logo

Il mal di denti può verificarsi in qualsiasi momento, non un'eccezione e il periodo di gravidanza. Inoltre, a causa delle caratteristiche fisiologiche durante la gravidanza, i denti di una donna sono particolarmente vulnerabili e le situazioni in cui è richiesto un trattamento urgente o l'estrazione dei denti durante la gravidanza non sono affatto rare.

In linea di principio, durante il periodo di gestazione, il trattamento e l'estrazione dei denti non sono molto desiderabili, motivo per cui le donne incinte sono invitate a risolvere tutti i problemi dentali nella fase di pianificazione della gravidanza. Dopo tutto, visitare un dentista non è solo l'effetto dei farmaci sul corpo, ma anche uno stress grave, controindicato sia per la madre che per il feto.

Ma nella vita, le situazioni sono diverse e se hai un forte dolore, allora è molto peggio per te e per le condizioni del tuo bambino non ancora nato sopportarlo e rifiutare il trattamento.

La gravidanza non è una controindicazione assoluta al trattamento o all'estrazione del dente, ma dovresti assolutamente informare il tuo medico sulla tua situazione, sarà in grado di scegliere i metodi di trattamento più delicati. Il dentista condurrà una diagnosi completa delle condizioni della cavità orale, ti fornirà raccomandazioni per l'igiene personale e per la prevenzione della carie e, se necessario, ti farà riferimento al chirurgo per rimuovere il dente durante la gravidanza.

Nell'odontoiatria moderna, ci sono anestetici speciali che non danneggiano il feto, non sono in grado di penetrare nella placenta. Tuttavia, qualsiasi intervento chirurgico è stressante per il corpo e l'estrazione dei denti non fa eccezione. Pertanto, durante la gravidanza, i denti vengono rimossi solo in caso di necessità urgente, mentre si cerca di evitare interferenze nel primo e terzo trimestre di gravidanza.

Succede che durante la gravidanza, i problemi con l'ottavo molare, cioè i denti del giudizio, che possono causare gravi disagi a una persona, peggiorano. In una situazione normale, il medico non avrebbe esitato a prescrivere la rimozione, ma dopo la rimozione del G8 varie complicazioni si sviluppano troppo spesso, inclusi processi infiammatori che richiedono un successivo trattamento con antibiotici. Naturalmente, durante la gravidanza, assumere tali farmaci è altamente indesiderabile.

Se possibile, è meglio posticipare l'estrazione dei denti durante la gravidanza, ma se le indicazioni per l'intervento chirurgico sono troppo gravi, è necessario eseguire l'operazione, poiché il mal di denti acuto costante o la presenza di un processo infiammatorio cronico farà molto più danno dello stress causato dalla rimozione e dall'uso da parte del medico di anestetici si intende.

Le donne in gravidanza possono rimuovere i denti

È possibile per le donne in gravidanza rimuovere i denti, purtroppo, una domanda piuttosto urgente tra le future mamme. La gravidanza è un periodo in cui il corpo di una donna è particolarmente vulnerabile e il metabolismo del calcio è molto disturbato e, di conseguenza, lo smalto dei denti viene distrutto e compaiono indicazioni urgenti per il trattamento terapeutico e talvolta per l'estrazione del dente.

Certo, andare dal dentista è uno stress grave, che aggrava solo lo stato di gravidanza. E non c'è nulla di utile nel processo di trattamento e di estrazione del dente durante il portamento di un bambino - no. Ma anche peggio - dolore costante, che influenza negativamente le condizioni generali della futura mamma, e attraverso di lei - e le condizioni del bambino in crescita. Un fattore negativo è la presenza di un focus costante di infezione, che è qualsiasi lesione cariosa, perché se hai una scelta tra se rimuovere un dente malato o sopportare il dolore,

I dentisti consigliano di eseguire il trattamento o l'estrazione del dente, indipendentemente dalle loro condizioni, e concentrandosi esclusivamente sulle indicazioni per il trattamento dentale. Ora ci sono tecnologie e farmaci che sono adatti per il trattamento delle donne in gravidanza, e persino l'anestesia non porterà alcun danno al bambino. Per alleviare il dolore, i dentisti usano farmaci che non hanno la capacità di penetrare nella barriera placentare e agiscono esclusivamente sul corpo femminile.

Ginecologi - gli ostetrici sono più cauti sulla questione se le donne in gravidanza possano rimuovere i denti. Raccomandano il trattamento dopo diciotto settimane, quando la placenta è già formata e protegge in modo affidabile il bambino in crescita, e fino a trentadue-trentacinque settimane, ritenendo che in un secondo momento, lo stress eccessivo può diventare un fattore che provoca il parto prematuro. Ma tali restrizioni, ovviamente, non si applicano ai casi in cui la situazione non è troppo grave e c'è una reale opportunità di posticipare il trattamento. Se una donna è tormentata da un forte dolore quasi ogni notte, o un dente del giudizio esplode in lei, la cui crescita è accompagnata dallo sviluppo di pericoronite, quindi rimuovere i denti il ​​più presto possibile.

Prevenzione delle malattie dentali durante la gravidanza

La cosa più importante durante la gravidanza dovrebbe essere con particolare attenzione alle procedure igieniche che aiutano a mantenere la cavità orale in condizioni adeguate. Le paste sono scelte al meglio con ingredienti naturali: menta, olio di chiodi di garofano, olivello spinoso, salvia, ecc. Le paste ad alto contenuto di calcio e fluoruro sono fantastiche..

Assicurati di pulire gli spazi interdentali con un semplice strumento come il filo interdentale. Sfortunatamente, gli utenti russi per qualche ragione ignorano questo importante argomento, che fornisce una migliore igiene orale.

Quasi tutte le donne in gravidanza al primo esame, il medico prescrive l'assunzione di preparati vitaminici e complessi minerali, oltre a dare raccomandazioni sulla nutrizione durante la gestazione. Assicurati di seguire tutte le raccomandazioni del tuo medico, le vitamine e una dieta ragionevole ti aiuteranno a ottenere tutte le sostanze necessarie che supportano il tuo corpo e forniscono tutto il corpo necessario del tuo bambino.

Se segui tutte le semplici regole sopra elencate, il rischio di malattie dei denti e delle gengive diminuirà in modo significativo, ed è del tutto possibile che non entrerebbe nemmeno nella tua testa per chiedersi se le donne in gravidanza possano rimuovere i denti. Qui puoi vedere le parentesi graffe fotografiche, quali sono le varietà, cosa danno e come usarle.

Per ogni evenienza, ti consigliamo di leggere i sintomi del cancro..

È possibile rimuovere i denti durante la gravidanza?

Le donne incinte sono una categoria speciale di pazienti all'appuntamento dal dentista. Non è sempre possibile applicare a loro quegli approcci terapeutici che sono considerati classici per la gente comune. Dopotutto, il corpo della futura madre subisce molti cambiamenti, compresi i cambiamenti ormonali, le sue funzioni protettive sono ridotte. Ecco perché aumenta il rischio di vari tipi di malattie ed è necessaria un'attenta selezione delle misure terapeutiche. Questo vale per l'odontoiatria chirurgica. Quindi, impariamo se è possibile per le future mamme rimuovere i denti? Cosa considerare quando si fa questo?

Quando una donna scopre la sua posizione interessante, inizia già il processo di ristrutturazione del lavoro dell'intero organismo. Il calcio, che viene fornito con il cibo, è diviso in due. Ciò significa che una carenza di una sostanza così importante può contribuire allo sviluppo della carie. Quando colpisce le cavità dei denti, lo Staphylococcus aureus, che è molto pericoloso per la madre e il feto, può essere lì. Per un organismo sano, tale flora non è sempre una minaccia e il corpo può farcela senza conseguenze. Ma per una futura madre con ridotta immunità, i focolai di infezione nella cavità orale sono fonti pericolose di batteri patogeni. Va notato che durante il periodo di gestazione, di norma, aumenta la patogenicità della flora orale, rispettivamente, aumenta il rischio di carie e malattie parodontali. Ciò è confermato da numerosi studi medici..

Sulla base di quanto precede, i ginecologi consigliano sempre alle future madri in fase di gravidanza di pianificare la cura dei loro denti, curare quelli problematici, consultare un dentista, in modo che non mettano a rischio la salute del feto e la propria. Durante la preparazione per la gravidanza si raccomanda la rimozione pianificata degli organi masticatori.

