logo

La lavanda uterina è una procedura medica che viene eseguita per le donne dopo il parto, in cui vi è un accumulo di coaguli di sangue e particelle di placenta negli organi riproduttivi. In questo contesto, i pazienti sviluppano un processo infiammatorio, pertanto i farmaci antisettici vengono utilizzati per la manipolazione.

Se una condizione simile si è sviluppata nella donna in travaglio e le è stata prescritta la lavanda uterina, è necessario saperlo, perché nella maggior parte dei casi questa procedura provoca paura, perché le donne non sanno cosa dovranno affrontare, quali complicazioni potrebbero svilupparsi in futuro.

Il risciacquo dell'utero è una procedura ginecologica, durante la quale una donna viene iniettata con un tubo speciale nell'organo, con l'aiuto della quale la sua cavità viene irrigata con soluzioni con effetto antisettico.

Come viene eseguita la procedura di lavaggio? Fonte: vashamatka.ru

La manipolazione ha un effetto trilaterale sul corpo del paziente:

  1. La rimozione meccanica di coaguli esistenti;
  2. Il processo infiammatorio viene interrotto a causa del trattamento antibiotico;
  3. L'utero si contrae rapidamente perché ha un effetto fisiologico.

Molto spesso, tale procedura viene eseguita per le donne dopo il travaglio o che hanno abortito alla fine della gravidanza, poiché durante questi periodi c'è un'apertura significativa del canale cervicale, il che significa che non ci sono ostacoli all'introduzione di uno strumento di drenaggio.

Il risciacquo dell'utero dai coaguli può essere eseguito con due metodi. Nel primo caso, ricorrono a un metodo di aspirazione. Per la sua implementazione, è necessario collegare le talee di silicone o clorovinile al sistema di somministrazione endovenosa, che aiuta la soluzione farmacologica a raggiungere la cavità uterina. Per mezzo di un ampio canale, i contenuti vengono escreti usando un elettro-aspiratore.

Una tecnica semplificata è il lavaggio per gravità. In questo caso, il tubo di drenaggio viene sostituito con un catetere convenzionale, che rimuove il fluido accumulato verso l'esterno..

Perchè fare

Nella pratica medica, puoi sentire qualcosa come il decimo mese di gravidanza. Questo è il momento dei primi trenta giorni dopo la nascita del bambino. Durante l'intero periodo, avvengono varie trasformazioni nel corpo della donna e l'organo genitale diminuisce gradualmente di dimensioni.

La ferita che si è formata all'interno dell'organo guarisce, i muscoli del bacino vengono ripristinati. Fino al completamento completo del processo di epitelizzazione. Dalla vagina della donna, ci sono perdite sotto forma di un timbro, che si chiama lochia. Con questo, è possibile che il periodo di recupero abbia luogo con complicazioni.

Se particelle di placenta rimangono all'interno dell'organo, possono provocare l'insorgenza del processo infiammatorio se l'infezione inizia a diffondersi. Il fatto è che questi tessuti vivono e, poiché non ricevono nutrimento, inizia il processo di decomposizione e decomposizione. Questo mezzo è ideale per la propagazione di agenti patogeni. Se la patologia non viene curata in modo tempestivo, allora porterà allo sviluppo di endometrite o sepsi..

Endometrite postpartum - un'indicazione per eseguire il lavaggio uterino. Fonte: oblacco.com

Vale anche la pena dire che i tessuti rimanenti sono percepiti dal corpo come un oggetto estraneo, quindi inizia a dirigere le forze per superare la progressione della patologia. Ma poiché l'immunità è così indebolita dopo il parto, non è possibile farcela in modo indipendente. E se il processo di recupero viene ritardato, l'infiammazione inizia a progredire attivamente..

In questo contesto, alcuni possono sperimentare una riduzione (parziale) incompleta dell'organo riproduttivo nel periodo postpartum. In questo caso, i medici parlano della subinvoluzione dell'utero, in cui i coaguli di sangue e la placenta accumulati all'interno bloccano il canale cervicale.

È possibile che l'endometrite postpartum inizi a progredire, in cui l'infiammazione colpisce gli strati interni dell'utero. I sintomi concomitanti si manifesteranno sotto forma di aumento della temperatura corporea, dolore nell'addome inferiore, segni di intossicazione, sanguinamento prolungato dai genitali.

Accade spesso che lo sviluppo dell'endometrite si verifichi in presenza di qualsiasi patologia della placenta. Ma la condizione può anche essere dopo il suo rifiuto manuale, in caso di travaglio grave, durante l'infezione di una donna durante il periodo di gestazione. Pertanto, è molto importante eseguire tempestivamente il lavaggio uterino, se ci sono condizioni descritte.

Come viene eseguito

Come lavare l'utero, ogni donna a cui è prescritta questa procedura è interessata. Inizialmente, deve sedersi su una sedia ginecologica e mettere i piedi su supporti speciali. Successivamente, i genitali esterni vengono trattati con farmaci antisettici.

