logo

Il latte materno è il miglior cibo che la mamma può offrire al suo bambino. Rafforza il sistema immunitario e consente al bambino di crescere sano. Ma succede spesso che durante l'allattamento la madre si ammala e ha paura di nutrirsi durante questo periodo, temendo di danneggiare il bambino. Molte donne sono preoccupate per la questione se un aumento della temperatura possa influire sulla qualità del latte. Proviamo a capirlo.

Cause di febbre

Posso allattare al seno a temperatura? In questo caso, devi analizzare le tue condizioni e determinare la fonte di cattiva salute.

  • Una piccola temperatura può essere causata da ovulazione o stress, e questa condizione non influisce in alcun modo sulla qualità del latte materno, ma influisce sulla sua quantità. L'applicazione frequente è molto importante in questa situazione..
  • Il calore può essere causato da malattie virali e infettive, che sono spesso accompagnate da naso che cola, tosse e febbre. La possibilità di allattare al seno è meglio discussa con il medico, ma il più delle volte non è vietata..
  • Se la temperatura aumenta durante le prime settimane dopo il parto, spesso questo indica un processo infiammatorio. Il parto può provocare un'esacerbazione di malattie croniche, ma ciò non impedisce l'allattamento.
  • Le alte temperature possono accompagnare la mastite, il cui sviluppo è facilitato da crepe nei capezzoli, malattie della pelle, problemi con il sistema endocrino.

Quindi è possibile effettuare l'allattamento al seno a una temperatura? Molto spesso, questo non è un ostacolo a tale processo. Ma è meglio discuterne con il medico, che può consigliarti di continuare a nutrire, prendendo alcune precauzioni..

Quale temperatura è considerata sicura quando si allatta un bambino? Fino a 39 gradi. Ma l'OMS raccomanda già di iniziare a prendere antipiretici dal livello di 38,5 gradi. Alcune donne con ARVI si esprimono e bollono il latte materno, quindi lo danno al bambino. È meglio non farlo, perché tutti i fattori protettivi scompaiono quando riscaldati. Ciò ruba al bambino una migliore protezione contro le malattie..

Quando non dovresti smettere di allattare

In quali casi non è possibile interrompere l'allattamento al seno con il caldo? La maggior parte dei medici ti consiglia di continuare a nutrire il tuo bambino con il latte se la febbre è leggermente aumentata. La cessazione di questo processo contribuisce al suo aumento ancora maggiore, poiché c'è un trabocco della ghiandola mammaria con latte e si verifica lattostasi. Per evitare il ristagno del latte nel petto, dovrebbe essere spesso espresso. Di conseguenza, l'allattamento può essere disturbato, perché nel seno rimane del latte.

Se la temperatura aumenta a causa dell'attività del virus, allora gli anticorpi protettivi iniziano a formarsi immediatamente nel sangue della madre. Durante l'alimentazione, iniziano a essere trasmessi al bambino insieme al latte, contribuendo alla sua protezione dalla malattia. Se il bambino non viene nutrito, aumenta il rischio di infezione.

Se una donna si sente piuttosto bene a causa della febbre e non ha bisogno di cure con farmaci controindicati durante l'allattamento, l'allattamento non deve essere interrotto. Inoltre, è particolarmente utile in questo momento. Con le infezioni respiratorie acute, accompagnate da tosse, naso che cola e altri sintomi, è necessario indossare una maschera medica speciale quando è necessario nutrire il bambino. Ciò ridurrà il rischio di infezione..

Quando interrompere l'allattamento

Sebbene il più delle volte un aumento della temperatura non danneggi la salute della madre e del bambino, ci sono situazioni in cui è necessario interrompere temporaneamente l'allattamento al seno:

  • Se la temperatura è aumentata a causa di una grave malattia della madre. A causa della cattiva salute e dello stato indebolito di una donna, il latte potrebbe scomparire. L'allattamento al seno richiede molta energia, che può essere al di là del potere della madre.
  • Quando un medico prescrive farmaci incompatibili con l'allattamento per il trattamento. Abbastanza spesso, dopo la nascita, si verifica un processo infiammatorio, accompagnato da un aumento della temperatura. In questo caso, il trattamento viene eseguito con antibiotici, quindi al momento della loro somministrazione è necessario rifiutare l'allattamento.

Esiste un mito tale che a temperature superiori ai 39 gradi, la qualità del latte inizia a cambiare e diventa dannosa per il bambino. Questo non è vero, la temperatura non influisce sulla composizione del latte.

Trattamento

Se l'aspetto del calore non è associato a una malattia grave, si consiglia di abbatterlo con farmaci antipiretici consentiti durante l'allattamento. Fondamentalmente, il medico prescrive farmaci a base di ibuprofene e paracetamolo. Una donna dovrebbe attenersi rigorosamente alle istruzioni e non superare il dosaggio desiderato.

Se la temperatura non è salita a più di 38 gradi, non puoi correre a prendere la medicina. Il corpo stesso deve far fronte a un tale problema. È con questi indicatori del termometro che inizia a essere prodotta l'interferone, una proteina speciale che distrugge i patogeni.

Nel caldo, è necessario utilizzare una grande quantità di liquido: composte, acqua, tè al limone. Ma con l'allattamento al seno, non tutte le bevande sono consentite, poiché alcuni causano reazioni allergiche. Inoltre, una grande quantità di liquido provoca un forte afflusso di latte e con la mastite è molto pericoloso.

Per il trattamento delle infezioni respiratorie acute, utilizzare metodi che non influiscono in alcun modo sulla qualità del latte materno. Gargarismi, inalazione con semplice vapore e arrossamento del naso con soluzione salina sono completamente sicuri per le madri.

In alcuni casi, le malattie che causano la febbre sono trattate con antibiotici. La maggior parte di questi non può essere assunta con l'allattamento, ma senza di essi è molto difficile curare la polmonite batterica, la mastite o la tonsillite. Ci sono farmaci considerati condizionalmente innocui durante l'allattamento, ma possono causare effetti collaterali minori..

Raccomandazioni dei medici

Quasi tutti i medici raccomandano di mantenere l'allattamento, anche se la febbre è aumentata. L'eccezione sono solo le malattie gravi che sono trattate con farmaci incompatibili con l'allattamento.

La temperatura corporea deve essere misurata correttamente. Le madri che allattano non dovrebbero usare l'ascella per questo, perché ci sono sempre letture sopra. Inoltre, la misurazione deve essere eseguita dopo il pompaggio o l'alimentazione..

Pertanto, se una giovane madre ha la febbre, non dovrebbe farsi prendere dal panico. Hai solo bisogno di misurarlo regolarmente, bere molti liquidi e monitorare attentamente il tuo benessere. In ogni caso, la febbre alta non è un motivo per scomunicare un bambino.

Cosa fare se la temperatura della madre aumenta durante l'allattamento?

Buona giornata, cari lettori, Lena Zhabinskaya è con voi. Le madri moderne sono molto responsabili ed esigenti nel loro stile di vita, dieta e salute, perché è noto da tempo che tutto ciò influisce sulla qualità del latte.

Cosa posso dire quando iniziano i problemi di salute? In questo caso, sorgono molte domande. Uno di questi riguarda quelle situazioni in cui è necessario rispondere a cosa fare se la temperatura della madre aumenta durante l'allattamento? Posso continuare a nutrire il mio bambino, come posso aiutare me stesso in questa situazione ed è possibile un trattamento? Scopri tutto questo e molto altro oggi..

Cause di febbre

Infiammazione nel periodo postpartum.