Ma non tutte le donne seguono i consigli dei medici e molte hanno la necessità di un trattamento chirurgico dei denti nei diversi trimestri di gravidanza. Va notato che in questo momento vengono rimossi rigorosamente in base alle indicazioni di emergenza. Può essere, ad esempio, infiammazione purulenta, flusso.

È possibile estrarre i denti durante la gravidanza? informazioni dettagliate!

Quanto tempo possono essere rimossi i denti per le donne in gravidanza con anestesia?

Anche durante il periodo di pianificazione della gravidanza, è necessario occuparsi del trattamento dei denti malati, poiché durante il portamento del bambino, i problemi peggioreranno solo. In questo momento, il calcio del corpo della madre viene speso per la formazione dello scheletro del bambino, il che porta a un esaurimento del sistema scheletrico della donna e problemi dentali. A questo proposito, le donne spesso si chiedono se le donne in gravidanza possano estrarre i denti con l'anestesia, in quali periodi è meglio rimuovere e quali metodi preventivi dovrebbero essere adottati per evitare di incontrare un dentista.

Ragioni per l'estrazione del dente

Il dolore e l'infiammazione nella cavità orale sono dannosi per il corpo di una donna e un bambino nel suo grembo.

La rimozione durante la gravidanza è una misura estrema, ma a volte necessaria per evitare conseguenze molto indesiderabili:

  1. L'infiammazione da un dente può andare al successivo.
  2. I batteri pericolosi provenienti da un dente cariato o infiammato entrano nel flusso sanguigno e si diffondono in tutto il corpo della donna, oltre a passare attraverso la placenta fino al feto, influendo negativamente sul suo sviluppo.
  3. Il dolore durante il pasto non consente a una donna di mangiare completamente. Pertanto, il bambino non riceve le sostanze benefiche necessarie per la sua crescita.
  4. Il feto soffre di stress vissuto dalla madre da un dolore incessante. Lo stato emotivo di una donna incinta è strettamente correlato al benessere psicologico del bambino.

Al fine di evitare tali complicazioni, viene eseguita l'estrazione, cioè la rimozione di un dente malato.

indicazioni

La procedura di rimozione, tra cui otto, nelle donne in posizione ha le sue caratteristiche, poiché le possibili conseguenze sotto forma di infiammazione e suppurazione influenzano negativamente il feto. A questo proposito, i dentisti non possono sempre strappare il terzo molare nelle donne in gravidanza, ad eccezione di casi speciali.

Indicazioni per l'estrazione del dente in donne in gravidanza:

  1. Decadimento grave che causa la malattia di gomma.
  2. Suppurazione del nervo dentale (pulpite), che non è suscettibile di trattamento con metodi terapeutici.
  3. Disturbo osseo.
  4. Se si riscontra una neoplasia maligna nella gomma.
  5. La presenza di patatine, crepe nel dente, che causano forti dolori.
  6. Dolore acuto prolungato che non può essere fermato.

La rimozione di terzi molari è una procedura indesiderabile, poiché raramente crescono correttamente:

  1. Le radici degli otto crescono in diverse direzioni e il dentista deve tagliare la gomma.
  2. Otto spesso falsano i denti adiacenti. E possono essere danneggiati quando il paziente viene rimosso.

Se l'infiammazione si verifica dopo aver estratto un dente del giudizio, sarà necessario un trattamento antibiotico, che è dannoso per il corpo in crescita del bambino. Il dentista ti consiglierà di non toccare il terzo molare e si occuperà del suo trattamento, anche se l'effetto è temporaneo.

Elimina otto in circostanze estreme:

  • con forte dolore che non può essere eliminato;
  • infiammazione durante l'eruzione della figura otto;
  • posizione impropria in cui soffre il dente adiacente.

Le donne incinte possono tirare fuori un dente

In alcuni casi, la rimozione non è solo possibile, ma necessaria. Va ricordato che lo stress dovuto al dolore e all'infiammazione nella cavità orale (in cui i batteri pericolosi entrano nel feto attraverso il sangue) è molto più pericoloso per la madre e il bambino rispetto alle possibili conseguenze della rimozione.

Quanto è meglio

Se la situazione è tollerabile, è meglio attendere il secondo trimestre, quando la placenta matura e può svolgere la sua funzione - per proteggere il bambino in crescita da influenze negative dall'esterno. Se la situazione è critica e minaccia di infezione purulenta, il dente deve essere estratto senza attendere l'inizio di un periodo favorevole.

In che modo l'estrazione del dente influisce sul feto in diversi trimestri:

  1. Ι trimestre. In questo momento, la divisione dell'uovo e lo sviluppo di organi e principali sistemi dell'embrione. Non è ancora protetto da influenze esterne, poiché la placenta si sta solo formando. L'embrione è influenzato negativamente da antidolorifici, radiografia e stato emotivo (paura) della donna prima di una visita dal dentista. D'altra parte, il dolore costante provoca contrazioni uterine - ipertonicità, che può portare ad aborto spontaneo. Tuttavia, la diffusione dell'infezione e la formazione del flusso purulento è molto più pericolosa dei possibili rischi. Strappare un dente nel primo trimestre è indesiderabile, poiché il feto non è ancora maturato ed è influenzato negativamente dai farmaci. Se l'inazione minaccia di peggiorare la salute di una donna, la procedura di rimozione è inevitabile.
  2. ΙΙ trimestre. Questo è il periodo più adatto per le procedure dentali. Dopo dodici settimane di gravidanza, l'embrione viene ufficialmente chiamato feto: ha sviluppato organi e sistemi vitali. La placenta matura ed è in grado di prevenire l'impatto negativo sia dello stato emotivo della madre durante una visita dal dentista, sia dall'uso di analgesici. La pancia non è così grande e non impedisce a una donna di sedersi su una sedia. È il secondo trimestre che è il momento ideale per trattare i denti: riempire e rinforzare con lo smalto. È impossibile eseguire la procedura di sbiancamento durante la gravidanza, poiché il colorante può penetrare nella placenta fino al feto e influire sul suo sviluppo. Anche la protesi non viene eseguita. Non ci sono controindicazioni dirette alla procedura, tuttavia, il medico ti consiglierà di rimandarlo fino al periodo postpartum.
  3. ΙΙΙ trimestre. L'ultimo periodo gestazionale non è il momento migliore per visitare un dentista. L'uso dell'anestesia non è più un pericolo per il bambino, poiché è protetto dalla placenta. Tuttavia, la paura e il dolore provati dalla madre possono causare contrazioni uterine e parto prematuro. La rimozione e il trattamento sono possibili fino a 35 settimane. Nelle fasi successive, il medico non rischierà l'estrazione e ti consiglierà di attendere il periodo postpartum.

Perché i denti si deteriorano durante la gestazione

Anche se tutti i denti problematici sono stati curati o rimossi durante la pianificazione della gravidanza, questo non significa che non dovrai più visitare il dentista.

Durante la gestazione, i denti si deteriorano per i seguenti motivi:

  1. A causa di cambiamenti ormonali in una donna, le gengive sanguinano e si infiammano. Nella cavità orale, il numero di microrganismi patogeni che causano carie e assottigliamento dello smalto dei denti aumenta in modo significativo..
  2. Cambiamenti nelle preferenze alimentari. Una grande quantità di acidi e carboidrati consumati aumenta la microflora cariogena.
  3. Trasportare un bambino richiede un grande dispendio di nutrienti strutturali da parte del corpo femminile. Il materiale da costruzione va alla formazione dello scheletro e degli organi del bambino e la madre riceve meno vitamine e minerali. Il tessuto osseo si deteriora a causa della mancanza di calcio e fluoro.

Come è la rimozione

L'estrazione durante la gravidanza deve essere eseguita in momenti specifici utilizzando l'anestesia locale sicura che non penetra nella placenta fino al feto. Dopo la rimozione, è necessario seguire le raccomandazioni del dentista: sciacquare la bocca con decotti di erbe e una soluzione di bicarbonato di sodio. Per il dolore con il permesso di un medico, puoi bere antidolorifici come il paracetamolo e il tempalgin.

Durante l'estrazione di un dente del giudizio, il medico esegue un'incisione nelle gengive, fora il tessuto osseo e lo rimuove con una pinza speciale. L'operazione è difficile, poiché i denti vicini possono soffrire. Quindi, se necessario, il chirurgo cuce la cucitura.

