logo

La sifilide durante la gravidanza influenza le condizioni non solo della madre, ma anche del bambino. L'infezione colpisce le mucose, la pelle e gli organi interni. La progressione treponemica può influire negativamente sullo sviluppo di un bambino e portare a gravi complicazioni dello sviluppo.

Come diagnosticare la sifilide nelle donne in gravidanza

Durante la gravidanza, una donna viene osservata da un medico. Se sono presenti sintomi o malessere generale, vengono eseguiti ulteriori test. Al fine di confermare la sifilide, vengono eseguiti diversi test e campioni. Nelle donne in gravidanza, l'infezione non ha manifestazioni specifiche, di solito già durante l'assunzione iniziale diventa chiaro che il paziente è malato di sifilide. Tuttavia, sono necessari test di laboratorio per confermare la diagnosi..

La sifilide durante la gravidanza viene diagnosticata mediante screening. A sua discrezione, il medico esegue una microreazione di precipitazione o una reazione di Wasserman. Quest'ultimo metodo di ricerca viene utilizzato sempre meno, poiché spesso dà un risultato falso positivo. La probabilità di un risultato falso positivo sulla reazione di Wasserman è nei pazienti con epatite, lupus o artrite reumatoide. Risultati di test ambigui sono stati osservati in persone che erano precedentemente riuscite a curare la sifilide.

Per la prevenzione durante la gravidanza, vengono eseguiti almeno 2 test per la sifilide..

Innanzitutto, la diagnosi viene eseguita durante il primo trimestre e quindi a 30 settimane di gestazione. A scopo profilattico, un terzo test di infezione viene eseguito poche settimane prima del parto.

Con un chiaro risultato negativo dei test, il medico conclude che la donna incinta è in buona salute. Un risultato positivo o falso positivo indica che la donna è malata. Ottenere risultati contrastanti richiede ulteriori analisi. Per questo, vengono eseguiti ELISA, immunoblotting e RIBT. Ciò chiarisce il quadro clinico e consente di trarre le conclusioni appropriate..

Analisi

Al fine di rilevare la sifilide latente, cronica o ricorrente, viene analizzato materiale biologico. Per fare questo, utilizzare escrezioni da eruzioni cutanee, sangue, liquido spinale e materiale prelevato dalla biopsia. Il sangue del cordone ombelicale non aiuta a rilevare la sifilide, il che significa che il rischio di danneggiare il bambino è ridotto al minimo.

Il rilevamento dell'infezione si verifica utilizzando i seguenti test:

  1. Microscopia in campo oscuro. A causa dell'elevato contrasto di luce, i medici saranno in grado di rilevare il treponem. I patogeni sono evidenziati in modo brillante, quindi gli specialisti ottengono risultati inequivocabili.
  2. Fondo comune. Il materiale prelevato dal paziente è etichettato con fluorocromo. Si attacca ai treponemi, quindi la loro presenza è accompagnata da un bagliore luminoso.
  3. Studio sull'essudazione. Il medico prende il materiale che si distingue dall'eruzione dell'ulcera. Fisiologicamente, una soluzione viene gocciolata al suo interno, fissata con il vetro e inizia ad essere esaminata al microscopio. L'analisi è una delle più affidabili e semplici..
  4. Esame sierologico. L'esame treponemico o non treponemico viene effettuato in base alle caratteristiche individuali..

Il gruppo nontreponemico include diversi metodi contemporaneamente. Grazie a questo studio, puoi ottenere rapidamente il risultato, pur avendo un'elevata precisione. Durante lo studio, viene analizzato il liquido spinale, in cui vengono ricercati gli anticorpi (sono prodotti dall'organismo nella lotta contro la sifilide). Nelle prime settimane del decorso della malattia, il risultato può essere miscelato, quindi viene utilizzato in un secondo momento.

Il gruppo treponemico diventa il risultato di metodi precedenti. Implica l'uso di metodi altamente specifici per confermare la malattia. Il liquido spinale non viene utilizzato. Se la treponematosi si verifica contemporaneamente all'infezione, può apparire un risultato falso positivo.

In assenza di sintomi vividi, ricorrono alla diagnosi usando il metodo RIBT. Nei primi giorni dell'infezione, eseguono anche una risonanza magnetica del midollo spinale e del cervello per vedere se si sono verificati cambiamenti significativi nello stato di salute..

Il medico seleziona un metodo diagnostico in base alle condizioni del paziente.

Vengono prese in considerazione la forma della sifilide (primaria o recidiva), l'età, l'effetto della malattia sul bambino e la storia raccolta. In presenza di malattie concomitanti o cattive condizioni di salute di una donna incinta, ricorrere a metodi aggiuntivi per la diagnosi della sifilide.

Qual è la sifilide pericolosa durante la gravidanza

Il rischio della prima complicazione si verifica a 5 settimane di gestazione. Il rapido sviluppo della sifilide minaccia un aborto spontaneo. A 30 settimane di sviluppo fetale, esiste il rischio di morte infantile. All'autopsia, i medici in questo caso trovano lesioni multiple con treponemi degli organi interni (polmoni, fegato, milza).

Se hai la sifilide, c'è il rischio di avere un bambino che avrà gravi problemi respiratori..

Sorgono quando, a causa del treponema, inizia la degenerazione del tessuto polmonare. Di conseguenza, i polmoni sono pieni di epitelio, diventano densi e pesanti..

Il parto può essere seriamente complicato a causa dell'insufficienza placentare. Viene diagnosticata un'elevata compattazione e deformazione della placenta. C'è un significativo restringimento dei vasi sanguigni, a questo proposito, il bambino non riceve elementi vitali. Ciò porta alla comparsa di deformità o morte del bambino prima della nascita.

Le donne in gravidanza possono curare la sifilide anche mentre portano un bambino; ​​questo richiederà più tempo e sforzi, ma ridurrà al minimo il rischio di gravi complicazioni. Se una donna non è coinvolta nel trattamento e il bambino sopravvive nel periodo prenatale, allora nasce con una forma congenita di sifilide.

Nei neonati appare in presenza di infezione:

  • pemfigo, si verificano eruzioni cutanee sul tronco e sulle gambe, che alla fine si trasformano in erosione sanguinante;
  • rinite, la respirazione è molto difficile, a causa della quale il bambino non può mangiare normalmente;
  • inizia la deformazione dell'osso e della cartilagine;
  • Infiltrazioni di Hochsinger, grandi foche compaiono in tutto il corpo, quindi crepe e cicatrici si formano al loro posto;
  • l'osteocondrite, a causa della deformazione ossea durante la sifilide, si forma la paralisi e il bambino diventa disabile;
  • coreoretinite, i medici trovano placche nel fondo oculare, che influiscono sulla vista.

Nei bambini, la sifilide viene rilevata immediatamente dopo il parto, nei primi anni di vita o nell'adolescenza. Un'infezione latente è un grande pericolo per la salute. Se la sifilide congenita viene rilevata solo nell'adolescenza, il bambino avrà problemi con la riproduzione della prole e altre complicazioni. A questo proposito, la profilassi viene eseguita per i neonati, anche se i test non hanno confermato la presenza di sifilide.