Sia il taglio cesareo che il parto naturale sono stressanti per il corpo di una donna e non vanno sempre via senza conseguenze. Possibile sviluppo di malattie come infiammazione della mucosa uterina o suture.

Tali condizioni sono sempre precedute dalla febbre. Ma il pericolo principale non è in esso, ma nel rischio di sanguinamento improvviso, in cui il conteggio va letteralmente per minuti e semplicemente non puoi avere il tempo di arrivare in ospedale.

Pertanto, si dovrebbe essere estremamente attenti alla temperatura corporea superiore a 37,5 gradi nelle prime due settimane dopo il parto. Per essere sicuri ed escludere l'infiammazione nella parte femminile, fai un esame del sangue generale con una formula di globuli bianchi sviluppata.

Se non vi è alcuna possibilità di visitare immediatamente un medico, inizialmente provare a decifrare i risultati online, su speciali portali e directory mediche. Se si discostano dalla norma, pianificare con urgenza un viaggio dal ginecologo.

Febbre bassa.

La temperatura corporea fino a 37,2 gradi in assenza di altri sintomi e la condizione generale non è disturbata può essere il risultato di un aumento della produzione di latte da parte dell'organismo e considerato condizionatamente normale.

Per assicurarsi che non ci sia nulla di grave, si raccomanda anche di fare un esame del sangue clinico..

Le infezioni virali sono la causa più comune di febbre. Di norma, in questo caso, vengono aggiunti ai sintomi naso che cola, tosse e mal di gola. Queste manifestazioni possono essere insieme, individualmente, in varie combinazioni tra loro..

Nelle persone è anche chiamato raffreddore, influenza, ecc. - questo non cambia l'essenza.

La temperatura corporea in questo caso può aumentare in vari intervalli, da 37 a 39 gradi e oltre.

Lattostasi e mastite.

Di solito, con tali problemi, la temperatura elevata è accompagnata da dolore e grave disagio al petto, quindi una madre che allatta si rende conto almeno che la causa della temperatura è problemi nella ghiandola mammaria.

Malattie degli organi interni.

Di norma, l'esacerbazione delle malattie croniche esistenti è molto spesso possibile. È, ad esempio, cistite, pielonefrite, polmonite, otite media, ecc..

In tali casi, la temperatura è solitamente accompagnata da sintomi e dolore, che sono localizzati in un'area specifica..

Di conseguenza, la giovane madre può almeno indovinare il motivo dell'elevazione sul termometro.

Come misurare

La temperatura corporea viene misurata sotto l'ascella. È più sicuro farlo con l'aiuto di un moderno termometro elettronico, che per affidabilità dovrebbe essere tenuto per un po 'di tempo dopo il segnale sonoro. È meglio guardare lo schermo e ottenerlo solo quando il segno smette di cambiare. Questo indicatore sarà più affidabile..

Se sospetti che sia il seno a provocare la temperatura a causa della produzione attiva di latte, puoi controllare come segue. Misura la temperatura al gomito, stringendo forte la mano.

Era questo metodo usato nel dipartimento delle complicanze postpartum, che ho visitato dopo la prima nascita. Se la temperatura non è dovuta al torace, allora "corre" e nel gomito.

Come influisce il latte

Ci sono molti miti che con un aumento della temperatura, una madre che allatta deve immediatamente smettere di allattare, perché il latte è cagliato, acido, rancido, ecc. Alcuni consigliano di far bollire il latte durante la malattia prima di dare il bambino.

Tutto ciò sono miti e speculazioni emanati da persone che non sono esperte nell'allattamento al seno..

Il latte bollente, in generale, distrugge quasi tutti i nutrienti in esso contenuti..

Di per sé, l'elevata temperatura corporea non influisce sulla qualità del latte.

Pertanto, quando si aumenta il segno sul termometro, si raccomanda non solo di interrompere l'allattamento al seno, ma anche di continuare attivamente. Perché? Continuare a leggere!

Posso allattare al seno

La risposta a questa domanda dipenderà da quali sono le cause dell'aumento della temperatura corporea e da quali azioni avranno luogo durante il trattamento.

Se la causa è un'infezione virale, influenza, raffreddore, il medico prescriverà un trattamento sintomatico.

Il latte è formato da sangue e linfa. I virus non penetrano nel sangue e nella linfa. Di conseguenza, il latte materno non è infetto da SARS e influenza..

Al contrario, contiene anticorpi prodotti dal corpo della madre per combattere il virus. Sono questi anticorpi, se il bambino mangia il seno, lo aiuteranno a evitare completamente l'infezione da goccioline trasportate dall'aria da sua madre o a trasferire la malattia in una forma lieve.

Pertanto, con un'infezione virale, l'allattamento al seno è semplicemente necessario.

Se la madre ha una malattia batterica (infiammazione della mucosa uterina, mastite, cistite, polmonite, otite media, ecc.), Il cui trattamento richiede la nomina di un antibiotico da parte di un medico, allora si pone la questione se quest'ultima sia compatibile con l'allattamento al seno.

Gli antibiotici sono prescritti esclusivamente da un medico, che dovrebbe essere consapevole che siamo una madre che allatta..

Nel mondo moderno, ci sono antibiotici che sono approvati per l'uso nelle madri che allattano. Un medico competente sceglierà sicuramente per te quella versione del farmaco che è efficace e allo stesso tempo è approvata per l'uso durante l'allattamento.

Se l'antibiotico prescritto non è compatibile con l'allattamento al seno, per il periodo del suo utilizzo sarà necessario trasferire il neonato all'alimentazione artificiale.

È inoltre necessario esprimere il latte 6-7 volte al giorno per mantenere l'allattamento. Questo sarà un segnale per il corpo che il latte viene rimosso dal seno, rispettivamente, è necessario per continuare la sua produzione.

Dopo il trattamento, puoi allattare nuovamente il bambino.

Se hai la mastite, allora puoi nutrirti in ogni caso, se questo non ti provoca evidente dolore. Se il dolore è insopportabile, dovrebbe essere nutrito da un seno sano e il paziente deve essere espresso.

Trattamento

Se la causa del segno più alto sul termometro è un'infezione virale (influenza, raffreddore comune, altre infezioni virali respiratorie acute), il trattamento prescritto dal medico sarà sintomatico, poiché attualmente non esistono farmaci con efficacia dimostrata che possono influenzare i virus.

Facilitare la condizione di una madre che allatta:

  1. Aria interna 18-20 gradi. A causa della differenza di temperatura corporea e ambientale, il corpo sarà in grado di perdere il calore in eccesso, abbassando così indipendentemente la temperatura corporea. Allo stesso tempo, il vestito dovrebbe essere più caldo.
  2. L'umidità è del 50-70 percento. Solo un dispositivo speciale - un umidificatore (costerà da 2000 rubli) affronterà questo compito. Con l'aumentare della temperatura, il corpo inizia a perdere drasticamente liquidi. Se devi anche respirare aria secca e calda, le perdite sono catastrofiche, la disidratazione, la rinite e la bronchite sono garantite.
  3. Bevi molto. Acqua minerale, composte di frutta secca, bevande di frutta, soluzioni speciali di reidratazione (vendute in farmacia) sono progettate per alleviare in modo significativo la condizione e ridurre i tempi di recupero rimuovendo tossine e virus dal corpo con urina e sudore. In assenza di controindicazioni, dovresti bere fino a 5-6 litri al giorno.
  4. Farmaci antipiretici se necessario sintomaticamente. Se ti chiedi cosa abbassare la temperatura, allora i seguenti consigli. Durante l'allattamento, il paracetamolo e l'ibuprofene sono approvati per l'uso secondo le istruzioni e le prescrizioni del medico.