Caratteristiche durante la gravidanza

La gravidanza apporta le proprie modifiche al processo di rimozione e trattamento dei denti. Non tutte le procedure e i farmaci possono essere utilizzati in relazione ai pazienti in posizione. Nel processo di estrazione di un dente malato, il pericolo per il futuro bambino e sua madre dovrebbe essere ridotto al minimo.

raggi X

Tutti conoscono l'impatto negativo dei raggi X sullo sviluppo e sulla salute del futuro bambino. Ma la medicina non si ferma, e oggi in molte grandi cliniche ci sono attrezzature moderne - una radiovisiografia. La radiazione che una donna sperimenta quando si scatta una foto di un dente su una radiovisiografia è dieci volte inferiore rispetto alla radiografia convenzionale.

L'attrezzatura moderna dirige un piccolo raggio di raggi X verso l'area studiata nella cavità orale. Un grembiule speciale viene applicato sul paziente, coprendo l'addome e il torace per ridurre al minimo le radiazioni. Questo metodo per scattare una foto di un dente malato è sicuro per il bambino. Tuttavia, il medico prescrive un'immagine solo quando assolutamente necessario..

Al fine di evitare conseguenze indesiderabili, devi assolutamente informare il medico della tua situazione e specificare la durata della gravidanza. È severamente vietato usare i raggi X nel primo trimestre.

Anestesia

L'anestesia durante l'estrazione del dente durante la gravidanza è assolutamente innocua. In precedenza, veniva utilizzata la lidocaina, che era necessaria per sputare, il che non era molto conveniente. La medicina moderna offre analgesici che bloccano perfettamente le terminazioni nervose per un minuto. I farmaci agiscono localmente e non penetrano nel sangue di una donna e attraverso la placenta fino al bambino.

Durante il secondo e il terzo trimestre, il medico anestetizzerà in assenza di intolleranza individuale.

Il medico sceglie il farmaco in base alle condizioni e all'età della donna e alla gravità dell'operazione. La preferenza è data agli antidolorifici con un minimo di adrenalina.

Farmaci usati durante la gravidanza:

  1. Ultracaine. Soluzione incolore con il principio attivo articaina ed epinefrina. Il farmaco blocca rapidamente le terminazioni nervose e l'effetto del sollievo dal dolore si verifica entro 2 minuti dalla somministrazione e dura fino a 45 minuti. Non ha un effetto vasodilatatore. Il farmaco è vietato per patologia renale, glaucoma, grave ipossia. Gli effetti collaterali del farmaco includono: orticaria, aritmie cardiache e abbassamento della pressione sanguigna.
  2. Primacaine. La composizione dell'anestetico comprende epinefrina e articaina. La particolarità di questo farmaco è una breve emivita, quindi può essere utilizzata per il trattamento di bambini, madri in gravidanza e in allattamento. Primacain inizia ad agire 30 secondi dopo l'iniezione. L'azione dura circa 40 minuti. Controindicato in malattie cardiache, insufficienza renale, anemia e ipertensione.
  3. Ubistezin. I principali ingredienti attivi sono articaina, epinefrina. L'effetto anestetico inizia 1 minuto dopo l'iniezione e dura fino a 45 minuti. Ci sono controindicazioni: ipertensione, malattie renali, tachicardia.

Preparati curativi

Dopo l'intervento chirurgico, possono comparire complicanze come sanguinamento, infiammazione dell'incavo, ematoma, edema, dolore o suppurazione..

I rimedi comuni per una rapida guarigione come Cholisal, Metragil Dent e Solcoseryl sono controindicati durante la gravidanza, al posto di essi vengono utilizzate sostanze non farmacologiche a base di erbe.

Preparati curativi:

    L'unguento alla propoli allevia le ulcere, normalizza le condizioni delle gengive, rafforza il sistema circolatorio, influenza positivamente la microflora del cavo orale. La crema viene applicata regolarmente sulle gengive fino alla scomparsa del danno..

Un potente effetto curativo ha un unguento di carote e finocchi, che possono essere preparati in modo indipendente. Il succo di carota appena spremuto e l'olio di finocchio vengono assunti quando vengono aggiunti ingredienti attivi, vaselina cosmetica o glicerina. L'unguento disinfetta le superfici delle mucose, elimina i focolai di infiammazione.

Dopo l'estrazione, il medico fornisce raccomandazioni che devono essere seguite rigorosamente..

Per evitare conseguenze indesiderate, è necessario eseguire le seguenti azioni:

  1. Il tampone dal foro deve essere rimosso dopo 15 minuti, altrimenti diventerà un'ulteriore fonte di infezione..
  2. È necessario applicare del ghiaccio sulla guancia in modo che non ci sia gonfiore.
  3. In caso di sanguinamento, applicare una benda sul pozzetto. Il sanguinamento può iniziare a causa dell'ipertensione. Controlla la pressione e prendi le medicine se necessario.

Dopo l'estrazione del dente per 3 ore, è vietato:

  1. Mangia e bevi acqua.
  2. Sciacquare la bocca.
  3. Frugando in un buco del dente con la lingua o altri oggetti.

Per accelerare la guarigione delle gengive e prevenire l'infiammazione e la suppurazione, vengono realizzate vasche da bagno speciali. Devi mettere una piccola quantità di soluzione in bocca e tenerla. Per lo più utilizzati sono permanganato di potassio, un decotto di salvia, camomilla o una soluzione di clorexidina. È importante ricordare che non puoi sciacquarti la bocca, puoi solo fare i bagni.

Possibili rischi

Estrazione - sebbene piccola, ma comunque un'operazione. L'intervento chirurgico è sempre irto di conseguenze indesiderabili.

  • shock anafilattico;
  • svenimento;
  • danno del seno mascellare;
  • trauma alle ossa della mascella;
  • sanguinamento;
  • ematoma;
  • schegge che entrano nel foro;
  • lesione a un dente adiacente;
  • neurite (infiammazione delle cellule nervose);
  • alveolite (infiammazione del foro).

Non appena la complicazione si fa sentire, è necessario consultare immediatamente un medico, altrimenti esiste il rischio di gravi malattie.

È possibile non cancellare

Il trattamento dentale è meno dannoso per il corpo in crescita del bambino e di sua madre rispetto all'estrazione. Pertanto, il medico prende tutte le misure per il suo trattamento terapeutico e, se sono inutili e non aiutano, decide di rimuoverlo. Anche la carie profonda può essere pulita e il dente lasciato in posizione. In futuro, quando una donna partorirà, sarà in grado di eseguire la procedura di estensione o mettere un impianto.

Prevenzione

Per prevenire gravi malattie, ogni persona dovrebbe visitare il dentista ogni sei mesi. Le donne in gravidanza hanno bisogno di ancora più tempo per prevenire le complicanze.

Regole di cura dentale:

  1. Una corretta alimentazione aiuta a gettare le basi per la salute del bambino. La dieta di una donna incinta dovrebbe consistere in prodotti di origine vegetale e animale. E l'uso di prodotti lattiero-caseari compenserà la carenza di minerali e consentirà al bambino di svilupparsi normalmente.
  2. Camminare al sole. La vitamina D è essenziale per la sintesi del calcio nel corpo. La posa degli inizi dei denti da latte del bambino inizia già dalla 7a settimana di gravidanza. È necessario il più spesso possibile camminare all'aria aperta, crogiolarsi al sole. È importante non esagerare: non è consigliabile prendere il sole.
  3. Cattive abitudini. È necessario sbarazzarsi dell'abitudine al fumo, poiché il fumatore a causa dell'aumento della temperatura nella cavità orale aumenta la crescita di batteri nocivi. Questo porta a placca e tartaro, che contribuisce alla carie e alla malattia delle gengive..
  4. Igiene orale. Oltre alla pulizia obbligatoria al mattino e alla sera, sciacquare la bocca dopo ogni pasto

Suggerimenti dentali

Durante la visita, il dentista consiglierà come prendersi cura adeguatamente della cavità orale e quali procedure devono essere eseguite in modo che non ci siano gravi problemi sotto forma di carie, pulpite, gengivite e altre malattie.