Quali medici devono essere visitati?

L'infezione colpisce tutti gli organi interni e i sistemi del corpo, quindi il trattamento dovrebbe essere completo. Affinché una donna possa dare alla luce un bambino sano, diversi specialisti si prenderanno cura della sua salute contemporaneamente.

Durante l'intera fase della gravidanza, la futura madre è sorvegliata da un ginecologo. Il rilevamento di infezione nel corpo porta al coinvolgimento di un venereologo. Un oculista, un cardiologo, un neurologo, un medico di medicina generale e uno specialista ORL sono invitati a svolgere un esame completo del loro stato di salute e ad avere un quadro generale dell'infezione..

Un ginecologo non ha il diritto di controllare la vita sessuale dei suoi pazienti. È responsabile delle condizioni generali della donna e del bambino in via di sviluppo, quindi farà tutto il possibile per eliminare la sifilide il prima possibile..

Secondo gli esperti, il problema principale è che le donne trascurano lo stato di salute.

La sifilide può essere infettata non solo attraverso il contatto sessuale, ma anche attraverso uno stretto contatto o attraverso prodotti per l'igiene personale. Il periodo di incubazione per lo sviluppo della sifilide può durare diversi anni, mentre non ci sono sintomi del disturbo e la donna non sa nemmeno di essere malata. Pertanto, i medici consigliano periodicamente di sottoporsi a un esame completo e, durante la gravidanza, non trascurare le visite dal medico.

Sintomi e trattamento durante la gravidanza

I sintomi della sifilide dipendono dalla durata dell'infezione. A volte, sullo sfondo delle malattie concomitanti, diventa difficile determinare la violazione da manifestazioni esterne, ma studi di laboratorio risolvono questo problema.

Le seguenti manifestazioni sono state osservate nelle donne in gravidanza con sifilide:

  1. Eruzioni cutanee. Prima di tutto, appare un'eruzione cutanea nell'area della penetrazione dei batteri. Si può verificare densa compattazione, piaghe dolorose o vesciche..
  2. Febbre e malessere generale. Un aumento della temperatura viene diagnosticato estremamente raramente, ma è possibile al secondo o terzo stadio della sifilide.
  3. Perdita di peso. La sensazione di malessere è accompagnata da una mancanza di appetito. Anche con una buona alimentazione, una donna osserverà la perdita di peso.
  4. Tosse, congestione nasale, lacrimazione. I segni dell'influenza stanno costringendo le donne a cercare di eliminare la malattia da sole, ma peggiorano solo le loro condizioni.

La cosa positiva di questa spiacevole situazione è che la sifilide viene trattata con successo con antibiotici. I medici selezionano risparmiando significa che non influenzano negativamente il bambino. La scelta del programma terapeutico e terapeutico dipende dallo stadio della malattia infettiva..

Puoi trattare la violazione con i farmaci penicillina. Allo stesso tempo, si raccomanda l'uso di complessi vitaminici, enzimi e immunomodulatori. La terapia può continuare anche dopo la nascita del bambino, la sua interruzione è inaccettabile. Se l'infezione non viene curata, riapparirà e verrà rapidamente trasmessa a tutti i propri cari.

Conseguenze per il bambino

Un bambino può essere infettato dalla sifilide durante il periodo prenatale o durante il parto. L'infezione influisce sul suo sviluppo, in relazione al quale può iniziare una nascita prematura o può verificarsi un aborto spontaneo.

Se non trattati, nel 40% dei casi, i bambini con sifilide grave muoiono nei primi giorni di vita. L'infezione porta a un cambiamento patologico nello stato degli organi interni. La malattia colpisce le condizioni del cuore, delle ossa, del cervello, degli occhi e degli apparecchi acustici. Un bambino infetto può nascere con anemia o polmonite..

Prevenzione

La principale misura per la prevenzione della sifilide durante la gravidanza è un atteggiamento responsabile nei confronti della salute. Le future madri dovrebbero capire che ora sono responsabili non solo di se stesse, ma anche del bambino, che è ancora indifeso. A tal fine, i medici raccomandano un esame completo nella fase di pianificazione della gravidanza per entrambi i partner..

Le donne dovrebbero abbandonare i rapporti sessuali promiscui e usare contraccettivi di barriera anche durante la gravidanza..

Questo non solo previene la sifilide, ma anche altre malattie del sistema genito-urinario.

Prima di dare alla luce, puoi effettuare la prevenzione per il bambino. Ciò è necessario anche se la donna è riuscita a riprendersi durante la gravidanza. Include un ciclo di assunzione di farmaci per 1 o 2 settimane. Le misure preventive sono consentite dalla 20a settimana di gravidanza. Di solito, a una donna vengono prescritti farmaci a base di penicillina, che vengono assunti per 10 giorni.

Esame del neonato

I medici possono esprimere le loro ipotesi sullo stato del bambino dopo il parto, ma sarà possibile dire esattamente questo solo dopo un esame diagnostico.

Se la donna non è stata sottoposta a trattamento o non ha interrotto il ciclo farmacologico, dopo la nascita il neonatologo esaminerà il bambino. Se viene rilevata la sifilide, verrà avviato un trattamento adeguato. I test dei gruppi treponemici e nontreponemici vengono effettuati il ​​decimo giorno dopo il parto. Di solito, il sangue viene prima esaminato e quindi il fluido viene prelevato dal midollo spinale, se necessario..

Se durante la gravidanza una donna è stata osservata da un medico e si è sottoposta a trattamento per la sifilide, allora il terapeuta, l'otorinolaringoiatra, il radiologo, optometrista e neurologo esamineranno il bambino. Se vengono rilevati sintomi di sifilide, subiranno una terapia complessa.

È possibile dare alla luce un bambino sano dopo la sifilide curata?

La terapia moderna può ridurre il rischio di complicanze nella madre e nel bambino. Inoltre, una malattia curata con successo non influisce sulla funzione riproduttiva di una donna. In futuro, può anche rimanere incinta e dare alla luce bambini. Con la diagnosi precoce, ci sono alte probabilità di avere un bambino sano e l'assenza di complicanze.

Il successo del trattamento dipende in gran parte dal periodo in cui è stata stabilita la malattia. I medici ritengono che con un approccio adeguato a questo problema e un trattamento tempestivo, le donne non abbiano nulla di cui preoccuparsi. I medici saranno in grado di scegliere una serie di medicinali per garantire una buona salute a una donna in travaglio e a suo figlio. La cosa principale è essere regolarmente osservati da un medico e seguire tutte le sue raccomandazioni, nel qual caso si possono evitare gravi complicazioni o aborti spontanei.

Sifilide durante la gravidanza - segni, diagnosi, trattamento

La sifilide è un'infezione trasmissibile sessualmente trattabile. Quando si identifica, trattare immediatamente la malattia, altrimenti ignorare la malattia porterà alla morte.