  • Usando specchi, il medico espone la cervice;
  • Il contenuto dell'essudato viene rimosso dalla cavità uterina mediante una siringa e successivamente inviato per esame batteriologico;
  • Successivamente, viene introdotto un tubo di infusione nella parte inferiore dell'utero in modo che il medico possa trattare a fondo la superficie interna;
  • Inizialmente, il liquido, pre-raffreddato, viene versato con un flusso (la manipolazione dura 20 minuti);
  • Successivamente, la velocità di eliminazione del fluido diminuisce di 10 ml / min e dura un'altra un'ora e mezza o due ore.

Per eseguire il lavaggio utilizzare soluzioni con un effetto antisettico. Il corso completo è di 3-5 procedure e devono essere completate tutte, anche se non sono abbastanza piacevoli. Come droghe usano quanto segue:

  1. Gruppo antisettico: furacilina, diossidina, dimeossido;
  2. La novocaina è usata per alleviare il dolore;
  3. Come antibiotico, si preferisce la kanamicina;
  4. Gli enzimi sono usati per prevenire la formazione di aderenze uterine (Longidaza).

Per una procedura, gli esperti versano circa 2-3 litri di soluzione sterile, che viene pre-raffreddata a una temperatura corrispondente a 4-5 gradi. Poiché il liquido è freddo, vengono create condizioni aggiuntive per un migliore sollievo dal dolore.

Soluzione di furatsilina utilizzata per la procedura.

Molte donne che hanno partorito un bambino si trovano di fronte alla necessità di pulire l'utero. Tuttavia, non tutti i tipi di questa procedura sono dolorosi. Inoltre, ci sono metodi popolari per pulire l'utero dopo il parto.

In quali casi è necessario pulire l'utero dopo il parto

L'organismo più importante responsabile del buon esito della gravidanza e della nascita di un bambino è l'utero. È lei a sopportare il massimo carico nel corso di questi processi.

Dopo il parto, l'utero inizia a liberarsi delle membrane, l'intera gravidanza che circonda il feto. Questa è chiamata la nascita del parto. La placenta, compreso il cordone ombelicale e la membrana fetale, dovrebbe uscire completamente. Se ciò non accade, immediatamente dopo il processo di nascita, l'ostetrico-ginecologo può effettuare una pulizia manuale dell'utero al fine di ottenere i resti non eccitati. La pulizia completa dell'utero avviene in 7-8 settimane ed è un processo simile alle mestruazioni..

Prima della dimissione dall'ospedale, ogni donna viene controllata con un ecografo per la ricerca di coaguli di sangue nell'utero e, quando viene trovata, le viene prescritta una pulizia. Una donna non dovrebbe mai rifiutarla.

Il monitoraggio tempestivo della pulizia uterina postpartum è importante e può prevenire lo sviluppo di complicanze:

  • tutti i residui nell'utero possono iniziare a decomporsi, creando condizioni favorevoli per lo sviluppo di batteri;
  • un coagulo può crescere fino all'utero, causando lo sviluppo dell'endometriosi.

Una pulizia uterina prescritta per una madre coniata di recente probabilmente ritarderà la dimissione dall'ospedale di diversi giorni. L'esecuzione della procedura nei tre giorni successivi al parto la rende meno dolorosa, poiché la cervice non ha ancora avuto il tempo di contrarsi completamente e non dovrà espandersi.

Se la madre appena coniata non è stata controllata per la presenza di coaguli nell'utero nell'ospedale di maternità, è necessario contattare la clinica nel luogo di residenza o una clinica a pagamento

Se l'ecografo non ha verificato la presenza di coaguli nell'ospedale di maternità, contattare la clinica della comunità o in una clinica a pagamento per controllare l'utero.

Come pulire l'utero dopo il parto

La pulizia dell'utero dopo il parto viene solitamente eseguita secondo le indicazioni degli ultrasuoni entro 3-5 giorni dopo il parto:

  1. Prima della procedura, alla donna viene somministrata l'anestesia generale o locale.
  2. Quindi i genitali esterni e la parte interna della coscia del paziente vengono trattati con iodio o un altro antisettico e la vagina e la cervice con etanolo.
  3. Con l'aiuto di dilatatori di diverse dimensioni, la cervice viene aperta e l'utero stesso viene pulito.

L'intera operazione non dura più di 25 minuti. Dopo la pulizia, viene prescritta una seconda ecografia dell'utero per controllarne la completa pulizia.

A seconda del tipo di strumenti utilizzati, la pulizia dell'utero è suddivisa in diversi tipi:

  • aspirapolvere;
  • pulizia manuale (meccanica);
  • lavaggio (lavanda).

Aspirapolvere dell'utero

Pulizia sottovuoto - pulizia dell'utero da coaguli di sangue o residui di placenta utilizzando un apparecchio speciale - una pompa da vuoto. Questo metodo efficace evita il trauma alla cervice e alle pareti uterine..

La procedura viene spesso eseguita in anestesia locale, in modo che una donna non provi dolore. Durante l'operazione, il paziente può provare solo spiacevoli sensazioni di curettage. Prima di pulire, l'ostetrico-ginecologo esamina il canale del parto di una donna, quindi li tratta con antisettici. Inoltre, con l'aiuto di speciali dilatatori, la cervice viene aperta e l'organo stesso viene pulito direttamente.

