale utile si forma entro un mese dalla nascita, a volte più a lungo. I minimi cambiamenti nella qualità del latte influenzeranno la salute delle briciole. La dieta giusta per la mamma salverà il bambino da coliche nella pancia, costipazione, allergie e altri problemi.

Requisiti dietetici della mamma

La nutrizione di una donna nel periodo iniziale di allattamento è seriamente limitata nella scelta dei piatti e dei metodi di preparazione. Ma allo stesso tempo dovrebbe contenere tutte le sostanze necessarie per la salute della madre e il normale sviluppo del bambino:

  • proteine;
  • grassi
  • carboidrati;
  • vitamine
  • acidi grassi polinsaturi;
  • calcio;
  • magnesio;
  • altri micro e macro elementi.

Se la madre non riceve alcun componente importante con il cibo, apparirà comunque nel latte materno, a causa delle sue risorse interne. Ma il loro numero sarà insufficiente e il benessere della mamma peggiorerà.

Calorie necessarie

Il contenuto calorico giornaliero di una madre che allatta nei primi sei mesi dovrebbe essere 2600-2700 kcal. Non c'è bisogno di preoccuparsi dell'aumento di peso.

La produzione di latte è un processo ad alta intensità energetica che richiede quasi tutte le calorie in eccesso. Pertanto, se non si mangia troppo (e questo non è necessario) e si mantiene l'attività fisica, non si verificherà alcun accumulo di peso in eccesso.

Eventuali restrizioni su contenuto calorico, diete mono, giorni di digiuno sono inaccettabili. Riducono drasticamente la quantità di latte e peggiorano la sua qualità. Per il desiderio di armonia della madre, il bambino pagherà per la mancanza di peso e un ritardo nello sviluppo.

Regole nutrizionali di base per l'allattamento

Non si tratta di diete super rigide. Se una donna aderisce ai principi di una dieta sana, allora avrà poco da cambiare. Le restrizioni più gravi si osservano nel primo mese di GW, quindi si indeboliscono gradualmente.

  1. La dieta della mamma dovrebbe includere 3 pasti e 2-3 spuntini. Mangia meglio in piccole porzioni..
  2. È necessario osservare il regime di consumo - circa 1,5 litri di acqua al giorno. Puoi bere bevande alla frutta, tè, composta.
  3. È necessario ridurre al minimo il rischio di intossicazione alimentare, utilizzando solo piatti di alta qualità dopo il trattamento termico.
  4. Gli integratori che riducono il gusto del latte dovrebbero essere limitati: aglio, cipolle, peperoni, condimenti acidi e piccanti.
  5. Alcool fortemente escluso di qualsiasi forza e sigarette.

Allergia al cibo

Sfortunatamente, le allergie sono molto comuni oggi. Puoi dare la colpa all'ambiente, agli additivi chimici e così via per molto tempo, ma in ogni caso devi essere preparato per questo. Se ci sono allergie in famiglia, specialmente da parte della madre, il rischio aumenta. La predisposizione a una reazione allergica viene ereditata.

Gli allergeni forti sono necessariamente esclusi dal menu dei primi 3-4 mesi:

  • miele;
  • cioccolato;
  • frutti di mare;
  • uova (tuorli);
  • noccioline
  • agrumi;
  • frutta e verdura arancione e rossa brillante.

Quando il bambino è forte, puoi provare a inserire questi prodotti nel menu.

Come introdurre un nuovo prodotto

Per espandere la dieta durante l'allattamento al seno dovrebbe essere molto attenta. Innanzitutto, viene mangiato un piccolo pezzo del piatto introdotto. Il secondo e il terzo giorno, se il bambino sta bene con la pancia e non ci sono eruzioni cutanee sulle guance, ne viene mangiata un'altra porzione. Si ritiene che se dopo 3-4 giorni il bambino non ha segni di allergia, questo prodotto è sicuro per lui..

In caso di desquamazione della pelle, arrossamenti, eruzioni cutanee e problemi digestivi, questo cibo viene escluso dalla dieta per almeno 30 giorni. Quindi puoi riprovare.

Tutti i prodotti vengono introdotti uno alla volta, in modo che sia immediatamente chiaro a chi si sta reagendo negativamente..

I primi 2-3 mesi è meglio evitare probabili allergeni, poiché il viso del bambino è ancora pulito dopo il parto ed è impossibile riconoscere l'allergia con piena fiducia.

Nutrizione GV per mesi

La nutrizione della mamma per l'epatite B dipende in modo significativo dall'età del bambino. Una dieta rigorosa viene osservata nel primo mese di alimentazione, quindi gradualmente le restrizioni vengono rimosse - entro limiti ragionevoli, ovviamente. Si consiglia di escludere dall'alcol e "analcolici" tra cui conserve, maionese, ketchup, margarina, condimenti piccanti e cioccolato per l'intero periodo di allattamento.