L'infezione è rara tra le donne in Russia. Nel 2014, sono state rilevate 25,5 infezioni per 100.000 persone, secondo uno studio del Centro scientifico statale di dermatofenerologia e cosmetologia.

I medici russi rilevano la sifilide durante la gravidanza nel 1 ° e 2 ° trimestre. Molto spesso, la malattia si trova in madri minorenni, cittadini stranieri e donne non osservati nelle cliniche prenatali.

Segni di sifilide durante la gravidanza

Segni comuni di sifilide durante la gravidanza in qualsiasi fase:

  • Ulcere genitali;
  • Eruzioni cutanee sul corpo, lesioni pustolose;
  • Febbre;
  • Perdita di peso;
  • Segni di influenza.

I primi due anni, i segni e i sintomi della sifilide potrebbero non apparire. In questo caso, la malattia è riconosciuta in una fase avanzata, quando compaiono sintomi neurologici e lesioni cardiovascolari..

Fasi della sifilide durante la gravidanza

Nel primo stadio della sifilide, il sintomo principale è il cancro. Chancre - un'eruzione cutanea con bordi convessi, situata all'interno della cavità orale o sui genitali. Il rilevamento della sifilide in questa fase viene trattato entro 3-6 settimane.

Ignorare il primo stadio della malattia porta alla moltiplicazione e alla diffusione dell'infezione attraverso il flusso sanguigno. Il secondo stadio della malattia inizia con questo, è accompagnato da un'eruzione cutanea su mani e piedi, comparsa di verruche sul corpo e sui genitali e perdita di capelli. In questa fase, l'infezione è curabile..

Il terzo stadio della sifilide si manifesta entro 30 anni dalla lesione e causa gravi malattie cardiache.

Diagnosi di sifilide durante la gravidanza

Determinare la presenza di sifilide durante la gravidanza aiuterà con la consegna dei test. Tutti i test vengono eseguiti utilizzando il prelievo di sangue da dita o vene, nonché liquido cerebrospinale.

Esistono due tipi di screening della sifilide:

  1. Precipitazione microreazione (MR) - Le percentuali di anticorpi da 1: 2 a 1: 320 indicano un'infezione. In una fase avanzata, i punteggi degli anticorpi sono piccoli.
  2. Reazione di Wasserman (PB, RW) - Indicatore “-” - sei in buona salute, “++” - infezione improbabile (vengono prescritti test aggiuntivi), “+++” - molto probabilmente sei infetto, “++++” - sei infetto sifilide. Gli anticorpi 1: 2 e 1: 800 indicano un'infezione.

Test che riconoscono la sifilide:

  1. La PCR è un costoso tipo di analisi che rileva il DNA di un povero treponema nel corpo di una futura madre. Nel caso di un indicatore negativo del risultato, la donna è sana, nel caso di un positivo - molto probabilmente, sei malato, ma non esiste ancora una garanzia al 100% di sifilide. Vengono assegnati test aggiuntivi.
  2. Immunofluorescence Reaction (RIF) - Riconosce la sifilide in una fase precoce. Il risultato è “-” - sei in salute. La presenza di almeno un plus: sei infetto.
  3. Reazione di agglutinazione passiva (RPHA): riconosce la sifilide in qualsiasi fase. Se il punteggio anticorpale è 1: 320, sei stato recentemente infettato. Un indicatore alto indica che sei stato infettato molto tempo fa..
  4. Saggio di immunoassorbimento enzimatico (ELISA) - determina lo stadio della malattia. Assegnato come analisi aggiuntiva. Un indicatore positivo dei risultati indica un'infezione con la sifilide o una precedente malattia prima della gravidanza.
  5. Reazione di immobilizzazione di treponemi pallidi (RIBT) - viene utilizzata quando si sospettano risultati errati sospetti del test.
  6. Immunoblotting (Western Blot): diagnostica la sifilide congenita nei neonati.

Cause di risultati errati o falsi positivi:

  1. Malattia cronica del tessuto connettivo.
  2. Malattie cardiache.
  3. Malattie infettive.
  4. Vaccinato di recente.
  5. Uso di droghe o alcol.
  6. Diabete.
  7. Sifilide precedentemente curata.
  8. Gravidanza.

Le donne sottopongono a test due volte la sifilide durante la gravidanza.

La sifilide è pericolosa per un bambino?

La trasmissione della sifilide al bambino è possibile in qualsiasi fase della gravidanza. Viene trasmesso al bambino attraverso la placenta durante la gestazione o quando il neonato entra in contatto con una madre malata durante il parto.

La sifilide aumenta il rischio di avere un bambino nato morto o un aborto spontaneo. Provoca parto prematuro e ritardo della crescita intrauterina.

La probabilità di contrarre la sifilide durante la gravidanza, se non trattata, è quasi del 100%, dopo di che, nel 40% dei casi, i neonati infetti muoiono immediatamente dopo la nascita.

I neonati sopravvissuti mostrano segni di sifilide durante i primi 2 anni e gli ultimi sintomi compaiono nei primi 20 anni di vita.

L'infezione può portare a danni agli organi del bambino, come occhi, orecchie, fegato, midollo osseo, ossa e cuore. La polmonite, l'anemia e altre patologie possono avere un bambino infetto.

Esistono precauzioni e trattamenti che proteggono il bambino da possibili patologie. Seguili mentre sei in posizione e dopo il parto.

La sifilide è pericolosa durante la gravidanza?

La sifilide durante la gravidanza è ben trattata nelle prime fasi..

Sintomi

Per sospettare una malattia, non è necessario avere un'educazione medica. Ci sono una serie di segni specifici che tradiscono la sua presenza:

  • eruzioni cutanee pustolose sulla pelle;
  • improvvisa perdita di peso;
  • ulcere genitali;
  • sintomi influenzali;
  • febbre.

La malattia è diversa A volte i sintomi compaiono da due a tre anni dopo l'infezione. Il paziente cerca aiuto quando sono già comparse lesioni cardiovascolari e neurologiche. In questo caso, la terapia non darà risultati rapidi..

  1. Il segno principale è il chancre. Quindi chiamano una formazione caratteristica sui genitali e nella bocca. Se viene fatta una diagnosi in questa fase, il recupero è facile e dura da 3 a 6 settimane.
  2. Se il trattamento non viene avviato in tempo, l'infezione si diffonde. L'eruzione cutanea si verifica sul palmo delle mani, dei piedi. I capelli cadono, le verruche genitali si formano sui genitali. La terapia richiede più tempo, ma è garantito un risultato positivo..
  3. L'ultimo stadio viene diagnosticato se il paziente vive con la malattia per molti anni. In questo caso, si verificano gravi patologie irreversibili degli organi interni..

Per qualsiasi gravità, il paziente ha bisogno di terapia di mantenimento e farmaci.

