logo

Un mal di testa è un disturbo spiacevole che ha superato ogni persona almeno una volta nella vita. Non dovresti ignorare un mal di testa, in quanto può essere un segno di una malattia più grave. Un tipo di mal di testa particolarmente spiacevole è l'emicrania, che può essere insopportabile e causare gravi danni al cervello..

La stragrande maggioranza delle persone con mal di testa guarda in un armadietto dei medicinali a casa e prende le pillole. Ma solo le madri che allattano possono farlo non sempre, per non danneggiare il bambino. È meglio cercare l'aiuto di un medico che identificherà la causa dell'emicrania e prescriverà il giusto corso di trattamento..

Tipi di mal di testa nelle giovani madri

Il mal di testa nelle giovani madri può essere molto diverso. Tutto dipende dalla causa dell'emicrania. Potrebbe essere:

  • la presenza di patologie del sistema nervoso e respiratorio;
  • lesioni
  • problemi con i vasi sanguigni;
  • sforzo, affaticamento;
  • cambiamento atmosferico.

Una diagnosi può essere fatta solo se i sintomi del paziente sono descritti correttamente. Ad esempio, l'emicrania può verificarsi in forma lieve o grave, essere a lungo o breve termine, persistente o parossistica. Inoltre, è importante dove viene dato esattamente il dolore - nelle tempie, nella fronte o nella profondità del cranio.

Se l'emicrania in una giovane madre durante l'allattamento è causata da stress o sovraccarico, è caratterizzata da una sensazione cranica compressiva e compressiva. Una situazione simile può essere ripetuta periodicamente e passare solo dopo aver riposato in posizione orizzontale (soprattutto - sonno).

Una madre che allatta può anche avere un'emicrania cronica. È una conseguenza dei cambiamenti ormonali nel corpo di una donna che allatta. In una tale situazione, il dolore può causare qualsiasi cosa, anche alcuni alimenti o, al contrario, la fame. Il mal di testa è accompagnato da uno sgradevole "bouquet" di nausea, paura della luce e debolezza.

Algoritmo di azione

Quando si sceglie un medicinale, considerare il probabile pericolo per il bambino. Se leggi la descrizione del farmaco e non sei sicuro del suo effetto sul corpo dei bambini, assicurati di consultare un medico.

Quindi, cosa dovrebbe fare la mamma durante l'allattamento con un forte mal di testa?

  1. Non automedicare. Solo un medico dovrebbe prescrivere farmaci o prescrivere un altro trattamento.
  2. Nel processo di trattamento farmacologico, monitorare gli effetti collaterali nel bambino.
  3. Dare la preferenza ai metodi di trattamento più delicati e rafforzare il sistema immunitario.
  4. Prendi il farmaco immediatamente dopo l'allattamento, fino a quando non inizia ad agire nel corpo a piena capacità.
  5. Se una madre che allatta ha bisogno di assumere un farmaco per l'emicrania, che è controindicato durante l'alimentazione, quindi per la durata del trattamento il bambino deve essere svezzato. Affinché l'allattamento persista, il latte materno deve essere espresso e eliminato..
contenuto ↑

Meglio trattare un attacco di epatite B?

Farmaci approvati

Per combattere un attacco di emicrania, sono spesso necessari potenti farmaci contenenti ergotamina. Tuttavia, questa sostanza è controindicata durante l'allattamento, in quanto può portare a nausea, vomito e convulsioni nel bambino..

Tuttavia, le emicranie devono essere trattate anche durante l'allattamento. Prima inizi a farlo, meglio è.

Paracetamolo

Famoso farmaco con effetto analgesico (antidolorifico) e antipiretico (riduce la febbre). Dovrebbe essere preso, prima di tutto, con la febbre, una delle cui conseguenze è un mal di testa che si trasforma in emicrania.

Inoltre, il paracetamolo allevia l'infiammazione. L'effetto del farmaco si manifesta circa 30-45 minuti dopo la somministrazione. Dopo 4 ore dall'assunzione, la madre può iniziare ad allattare il bambino. Il dosaggio è individuale. Oltre al paracetamolo stesso, ci sono una serie di farmaci con questo principio attivo nella composizione: efferalgan, panadolo. Sono autorizzati a ricevere bambini dai primi giorni di vita.

Ibuprofene

Come il paracetamolo, appartiene alla categoria dei farmaci antinfiammatori non steroidei. L'ibuprofene ha un brillante effetto antipiretico e analgesico. Il farmaco entra rapidamente nel flusso sanguigno e quindi l'effetto massimo si verifica dopo 30 minuti. 3 ore dopo averlo preso, la madre può già allattare al seno il suo bambino. Il farmaco è sicuro per i bambini, può essere preso dai primi giorni di vita.

Medicine popolari con ibuprofene nella composizione:

Le reazioni avverse praticamente non si verificano. La dose giornaliera per una donna che allatta è di 400 mg una volta o 4 compresse al giorno.

Ketoprofene e naprossene

Questi farmaci hanno un effetto analgesico e antinfiammatorio, ma devono essere usati con cautela da una donna che allatta.

In linea di principio sono ammessi durante l'allattamento, ma gli esperti non hanno studiato a fondo le loro proprietà e gli effetti collaterali sulla madre e sul bambino. Pertanto, non si può parlare con sicurezza della sicurezza dei farmaci..

Quindi si consiglia di assumere questi farmaci come ultima risorsa e solo una volta per evitare conseguenze negative..

Mezzi proibiti

Analgin è un tabù inequivocabile per le madri che allattano. Questo farmaco è tossico e quindi influisce negativamente sulla madre e sul bambino.

Gli antidolorifici con molecole simili nella composizione sono anche pericolosi: tempalgin, sedalgin, pentalgin, ecc. Esistono numerosi componenti pericolosi in tutti questi medicinali:

  • I barbiturici Inibire l'attività del sistema nervoso centrale.
  • Codeina. Una sostanza analgesica narcotica che interrompe la respirazione di un bambino.
  • Caffeina. Fornisce agitazione nervosa nei neonati, interrompe il sonno.

altri metodi

Non sempre con mal di testa, è precipitosamente correre in farmacia per le medicine. Puoi provare altri metodi semplici ma efficaci per combattere l'emicrania. Non solo allevieranno il dolore, ma avranno anche meno danni al corpo della madre e del bambino.

  1. Forte tè nero con molto zucchero. Non aver paura, una volta una tale bevanda non danneggerà il tuo bambino e non causerà allergie.
  2. Massaggio alla testa. Puoi farcela da solo, ma è ancora meglio che qualcuno si prenda cura di te. La testa dovrebbe essere massaggiata dalla parte superiore della testa in un cerchio, cadendo verso il basso. Immagina di indossare un cappello. I movimenti dovrebbero essere morbidi, ma dovrebbe essere applicata una leggera pressione. I capelli da massaggio devono essere afferrati e tirati su, il che ti distrarrà dalle emicranie e rilasserà i muscoli della testa.
  3. Applicatore. Un altro strumento efficace e comune è un applicatore di aghi. Posizionalo nella parte posteriore della testa in modo che la pressione sia uniforme e rimani lì per almeno un'ora.
  4. Doccia calda. Nessuno ha ancora annullato le proprietà curative dell'acqua.
contenuto ↑

Prevenzione

Non è un segreto che prevenire un mal di testa sia più facile che trattarlo. Per la prevenzione dell'emicrania, le madri che allattano devono osservare le seguenti regole:

  • Osserva il sonno e la veglia. Si consiglia di dormire con il bambino.
  • Passeggiata giornaliera all'aperto.
  • Mangia bene. La dieta delle donne che allattano dovrebbe contenere proteine, grassi e carboidrati. Puoi pensare alle diete dopo.
  • Mantieni la calma, evita lo stress.
  • Rifiuta bevande al cioccolato e tonico, nonché prodotti che contengono caffeina. Questo dovrebbe essere fatto gradualmente..
  • Elimina le cattive abitudini. Sigarette e alcol - un tabù per le madri in gravidanza e in allattamento. È meglio rifiutarli anche prima della gravidanza.

Diversi tipi di mal di testa durante l'allattamento richiedono una diagnosi preliminare. Solo dopo aver scoperto il motivo, il medico sarà in grado di scegliere il trattamento ottimale che porterà alla madre il massimo beneficio e non danneggerà il bambino. A sua volta, una donna deve seguire le istruzioni del medico. Ricorda che un mal di testa è un segnale che il corpo è sull'orlo dello sfinimento, quindi devono essere prese misure radicali.

emicrania e allattamento

Il periodo di allattamento si verifica dopo il parto. In questo momento, il corpo della donna sta vivendo uno stress grave, si verificano cambiamenti ormonali. Questo fatto può sia ridurre l'emicrania durante l'allattamento sia aumentare il numero di convulsioni e la loro intensità. Ci sono molte più possibilità per il trattamento del mal di testa e dell'emicrania durante l'allattamento rispetto alla gravidanza. Alcuni farmaci sono completamente sicuri durante l'allattamento, come: paracetamolo e ibuprofene. Quando si assumono questi medicinali, è possibile che non si osservino tempi di alimentazione speciali. Tuttavia, se stai assumendo altri antidolorifici, è meglio prenderli immediatamente dopo l'alimentazione. Pertanto, garantendo la loro più bassa concentrazione nel latte al momento della successiva alimentazione. Se l'emicrania non può essere definita "lieve", non è necessario sopportare forti dolori durante l'allattamento. Può anche essere dannoso! In questo caso, è necessaria una consulenza specialistica per il mal di testa. Tu e il medico sceglierete il trattamento migliore. Anche se devi assumere droghe proibite durante l'allattamento, c'è una via d'uscita. Ad esempio, dovrai procurarti in anticipo scorte di latte durante il periodo in cui non assumi droghe e lo usi il giorno in cui assumi droghe illegali.

Trattamento dell'emicrania durante l'allattamento

La ricetta più comune e ottimale per il trattamento dell'emicrania durante l'allattamento è:

  • Ibuprofene: 1 o 2 compresse (dose totale 400-600 mg).
  • Paracetamolo: 1 compressa, ma non più di 6 compresse al giorno.
  • Puoi provare a prendere un farmaco omeopatico - spigelon: 1 compressa 3 volte al giorno, fino a 6 compresse in un attacco di emicrania.

L'aspirina e i farmaci contenenti caffeina non sono raccomandati. Tutti i preparati di ergotamina sono vietati. Anche il farmaco antiemetico metoclopramide (cerucale, raglan) non deve essere assunto.