Il principio di funzionamento di una pompa per vuoto è simile all'azione di un normale aspirapolvere. Con l'aiuto di questo apparato, viene creata una pressione negativa nell'utero, che consente agli elementi in eccesso di uscire.

La procedura dura da venti minuti a mezz'ora ed è eseguita solo in una struttura medica da personale esperto.

La pulizia sottovuoto dell'utero è un metodo di pulizia delicato.

Pulire un utero usando una pompa a vuoto è il metodo di pulizia più indolore per una donna appena nata.

Pulizia manuale (meccanica) dell'utero

Se viene rilevata una piccola quantità di coaguli di sangue nell'utero dopo il parto, il medico può provare a liberarsene senza intervento chirurgico, premendo le mani sullo stomaco del paziente. In altre situazioni, è prescritta la pulizia manuale (meccanica) dell'utero.

Il processo di pulizia manuale dell'utero viene eseguito utilizzando uno strumento ostetrico speciale - la curette

Tutta la pulizia manuale preoperatoria dell'utero è identica alla pulizia con aspirapolvere. Il processo di pulizia dell'organo stesso viene eseguito utilizzando uno speciale strumento ostetrico: una curette. A volte una curette ostetrica può essere denticola. La procedura per la pulizia manuale dell'utero non dura a lungo, di solito non più di venti minuti. Durante l'operazione, i coaguli di sangue si accumulano, dopo di che un nuovo strato mucoso sano cresce nell'utero.

Tre giorni dopo il parto, è stata eseguita una ecografia in ospedale e è stata trovata anche una piccola quantità di coaguli di sangue. L'ostetrico-ginecologo e l'uzista part-time iniziarono a pulire i miei coaguli con la mano, premendo il secondo sul mio stomaco. Questa manipolazione non è durata a lungo - circa 1-1,5 minuti. È stato doloroso e spiacevole. Numerosi coaguli apparvero immediatamente durante la procedura. Sono stato lasciato in ospedale per un altro giorno. Il giorno successivo, la procedura è stata ripetuta, dopo di che sono comparsi di nuovo numerosi coaguli di sangue. Poi mi hanno controllato di nuovo per un'ecografia, hanno detto che tutto andava bene e mi hanno lasciato andare a casa. Ho gestito questa mini pulizia in ospedale, rallegrandomi per il fatto di non aver subito un'operazione a tutti gli effetti.

Video: come pulire l'utero con la mano di un medico

Lavanda uterina

Lavaggio uterino (lavaggio) - una procedura eseguita dopo il parto per pulire il corpo uterino da coaguli di sangue inesplorati o particelle delle membrane.

Uno speciale tubo sottile viene inserito nella cavità uterina attraverso la quale viene iniettata una soluzione antisettica:

Il lavaggio uterino viene eseguito con due metodi principali:

  • lavaggio per gravità. Un tubo di gomma viene inserito nel tratto genitale attraverso il quale vengono versati farmaci antisettici nella cavità uterina. Il contenuto dell'utero si diffonde spontaneamente. Per l'effetto migliore, le procedure sullo stomaco possono mettere un impacco con ghiaccio;
  • metodo di aspirazione. Un tubo di silicone è collegato al complesso per l'iniezione endovenosa, attraverso il quale un liquido freddo disinfettante viene versato nel corpo dell'utero. La rimozione di coaguli di sangue e fluidi viene effettuata utilizzando un elettroaspiratore.

Il lavaggio stesso passa attraverso le fasi principali:

  1. I genitali del paziente sono trattati con un antisettico.
  2. Uno specchio ginecologico viene inserito nella vagina e viene trovata la cervice.
  3. Il tubo viene inserito il più profondamente possibile nella cavità uterina per ottenere il miglior effetto di lavaggio..
  4. Una soluzione antisettica raffreddata viene iniettata nella cavità uterina sotto una leggera pressione per ottenere un flusso. Questo risciacquo non dura più di 25 minuti.
  5. La pressione della soluzione viene ridotta e la procedura continua per altri 100-120 minuti.

Per ottenere il massimo effetto, è necessario condurre fino a 4-5 sessioni di lavaggio. Tutto dipende dal grado di ostruzione dell'utero. Con un piccolo numero di coaguli di sangue, una sessione potrebbe essere sufficiente.

Per il lavaggio usare farmaci antisettici:

Come anestetico, viene usato Novocain o Lidocaine. Circa un litro di liquido viene versato nella cavità uterina durante una sessione di lavaggio. La soluzione antisettica deve essere raffreddata a 5 ° C, il che crea un ulteriore effetto di riduzione della sensibilità. Dopo la procedura, per prevenire lo sviluppo di complicanze, ai pazienti viene prescritto un antibiotico.

Le conseguenze della pulizia dell'utero

Se il medico ha prescritto una pulizia uterina, la procedura è obbligatoria, poiché si verificheranno complicazioni non a causa della pulizia, ma a causa del fallimento del suo passaggio. Dopo l'intervento chirurgico, l'endometrio (la mucosa interna dell'utero) si riprenderà gradualmente. L'utero è coperto da un nuovo strato sano di epitelio.

