logo

"Vestnik ATOR", con l'aiuto di ginecologi e assicuratori, ha redatto una serie di suggerimenti e raccomandazioni più importanti di cui le donne incinte avranno bisogno durante la pianificazione, la preparazione, il volo e il soggiorno durante una vacanza estiva al mare - dalla scelta dell'assicurazione alle regole di abbronzatura e alimentazione sicure.

I dettagli e le sfumature dell'organizzazione delle ferie estive durante la gravidanza sono stati segnalati a Vestnik ATOR:

Natalia Badikova, ostetrica-ginecologa con 13 anni di esperienza, uroginecologa, candidata a scienze mediche

Julia Alcheeva, direttrice esecutiva di ERV Insurance Company, il principale attore nel mercato assicurativo del monoturismo in Russia.

Dalla nostra recensione imparerai:

  • In quale periodo di gravidanza posso volare in vacanza e in cui è meglio rimanere a casa
  • In quale settimana di gravidanza puoi volare in vacanza all'estero
  • Quale assicurazione scegliere per la gravidanza
  • Cosa devi fare prima di lasciare una donna incinta e quali documenti prendere
  • Quali sintomi è meglio per una donna incinta posticipare il viaggio
  • Aereo, auto, treno - che è più sicuro per le donne in gravidanza?
  • È possibile per le donne incinte passare attraverso uno scanner durante l'ispezione in aeroporto
  • Viaggio aereo durante la gravidanza: come comportarsi e cosa portare con sé
  • Quale paese scegliere per una vacanza al mare durante la gravidanza
  • Come prendere il sole durante la gravidanza
  • Dove è sicuro nuotare in gravidanza - mare o piscina
  • Come mangiare incinta in vacanza
  • Cosa fare se scopri la gravidanza durante le tue vacanze

I. PIANIFICAZIONE DI UNA VACANZA IN GRAVIDANZA

QUANDO IL GRAVIDANTE PUO 'VOLARE IN VACANZA E QUANDO È MEGLIO STARE A CASA

In ogni caso, una decisione su un viaggio durante la gravidanza deve essere presa solo dopo aver superato gli esami e le analisi necessari - per verificare il normale corso della gravidanza, escludere condizioni patologiche.

Per eliminare i rischi della prenotazione anticipata, le donne in gravidanza dovrebbero sempre stipulare un'assicurazione estesa quando acquistano un tour - con l'opzione di assicurazione annullamento viaggio attivata. Se hai appreso della gravidanza più tardi rispetto all'acquisto di un tour, questa assicurazione dovrebbe essere acquistata separatamente, così come un'assicurazione medica speciale (ma ne parleremo più avanti).

Secondo medici e assicuratori, se non ci sono controindicazioni mediche, è meglio andare in vacanza al mare con viaggi aerei nel secondo trimestre di gravidanza, con alcune restrizioni - nella prima e nella prima metà del terzo trimestre (fino a 31 settimane)

"L'età gestazionale va da 14 settimane a 23 settimane, secondo la pratica medica, il periodo più" calmo "e relativamente sicuro per i voli e qualsiasi viaggio", afferma Natalya Badikova, ostetrico-ginecologa.

Gravidanza da 14 settimane a 23 settimane, secondo la pratica medica, il periodo più "calmo" e relativamente sicuro per i voli e qualsiasi viaggio

Secondo i medici, il punto non è solo che le donne in gravidanza hanno spesso tossicosi fino a 12 settimane, che si manifesta in affaticamento, nausea, cattiva salute, cambiamenti nelle preferenze del gusto, ecc., Che, ovviamente, non contribuiscono a un riposo tranquillo. Ma il fatto è che fino alla 14a settimana inclusa nel corpo della donna c'è un'intensa “posa” di base di tutti i sistemi e gli organi del bambino - ed è importante per lei non interferire. Inoltre, in Russia, lo screening più importante durante la gravidanza viene eseguito alla fine del primo trimestre - dalle 11 alle 14 settimane. Questo screening comprende la diagnostica ecografica specializzata, il calcolo del rischio individuale di avere un bambino con patologia cromosomica e una serie di studi complessi. È estremamente indesiderabile perdere, quindi è meglio escludere del tutto un viaggio lontano dal luogo dell'osservazione medica dalle 11 alle 14 settimane di gravidanza.

La stessa regola si applica per 18-21 settimane - in questo momento, le donne in gravidanza vengono sottoposte a un secondo screening (diagnosi perinatale delle anomalie dello sviluppo fetale, uno studio molto importante), quindi è necessario essere alla portata della clinica in cui è condotto e pianificare correttamente le date di inizio e fine del tour per superare questo esame.

PRIMA DI QUALSIASI SETTIMANA DI GRAVIDANZA PUOI VOLARE SULLE VACANZE ALL'ESTERO DELLA GRAVIDANZA

Si noti che il terzo trimestre di gravidanza non è generalmente raccomandato per i viaggi con viaggi aerei e cambiamenti climatici. In particolare, i medici ritengono estremamente indesiderabile andare in vacanza dalla 28a settimana di gravidanza fino al parto, se:

  • c'è una storia ostetrica e ginecologica gravata (aborto precedente, aborti spontanei, mancate gravidanze, gravi malattie ginecologiche, ecc.)
  • ci sono gravi malattie concomitanti somatiche, comprese le malattie autoimmuni
  • è una gravidanza multipla (gemelli o terzine).

Tuttavia, se la gravidanza procede normalmente, senza complicazioni, un turista può andare in vacanza al mare all'estero, ma in modo che si concluda entro e non oltre 31 settimane di gravidanza.

Perché esattamente questo periodo? Il punto non è solo l'aumento del rischio in questa fase, ma anche che tutti i prodotti assicurativi speciali esistenti in Russia con opzioni per le donne in gravidanza forniscono una copertura assicurativa per le spese mediche per le donne in gravidanza fino a un massimo di 31 settimane. Pertanto, tutti i viaggi di donne in gravidanza, a partire da 32 settimane, non sono assicurati da alcuna compagnia assicurativa. Semplicemente non esistono politiche di questo tipo, il che significa che le complicazioni o le nascite premature all'estero minacciano enormi importi addebitati per il trattamento.

Dopo 32 settimane, sia i medici che gli assicuratori danno a tutti un buon consiglio: non viaggiare all'estero, a meno che non si tratti di alcune situazioni di vita difficili. Questo consiglio dovrebbe essere preso estremamente sul serio. Le statistiche del più grande assicuratore di viaggi, ERV, sono deludenti: 9 donne su 10 che cercano assistenza medica all'estero per complicazioni della gravidanza perdono il bambino.

Infine, ricordiamo un altro fattore. Con un'età gestazionale di 30-34 settimane, viene eseguita un'ecografia nel luogo di osservazione della donna incinta. Cioè, durante questo periodo è anche meglio essere nella zona di copertura della struttura sanitaria, dove si svolge il monitoraggio della gravidanza.

QUALE ASSICURAZIONE PER SCEGLIERE INCINTO

“La prima cosa che i turisti dovrebbero capire: per le donne incinte che viaggiano all'estero, hanno bisogno di un'assicurazione speciale e separata con opzioni specifiche per le donne incinte. Nessuna delle polizze assicurative di base sul mercato, che viene fornita "di default" in un normale pacchetto turistico, copre i rischi di complicanze della gravidanza per un periodo di 12-31 settimane. In questo caso, il turista deve chiedere all'agente di viaggio o stipulare un'assicurazione aggiuntiva nell'ambito di un programma speciale ", ha affermato il direttore esecutivo di ERV Insurance Company.

Per le donne in gravidanza che viaggiano all'estero, è necessaria un'assicurazione speciale e separata con opzioni specifiche per le donne in gravidanza - questa non è l'assicurazione che è già nel pacchetto turistico

La stragrande maggioranza delle compagnie assicurative russe non include nei programmi di base e nei rischi di complicanze della gravidanza fino a 12 settimane. L'unica eccezione sul mercato è l'assicurazione ERV, che anche nella versione "base" riconosce le complicazioni della gravidanza fino a 12 settimane come evento assicurato, in quanto è possibile che l'assicurato non potesse conoscere la sua gravidanza nelle fasi iniziali.