Diagnostica

La sifilide viene spesso rilevata già durante la gravidanza in una clinica prenatale. Al momento della registrazione, il paziente supera numerosi test, anche per le malattie a trasmissione sessuale. Un test simile dovrà passare altre due volte: alla 30a e alla 40a settimana. Questo viene fatto al fine di proteggere al massimo il nascituro da ogni tipo di infezione. La lealtà verso un partner non garantisce la completa sicurezza e protezione dalle infezioni. La sifilide può essere infettata attraverso la famiglia. Procederà in forma latente e non comparirà in alcun modo. In questo caso, il virus è in grado di influenzare negativamente il lavoro degli organi interni.

Per la salute delle generazioni future, sono state stabilite regole in base alle quali le donne incinte prendono sangue per la ricerca. Ricorda che la diagnosi non dovrebbe avere paura. Con un trattamento adeguato, puoi eliminare completamente una malattia spiacevole..

Ricerca

Un test di sifilide prevede il campionamento di uno dei metodi disponibili: reazione di Wasserman, microreazione delle precipitazioni. La prima opzione spesso dà un risultato falso positivo. Pertanto, viene utilizzato sempre meno.

Per chiarire la diagnosi, vengono eseguiti ulteriori esami del sangue:

  • reazione di immunofluorescenza;
  • saggio di immunosorbente collegato;
  • immunoblotting;
  • reazione a catena della polimerasi;
  • reazione di immobilizzazione treponem.

Tutti questi test non sono richiesti. Ne bastano due. Se danno un risultato contraddittorio, ricorrere alla terza opzione.

La gioia della maternità può offuscare qualsiasi sciocchezza che minaccia la salute del bambino. La notizia della malattia in una donna incinta provoca una tempesta di emozioni negative. Secondo i medici, non disperare. Prima di tutto, controlla il risultato. Spesso viene fatta una falsa diagnosi ai pazienti che hanno avuto la sifilide in passato e non sono passati tre anni dal recupero. Gli anticorpi nel sangue sono ancora presenti. Questo è percepito come prova di infezione..

Se ciò accade, il medico prescrive un esame per il partner sessuale. Se è sano, una donna riceve una seconda analisi e, se necessario, conduce una terapia.

La terapia è necessaria per entrambi i partner

Sifilide confermata

Dopo diversi test positivi, viene registrata una donna incinta. Assegna un esame completo. Il suo compito è scoprire la concentrazione di anticorpi nel sangue. Successivamente, il medico sviluppa un piano di terapia individuale. L'intervento tempestivo ti consente di interrompere il processo e fare un bambino sano.

Un corso di trattamento

Gli antibiotici correlati alla serie di penicilline combattono efficacemente il virus. Quanto durerà il corso, decide il medico. Di conseguenza, la malattia si arresta e non passa alla fase successiva. Il danno agli organi e ai tessuti cessa, le eruzioni cutanee sul corpo scompaiono, il sistema nervoso viene gradualmente ripristinato. A condizione che il paziente rispetti tutte le istruzioni dei medici, il recupero avviene rapidamente, le conseguenze negative sono ridotte al minimo.

Le donne che hanno ricevuto il trattamento completo sono considerate non contagiose. Farmaci di alta qualità, medici qualificati, metodi efficaci di trattamento consentono di sostenere che il bambino nascerà sano se la madre fosse sottoposta a terapia prima della trentesima settimana. Dopo la nascita di un bambino, devono essere esaminati..

L'analisi positiva non è una frase

La tarda gravidanza complica la situazione. Aumenta la probabilità di infezione intrauterina. Le donne in gravidanza con questa diagnosi vengono inviate in un ospedale per malattie infettive. In caso di successo nel sbarazzarsi della malattia, una donna riceve un certificato di salute, che afferma che può partorire in un ospedale normale e non rappresenta un pericolo per gli altri. I medici non hanno il diritto di rifiutare di aiutarla in qualsiasi centro perinatale.

Se la donna non si è ripresa prima del parto, verrà inviata all'osservatorio dell'ospedale di maternità, dove si trovano tutte le condizioni per l'assistenza a tali pazienti.

Le conseguenze dell'infezione per il bambino

Con un test positivo per la sifilide nelle donne in gravidanza nel primo trimestre, si verificano spesso aborti spontanei. Ciò suggerisce che il feto era infetto. In alcuni casi, può essere salvato, ma poi si trovano complicanze e patologie nei neonati.

La sifilide congenita si manifesta immediatamente dopo la nascita. Nei bambini sono evidenti segni di prematurità, lesioni specifiche del sistema nervoso, ossa, reni, pelle, fegato. Anche una variante latente della malattia influenza il comportamento. I bambini aumentano lentamente di peso, restano indietro nello sviluppo dai coetanei, non prendono il seno. I neonati dormono male e piangono molto, si comportano in modo irrequieto, rispondono inadeguatamente agli stimoli esterni.

Se la madre è progredita al momento della nascita, il bambino sarà costantemente monitorato. Test e studi sono regolarmente programmati..

Dopo aver ricevuto un risultato positivo, il bambino viene trasferito dall'ospedale all'ospedale per le malattie infettive.

Se il neonato non ha sintomi della malattia, viene osservato nel dispensario venereo per un anno. L'esame viene ripetuto ogni tre mesi..

La presenza di anticorpi nel sangue durante l'esame iniziale è considerata normale. Il bambino li riceve dalla madre. Per la prima volta, il sangue viene prelevato immediatamente per esame durante il parto dal cordone ombelicale. Nei campioni successivi, la quantità di anticorpi dovrebbe diminuire. Se ciò non accade e aumenta il numero di anticorpi, viene diagnosticata la malattia. Tali bambini vengono ricoverati in ospedale e sottoposti a terapia farmacologica..

Sii consapevole della tua salute fin dalla giovane età. Rapporti sessuali irregolari, l'assenza di contraccezione barriera aumentano il rischio di contrarre pericolose malattie virali. In futuro, minacciano l'infertilità, l'aborto e altri gravi problemi di salute..

Il dovere di ogni donna è di mantenere la sua salute. Il futuro dei suoi figli dipende da questo. Prima di pianificare una gravidanza, i genitori devono sottoporsi a un esame completo.

Sifilide durante la gravidanza

La sifilide durante la gravidanza è una minaccia non solo per la futura mamma, ma anche per il suo bambino. Se non si avvia un trattamento tempestivo, la condizione patologica passerà dalla donna al bambino. In questo caso, il bambino nascerà malato e resterà indietro rispetto ai suoi coetanei nello sviluppo. A volte è anche possibile un aborto spontaneo. Pertanto, è molto importante identificare la malattia in tempo e iniziare il trattamento necessario..