Come prendere la medicina

La raccomandazione generale per l'assunzione di una madre che allatta antipiretica è che si dovrebbe assumere paracetamolo o ibuprofene ad alta temperatura, da 38,5 gradi.

Questo perché quando la temperatura aumenta nel corpo, aumenta la produzione di interferone, il principale combattente contro il virus. E più alta è la temperatura, più viene prodotta e più velocemente il corpo affronterà la malattia.

Tuttavia, non dovresti tollerare temperature superiori a 38,5-39 gradi, perché in questo caso inizia la più forte disidratazione del corpo e ci sono molti più danni da questo.

Per ridurre al minimo la concentrazione di antipiretico nel latte, dovrebbe essere assunto, se possibile, immediatamente dopo l'allattamento. In questa situazione, al momento della prossima applicazione sul seno, la quantità di medicinale nel corpo diminuirà già in modo significativo.

Queste misure nel complesso sono progettate per alleviare le condizioni di una madre che allatta e portare al recupero il più presto possibile. Di solito, al 4 ° giorno di malattia, la temperatura dovrebbe diminuire rispetto agli indicatori precedenti. Entro 5-7 giorni la temperatura dovrebbe scendere completamente.

Questo è un diagramma di flusso standard per un'infezione virale comune. Altrimenti (mancanza di recupero entro la fine della settimana), è necessario consultare immediatamente un medico, poiché ciò può indicare complicanze della malattia e l'aggiunta di complicanze batteriche.

Ho dovuto ammalarmi durante l'allattamento e, grazie alle raccomandazioni di cui sopra, sono davvero migliorato rapidamente e i bambini o non si sono affatto infettati (è un miracolo, è vero che gli anticorpi magici nel latte funzionano davvero) o fanno male, ma in una forma lieve. E hai dovuto ammalarti durante l'allattamento e cosa ha contribuito a far fronte alla malattia?

Sii sano, e se ti ammali, poi riprendi facilmente e visita di nuovo, Lena Zhabinskaya era con te, ciao!

È possibile nutrire il latte materno se mia madre ha la febbre

Il latte materno è il prodotto più importante per un neonato. Aiuta a rafforzare la salute e l'immunità di un bambino piccolo. Tuttavia, nessuno è al sicuro da spiacevoli sorprese. Succede che la madre aumenta di temperatura e non sa cosa fare in una situazione del genere. Continuare a nutrire o no?

In effetti, la decisione giusta dipende da molti fattori che hanno scatenato la malattia. Per capire se è possibile allattare al seno a una temperatura, è importante imparare a misurarlo correttamente e scoprire i motivi che hanno portato ad un aumento.

Ragioni per sentirsi male

Prima di decidere di continuare l'allattamento al seno, è necessario scoprire i motivi per cui la madre ha la febbre.

  1. La temperatura a volte aumenta a causa del forte stress vissuto da una donna. In questo caso, non influisce sulla qualità del latte materno..
  2. Malattie infettive accompagnate da naso che cola e tosse secca. Se le donne hanno l'ARVI, è necessario consultare un medico in merito al trattamento e determinare se continuare o meno ad allattare il bambino.
  3. La causa dell'alta temperatura nelle prime settimane dopo il parto può essere una malattia infiammatoria. È probabile che quando nasce un bambino, i disturbi cronici della madre peggiorano.
  4. Mastite. Si formano delle crepe sui capezzoli e la madre ha una forte febbre. Non è consigliabile continuare ad allattare al seno il bambino..
  5. Avvelenamento del cibo. Una donna ha bisogno di rivedere la sua dieta, poiché tutto il cibo consumato entra nel corpo del bambino.

Queste sono le cause più comuni di febbre. A volte la temperatura corporea aumenta a causa delle caratteristiche individuali del corpo. Il motivo esatto può essere trovato solo da un medico.

Come misurare correttamente la temperatura

Se la donna che allatta ha una temperatura di 38, non dovrebbero essere tratte conclusioni affrettate. C'è un modello interessante che tutti devono sapere. Questo è l'unico modo per imparare a misurare correttamente la temperatura e ottenere un risultato affidabile..

Il processo in cui il latte lascia le ghiandole mammarie comporta il rilascio di calore e una forte contrazione del tessuto muscolare. Per questo motivo, la temperatura durante l'allattamento o immediatamente dopo il pompaggio sale a 38 gradi.

Per misurarlo correttamente e ottenere un risultato affidabile, è necessario attendere 30-35 minuti dopo aver allattato il bambino.

Una temperatura corporea di 38 gradi è considerata normale e non provoca cambiamenti nel gusto e nella composizione del latte materno. Tuttavia, se la febbre si intensifica a 39-40 gradi, l'allattamento può essere compromesso ed è necessario consultare un medico il prima possibile.

Importanza dell'allattamento e dell'allattamento al seno

Il latte materno è importante per la formazione dell'immunità del neonato. Ora i medici ritengono che in caso di aumento della temperatura corporea della madre, non è consigliabile interrompere l'alimentazione. Ciò è dovuto ai seguenti motivi.

  1. Il latte materno fornisce al bambino anticorpi e sostanze nutritive, la cui mancanza porta a un indebolimento del sistema immunitario.
  2. Un piccolo salto nella temperatura corporea della madre è talvolta utile perché il bambino ha una "barriera protettiva" che riduce il rischio di infezione..
  3. Una brusca interruzione dell'allattamento al seno può portare al fatto che il bambino abbandona completamente il latte materno.
  4. Una pausa nell'allattamento al seno porta alla formazione di mastite e, di conseguenza, il latte semplicemente brucia.

Quando interrompere l'allattamento al seno

Un piccolo salto di temperatura non è in grado di danneggiare la mamma e il suo bambino. Tuttavia, ci sono situazioni in cui è meglio rifiutare l'allattamento.

  1. Calore. Quando la temperatura corporea è salita a 39 gradi e non può essere abbattuta, l'allattamento al seno deve essere temporaneamente sospeso. Quando il calore cambia il gusto del latte.
  2. Se la febbre è un sintomo di una malattia più grave di una madre che allatta, l'allattamento deve essere scartato..
  3. Se una donna è sottoposta a trattamento antibiotico, l'allattamento al seno è severamente vietato durante questo periodo. Gli effetti dei componenti del farmaco possono influire negativamente sulla salute della madre e del bambino.

Come abbassare la temperatura durante l'allattamento

Anche una leggera temperatura durante l'allattamento provoca un deterioramento delle condizioni della donna e una sensazione di disagio. Deve essere abbattuto, ma con molta attenzione in modo che ciò non influisca sulla salute del bambino. Questi suggerimenti ti aiuteranno a sbarazzarti dei sintomi di malessere..

  1. È necessario provare a ridurre il calore con l'aiuto di droghe, la cui composizione non influisce sul gusto del latte materno. Le donne in allattamento possono assumere ibuprofene o paracetamolo.
  2. Nel caso in cui una donna abbia paura di assumere pillole per non danneggiare il bambino, puoi usare supposte antipiretiche rettali, che sono assolutamente sicure.
  3. Non deve correre immediatamente nell'armadietto dei medicinali a qualsiasi temperatura per compresse. Se il termometro non mostra più di 38 gradi, aspetta un po ', lascia che il corpo combatta da solo per rafforzare l'immunità. Forse si tratta di un aumento temporaneo della temperatura a causa di stress o l'hai misurato immediatamente dopo l'alimentazione (che non è raccomandato).
  4. Se una donna ha l'ARVI, bere molti liquidi aiuta a ridurre la febbre. Tuttavia, se ci sono sintomi di mastite, questo approccio sarà inutile: può innescare un afflusso di latte.