I prodotti assicurativi per le donne incinte, a partire dal periodo di 12-13 settimane, sono nell'assortimento di tutti i principali attori del mercato assicurativo, un turista può scegliere tale assicurazione in base a una serie di opzioni, l'importo della copertura assicurativa o il prezzo.

Per quanto riguarda le assicurazioni che coprono i rischi fino a 31 settimane di gestazione (questo è il periodo massimo), ce ne sono relativamente pochi. L'assicurazione più “completa” è di nuovo con ERV (tariffa Optima): oltre al termine fino a 31 settimane incluso, la copertura comprende le spese mediche non solo per le donne, ma anche 10 mila euro per la cura di un bambino in un istituto medico in caso di parto prematuro (altre compagnie coprono solo spese mediche materne). Questo importo è sufficiente per l'assistenza a lungo termine di un bambino che utilizza attrezzature speciali in Europa o in Turchia.

E, naturalmente, l'assicurazione deve necessariamente includere l'opzione "annullamento del viaggio" (nella vita di tutti i giorni è anche chiamata "assicurazione di viaggio"). Le condizioni della donna incinta stanno cambiando e può accadere che prima del viaggio lei abbia controindicazioni al volo. È importante ricordare che se un turista vola con suo marito, i suoi figli, altri parenti, riceveranno l'intero importo dell'intero tour solo se viene rilasciata la "assicurazione di viaggio" per tutti (e non solo per la donna incinta).

COSA DEVI FARE PRIMA CHE LA DONNA INCINTA È UNA VACANZA E QUALI DOCUMENTI PRENDERE

Prima del viaggio (3-7 giorni), è necessario visitare il terapista e il ginecologo frequentante, ottenere consigli e, se necessario, sottoporsi ai test e alle procedure prescritti.

È necessario chiedere al medico di rilasciare un certificato per la compagnia aerea sulla durata della gravidanza e l'assenza di controindicazioni mediche (senza di essa, se ci sono segni esterni di gravidanza, alcuni vettori potrebbero non consentire a bordo dell'aeromobile).

“Oltre all'assicurazione, ai documenti di viaggio e ai passaporti, dovresti anche prendere una carta di scambio, specialmente se vai in Russia. Per comodità e tranquillità, un vacanziere può anche prendere un estratto dal medico curante con la sua anamnesi, gli appuntamenti, i risultati dell'ultima ecografia, lo screening, ecc., E tradurli, se non nella lingua del paese ospitante, quindi almeno in inglese ", consiglia il medico ginecologo Natalya Badikova.

Sarebbe anche positivo se il medico curante potesse essere in contatto con il turista durante le vacanze. I moderni servizi di telemedicina lo consentono. Ad esempio, prima del viaggio, è possibile verificare con il proprio medico se consulta in remoto in un'applicazione speciale o acquistare un abbonamento a diverse consultazioni di telemedicina di un operatore di telemedicina di fiducia. A proposito, anche i ginecologi si consultano da remoto.

QUALI SONO I SINTOMI CHE È MEGLIO POSITARE UN VIAGGIO

“Disegnare dolori nell'addome inferiore nel primo trimestre di gravidanza, tirando, dolori crampi o tensione (contrazioni false e vere) - nel secondo e terzo trimestre di gravidanza prima del viaggio - una campana d'allarme. Questi sono motivi incondizionati per cure mediche immediate. L'individuazione brunastra o, soprattutto, la colorazione scarlatta in qualsiasi fase della gravidanza, acquosa nel secondo e terzo trimestre è anche un'occasione per vedere immediatamente un medico e non andare in aeroporto ", afferma Natalya Badikova.

Tra gli altri "cattivi" segni che indicano la necessità di consultare tempestivamente un turista con un medico c'è un forte mal di testa, accompagnato da acufene. Questi possono essere i primi segni di gestosi o preeclampsia. Ragioni per rinviare il viaggio per la donna incinta - vomito, diarrea e esacerbazione di malattie concomitanti.

Affinché una donna incinta possa annullare in sicurezza il viaggio per motivi di salute e non perdere denaro, quando acquista un tour o separatamente (ma al massimo 5 giorni prima della partenza), è necessario stipulare un'assicurazione di viaggio per tutti i partecipanti al tour, di cui abbiamo già parlato. Di norma, il suo costo è del 5% del tour totale.

II. VOLI IN GRAVIDANZA

AEREO, AUTO, TRENO - CHE COSA È SICURO PER LE DONNE INCINTE?

Contrariamente alla credenza popolare, un aereo non è affatto il mezzo di trasporto più "rischioso" per le donne in gravidanza.

“Molte persone pensano che la cosa più sicura per le donne in gravidanza di viaggiare in auto è perché puoi fermarti dove vuoi. Ma non è così. Quindi, mentre si agita in una macchina, non si agita da nessuna parte, nemmeno su un treno. Dossi, brusche frenate, situazioni di emergenza pericolose sulla strada: tutto ciò influisce molto negativamente sullo stato di gravidanza. Inoltre, prolungata mancanza di esercizio fisico, cinetosi, odore di benzina - questo può innescare una cascata di reazioni patologiche ", afferma il dott. Badikova.

Per quanto riguarda il treno, quindi se si tratta di un comodo treno espresso, e soprattutto se il viaggio non è lungo (3-4 ore, Sapsan), allora può essere preso in considerazione. Puoi anche considerare i nuovi express a due piani "Mosca-Sochi". In altri casi, soprattutto se il treno è vecchio, con bagni adatti all'età, i medici raccomandano di pensare a un aereo anziché a un treno.

PU THE IL MODO INCINTO PASSARE LO SCANNER DURANTE LA PROIEZIONE IN AEROPORTO

Solo le macchine a raggi X sono pericolose, quindi dovresti scoprire che tipo di scanner all'aeroporto. Se sul dispositivo è presente un'icona corrispondente, è necessario mostrare al dipendente dell'aeroporto un certificato di gravidanza e passare attraverso altre procedure di screening.

Tuttavia, i moderni dispositivi negli aeroporti non sono pericolosi per le donne in gravidanza. “I moderni scanner per aeroporti utilizzano un campo elettromagnetico a bassa frequenza. Non si tratta di radiazioni ionizzanti, non vi è alcun danno al corpo della donna incinta e al bambino da esso, così come dagli ultrasuoni ", afferma Natalya Badikova.

VOLO DURANTE LA GRAVIDANZA: COME IMPARARE E COSA PRENDERSI

I viaggi aerei hanno anche i propri fattori che possono influire negativamente sulla salute delle donne in gravidanza. Ci sono rischi, ma se una donna incinta si sente bene e i medici non hanno obiezioni alle vacanze, puoi volare.

In primo luogo, queste sono le differenze di pressione sanguigna durante il decollo e l'atterraggio. Di solito lottano con questo creando uno stato di riposo (in volo è necessario prendere un cuscino speciale con boost regolabile, tappi per le orecchie usa e getta, una maschera per il viso) e una bevanda abbondante (acqua naturale senza gas). Puoi tranquillamente acquistare acqua all'aeroporto dopo aver attraversato il confine. È anche bello portare con te una barretta di cioccolato fondente (in caso di cadute di pressione e solo per uno spuntino).

In secondo luogo, si tratta di inattività fisica e di una lunga permanenza in posizione seduta, quindi le donne in gravidanza dovrebbero scegliere, se possibile, durante questo periodo della loro vita, destinazioni per rilassarsi con un volo breve (3-5 ore)

Ove possibile, le donne in gravidanza dovrebbero scegliere durante questo periodo delle loro destinazioni di vita per rilassarsi con un volo breve (3-5 ore)

Perché? “Una lunga permanenza in posizione seduta porta a un ristagno nel bacino. Ciò può interrompere il flusso sanguigno negli organi pelvici, compreso l'utero, e causare un cambiamento nella funzione intestinale. I cappi intestinali gonfi possono esercitare pressione sull'utero, possono causare ipertensione, che in alcuni casi può causare un aborto ”, spiega Natalya Badikova. Come affrontare questo rischio? È semplice: durante il volo, devi provare a camminare più spesso in cabina, alzarti, cambiare la posizione del corpo, fare ginnastica leggera per gambe e braccia.