Il consiglio del dentista alle future mamme:

  1. Per rimuovere i depositi dentali: questa procedura aiuterà a rilevare la carie nella fase iniziale.
  2. Sostituisci otturazioni vecchie e di scarsa qualità, perché con una mancanza di calcio, i denti vulnerabili verranno colpiti per primi.
  3. Per infiammazione, dolore e sanguinamento delle gengive, devi visitare un parodontologo.
  4. Posticipare l'impianto e il trattamento ortodontico per il periodo postpartum. Questi tipi di procedure dentali durano diversi mesi e sono accompagnati da antibiotici..
  5. Seguire le regole di igiene orale.
  6. Prendi multivitaminici e preparati con calcio e vitamina D.

Recensioni

All'esame, il dentista ha detto che è necessario rimuovere 2 otto, solo lei non lo intraprenderà - dicono che è troppo difficile. Ha detto di venire per la rimozione dopo la consegna.

Nel sesto mese sono andato dal chirurgo per estrarre un dente. Il medico ha detto che non vale la pena tirarlo fuori: può essere curato. Ma il dente del giudizio disse di rimuovere (anche se non era affatto malato). Ha fatto un'iniezione di ultracaina - il momento più spiacevole. L'iniezione è buona, ha funzionato in pochi minuti. In generale, mi ero preparato ad avere paura, ma aveva già vomitato. Non ci sono state complicazioni. Ill un paio d'ore e tutto. Il chirurgo è figo, ha completato il lavoro per cinque. Se qualcuno ha bisogno di tirare fuori un dente, è meglio trovare un buon medico su consiglio degli amici.

Avevo paura di rimuovere, preoccupato di come funzionerà l'anestesia sul bambino. Il ginecologo ha comunque consigliato di vomitare, affermando che un'infezione che cammina intorno al corpo è molto più pericolosa di un'iniezione.

Video sulle caratteristiche dell'estrazione del dente nelle donne in gravidanza

Da questo video imparerai le caratteristiche dell'estrazione dei denti nelle donne in gravidanza..

Estrazione del dente durante la gravidanza - è possibile per le donne in gravidanza rimuoverli?

Il mal di denti può verificarsi in qualsiasi momento, non un'eccezione e il periodo di gravidanza. Inoltre, a causa delle caratteristiche fisiologiche durante la gravidanza, i denti di una donna sono particolarmente vulnerabili e le situazioni in cui è richiesto un trattamento urgente o l'estrazione dei denti durante la gravidanza non sono affatto rare.

In linea di principio, durante il periodo di gestazione, il trattamento e l'estrazione dei denti non sono molto desiderabili, motivo per cui le donne incinte sono invitate a risolvere tutti i problemi dentali nella fase di pianificazione della gravidanza. Dopo tutto, visitare un dentista non è solo l'effetto dei farmaci sul corpo, ma anche uno stress grave, controindicato sia per la madre che per il feto.

Ma nella vita, le situazioni sono diverse e se hai un forte dolore, allora è molto peggio per te e per le condizioni del tuo bambino non ancora nato sopportarlo e rifiutare il trattamento.

La gravidanza non è una controindicazione assoluta al trattamento o all'estrazione del dente, ma dovresti assolutamente informare il tuo medico sulla tua situazione, sarà in grado di scegliere i metodi di trattamento più delicati. Il dentista condurrà una diagnosi completa delle condizioni della cavità orale, ti fornirà raccomandazioni per l'igiene personale e per la prevenzione della carie e, se necessario, ti farà riferimento al chirurgo per rimuovere il dente durante la gravidanza.

Nell'odontoiatria moderna, ci sono anestetici speciali che non danneggiano il feto, non sono in grado di penetrare nella placenta. Tuttavia, qualsiasi intervento chirurgico è stressante per il corpo e l'estrazione dei denti non fa eccezione. Pertanto, durante la gravidanza, i denti vengono rimossi solo in caso di necessità urgente, mentre si cerca di evitare interferenze nel primo e terzo trimestre di gravidanza.

Succede che durante la gravidanza, i problemi con l'ottavo molare, cioè i denti del giudizio, che possono causare gravi disagi a una persona, peggiorano. In una situazione normale, il medico non avrebbe esitato a prescrivere la rimozione, ma dopo la rimozione del G8 varie complicazioni si sviluppano troppo spesso, inclusi processi infiammatori che richiedono un successivo trattamento con antibiotici. Naturalmente, durante la gravidanza, assumere tali farmaci è altamente indesiderabile.

Se possibile, è meglio posticipare l'estrazione dei denti durante la gravidanza, ma se le indicazioni per l'intervento chirurgico sono troppo gravi, è necessario eseguire l'operazione, poiché il mal di denti acuto costante o la presenza di un processo infiammatorio cronico farà molto più danno dello stress causato dalla rimozione e dall'uso da parte del medico di anestetici si intende.

Le donne in gravidanza possono rimuovere i denti

È possibile per le donne in gravidanza rimuovere i denti, purtroppo, una domanda piuttosto urgente tra le future mamme. La gravidanza è un periodo in cui il corpo di una donna è particolarmente vulnerabile e molto spesso si verifica una violazione del metabolismo del calcio e, di conseguenza, lo smalto dei denti viene distrutto e compaiono indicazioni urgenti per il trattamento terapeutico e talvolta per l'estrazione del dente.

Certo, andare dal dentista è uno stress grave, che aggrava solo lo stato di gravidanza. E non c'è nulla di utile nel processo di trattamento e di estrazione del dente durante il portamento di un bambino - no. Ma ancora peggio - dolore costante, che influenza negativamente le condizioni generali della futura mamma, e attraverso di lei - e le condizioni del bambino in crescita. Un fattore negativo è la presenza di un focus costante di infezione, che è qualsiasi lesione cariosa, perché se hai una scelta tra se rimuovere un dente malato o sopportare il dolore,

I dentisti consigliano di eseguire il trattamento o l'estrazione del dente, indipendentemente dalle loro condizioni, e concentrandosi esclusivamente sulle indicazioni per il trattamento dentale. Ora ci sono tecnologie e farmaci che sono adatti per il trattamento delle donne in gravidanza, e persino l'anestesia non porterà alcun danno al bambino. Per alleviare il dolore, i dentisti usano farmaci che non hanno la capacità di penetrare nella barriera placentare e agiscono esclusivamente sul corpo femminile.

Ginecologi - gli ostetrici sono più cauti sulla questione se le donne in gravidanza possano rimuovere i denti. Raccomandano il trattamento dopo diciotto settimane, quando la placenta è già formata e protegge in modo affidabile il bambino in crescita, e fino a trentadue-trentacinque settimane, ritenendo che in un secondo momento, lo stress eccessivo può diventare un fattore che provoca il parto prematuro. Ma tali restrizioni, ovviamente, non si applicano ai casi in cui la situazione non è troppo grave e c'è una reale opportunità di posticipare il trattamento. Se una donna è tormentata da un forte dolore quasi ogni notte, o un dente del giudizio esplode in lei, la cui crescita è accompagnata dallo sviluppo di pericoronite, quindi rimuovere i denti il ​​più presto possibile.

Prevenzione delle malattie dentali durante la gravidanza

La cosa più importante durante la gravidanza dovrebbe essere con particolare attenzione alle procedure igieniche che aiutano a mantenere la cavità orale in condizioni adeguate. Le paste sono scelte al meglio con ingredienti naturali: menta, olio di chiodi di garofano, olivello spinoso, salvia, ecc. Le paste ad alto contenuto di calcio e fluoruro sono fantastiche..

Assicurati di pulire gli spazi interdentali con un semplice strumento come il filo interdentale. Sfortunatamente, gli utenti russi per qualche ragione ignorano questo importante argomento, che fornisce una migliore igiene orale.

Quasi tutte le donne in gravidanza al primo esame, il medico prescrive l'assunzione di preparati vitaminici e complessi minerali, oltre a dare raccomandazioni sulla nutrizione durante la gestazione. Assicurati di seguire tutte le raccomandazioni del tuo medico, le vitamine e una dieta ragionevole ti aiuteranno a ottenere tutte le sostanze necessarie che supportano il tuo corpo e forniscono tutto il corpo necessario del tuo bambino.

Se segui tutte le semplici regole sopra elencate, il rischio di malattie dei denti e delle gengive diminuirà in modo significativo, ed è del tutto possibile che non entrerebbe nemmeno nella tua testa per chiedersi se le donne in gravidanza possano rimuovere i denti. Qui puoi vedere le parentesi graffe fotografiche, quali sono le varietà, cosa danno e come usarle.