Sintomi

La sifilide (Lewis) o pallido spirochete durante la gravidanza ha gli stessi sintomi di una persona normale. Nella pratica medica, è consuetudine distinguere 3 fasi della formazione della patologia:

  1. Il primo stadio della malattia. Nella forma primaria, entro 3-5 settimane dopo l'infezione, nel punto in cui è penetrato il microrganismo patogeno, un'ulcera indolore con bordi densi e una base solida. L'area intorno ad essa sta crescendo. Di norma, un'ulcera si manifesta nel perineo, nella cervice, nella vulva, nel retto, nelle labbra e nella cavità orale. Dopo un certo periodo, l'ulcera si chiude, ma i patogeni continuano a moltiplicarsi.
  2. Il secondo stadio della malattia (secondario). Le ulcere sono già osservate in tutto il corpo e non solo nelle aree descritte in precedenza. Nella maggior parte dei casi, si verificano eruzioni cutanee su tutta la pelle e sulle mucose (dermatite sifilitica). La perdita dei capelli è possibile Crescite grigie o rosa compaiono sulla pelle. Sono contagiosi e la sifilide fetale è molto pericolosa..
  3. La terza o ultima fase di sviluppo. I segni esterni di una donna incinta diventano sul viso e sono terrificanti. Il fegato e l'organo cardiaco sono interessati. Questo è spesso fatale..

Se sospetti un'infezione, dovresti consultare immediatamente un medico. Effettuerà tutta la diagnostica necessaria e in caso di infezione prescriverà la terapia.

Diagnostica

Prima di tutto, per determinare l'infezione, gli esami del sangue vengono prelevati dal dito e dalla vena, dal midollo spinale. Lo screening per la presenza di microbi patogeni è di 2 tipi:

Prima di tutto, vengono eseguiti esami del sangue da un dito e una vena per determinare l'infezione.

  • Sig. La presenza di anticorpi 1: 2 e 1: 320 indica infezione. In una fase avanzata, gli indicatori sono piccoli;
  • PB, RW. “-” indica che l'agente patogeno non è stato rilevato. "++" - è improbabile che l'infezione richieda ulteriori misure diagnostiche. "+++" - molto probabilmente l'agente patogeno è presente nel corpo. "++++" - hai rilevato un microrganismo patogeno. Anticorpi dopo esame 1: 2, 1: 800 indicano infezione.

Esame patologico:

  • PCR Con un indicatore più sulle analisi - molto probabilmente sei malato. Meno - sei sano. Questo esame non può dare una risposta al 100% sull'infezione. È necessario superare ulteriori test;
  • REEF. Rileva la presenza di un microrganismo patogeno nelle prime fasi di sviluppo. "+" - sei infetto. “-” - sono sani;
  • RPGA. Rileva la patologia in qualsiasi fase. Un indicatore di 1: 320 indica che sei stato infettato non molto tempo fa. I tassi elevati indicano un'infezione di vecchia data;
  • SE UNA. Assegnato come analisi aggiuntiva per determinare la fase. “+” Indica un'infezione o una malattia precedente prima del concepimento;
  • RIBT. Nominato con il sospetto di un falso risultato del test;
  • Immunoblotting. Diagnosi di luis congenita nei bambini.

Esistono numerosi fattori a causa dei quali i risultati del sondaggio possono essere falsi. Questi includono il periodo di gestazione. Pertanto, le donne nella posizione dell'esame sono soggette a 2 volte. Se la malattia viene ancora rilevata, il paziente viene ricoverato in ospedale.

Qual è l'infezione pericolosa

Secondo le statistiche, se l'analisi dell'infezione è positiva e la terapia non è iniziata, quindi quando nasce il feto, il 25% dei casi termina nei nati morti, il 14% - con un esito fatale del neonato. Le conseguenze dell'infezione durante la gestazione:

  • interruzione prematura della gravidanza;
  • la morte del bambino nel grembo materno;
  • malattia precoce e morte del neonato;
  • late luis che porta alla disabilità e alla morte prematura.

Potrebbe verificarsi una ricaduta. Anche una malattia trattata non garantisce che il feto non sia in pericolo. Pertanto, è molto importante sottoporsi a diagnosi annuali per la prevenzione, soprattutto se una donna è stata precedentemente ammalata.

Trattamento

Durante il portamento del feto, è necessario trattare Lewis in condizioni stazionarie. L'automedicazione in questo caso è inaccettabile. Può solo provocare gravi conseguenze..

Il trattamento della sifilide in qualsiasi fase della gravidanza viene eseguito utilizzando farmaci antibatterici del gruppo della penicillina (vengono fatte iniezioni). Se ci sono controindicazioni a questi medicinali, vengono sostituiti con eritromicina, cefalosporina, tetraciclina. La terapia al 1 ° stadio dell'infezione dura diverse settimane. Con una forma in esecuzione - diversi anni.

Con il trattamento tempestivo di una malattia infettiva, il bambino nasce completamente sano

Le donne in gravidanza che hanno trattato l'infezione in precedenza ricevono la profilassi alla settimana 20. È necessario prevenire il rischio di sviluppare una patologia nel futuro bambino. Il trattamento preventivo non rappresenta una minaccia sia per la madre che per il bambino. Con il trattamento tempestivo di una malattia infettiva, il bambino nasce completamente sano. Non avrà bisogno di ulteriori trattamenti preventivi per gli spirochete pallidi in futuro..

Prevenzione della sifilide

La prevenzione dell'infezione da sifilide durante la gravidanza si basa su un esame tre volte di donne in posizione. Questo evento offre l'opportunità di identificare una malattia grave nelle prime fasi del suo sviluppo e iniziare una terapia tempestiva ed efficace. Pertanto, è possibile prevenire il rischio di luis congenito nel bambino. Ecco perché non dovresti perdere le visite programmate alla clinica prenatale..

Quando si pianifica una gravidanza, è necessario superare tutti i test per la presenza di infezione nel corpo. Ciò è particolarmente vero per le donne che hanno precedentemente subito misure terapeutiche per gli spirochete pallidi (ciò è dovuto al fatto che può verificarsi una ricaduta). Specialisti altamente qualificati raccomandano di aspettare un anno dopo un completo recupero e solo allora decidono di avere un bambino (eliminando così il rischio di infezione fetale). In questo caso, il risultato per la donna e il bambino sarà favorevole.

Infezione nei bambini

Se la madre è stata infettata dal patogeno nella posizione, allora il bambino può avere luis congenito. Può svilupparsi entro 2 anni dalla nascita.

I sintomi della patologia congenita compaiono 2-3 mesi dopo la nascita. Nelle prime fasi della malattia, può essere il seguente:

I sintomi della patologia congenita compaiono 2-3 mesi dopo la nascita

  • pemfigo.
  • Rinorrea.
  • Cambio della forma del naso.
  • Sigillatura nell'area del viso, degli arti, dei glutei.
  • Gonfiore e sanguinamento delle labbra.
  • Diminuzione del turgore della pelle.
  • Pieghe della pelle liscia.

In presenza della malattia nei neonati, si osserva raucedine dovuta a infiammazione della laringe. Spesso questo è accompagnato da un danno osseo (osteocondrite, periostite). La patologia congenita è pericolosa per lo sviluppo di gravi malattie concomitanti (meningoencefalite, epatite, insufficienza renale, ecc.). La patologia congenita è anche negativa per lo sviluppo del bambino..