Particolare attenzione nel trattamento dell'emicrania e del mal di testa, sia durante la gravidanza che durante l'allattamento, dovrebbe essere data alle tecniche di rilassamento come: terapia con biofeedback, massaggio leggero alla testa e al collo, agopuntura. Un complesso terapeutico selezionato in modo ottimale ti consentirà di tenere sotto controllo mal di testa ed emicrania.

triptani durante la gravidanza e durante l'allattamento

Non vi è alcuna conclusione definitiva sulla sicurezza dell'assunzione di triptani dall'emicrania durante l'allattamento (allattamento). Le istruzioni per l'uso dei triptani dicono: "L'allattamento al seno deve essere evitato per 24 ore dopo l'assunzione di sumatriptan". Tuttavia, fonti straniere rispettate scrivono già dell'assenza dell'effetto del sumatriptan sul bambino, poiché penetra nel latte in dosi molto ridotte. Non sono stati ancora raccolti nuovi dati per relaxax e le istruzioni per l'uso raccomandano di rifiutare di allattare al seno entro 24 ore dopo l'assunzione della pillola.

Per una completa fiducia nella sicurezza degli antidolorifici durante l'alimentazione, non superare i 2 giorni di trattamento a settimana. Se i tuoi attacchi di emicrania sono diventati frequenti, consulta uno specialista del mal di testa per una selezione di terapia preventiva. Puoi prendere Sumatriptan durante l'allattamento solo dopo aver consultato un medico, osservando tutte le misure di sicurezza necessarie. In alcuni casi, è meglio che sopportare attacchi gravi..

Consultare un medico per trovare un trattamento per l'emicrania o il mal di testa durante l'allattamento.

Naprienko Margarita Valentinovna
Capo medico, dottore in scienze mediche, professore, neurologo di altissima categoria

Ekusheva Evgenia Viktorovna
Neurologo, MD, professore

Latysheva Nina Vladimirovna
Neurologo, Candidato di Scienze mediche

Oransky Alexander Vladimirovich
Chiropratico, riflessologo, candidato alle scienze mediche

Emicrania

Rispondi al messaggio di kuka il 22 febbraio 2013, 18:48
Non voglio spaventare, ma poco più di un anno fa ho avuto un altro attacco di emicrania e il desiderio di nutrire il bambino ad ogni costo. Né il massaggio né varie pratiche mi hanno aiutato molto. L'attacco dura da due settimane (che soffre di emicrania, ma non un mal di testa, anche se forte, mi capirà).Non un singolo dottore dice nulla di comprensibile, non appena ho sentito che il bambino ha 6 mesi. Ho chiesto cosa fare delle mie mani, come essere paziente. con tutti i miei MRI e così via. Non lo dirò oltre, spaventoso. Rimasi sdraiato sul tavolo del medico per 4 ore, aveva paura che avrebbe provocato un ictus. La verità quindi tutti gli esami hanno confermato che non si è verificato un ictus, non hanno nemmeno visto un micro-ictus.
di conseguenza, ora io stesso posso far fronte al bambino, lavorare almeno un po '. La figlia si sta ancora dedicando alla miscela, bella butuz.
su quanto nutrire, in seguito ho trovato un articolo interessante, leggi
http://www.llli.org/russian/nb/anatomy.html
beh, e come preparare il latte, gli onnipresenti consulenti GV glielo diranno. Nel mio caso, il bambino era già più grande, ma abbiamo provato a iniziare a mangiare cibi complementari solo una settimana dopo, mezzo cucchiaio a giorni alterni. È stato un peccato fermare il latte. Avrei sentito un dottore distinto. Avrei tutto sugli scaffali, non ti scriverei così tante lettere adesso.
Abbi cura di te, sii sano!

Rispondi al messaggio Violin-Ka il 22 febbraio 2013, 18:46
il tuo dolore per l'emicrania non ha nulla a che fare, nel qual caso sì massaggio = salvezza

Lisa_Alisa, ma puoi consigliare un medico specifico che ti ha aiutato? è possibile in privato.

Durante un attacco ho fatto iniezioni di no-shpa, cerchiato. La mia emicrania provoca vomito. ((Non dirò che l'attacco viene immediatamente rimosso, ma diventa più facile.

Un tempo, le iniezioni di spazmalin e circolavano per via endovenosa, ma ultimamente preferisco semplicemente superare il tempo dell'attacco.

Elimina la causa (vale a dire, restringe i vasi dilatati) e, di conseguenza, passa anche il dolore. Ma si consiglia di prenderli all'inizio dell'attacco, altrimenti potrebbero non essere d'aiuto (a volte mi aiuta, anche se non ho preso subito la pillola. Ma è meglio non aspettare).

Sì, decollano completamente. Cioè, come se nulla fosse successo. Dopo mezz'ora, un massimo di un'ora. A volte capita che dopo 12 ore l'attacco riprenda, quindi ripeto la pillola, ma questa è piuttosto l'eccezione. La verità è che non so se riguarda tutti. Forse non vanno a chi.

Ma ancora, nessuno ha riscontrato tali problemi nel campo della guerra? nessuno ti consiglierà sull'alimentazione se devi ancora ricorrere a questa misura? Cercherò un massaggiatore domani o dopodomani. Ma quegli esperti che sono stati raccomandati all'inizio dell'argomento, non li troverò qui. Non vi è nulla di simile.

Lisa_Alisa, la caffetina sembra dilatare i vasi sanguigni (la caffeina entra lì) ?
Con l'emicrania, i vasi sono già molto dilatati e quindi il dolore. Forse non hai l'emicrania?

Le istruzioni per Sumatriptan dicono: "usare con lattazione con cautela. Non è consigliabile allattare al seno un bambino dopo aver assunto Sumatriptan entro 24 ore"

E, a proposito, la caffetina è decisamente controindicata in caso di epatite B - è scritta nelle istruzioni (e la composizione è ancora lì).

Tra due mali, devi sceglierne uno più piccolo: è meglio non nutrire alcun triptan e un giorno piuttosto che il rischio di avere un ictus (almeno con l'emicrania, i medici avvertono di questo).

kuka, la mia emicrania è apparsa dopo la prima nascita. E poi sono incinta o in allattamento. O sdraiati, o con i colpi rimossi questa condizione. Ho provato a sopportare gli ultimi attacchi.
A proposito, le stesse medicine, ma in compresse non aiutano affatto.

Puoi provare tutti i tipi di opzioni non medicate, i punti di massaggio sul braccio. Ma o la mia pazienza non è abbastanza, o l'effetto non è così evidente. Qualcosa è andato storto con me.
Il medico consiglia di tenere un diario dell'emicrania, scrivere tutto ciò che è stato mangiato, fatto il giorno prima, come è iniziato l'attacco, quanto è stato doloroso. Dopo un po 'di tempo, potrebbe essere possibile identificare alcuni fattori, forse lo stress o un prodotto che provoca un attacco. Ma non ho ancora avuto abbastanza pazienza e tempo.

Lisa_Alisa, un ringraziamento speciale per i consigli.
Da qualche tempo sto pensando al manuale. Resta da decidere.

Ecco cosa c'è su Internet:
"Numerosi antidolorifici possono essere assunti durante l'allattamento. Durante questo periodo, ibuprofene, diclofenac e paracetamolo possono essere usati per fermare gli attacchi di emicrania, che possono essere combinati con domperidone. I produttori di relax e zomig raccomandano di astenersi dall'allattamento al seno per 24 ore dopo assunzione di farmaci e il produttore di sumamigraine - entro 12 "h. Allo stesso tempo, gli studi dimostrano che l'eletriptan e il sumatriptan penetrano nel latte solo in piccole quantità. Come raccomandato dall'American Academy of Pediatrics, il sumatriptan è compatibile con l'allattamento..

In ogni caso, dovresti consigliare alla donna di assumere il medicinale immediatamente dopo l'alimentazione, in modo che, al momento della successiva alimentazione, la concentrazione del farmaco nel latte abbia il tempo di diminuire. "
tratto dal forum http://www.u-mama.ru/forum/messages.php?id=10234215

Non ho provato Nurofen per l'emicrania. Ma il fatto è che secondo me se esprimi il latte, e poi lo stesso, fino a quando la medicina viene eliminata dal corpo se nutri lo stesso risultato. Si ottiene il latte dal sangue.

Lisa_Alisa, la caffetina sembra dilatare i vasi sanguigni (la caffeina entra lì) ?

Le istruzioni per Sumatriptan dicono: "usare con lattazione con cautela. Non è consigliabile allattare al seno un bambino dopo aver assunto Sumatriptan entro 24 ore"

E, a proposito, la caffetina è decisamente controindicata in caso di epatite B - è scritta nelle istruzioni (e la composizione è ancora lì).

Tra due mali, devi sceglierne uno più piccolo: è meglio non nutrire alcun triptan e un giorno piuttosto che il rischio di avere un ictus (almeno con l'emicrania, i medici avvertono di questo).

Non ho mai capito le frasi nelle istruzioni come "prendere con cautela" e "non raccomandato". La prima frase è come? metti la compressa in bocca in modo lieve e mastica con cura. E allora? più sicuro o cosa? E la seconda frase. Capisco solo a determinate condizioni, questo medicinale può o non può. Ma non è raccomandato, si scopre che se lo vuoi davvero, puoi farlo?
E con un colpo mi fai molto paura.

Natalya-kanalya, kuka, grazie per le risposte. kuka, la mia emicrania è apparsa dopo la prima nascita. E poi sono incinta o in allattamento. O sdraiati, o con i colpi rimossi questa condizione. Ho provato a sopportare gli ultimi attacchi.
A proposito, le stesse medicine, ma in compresse non aiutano affatto.

Puoi provare tutti i tipi di opzioni non medicate, i punti di massaggio sul braccio. Ma o la mia pazienza non è abbastanza, o l'effetto non è così evidente. Qualcosa è andato storto con me.
Il medico consiglia di tenere un diario dell'emicrania, scrivere tutto ciò che è stato mangiato, fatto il giorno prima, come è iniziato l'attacco, quanto è stato doloroso. Dopo un po 'di tempo, potrebbe essere possibile identificare alcuni fattori, forse lo stress o un prodotto che provoca un attacco. Ma non ho ancora avuto abbastanza pazienza e tempo.

Lisa_Alisa, un ringraziamento speciale per i consigli.
Da qualche tempo sto pensando al manuale. Resta da decidere.

Un attacco inizia sempre all'improvviso. Ma la frequenza è molto severa. Hanno cercato di rintracciare il prodotto provocatorio. Si scopre che i prodotti non sono redditizi. Non c'è stress, grazie a Dio. Al contrario, c'era una volta un caso in cui lo stress improvviso alleviava completamente l'attacco in mezzo a lui. Ricordo sempre questo incidente con un sorriso.