Riassumere

Sulla base delle raccomandazioni dei medici, si può concludere che è impossibile interrompere l'allattamento al seno a un bambino a bassa temperatura. Il latte materno per il bambino è un materiale da costruzione importante da cui si forma l'immunità.

Puoi interrompere l'allattamento solo se la febbre ha seguito la donna per più di un giorno, ma non puoi abbassare la temperatura. Può essere pericoloso per un bambino..

La cosa principale è non affrettarsi immediatamente a bere farmaci antipiretici. Pensa se hai misurato correttamente la temperatura, stabilisci il motivo del suo aumento e solo dopo puoi trarre delle conclusioni.

Posso allattare al seno a temperatura?

La continuazione o l'interruzione dell'alimentazione dipende dalle cause della temperatura e dai farmaci che il medico prescriverà per eliminare queste cause.

Ragioni per cui una donna che allatta può avere la febbre

La causa più comune di febbre in una madre che allatta, ovviamente, può essere il raffreddore. Oltre alla temperatura, dovrebbero essere osservati altri segni caratteristici, ad esempio naso che cola, mal di gola, tosse.

Se la temperatura è aumentata un paio di giorni dopo la dimissione dall'ospedale, mentre si è avuto un parto con lacune o è stato utilizzato il metodo di consegna chirurgica (taglio cesareo), quindi, probabilmente, si verifica un processo infiammatorio nell'area della chirurgia o della sutura. Altri segni di infiammazione post-operatoria post-partum possono includere dolore nell'addome inferiore o nel sito di sutura, individuato dalla vagina.

Inoltre, le donne che allattano possono sviluppare mastite a causa del ristagno del latte (lattostasi) e della presenza di microcricche sui capezzoli. In questo caso, anche la temperatura aumenta. Un altro segno di mastite è un doloroso irrigidimento del torace, arrossamento della pelle nella zona infiammata.

La temperatura può aumentare per altri motivi, ad esempio a causa di intossicazione alimentare..

La qualità del latte materno cambia a temperatura?

Potresti sentire dalle tue nonne o persino madri che ad alta temperatura, il latte "brucia". In realtà, non è così..

Ad alte temperature, può verificarsi disidratazione nel corpo. In questo caso, poiché il latte è un liquido, la sua quantità può effettivamente diminuire. Ma la temperatura non influirà sulla composizione.

Per evitarlo, prova a bere molti liquidi. Meglio mantenere caldo questo liquido. Bene, il modo migliore per stimolare la produzione di latte, ovviamente, è l'applicazione frequente del bambino sul petto.

Quindi è possibile allattare al seno a una temperatura?

Puoi allattare al seno a una temperatura nella maggior parte dei casi.

Se la mamma ha il raffreddore, non devi preoccuparti che batteri e germi patogeni passino al bambino attraverso il latte. Insieme al latte, il bambino riceverà anche gli anticorpi della madre, che aiuteranno a combattere la malattia.

Se il bambino viene svezzato, non riceverà questi anticorpi e, molto probabilmente, verrà comunque infettato da goccioline trasportate dall'aria. Cosa, in questo caso, la malattia sarà molto più complicata.

Inoltre, lo svezzamento di un bambino dal seno può portare al ristagno del latte e alla riduzione della sua quantità prodotta..

Con mastite in forme lievi, su raccomandazione di un medico, l'alimentazione può anche essere mantenuta. Se si sviluppa mastite purulenta, il medico proibirà l'allattamento.

Con gravi processi infiammatori, mastite purulenta o un raffreddore molto grave, il medico può prescrivere farmaci incompatibili con l'allattamento. In questo caso, ti avvertirà. Ma nella medicina moderna, ci sono medicine che aiuteranno a sbarazzarsi della malattia mantenendo l'allattamento al seno.

Come abbassare la temperatura durante l'allattamento?

A una temperatura, è meglio consultare un medico per scoprire la causa di questo fenomeno e scegliere i farmaci appropriati.

In casi estremi, puoi vendere la temperatura con paracetamolo o ibuprofene.

Il tuo feedback è molto importante per noi! Valuta questo articolo!

La temperatura di una madre che allatta: cosa fare e se è possibile nutrirsi

L'alta temperatura durante l'allattamento sorprende quasi tutte le madri, perché è necessario prendere immediatamente misure per il trattamento e risolvere il problema dell'alimentazione del bambino. A causa della ridotta immunità, il corpo di una madre che allatta è piuttosto vulnerabile e potrebbero esserci diverse ragioni per l'aumento della temperatura.

Le ragioni principali dell'aumento della temperatura a

La causa più comune di tale tempo inclemente è una malattia infettiva. Durante il periodo dell'epidemia, può essere l'influenza o l'ARI e ogni giorno - qualsiasi infezione virale o batterica trasmessa da goccioline trasportate dall'aria. In questo caso, il rischio più elevato è di infettare il bambino. Ma contrariamente alla credenza popolare, non vale la pena interrompere l'alimentazione durante questo periodo, poiché le sostanze medicinali che entrano nel corpo del bambino servono come una sorta di vaccinazione, rafforzando l'immunità del bambino, riducendo così le possibilità di malattia.

Oltre al comune raffreddore o altre malattie virali, la causa della febbre può anche essere:

  • sviluppare lattostasi o, peggio, mastite;
  • tonsillite o tonsillite purulenta;
  • esacerbazione di malattie croniche;
  • effetti scarsamente curativi del taglio cesareo;
  • infiammazione degli organi femminili dopo il parto;
  • possibile avvelenamento.

In ogni caso, quando appare la temperatura, una donna deve chiamare un medico per identificare la causa corretta e prescrivere un trattamento che a volte può essere contrario all'allattamento. Ma solo il terapeuta può risolvere questo problema, in base ai farmaci prescritti, alla salute della madre e al rischio di infezione del bambino.

Come misurare correttamente la temperatura

La produzione attiva di latte materno influisce sempre sulla temperatura corporea, pertanto non è consigliabile misurarla sotto la cavità muscolare. Anche con il malessere nell'ospedale di maternità, la mamma misura gli indicatori nella bocca o nella regione inguinale. Ma il risultato più affidabile può essere ottenuto nella curva del gomito. Una temperatura è considerata normale da 36,6 a 37,4 gradi. Le figure sopra indicano la presenza di un processo infiammatorio nel corpo di una donna che allatta.

L'effetto di una temperatura elevata sul latte

Prima di decidere se abbassare o meno la temperatura, vale la pena chiarire in che modo influisce sul latte materno, perché non solo il trattamento della malattia, ma anche la qualità dell'alimentazione del bambino dipende da questo. Se una temperatura elevata è provocata da gravi complicazioni dopo malattie, si sviluppa un'infiammazione e compaiono neoplasie purulente, è meglio interrompere l'alimentazione per la durata del trattamento, poiché i componenti di farmaci forti penetrano nel corpo del bambino. In questo caso, il latte dovrebbe essere travasato in modo che non scompaia e il bambino dovrebbe essere trasferito all'alimentazione artificiale o alle scorte congelate di latte materno.

Se la causa del calore era la lattostasi o il ristagno del latte, allora nulla influisce sul suo gusto e sulla sua qualità e la nutrizione può essere proseguita ulteriormente, fino a quando il seno non sarà alleviato.

ARI o ARVI non rappresentano un pericolo particolare per il bambino, al contrario, facilitano l'ingresso di anticorpi nel piccolo corpo del neonato e temperano il sistema immunitario. Il latte freddo non ha quasi alcun effetto sul latte nel petto e per questo smette di nutrirsi.