Quando si prende un volo (nel bagaglio a mano), una donna incinta non dovrebbe dimenticare di prendere prodotti per l'igiene (salviettine umidificate, cuscinetti usa e getta, ecc.), Acqua micellare (non più di 100 ml consentiti sull'aereo) - per idratare la pelle in volo, una serie di preparativi (se i preparati sono rari e soggetti a prescrizione medica, è meglio prendere una prescrizione per loro, a volte con una traduzione autenticata - per evitare difficoltà alla frontiera).

Inoltre, le donne in gravidanza dovrebbero prendersi cura della maglieria a compressione in volo. Dovrebbe essere calze o gambaletti (la classe di compressione dovrebbe essere determinata dal medico curante). Nel secondo e terzo trimestre, una fasciatura prenatale dovrebbe essere indossata per il volo. Per il periodo del volo, una donna dovrebbe indossare biancheria intima di cotone e un reggiseno con spalline larghe.

In volo, è meglio che le donne incinte indossino scarpe comode, in mocassini o pantofole leggeri.

III. RESTO DELLA SPIAGGIA IN GRAVIDANZA

QUALE PAESE SCEGLIERE PER UNA VACANZA SUL MARE DURANTE LA GRAVIDANZA

L'elenco di tali paesi è determinato da una combinazione di tre fattori principali. In primo luogo, come abbiamo già detto, queste dovrebbero essere destinazioni con un volo breve (fino a un massimo di 5 ore).

In secondo luogo, dovrebbe essere la Russia o paesi non esotici stranieri con un clima relativamente temperato e una dieta adattata alla nostra cucina. I paesi con climi eccessivamente caldi e cucina esotica dovrebbero essere evitati..

“L'acqua e il cibo che non sono caratteristici della nostra dieta, ad esempio, nei paesi dell'America meridionale e centrale, nel sud-est asiatico, possono provocare tossicosi nelle donne in gravidanza nel primo trimestre, anche se non ce l'hai. È anche provocato dal calore. Il fatto è che l'impulso per lo sviluppo della tossicosi nelle donne in gravidanza può essere l'ipoglicemia (mancanza di glucosio). E si verifica in un clima caldo a causa della maggiore evaporazione dell'umidità dalla pelle, del consumo eccessivo e, di conseguenza, della mancanza di appetito e di lunghi intervalli di assunzione di cibo ", afferma il dott. Badikova.

I medici consigliano alle donne in gravidanza di scegliere quei paesi per una vacanza al mare dove la temperatura media giornaliera (attenzione - non giornaliera, ma media) nel luogo e durante il resto non supera i 30,5 gradi Celsius.

Le donne incinte dovrebbero scegliere per una vacanza al mare quei paesi in cui la temperatura media giornaliera (non giornaliera, ma media) durante il periodo di vacanza non supera i 30,5 gradi Celsius

Non vale la pena scegliere donne in gravidanza per una vacanza in un paese in cui esiste il rischio di contrarre infezioni da giardiasi e in generale malattie infettive (encefalite giapponese, febbre dengue, Zika, ecc.). Dovrebbe essere esplicitamente escluso dalle visite nei paesi in cui si raccomanda di vaccinarsi in anticipo (l'elenco è disponibile sul sito web Rospotrebnadzor). I medici raccomandano vivamente che le donne in gravidanza non vengano vaccinate contro qualsiasi malattia - questo può avere conseguenze fatali per il bambino, poiché qualsiasi vaccino passa attraverso la barriera placentare.

In terzo luogo, per le donne in gravidanza, oltre al clima e al cibo, un altro fattore dovrebbe essere preso in considerazione quando si sceglie una destinazione per il relax: la disponibilità e il livello di medicina nel paese e in hotel. La preferenza durante la gravidanza dovrebbe essere data ai paesi con medicina avanzata (almeno nei resort) e quando si sceglie un hotel, si dovrebbe chiedere al proprio agente di viaggio se c'è un medico in hotel (di norma, visita hotel di alto livello).

La scelta di una donna incinta nel primo e nel secondo trimestre, quindi, scende al seguente elenco di destinazioni: questi sono Russia, hotel decenti in Turchia, Spagna, Italia, Grecia, Cipro, Croazia, Bulgaria, Montenegro, Slovenia e Repubblica Ceca. Puoi anche andare nei paesi del Golfo (preferibilmente negli emirati sviluppati degli Emirati Arabi Uniti - Dubai e Abu Dhabi, o in Qatar), e scegliere con cura un hotel, preferendo di alto livello.

È meglio escludere i paesi dell'Africa equatoriale, del Sud-est asiatico e di entrambe le Americhe durante la gravidanza dalla loro lista - a causa del lungo volo, del clima caldo, del cibo insolito, del rischio di malattie infettive e in alcuni casi anche della necessità di vaccinazioni.

Come prendere il sole durante la gravidanza

Va tutto bene e la turista incinta è al resort sulla spiaggia. L'estate e la spiaggia significano il sole, e qui anche i dottori hanno i loro consigli. Il sole, ovviamente, porta una donna incinta in positivo (vengono rilasciate più endorfine), riempie la carenza di vitamina D tipica dei residenti nei paesi del nord.

In primo luogo, le donne incinte dovrebbero essere evitate dal sole e persino nuotare nel mare (a causa del riflesso della luce solare dalla superficie dell'acqua) dalle 12.00 alle 16.00.

In secondo luogo, e per il resto del tempo è necessario considerare attentamente la protezione dai raggi solari. “Durante la gravidanza, una donna ha spesso iperpigmentazione. Data l'esposizione al sole durante le vacanze, c'è un'alta probabilità che le macchie dell'età, le lentiggini che compaiono durante la gravidanza su parti aperte del corpo non scompaiano. Pertanto, è necessario che una donna incinta prenda in vacanza prodotti per la protezione solare, con un fattore di protezione di almeno 50 - meglio di più. È auspicabile che la vitamina E faccia parte di un tale prodotto. E subito dopo l'esposizione al sole, è necessario applicare un prodotto speciale dopo l'abbronzatura, idratando ulteriormente la pelle ", afferma Natalya Badikova.

È necessario che una donna incinta prenda in vacanza prodotti per la protezione solare con un fattore di protezione di almeno 50, preferibilmente di più. È desiderabile che la composizione fosse vitamina E

In particolare, i medici considerano una linea di dispositivi di protezione come Sanosan, Lierak, Uriage, dal budget, ad esempio Garnier, come mezzi ben collaudati. Ma tutto è individuale e, nella scelta del marchio e, soprattutto, della composizione del prodotto, è meglio seguire i consigli del ginecologo presente.

I ginecologi raccomandano fortemente ai turisti di portare un costume da bagno chiuso sulla spiaggia, eliminando la luce solare diretta sull'addome. "Sarà molto bello prendere un berretto con una visiera grande o un cappello con tesa - per escludere gli effetti del sole sul viso, poiché i rischi di macchie di età nelle donne in gravidanza sono molto alti", consiglia la dott.ssa Natalya Badikova.

DOVE SICURO INCINTO DI NUOTO - MARE O PISCINA

Le donne in gravidanza possono tranquillamente nuotare nel mare, se fa caldo, a proprio agio per la temperatura di una donna. La durata del soggiorno è fino al primo momento in cui la donna incinta sente "freddo". Un altro suggerimento: le donne in gravidanza non vogliono stare in costume da bagno a lungo. Alle prime sensazioni spiacevoli, è meglio cambiare i vestiti e quindi portare con te più di un set.

Allo stesso tempo, dicono gli esperti, il mare per le donne incinte è sicuramente preferibile alla piscina.