Ecco cosa su Internet:
"Numerosi antidolorifici possono essere assunti durante l'allattamento. Durante questo periodo, ibuprofene, diclofenac e paracetamolo possono essere usati per fermare gli attacchi di emicrania, che possono essere combinati con domperidone. I produttori di relax e zomig raccomandano di astenersi dall'allattamento al seno per 24 ore dopo assunzione di farmaci e il produttore di sumamigraine - entro 12 "h. Allo stesso tempo, gli studi dimostrano che l'eletriptan e il sumatriptan penetrano nel latte solo in piccole quantità. Come raccomandato dall'American Academy of Pediatrics, il sumatriptan è compatibile con l'allattamento..

Emicrania durante la gravidanza e l'alimentazione - come trattarla?

Il mal di testa primario, specialmente emicrania e dolore tensivo, è molto comune tra le donne in età riproduttiva..

L'emicrania è caratterizzata da attacchi con accompagnamento vegetativo. Questa è una malattia cronica, tra attacchi che una donna è in grado di funzionare senza difficoltà. Una malattia può essere scatenata da molte influenze diverse. In particolare, nelle donne sono gli ormoni sessuali, o meglio, la fluttuazione dei loro livelli durante il ciclo mestruale fisiologico; durante la gravidanza e durante l'allattamento, anche la frequenza e la gravità degli attacchi di emicrania cambiano..

Mal di testa e il suo trattamento per l'allattamento

Il trattamento del dolore durante la gravidanza e l'allattamento spesso non è sufficientemente risolto a causa delle preoccupazioni sulla teratogenicità e fetotossicità degli analgesici utilizzati e sul loro impatto negativo sul bambino. Va sottolineato che è il dolore grave non trattato che porta allo stress e al disagio di una donna incinta / madre che allatta.

Durante l'allattamento, un mal di testa può interrompere la relazione madre-figlio e portare a una lattazione prematura. A differenza di altre discipline, gli studi clinici in ostetricia sono limitati per motivi etici e l'uso di droghe si basa spesso sui risultati di piccoli studi clinici. Naturalmente, questo è anche facilitato dal frequente rifiuto degli esami di routine di una futura o madre che allatta.

Mal di testa - patogenesi

Le basi patofisiologiche del dolore acuto e cronico durante la gravidanza e l'allattamento sono le stesse delle donne non in gravidanza. Di grande importanza per la giusta scelta dei farmaci è la determinazione del tipo di dolore (nocicettivo, neuropatico, misto, psicogeno...) basato su una storia medica accuratamente compilata. Quando si scelgono gli analgesici, si dovrebbe agire in accordo con l'intensità del dolore e il principio della scala analgesica dell'OMS. Se il dolore neuropatico si verifica quando gli analgesici adiuvanti sono efficaci, in particolare, la scelta dei farmaci è spesso limitata e in questi casi è consigliabile consultare uno specialista. Il supporto psicologico per i pazienti è sempre necessario, come i cambiamenti ormonali possono causare un'acuta esacerbazione di avere una malattia mentale.

Emicrania e allattamento

Durante l'allattamento, un mal di testa (in particolare, l'emicrania), principalmente, cambia la frequenza della manifestazione.

Farmaci durante l'allattamento

Quando si scelgono gli analgesici per l'allattamento al seno, è consigliabile dare la preferenza ai componenti con una breve emivita. Pertanto, una donna che assume droghe con un intervallo di 2 ore può assumere il farmaco immediatamente dopo l'allattamento e la maggior parte dei medicinali alla successiva alimentazione non sono più presenti nel corpo. Di norma, si raccomanda di non allattare, passare il latte e scartarlo entro 3 ore dall'assunzione del farmaco. Puoi continuare a nutrire dopo 3 ore.

Farmacologia durante l'allattamento - i principi di base

La terapia analgesica nei periodi postpartum e di allattamento è limitata a causa della penetrazione di sostanze chimiche nel colostro e nel latte materno. I farmaci possono anche avere un effetto negativo sulla produzione di latte..

L'allattamento al seno è il miglior cibo per il bambino. Secondo l'OMS, l'allattamento al seno completo è raccomandato fino a 6 mesi di età, alimenti complementari - fino a 2 anni.

La stragrande maggioranza delle donne, tuttavia, è costretta a utilizzare determinati farmaci durante l'allattamento, circa il 5% delle donne assume farmaci per l'allattamento a lungo termine.

In generale, si può dire che c'è un'eccessiva paura dell'uso di droghe durante l'allattamento. Rispetto al trattamento durante la gravidanza, il rischio per un bambino che allatta al seno è molto inferiore. Attraverso la placenta, le sostanze penetrano più facilmente rispetto al latte, inoltre, durante la gravidanza, i medicinali minacciano anche il feto (specialmente nelle prime settimane in cui possono verificarsi difetti dello sviluppo), che è escluso in una madre che allatta.

Test: perché ho spesso mal di testa? Qual è la ragione?

Ciò che influenza la penetrazione di sostanze chimiche nel latte materno?

La penetrazione dei componenti del farmaco nel latte materno dipende da diversi fattori:

  1. Le sostanze ad alto peso molecolare (insulina, eparina) non penetrano nel latte.
  2. Sostanze che nel sangue si legano bene alle proteine ​​plasmatiche (warfarin) penetrano nel latte in quantità minima.
  3. Un ruolo importante è svolto dal pH della sostanza: le sostanze debolmente acide (penicilline) penetrano peggio delle sostanze leggermente alcaline (antidepressivi).
  4. È meglio penetrare nei farmaci del latte che si dissolvono nel grasso (benzodiazepine - diazepam, sedativi e sonniferi).

Farmaci sicuri durante l'allattamento (in determinate dosi)

  1. Paracetamolo, Paralen sono i farmaci di prima scelta come anestetico. Adatto per il trattamento del mal di testa (comprese le emicranie) durante l'allattamento.
  2. FANS (Ibalgin) - lo strumento più comune per il trattamento del dolore, dell'infiammazione, viene utilizzato a temperature elevate..
  3. Antibiotici penicillinici, cefalosporine.
  4. Fibrinolitici, anticoagulanti (eparina, warfarina) - usati per il trattamento o la prevenzione in condizioni con aumento della coagulazione del sangue.
  5. Insulina.
  6. Corticosteroidi a dosi molto basse (localmente e sotto forma di inalazioni - completamente sicuri).

Farmaci per l'allattamento

  1. Macrolidi (azitromicina): poche informazioni, sembrano sicure, tetraciclina, fluorochinoloni.
  2. Metronidazolo (Entizol) - non usare fino all'età di 6 mesi del bambino (spesso usato in ginecologia per il trattamento delle infezioni vaginali).
  3. L'aspirina (acido acetilsalicilico) - un antidolorifico comune, aiuta con la temperatura o l'infiammazione, viene spesso utilizzata in cardiologia per ridurre la coagulazione del sangue.
  4. I farmaci antiipertensivi beta-bloccanti sono farmaci usati per trattare la pressione alta o le malattie cardiache..
  5. Farmaci psicotropi - utilizzati principalmente in psichiatria.
  6. Farmaci antiepilettici: è estremamente necessario osservare il dosaggio del farmaco (utilizzato in neurologia per l'epilessia).

Farmaci controindicati durante l'allattamento

  1. Antibiotici sulfamidici (Biseptol è un antibiotico comune usato per le infezioni del tratto urinario, sulfasalazina per le malattie infiammatorie intestinali), Cloramfenicolo (Levomicetina).
  2. Sali d'oro - utilizzati principalmente in reumatologia per l'artrite reumatoide.
  3. Litio - usato in psichiatria per psicosi maniaco-depressive o mania.
  4. Citostatici e immunosoppressori - usati in oncologia e reumatologia.
  5. Isotopi radioattivi - più comunemente usati in radiologia.
  6. Alcuni farmaci psicotropi (ad esempio l'aloperidolo antipsicotico, usato per curare la psicosi o lenire le malattie mentali acute).

Precauzioni volte a ridurre la penetrazione dei componenti del farmaco nel latte materno

  1. Usa i farmaci solo a dosi minime, in questi casi!
  2. I farmaci devono essere assunti immediatamente dopo l'allattamento al seno, se possibile, la sera, quando il bambino si addormenta a lungo.
  3. Con un trattamento a breve termine (entro pochi giorni), è possibile interrompere l'allattamento al seno (l'allattamento è supportato dal pompaggio).

Farmaci e allattamento

Ibuprofene

L'ibuprofene penetra nel latte in dosi minime, quindi durante l'allattamento non può avere effetti collaterali sul bambino. Pertanto, il suo uso durante l'alimentazione può essere considerato sicuro..

Paracetamolo

Il paracetamolo è il farmaco di scelta per le donne che allattano. Dosi terapeutiche a breve termine considerate sicure.

tramadolo

Il tramadolo passa nel latte materno solo in piccole quantità. A causa della mancanza di prove, tuttavia, non è raccomandato l'uso durante l'allattamento. Il produttore afferma che con una singola dose della dose terapeutica ottimale non è necessario interrompere l'allattamento.

triptani

I triptani passano nel latte materno (questo è dimostrato dagli studi sugli animali, nel caso del Sumatriptan e dell'Eletriptan nell'uomo). Non è noto, tuttavia, se l'esposizione al latte materno sia associata a effetti avversi sul bambino. Pertanto, se è necessario assumere triptani, si raccomanda di interrompere l'allattamento al fine di ridurre al minimo l'effetto sul bambino.

diclofenac

Non è ancora noto esattamente quanto Diclofenac passa nel latte materno. A causa della breve emivita, possiamo supporre che stiamo parlando di una piccola quantità. Ad oggi, tuttavia, l'uso del farmaco durante l'allattamento non è raccomandato..

Conclusione

Il trattamento del dolore durante la gravidanza e l'allattamento non è solo possibile, ma anche necessario. È sempre necessario verificare la sicurezza degli analgesici utilizzando le fonti di informazione disponibili, nonché in conformità con le istruzioni.

Mal di testa durante l'allattamento

Perché una madre con un bambino ha mal di testa più spesso del solito, come alleviare il dolore senza droghe e quali droghe sono ammesse per l'allattamento

Spesso si verificano mal di testa nelle madri con allattamento. In questi casi, non è sempre possibile fare a meno dei farmaci, tuttavia, assumere alcuni antidolorifici efficaci familiari può essere pericoloso per il bambino.

Cause di mal di testa

Le cause del mal di testa nelle donne dopo il parto possono essere molto diverse da quelle "normali", perché dopo la nascita di un bambino, la vita della madre cambia in modo significativo. Motivi specifici possono includere:

  • un brusco cambiamento nei livelli ormonali;
  • sovraccarico dovuto a notti insonni;
  • mal di schiena dovuto alla costante usura delle braccia del bambino;
  • quantità insufficiente di bevande (è necessario bere di più durante l'allattamento);
  • depressione postparto.

Tipi di mal di testa

I tipi più comuni di mal di testa durante l'allattamento sono il mal di testa da tensione e l'emicrania. Se il mal di testa da tensione viene tollerato relativamente facilmente (di solito si tratta di dolori pressanti alle tempie e alla fronte in base al tipo di "elmo" di media e leggera intensità che passa dopo il riposo), la situazione è peggiore con l'emicrania.