Tuttavia, le conseguenze della pulizia dell'utero non possono essere completamente escluse. In alcuni casi, il verificarsi di:

  • sanguinamento uterino. Questo fenomeno è raro dopo la pulizia. Di solito colpisce quelle donne che in precedenza avevano avuto problemi con la coagulazione del sangue;
  • ematometri: ritardi nel sangue liquido o coaguli di sangue nei genitali. Una tale patologia dopo la pulizia è piuttosto rara e si verifica a causa di un forte pizzicamento o spasmo dei muscoli della cervice o della vagina. Per evitare gli ematometri, l'ostetrico-ginecologo può prescrivere Aspirina o No-shpu. Questi farmaci aiutano ad alleviare lo spasmo muscolare, fornendo una pulizia gratuita dell'organo genitale femminile;
  • endometrite - infiammazione dello strato interno dell'utero. Può verificarsi a causa della penetrazione di batteri e microbi nella superficie ferita dell'utero. Per escludere il verificarsi di endometrite, è necessario seguire un ciclo di antibiotici.

Con una pulizia competente e delicata, il rischio di conseguenze negative dopo la procedura è ridotto a zero. Pertanto, non aver paura dell'operazione e delle sue conseguenze. Accetto l'intervento dei medici.

Modi popolari per pulire l'utero dopo il parto

È possibile accelerare il ripristino dell'organo genitale femminile con l'aiuto di erbe che aiutano a stabilizzare lo sfondo ormonale e le contrazioni uterine. L'azione di tali erbe stimola il tono muscolare e migliora l'immunità..

Le bevande che aiutano a purificare l'utero includono:

    infusione di ortica. L'ortica è molto popolare come rimedio popolare a causa della sua disponibilità. Per preparare l'infuso, versare 5 cucchiai di ortica secca con 500 ml di acqua bollente e lasciare fermentare fino a quando non si raffredda. Puoi bere il liquido mezza tazza fino a 3-4 volte al giorno. L'ortica promuove le contrazioni uterine e ha anche effetti anti-infiammatori;

L'infusione di ortica ha un effetto antinfiammatorio

  • infuso di giovani foglie di betulla. Deve essere preparato da giovani foglie di betulla di maggio. Lo strumento ha un effetto antisettico e aiuta anche ad aumentare il tono dell'utero. Per preparare l'infuso, versare 3 cucchiai di foglie tritate in 600 ml di acqua bollente e lasciare fermentare per circa tre ore. Una bevanda refrigerata deve essere filtrata e assunta 200 ml 3 volte al giorno. Puoi iniziare a usare un simile rimedio solo due settimane dopo la nascita;
  • infuso dalla borsa di un pastore. Promuove le contrazioni uterine dopo il parto, stimola la circolazione sanguigna e ha un effetto corroborante. È necessario riempire 30 grammi di erba con 600 ml di acqua bollente e lasciarlo fermentare prima del raffreddamento. Dopo la bevanda, filtrare e bere mezzo bicchiere 3-4 volte al giorno;
  • succo di viburno. Per preparare il prodotto, è necessario utilizzare solo bacche fresche. Il succo deve essere bevuto immediatamente dopo la preparazione, non lasciando la prossima volta. Per aumentare il tono dell'utero, è necessario bere 3-4 cucchiai di succo fresco di viburno al giorno.
  • Oltre alle erbe, il tono dell'utero e la rimozione dei grumi contribuiscono a:

    • moderata attività fisica;
    • frequente svuotamento della vescica.

    Come evitare di pulire l'utero dopo il parto

    Quando ero in ospedale, per stimolare la rimozione dei coaguli, mi è stato consigliato di andare spesso in bagno per urinare ed eseguire esercizi fisici accettabili. Per attivare le contrazioni uterine, è stato inserito un contagocce di ossitocina. Dopo la dimissione, hanno prescritto di bere un corso di estratto di acqua di pepe (erba di pepe Highlander), che aumenta il tono dell'utero, stimolandone la riduzione. Ho preso per via orale 30 gocce 4 volte al giorno 30 minuti prima dei pasti. Il corso di ammissione era di 5-7 giorni.

    Il rilascio di coaguli di sangue dopo il parto è normale e persino necessario. Tuttavia, se ci sono pochi coaguli o, secondo i risultati degli ultrasuoni, una donna ha visto un ristagno di coaguli di sangue, è possibile eseguire determinate azioni che contribuiscono al rilascio di sangue in eccesso e aiutano in alcuni casi a evitare la pulizia dell'utero:

    • applicare freddo o ghiaccio sullo stomaco;
    • allatta sempre più a lungo il tuo bambino. Questo promuove la produzione dell'ormone ossitocina, che porta a contrazioni uterine;
    • muoversi attivamente, svolgere esercizi fisici accettabili consentiti alle madri appena nate;
    • sdraiarsi sullo stomaco;
    • svuota la vescica più spesso.

    Dopo il taglio cesareo con la rimozione dei coaguli di sangue dall'utero, ci possono anche essere problemi, poiché:

    • l'attività fisica è controindicata;
    • il latte materno può arrivare lentamente.

    Pertanto, alle giovani madri sottoposte a COP, anche in ospedale, vengono prescritte iniezioni o contagocce di ossitocina.