Per ogni evenienza, ti consigliamo di leggere i sintomi del cancro..

È possibile rimuovere un dente durante la gravidanza usando l'anestesia, per quanto tempo rimandare l'operazione?

Portare un bambino è un test difficile per il corpo femminile. Le trasformazioni ormonali e l'elevato consumo di calcio durante la formazione dello scheletro del bambino comportano rischi per l'intero sistema scheletrico di una donna, incluso il rischio di malattie dentali. Le donne in gravidanza devono spesso chiedersi come trattare i loro denti durante questo periodo e per quanto tempo? Le future madri sono preoccupate se è doloroso tirare un dente problematico, come anestetizzare e se è possibile estrarre un dente del giudizio? Soprattutto molte domande nelle donne che hanno il primo figlio.

Indicazioni per l'estrazione del dente

I dentisti trattano e rimuovono con successo i denti, compresi i denti del giudizio nelle donne in gravidanza, ma tutte le procedure hanno le loro caratteristiche. Spesso la rimozione di "otto" durante la gravidanza provoca un processo infiammatorio che influisce negativamente sul nascituro. A questo proposito, i dentisti cercano di non strappare i terzi molari nelle donne in posizione, ad eccezione dell'emergenza.

Il dentista può decidere di strappare una donna che sta portando un bambino nelle seguenti circostanze:

  • In caso di dolore acuto prolungato che non può essere alleviato. In questa situazione, lo stress vissuto dal paziente colpisce il bambino più negativamente del processo di estrazione del dente.
  • Se il dente è gravemente colpito dalla carie e questo ha provocato l'infiammazione del tessuto gengivale.
  • Con la polpite, cioè l'infiammazione del nervo dentale, che non può essere eliminata con metodi terapeutici.
  • In presenza di lesioni, crepe, scheggiature sul dente, causando dolore quando viene a contatto con il cibo.
  • Se viene rilevata una neoplasia maligna.
  • Per disturbi ossei causati da malattie gengivali.

Separatamente, considera la rimozione dei denti del giudizio. Otto, di solito tagliano l'età fertile delle donne e raramente crescono correttamente. Spesso c'è uno spostamento, una curvatura delle radici, un danno alle gengive, alle guance o ai denti adiacenti e altre anomalie. Di norma, i medici preferiscono non tirare fuori un tale dente, ma aspettare il parto. Puoi estrarlo solo in tali circostanze:

  • forte dolore che non può essere eliminato;
  • dentizione con complicazioni sotto forma di infiammazione acuta;
  • posizione anormale che ha portato a lesioni al dente adiacente.

Fasi della procedura

Considera chi rimuove il dente e quanto è incinta. Questo è il compito di un chirurgo dentale e al fine di strappare un dente cattivo, esegue le seguenti procedure:

  • raggi X Questa è una fase importante del trattamento, anche se cercano di evitarlo se il paziente è in posizione. Se è necessaria l'immagine, viene creata una protezione affidabile del corpo con un grembiule di piombo. Tutti gli studi dimostrano che le radiografie spot non danneggiano il bambino.
  • Anestesia. L'anestesia viene eseguita da farmaci localmente sicuri, ad esempio la lidocaina, che non raggiunge la placenta e non è pericolosa per il bambino. L'adrenalina per le donne in gravidanza non viene utilizzata.
  • Rimozione. Il chirurgo esegue manipolazioni secondo il consueto protocollo medico: non è doloroso "strappare" un dente in anestesia. In questo caso, le condizioni del paziente sono sotto controllo continuo.
  • Procedure postoperatorie. Controllo della temperatura corporea, frequente risciacquo della bocca con decotti alle erbe.

Quanto tempo è meglio estrarre un dente?

Durante la gravidanza, è necessario prestare molta attenzione alle condizioni della cavità orale e, al minimo segno di un processo infiammatorio, consultare un dentista.

Tuttavia, a seconda dell'età gestazionale, ci sono differenze nei metodi di trattamento, vale a dire:

  • Primo trimestre. In questo momento (da 1 a 13 settimane), la probabilità di complicanze è la più alta e pericolosa. Ciò è dovuto al fatto che a 5-6 settimane di gravidanza c'è una formazione intensiva degli organi interni del bambino. Il processo è accompagnato da cambiamenti ormonali nel corpo della madre. In questa fase, i medici si astengono dalle misure chirurgiche, poiché qualsiasi operazione comporta il rischio di aborto. Solo in casi estremi, ad esempio con la pulpite, il chirurgo può estrarre un dente.
  • Secondo trimestre. Durante questo periodo (14-27 settimane), gli organi vitali del bambino sono già formati, la placenta è sviluppata, i rischi per la madre e il bambino sono minimi. Questo è il momento più adatto per le procedure dentali. L'anestesia è consentita.
  • Terzo trimestre - da 28 a 40 settimane di gestazione. Se possibile, si dovrebbe astenersi dall'estrazione del dente, poiché le condizioni emotive e fisiche della madre non sono stabili, il rischio di parto prematuro è elevato.

Quali sono le caratteristiche della procedura durante la gravidanza?

È indispensabile evitare complicazioni. La futura mamma deve rispettare rigorosamente tutte le prescrizioni del medico, monitorare le sue condizioni.

Raggi X, come fase preliminare

Molto spesso, il chirurgo prescrive una radiografia prima dell'intervento chirurgico. Per le donne in gravidanza, viene utilizzato un visiografo: un moderno dispositivo a raggi X. Questo dispositivo direzionale, riduce al minimo l'impatto dei raggi X e trasmette il risultato in forma digitale a un computer. Il medico può esaminare l'immagine in dettaglio.

Anestesia: la scelta dei farmaci

Per le donne in gravidanza, sono accettabili solo antidolorifici locali. La moderna farmacologia offre anestetici appositamente progettati per tali pazienti e che hanno le seguenti proprietà:

  • non raggiungere la barriera placentare e, pertanto, non può influire negativamente sul bambino;
  • non contengono componenti vasocostrittori (in alcuni anestetici tali sostanze sono presenti in una concentrazione minima).

L'anestesia nelle donne in gravidanza viene effettuata con farmaci:

  • Ultracaine;
  • Ubistezine;
  • Novocaina solo sotto forma di spray prima dell'iniezione con sputa obbligatoria di saliva.

Possibili complicazioni

Come ogni intervento chirurgico, l'estrazione può causare complicazioni. Sono divisi in inizio e fine. I primi che si verificano durante, immediatamente dopo la fine della procedura, o diverse ore dopo la rimozione, sono i seguenti:

  • shock, svenimento;
  • trauma alla mascella;
  • danno del seno mascellare;
  • schegge che cadono nel tessuto gengivale;
  • lesione a un dente adiacente;
  • sanguinamento pesante, ematoma.

In una fase successiva dopo l'intervento chirurgico, sono possibili complicazioni:

  • alveolite - infiammazione del foro;
  • neurite - infiammazione delle cellule nervose periferiche;
  • contrattura dei muscoli della mascella.

Con tempestiva assistenza medica, queste complicanze vengono eliminate senza conseguenze. Più tardi vedi un medico, maggiore è il rischio di malattie gravi.

Cosa possono usare le donne in gravidanza per curare un buco?

Dopo l'estrazione del dente è vietata:

  • mangiare prima di 3 ore dopo l'estrazione;
  • riscaldare un punto dolente;
  • sciacquare la bocca.

Per un'efficace guarigione delle ferite, il medico prescrive i seguenti farmaci:

  • rimuovere il dolore - Paracetamol in un unico dosaggio non superiore a 0,5 g, nel dosaggio giornaliero - non superiore a 4 g;
  • Antisettico amoxiclav 0,625 g tre volte al giorno.

Raccomandazioni generali

Le donne in gravidanza devono prestare particolare attenzione alle condizioni della cavità orale al fine di evitare processi infiammatori in essa, in particolare:

  • 2 volte al giorno - mattina e sera - pulire a fondo la cavità orale;
  • ogni volta dopo aver mangiato, rimuovere i resti con filo interdentale e sciacquare la bocca;
  • scartare le paste sbiancanti;
  • mangiare cibi ricchi di calcio e vitamine;
  • per prevenire l'infiammazione delle gengive, fai il loro massaggio usando un dentifricio antisettico;
  • utilizzare rimedi erboristici per rafforzare denti e gengive.