Le emicranie sono spesso difficili da tollerare, non solo a causa della loro intensità (forti mal di testa unilaterali pulsanti), ma anche a causa di sintomi concomitanti (nausea e persino vomito, paura della luce e del suono, aumento della sensibilità agli odori). Le emicranie di solito non riescono a farcela senza farmaci..

Un altro tipo di mal di testa che si sviluppa spesso durante l'allattamento è la cervicocranialgia (dolore associato alla tensione muscolare del collo e all'irritazione dei nervi in ​​quest'area). I sintomi compaiono dopo una lunga e scomoda immobilità (ad esempio, quando si nutre mentre giace su un lato mentre si solleva la testa con la mano, addormentandosi in una posizione scomoda). Dolori alla testa e al collo, i sintomi si intensificano quando si gira e si inclina la testa. A volte compaiono vertigini, così come lacrimazione dall'occhio sul lato dolente.

Alcuni esperti identificano separatamente i “mal di testa allattamento”, collegandoli con un aumento dei livelli di prolattina durante l'allattamento. Tali dolori sono considerati molto rari e scompaiono solo dopo che l'alimentazione è stata completata..

Esistono altri tipi di mal di testa. Ad esempio, la testa può essere malata di ARVI o pressione sanguigna instabile (che a volte si verifica dopo il parto).

Come fare a meno dei farmaci

Se hai mal di testa, devi consultare un medico (terapeuta e neurologo), che prescriverà l'esame necessario e selezionerà il trattamento. Durante l'allattamento, non dovresti impegnarti nell'automedicazione e nell'autodiagnosi, puoi danneggiare non solo te stesso, ma anche il bambino.

Se possibile, ovviamente, è meglio fare a meno dei farmaci. A volte, per alleviare il mal di testa, è sufficiente dormire un po ', bere un tè dolce e forte e ventilare la stanza in cui ci si trova. Se possibile, prova a rilassarti di più, a mangiare bene e in orario. In alcuni casi, massaggio, agopuntura (come raccomandato da un medico), nonché yoga, nuoto, aiuto..

Se non riesci a far fronte al mal di testa senza farmaci, i medici di solito raccomandano farmaci che non si distinguono con il latte materno e non danneggiano il bambino.

Farmaci raccomandati

I farmaci più sicuri per alleviare il mal di testa durante l'allattamento sono il paracetamolo (500 mg alla volta, non più di 4-5 volte al giorno) e l'ibuprofene (400-600 mg alla volta, 1-2 volte al giorno). L'assunzione di questi medicinali non richiede il pompaggio, possono essere assunti indipendentemente da quando si è nutrito il bambino.

Gli antidolorifici combinati che contengono acido acetilsalicilico, analgin e caffeina (ad esempio citramon, sedalgin, caffeina) non devono essere assunti, poiché i loro principi attivi passano nel latte materno e possono danneggiare il bambino..

La metoclopramide (Cerucal), che allevia la nausea e il vomito durante gli attacchi di emicrania, è anche un farmaco proibito. Sfortunatamente, questo medicinale passa anche nel latte materno..

I farmaci antiemicrania (ad esempio il sumatriptan) devono essere usati con grande cura, solo come prescritto da un medico e solo in caso di gravi attacchi di emicrania. Le istruzioni per il medicinale indicano che dopo aver assunto la pillola, è necessario interrompere l'allattamento per almeno 24 ore. Tuttavia, i medici stranieri ritengono che la medicina passi nel latte in quantità scarse, quindi questo farmaco è sicuro per il bambino 1.2. La decisione finale di assumere questo farmaco è lasciata al medico..

Se è ancora necessario assumere un medicinale non sicuro, è necessario interrompere l'allattamento al seno per un numero di ore (a seconda del farmaco) e il latte accumulato durante queste ore deve essere travasato. Ogni farmaco ha un diverso tempo di eliminazione dal corpo, quindi è necessario seguire le prescrizioni del medico e studiare attentamente le istruzioni per il farmaco prima di prendere la pillola.

Non usare trattamenti non testati durante l'allattamento. E se il mal di testa ti provoca sofferenza mentale e fisica, consulta un medico. Ti aiuterà a scegliere un trattamento sicuro ed efficace per te e il tuo bambino..

Prodotti correlati: paracetamolo, ibuprofene

1 Wojnar-Horton RE, Hackett LP, Yapp P et al. Distribuzione ed escrezione di sumatriptan nel latte materno. Br J Clin Pharmacol. 1996; 41: 217-21. PMID: 8866921.
2 Kristensen J. Sumatriptan e l'allattamento. Aust J Hosp Pharm. 1996; 26: 460. Lettera.

ksenia75

AAAA. attacco di emicrania nell'epatite B

Postato da Ksenia75 il 29 aprile 2011

15.185 visualizzazioni

15 commenti

Commenti raccomandati

Unisciti alle nostre discussioni!

Devi essere un utente per lasciare un commento.

Crea un account

Registrati per ricevere un account. È semplice!

Entrare

Già registrato? Accedi qui.

Il migliore sul sito

Alla ricerca dell'ovulazione: follicolometria

Supposte di ittiolo in ginecologia

Quando posso fare un test di gravidanza?

Argomenti popolari

Postato da: Aleshkaaa
Creato 20 ore fa

Postato da: Chriss91
Creato 17 ore fa

Postato da: Kasatik01
Creato 19 ore fa

Postato da: Olga746
Creato 19 ore fa

Postato da: Samerti
Creato 16 ore fa

Postato da: tifrulla
Creato 14 ore fa

Postato da: Юлия1980
Creato 10 ore fa

Postato da: jul4-ik
Creato 19 ore fa

Postato da: Софья13
Creato 7 ore fa

Revisioni cliniche

Informazioni sul sito

Link veloci

Sezioni popolari

I materiali pubblicati sul nostro sito Web sono a scopo informativo e sono destinati a scopi didattici. Si prega di non usarli come consulenza medica. Determinare la diagnosi e la scelta dei metodi di trattamento rimane una prerogativa esclusiva del medico!

Emicrania durante l'allattamento: come trattare, cosa può essere preso da una madre che allatta e cosa no?

Il mal di testa è un sintomo comune che si manifesta con sensazioni dolorose di diversa natura nella zona della testa. Non vale la pena ignorare questo sintomo, poiché spesso è una conseguenza di una malattia pericolosa. L'emicrania è particolarmente spiacevole: è un forte mal di testa che può causare danni irreparabili al cervello..

Molto spesso, le compresse vengono utilizzate per alleviare il dolore. Tuttavia, alle madri che allattano è vietato curare il mal di testa da soli. Soprattutto se si verifica frequentemente un sintomo spiacevole. Per prima cosa devi identificare la causa del dolore e solo allora scegliere il farmaco più sicuro che non danneggi il neonato. Un medico aiuterà le donne in questo.

Cause di mal di testa

Il dolore è diverso, è localizzato nella fronte o nelle tempie, accompagnato da gravità. A volte il dolore comprime il cranio tutto intorno o pulsa. Alcuni pazienti lamentano che il dolore si trova in una metà del cranio, mentre in altri si sprigiona dal collo, dai denti o dagli occhi..

Secondo le statistiche, questo disturbo è più comune in una madre che allatta che nei pazienti ordinari. Il dolore alla testa durante l'allattamento (HB) provoca varie patologie e fattori esterni:

  • Prostrazione. Le donne che allattano spendono troppe energie per prendersi cura del bambino (coliche, primi denti, ecc.). A causa della costante tensione e della mancanza di un sonno adeguato, lavora troppo. A causa del carico, si verifica un forte mal di testa, che si ferma con i farmaci. Tuttavia, questo è un metodo pericoloso per eliminare il dolore..
  • Freddo. Con influenza, malattie respiratorie acute di origine virale, anche la testa fa male. Inoltre, i pazienti lamentano mialgia, mal di gola, febbre alta. Il mal di testa scompare quando una donna guarisce.
  • L'emicrania è una grave forma di mal di testa, che è localizzata in una metà del cranio ed è accompagnata da una pulsazione caratteristica. Inoltre, vi è una maggiore probabilità di nausea, debolezza e maggiore sensibilità alla luce..
  • Ipertensione arteriosa. La cefalea si verifica a causa dell'aumentata pressione intracranica. Questo disturbo si verifica in un contesto di compromissione del funzionamento del cuore e dei vasi sanguigni dopo il parto.
  • Formazioni oncologiche. Dopo il parto, aumenta la probabilità di sviluppare il cancro. Per questo motivo, è necessario sottoporsi a una diagnosi completa..
  • Squilibrio ormonale Dopo il parto, gli ormoni nel corpo della donna cambiano ancora una volta, per questo motivo la sua testa fa spesso male. In tali casi, il dolore si verifica improvvisamente, inoltre, l'umore peggiora e appare l'irritabilità.

Il dolore alla testa si verifica nelle persone dipendenti dal clima, con osteocondrosi del rachide cervicale, a causa dell'intossicazione del corpo (sostanze chimiche, nicotina, alcool etilico, monossido di carbonio). Inoltre, le donne hanno spesso mal di testa che seguono una dieta rigorosa o sono eccessivamente dipendenti da prodotti contenenti caffeina..

Pertanto, la causa del sintomo lancinante viene prima identificata e solo dopo l'inizio di questo trattamento.

Compresse GV

Le donne che allattano spesso soffrono di mal di testa, questo fenomeno è pericoloso non solo per una donna, ma anche per il suo bambino.

Il forte mal di testa provoca irritazione, depressione e questo fa male al bambino. Di conseguenza, l'appetito del bambino peggiora, il sonno è disturbato, si verificano problemi di digestione, ecc..

Perché il neonato si senta a proprio agio, la madre deve essere calma e sana..

Una madre che allatta deve sopportare molte restrizioni per motivi di salute del bambino. Non sempre può andare immediatamente dal medico, e quindi per qualche tempo soffre di mal di testa. A volte si verificano convulsioni a breve termine che passano da 2 a 3 minuti. In tali casi, non è necessario visitare un medico.

Con dolore frequente si consiglia di essere esaminato, poiché si tratta di un fenomeno pericoloso. L'automedicazione è fortemente scoraggiata, poiché molti di loro influenzano negativamente i bambini. Tuttavia, non dovresti sopportare il dolore, perché minaccia di conseguenze pericolose.

Le donne durante l'allattamento cercano la risposta alla domanda su quali pillole possono assumere. Dopotutto, è importante fermare il dolore e non danneggiare il bambino. La scelta dei medicinali viene effettuata dal medico curante.