    Quando è necessario pulire l'utero dopo il parto, come succede e perché è necessario? È una procedura medica nota a molte donne. Assolutamente simile viene effettuato per rimuovere l'uovo fetale durante una gravidanza congelata, l'aborto, a fini diagnostici, se, ad esempio, si sospetta un carcinoma dell'endometrio. E pulire l'utero dopo il parto, il più delle volte, è un tentativo di evitare un grave processo infiammatorio, se ci sono prerequisiti per questo.

    Quali possono essere queste premesse? Immediatamente dopo la nascita del bambino, è possibile eseguire una pulizia manuale dell'utero se, quando si esamina la placenta (placenta) nata, ci sono dubbi sulla sua integrità. Cioè, il medico sospetta che parzialmente la placenta sia rimasta nella cavità uterina. In questo caso, alla donna viene somministrata un'anestesia completa e il medico senza problemi, attraverso la cervice completamente aperta, la pulisce dai resti della placenta. A proposito, una tale pulizia dopo il parto è necessaria se l'ultimo non parte affatto. Questo succede con il suo attaccamento stretto. E ancora, il medico aiuta la donna a finire il parto. Inoltre, la placenta viene rimossa manualmente durante il taglio cesareo..

    Quali sono le possibili complicanze dopo aver pulito l'utero, perché è noto che si tratta di una procedura piuttosto traumatica? Infatti, quando lo si conduce in ospedale, qualsiasi problema si presenta estremamente raramente. Di solito negli ospedali di maternità prima della dimissione, viene eseguita un'ecografia. E a volte, se necessario, viene eseguita una pulizia regolare o sotto vuoto dell'utero. Ciò non è pericoloso se vengono soddisfatte tutte le condizioni di sterilità..

    A proposito, per quanto riguarda l'uso di vari strumenti ginecologici in questa procedura. Ci sono casi di pratica medica in cui le conseguenze della pulizia dell'utero erano fatali. È considerato molto più sicuro, mentre la faringe interna è aperta, eseguire manipolazioni mediche per pulire manualmente l'utero. Si scopre molto più attentamente. E un sanguinamento così intenso come accade quando il curettage strumentale dell'utero viene effettuato dopo il parto non osservato.

    Ma tutte le donne hanno coaguli nell'utero dopo la nascita di un bambino, ma non tutti hanno il curettage, manuale o strumentale, dell'utero. Ed è giusto Nella maggior parte degli ospedali di maternità, l'ossitocina viene somministrata per via intramuscolare a tutte le donne in travaglio per tre giorni dopo il parto. Questo è un tale farmaco, che porta a forti contrazioni dell'utero, lo aiuta a svuotarsi più velocemente. A volte la terapia con questo farmaco deve essere estesa. Ma la semplice scarica abbondante dopo il parto non è sempre un'indicazione per una procedura traumatica come la pulizia dell'utero, dovrebbe essere eseguita solo come ultima risorsa. Normalmente, nei primi 5-7 giorni dalla nascita del bambino si osserva abbondante dimissione nelle donne. E poi diminuiscono. Ma possono persistere per 6, e talvolta anche per 8 settimane.

    Meno pericolosa è la pulizia dell'utero dal vuoto dopo il parto, poiché durante esso la cavità uterina stessa non viene direttamente interessata. Il tubo stesso del dispositivo si inserisce facilmente nell'utero, grazie al suo diametro ridotto. E per questo, il medico non ha nemmeno bisogno di usare dilatatori cervicali, è già socchiuso. E la pulizia dell'utero dopo il parto in questo modo viene eseguita molto raramente in anestesia generale, poiché il dolore è minimo. Una donna si sente quasi come durante le mestruazioni, quando il medico rimuove i coaguli dalla cavità uterina usando un aspirapolvere.

    I coaguli di sangue nell'utero dopo il parto non sempre "garantiscono" la pulizia, oltre all'ossitocina, ci sono rimedi popolari per aiutare il loro sistema riproduttivo. Ad esempio, puoi bere la tintura di pepe d'acqua. Anche dormire sullo stomaco e indossare una benda postpartum ha un buon effetto..

    Ma se lo scarico dopo la pulizia dell'utero non si esaurisce in alcun modo a causa del polipo placentare che si forma lì, allora non c'è nessun posto dove andare, è necessario eseguire il curettage, e ancora meglio, l'isteroscopia, poiché in questo modo il medico può rimuovere il polipo senza ferire l'intero utero. È doloroso pulire l'utero poche settimane dopo il parto? Sì, questo non può essere fatto senza un buon sollievo dal dolore, poiché la cervice ha il tempo di chiudersi. Ma la sua espansione strumentale è la più dolorosa.

    Come pulire l'utero dopo il parto, cosa dovrebbe fare una donna? Avere un'ecografia e ottenere un rinvio da un medico per questa procedura. Fai esami del sangue e sbavature. E nel giorno stabilito per arrivare all'ospedale. La procedura stessa non dura più di 20-30 minuti, anestesia generale o locale. Dopo la donna si consiglia di sdraiarsi per circa 2 ore e si può andare a casa.