Modi per abbassare la temperatura

Un segno su un termometro sopra i 38,5 gradi nel novanta percento dei casi deve essere abbassato, in particolare la temperatura durante l'allattamento. Se avverti febbre o brividi, dovresti misurare gli indicatori e consultare un medico, diagnosi e trattamenti tempestivi aiuteranno a prevenire lo sviluppo di complicanze e ad accelerare il processo di guarigione. Tra i modi per ridurre la temperatura corporea, possiamo distinguere persone e medicinali.

Rimedi popolari

L'uso della medicina tradizionale può essere considerato un trattamento indipendente o un approccio integrato, insieme ai farmaci. Prima di tutto, è necessario consumare molto liquido per rimuovere le sostanze nocive. Si consiglia di bere bevande calde, né fredde né calde. È buono preparare bevande alla frutta o composta a casa, per scopi medicinali succo di frutta a base di mirtilli o ribes nero, lamponi, tè debole con miele, zenzero o limone.

La pace e il silenzio non hanno danneggiato nessuno nel ripristinare il corpo con malattie. Dovresti aderire al riposo a letto, dormire di più e riposare per dirigere tutte le forze del corpo per mantenere la forza e combattere il virus.

Le compresse sulla fronte aiuteranno anche ad alleviare le condizioni fisiche e abbassare la temperatura. Puoi usare un asciugamano imbevuto di acqua o aceto diluito. La stessa composizione può essere utilizzata per pulire il corpo, viene eseguita su tutto il corpo, esclusa l'area del torace, e specialmente lungo il collo, si piega su gomiti e ginocchia, regione inguinale.

Ma ciò che non dovrebbe essere fatto è avvolgerti in coperte calde e indossare più vestiti. Pertanto, lo scambio di calore viene interrotto e la temperatura può aumentare ancora di più.

Inoltre, lo sfregamento con alcool del corpo non può essere consentito, assorbito attraverso la pelle, entra rapidamente nel sangue di una madre che allatta e quindi con latte e un bambino, che non dovrebbero essere ammessi.

farmaci

Durante l'allattamento, l'assunzione di farmaci è con grande cautela e solo in conformità con la prescrizione del medico. Prima di tutto, è necessario scegliere i mezzi consentiti con gv, e questo:

  • Paracetamolo e preparati che lo contengono in quantità maggiori - Panadol sotto forma di sciroppo o supposta di Cefecon. Studia attentamente il dosaggio del farmaco, perché meno entra nel corpo di una madre che allatta, meglio è. Per abbassare la temperatura, è sufficiente prendere la pillola 1 volta e, con un secondo aumento, puoi bere il medicinale dopo 4 ore;
  • Anche i prodotti a base di ibuprofene sono considerati sicuri. Nurofen (supposte, sciroppo, capsule con composizione liquida) o la versione con ibuprofene con lo stesso nome per i bambini non garantiscono l'effetto peggiore quando si abbassa la temperatura. Nurofen di solito agisce per 8 ore e, in caso di necessità urgente, può essere utilizzato fino a 4 volte in un giorno. L'ibuprofene, che ne fa parte, aiuterà a calmare la febbre, ad alleviare il processo infiammatorio e fungerà anche da anestetico..

I farmaci antivirali hanno recensioni positive sulla lotta contro la temperatura:

  • Oscillococcinum: aiuterà nelle prime fasi della malattia, la temperatura diminuirà rapidamente e potrebbe non aumentare di nuovo;
  • Viferon;
  • Geneferon.

Questi ultimi sono ufficialmente ammessi durante la gravidanza e l'allattamento, producono interferone naturale nel corpo, contribuendo a una pronta guarigione.

Se la temperatura aumenta a causa della lattostasi, allora nessun singolo rimedio popolare aiuterà, dal bere il seno si riempirà solo di più, il che di conseguenza può persino portare a un intervento chirurgico. Solo un'alimentazione frequente del bambino o l'espressione aiuteranno ad alleviare il dolore, questa procedura può essere facilitata sotto la doccia. Dopo lo svuotamento del seno, la temperatura diminuirà lentamente, in caso contrario, quindi questa è un'occasione per pensare seriamente e visitare un mammologo.

Le regole per l'assunzione di farmaci antipiretici con gv

L'assunzione di farmaci è sempre accompagnata da un certo rischio per il bambino, pertanto, quando si usano farmaci antipiretici, è necessario osservare alcune regole:

  • puoi assumere solo medicinali approvati per HB - il paracetamolo e l'ibuprofene a piccole dosi vengono assorbiti nel sangue della madre e non sono praticamente pericolosi per il bambino;
  • non dovresti abbassare la temperatura inferiore a 38,5 per bere farmaci antipiretici che dovrebbero essere solo urgentemente necessari;
  • aggiustare l'alimentazione in modo da assumere i farmaci dopo quello successivo con un intervallo tra le dosi di almeno 4 ore.

Un aumento della temperatura corporea è sempre la prova di un processo infiammatorio nel corpo. Pertanto, quando appare, è necessario contattare un terapista o un mammologo, a seconda delle cause della temperatura. Il medico determinerà la diagnosi e suggerirà i metodi di trattamento. La madre che allatta rimane rigorosamente conforme a tutte le raccomandazioni e assunzione di farmaci secondo le istruzioni e la prescrizione. Quindi il processo di recupero non richiederà molto tempo e non danneggerà il bambino.

Può una donna allattare al seno a temperatura elevata?

I pediatri consigliano di dare al bambino un seno su richiesta. Tuttavia, una serie di circostanze può impedire alla mamma di seguire le raccomandazioni. A volte una donna si ammala e inizia a dubitare che sia possibile allattare al seno ad alta temperatura.

Ragioni di temperatura

L'ipotermia stessa è solo un sintomo di qualche tipo di malattia. La causa esatta può essere identificata solo da un medico. Quando vengono eseguiti test di laboratorio per determinare se è possibile allattare al seno se la temperatura aumenta, a una donna viene spesso diagnosticato:

  1. Infiammazione dopo il parto. Se la madre avverte dolore addominale, che è accompagnato da una temperatura subfebrilare (fino al 38%), ci sono molto probabilmente complicazioni postpartum. La patologia più grave è l'endometrite. Può dare conseguenze negative. Pertanto, al minimo sospetto di un processo infiammatorio, è necessario consultare un medico.
  2. I virus. Nella stagione fredda sono comuni infezioni virali respiratorie acute di varia gravità. Possono essere riconosciuti da un forte aumento della temperatura a 38,5 - 39,5 gradi, secrezione nasale. Spesso ci sono sintomi come dolori muscolari, mal di testa, condizioni generali "rotte".
  3. Ristagno del latte. La lattostasi e la mastite sono gravi problemi che richiedono un trattamento immediato. Si verificano più spesso a causa di un eccesso di latte o di un'alimentazione organizzata in modo improprio. Se si osservano profonde crepe sui capezzoli, si può unire un'infezione fungina o batterica. I principali sintomi della lattostasi: grave gonfiore della ghiandola mammaria, dolore (all'inizio potrebbe non essere), arrossamento, leggero aumento della temperatura.
  4. Intossicazione del corpo. Più spesso a causa di intossicazione alimentare, accompagnata da nausea, forte dolore addominale, diarrea. Si possono osservare tassi elevati (sopra i 39 gradi).
  5. Fatica. Un cambiamento cardinale nello stile di vita può abbattere una donna così tanto che noterà un frequente aumento inaspettato della temperatura.
  6. Ovulazione. I miti secondo cui il processo è impossibile mentre il GW è in corso sono stati a lungo dissipati dagli esperti. L'ovulazione si verifica già nel primo mese dopo la nascita del bambino. Allo stesso tempo, si osserva un cambiamento nella temperatura basale - aumenta leggermente sopra i 37 gradi.
  7. Malattie croniche: cistite, tonsillite, pielonefrite, ecc..