Dieta del primo mese

Fabbisogno dietetico nel primo mese di HB:

  1. Sono esclusi solo piatti bolliti, al forno o al vapore, fritti.
  2. Sale, zucchero, spezie, grassi vengono aggiunti al minimo..
  3. Assicurati di preparare zuppe leggere su un brodo vegetale o un brodo di carne debole, senza aggiungere cipolle fritte.
  4. Dai piatti di carne, l'opzione migliore è pollo o tacchino bollito.
  5. Le verdure stufano o cuociono, crude possono causare gonfiore. È meglio utilizzare ortaggi di stagione che crescono nella regione. La norma giornaliera di 300-400 g.
  6. Anche la frutta cruda è indesiderabile, puoi cuocere mele o pere. La norma giornaliera è di circa 300-500 g. Puoi mangiare purea di frutta in scatola o bere succhi con polpa dagli alimenti per bambini.
  7. Sono ammesse solo proteine ​​nelle uova, non più di due al giorno.
  8. Il porridge di grano saraceno e farina d'avena sull'acqua è utile, ma il riso è indesiderabile, soprattutto se la madre non ha ancora recuperato le feci dopo il parto.
  9. I prodotti lattiero-caseari e del latte acido sono utili. La quantità principale dovrebbe essere in bevande a base di latte fermentato - circa 600-700 ml, latte - non più di un bicchiere al giorno. La quantità di panna acida è ancora limitata: puoi aggiungere un cucchiaio alla zuppa. La ricotta è salutare, ma può causare stitichezza nei neonati..

Colica nei neonati

Quasi tutti i bambini nei primi mesi soffrono di coliche intestinali. Iniziano circa 2-3 settimane dopo la nascita e possono durare fino a sei mesi. Pertanto, è necessario escludere tutti i piatti che possono provocare la comparsa di gas nell'intestino.

Questi includono:

  • dolci;
  • Cavolo bianco;
  • ravanello;
  • cetrioli
  • legumi;
  • fermentazione;
  • formaggi fermentati (Adyghe, Brynza e altri);
  • paste fresche di pasta lievitata;
  • bevande gassate;
  • uva.

Dal secondo al terzo mese

La colica in corso richiede ancora l'esclusione dalla dieta degli alimenti che scatenano la flatulenza. Ma il menu si sta gradualmente espandendo. Nuovi piatti vengono aggiunti con cura, in piccole porzioni. In questo caso, è necessario monitorare attentamente il benessere del bambino.

Nella dieta, puoi alternativamente aggiungere:

  1. Carne: vitello, manzo magro, coniglio.
  2. Pesce: pollock, merluzzo bianco, eglefino, nasello, melù. Dovrebbe essere somministrato con molta attenzione e non mangiare più di 2 volte a settimana.
  3. Verdure fresche di stagione (ma cavoli, cetrioli e pomodori sono ancora indesiderabili), verdure.
  4. Frutta fresca che inizia con le mele gialle e verdi. Dei frutti "oltremare" sono ammesse solo le banane, con ananas e altri kiwi è meglio non rischiare.
  5. Uova, compresi i tuorli. I tuorli possono essere un forte allergene, quindi richiedono un'attenzione speciale.
  6. Porridge di semola, miglio, orzo perlato. Se la mamma non ha costipazione, puoi aggiungere riso, osservando attentamente le feci del bambino.
  7. Pasta.

Nutrizione dopo il terzo mese

Il bambino di tre mesi è già cresciuto e cresciuto notevolmente, mia madre è entrata nel ritmo di nuove preoccupazioni e la vita generale è migliorata. In questo contesto ottimista, c'è un'ulteriore espansione della dieta.

  • i nuovi prodotti vengono aggiunti uno alla volta e gradualmente;
  • i forti allergeni (cioccolato, miele, agrumi) e alimenti di dubbia utilità (prodotti affumicati, conserve, alcol) rimangono vietati.

Dolci ammessi

Le mamme dolci hanno difficoltà. Per i primi 30 giorni, i dolci dovrebbero essere completamente abbandonati, in particolare la pasticceria industriale con panna e biscotti, tra cui la margarina.

Lo zucchero interrompe la digestione da solo, e in un cocktail con conservanti, coloranti, addensanti e altri contenuti della torta, può causare gravi conseguenze negative non solo per il bambino, ma anche per la madre.

Ma nel secondo mese di HB, puoi regalarti dei dolci senza danneggiare il bambino. I dolci su prodotti naturali con un minimo di zucchero sono adatti:

  • marshmallows;
  • incolla;
  • marmellata;
  • cracker;
  • ricotta.

Al momento dell'acquisto, è necessario scegliere prodotti senza coloranti e additivi aromatizzati. Ma anche questi dolci devono essere limitati.

Dr. Komarovsky sulla dieta della mamma

E alcuni consigli di un famoso medico:

  1. La cosa principale per il benessere del bambino non è il menu della mamma, ma il suo buon umore e il benessere.
  2. Sulla base del paragrafo precedente, una donna non dovrebbe sedere su una dieta rigorosa di farina d'avena sull'acqua. L'inevitabile stress di un simile pasto danneggerà molto di più il bambino. La selezione dei prodotti consentiti è abbastanza ampia.
  3. Non è necessario seguire i consigli delle nonne onniscienti e mangiare cibi grassi, in modo che "il latte sia più grasso". Il latte aggiungerà davvero contenuto di grassi, ma è difficile per un bambino, specialmente nei primi mesi, succhiarlo. E per una pancia fragile, il grasso in eccesso è una cattiva opzione.
  4. È utile pensare in anticipo alle opzioni di menu per alcuni mesi..
  5. Un diario alimentare ti aiuterà a monitorare la reazione del tuo bambino a diversi alimenti.
  6. Se vuoi davvero qualcosa di proibito, puoi provarlo, ma è un pezzo molto piccolo.

Conclusione

I primi mesi dopo il parto sono i più difficili e responsabili sia per la mamma che per il bambino. Speriamo davvero che questo articolo ti abbia aiutato a risolvere almeno una parte dei problemi. Scrivici, condividi la tua esperienza, fai domande.

Up