Droghe sicure

I farmaci relativamente sicuri aiuteranno a sbarazzarsi di mal di testa e stress. Si consiglia di assumere una volta in un dosaggio minimo, che sarà efficace per la madre e sicuro per il bambino.

Secondo i medici, i seguenti farmaci sono autorizzati a eliminare il mal di testa:

  • Il paracetamolo è un farmaco con effetto analgesico (antidolorifico) e antipiretico (riduce la febbre). A causa del pronunciato effetto antipiretico, viene assunto con la febbre, che è accompagnata da un mal di testa. Questa è l'opzione migliore per il raffreddore. Inoltre, il paracetamolo ha un lieve effetto antinfiammatorio..

Il farmaco viene assorbito nel flusso sanguigno attraverso la parete intestinale, l'effetto terapeutico si manifesta da 30 a 45 minuti dopo l'ingestione. L'emivita biologica (BPP) è di 4-5 ore. Ciò significa che 4 ore dopo l'assunzione della pillola, la concentrazione del principio attivo è dello 0,5%, il che significa che è possibile iniziare l'alimentazione.

Una singola dose va da 325 a 500 mg e una dose giornaliera è di 4000 mg. Tuttavia, il dosaggio viene determinato individualmente per ciascun paziente.

Le medicine più popolari con paracetamolo nella composizione includono:

Sono prodotti sotto forma di compresse, capsule, supposte, sciroppo. Sono ammessi per i bambini fin dai primi giorni di vita.

Fenomeni negativi si verificano con un sovradosaggio o un malfunzionamento del fegato nella madre. Poi c'è nausea, dolore addominale, danni al fegato tossici, anemia, allergie, ecc..

  • L'ibuprofene è anche un rappresentante di farmaci antinfiammatori non steroidei, come il paracetamolo. Questo farmaco ha un pronunciato effetto antipiretico e analgesico..

Il farmaco penetra rapidamente nel sangue, mostra il massimo effetto terapeutico dopo 30 minuti. La BPP dura da 2 a 3 ore, cioè dopo questo periodo di tempo è consentito nutrire il bambino. Un farmaco sicuro è prescritto per i bambini fin dai primi giorni di vita.

Medicine popolari con ibuprofene nella composizione:

La dose giornaliera per una donna che allatta è di 400 mg una volta o 4 compresse al giorno. Le reazioni avverse si verificano raramente e si manifestano con dolore addominale, allergie, soppressione della formazione del sangue.

  • Anche il ketoprofene e il naprossene appartengono al gruppo dei FANS. È vietato l'assunzione da parte dei bambini, poiché l'effetto dei farmaci sul loro corpo non è stato studiato. Pertanto, i medicinali possono essere assunti una volta per compressa.

Sulla base di quanto precede, i farmaci con paracetamolo o ibuprofene sono i più sicuri ed efficaci per il mal di testa in una donna che allatta.

Medicinali proibiti

Quasi tutti i medicinali penetrano nel flusso sanguigno e vengono quindi escreti nel latte del bambino. Ecco perché non è raccomandato l'assunzione di farmaci per la HB. I componenti aggressivi influenzano negativamente il neonato, interrompendo il suo sviluppo e causando allergie.

Ma succede che un forte dolore è apparso all'improvviso e la donna non ha tempo di visitare un medico. In tali casi, è necessario conoscere l'elenco dei farmaci che è vietato assumere durante l'allattamento.

Il tabù principale per le madri che allattano è Analgin. Un farmaco tossico influisce negativamente sul corpo della madre e del neonato. Inoltre, un alto grado di pericolo è associato agli antidolorifici con molecole simili nella composizione: Tempalgin, Sedalgin, Pentalgin, ecc..

Una madre che allatta dovrebbe studiare l'elenco dei componenti pericolosi che non sono disponibili in farmaci sicuri:

  • I barbiturici inibiscono l'attività del sistema nervoso centrale.
  • Il Codien è una sostanza analgesica narcotica che deprime il respiro del bambino..
  • La caffeina provoca agitazione nervosa nei neonati, disturbando il sonno.

Le donne che allattano dovrebbero abbandonare l'acido acetilsalicilico (Aspirina), che interrompe gli organi che formano il sangue, influisce negativamente sul cervello del bambino e provoca la lingua negli organi digestivi della madre. Le madri che allattano sono controindicate Citramon con caffeina e aspirina nella composizione.

Trattamento dell'emicrania

L'allattamento al seno è un problema comune. Le donne che allattano dovrebbero abbandonare i potenti farmaci a base di ergotamina. Altrimenti, aumenta la probabilità di nausea, attacchi di vomito e convulsioni nel bambino.

Tuttavia, ignorare il problema è anche pericoloso, poiché le emicranie frequenti influenzano negativamente il cervello, di conseguenza, gli attacchi verranno ripetuti più spesso e la loro durata aumenterà. Cioè, il trattamento è necessario, la cosa principale è scegliere le medicine giuste.

Per l'emicrania, l'ibuprofene, il paracetamolo e il diclofenac sono usati in combinazione con domperidone (un farmaco antiemetico). I farmaci vengono escreti dalla madre durante il giorno.

Per eliminare il dolore, vengono utilizzati farmaci che agiscono specificamente sui recettori della serotonina dei vasi sanguigni. Uno di questi farmaci è il Sumatriptan (un gruppo di triptani), che può essere usato per l'allattamento. La sua concentrazione nel latte è minima ed è escreta dopo 12 ore.

Il medicinale viene assunto durante l'alimentazione o immediatamente dopo per ridurre l'intervallo tra i pasti. Se il farmaco viene escreto 24 ore, il latte viene travasato dal seno e somministrato al bambino. In un caso estremo, puoi trasferire temporaneamente il bambino all'alimentazione artificiale.

Ipertensione

Se un mal di testa in una donna che allatta è stato provocato da ipertensione arteriosa, allora i farmaci non possono essere eliminati. E tutti i farmaci antiipertensivi sono pericolosi per il bambino.

Con l'aumentare della pressione, è consentita una singola dose di Enalipril o Captopril, la loro concentrazione nel latte è minima. L'uso a lungo termine è controindicato, poiché non ci sono informazioni sull'effetto di questi medicinali sui bambini. Il dibazolo può essere assunto dalle madri che allattano, poiché questo farmaco è compatibile con l'allattamento.

Durante l'allattamento al seno, i seguenti farmaci sono strettamente controindicati:

Emicrania durante l'allattamento - come trattare

L'emicrania è caratterizzata da un intenso, intenso mal di testa (GB), che impedisce le attività quotidiane. I suoi sintomi variano; la posizione del dolore può variare..

Oltre all'ipersensibilità agli stimoli della luce o del suono, la malattia può essere accompagnata da un polso accelerato, aumento della sudorazione, vertigini, nausea, vomito, a volte anche disturbi del movimento, intorpidimento di metà del corpo, scarsa coordinazione dei movimenti e molte altre complicazioni.

La durata dell'attacco ha intervalli diversi, molto spesso da 4 a 72 ore. Ma cosa succede se l'emicrania si verifica durante l'allattamento - come trattare la malattia, perché l'assunzione di molti farmaci durante questo periodo non è raccomandata.

Meccanismo di occorrenza

Le cause della malattia non sono note in modo affidabile. Gli esperti indicano un disturbo cerebrovascolare come meccanismo di sviluppo. La maggior parte dei pazienti ha un problema ereditario.

  • Aspetti fisiologici. I fattori comuni includono stress, fame, affaticamento, mestruazioni.
  • Aspetti legati al cibo. L'effetto della tiramina sulla malattia non è stato dimostrato, mentre il glutammato monosodico, spesso chiamato il principale fattore scatenante negli alimenti, non è supportato dai fatti..
  • Aspetti ecologici. Si consiglia alle persone con emicrania di prendere precauzioni in termini di qualità dell'aria interna e illuminazione..
  • Aspetti legati alla psiche. La medicina alternativa considera l'emicrania come un problema causato da un canale della cistifellea bloccato. Questa è una conseguenza della soppressione prolungata della rabbia, del suo accumulo in tutto il corpo.

Cause di mal di testa durante l'allattamento e non solo

A volte i trigger sono fattori relativamente comuni:

  • sovratensione;
  • disidratazione;
  • abuso di alcool
  • torcicollo.

Più incline al mal di testa:

  • donne dopo la menopausa;
  • persone con depressione;
  • facce irrequiete e solitarie;
  • maniaci del lavoro sovraccarichi di lavoro.

Il problema è tipico per le persone con molte responsabilità che cercano di gestire molte cose. Questi includono non solo manager, ma anche donne casalinghe.

La malattia è principalmente associata a costante stress psicologico trasmesso ai muscoli del collo e del corpo. Questi muscoli sono "stressanti", il disagio interno è riflesso dall'aumento della tensione, dalla cattiva circolazione sanguigna, che è la ragione principale della comparsa del disagio.

Tipi di GB per l'allattamento

Esistono 3 tipi di GB, che si verificano sia in una madre che allatta che in un altro periodo: cefalgia tensiva, emicrania, dolore all'istamina. Ogni tipo ha le sue cause e manifestazioni caratteristiche. La loro identificazione è un passo importante per un trattamento adeguato, per prevenire i seguenti attacchi:

  • Lo stress GB è caratterizzato da un grado lieve o moderato di dolore e pressione, che può iniziare dalla parte posteriore della testa e del collo, diffondersi in avanti o viceversa. Il disagio si sente ugualmente su entrambi i lati della testa, a volte è accompagnato da dolore al collo, alle spalle.
  • L'emicrania differisce dalla cefalgia da trazione nelle manifestazioni unilaterali, peggiorando nel tempo.
  • L'istamina GB è il tipo meno comune, ma il più intenso. Gli uomini sono più sensibili a questa malattia rispetto alle donne. Una causa affidabile della malattia non è nota, indica la sua connessione con un'attività anormale dei nervi cerebrali.

Codice di classificazione dell'emicrania ICD-10

Diagnostica

Non esiste un test oggettivo in grado di diagnosticare l'emicrania. Il medico utilizza il questionario per determinare la frequenza e l'intensità delle manifestazioni della malattia nell'epatite B, la loro durata, la presenza di un'aura e i singoli sintomi. È importante determinare le circostanze in cui si verificano le convulsioni..

Per l'emicrania, è importante eseguire un esame neurologico, compresa una TAC del cervello e l'elettroencefalografia (ELETTROENCEFALOGRAMMA). Se si sospetta un danno alle arterie intracraniche, è consigliabile condurre un'ecografia che rilevi la velocità del flusso sanguigno attraverso i vasi nel collo e nel cervello.

Se si sospetta un grave danno cerebrale, viene eseguita una scansione MRI..