Un bambino con luis congenito non potrà mai condurre una vita normale. Pertanto, è molto importante condurre un esame preventivo prima del concepimento e regolarmente durante la gravidanza. Prima viene rilevata una malattia, più facile sarà guarire.

Trattamento per la sifilide durante la gravidanza

La sifilide è difficile da trattare, soprattutto nelle donne in gravidanza. Nel trattamento della sifilide durante la gravidanza, è necessario non danneggiare lo sviluppo del feto e allo stesso tempo bloccare gli effetti del treponema pallido. La terapia della sifilide quando si porta un bambino consiste in diverse fasi: prima il trattamento e poi la prevenzione. Se a ciascuno di questi livelli il trattamento non è stato eseguito correttamente, aumenta il rischio di sifilide nel bambino. La situazione è complicata dal fatto che non è sempre facile diagnosticare la sifilide e capire se è necessario un trattamento.

Difficoltà diagnostiche

Quando si diagnostica la sifilide, è innanzitutto necessario assicurarsi che la donna incinta abbia questa malattia, in quale fase dello sviluppo è. Durante la gravidanza, il rischio di un risultato del test falso positivo aumenta, quindi non aver paura se nei primi mesi di test del feto è stata mostrata la sifilide.

Se il test si è rivelato positivo, ma la donna incinta afferma di non avere contatti sessuali pericolosi e che non ci sono sintomi, il risultato è molto probabilmente errato. Questa è una situazione rischiosa: da un lato, una persona stessa non può sapere con certezza se è un vettore o meno. Se i risultati sulla sifilide sono positivi e non ci sono sintomi, non è chiaro se la malattia sia realmente.

Il rischio è che il trattamento sia iniziato il prima possibile. In questo caso, i farmaci per il trattamento sono piuttosto aggressivi e una donna incinta in buona salute farà solo del male. In generale, viene utilizzata la regola: se il test è positivo, ma la sifilide non si è mai manifestata, non iniziare il trattamento.

Se i test hanno mostrato la malattia e allo stesso tempo la ragazza ha avuto una relazione intima con una persona infetta, la terapia è sicuramente prescritta. Anche se i sintomi, incluso il chancre primario, non sono comparsi. Il rischio di infezione fetale aumenta troppo in questa situazione per non prendere un trattamento preventivo per la sifilide.

Un caso a parte è quando è stato a lungo chiaro che una donna è infetta ed è stato effettuato il trattamento scientifico corretto. Quindi è sufficiente monitorare periodicamente i suoi esami del sangue e osservare le manifestazioni esterne della malattia. Quando la sifilide viene approvata con precisione, ma la terapia non è ancora passata, è urgentemente necessaria. In caso di trattamento errato o inefficace, i medici prescrivono un secondo corso.

Trattamento

La sifilide è una delle poche malattie le cui conseguenze per il feto sono molto diverse a seconda del modo in cui è stato effettuato il trattamento. Più corretta e tempestiva è stata la terapia, migliore sarà la condizione del neonato. Se non era presente alcun trattamento, il bambino nascerà quasi sicuramente con sintomi di sifilide congenita. In futuro, se il bambino non viene curato prontamente, la possibilità di disabilità precoce (cecità, sordità) e morte aumenterà drammaticamente.

Se la terapia non è stata eseguita, il rischio di infezione del neonato è molto elevato. Ma la malattia si osserva nel bambino e in quei casi in cui:

  • La donna incinta ha iniziato a essere curata in ritardo, nell'ultimo trimestre. Il rischio è 50/50;
  • Dopo il trattamento principale, non è stato seguito un ciclo preventivo di antibiotici. Pericolo di infezione di circa il 35%;
  • La terapia non è stata eseguita correttamente. Ad esempio, la profilassi è stata effettuata troppo presto o è stato selezionato un farmaco che non attraversava la placenta. Un'altra opzione è la scelta di antibiotici che vengono escreti troppo rapidamente dal corpo della donna incinta e del feto..

Nei primi mesi

Prima dell'invenzione dei moderni antibiotici, le donne in gravidanza con sifilide avevano scarse previsioni. I bambini sono nati con complicanze intrauterine e molto spesso erano essi stessi completamente infetti. Oggi le droghe moderne possono cambiare questa situazione.

In precedenza venivano comunemente utilizzate opzioni di penicillina come Extensillin e Retarpen. Tuttavia, il loro uso negli ultimi mesi di gravidanza ha solo peggiorato la situazione di salute del feto. Pertanto, ora vengono utilizzati solo nei primi quattro mesi di gravidanza. Ciò è necessario per formare una circolazione sanguigna nella placenta, libera da treponema pallido.

Un indicatore importante del farmaco per il trattamento di una donna incinta affetta da sifilide è la durata: questo termine si riferisce alla durata della conservazione del farmaco nel corpo dopo l'uso e al tempo in cui viene distrutto dagli enzimi. Maggiore è la durata del farmaco, meno spesso è necessario utilizzarlo. Quanti antibiotici sono necessari per una donna incinta e quanto spesso usarli può essere deciso solo da un medico.

Istruzioni per l'uso di ciascuno degli antibiotici in relazione alla loro durata:

  • Extentillin, Retarpen - 2 400 000 UI (dimensione internazionale, c'è anche un indicatore di unità, o unità di azione) una volta alla settimana. Il corso si ripete due volte;
  • Bicillina-I: 2.400.000 UI ogni cinque giorni. Sono richiesti tre corsi;
  • Bicillina III - 1 800 000 UI due volte a settimana. Ripeti cinque volte;
  • Bicillina V - 1.500.000 UI due volte a settimana. Dovrebbe essere ripetuto cinque volte;
  • Procaina-penicillina: 1 200 000 UI ogni giorno, per dieci giorni;
  • Sali novocainici di penicilline: 600.000 UI ogni 12 ore per dieci giorni;
  • Sali di sodio di penicilline - 1.000.000 UI ogni 8 ore per dieci giorni.

Se la sifilide è secondaria ed è stata nascosta per meno di sei mesi, i tassi di antibiotici non cambiano. Ma il trattamento con sali di sodio e procaina deve essere continuato non per dieci, ma per venti giorni. Se c'è una ricaduta della sifilide secondaria, nascosta per più di sei mesi, le penicilline procainiche sono adatte al trattamento. Così come novocaina e sali di sodio - secondo il trattamento dei sintomi secondari.

Alla fine della gravidanza

Alla fine della gravidanza, i sali di penicillina e procaina-penicillina sono spesso usati per il trattamento della sifilide. Pertanto, è possibile aumentare il contenuto dell'antibiotico nel sangue materno e quindi proteggere dall'infezione del bambino.