"L'acqua eccessivamente clorata in alcune piscine può portare a cambiamenti nella microflora della vagina e, in definitiva, alla vaginosi batterica o all'infiammazione di questa zona", afferma Natalya Badikova. Dopo la piscina, è anche meglio per una donna incinta eseguire un trattamento esterno (solo esterno!) Di luoghi intimi con miramistina o mezzi simili.

COME ALIMENTARE INCINTO SULLA VACANZA

La dieta in hotel è meglio rimanere invariata, vicino all'insieme di prodotti che una donna mangia a casa, dicono i medici. Consigli eseguibili, in particolare con il sistema all-inclusive: il buffet dell'hotel consente di scegliere quasi ogni tipo di cibo.

Tuttavia, ci sono dei limiti: ad esempio, qualsiasi bevanda gassata dovrebbe essere esclusa; al posto del tè verde, è meglio bere nero. E tutti i prodotti esotici per noi, compresi frutta e verdura del sud, dovrebbero essere aggiunti alla dieta gradualmente, in piccole porzioni, a partire da 3-4 giorni di vacanza.

“Non vale la pena mangiare più di due frutti insoliti al giorno (ad esempio mango). Se stiamo parlando di succhi appena spremuti, allora questo è un sostituto di frutta (o frutta - o succhi da loro). Tali succhi dovrebbero essere bevuti rigorosamente dopo i pasti, non a stomaco vuoto, al fine di evitare una maggiore secrezione di acido cloridrico e bruciore di stomaco ", spiega il medico di Badikova..

COSA FARE SE IMPARA SULLA GRAVIDANZA DURANTE UNA VACANZA

Il turista ha saputo della sua gravidanza, mentre era già in vacanza, e tornerà in aereo. Questo succede. Se non ci sono momenti di disturbo (spotting, dolore, ecc.), Non contattare il medico locale. Cosa bisogna fare già in questo periodo?

I medici consigliano in questo caso di cambiare immediatamente la dieta in una più frazionaria, escludere alcol, caffè, fumo (se esiste una tale abitudine), includere più carne, pesce, pollo nella dieta. In questo caso, è necessario limitare il consumo di frutta e verdura arancione e rossa brillante - in modo da non formare una sindrome allergica.

Per quanto riguarda il trasferimento in aeroporto e il volo stesso, la donna incinta nelle prime fasi deve escludere il sollevamento pesi.

ATTENZIONE:

Ancora più interessanti materiali di ATOR sono nel nostro canale su Yandex.Zen.

Troverai corsi online gratuiti, webinar e cataloghi elettronici di tour operator sul portale "Academy ATOR".

Per le OFFERTE SPECIALI attuali degli operatori turistici nei tour all'estero e in Russia, consultare la sezione STR del portale ATOR.

Posso volare all'inizio della gravidanza

Nella maggior parte dei casi, i viaggi aerei non influiscono negativamente sulla gravidanza se non ci sono malattie croniche e complicanze. Un tempo sfavorevole per il viaggio è considerato il primo trimestre, quando aumenta la probabilità di aborto spontaneo, e il terzo, quando il rischio di distacco della placenta, aumenta il parto prematuro.

Studi recenti hanno dimostrato che in assenza di complicazioni, puoi volare su un aereo in qualsiasi fase della gravidanza. Va ricordato che ogni donna ha una gravidanza diversa, quindi è importante consultare un medico osservatore prima del volo..

Volare su un aereo all'inizio della gravidanza non è considerato il momento migliore. A causa dei cambiamenti ormonali nel corpo, le donne incinte nel primo periodo di gravidanza avvertono malessere generale, sono molestate da mal di testa e nausea.

Tali sintomi spiacevoli, quando si vola durante il primo periodo della gravidanza (fino a 12 settimane), possono intensificarsi a causa della caduta di pressione. Una pressione ridotta in cabina può causare carenza di ossigeno sia per gli organi interni della madre che per il bambino.

Con il normale sviluppo della gravidanza, la probabilità di danno dal volo è molto piccola, ma prima di salire sull'aereo nelle prime fasi della gravidanza, dovresti comunque pensare alle possibili conseguenze.

Gravidanza e aereo

Limitazioni e raccomandazioni per i voli durante la gravidanza.

La gravidanza è un momento molto importante ed eccitante per una futura madre. Allo stesso tempo, non si vuole cambiare il solito modo di vivere e negare il piacere, ad esempio, di viaggiare. Nonostante molti pregiudizi e storie dell'orrore, vogliamo dire: la gravidanza e i voli in aereo sono completamente compatibili! Tuttavia, vale sempre la pena considerare le tue caratteristiche individuali e ricordare una serie di regole, che discuteremo di seguito.

Aerei all'inizio della gravidanza

La gravidanza precoce non è considerata il momento migliore per volare su un aereo. Le donne incinte nel primo trimestre di gravidanza lamentano spesso nausea, mal di testa, malessere generale - tutto ciò è dovuto a cambiamenti ormonali nel corpo.

I sintomi spiacevoli possono peggiorare se ti trovi su un aereo nelle prime fasi della gravidanza. Inoltre, nel periodo fino a 12 settimane di gravidanza, esiste un alto rischio di aborto spontaneo e la differenza di altezza e pressione può peggiorare le condizioni del feto: la bassa pressione nella cabina può causare carenza di ossigeno sia per gli organi interni della madre che per il bambino.

Con uno sviluppo sano della gravidanza, la probabilità di danno da un volo è estremamente piccola, ma prima di salire su un aereo all'inizio della gravidanza, dovresti comunque considerare le possibili conseguenze.

Il momento più sicuro per volare durante la gravidanza

Il periodo più comodo e sicuro per volare in aereo durante la gravidanza va dalle 14 alle 27 settimane di gravidanza. A questo punto, il corpo è già abituato a un nuovo stato e la donna non è tormentata da attacchi di tossicosi. La pancia non è ancora così grande, il che significa che puoi viaggiare il più comodamente possibile.

La maggior parte delle compagnie aeree autorizza liberamente voli per donne in gravidanza fino a un periodo di 36 settimane (se la gravidanza è singleton) o 32 settimane (se i gemelli nascono).

Se hai bisogno di un volo in aereo durante la gravidanza in un secondo momento (4 settimane prima della data prevista di consegna), la compagnia aerea ti chiederà un referto medico e il permesso di volare dal medico supervisore. Secondo le informazioni sul sito Web di Aeroflot, la conclusione deve essere firmata non più di 7 giorni prima del volo. Queste precauzioni sono spiegate dal rischio di parto prematuro..

Le politiche delle compagnie aeree relative ai voli in stato di gravidanza possono variare, quindi prima di acquistare i biglietti, controlla se ti sarà permesso volare.

Nonostante il fatto che la compagnia aerea richiederà un documento ufficiale solo in caso di volo in tarda gravidanza, vale sempre la pena consultare uno specialista se si prevede di viaggiare in aereo.

Come rendere confortevole un volo durante la gravidanza

Alcune semplici regole ti aiuteranno a rendere il volo su un aereo durante la gravidanza il più comodo possibile:

  • Prova a scegliere un posto vicino al corridoio. Quindi sarai meno costretto nei movimenti e ti sarà più comodo alzarti per allungare. Non stare fermo: questo aumenterà il rischio di trombosi e vene varicose a cui le donne incinte sono inclini.
  • Quando ti registri, chiedi i posti in prima fila, dove c'è più spazio per le gambe, o proprio di fronte alla cabina - c'è meno turbolenza.
  • Acquista calze a compressione. Aiuteranno a mantenere le vene in buona forma senza sovraccaricarle e garantiranno un normale flusso sanguigno. Inoltre, aiuteranno a evitare l'edema, che colpisce i passeggeri normali dopo i voli..
  • Bevi più acqua. L'aria nella cabina è molto secca e ciò può causare disidratazione. Si consiglia a ogni passeggero di bere mezzo litro di liquido ogni ora..
  • Assicurati di viaggiare con abiti comodi che non ostacolino i movimenti e porta anche piccoli cuscini sotto il collo e nella parte bassa della schiena.
  • Mentre sei seduto, non dimenticare di allacciare la cintura di sicurezza.