    Dopo aver letto nei forum "Internet" le storie delle madri sulla pulizia dopo il parto, sono giunto alla conclusione: sai meno - dormi meglio. Ma poi, dopo averci riflettuto, mi sono reso conto che le informazioni dal forum non erano sufficienti per un sonno profondo. Naturalmente, pulire dopo il parto è una fine spiacevole del momento più importante della vita di una donna, e coloro che hanno sperimentato questa condizione a volte non sono in grado di trattenere le proprie emozioni, quindi le loro storie possono essere elencate come "non adatte ai deboli di cuore. E aggiungeremo: non per le donne in gravidanza.

    Per non aver paura della pulizia postpartum (dopo tutto, non significa affatto che ne avrai bisogno) devi ottenere il più possibile al riguardo, ma informazioni mediche e non "dall'esperienza personale".

    Quando è necessario pulire dopo il parto?

    Ogni donna partorisce due volte (per una visita in ospedale): il bambino e (l'ultimo) con cui è rimasto per 9 mesi. Molte donne non notano nemmeno la nascita della placenta, poiché in questo momento sono già impegnate a esaminare il bambino, che ha seppellito il suo nasino nel petto di sua madre. Ma questo non succede sempre, sfortunatamente. A volte la placenta è troppo "fusa" con l'utero e nasce "parzialmente" o non esce affatto, quindi dovrebbe essere eseguita una separazione manuale della placenta, che viene sempre eseguita dopo un taglio cesareo.

    Prima della dimissione dall'ospedale (per 2-3 giorni), una donna viene sottoposta a un'ecografia diagnostica per valutare le condizioni della cavità uterina interna. Se il medico trova tracce di placenta o coaguli di sangue nell'utero, a una donna in travaglio viene prescritta la pulizia.

    Come pulire dopo il parto?

    "Pulizia" in "linguaggio medico" significa. Questa procedura può essere familiare alle donne che hanno avuto un aborto. Il curettage della mucosa uterina è un'operazione in cui viene eseguita la rimozione meccanica dello strato funzionale. Una nuova membrana mucosa cresce dagli strati germinali dell'endometrio poco dopo il curettage.

    In genere, la pulizia viene eseguita in anestesia generale in una sedia ginecologica. Prima dell'operazione, i genitali esterni vengono trattati con una soluzione alcolica al 5% di iodio e la vagina e la cervice vengono trattate con alcool etilico al 50%. Usando i dilatatori introdotti di vari diametri, il canale cervicale viene espanso e i resti del tessuto placentare vengono rimossi con l'aiuto di una speciale curetta smussata o curetta ostetrica con i denti. L'operazione dura non più di 20 minuti.

    Come comportarsi dopo la pulizia?

    Dopo la pulizia, una donna dovrebbe essere sotto la supervisione di medici che monitorano la temperatura corporea, la frequenza del polso e la scarica dai genitali. 2 volte al giorno, i genitali esterni dovrebbero essere trattati con soluzioni antisettiche.

    Dopo l'intervento chirurgico, per 2 settimane, non è possibile utilizzare tamponi vaginali, lavarsi i denti, fare un bagno, visitare un bagno, sollevare pesi, praticare sport. Il sesso vaginale è anche controindicato a causa del fatto che la cervice rimane aperta e c'è molta erosione sulla mucosa uterina, che può diventare condizioni favorevoli per lo sviluppo di un'infezione che il partner sessuale può "portare".

    Per prevenire l'infiammazione e altre complicazioni dopo la pulizia, vengono prescritti antibiotici. La procedura di curettage è dolorosa, quindi il dolore può essere osservato anche nel periodo postoperatorio. Potrebbe essere prescritto no-shpa durante questo periodo per prevenire lo sviluppo di ematometri (coaguli di sangue nella cavità uterina).

    Quali possono essere le complicazioni dopo la pulizia?

    Un ematometro è solo una frequente complicazione del curettage. Può verificarsi a causa della grave compressione (spasmo) della cervice, che causerà un ritardo nella cavità uterina del sangue. La rapida cessazione dello spotting è il sintomo principale degli ematometri. Per mantenere la cervice in una posizione rilassata e nominare No-shpa, come menzionato sopra.

    Un'altra complicazione della pulizia è il sanguinamento uterino, ma sono estremamente rari (principalmente solo nelle donne con disturbi emorragici). Ma in caso di penetrazione nella cavità uterina dopo aver pulito i microbi, può verificarsi endometrite: infezioni e infiammazione della mucosa uterina.

    Tutte le complicanze richiedono un certo trattamento, che può essere prescritto solo dal ginecologo presente. "Idealmente", dopo aver pulito per diverse ore, si osserva una scarica sanguinolenta pesante con coaguli, ma presto diventano meno abbondanti. Dopo il curettage per almeno 10 giorni, devono essere osservati scarichi chiari, scarichi sanguinanti, marroni o giallastri..

    Come puoi vedere, pulire dopo il parto non è così spaventoso se segui le semplici regole di igiene personale e le istruzioni di un medico. Pertanto, non ti preoccupare! Tutto costerà!