Istruzioni per la sifilide primaria:

  • Procaina-penicillina: 1 200 000 UI ogni giorno. Siamo trattati con iniezioni per dieci giorni;
  • Sali novocainici di penicilline: 600.000 UI ogni 12 ore per dieci giorni;
  • Sali di sodio di penicilline - 1.000.000 UI ogni 8 ore per dieci giorni.

Se la sifilide è secondaria ed era precedentemente nascosta, il trattamento è simile a questa situazione nei primi mesi di gravidanza:

  • Procaina-penicillina: 1 200 000 UI ogni giorno. Usiamo iniezioni per dieci giorni;
  • Sali novocainici di penicilline: 600.000 UI una volta ogni 12 ore per venti giorni;
  • Sali di sodio di penicilline - 1.000.000 UI ogni 8 ore per venti giorni.

Una situazione separata si sviluppa se una donna incinta non tollera la penicillina. In questi casi, viene utilizzata l'eritromicina - 50 mcg 4 volte al giorno. La durata del corso è di quindici giorni o, se la sifilide è iniziata, un mese. Agisce più debole della penicillina e non aiuta a trattare il feto..

Usando l'eritromicina, è necessario occuparsi del trattamento del bambino dopo la sua nascita. Esiste anche una moderna alternativa: l'uso di Ceftriaxone. Penetra liberamente nella protezione della placenta e tratta il bambino. Con la sifilide avanzata, la benzatina pecillina G viene utilizzata in un dosaggio di 2.400.000 UI ogni giorno per 21 giorni.

Trattamento preventivo

Spesso una donna vuole rimanere incinta anche in situazioni in cui è stata presa la terapia della sifilide, ma i risultati sono ancora tutt'altro che positivi. Un'altra situazione è quando una donna che è rimasta incinta ha scoperto la sua sifilide e ha seguito un corso più o meno medico. In questi casi, dopo un po 'di tempo, può essere necessario un ulteriore trattamento preventivo della sifilide..

Se la terapia specifica è passata prima della gravidanza o all'inizio, ricorrere alla prevenzione alla ventesima settimana. Quando i medici hanno iniziato a curare la donna in seguito, la terapia profilattica deve essere continuata 14 giorni dopo il trattamento principale. Nella prevenzione, utilizziamo lo stesso schema del trattamento della sifilide secondaria. La prevenzione ha lo scopo di proteggere il feto, pertanto vengono utilizzate penicilline solubili o farmaci di media durata.

Quando una donna rileva anticorpi e i test mostrano la sifilide, ma non compaiono sintomi, l'infezione si è verificata negli ultimi 12 mesi. I dosaggi profilattici di antibiotici in questa situazione non dovrebbero essere modificati: sono gli stessi della malattia primaria o secondaria.

Quando la malattia dura più di 12 mesi o il momento dell'infezione non è noto, la profilassi con penicillina benzatina G viene utilizzata per la profilassi Dosaggio: 2.400.000 UI per via intramuscolare, ogni settimana. Il corso del trattamento è di 21 giorni. Un'altra opzione è la penicillina procaina G. Ogni giorno per due settimane, il dosaggio è di 600.000 UI.

Neurosifilide nelle donne in gravidanza

Le penicilline svolgono anche un ruolo importante nel trattamento della neurosifilide durante la gravidanza..

  • 2.000.000 UI (o il doppio, a seconda del parere del medico) viene somministrato 4 volte al giorno. Il corso di trattamento dura da dieci giorni a due settimane;
  • Opzione alternativa. 2.400.000 UI di penicillina procaina ogni giorno. Inoltre, vengono utilizzate due compresse da 500 mg di Benecida, ogni sei ore. Il corso del trattamento va da dieci giorni a due settimane. Alla fine della terapia, un'iniezione di penicillina benzatina 2,4 milioni UI.

Sifilide durante la gravidanza - cause della malattia, vie di infezione, effetto sul bambino

La sifilide è una malattia che appartiene al gruppo delle malattie a trasmissione sessuale. Si verifica a causa dell'attività vitale di batteri speciali che causano danni a quasi tutto il corpo. Durante la gravidanza, la sifilide colpisce non solo il corpo della madre, ma infetta anche il nascituro.

segni

Il secondo nome per la sifilide è il "naso che cola". L'agente causale di questa malattia è il batterio pallido spirochete.

I sintomi della sifilide durante la gravidanza si manifestano in modo diverso a seconda dello stadio di sviluppo della malattia.

Sintomi della sifilide primaria durante la gravidanza:

  • la comparsa di una piaga nell'area genitale, che si chiama chancre;
  • malessere generale;
  • vertigini;
  • forte mal di testa;
  • dolore muscolare
  • aumento della temperatura corporea.

La ferita scompare dopo circa 1,5 mesi senza ulteriore trattamento. Una piccola cicatrice rimane al suo posto. Questo non è un periodo di recupero. La malattia peggiora e passa al secondo stadio..

Una donna incinta ha raramente un terzo stadio della malattia. Di norma, in futuro le madri diagnosticano il primo stadio della malattia.

Fasi della sifilide

Nello sviluppo di una malattia chiamata sifilide, ci sono 3 fasi:

Lo stadio primario si sviluppa immediatamente dopo che i batteri entrano nel corpo della donna. Dopo l'apparizione del chancre, una donna inizia a sentire cambiamenti negativi nel suo corpo. Ma dopo 5-6 settimane, l'ulcera scompare e la condizione si normalizza.

Molti perdono la vigilanza e credono che la malattia sia passata. Questo è un malinteso. La seconda fase dello sviluppo della malattia si verifica 6 mesi dopo la comparsa del cancro.

Sintomi della sifilide secondaria:

  • la comparsa di un'eruzione cutanea in tutto il corpo;
  • linfonodi ingrossati;
  • la perdita di capelli;
  • raucedine appare nella voce;
  • la comparsa di tumori sui genitali.

In questa fase, la malattia può fermarsi per diversi anni. La sifilide passa al terzo stadio quando il sistema immunitario del paziente non affronta l'insorgenza di batteri.

Sintomi della sifilide terziaria:

  • si verifica un disturbo mentale;
  • quasi tutti gli organi e tessuti interni sono interessati;
  • le ossa sono deformate;
  • si verifica la paralisi;
  • esito fatale.

Diagnostica

Dopo la conferma e la registrazione presso la clinica prenatale locale, la futura mamma deve superare un'analisi per la sifilide.

Una donna incinta è tenuta a superare questo studio 3 volte per gravidanza:

  • fino a 12 settimane:
  • a 20 settimane;
  • a 36 settimane.

Di norma, la malattia viene rilevata utilizzando la reazione di Wassermann, utilizzata negli studi di streaming..

La sifilide falsa positiva è talvolta diagnosticata in donne in gravidanza. Le ragioni di questo risultato sono malattie passate o altre patologie..

In questo caso, alla donna viene prescritto un esame più approfondito. Un modo è la reazione di immobilizzazione dei treponemi pallidi.

La sifilide è pericolosa per il feto?