Le madri che allattano dovrebbero prestare attenzione alle condizioni delle vene. Durante il parto, le pareti venose sono spesso infiammate, il che può causare tromboflebite.

È possibile nutrire un bambino durante una malattia?

I pediatri consigliano l'allattamento al seno per quasi ogni causa di ipertermia. I vantaggi sono spiegati da tali fattori:

  • senza un regolare svuotamento del seno da parte di un bambino, la lattostasi può peggiorare, poiché è impossibile esprimere fino all'ultima goccia;
  • durante la malattia, il corpo della madre forma anticorpi che penetrano nel latte materno e quindi nel corpo del bambino.

Non appena la febbre della mamma raggiunge i 38 gradi, deve essere abbattuta con un farmaco antipiretico. Alle donne in allattamento è consentito l'uso di paracetamolo e ibuprofene, disponibili sotto forma di compresse o supposte.

Se l'ipertermia è causata da un'infezione virale, viene indicata una bevanda abbondante per alleviare la condizione, un rapido recupero. Con lo stress grave, la prima cosa che la mamma dovrebbe fare è rilassarsi, calmarsi. Quindi la sua salute diventerà gradualmente normale.

Casi di insufficienza mammaria

Puoi continuare l'allattamento solo se la donna ha escluso medicinali controindicati nell'epatite B. Si consiglia di interrompere l'allattamento per i seguenti motivi:

  • dolore al petto (specialmente se c'è la febbre alta);
  • gravi malattie degli organi interni;
  • la malattia della mamma è batterica (che comporta un trattamento antibiotico).

Controindicazioni all'epatite B sono le malattie della madre come:

Trattamento

Poiché l'ipertermia è causata da una varietà di malattie, ci sono diversi modi per trattarla. La cosa principale è ricordare che lo stato delle briciole dipende dalla salute della madre che allatta, quindi qualsiasi terapia è accettabile solo dopo aver consultato un medico.

Rimedi popolari

Il trattamento con metodi naturali della "nonna" ha senso quando un aumento della temperatura è causato da:

  1. Infezione virale. Per il trattamento, è indicata una bevanda abbondante di acqua pura. Tisane utili ed efficaci, infusi. A causa dell'elevato contenuto di vitamina C, sono indicate le bevande con lamponi, limone, ribes e altre bacche. Per alleviare il dolore all'interno del rinofaringe, si consiglia il latte caldo, ma non ha senso bere da una tosse secca. Per proteggere il bambino dalle allergie alle bacche, dovresti provare gradualmente il nuovo tè, senza dimenticare di monitorare le condizioni delle briciole. Si consiglia a una madre che allatta di indossare una benda di garza per proteggere il bambino dalle infezioni il più possibile.
  2. Dallo stress. Il silenzio, la pace e un impacco freddo aiuteranno. Il tessuto per esso può essere inumidito in una soluzione di aceto con acqua.

Entrambi i casi riguardano il mantenimento del riposo a letto. Bene, se c'è un assistente, ad esempio, un parente stretto che controllerà il bambino.

Un modo comune per abbassare rapidamente la temperatura è pulire. A tale scopo, utilizzare vodka o aceto, diluito con acqua (rapporto 30 a 70), nonché un tessuto morbido naturale. Innanzitutto, è consigliabile pulire gomiti, ginocchia, piedi e ascelle. Se non si osserva alcun effetto, è possibile bagnare completamente il corpo. Quindi sdraiati senza una coperta in modo che il liquido evapori liberamente..

Abbassa con successo la temperatura di un clistere con un decotto di camomilla da farmacia. Foglie secche (4 cucchiai. L.) Versare 250 ml di acqua bollente. Quindi l'infusione viene filtrata, diluita con acqua (100 ml di infusione per 100 ml di acqua), viene fatto un clistere.

farmaci

Attualmente, l'OMS nomina solo 2 sostanze antipiretiche attive accettabili per l'epatite B: ibuprofene e paracetamolo.

L'ibuprofene allevia il dolore, neutralizza l'infiammazione, abbassa la temperatura. È prescritto per le malattie infettive del tratto respiratorio, nevralgiche e altre deviazioni. La massima concentrazione nel sangue si osserva dopo un paio d'ore dopo l'assunzione del farmaco contenente ibuprofene. Pertanto, non ha senso aspettarsi un rapido calo della temperatura, l'effetto massimo si verifica dopo almeno un'ora. Per l'allattamento, la dose massima sicura è di 800 mg al giorno..

Dopo un sovradosaggio, si osservano i seguenti effetti indesiderati:

  • nausea;
  • reazioni allergiche;
  • vertigini.

Farmaci comuni contenenti ibuprofene: Ibuprom, Ibufen, Nurofen.

È meglio assumere il medicinale immediatamente dopo l'alimentazione successiva, in modo che la volta successiva la concentrazione della sostanza venga ridotta.

I preparati contenenti paracetamolo non sono meno popolari, spesso presenti nelle casse della medicina domestica. Hanno un lieve effetto anti-infiammatorio, sono spesso prescritti dai medici insieme ad analgin (che è controindicato per le donne che allattano). Il massimo effetto antipiretico si verifica entro 40 minuti dalla somministrazione. Con l'allattamento, è consentito assumere non più di 4 compresse al giorno, tuttavia solo un medico può prescrivere il dosaggio esatto.

Poiché il paracetamolo passa nel latte materno, ha un effetto tossico sul fegato del bambino. Per ridurre i rischi, non puoi bere tali farmaci per più di 5 giorni. Per escludere una reazione allergica nei neonati, è necessario scegliere le opzioni in cui il minimo di eccipienti.

Farmaci popolari a base di paracetamolo: Fervex, Panadol, Coldrex, Teraflu, Anvimax, Flucoldex.

Se il farmaco con un principio attivo non funziona, è consentito prenderne un altro dopo 2 ore. Ad esempio, il paracetamolo a volte non abbassa le temperature oltre i 39 gradi. Quindi dovresti prendere l'ibuprofene.

Si consiglia alle madri che allattano di prestare attenzione alle supposte rettali antipiretiche. Vantaggi dell'applicazione:

  • il principio attivo praticamente non penetra nel latte;
  • ha un effetto duraturo più morbido.

Adulti e bambini non devono essere trattati con supposte per più di tre giorni..

Ci sono momenti in cui una donna è severamente vietata l'automedicazione. In presenza di tali sintomi, è necessario consultare immediatamente un medico:

  • l'ipertermia si verifica periodicamente per qualche motivo;
  • dopo che l'antipiretico rimane a circa 37,5-38 gradi;
  • dura più di 3 giorni.

Queste condizioni implicano un'infezione batterica o fungina. Quindi sono richiesti farmaci che possono essere prescritti solo da un medico.

L'ipertermia non è un motivo per privare un bambino del latte materno. Tuttavia, ci sono sempre prerequisiti. Per capire il motivo, oltre a mantenere la salute, è meglio chiedere il parere di un medico esperto.

Posso allattare al seno a temperatura?