    Soprattutto per - Tanya Kivezhdiy

    La nascita di un bambino è l'evento più felice per ogni donna. Sembrerebbe che tutto il tormento sia dietro, qui c'è felicità... Sfortunatamente, non è sempre così. Dopotutto, il parto si svolge in 2 fasi: la nascita del bambino e la nascita del parto. Se la placenta non è nata da sola, il medico deve rimuoverla utilizzando altre tecniche, ad esempio curettage, aspirazione sotto vuoto.

    In quali casi è necessaria la pulizia dell'utero dopo la consegna?

    Succede che dopo la nascita del bambino, dopo l'introduzione dell'ossitocina (un farmaco per migliorare le contrazioni uterine), la placenta non è uscita completamente o non è venuta fuori affatto. In questo caso, l'ostetrico ricorre alla rimozione manuale della placenta o alle tecniche chirurgiche (curettage della cavità uterina, aspirazione sotto vuoto). Inoltre, prima delle dimissioni dall'ospedale (3-5 giorni dopo il parto), secondo l'ecografia, una donna ha mostrato segni di infiammazione, coaguli di sangue o parte della placenta nella cavità uterina. Con questi sintomi, i medici eseguono esclusivamente la pulizia chirurgica dell'utero.

    Certo, una donna può rifiutare di eseguire manipolazioni. Ma dovresti sapere che il suo rifiuto è irto di conseguenze serie, e talvolta fatali. Questi includono:

    • sanguinamento uterino a causa dell'incapacità dell'utero di essere ridotto dopo il parto;
    • endometrite postpartum - infiammazione dello strato interno dell'utero (endometrio);
    • sepsi - un comune avvelenamento del sangue da microrganismi patogeni causato da infezione locale dell'utero.

    Queste 3 patologie con assistenza e trattamento prematuri portano alla morte.

    Metodi moderni di pulizia dell'utero

    Nella pratica ostetrica e ginecologica, vengono utilizzati metodi come il curettage della cavità uterina, l'aspirazione del vuoto e il lavaggio della cavità uterina..

    Curettage dell'utero

    Il curettage delle pareti della cavità uterina dopo il parto - la rimozione strumentale dello strato superficiale dell'endometrio a scopi terapeutici, viene eseguita sotto il controllo dell'isteroscopia. Con una corretta manipolazione, lo strato germinale dell'endometrio rimane intatto.

    Tecnica di manipolazione

    La manipolazione viene eseguita su una sedia ginecologica, dopo aver svuotato la vescica:

    Ulteriori tattiche di trattamento e possibili complicazioni

    Dopo l'operazione, è necessario sottoporsi a terapia antibiotica secondo la prescrizione del medico curante, poiché qualsiasi intervento chirurgico comporta il rischio di complicanze infettive.

    Dopo il curettage è vietato:

    • durante il primo mese per praticare sport;
    • irrigazioni;
    • utilizzare tamponi igienici vaginali;
    • durante il primo mese di impegnarsi nel sesso vaginale;
    • fare un bagno;
    • visitare saune, bagni.

    Questi divieti sono dovuti al fatto che dopo l'operazione, lo strato interno dell'utero è una superficie aperta della ferita - con la penetrazione di microrganismi estranei, è possibile lo sviluppo di endometrite.

    Qualsiasi operazione comporta il rischio di complicazioni; il curettage non fa eccezione alla regola. Fortunatamente, raramente è complicato..

    I primi effetti della chirurgia includono:

    Le complicanze tardive includono:

    • infertilità. Si verifica a causa di un trauma allo strato germinale dell'endometrio, che normalmente non dovrebbe essere influenzato dalla curetta. Di conseguenza, un uovo fecondato non può attaccarsi allo strato interno dell'utero;
    • malattia adesiva. Lo sviluppo della malattia è dovuto al precedente processo infiammatorio degli organi pelvici (ad esempio l'endometrite). Ma questa complicazione può essere facilmente evitata: basta seguire le istruzioni del medico per quanto riguarda la terapia antibiotica e l'igiene personale.

    Anestesia per il curettage della cavità uterina

    Naturalmente, la procedura di curettage non è piacevole, lo sanno tutti. Pertanto, l'operazione viene eseguita in anestesia locale o anestesia generale. La scelta del tipo di anestesia dipende dalle condizioni della donna, dalle sue malattie croniche e acute. Ad esempio, se una donna ha un difetto cardiaco, non è consigliabile entrare in anestesia. Non disperare se ti è stata negata l'anestesia generale e sei spaventato dal panico per eventuali interventi chirurgici. Molto probabilmente, oltre all'anestesia locale con lidocaina, i sedativi (tranquillanti) verranno somministrati per via endovenosa. Pertanto, non sentirai dolore e le esperienze ti passeranno accanto.

    L'aspirazione sotto vuoto è un metodo per rimuovere lo strato superficiale dell'endometrio usando il vuoto. Il principio di funzionamento ricorda l'uso di un aspirapolvere. Rispetto al curettage, si riferisce a metodi di trattamento delicati. La guarigione dell'endometrio dopo un vuoto è molto più veloce e non ci sono danni alla cervice. Le conseguenze a lungo termine di un'operazione di infertilità sono ridotte a zero, poiché durante la manipolazione non vi è alcun rischio di danneggiare lo strato germinale dell'endometrio.