Infine, ricordiamo ancora una volta che la gravidanza e i voli aerei non sono concetti reciprocamente esclusivi. Fatte salve alcune regole e precauzioni, oltre a consultare il medico, è possibile viaggiare in sicurezza.

Le donne incinte possono volare su un aereo

La gravidanza è un periodo speciale nella vita di ogni donna, che è accompagnato da una ristrutturazione del corpo, che lascia un'impronta definita nella vita di tutti i giorni. Per molte donne che conducono uno stile di vita attivo, la questione se le donne in gravidanza possano volare su un aereo diventa rilevante e in quanti mesi è possibile viaggiare in aereo.

I voli durante la gravidanza sono possibili in assenza di controindicazioni

Voli del primo trimestre

Il primo trimestre di gravidanza è caratterizzato da grave tossicosi, quindi si consiglia alla maggior parte delle donne di rifiutare i voli nelle prime fasi.

A causa della ristrutturazione ormonale attiva del corpo nel primo trimestre, le donne sono particolarmente sensibili a sbalzi d'umore improvvisi, affaticamento e irritabilità. Di conseguenza, il sistema nervoso è sottoposto a maggiore stress. Le pressioni differenziali e l'aria scaricata in un aereo possono aggravare questi sintomi e causare gravi stress, che influenzano negativamente sia il corpo della madre che il feto in via di sviluppo..

La gravidanza precoce è anche caratterizzata da un aumento del tono uterino. L'ipertono può provocare carichi durante il decollo e l'atterraggio di un aereo di linea. Ciò aumenta il rischio di aborto nelle fasi iniziali. Pertanto, nel primo trimestre, si raccomanda di astenersi dai voli..

Un aereo per una donna durante la gravidanza può essere a rischio di malattie virali e infettive, poiché nel primo trimestre il corpo è più suscettibile a varie malattie e l'aria scaricata nella cabina contribuisce alla diffusione di microrganismi patogeni.

Importante! Non vi è alcun divieto severo sui voli nel primo trimestre, tutto è puramente individuale. Se la gravidanza si sviluppa bene, è possibile effettuare viaggi aerei, ma solo dopo aver consultato un ginecologo.

Voli nel secondo trimestre

Se hai intenzione di viaggiare o trasferirti in un altro paese, i medici raccomandano di pianificare un volo per il secondo trimestre di gravidanza. Durante questo periodo, che dura dalle 14 alle 26 settimane, il corpo della futura mamma si abitua ai cambiamenti ormonali, quindi puoi volare su un aereo senza rischi per la salute.

È meglio volare nel secondo trimestre

Una donna non sperimenta ancora disagio fisico, che appare nel mezzo del terzo trimestre. Lo stomaco nel secondo semestre è mal allocato, il che significa che nulla ti impedisce di sederti comodamente su una sedia e di muoverti liberamente in cabina.

Entro il secondo trimestre, i principali organi del feto sono già formati e il rischio della donna di sviluppare ipertonicità uterina è ridotto, a causa del quale la probabilità di aborto è bassa. Pertanto, coloro che desiderano effettuare un volo sono invitati a prenotare i biglietti durante questi periodi..

Terzo trimestre

È possibile volare incinta nel terzo semestre dipende dalla salute della donna. Se il rischio di parto pretermine non viene identificato durante l'esame e la donna si sente bene e il medico ha permesso il viaggio, puoi volare su un aereo.

Non è consigliabile volare negli ultimi termini, cioè quattro settimane prima della data prevista di nascita, i voli dovrebbero essere astenuti. A causa dei carichi durante il decollo e l'atterraggio di un aereo di linea durante questo periodo, il rischio di consegna anticipata aumenta in modo significativo.

È necessario consultare un medico sulla possibilità di un volo nel terzo trimestre

Volare nel terzo trimestre è scomodo per molti a causa dell'aumento delle dimensioni dell'addome. Va ricordato che se in seguito una donna incinta si ammala in aereo, non sarà in grado di ricevere cure mediche tempestive e qualificate, pertanto, al fine di evitare conseguenze negative sulla salute, si raccomanda di evitare voli nel terzo trimestre.

Importante! Dovresti astenersi dal volare dalla 32a settimana di gravidanza.

Paure comuni

Ci sono una serie di paure associate al trasporto aereo che peggiorano durante la gravidanza. Le paure comuni delle donne che si preparano a diventare madri includono:

  • forti cadute di pressione;
  • aria di scarico;
  • nascita prematura;
  • esposizione alle vene.

Le cadute di pressione durante il decollo e l'atterraggio sono le sensazioni più spiacevoli che una persona prova durante un volo. È impossibile prevedere come una determinata donna reagirà alle variazioni di pressione durante il decollo e l'atterraggio di un aereo di linea. Di norma, nel secondo trimestre, il disagio è insignificante e non differisce in alcun modo dalle sensazioni provate da una donna con cadute di pressione nell'aereo prima della gravidanza. Nelle fasi successive, questo può essere pericoloso per il corpo della madre, quindi i medici non raccomandano di volare alla fine del terzo trimestre.

L'aria leggermente scaricata e una diminuzione della concentrazione di ossigeno nella cabina causano piccoli inconvenienti. Le donne in gravidanza temono che a causa di una diminuzione della concentrazione di ossigeno nel sangue, è possibile lo sviluppo della carenza di ossigeno in un bambino. Recenti studi condotti da scienziati hanno dissipato questi dubbi dimostrando che l'ipossia materna a breve termine non è una minaccia per il feto..

Importante! L'ipossia è scarsamente tollerata da una donna anemica. Con una diagnosi del genere, non puoi assolutamente volare.

La nascita prematura sull'aereo è probabilmente la paura più importante di ogni donna incinta. Sì, una situazione stressante, una caduta di pressione e un'aria scaricata possono davvero provocare la nascita di un bambino in anticipo sul programma, ma sono soggetti solo a una serie di prerequisiti per tale sviluppo di eventi. Per assicurarsi che una donna non affronti la nascita precoce in cielo, è necessario visitare un medico poco prima della data prevista del volo, sottoporsi a un esame ecografico degli organi pelvici e misurare la lunghezza della cervice. Se l'esame mostra che esiste un rischio di parto prematuro, la donna deve sdraiarsi per la conservazione. Questa condizione è pericolosa anche in un ambiente tranquillo, per non parlare del volo in aereo durante la gravidanza.

Trombosi, ristagno di sangue nelle vene e vene varicose: tutte queste sono conseguenze di disturbi circolatori, il cui rischio aumenta molte volte durante il periodo di gestazione. Durante i lunghi voli, stare seduti può essere davvero dannoso per la salute, ma questo può essere evitato seguendo alcune semplici regole. Innanzitutto, le bevande contenenti caffeina devono essere eliminate per la durata del volo. Sono dannosi, poiché trattengono l'acqua nel corpo e possono provocare gonfiore degli arti inferiori. In secondo luogo, dovresti indossare biancheria intima a compressione speciale, che fornirà la pressione necessaria sulle vene.

Si consiglia di indossare calze a compressione e gambaletti per normalizzare la pressione sulle vene.

Utile! Le camminate di dieci minuti sull'aereo aiuteranno a migliorare la circolazione degli arti inferiori.

Quanto tempo può volare una donna dipende dalle caratteristiche del corso della gravidanza e dal suo stato di salute. Questa informazione dovrebbe essere ottenuta da un ginecologo..

Regole della compagnia aerea

Molte compagnie aeree, cercando di alleggerirsi dalla responsabilità, impongono restrizioni sui voli delle donne in gravidanza.

Per i voli con aeromobili Aeroflot, una donna deve fornire un certificato dal suo ginecologo. Il documento deve contenere il consenso del medico per il volo. Tale certificato è necessario per le donne nelle fasi successive, se rimangono meno di quattro settimane prima del parto. In questo caso, un certificato deve essere rilasciato entro e non oltre una settimana prima della data del volo.