Ogni donna ha avuto il raffreddore più di una volta e ognuno di noi ha i soliti rimedi per abbassare la temperatura. Ma se la febbre è iniziata con una madre che allatta, sorgono molte domande su come aiutarsi correttamente senza danneggiare il bambino. Posso prendere antipiretici? Ne vale la pena mantenere GV con un raffreddore, ed è un raffreddore?

• A una temperatura di 37,6 ° C e oltre, consultare immediatamente un medico. Questo indicatore può essere un sintomo di molte malattie pericolose ed è necessario determinare la causa della febbre..

• Se la temperatura è salita oltre i 38 ° C, l'allattamento al seno è meglio interrompere per un po '. È possibile continuare l'allattamento dopo il suo declino dipende da quale malattia ha causato la febbre e quali farmaci ha prescritto il medico.

Come misurare la temperatura in acqua calda?

Se si misura la temperatura sotto l'ascella, quando la ghiandola mammaria è piena, durante o immediatamente dopo l'alimentazione o la decantazione, sarà normalmente 37,1-37,3 ° C o anche leggermente più alta. Ciò è dovuto al fatto che il latte si forma in profondità nei tessuti e la sua temperatura è superiore a 37 gradi e inoltre, quando esce dal torace, i muscoli dei dotti si contraggono, emettendo calore.

Pertanto, se si misura la temperatura sotto l'ascella, è necessario farlo 25-30 minuti dopo l'alimentazione o l'espressione. Sotto l'ascella è necessario asciugare il sudore, perché l'acqua assorbe il calore. Solo allora i risultati saranno affidabili.

Perché la temperatura aumenta durante l'allattamento?

La prima cosa a cui pensiamo in questa situazione è un raffreddore. Ma se una madre che allatta non si verifica in luoghi affollati, nessuno ha il raffreddore a casa, non ha né il naso che cola, né la tosse, non c'era ipotermia, è necessario cercare un altro motivo per il salto di temperatura, ad eccezione delle infezioni respiratorie acute (malattia respiratoria acuta).

Ci possono essere molte cause di febbre e il medico farà una diagnosi, dato quanto tempo è trascorso dalla nascita.

Se la temperatura è aumentata nelle prime 2-3 settimane dopo la nascita del bambino (specialmente se la nascita è stata complicata o si è verificata un'operazione), è spesso causata da malattie infiammatorie postpartum (endometrite, divergenza o infiammazione delle suture sul perineo o dopo taglio cesareo, mastite) ed esacerbazione di infezioni croniche (ad es. pielonefrite, herpes).

Meno comunemente durante questo periodo, le donne sono preoccupate per le infezioni respiratorie acute e le infezioni virali respiratorie acute (infezioni virali respiratorie acute), poiché le giovani madri hanno meno probabilità di lasciare la casa e hanno meno ragioni per il raffreddamento eccessivo..

La mastite postpartum (lattazione), una malattia infiammatoria del seno causata da batteri, spesso preoccupa le madri che allattano. Può iniziare anche in ospedale, ma molto più spesso si verifica dopo la dimissione a casa. L'infezione delle ghiandole mammarie può verificarsi a causa di un'infezione cronica (ad esempio, con pielonefrite) o "per colpa" di microbi provenienti dall'ambiente esterno. Il principale agente causale della mastite è lo Staphylococcus aureus.

La probabilità di mastite aumenta la lattostasi, le crepe dei capezzoli, le anomalie del loro sviluppo (capezzoli piatti e invertiti), i cambiamenti nelle ghiandole mammarie (mastopatia, cambiamenti cicatriziali dopo il trattamento chirurgico della mastite precedente o la rimozione dei fibroadenomi, ecc.), Le violazioni delle regole di pompaggio e igiene, le malattie purulente della pelle del latte ghiandole, malattie endocrine (diabete mellito).

Se dopo il parto sono trascorse più di 2-3 settimane, la causa della febbre è più spesso ARI, SARS, intossicazione alimentare.

Cosa fare se la temperatura aumenta durante l'allattamento?

In una situazione in cui il termometro è salito sopra i 37,6 ° C, non tentare di automedicare e consultare immediatamente un medico. Se sono trascorse meno di 6 settimane da quando sei stato dimesso dall'ospedale, puoi chiedere aiuto al medico che ha ricevuto il parto o una clinica prenatale. Durante questo periodo, chiamato periodo postpartum, l'ostetrico-ginecologo è il principale responsabile della salute della donna..

Se hai sintomi di raffreddore (tosse, naso che cola) o intossicazione alimentare (nausea, vomito, diarrea), devi prima chiamare il terapista. Per minzione dolorosa, dolore alla vescica o alla parte bassa della schiena, è necessario contattare urgentemente un urologo.

Se la causa della febbre è nota ed è necessario abbassare la temperatura (in caso di infezioni respiratorie acute, prendere misure da 38,5 ° in poi prenderà misure), le giovani madri possono usare in sicurezza i farmaci che possono essere somministrati ai bambini piccoli. Questi sono paracetamolo e ibuprofene (Efferalgan, Panadol, Nurofen e altri), ma in dosi per adulti.

Posso allattare ad alta temperatura?

Naturalmente, la risposta a questa domanda dipende dalla causa che ha causato la febbre. Il medico può prescrivere un farmaco non compatibile con HBV, oppure nel latte materno ci saranno troppi batteri patogeni o virus. In tali casi, sarà necessario trasferire il bambino alle formule del latte, ma solo dopo aver consultato il medico curante della giovane madre.

Se la temperatura durante l'allattamento al seno è salita oltre i 38 gradi, è meglio trasferire brevemente il bambino nella miscela fino a quando non si scopre la causa della febbre e si inizia il trattamento in modo che il bambino non inizi la diarrea (diarrea) e i microbi entrino nel latte.

La quantità di latte in una giovane madre può diminuire, ma non a causa di un aumento della temperatura, ma a causa di un indebolimento del corpo, ad esempio una diminuzione del livello di emoglobina.

La stessa febbre non influisce sulla qualità del latte, ma, ad esempio, nelle infezioni respiratorie acute raccomandano persino (a temperature fino a 38 ° C) di continuare l'allattamento in modo che il bambino riceva anticorpi protettivi. Naturalmente, avvicinandosi al bambino, la mamma ha bisogno di indossare una maschera.

Con la mastite, anche l'interruzione del GV non è richiesta in tutti i casi. Tutto dipende dalla forma e dalla gravità della malattia e da quali farmaci devono essere usati per curare una giovane madre.

È possibile alimentare il latte a temperatura

Il periodo di alimentazione del bambino è molto lungo, quindi una donna può sperimentare varie malattie manifestate dalla temperatura: infezioni respiratorie acute, lattostasi, patologie ginecologiche, malattie croniche. Per questo motivo, i pazienti sono interessati a: è possibile alimentare il latte ad una temperatura.

Sommario

Perché si verifica la temperatura

Ci sono molte ragioni per aumentare la temperatura. Le più comuni sono le infezioni respiratorie virali (80%), che spesso si verificano in inverno. SARS e influenza causate da agenti virali.

Altre cause di ipertermia:

• Stress, maturazione delle uova durante l'ovulazione (aumento della temperatura a 37,4 ᵒ С);

• Problemi con le ghiandole mammarie: lattostasi (ristagno del latte), mastite (infiammazione della ghiandola mammaria dovuta al ristagno della secrezione).

• Patologie croniche (gastrite, pielonefrite e altri).

• Avvelenamento del cibo.

• Il problema della conservazione dell'allattamento al seno deve essere deciso dal medico.

Come misurare correttamente la temperatura

La temperatura normale durante l'allattamento è di 37,2 ᵒ С. Durante l'allattamento, le ghiandole mammarie vengono riempite di latte.