Metodi di sollievo dall'emicrania

Al primo segno di emicrania durante l'allattamento, bere acqua, rilassarsi in una stanza silenziosa e buia. Si consiglia di concentrarsi sulla prevenzione delle crisi convulsive:

  • rispetto del regime giornaliero;
  • riposo sufficiente;
  • sonno di qualità;
  • riduzione dello stress;
  • adeguamento del regime di consumo;
  • adeguamento nutrizionale.

Sebbene la maggior parte dei medicinali per l'emicrania passi nel latte materno, è difficile decidere se hanno un maggiore effetto negativo sul bambino rispetto agli ormoni dello stress prodotti dal corpo della mamma durante un attacco doloroso.

Proprio come i sintomi della malattia sono diversi in ogni donna, il metodo differisce da come trattare l'emicrania durante l'allattamento. A questo proposito, è necessario considerare ogni caso singolarmente..

Trattamento allattamento al seno

Il trattamento dell'emicrania per le madri che allattano ha sfumature, ma è necessaria la terapia.

La tabella mostra i singoli analgesici e le possibilità del loro uso durante l'alimentazione:

Analgesico
ParacetamoloSì, farmaco di 1a linea
Metamizolocontroindicato
Acido acetilsalicilicoSolo come agente antipiastrinico, 100-300 mg / giorno; dosi superiori a 1000 mg sono controindicate
NSA classicaIbuprofene - 800–1600 mg / die, mancanza di rilevazione nel latte materno, nessun effetto collaterale nel bambino; Diclofenac - somministrazione a breve termine fino a 150 mg / giorno; controindicato - Piroxicam, Naproxen, Ketoprofen
oppiaceiLa ricezione è estremamente breve; dose singola sicura. Effetti collaterali - dipendenza, insufficienza respiratoria, sonnolenza, costipazione nei neonati, alterazioni genetiche del citocromo P4502D6.

Medicinali per l'allattamento

Gli agenti antiemicrania del gruppo dei triptani (in particolare il farmaco "Sumigra") penetrano nel latte. Il loro uso durante l'allattamento non è escluso, ma per ridurre al minimo l'effetto sull'allattamento, alcune ore dopo l'uso del farmaco non devono essere allattati al seno. Se l'incidenza dell'emicrania non è troppo frequente, questo metodo terapeutico è possibile..

L'emicrania ha la febbre

Farmaci per l'allattamento al seno

Farmaci che possono essere utilizzati per l'emicrania a una madre che allatta:

  • Ibuprofene. Il rischio di effetti collaterali è minimo..
  • Paracetamolo. L'allattamento al seno è il farmaco di prima scelta..

Farmaci per l'allattamento

I seguenti farmaci possono alleviare efficacemente le convulsioni, ma sono vietati durante l'allattamento:

  • Codeina.
  • tramadolo.
  • triptani.
  • diclofenac.
  • Acido acetilsalicilico (il farmaco è controindicato a causa del rischio di sindrome di Reye e acidosi metabolica nel bambino. L'uso frequente del farmaco durante l'allattamento è irto di effetti tossici nei bambini).

Importante! L'uso di vari tè, vitamine, coenzima Q potrebbe non essere sicuro.

altri metodi

Alcuni consigli su cosa fare per alleviare un attacco durante l'allattamento:

  • Al momento dell'attacco, questo è spesso l'unico modo per alleviare i sintomi: oscurità, silenzio, sonno.
  • Una doccia calda a volte salva dal dolore, soprattutto se i colpevoli del mal di testa sono i muscoli rigidi.
  • A volte, al contrario, una doccia fredda e una bevanda dolce e fredda aiutano..
  • Viene anche utilizzata la digitopressione o l'agopuntura..

Metodi per la prevenzione e il sollievo dal dolore sicuri per l'allattamento

L'uso di eventuali rimedi a base di erbe durante l'allattamento deve essere consultato con un medico. Erbe per emicrania:

Gli effetti delle droghe su un bambino

I farmaci usati da una donna che allatta possono influenzare non solo il corpo del bambino, ma anche l'allattamento.

La maggior parte delle reazioni avverse sono rappresentate da effetti sul sistema nervoso centrale (antipsicotici, antidepressivi, antiepilettici, agenti antimicranici). I sintomi in un bambino includono:

  • sonnolenza;
  • povero latte succhiante;
  • mancanza di aumento di peso;
  • perdita di peso;
  • dolore addominale;
  • ansia.

Raramente, dopo che una madre prende alcuni farmaci, il bambino sviluppa ittero, alterazioni del quadro ematico e esami del fegato.

Regole importanti

Misure che riducono la penetrazione dei farmaci nel latte materno:

  • assumere il farmaco solo in questi casi;
  • il medicinale deve essere assunto immediatamente dopo l'allattamento o di notte quando il bambino dorme a lungo;
  • con un trattamento a breve termine (diversi giorni), è possibile interrompere l'allattamento al seno (sostenere l'allattamento esprimendo il latte).

complicazioni

Se un'emicrania si verifica entro 15 giorni o più, è una forma cronica della malattia. I sintomi di un'aura che dura più di una settimana richiedono una visita medica. Una complicazione dell'emicrania con aura può essere un infarto cerebrale (un disturbo locale del tessuto cerebrale dovuto a insufficiente afflusso di sangue). Raramente, l'emicrania può causare un attacco epilettico..

Prevenzione dell'emicrania

Non esiste un modo garantito per prevenire l'emicrania. Per migliorare la qualità della vita, si consiglia al paziente di tenere un calendario, registrando eventi stressanti che si verificano entro 24 ore prima dell'emicrania e tutti gli alimenti consumati in questo momento. Ciò contribuirà a prevenire l'insorgenza della malattia evitando i trigger..

Trattamento dell'emicrania nell'epatite B Link alla pubblicazione principale

Come salvare un'emicrania da una madre che allatta?

L'allattamento (allattamento al seno) insieme alla gravidanza è un periodo speciale nella vita di ogni donna. Tutti conoscono l'espressione che non è abbastanza per sopportare un bambino sano, è ancora necessario dargli da mangiare.

Cosa e come mangerà il bambino del primo anno di vita determinerà in gran parte la sua riserva di salute per il prossimo futuro. Ciò è particolarmente preoccupante per quelle donne che soffrivano di emicrania prima e durante la gravidanza..

L'emicrania è una malattia che una volta insorge accompagna la vita del paziente.

Pertanto, le donne che allattano sono preoccupate di cosa fare quando si verifica un attacco di emicrania, poiché molti antidolorifici familiari non dovrebbero essere assunti durante questo periodo..

I più perplessi sono quelle donne i cui parossismi di emicrania sono stati fermati solo dal sumatriptan. L'allattamento al seno di sumatirptan non è consigliabile.

Mal di testa e il suo trattamento per l'allattamento

Mal di testa e metodi per il suo sollievo sono uno dei compiti principali alla giunzione delle specialità di ostetricia e neurologia. Il paziente è in un circolo vizioso. Il forte dolore all'emicrania richiede un'adeguata terapia del dolore.

L'allattamento al seno raccomanda l'abbandono di qualsiasi farmaco, in particolare la penetrazione nel latte. Cefalgia non farcita mette una donna in uno stato di stress cronico, che porta all'ipogalattia (una progressiva riduzione della secrezione del latte) e alla cessazione dell'alimentazione. Pertanto, è necessario alleviare un attacco di dolore. La cosa principale è scegliere correttamente un anestetico.

L'emicrania durante l'allattamento si verifica per motivi di popolazione generale e per motivi specifici legati al periodo di allattamento..

Ragioni generali della popolazioneCause specifiche durante l'alimentazione di un bambino
Alimenti: prodotti che contengono tiramina, glutammato monosodico, edulcoranti, nitrito di sodio.Depressione postpartum, paura, ansia per un bambino, risentimento, monotonia della routine quotidiana.
Bevande alcoliche: birra, vino, sidro.Modifica del background ormonale (riduzione della concentrazione di progesterone in estrogeni), assenza di alterazioni cicliche nelle ovaie. L'aumento della prolattina e dell'ossitocina, responsabili dell'allattamento.
Cattive abitudini: fumo, abuso di alcool, bevande energetiche.Disturbi del sonno dovuti all'alimentazione notturna.
Condizioni climatiche: un brusco cambiamento nella zona climatica di residenza, cadute di pressione atmosferica, alta temperatura ambiente.Cambio di dieta, rifiuto dei tuoi cibi preferiti a causa di potenziali effetti sul corpo del bambino.
Condizioni di lavoro dannose: contatto con odori pungenti, luce lampeggiante intensa, vibrazioni.Passeggiate rare nella stagione fredda.

Cosa fare le madri che allattano con l'emicrania?

  • Se si verifica un attacco di emicrania per la prima volta, è necessario consultare un medico prima di qualsiasi metodo di trattamento. È molto importante assicurarsi che la diagnosi sia corretta. Il mal di testa sotto forma di convulsioni può essere per altri motivi (ipertensione endocranica, tumori).
  • L'auto-somministrazione di farmaci o su consiglio di un farmacista in farmacia non è consentita.
  • Se una donna ha già familiarità con l'emicrania, deve prima utilizzare metodi di trattamento non farmacologici, che possono sostituire la ricezione di fondi per l'emicrania.
  • Durante un attacco di mal di testa, puoi prendere quei farmaci da solo, nell'annotazione che non ha controindicazioni da usare durante l'alimentazione. Prima di iniziare una terapia farmacologica specifica, consultare il medico..
  • L'assunzione di farmaci per l'emicrania dovrebbe essere secondo alcuni principi specifici del periodo dell'allattamento al seno. In tutti i casi, la necessità di un intervento farmacologico dovrebbe essere considerata individualmente..

Farmaci durante l'allattamento

Tra gli analgesici che bloccano gli attacchi di emicrania, la preferenza dovrebbe essere data il più sicura possibile durante l'allattamento. Non esistono farmaci sicuri al 100%. Tuttavia, puoi trovare la droga più parsimoniosa. Dovrebbe avere una serie di criteri:

  • La preferenza dovrebbe essere data agli agenti monocomponenti. Se un bambino manifesta improvvisamente la sua intolleranza, sarà immediatamente chiaro quale componente è controindicato.
  • I farmaci ottimali sono quelli con una breve disgregazione ed eliminazione dei metaboliti dal corpo. Ciò manterrà l'allattamento il più a lungo possibile..
  • Il farmaco deve essere conforme ai gruppi A e B per la classificazione della teratogenicità dei farmaci.

Interessante: emicrania nelle donne: sintomi e trattamento a casa

Farmacologia durante l'allattamento, i principi di base

L'assunzione di farmaci durante l'allattamento è limitata dalla penetrazione di sostanze attive nel latte e dal loro possibile ingresso nel corpo del bambino durante l'alimentazione. Se la terapia dell'emicrania è necessaria dopo la nascita, è necessario seguire una serie di principi che eviteranno o minimizzeranno i potenziali rischi..