VIM-Avia Airlines richiede un referto medico attestante che non vi è alcun rischio di consegna prematura. In questo caso, il volo di donne in gravidanza è consentito solo se rimangono almeno otto settimane prima della data prevista di nascita.

VIM-Avia, chiedendo a una donna di firmare un accordo in base al quale la compagnia aerea non si assume la responsabilità delle condizioni della futura madre e feto durante il volo, nonché delle possibili conseguenze.

Importante! Se mancano meno di quattro settimane alla nascita prevista, non è possibile volare su un aereo e molte compagnie aeree non autorizzano le donne a bordo se la nascita è prevista entro breve. Inoltre, i vettori non lasceranno una donna incinta su un aereo in assenza di un certificato medico.

La compagnia aerea più fedele alle donne in gravidanza è AirFrance, che non richiede certificati o referti medici. Tuttavia, ogni donna incinta dovrebbe consultare un medico in merito ai possibili rischi durante un lungo volo.

Controindicazioni rigorose

Le controindicazioni rigorose ai voli durante la gravidanza sono le seguenti condizioni e malattie:

  • anemia;
  • tono aumentato dell'utero;
  • gravidanza multipla;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • tromboflebite;
  • malattie cardiache e polmonari;
  • Malattie infiammatorie ORL.

I voli sono inoltre proibiti per le donne in gravidanza che hanno subito la fecondazione in vitro. Prima di volare, dovresti sempre consultare un ginecologo, indipendentemente dall'età gestazionale.

Come facilitare il volo?

I seguenti suggerimenti aiuteranno una donna incinta a riprogrammare meglio un volo:

  1. Quando si scelgono e si prenotano i biglietti, è necessario dare la preferenza ai posti situati in prima fila, poiché è più spazioso.
  2. Per ridurre il carico sulla colonna cervicale, si consiglia di portare con sé un piccolo cuscino a forma di ferro di cavallo e metterlo sotto la testa durante il volo.
  3. La biancheria intima a compressione contribuirà a ridurre la probabilità di gonfiore degli arti inferiori ed evitare il ristagno di sangue..
  4. Durante il volo, si consiglia di fare piacevoli passeggiate intorno alla cabina ogni ora. Questo normalizzerà la circolazione sanguigna degli arti inferiori..
  5. Per ridurre il gonfiore delle gambe e migliorare il benessere, si consiglia di bere acqua pulita ed evitare bevande contenenti caffeina. Grandi quantità di acqua aiuteranno anche a ridurre la nausea..

Si consiglia di bere più acqua in volo

  1. Se l'età gestazionale è lunga, le donne hanno spesso la voglia di urinare. In questo caso, non sarà superfluo scegliere un posto vicino al bagno.
  2. Con una diminuzione dell'immunità, si consiglia di prendere una maschera medica sull'aereo. L'aria vuota della cabina è un ambiente favorevole per la diffusione dell'infezione virale.

Utile! Cosa portare su un aereo per facilitare il volo? Prendi un comodo cuscino per sostenere la colonna vertebrale, i vestiti caldi e la biancheria intima a compressione e viaggia comodamente.

Un piccolo cuscino evita il dolore al collo

Puoi volare in viaggio non prima di una settimana dopo il parto. Questo periodo è esteso a due mesi se una donna ha avuto un taglio cesareo..

In qualsiasi momento, dovresti chiedere al tuo medico se è pericoloso volare e se è possibile viaggiare senza rischi per la salute. Indipendentemente dalla durata della gravidanza, una donna dovrebbe essere pronta a fornire un certificato da un ginecologo sul permesso di volare. Pertanto, anche nel secondo trimestre, quando il rischio per la salute della donna e del feto durante il volo è minimo, si consiglia di consultare un ginecologo e di prendere in anticipo il parere di un medico.

È possibile pilotare un aereo durante la gravidanza? Periodi favorevoli e sfavorevoli per voli, controindicazioni e possibili conseguenze negative

Il sito fornisce informazioni di riferimento a solo scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È richiesta la consultazione di uno specialista!

Attualmente, il viaggio aereo è diventato un evento abbastanza ordinario, non causando forti emozioni in una persona di qualsiasi età, a meno che non abbia paura del panico di volare. Tuttavia, anche un evento così comune come il trasporto aereo causa preoccupazione e molte domande se una persona che prevede di viaggiare in aereo è una donna incinta.

In relazione all'aumentata vigilanza di una donna incinta in merito alle proprie condizioni, da cui dipende il normale sviluppo del feto, si interroga sulla sicurezza di quasi tutte le azioni ordinarie, incluso il viaggio aereo. Considera i possibili effetti del viaggio aereo sulle condizioni di una donna incinta e rispondi alla domanda: "posso volare su un aereo durante la gravidanza?"

Volo durante la gravidanza

Il viaggio aereo durante la gravidanza, a qualsiasi età gestazionale fino alla nascita, è assolutamente sicuro e non causa danni significativi sia alla donna che al feto. Le uniche controindicazioni al trasporto aereo durante la gravidanza sono le minacce di aborto spontaneo o parto prematuro, distacco di placenta, gestosi, sanguinamento, anemia di grado III, preeclampsia ed esacerbazione delle malattie croniche esistenti. In assenza di queste controindicazioni, una donna incinta può volare liberamente su un aereo in qualsiasi momento. Pertanto, se la gravidanza procede normalmente e la donna si sente bene, allora può benissimo volare su aeroplani moderni senza alcun danno a se stessa e al nascituro.

In generale, il grado di sicurezza del trasporto aereo per ogni particolare donna incinta dipende dal suo stato di salute. Cioè, in effetti, la sicurezza del volo durante la gravidanza è la stessa della donna, ma non della donna incinta.

I potenziali pericoli attualmente noti e i possibili effetti negativi del trasporto aereo sul corpo umano non sono tanto la crescita e lo sviluppo del feto nell'utero, quanto qualsiasi adulto o bambino che fa un viaggio in aereo. Ciò significa che tutti i rischi e i pericoli del trasporto aereo per le donne in gravidanza sono esattamente gli stessi delle donne, uomini e bambini non in gravidanza. Pertanto, i principali rischi del trasporto aereo sono considerati "sindrome dei viaggiatori di classe economica", aumento del rischio di tromboembolia, eccessivo essiccamento delle mucose degli organi ENT, infezione da infezioni aerotrasportate, a causa dell'accumulo di un gran numero di persone nella cabina, ecc..

Tuttavia, tutti i rischi relativi del trasporto aereo possono essere ridotti a quasi zero seguendo semplici regole di condotta durante il volo, che considereremo separatamente.

Quindi, possiamo concludere che una donna in buona salute la cui gravidanza sta procedendo normalmente (senza complicazioni) può tranquillamente volare su un aereo, seguendo semplici regole volte a minimizzare i rischi, quando è necessario, poiché il trasporto aereo è sicuro per lei e il suo bambino non ancora nato. Se una donna ha delle complicazioni durante la gravidanza, dovresti prima eliminarle, dopo di che, dopo aver ottenuto un miglioramento duraturo, puoi effettuare voli, anche seguendo semplici regole che minimizzano i rischi e l'impatto negativo del volo su un aereo.

Controindicazioni gravidanza

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda alle donne in gravidanza di rifiutare il volo se presentano le seguenti condizioni o malattie:

  • Gravidanza di un anno per più di 36 settimane;
  • Gravidanza multipla per più di 32 settimane;
  • I primi sette giorni dopo la nascita;
  • Gravidanza complicata (ad esempio, la minaccia di aborto spontaneo, gestosi, tossicosi grave, ecc.).

Queste raccomandazioni dell'OMS sono piuttosto vaghe perché riflettono solo i punti principali e molto generali in cui una donna incinta non è consigliata per volare su un aereo. Inoltre, sono di natura consultiva e non appartengono a controindicazioni. Dalle raccomandazioni dell'OMS emerge inoltre chiaramente che una donna incinta può volare su un aereo quando ne ha bisogno, poiché i viaggi aerei sono sicuri per lei e il feto.