    Tecnica di procedura

    L'operazione viene eseguita su una sedia ginecologica:

    1. Innanzitutto, la donna viene trattata con i genitali esterni con un antisettico, quindi gli specchi ginecologici vengono inseriti nella vagina.
    2. Quando si apre l'accesso alla cervice, viene anche trattata con una soluzione antisettica..
    3. Dopo il trattamento, un catetere viene inserito nel canale cervicale, ruotandolo lentamente in un cerchio. Un dispositivo a vuoto è collegato al catetere, che pompa la pressione negativa, in modo che il contenuto dell'uscita della cavità uterina.
    4. Il medico controlla l'uscita dell'aspirato dalla cavità uterina, non appena cessa di uscire, l'operazione può essere considerata completata.

    Durata della manipolazione - 10 min..


    Lo stadio principale dell'operazione è l'aspirazione dello strato superficiale dell'endometrio

    Ulteriore trattamento e complicanze

    Dopo che il vuoto funziona, l'utero è una superficie aperta della ferita, quindi il compito principale di una donna nel periodo di recupero è quello di evitare l'infezione. Le regole di base dovrebbero essere seguite:

    • abbandonare il sesso vaginale per 1 mese;
    • rifiutare di usare tamponi, lavanda;
    • non fare bagni caldi;
    • Non visitare saune e bagni;
    • evitare l'attività fisica;
    • evitare l'ipotermia;
    • trattare i genitali con antisettici per 5-7 giorni, assumere antibiotici come indicato da un medico.

    Durante l'assunzione di antibiotici, è necessario abbandonare completamente l'allattamento.

    Sebbene l'aspirazione sotto vuoto risparmi il corpo femminile, a volte si verificano complicazioni. Il più comune di loro:

    • endometrite. Il diametro del catetere è piccolo, quindi potrebbe non assorbire completamente parti della placenta o dei coaguli di sangue. Il tessuto morto e il sangue sono il terreno ideale per lo sviluppo di microbi;
    • sanguinamento;
    • malattia adesiva - una complicazione tardiva dell'aspirazione sotto vuoto dovuta al processo infiammatorio degli organi pelvici.

    Metodi di anestesia

    La manipolazione viene eseguita in anestesia generale o anestesia locale, a seconda delle condizioni della donna e della sua salute. Non è necessaria un'anestesia generale, poiché l'operazione viene eseguita rapidamente. I medici raccomandano di usare l'anestesia locale.

    Risciacquo della cavità uterina

    Il risciacquo della cavità uterina (lavaggio uterino) è una procedura ginecologica che prevede l'introduzione di un ampio volume di soluzioni antisettiche o antibatteriche nell'utero. È usato per trattare l'endometrite postpartum. La procedura riduce l'assorbimento di sostanze tossiche nell'utero e distrugge i patogeni.

    Tecniche di lavaggio uterino

    Esistono due opzioni per il lavaggio uterino: risciacquo con aspirazione e semplificazione:

    1. Per il lavaggio ad aspirazione, i tubi in silicone o cloruro di vinile, viene utilizzato un aspiratore elettrico. Il tubo viene inserito nella cavità uterina. 500-1000 ml di soluzione antisettica vengono versati nella cavità attraverso uno stretto canale del tubo e attraverso un ampio canale collegato all'aspiratore elettrico, viene rimosso.
    2. In una versione semplificata, viene utilizzato un catetere di gomma, in cui il fluido versato nell'utero fuoriesce spontaneamente senza l'aiuto di un aspiratore elettrico.

    Il lavaggio uterino viene effettuato ogni giorno per 3-5 giorni. La durata della procedura è di 1-2 ore. I medici usano droghe come furatsilin, clorexidina, diossidina, antibiotici.

    Scaricare dopo aver pulito l'utero

    Dopo aver pulito l'utero, è necessario prestare particolare attenzione alle secrezioni dal tratto genitale. Assomigliano al flusso mestruale, perché durante le mestruazioni, oltre che dopo la pulizia, l'utero perde lo strato superiore dell'endometrio. Pertanto, lo scarico dovrebbe essere: moderato, di natura sanguinolenta, senza un odore sgradevole. La loro durata è di 5 giorni, ogni giorno la quantità di scarico dovrebbe diminuire. Una donna può essere disturbata da dolori nell'addome inferiore, come durante le mestruazioni - questo è normale.

    Se lo scarico non si interrompe 10 giorni dopo la pulizia, hanno un odore sgradevole, hanno un colore innaturale, sono assenti, è necessario consultare un medico. La dimissione prolungata del feto indica il possibile sviluppo di endometrite. E la loro assenza riguarda un ematometro, una malattia in cui il sangue si accumula nella cavità uterina a causa del deflusso alterato.

    Video: dottore curettage uterino

    La pulizia dell'utero è una procedura spiacevole, ma non dovresti aver paura e rifiutala se ci sono indicazioni obiettive. Dopotutto, in caso di fallimento ti conduci a gravi complicazioni, forse anche fatali. Pertanto, è meglio sopravvivere all'operazione una volta piuttosto che perdere l'organo riproduttivo o la vita..

    Up