  • I farmaci con una breve emivita devono essere bevuti immediatamente dopo l'alimentazione, in modo che dalla successiva alimentazione (dopo 3-4 ore) la concentrazione della sostanza attiva nel latte sia traccia.
  • Se l'emivita è di 5-6 ore, è possibile saltare una poppata esprimendo il latte e versandolo. In questo momento, puoi dare una miscela al bambino.
  • Quando si assumono farmaci molto tossici (ad esempio, dopo aver assunto il triptano), si consiglia di interrompere l'allattamento per 12 ore. Se l'emivita è ancora più lunga, quindi svezzata per un tempo più lungo. In questo momento, il bambino viene trasferito all'alimentazione artificiale.

Quali farmaci possono essere assunti?

Dei farmaci antidolorifici non specifici per l'emicrania, è consentito l'uso di quasi tutti i FANS durante l'allattamento. Ciò è particolarmente vero a temperatura corporea elevata. Sono eliminati dal corpo entro 24 ore..

Gli agenti antiemicrania mirati che colpiscono i vasi cerebrali sono, per la maggior parte, controindicati per l'uso. Un'eccezione è il sumatriptan, che scompare dal corpo dopo 12 ore e non ha un effetto cumulativo..

Ciò che influenza la penetrazione di sostanze chimiche nel latte materno?

  • Il peso molecolare della sostanza. Più è alta, peggiore è la sua penetrazione..
  • Comunicazione con proteine ​​plasmatiche. Con un buon legame con le proteine, la penetrazione nel latte è minima.
  • pH della sostanza. Le sostanze acide sono peggiori di quelle leggermente alcaline.
  • La capacità di dissolversi nei grassi. Se un farmaco è solubile nei grassi, può facilmente passare nel latte materno..

Farmaci sicuri durante l'allattamento al seno in determinate dosi

  • Antidolorifici: paracetamolo, paralina.
  • Antinfiammatorio: ibalgin, ibuprofene.
  • Antibatterico: serie di penicilline, cefalosporine.
  • Anticoagulante: eparina, warfarin.
  • Abbassamento dello zucchero: insulina.
  • Ormonale: glucocorticosteroidi.

Farmaci per l'allattamento

  • Antibatterico: macrolidi e il loro rappresentante più famoso, azitromicina.
  • Antiprotozoario: metronidazolo.
  • FANS: acido acetilsalicilico.
  • Antiipertensivi: un gruppo di beta-bloccanti (atenololo, propranololo, labetalolo).
  • Psychotropic: amitriptilina.

Farmaci controindicati durante l'allattamento

  • Antibatterico: gruppo solfonammide (sulfametazina), cloramfenicolo.
  • Anti-reumatoide: sali d'oro.
  • Citostatici: metotrexato.
  • Immunosoppressori: ciclofosfamide.
  • Antipsicotici: aloperidolo.

Precauzioni volte a ridurre la penetrazione dei componenti del farmaco nel latte materno.

Anche con un forte mal di testa durante l'emicrania, una donna dovrebbe prendere precauzioni se sta allattando il suo bambino:

  • Utilizzare i farmaci solo per indicazioni gravi.
  • È necessario iniziare il trattamento con compresse con una singola dose minima e con la più bassa frequenza di somministrazione.
  • Bere una medicina dopo aver mangiato è meglio di notte, quando il bambino ha il periodo più lungo senza cibo.
  • Non interrompere l'allattamento, esprimere.
  • Farmaci e allattamento.
Una drogaGruppoPossibilità di assumere durante l'allattamento
IbuprofeneFANSAmmettere alla reception
ParacetamoloFANSAmmettere alla reception
tramadoloAnalgesico oppioideControindicato (solo per motivi di salute)
triptaniAgonista del recettore della serotonina 5-HT1controindicato
diclofenacFANSNon consigliato

Il trattamento dell'emicrania durante l'allattamento deve essere razionale e ragionevole..

Come trattare l'emicrania durante l'allattamento: trattamento per l'epatite B, allattamento al seno in una madre che allatta, come salvare, con quali pillole per alleviare il dolore nell'epatite B

L'emicrania è una malattia grave nota ai medici da diversi millenni. Ad esempio, gli antichi affreschi egiziani spesso raffiguravano pazienti con una testa bendata, a cui il medico ha dato un decotto di guarigione.

Il personaggio letterario più famoso che soffre di emicrania (o gimekonia, come veniva chiamato nell'antica Roma), è il quinto procuratore della Giudea, Ponzio Pilato. Ma se un funzionario del governo potesse permettersi di sdraiarsi sul letto, chiudere gli occhi e chiamare un servitore con acqua ghiacciata e frutta, e una persona comune potrebbe prendere una manciata di antidolorifici, allora questi metodi non sono disponibili per una madre che allatta.

La maggior parte dei farmaci non è consentita durante l'allattamento, il riposo a lungo termine rimane un sogno. Cosa fare a una giovane madre con forti mal di testa?

A proposito della malattia

  • Prima di tutto, devi capire cos'è questa malattia.
  • L'emicrania è di natura neurologica, è un tipo molto speciale di mal di testa..
  • Di solito è accompagnato dai seguenti sintomi:
  1. grave reazione alla luce intensa;
  2. dolori acuti e palpitante, che di solito si estendono a metà della testa o dell'occhio;
  3. gli attacchi causano nausea grave, a volte vomito;
  4. maggiore sensibilità agli odori, aromi familiari (oli, profumi, detersivo) causano un aumento del dolore.

Non viene trattato con un semplice riposo o tè rilassanti, richiede una terapia complessa, compresi i farmaci.

Ragioni per l'apparenza

Le cause dell'emicrania infantile sono divise in generali e in quelle specifiche per le donne nel periodo postpartum. I primi includono:

  1. mancanza cronica di sonno;
  2. grave stress;
  3. improvvisa perdita di peso;
  4. cambiamenti nella dieta;
  5. mancanza di aria fresca e attività fisica;
  6. cambiamento del tempo;
  7. provocatori alimentari (caffè, affumicati, formaggi piccanti, cibo in scatola).

Tutti questi fattori possono essere una ragione per gli attacchi di emicrania nelle madri che allattano. Un motivo speciale per le donne che hanno partorito di recente può essere un cambiamento nel background ormonale, in particolare una mancanza o un eccesso di estrogeni e progesterone. Fino al ripristino del ciclo mestruale, i picchi ormonali possono causare crampi vascolari e attacchi di emicrania.

Importante! Con mal di testa costante durante il periodo di epatite B, dovresti assolutamente visitare il tuo ginecologo. Prescriverà i test e, probabilmente, raccomanderà la terapia (compresi i decotti di erbe che sono sicuri per il bambino, ma ripristinano lo sfondo ormonale). Solo un medico prescrive fitoterapia!

Emicrania durante l'allattamento: se sopportare il dolore?

Non mi stancherò di ripetere: il dolore da emicrania deve essere alleviato da adeguati antidolorifici a dosi adeguate e rapidamente. Tollerare il dolore durante un attacco di emicrania non è solo doloroso, ma anche non redditizio per la sua prospettiva - questo rende l'emicrania più frequente. Inoltre, se gli antidolorifici vengono assunti quando il dolore è già molto forte e appare la nausea, è molto difficile per le compresse agire e, molto probabilmente, non avranno alcun effetto.

L'unico periodo in cui un attacco di emicrania può essere tollerato è il periodo della gravidanza, in particolare il primo trimestre (e la fine del terzo trimestre).

E durante l'allattamento, il dolore persistente non ne vale ancora la pena! Ci sono molte più opzioni per il trattamento del mal di testa durante l'allattamento rispetto alla gravidanza..

Il periodo successivo alla nascita di un bambino è già associato a gravi cambiamenti ormonali nel corpo, stress e mancanza di sonno - e questi sono importanti provocatori di attacchi di emicrania. Pertanto, dopo il parto, l'emicrania può diventare più frequente.

L'allattamento al seno, d'altra parte, può aiutare a ritardare il ritorno dell'emicrania per diversi mesi. Ma se la tua testa ha già iniziato a far male di nuovo (o non ha smesso di farlo anche durante la gravidanza) e desideri continuare ad allattare, le seguenti raccomandazioni sono per te.

Quindi, se hai mal di testa:

  • Non lasciare che le emozioni ti controllino: se il mal di testa è di solito grave, concorda in anticipo chi ti aiuterà con il bambino
  • Per convulsioni da moderate a gravi, assumere farmaci..

Alcuni farmaci sono completamente sicuri durante l'allattamento. Questo è il paracetamolo - un farmaco che cura la febbre nei bambini e l'ibuprofene (il farmaco entra nel latte in concentrazioni minime).

Pertanto, quando si assumono questi medicinali, non è necessario osservare un tempo di alimentazione speciale.

Se prendi altri antidolorifici, prenderli immediatamente dopo l'alimentazione, questo ridurrà la loro concentrazione al momento della successiva alimentazione.

Il modo migliore per fermare un attacco di emicrania durante l'allattamento è:

  • Ibuprofene: a seconda del farmaco, 1 o 2 compresse (dose totale 400-600 mg). La medicina può essere venduta con i nomi: nurofen, instant, brufen, advil.
  • Paracetamolo, 1 compressa. Il medicinale può essere venduto con i seguenti nomi: acetaminofene, panadolo, paracetamolo, tilenolo, efferalgan. Non puoi assumere più di 6 compresse al giorno (ma, naturalmente, il paracetamolo è molto meno efficace per l'emicrania)

Si consiglia di non assumere affatto aspirina e droghe contenenti caffeina. Questi componenti passano nel latte ed è rischioso per i bambini assumere tali farmaci. Sono vietati tutti i farmaci all'ergotamina.

Si noti che, a differenza del periodo di gravidanza, anche il farmaco antiemetico metoclopramide (cerucale, raglan) non deve essere assunto. Se sei costretto a prendere antidolorifici proibiti durante l'allattamento, devi conservare le scorte di latte.

Salva il latte dal giorno in cui non hai preso antidolorifici e usalo il giorno in cui assumi droghe illegali.

La sicurezza degli speciali analgesici triptani antiemicrania durante l'allattamento non è ancora del tutto chiara. Ad oggi, non c'è motivo di pensare al loro possibile danno per il bambino..

Tuttavia, studi speciali su questo argomento non possono essere effettuati, a condizione che le istruzioni di sumatriptan (imigran, amigrenina) recitino: "L'allattamento al seno deve essere evitato per 24 ore dopo l'applicazione di sumatriptan".

Tuttavia, fonti straniere rispettate già affermano che non c'è alcun effetto del sumatriptan sul bambino, poiché penetra nel latte in piccole quantità e raccomanda di rifiutare solo iniezioni di sumatriptan (e non sono registrate in Russia) e solo per i bambini prematuri.