Ciò porta ad un aumento locale della temperatura sotto l'ascella.

Se vengono prese misurazioni sotto l'ascella, i risultati non saranno affidabili..

Per questo motivo, la misurazione viene effettuata dopo l'allattamento dopo 30 minuti. Il termometro non è posizionato sotto l'ascella, ma la curva del gomito.

Per una misurazione corretta, si consiglia di estendere il braccio in avanti. Posiziona il termometro all'interno del gomito, piega il braccio sul gomito.

È più comodo usare un termometro elettronico. Il mercurio viene utilizzato per misurazioni accurate..

L'errore dei termometri elettronici può essere fino a 0,2-1,5 ᵒ С.

I moderni dispositivi elettronici hanno un errore basso, quindi non è necessario l'uso di un termometro a mercurio.

Come fermare l'ipertermia

Le alte temperature peggiorano significativamente le condizioni del paziente, quindi, con tassi di ipertermia superiori a 38 ° C, si raccomanda di abbassare la temperatura corporea con i farmaci.

Sono ammessi i seguenti farmaci:

• Paracetamolo (compresse - 500 mg, supposte - 250 ml, 2 supposte per 1 dose);

• Ibuprofene (200 mg - compresse, supposte 60 mg - 3 supposte).

Questi medicinali sono ammessi anche per i neonati, quindi sono sicuri per l'allattamento..

All'inizio si consiglia di provare il paracetamolo. Questo è un farmaco di prima linea per l'ipertermia..

Si consiglia di assumere il farmaco sotto forma di compresse o supposte da 500 mg (massimo 4 volte al giorno).

L'intervallo tra le compresse deve essere di almeno 4 ore.

Se si usano candele (Tsefekon), la madre deve inserire 2 supposte contemporaneamente. Una candela sarà inefficace.

Se il rimedio a base di paracetamolo non aiuta, si dovrebbe provare l'ibuprofene. Il farmaco è indicato per l'uso in compresse o supposte da 200 mg fino a 3-4 volte al giorno massimo.

Non è raccomandata una dose elevata. L'intervallo tra l'assunzione di una singola dose è di almeno 6 ore.

Durante l'uso di supposte di ibuprofene, devono essere messe immediatamente 3 supposte, poiché il dosaggio in una supposta è di 60 mg e la dose singola per un paziente in allattamento è di 200 mg.

Se entrambi i rimedi non sono efficaci, consultare un medico..

Prima di interrompere l'ipertermia, si consiglia anche di visitare un medico per escludere patologie gravi.

È possibile alimentare il latte materno a una temperatura

L'allattamento al seno con ipertermia è possibile se una donna ha l'ARVI o l'influenza.

Con queste condizioni, nel latte vengono prodotti interferoni che aumentano l'immunità del bambino, proteggono dal patogeno che ha causato la malattia nella madre.

Il processo di alimentazione deve essere mascherato per ridurre la diffusione dei virus..

Anche la cura del bambino viene eseguita in una maschera.

Durante la lattostasi, il segreto ristagna, il che porta a dolore e ipertermia.

Se in questa condizione non c'è scarico purulento, l'allattamento al seno viene mantenuto.

Applicare il bambino su ciascun seno alternativamente, ma più sul paziente.

Durante il ristagno del segreto, è necessario applicare il più spesso possibile. Il bambino succhia il latte meglio del tiralatte più costoso.

Impastare costantemente il torace, fare una doccia calda per espandere i dotti della ghiandola mammaria. Dopo l'alimentazione, si consiglia di decantare le secrezioni rimanenti..

L'alimentazione è possibile con altre malattie croniche in cui non sono prescritti antibiotici e farmaci che influenzano negativamente la salute del bambino.

Il problema dell'alimentazione è deciso dal ginecologo o terapeuta.

Quando non puoi assolutamente nutrirti

Non allattare il bambino a temperature molto elevate. Peggiora le condizioni della madre, cambia il gusto del latte.

Si consiglia prima di interrompere l'ipertermia e dopo 30-60 minuti per iniziare l'alimentazione.

Non è possibile allattare al seno un bambino con latte materno se viene prescritta una terapia antibatterica o conservativa (per una malattia infettiva o cronica).

I farmaci penetrano nel segreto del latte, che colpisce gravemente il bambino.

Dopo la nomina della terapia antibatterica, il latte deve essere espresso. Non puoi dar loro da mangiare al bambino. L'alimentazione viene effettuata in sostituzione del latte vaccino. Il rifiuto dell'allattamento al seno viene effettuato per l'intero periodo di trattamento con farmaci.

La mastite è caratterizzata da infiammazione delle ghiandole mammarie, secrezione purulenta dai capezzoli. L'alimentazione in questa condizione è vietata, poiché il pus è una fonte di batteri patogeni..

A una donna viene prescritta una terapia antibiotica. L'alimentazione è sospesa per la durata del trattamento. Se l'allattamento dopo la malattia persiste, l'allattamento al seno può essere ripristinato..

Anche l'esacerbazione di una malattia autoimmune che richiede una terapia ormonale è una controindicazione all'alimentazione.

Il bambino viene trasferito in una miscela di latte secco per il periodo di terapia. In altre condizioni accompagnate da ipertermia, la decisione sull'allattamento al seno viene presa dal medico.

Non dare da mangiare in caso di intossicazione alimentare. Le sostanze tossiche entrano nel latte, provocano intossicazione nei neonati.

Raccomandazioni per l'ipertermia

Si raccomanda a un paziente con ipertermia di bere più bevande alla frutta, tè, composte. Ciò contribuirà ad evitare la disidratazione, a migliorare le condizioni generali del paziente..

Se la temperatura supera i 38 ° C, deve essere ridotta con i farmaci. Non dare da mangiare se non ci si sente bene..

Durante l'ipertermia, devi dormire di più. In un sogno, la difesa immunitaria aumenta. Promuove il recupero più veloce..

Non puoi essere trattato in modo indipendente. Dopo il verificarsi dell'ipertermia, dovresti andare dal terapeuta.

Il medico effettuerà un esame, prescriverà i test necessari. Lo specialista escluderà la presenza di una malattia cronica, mastite, avvelenamento e altre condizioni gravi.

Dopo la comparsa di un forte dolore all'interno del torace, i consolidamenti della ghiandola, dovresti andare dal ginecologo. Assicurati di controllare lo scarico dal torace.

Se appare scarico giallo invece del latte o insieme ad esso, l'allattamento al seno deve essere interrotto, il trattamento della mastite deve essere iniziato.

Temperatura nel primo mese, cause, eventi

Durante il periodo postpartum di 1 mese, un aumento della temperatura è possibile non solo a causa di un'infezione virale, ma anche a causa della lattostasi.

L'allattamento durante questo periodo è eccessivo. Si adatta alle esigenze del bambino.

Non c'è bisogno di avere paura della stagnazione. Si consiglia di attaccare semplicemente il bambino al petto più spesso. Dopo ogni applicazione, decantare i resti di latte in modo che si percepisca un sollievo nel petto.

Nelle madri che hanno subito un taglio cesareo, la temperatura si verifica sull'infiammazione nell'area pelvica, sulle suture. Con tali problemi, è necessario contattare immediatamente il medico.

Se ci sono malattie infiammatorie purulente dopo parto chirurgico o indipendente, viene spesso prescritta una terapia antibiotica.

Durante il verificarsi di ipertermia, una donna dovrebbe assolutamente consultare un medico per escludere malattie pericolose che richiedono un trattamento.

La lattostasi e le infezioni respiratorie virali non sono controindicazioni all'alimentazione.

Up