Estrazione del dente durante la gravidanza: caratteristiche della procedura e possibili rischi

Durante il periodo di portare un bambino e dargli da mangiare con il latte materno, i medici raccomandano di evitare l'esposizione ai farmaci sul corpo. Pertanto, le donne incinte spesso chiedono se è possibile rimuovere un dente durante la gravidanza. Ne parliamo.

È possibile rimuovere un dente durante la gravidanza??

Molti studi condotti per un lungo periodo di tempo indicano che durante la gravidanza il livello di microflora patogena nella cavità orale aumenta. Allo stesso tempo, la carie banale è in grado di trasformarsi in gravi malattie in un tempo abbastanza breve, interessando i tessuti parodontali dei denti. In alcuni casi, le complicazioni rendono impossibile la conservazione dell'unità..

I dentisti affermano che durante la gravidanza puoi e dovresti rimuovere un dente se questo disturba il paziente. Tollerare il dolore è molto più pericoloso per la mamma e il suo bambino non ancora nato. Inoltre, se si è formata una lesione infettiva nell'area del dente causativo, sarà necessario eliminarla urgentemente. Allo stesso tempo, le pazienti in gravidanza devono informare il medico delle loro condizioni già all'inizio dell'appuntamento. Successivamente, verrà elaborato un piano di trattamento..

Indicazioni e controindicazioni

Le donne in gravidanza appartengono a una categoria speciale di pazienti. Quando si sceglie un piano di trattamento, il medico tiene sempre conto di tutti i possibili rischi e della necessità di questa o quella manipolazione. La fattibilità è determinata in base alla disponibilità di prove. Ma prima di rimuovere il dente, i possibili divieti sono ancora più accuratamente identificati.

L'estrazione del dente durante la gravidanza è indicata nei seguenti casi:

  • Quando il trattamento conservativo è impossibile o non dà il risultato desiderato.
  • Nell'infiammazione suppurativa acuta che colpisce il tessuto osseo.
  • Se il dolore è impossibile da sopportare.
  • Quando si sviluppa un ascesso, flemmone.
  • Con la diffusione dell'infezione ad altri tessuti (un dente cattivo può causare lo sviluppo di sinusite, linfoadenite).
  • Con alcuni tipi di fratture del dente e del suo apparato radicale.

Le seguenti situazioni sono considerate controindicazioni:

  • è estremamente indesiderabile rimuovere un dente durante la gravidanza in una fase precoce (fino a 12 settimane) e durante l'ultimo mese di gravidanza;
  • si tenta inoltre di posticipare l'estrazione di terzi molari fino al periodo postpartum.

In alcuni casi, è necessaria la consultazione con un ginecologo o altri specialisti. Solo dopo questo, il medico decide se rimuovere i denti durante la gravidanza o è meglio rimandare l'operazione per un po 'di tempo. Altre informazioni sull'estrazione del dente →

Caratteristiche dell'estrazione del dente durante la gravidanza

L'opinione di tutti i medici concorda sul fatto che è consigliabile eliminare tutti i problemi dentali prima che una donna possa rimanere incinta. Se è necessario rimuovere il dente, il medico può solo pianificare le proprie azioni in modo che abbiano il meno possibile riflesso sullo sviluppo del feto.

Estrazione del dente nel primo trimestre di gravidanza

È altamente indesiderabile eseguire qualsiasi procedura dentale durante questo periodo. Se possibile, l'operazione viene rinviata a 13-14 settimane. A quel punto, la placenta, gli organi interni del bambino saranno già stati formati.

L'estrazione del dente durante la gravidanza viene effettuata sotto l'influenza di anestetici. Le medicine moderne sono completamente innocue. Sono vietati gli esami radiografici all'inizio del mandato. Il fatto è che le radiazioni possono facilmente superare la barriera biologica, con un effetto negativo sullo sviluppo del feto. Anche l'uso di un grembiule protettivo non fornisce una protezione garantita. Maggiori informazioni sull'anestesia in odontoiatria →

Estrazione del dente nel secondo trimestre di gravidanza

Nel periodo da 13 a 27 settimane, c'è meno preoccupazione per la necessità di estrazione. Di solito a questo punto le condizioni della donna incinta stessa si stanno stabilizzando un po 'e l'estrazione dei denti diventerà meno stressante per lei.

A partire dalla settimana 16, è possibile effettuare un esame radiografico. Ma a condizione che vi sia un'urgente necessità per questo e la procedura verrà eseguita su nuove apparecchiature. L'odontoiatria moderna è dotata di dispositivi radiovisiografici. I dispositivi consentono di visualizzare informazioni sullo schermo di un computer utilizzando un sensore speciale. Il vantaggio di questo metodo di ricerca è la ridotta esposizione alle radiazioni. In una radiovisiografia, è 10-15 volte inferiore rispetto a un apparecchio a raggi X convenzionale.

Estrazione del dente nel terzo trimestre di gravidanza

I medici non raccomandano di estrarre i denti durante questo periodo, poiché uno stress eccessivo può portare a parto prematuro. Ma anche la presenza di un focus infettivo nel corpo è estremamente indesiderabile. Una donna incinta dovrebbe sempre consultare un ginecologo. E se non ci sono controindicazioni, il chirurgo eseguirà un'estrazione del dente.

Possibili rischi e complicazioni

Molto spesso, l'estrazione del dente avviene senza complicazioni. Tuttavia, mentre si trasporta un bambino, aumenta il rischio di sviluppare conseguenze indesiderabili.

In primo luogo, durante lo stress emotivo, la probabilità di aborto aumenta rapidamente. In particolare, non è consigliabile essere stressati durante i primi 17 giorni. Durante questo periodo, l'embrione viene fissato.

In secondo luogo, dopo una visita allo studio dentistico per effettuare la rimozione, si verificano spesso fenomeni spiacevoli che richiedono l'uso di ulteriori farmaci. Operazioni complesse sono particolarmente pericolose.

Il periodo di recupero è spesso accompagnato dai seguenti fenomeni:

  • Un forte aumento della temperatura corporea.
  • Dolore intenso nell'orbita.
  • Deterioramento generale.

La violazione delle regole per l'estrazione o le raccomandazioni per la cura del pozzo possono portare allo sviluppo delle seguenti complicazioni:

  • Ematoma: si verifica a causa di una violazione dell'integrità dei tessuti, dei vasi sanguigni. Il fenomeno è considerato patologico solo nei casi di diffusione di gonfiore e blu su una vasta area.
  • I dentisti chiamano l'infiammazione del foro un'alveolite. Si verifica a causa della lisciviazione di un coagulo di sangue nel foro, che funge da barriera alla penetrazione della microflora patogena nel corpo.
  • L'edema è considerato una normale reazione all'intervento chirurgico. Ma, se l'iperemia copre una vasta area e aumenta solo ogni giorno, questa condizione richiede l'intervento di un medico.
  • La parestesia si trova più spesso quando si rimuovono i denti del giudizio inferiori. La complicazione porta all'intorpidimento della guancia, della gomma, della lingua.
  • Il verificarsi di sanguinamento. Altre informazioni sul sangue dopo l'estrazione del dente →

Anche la solita semplice procedura per l'estrazione dei denti prevede l'uso di antidolorifici o farmaci antipiretici nei primi giorni. I processi purulenti si fermano con gli antibiotici. Pertanto, se è stata presa una decisione sull'opportunità dell'estrazione del dente al momento della gravidanza, il medico esegue attentamente l'intero protocollo dell'operazione. Dopotutto, una violazione delle regole di asepsi e antisettici può provocare l'infezione del foro, che richiede una successiva terapia farmacologica. Altre informazioni sugli antibiotici dopo l'estrazione del dente →

Anestesia di estrazione del dente in gravidanza

In odontoiatria, i medici usano farmaci contenenti adrenalina (Ultracain o Ubistesin) per alleviare il dolore. Questi anestetici non hanno controindicazioni per l'uso nel trattamento di gestanti. Inoltre, è stato calcolato un certo dosaggio che non consente al farmaco di superare la barriera placentare.