Controindicazioni più precise al trasporto aereo durante la gravidanza sono date da ostetrici-ginecologi di paesi sviluppati in Europa e negli Stati Uniti. Quindi, le seguenti condizioni in una donna sono assolutamente controindicazioni ai viaggi aerei durante la gravidanza:

  • Placenta previa (completo);
  • preeclampsia;
  • Anemia di grado III (livello di emoglobina inferiore a 70 g / l).

Ciò significa che se ci sono controindicazioni assolute, le donne in gravidanza non devono volare in aereo in nessun caso..

Oltre all'assoluto, ci sono relative controindicazioni ai viaggi aerei per le donne in gravidanza. In presenza di tali controindicazioni relative, una donna può volare su un aereo con cautela, tuttavia, i medici raccomandano fortemente in tali casi di rifiutare il viaggio aereo. Pertanto, le seguenti condizioni e malattie sono correlate alle controindicazioni relative ai viaggi aerei durante la gravidanza:

  • Minaccia di parto prematuro;
  • Rischio di aborto spontaneo;
  • Sospetto di distacco di placenta;
  • Anemia di grado II (livello di emoglobina inferiore a 90 g / l, ma superiore a 70 g / l);
  • Bassa localizzazione della placenta (contata solo dalla 20a settimana di gravidanza);
  • Struttura anormale della placenta;
  • Individuare dalla vagina in qualsiasi fase della gravidanza che si verifica 1-2 giorni prima del volo previsto;
  • Posizione errata del feto nell'III trimestre di gravidanza (dalle 28 alle 40 settimane incluse);
  • Gravidanze multiple per 24 settimane di gestazione;
  • Procedure invasive (ad esempio, amniocentesi, coriocentesi, ecc.) Entro 7-10 giorni prima del volo previsto;
  • gestosi;
  • Tossicosi grave;
  • Vomito eccessivo;
  • Tromboflebite passata;
  • Diabete non controllato;
  • Ipertensione non controllata;
  • Insufficienza istmico-cervicale;
  • Esacerbazione di malattie croniche (ad esempio, infezioni erpetiche, citomegalovirus, ecc.);
  • Malattie infettive acute (inclusi raffreddori, influenza, ecc.);
  • Gravidanza derivante da fecondazione in vitro;
  • Cicatrice dell'utero.

Possibili effetti avversi del viaggio aereo durante la gravidanza

Rischio di parto prematuro a causa di cadute di pressione durante il decollo, l'atterraggio e la turbolenza

Molte persone hanno messo radici nell'idea che i viaggi aerei in qualsiasi fase della gravidanza aumentano il rischio di parto prematuro. Inoltre, questo fatto è spiegato dal fatto che le cadute di pressione che si verificano durante il decollo, l'atterraggio e la turbolenza influenzano negativamente l'utero, causando lavoro.

Tuttavia, le osservazioni pratiche a lungo termine dei voli delle donne in gravidanza nelle diverse fasi della gravidanza hanno dimostrato che la frequenza della nascita pretermine nell'aria è la stessa del suolo. E la caduta di pressione non influisce in alcun modo sull'attività contrattile dell'utero. In altre parole, il viaggio aereo non aumenta il rischio di parto prematuro, quindi non dovresti aver paura di questo. E anche se una donna ha già il rischio di aborto spontaneo o parto prematuro, il viaggio aereo non lo aumenterà. Pertanto, questa opinione è un mito..

Il rischio di parto pretermine può essere determinato utilizzando l'ecografia transvaginale con una misurazione della lunghezza della cervice. Se la cervice è più lunga di 14 cm, il rischio di parto prematuro è praticamente zero e puoi volare in sicurezza. Se la cervice è più corta di 14 cm, c'è il rischio di parto prematuro, il grado in cui il medico deve valutare e decidere se questa donna può volare su un aereo.

I risultati di molti anni di osservazioni pratiche non convincono molte donne, poiché ritengono che se i voli non aumentassero il rischio di parto prematuro e non influissero negativamente sulla gravidanza, le compagnie aeree non limiterebbero il loro accesso ai voli, richiedendo un certificato da un ginecologo che afferma che questa donna può volare su un aereo. Tuttavia, la politica delle compagnie aeree non ha nulla a che fare con l'effetto dei voli sulla gravidanza, quindi questa conclusione è fondamentalmente sbagliata.

Dovrebbe essere chiaro che una tale politica aerea non è determinata dall'impatto negativo dei voli sulla gravidanza, ma dal desiderio di ridurre al minimo la probabilità di stress per la squadra di linea, che riceveranno se il passeggero inizia a partorire in cabina. Dopotutto, né i piloti né le hostess sono ginecologi e non sono particolarmente disposti a trovarsi in una situazione in cui hanno bisogno di aiuto per partorire. Sebbene le hostess insegnino le abilità alla nascita, non sono dottori o ostetriche, e quindi dare alla luce donne è un'emergenza. E nessuno vuole essere in un'emergenza stressante, e quindi le compagnie aeree si assicurano semplicemente, preferendo non affrontare tali incidenti. È molto semplice farlo: limitare l'accesso ai viaggi aerei per le donne in gravidanza, che vediamo dalle compagnie aeree.

Trombosi venosa profonda o embolia polmonare (embolia polmonare)

Il rischio di trombosi venosa profonda con voli lunghi che durano più di 4 ore aumenta di 3-4 volte in tutte le persone e non solo nelle donne in gravidanza. Tuttavia, poiché la gravidanza stessa è già una condizione in cui è aumentato il rischio di tromboembolia ed embolia polmonare, i viaggi aerei aggravano questo rischio, aumentandolo da 3 a 5 volte rispetto alle donne sane non in gravidanza. Inoltre, il rischio di trombosi ed embolia polmonare è leggermente aumentato assumendo farmaci ormonali. Il rischio di trombosi ed embolia polmonare aumenta anche con l'allungamento del tempo trascorso in volo. Cioè, più dura il volo, maggiore è il rischio di complicanze trombotiche. Pertanto, questa opinione è vera..

Va ricordato che il rischio di trombosi ed embolia polmonare durante il viaggio aereo è associato a una bassa concentrazione di ossigeno e un'eccessiva secchezza dell'aria nella cabina dell'aeromobile, l'uso di alcol, caffè e acqua gassata, nonché un prolungato non movimento Tutti questi fattori causano la stasi del sangue nei vasi delle gambe e la disidratazione, che porta alla formazione di coaguli di sangue..

Tuttavia, questi aumentati rischi di trombosi ed embolia polmonare nelle donne in gravidanza possono essere minimizzati dal comportamento di volo corretto (camminando ogni 45-50 minuti, spesso muovendo le gambe in posizione seduta, indossando biancheria intima a compressione, ecc.). Se una donna incinta si attiene a queste regole di condotta in volo, il rischio di trombosi sarà significativamente ridotto. Attualmente, la British Society of Obstetrician-Gynecologists ha sviluppato le seguenti raccomandazioni per le donne in gravidanza, la cui attuazione ridurrà il rischio di trombosi:

  • Per 5 - 10 minuti ogni ora per sforzare i muscoli della gamba;
  • Ogni 45-50 minuti a piedi intorno alla cabina per 10-15 minuti;
  • Bere 500 ml di liquido all'ora (succo, acqua naturale);
  • Non bere caffè, tè, alcool;
  • Indossare calze a compressione a compressione preventiva.

Inoltre, se una donna incinta ha ulteriori fattori di rischio per trombosi, come peso superiore a 100 kg, gravidanza multipla, trombofilia, vene varicose, quindi prima del volo è necessario effettuare la preparazione del farmaco. Questa preparazione ha lo scopo di ridurre il rischio di trombosi ed embolia polmonare durante il viaggio aereo e consiste nella somministrazione di preparati di eparina a basso peso molecolare (ad esempio Fraxiparin, Dalteparin, Enoxiparin, ecc.). I farmaci vengono somministrati una volta, alla vigilia del prossimo volo, in un dosaggio di 5000 unità.