Non sono stati ancora raccolti nuovi dati per relaxax e le istruzioni per l'uso raccomandano di rifiutare di allattare al seno entro 24 ore dopo l'assunzione della pillola.

Per una completa fiducia nella sicurezza degli antidolorifici durante l'alimentazione, non superare i 2 giorni di trattamento a settimana. Se gli attacchi di emicrania sono diventati frequenti, discutere con il medico la possibilità di un corso preventivo di terapia.

Per fermare gli attacchi di emicrania durante l'allattamento, prendi l'ibuprofene e se gli attacchi sono gravi, ha senso prendere il sumatriptan. È meglio che sopportare forti dolori e non riuscire a prendersi cura di un bambino per diverse ore o addirittura giorni.

Bene, su richiesta dei lettori, ho finalmente scritto questo articolo. Invia domande!

Altri articoli correlati

Emicrania durante l'allattamento

Ogni giovane madre, mentre trasporta un bambino, sa perfettamente che non è necessario ricorrere all'automedicazione, assumere pillole su base continuativa, perché tutto ciò può influire negativamente sul corpo del bambino nel suo grembo.

Inoltre, durante la gravidanza c'è un elenco di farmaci che puoi assumere, ma durante l'allattamento non è necessario farlo.

Cosa fare in una situazione in cui l'emicrania si manifesta durante l'alimentazione di un bambino? Una donna si trova di fronte a una scelta. Deve aiutare se stessa e non danneggiare il bambino..

Molte istruzioni per le droghe dicono che è possibile assumere droghe. Osservando le prescrizioni e il dosaggio specifici del medico, è possibile alleviare le tue condizioni, ma anche non danneggiare il bambino.

Perché si è verificata l'emicrania?

Le donne sono inclini all'emicrania e persino a coloro che allattano. Le ragioni sono davvero molte. Prendiamo ad esempio il fatto che c'è una costante mancanza di sonno, interruzioni di corrente.

Non negheremo il fatto che la maternità rende una donna costantemente preoccupata per il suo bambino. In particolare, questo vale per quelle madri che hanno dovuto affrontare la nascita del loro primo figlio..

È possibile che l'emicrania durante l'allattamento sia il risultato di cause più gravi. Ne parleremo di seguito..

Le cause

  • L'emicrania in una donna che allatta può essere associata non solo allo stress e alla mancanza di sonno, un problema con i vasi sanguigni può influenzarla.
  • Ciò include distonia vegetativa-vascolare, ipertensione o, al contrario, bassa.
  • Anche a rischio sono quelle persone che sono ipersensibili ai cambiamenti climatici..
  • Una diagnosi come l'osteocondrosi del rachide cervicale o la depressione postpartum, a cui ci sono molte donne, può anche causare emicranie nelle donne che allattano..

Anche essere in una stanza scarsamente ventilata può anche provocare patologie.

Le cause dell'emicrania durante l'allattamento comprendono malattie batteriche o virali, nonché un cambiamento nei livelli ormonali..

È necessario monitorare la dieta e la dieta. Se l'intervallo tra i pasti è grande, c'è una diminuzione della glicemia e questa condizione può causare emicranie in una madre che allatta.

Anche quando una donna rifiuta il caffè o altri prodotti, o al contrario, inizia a consumarli, si può osservare un forte mal di testa.

Vale la pena ascoltare tutti i segnali del tuo corpo. Ciò migliorerà la salute ed eviterà spiacevoli dolori alla testa..

Una madre che allatta può avere un'emicrania a causa di intossicazione con prodotti chimici domestici, alcol o monossido di carbonio..

L'elenco dei motivi è lungo e anche questo è lontano da tutti i fattori che possono causare patologie. Ma può essere confortante che oggi ci siano una serie di mezzi innocui che aiuteranno ad eliminare i spiacevoli sintomi dell'emicrania in una madre che allatta.

Sintomi

Il dolore con l'emicrania durante l'allattamento può essere completamente diverso in natura. Tutto dipenderà dalle ragioni che lo hanno causato e in quali condizioni è l'organismo di una madre compiuta.

Può essere un dolore lancinante, dolorante, parossistico. Ha la proprietà di scomparire e di tornare di tanto in tanto, esaurendo seriamente una persona. Anche l'intensità varia, quindi cresce, quindi scompare.

Durante l'allattamento, il corpo di una donna deve affrontare un periodo difficile. È indebolito, perché sta subendo un serio aggiustamento ormonale e anche un piccolo malfunzionamento, stress o consumo di cibo può provocare un aumento dell'attacco.

Sulla base delle lamentele del paziente, il medico diagnostica e determina quale tipo di emicrania ha colpito una madre che allatta..

In effetti, la situazione è complicata dal fatto che il disturbo nella testa non si limita a. Non sono esclusi attacchi di nausea, affaticamento, perdita della precedente nitidezza della funzione oculare e dell'udito.

Azioni di una donna con emicrania

Se una madre che allatta ha avuto rari attacchi di mal di testa, puoi provare a toglierli con una pillola chiamata paracetamolo.

Ma nel caso dell'emicrania, che dura molto a lungo, è necessario visitare un medico per sottoporsi a una diagnosi del corpo. Sulla base dei dati ricevuti, il medico selezionerà le giuste tattiche nel trattamento della patologia.

Raccomandazioni dei medici

Non è necessario iniziare un corso di automedicazione. Solo un medico esperto può diagnosticare con precisione e spiegare come trattare la malattia..

Persino rivolgersi ai farmacisti in una farmacia che possono scegliere un farmaco per eliminare l'emicrania non è il modo giusto. Ho bisogno di vedere un dottore all'ospedale nella comunità.

La scelta della medicina rispetto al trattamento di una madre che allatta si baserà su un principio importante: quale pericolo può essere un rimedio per un bambino.

Quando legge una descrizione di un farmaco, una donna non dovrebbe preoccuparsi di prenderlo. Se si verifica una tale sensazione, è necessario consultare un medico.

Sentiti libero di chiedere che tipo di influenza può avere una medicina sul corpo di un bambino. Se ci sono dubbi sugli effetti dannosi, vale la pena chiedere al medico di scegliere un altro farmaco.

A partire dal corso, è necessario monitorare se sul bambino compaiono effetti collaterali dei farmaci.

È necessario dare la preferenza a quei metodi nel trattamento che sono in grado di rafforzare il sistema immunitario della madre e hanno anche un effetto risparmiante sul corpo.

Se il medico consiglia di iniziare un ciclo di medicinali contro l'emicrania, è necessario seguire questa raccomandazione immediatamente dopo la procedura per l'allattamento. Questo deve essere fatto fino a quando il farmaco raggiunge i massimi livelli di concentrazione nel corpo..

Quando si consumano fondi per eliminare il mal di testa che non può essere assunto da una madre che allatta, è necessario interrompere l'alimentazione del bambino durante il trattamento.

Per continuare successivamente il periodo di allattamento, è necessario esprimere il latte e smaltirlo. Dovresti anche consultare un medico su questi problemi..

Ci sono dispositivi speciali per questo. Al termine del trattamento, è possibile continuare l'allattamento..

Medicinali autorizzati

Per escludere i sintomi dell'emicrania, si consiglia di utilizzare potenti farmaci. L'ergotamina sarà presente nella loro composizione.

Durante la gravidanza, come durante l'allattamento, non devono essere utilizzati. Se questa condizione viene violata, il bambino può avere vomito, nausea e crampi..

Certo, non dovresti sopportare un mal di testa con l'emicrania. Ciò porterà una seria complicazione in futuro..

Devi sapere come salvare la madre e non danneggiare il bambino. Successivamente, le convulsioni possono diventare più frequenti, aumentare nel tempo.

La situazione non è facile, ma diventerà ancora più grave. In ogni caso, i farmaci non lo faranno. È solo una questione di tempo.

Oggi ci sono un certo numero di antidolorifici che possono essere usati per allattare i neonati.

I medici fissano un appuntamento per assumere farmaci antinfiammatori non steroidei, che sono diversi in quanto sono in grado di lasciare il corpo entro 24 ore.

I più efficaci sono i triptani. Puoi prendere con l'allattamento Sumatriptan.

Il farmaco è diverso in quanto non è in grado di accumularsi nel latte materno. Tra 12 ore, lascia il corpo della madre.

I restanti farmaci, triptani, non devono essere utilizzati per l'allattamento. Il medicinale deve lasciare completamente il corpo e quindi il latte deve essere travasato, nutrire il bambino.

Durante il periodo di trattamento, puoi passare completamente a miscele speciali per nutrire il bambino, ma in seguito tornare alla nutrizione naturale.

Quando si verificano emicranie, la pressione sanguigna può aumentare. Il trattamento in questo caso sarà complicato. In questo momento, dovrai abbandonare l'allattamento.

In effetti, vale la pena notare che quelle madri che soffrono di ipertensione sono costrette a bere droghe su base continuativa, e quindi è dimostrato che trasferiscono completamente il bambino a una dieta artificiale.

Con la pressione sanguigna elevata, la madre deve assumere Captopril durante l'allattamento. Questo farmaco in una quantità minima è in grado di concentrarsi nel latte materno e quindi non danneggia il bambino. Consentito anche il dibazolo.

Se i farmaci antipertensivi sono indicati per l'uso, è necessario esprimere il latte e nutrire il bambino con la miscela durante il trattamento, altrimenti è probabile che danneggi il bambino.

Altri trattamenti

Puoi interrompere il dolore con l'emicrania, se usi i consigli utili degli specialisti:

  1. Si consiglia di preparare il tè nero, preferibilmente più forte. Devi aggiungere zucchero. Ciò non danneggia il bambino e non provoca allergie. La bevanda viene presa una volta e quindi non danneggia il corpo dei bambini.
  2. Puoi fare la massa della testa premendo i palmi sulla fronte. È importante fare 40 giri con le mani in senso orario e la stessa quantità nella direzione opposta.
  3. L'applicatore dell'ago aiuterà a rimuovere il dolore. Deve essere posizionato sul retro della testa in modo che la pressione sia distribuita su tutta la testa. Vale la pena rimanere sdraiato per un'ora con l'applicatore.
  4. Puoi fare una doccia calda. L'acqua è nota per i suoi benefici curativi..
  5. Con un'attività sessuale regolare, vengono rilasciate endorfine che possono rimuovere il mal di testa.
  6. Devi rivedere la tua routine quotidiana. Il sonno dovrebbe essere pieno. È meglio implementare tattiche del sonno condivise nella tua famiglia. I medici sono sicuri che l'emicrania sia un segno di esaurimento del corpo femminile.
  7. Dopo che il bambino è stato svezzato dall'allattamento al seno, il corso del trattamento per l'emicrania può essere regolato, ma con la partecipazione del medico curante.

Non c'è bisogno di ricorrere all'automedicazione, da un mal di testa solo un medico può scegliere un farmaco efficace.

Up