Le violazioni delle regole per la somministrazione di anestesia durante la gravidanza possono causare crampi all'utero, provocando ipossia (mancanza di ossigeno) del feto. Se la futura madre ha malattie cardiovascolari, l'anestesia è estremamente indesiderabile per lei. Pertanto, il dentista deve prima essere informato dei disturbi di accompagnamento. Alcune malattie ai reni e al fegato vietano anche la somministrazione di farmaci "congelanti".

Vale la pena notare che i medici non temono tanto gli effetti del farmaco, ma la probabilità di una reazione allergica durante la gravidanza. Pertanto, i pazienti che hanno avuto casi di intolleranza individuale agli anestetici dell'adrenalina non sono prescritti.

In presenza di controindicazioni, i denti non complicati possono essere rimossi senza iniezione anestetica. Ma se una donna incinta non è pronta a sopportare il disagio o la situazione non consente di risolvere il problema senza anestetici, il medico seleziona il farmaco più sicuro in ogni singolo caso usando il metodo di prova.

Cure postoperatorie

Dopo aver rimosso un dente malato, il medico fornisce raccomandazioni per la cura del pozzo. È necessario osservarli rigorosamente:

  1. Dopo aver rimosso l'unità, il medico indossa un tampone sterile e suggerisce di chiudere saldamente la mascella.
  2. È necessario rimuovere la turunda entro e non oltre 20 minuti dopo.
  3. Per evitare la comparsa di iperemia tissutale, gli esperti raccomandano di applicare ghiaccio sulla guancia dal lato causale per 3-4 minuti. Quindi fai una breve pausa. Dopo 5 minuti, la procedura può essere ripetuta..
  4. Se dopo aver rimosso il tampone, il foro continua a sanguinare, è necessario creare una turunda da una benda sterile e indossare la ferita. Inoltre, non è consigliabile che venga conservata per più di 20 minuti..
  5. Il primo giorno dopo l'intervento, non è possibile lavarsi i denti nel solito modo. Per pulire la cavità orale, è possibile utilizzare una soluzione antisettica (1 cucchiaino di soda in un bicchiere di acqua calda). È vietato il risciacquo intensivo. Pertanto, il liquido viene semplicemente raccolto in bocca, trattenuto per diversi minuti e delicatamente lasciato fuoriuscire.
  6. È severamente vietato mangiare entro 2-3 ore dalla procedura.
  7. Non aumentare la temperatura corporea (bagno caldo, doccia, sauna).
  8. L'attività fisica è esclusa al fine di ridurre la probabilità di sanguinamento.
  9. È severamente vietato toccare il buco con le dita, la lingua o altri oggetti..

Rimozione di terzi molari

I molari estremi, popolarmente chiamati "denti della saggezza", hanno una struttura complessa del sistema radicale. A causa della mancanza di spazio sull'arco mascellare, spesso differiscono nella posizione sbagliata e nell'eruzione problematica.

È possibile rimuovere un dente del giudizio durante la gravidanza? I dentisti cercano di rimandare l'estrazione del dente fino al periodo postpartum. La rimozione di terzi molari è considerata un'operazione complessa, accompagnata da un significativo danno tissutale. Di conseguenza, il periodo postoperatorio è spesso complicato da edema, sanguinamento, febbre o altri sintomi spiacevoli. Pertanto, questo dente viene rimosso durante la gravidanza solo in casi estremi..

Per non rischiare la salute, quando si decide se rimuovere i denti durante la gravidanza, è necessario prestare la dovuta attenzione alla prevenzione. Consulta il tuo medico almeno 1 volta al mese. Ciò rileverà la malattia nella fase iniziale del suo sviluppo. Le future madri dovrebbero prestare particolare attenzione alla loro dieta e all'igiene orale.

Postato da Tatyana Grosova, assistente dentale,
appositamente per Karies.pro

Video utile sulla possibilità di rimuovere i denti durante la gravidanza

Estrazione del dente durante la gravidanza: cosa fare se non c'è scelta?

Il mal di denti è qualcosa da cui nessuno è al sicuro, nemmeno una donna incinta. Inoltre, durante la gravidanza, a causa di colossali cambiamenti nel corpo, le donne spesso incontrano problemi ai denti e quindi richiedono un trattamento urgente e persino la rimozione. Molte persone sanno che è meglio curare i denti prima della gravidanza o rimandare il processo fino alla nascita del bambino, ma cosa fare se la situazione è così grave che è necessario rimuovere urgentemente un dente cattivo?

Estrazione del dente durante la gravidanza

UltraSmile.ru ha scoperto se è possibile rimuovere i denti durante la gravidanza e quando è meglio farlo.

Indicazioni per l'estrazione del dente in donne in gravidanza

Durante la gravidanza, il corpo della donna subisce notevoli cambiamenti: molte malattie possono peggiorare a causa di un cambiamento nel background ormonale e di una diminuzione dell'immunità. La cavità orale non fa eccezione: a causa del fatto che vitamine come calcio e fluoro, che sono utili per i denti, vanno in misura maggiore al nascituro, i denti della madre molto spesso si deteriorano. È possibile trattare i denti durante la gravidanza, ma rimuoverlo - secondo rigorose indicazioni:

  • dolore molto grave, che non può essere tollerato (naturalmente, a condizione che la distruzione sia così voluminosa che il trattamento dentale non porterà risultati). A proposito, non sarà possibile attutire il dolore dal punto di vista medico - molti antidolorifici durante la gravidanza sono vietati,
  • se l'infezione supera i limiti di un dente malato, questo è irto della sua diffusione in tutto il corpo e dell'infezione del feto,
  • se si è formato un tumore nell'area del dente infiammato,
  • forte mobilità dei denti causata da parodontite (malattia gengivale) o periodontite (infiammazione dell'apparato legamentoso attorno al dente).

Se possibile, l'estrazione dei denti dovrebbe essere posticipata fino alla nascita del bambino, soprattutto perché il periodo dell'allattamento al seno non è una controindicazione né per il trattamento né per la rimozione (soprattutto, scegliere un farmaco delicato per alleviare il dolore). Ma se c'è un bisogno urgente, vale la pena sapere in quale periodo è meglio sottoporsi a un intervento chirurgico.

Durante quale periodo di gravidanza è possibile rimuovere i denti?

  • primo trimestre: si raccomanda di rimuovere i denti solo in caso di necessità urgente, poiché è durante questo periodo che si formano tutti gli organi e i sistemi del nascituro. Inoltre, nei primi tre mesi c'è un alto rischio di aborto involontario, anche a causa di una piccola situazione stressante.,
  • secondo trimestre: è considerato il più sicuro, poiché si formano tutti i tessuti e gli organi e il rischio di un intervento chirurgico per il feto è significativamente ridotto,
  • terzo trimestre: come nel primo, la rimozione è indicata solo quando assolutamente necessario. Durante questo periodo, il rischio di parto pretermine è grande.

Durante la gravidanza è vietato

  • condurre una radiografia, il suo effetto è molto dannoso per il feto. Per valutare le condizioni dei tessuti dei denti, è meglio usare una radiografia, la sua radiazione è molto più bassa,
  • rimuovere i denti del giudizio: estrarli è pieno di molti problemi, perché si tratta di un'operazione chirurgica complessa. Molto spesso è necessario rimuovere i denti del giudizio in un ordine pianificato piuttosto che di emergenza, quindi questa operazione è rinviata meglio fino a dopo la nascita del bambino,
  • rimuovere i denti in anestesia generale - il suo effetto influenzerà negativamente il feto,
  • prendi i farmaci da solo, in particolare gli antibiotici: è meglio se la terapia farmacologica viene selezionata insieme a un terapista e un ginecologo. È importante che il farmaco sia giustificato e non danneggi il feto.

L'uso dell'anestesia generale durante la rimozione di un dente malato

Qual è il pericolo di estrazione dei denti durante la gravidanza?

A causa di cambiamenti ormonali durante la gravidanza, diminuzione dell'immunità, mancanza di vitamine e aumento dell'attacco dei batteri, l'estrazione dei denti può causare complicazioni come l'infiammazione del foro postoperatorio e la febbre. Sono anche possibili una scarsa guarigione dei tessuti e un indebolimento generale del corpo..