Se per qualche motivo è impossibile introdurre preparati a base di eparina a basso peso molecolare, possono essere sostituiti prendendo Aspirin 75 mg una volta al giorno il giorno prima e il giorno del volo. Tuttavia, l'aspirina per la prevenzione della trombosi venosa e dell'embolia polmonare è meno efficace delle eparine a basso peso molecolare..

Azione delle radiazioni cosmiche

Ad un'altitudine di oltre 2500 metri vi è effettivamente una radiazione radioattiva dovuta all'attività del sole. Il fatto è che l'atmosfera del nostro pianeta ritarda questi brillamenti solari radioattivi, impedendo loro di raggiungere la terra. Pertanto, una persona, mentre sulla terra, non è esposta alle radiazioni solari. Ma se sale nell'aria ad un'altezza di oltre 2500 metri, la radiazione solare la influenzerà completamente, poiché in questo caso l'effetto protettivo dell'atmosfera è già assente. Pertanto, trovandosi in moderni aerei di linea, il cui volo si svolge a un'altitudine di oltre 2500 metri (di solito a 10.000 metri), una persona è davvero esposta alle radiazioni solari.

Tuttavia, non bisogna farsi prendere dal panico, poiché questo effetto delle radiazioni solari è completamente sicuro per tutte le persone di qualsiasi genere ed età, comprese le donne in gravidanza. La sicurezza della radiazione solare a cui è esposta una donna incinta durante il viaggio aereo è dovuta al fatto che la dose di radiazione ricevuta è molto bassa. Quindi, la dose di radiazione solare ricevuta durante un volo transatlantico è 2,5 volte inferiore rispetto a una radiografia degli organi toracici. Pertanto, con un raro trasporto aereo, una donna incinta è esposta a piccole dosi di radiazioni che non sono dannose per lei o per il feto.

L'ipossia

Ad alta quota, l'aria è rarefatta e la concentrazione di ossigeno in essa contenuta è relativamente bassa. Di conseguenza, nella cabina, la concentrazione di ossigeno è inferiore rispetto all'aria sulla superficie terrestre. Questa situazione porta al fatto che nel sangue di qualsiasi persona, compresa una donna incinta, anche la quantità di ossigeno è leggermente ridotta. Tuttavia, l'ipossia non si verifica, poiché una diminuzione della pressione dell'ossigeno nel sangue provoca una serie di reazioni compensative che forniscono tessuti e organi O2 nelle quantità di cui hanno bisogno.

Pertanto, durante lo studio dell'effetto della bassa concentrazione di ossigeno nell'aria durante i viaggi aerei sul corpo delle donne in gravidanza, è stato rivelato che non c'erano segni di ipossia fetale (secondo il CTG). Cioè, una leggera diminuzione della concentrazione di ossigeno nell'aria e nel sangue di una donna durante il volo non porta a ipossia fetale e, pertanto, non influisce negativamente sulla sua condizione. Pertanto, la diffusa convinzione che il feto sperimenta la fame di ossigeno durante il viaggio aereo è un mito.

L'unica situazione in cui il feto può trovarsi in uno stato di ipossia durante il viaggio aereo è la presenza di anemia di grado III in una donna incinta. In questo caso, i meccanismi compensativi non sono sufficienti per eliminare l'ipossia a causa della mancanza della quantità richiesta di emoglobina.
Altro su ipossia

Telaio del metal detector al momento della registrazione

Vibrazioni e scuotimenti in volo

Disidratazione

Gonfiore del naso e comparsa di rinite, mal di gola e altri segni di raffreddore

Rischio respiratorio

Complicazioni ostetriche improvvise

Regole di condotta per le donne in gravidanza durante i viaggi aerei

I periodi più favorevoli della gravidanza per i viaggi aerei

Il periodo più favorevole e più sicuro per i viaggi aerei è il secondo trimestre di gravidanza, cioè dalle 14 alle 27 settimane di gestazione incluse. Durante questo periodo, i fenomeni di tossicosi sono già terminati, lo stomaco è ancora relativamente piccolo e la minaccia di parto prematuro è minima. Pertanto, si consiglia alle donne di pianificare voli specifici per il secondo trimestre di gravidanza.

Oltre a quelli favorevoli, ci sono anche periodi sfavorevoli per i voli, durante i quali il volo è più pericoloso per una donna incinta. Tali periodi sfavorevoli per i viaggi aerei, e in effetti per qualsiasi altra azione attiva, includono quanto segue:

  • Da 3 a 7 settimane di gravidanza;
  • Dalle 9 alle 12 settimane di gravidanza;
  • Dalle 18 alle 22 settimane di gravidanza;
  • Ogni periodo delle mestruazioni successive, che si sarebbe verificato se non ci fosse stata una gravidanza.

Durante questi periodi pericolosi e avversi, si consiglia di astenersi dal viaggiare in aereo..

Voli in diverse fasi della gravidanza

Volo in anticipo (1, 2, 3 e 4 settimane di gravidanza)

Volo durante il 1o trimestre (5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12 settimane di gravidanza)

Volo durante il 2o trimestre (13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 27 settimane di gravidanza)

Volo durante il 3o trimestre (28, 29, 30, 31, 32, 33, 34, 35, 36 settimane di gravidanza)

Regole per diverse compagnie aeree per donne in gravidanza

Attualmente, sono generalmente accettate le seguenti regole per il trasporto di donne in gravidanza, cui la maggior parte delle compagnie aeree aderisce:

  • Fino a 28 settimane di gravidanza, le donne possono salire a bordo senza certificati e documenti speciali;
  • Dalle 29 alle 36 settimane di gravidanza, le donne devono salire a bordo di un ginecologo affermando che il volo è consentito per salire a bordo dell'aereo;
  • Da 36 settimane è vietato viaggiare in aereo.

Un certificato di un ginecologo, necessario per un volo da 29 a 36 settimane di gravidanza, è valido per un massimo di 7 giorni, quindi è necessario ottenerlo immediatamente prima del viaggio pianificato. Inoltre, in qualsiasi fase della gravidanza, una donna può essere tenuta a registrarsi con un certificato o un altro documento (ad esempio, una carta di scambio) indicante l'età gestazionale.

Queste regole sono generali e più comuni, ma non universali. Molte compagnie aeree usano altre regole per il trasporto di donne in gravidanza, che possono essere più rigorose o, al contrario, leali. Ad esempio, alcune compagnie aeree prendono a bordo le donne dopo 36 settimane di gravidanza con un certificato di un ginecologo che indica che il volo è consentito. Pertanto, al momento dell'acquisto di biglietti aerei, è necessario scoprire le regole della compagnia aerea che opera il volo.

Le maggiori compagnie aeree hanno le seguenti regole per le donne in gravidanza:

  • KLM - gratuito fino a 36 settimane, dopo le quali il passeggero non potrà salire a bordo per nessun motivo;
  • BRITISH AIRWAYS - gratis fino a 28 settimane e dalle 28 alla consegna solo con un certificato del ginecologo, che indica che non ci sono controindicazioni al volo e con una dichiarazione compilata che la donna è a conoscenza di tutti i rischi e non incolpa la compagnia aerea;
  • LUFTHANSA - fino a 34 settimane liberamente, da 35 settimane fino alla consegna solo con un certificato di un ginecologo che lavora in un centro speciale della compagnia aerea;
  • Aeroflot e S7 - un certificato di un medico in qualsiasi fase della gravidanza;
  • UTair, Air Berlin, Air Astana - fino a 36 settimane con un certificato di un ginecologo e da 36 settimane - il volo è proibito;
  • Air France - liberamente in qualsiasi fase della gravidanza fino al parto;
  • Alitalia - fino a 36 settimane gratis, e quindi con un certificato medico.

Recensioni

Viaggiare durante la gravidanza: è possibile volare su un aereo, su come influisce il cambiamento di fusi orari, ecc. - video

Norme sul congedo di maternità: viaggi, voli, pasti, abbronzatura, ecc. - video

Autore: Nasedkina A.K. Specialista in ricerca biomedica.

Up