Ecco perché è meglio rimandare l'estrazione dei denti e prevenire lo sviluppo di malattie dentali. La prima cosa da fare è mantenere l'igiene orale e lavarsi i denti due volte al giorno, pulire la bocca dai detriti alimentari e sciacquare con infusi di salvia, camomilla e calendula. Il secondo è mangiare bene, prestando attenzione agli alimenti ricchi di calcio. E il terzo è monitorare attentamente la tua salute e, anche al minimo disagio, consultare un medico. Oggi, il trattamento dentale per le future mamme viene eseguito nel modo più accurato e sicuro possibile, indipendentemente dall'età gestazionale.

Video sul trattamento dentale durante la gravidanza

Raccomandazioni dei dentisti alle future mamme. È possibile rimuovere un dente durante la gravidanza??

Più recentemente, la gravidanza è stata una controindicazione assoluta al trattamento o all'estrazione del dente. Le donne incinte hanno dovuto sopportare un terribile dolore e preoccuparsi di possibili complicazioni. Il problema era l'imperfezione di metodi e antidolorifici, la cui composizione potrebbe causare danni irreparabili al bambino.

Ma la medicina si sta sviluppando rapidamente, nuove opzioni per l'anestesia e metodi per condurre studi radiologici hanno costretto i medici a riconsiderare la loro opinione sulla possibilità di estrazione dei denti per le donne in gravidanza.

Perché le donne incinte vengono danneggiate dal tessuto dentale?

Durante il periodo di gravidanza, anche quelle donne che prima potevano vantarsi di una perfetta salute orale possono affrontare il problema del deterioramento dei loro denti. Ci sono diverse ragioni:

  1. Nel secondo trimestre, la struttura ossea del feto inizia a svilupparsi attivamente, la cui formazione richiede quantità significative di calcio e altri minerali provenienti direttamente dal corpo materno. Anche con l'assunzione aggiuntiva di complessi multivitaminici e minerali, non è sempre possibile colmare completamente il deficit di questi elementi. Di conseguenza, la salute dentale è la prima a soffrire..
  2. A partire dalle prime fasi, anche la composizione della saliva (il suo equilibrio acido-base) cambia a causa dei cambiamenti ormonali nel corpo della madre, che possono anche causare carie.
  3. Una riduzione naturale dell'immunità durante la gravidanza porta ad un aumento del numero di agenti patogeni nella cavità orale. Ciò può causare emorragie e malattie gengivali, gengivite, parodontite e altre complicazioni..

Inoltre, la tossicosi può influire sulle condizioni dei denti, soprattutto se si verifica in forma acuta, un cambiamento nelle abitudini alimentari e un'igiene orale impropria, che durante la gravidanza richiede un'attenzione speciale.

È possibile rimuovere i denti malati?

Oggi ginecologi e dentisti concordano sul fatto che sia possibile estrarre un dente cattivo per una futura madre: se necessario, è anche necessario rimuoverlo (ovviamente, con un'iniezione speciale - l'anestesia, che renderà il processo di rimozione abbastanza sopportabile). Altrimenti, può svilupparsi un processo infiammatorio purulento o altre complicazioni accompagnate da dolore. L'ulteriore trattamento può essere molto difficile a causa del pericolo di danneggiare il bambino (ad esempio, a seguito dell'assunzione di antibiotici).

La chirurgia è quasi impossibile da eseguire in sicurezza senza un esame completo, che include una radiografia, che è strettamente controindicata per le future mamme. Tuttavia, i dispositivi moderni (radiovisiografi) usano una dose di radiazioni molte volte più piccola delle unità a raggi X convenzionali, quindi il loro uso è consentito anche durante la gravidanza.

Nelle prime fasi

Nel primo trimestre, per un periodo fino a 14 settimane, sia la rimozione che il trattamento dentale sono fortemente scoraggiati, poiché in questo periodo il feto è ancora piccolo e molto fragile e la placenta sta appena iniziando a formarsi. Pertanto, il bambino non è ancora protetto da influenze esterne (compresi i farmaci) e l'eccessivo stress che la futura mamma può sperimentare sulla sedia del dentista può portare a conseguenze irreparabili, incluso l'aborto spontaneo.

Poiché il rischio di aborto in questo momento è piuttosto elevato, gli ostetrici-ginecologi raccomandano di rimandare una visita dal dentista nel secondo trimestre. Tuttavia, se esiste la probabilità di sviluppare un processo infiammatorio grave o con una sindrome del dolore intenso che può provocare ipertonicità uterina, viene eseguita la rimozione (o il trattamento), nonostante le controindicazioni.

Ciò è possibile solo nei casi in cui la minaccia in assenza di interferenze superi le possibili conseguenze per la madre e il bambino.

Nel 2o trimestre

Questa volta è considerato il più adatto per l'estrazione del dente e altre procedure dentali (le protesi dovranno essere abbandonate fino alla fine della gravidanza). La placenta in questo momento si è già completamente formata ed è in grado di proteggere il feto da influenze esterne, inoltre viene completata la posa di tutti i principali sistemi del bambino.

Allo stesso tempo, la futura mamma è ancora in grado di trascorrere il tempo necessario sulla sedia del dentista senza provare un notevole disagio e il suo stomaco non è ancora abbastanza grande da interferire con la manipolazione.

È consentito fare leva nel terzo trimestre?

Di norma, i medici consigliano di attendere fino alla fine della gravidanza e di non rimuovere i denti nelle fasi successive, poiché stress, ansia e disagio possono causare un inizio precoce del travaglio. Inoltre, nelle fasi successive, l'addome è già abbastanza grande, preme fortemente sul diaframma e sugli organi interni, quindi può essere difficile per una donna incinta rimanere ferma per un lungo periodo.

In un caso estremo, quando l'operazione è inevitabile, si raccomanda di eseguirla nelle prime settimane del terzo trimestre per evitare possibili complicazioni.

Quale antidolorifico è meglio usare durante la rimozione?

Gli antidolorifici più moderni usati in odontoiatria colpiscono solo le gengive, non assorbite nel flusso sanguigno e, di conseguenza, non raggiungono il feto. Questo li rende assolutamente sicuri per il bambino. Per le donne in gravidanza, tutti gli anestetici senza vasocostrittore sono adatti (in casi estremi, un vasocostrittore con una concentrazione di adrenalina inferiore a 1: 200000 può essere considerato accettabile).

Prima di visitare un dentista, una donna incinta deve consultare il suo ginecologo. È necessario che il chirurgo che rimuoverà il dente abbia un quadro completo delle condizioni del suo paziente, solo in questo modo si può garantire che i farmaci per il dolore e la sua concentrazione siano selezionati correttamente e non danneggino il bambino.

Suggerimenti per la prevenzione e la cura della cavità orale

Come parte della pianificazione della gravidanza, si consiglia di iniziare a visitare un dentista in circa un anno per curare tutti, anche i problemi dentali minori entro la data prevista del concepimento. Naturalmente, questo non è sempre possibile, quindi è molto importante prendersi cura adeguatamente della cavità orale per evitare inutili viaggi dal dentista fino alla nascita del bambino. Ecco alcuni suggerimenti per aiutarti a mantenere i denti sani durante la gravidanza:

  1. I denti devono essere puliti a fondo almeno 2 volte al giorno.
  2. Si alternano diversi dentifrici medicinali (arricchiti con calcio, fluoruro, con aggiunta di estratti di erbe).
  3. Escludere le paste sbiancanti, in quanto possono danneggiare e diluire lo smalto dei denti.
  4. Sciacquare la bocca (preferibilmente dopo ogni pasto) con soluzioni speciali o decotti di erbe (ad es. Camomilla).
  5. Mantenere una dieta equilibrata e nutriente e assumere complessi vitaminici e minerali prescritti dal medico.
  6. In caso di infiammazione e sanguinamento delle gengive, nonché con il sospetto dell'inizio dello sviluppo della carie, consultare immediatamente un dentista.

Il rispetto di queste semplici regole aiuterà a mantenere la salute dentale anche in un periodo così difficile come portare un bambino, ed evitare una procedura così spiacevole come l'estrazione del dente.

Nonostante non vi sia un divieto diretto di rimozione, si deve comprendere che si tratta di una misura estrema, a cui si ricorre solo quando altri metodi hanno fallito. Pertanto, è molto importante prestare maggiore attenzione alla salute dentale, sottoporsi a esami tempestivi da parte del dentista e senza esitazione concordare un trattamento, che in tempi normali potrebbe essere posticipato un po '..

Video utile

Inoltre, un video informativo sull'estrazione dei denti durante la gravidanza:

Up