La sifilide in una madre rappresenta una minaccia diretta per il nascituro. Ciò si manifesta soprattutto se la sifilide in una donna è apparsa per la prima volta.

La sifilide nelle donne in gravidanza ha le seguenti conseguenze:

Pertanto, dopo aver diagnosticato questa malattia, è necessario iniziare il trattamento il più presto possibile.

Trattamento

Il trattamento della sifilide durante la gravidanza viene effettuato esclusivamente in ospedale. Non appena è stata fatta la diagnosi, la futura mamma viene immediatamente ricoverata dal centro venereologico. Questa malattia è trattata con antibiotici..

Le prime fasi dello sviluppo della sifilide possono essere curate abbastanza rapidamente e praticamente senza conseguenze. La terapia dura circa 2-3 settimane..

Se la situazione è più grave e alla donna incinta è stata diagnosticata la sifilide del terzo stadio, il trattamento può richiedere diversi anni.

Se, dopo il trattamento, un esame del sangue ha nuovamente mostrato un risultato positivo, alla donna viene prescritta una terapia aggiuntiva per prevenire la sifilide congenita nel bambino.

Dopo la nascita del bambino, questo corso si ripete. La vita e la salute del bambino dipendono dalla velocità di iniziare il giusto trattamento..

La sifilide non è un'indicazione per l'interruzione della gravidanza, perché sono stati sviluppati regimi terapeutici efficaci per la madre e il nascituro.

È anche possibile una gravidanza dopo la sifilide, che è stata trattata con successo in passato. Non ci sono serie deviazioni dalla norma nell'introduzione di una tale gravidanza.

Un'eccezione ai requisiti generali sarà un'analisi più approfondita per identificare questa malattia..

Prevenzione della sifilide durante la gravidanza:

  • sesso protetto (questa regola è valida solo nel momento in cui la gravidanza è già avvenuta);
  • dopo un rapporto sessuale non protetto, è necessario trattare i genitali con clorexidina o miramistina;
  • se c'è stato un contatto con una persona malata (nemmeno sessuale), è necessario sottoporsi a un corso preventivo di trattamento;
  • se la paziente con sifilide vive insieme a una donna incinta, l'uso di utensili comuni, prodotti per l'igiene e anche i baci dovrebbe essere escluso;
  • per non contrarre la sifilide sul luogo di lavoro (rilevante per medici, parrucchieri, cosmetologi, ecc.), è necessario utilizzare guanti monouso e sterilizzare sempre l'attrezzatura.

La sifilide è una malattia grave che ha conseguenze molto negative per il corpo. È abbastanza facile infettarsi se non si seguono le regole di base di igiene e contraccezione. Tuttavia, anche la diagnosi di sifilide non è una frase..

Con un trattamento tempestivo ed efficace, c'è la possibilità di dare alla luce un bambino sano in vita.

Al fine di evitare il tempo perso per l'identificazione della malattia, è necessario sottoporsi regolarmente a esami preventivi e test.

Posso rimanere incinta della sifilide

Se la sifilide si è verificata in una donna durante la gravidanza, significa che non ci sono gravi conseguenze per lei e il bambino, è necessario sottoporsi a un trattamento con due cicli.

Il primo corso per una donna incinta in ospedale, subito dopo la presenza di treponema pallido nel corpo.

E, nel secondo corso, stazionario o a casa (decide il medico) curare il bambino al fine di prevenire lesioni sifilitiche.

Se si sono verificati indicatori positivi di sifilide durante il primo o il secondo trimestre di gravidanza, è necessario essere trattati due volte.

Il primo trattamento, quando fu diagnosticata la sifilide e il secondo, tra la ventiquattresima e la ventiquattresima settimana di gravidanza.

Se una donna è stata trattata per la sifilide prima del trattamento, allora il bambino nascerà, molto probabilmente sano.

Il bambino, infatti, dovrebbe essere sano, la madre era malata di sifilide due o tre anni prima della gravidanza.

La prevenzione dell'infezione da sifilide congenita è il corso del trattamento preventivo per una donna incinta.

Ma la gravidanza dovrebbe durare da venti a ventiquattro settimane.

La placenta è formata dalla ventesima settimana di gravidanza.

Attraverso di lei, il feto riceverà un trattamento completo.

Se ci sono documenti secondo cui esiste una diagnosi di sifilide e c'è stato un corso di terapia, allora puoi partorire in qualsiasi istituzione medica adatta.

Tutta la gravidanza per una donna è epidemicamente innocua.

Ma il bambino deve essere trattato in modo profilattico comunque.

E qualche mese per guardarlo.

Gravidanza immediatamente dopo la sifilide trattata

Forse è così, la gravidanza è avvenuta immediatamente dopo un corso di terapia di sifilide di successo.

Ma le reazioni sierologiche sono ancora positive per molto tempo e la donna è ancora registrata per la sifilide.

Ha bisogno di fare test per la sifilide tre volte durante la gravidanza, ogni trimestre.

E nel ventesimo - ventiquattresima settimana di gravidanza, viene trattata preventivamente.

Quando il bambino nasce, deve essere esaminato per la sifilide nel corpo.

Se una donna è stata malata di sifilide per lungo tempo, trattata con successo, ma c'è seroresistenza (NTT positivo, cioè test non treponemici), allora vengono testati e trattati secondo lo stesso schema.

Se la gravidanza è solo pianificata, è assolutamente necessario essere trattati in modo profilattico..

Anche il neonato deve essere esaminato..

Se la terapia era molto tempo fa e gli indicatori dei test nontreponemici sono negativi, allora è ancora necessario eseguire tre volte un test di sifilide durante la gravidanza.

Se tutti e tre i NTT sono negativi, il trattamento non è necessario..

Se almeno un test non treponemico è positivo, quindi per la salute del bambino, è necessario essere trattati in modo profilattico.

Il medico curante decide se esaminare o meno il neonato per la sifilide.

Trattamento a pagamento per la sifilide dopo la gravidanza

Il trattamento della sifilide è obbligatorio e gratuito.

Ma una donna, durante il trattamento, può farsi pagare i servizi.

Sottoporsi a ulteriori consultazioni e consulti di medici collegati.

Essere trattati per la sifilide in modo anonimo, fare ulteriori test.

Il trattamento obbligatorio è sempre documentato, ovvero sono necessari i dati del passaporto.

Per coloro che non vogliono che nessuno sappia della sua sifilide, esiste un trattamento anonimo a pagamento.

Inclusa la profilassi.

La terapia, infatti, viene eseguita secondo lo stesso schema, ma anonima.

Dopo tale trattamento, una donna viene monitorata per un anno - tre anni.

E solo se NTT con un risultato negativo viene cancellato.

Se necessario, è possibile effettuare la colposcopia o altre ricerche necessarie..

Cosa succederà se rimani incinta di sifilide non trattata

La gravidanza con sifilide non trattata nella madre minaccia la sifilide congenita al feto, cioè l'infezione intrauterina.

Se il bambino viene infettato dopo aver attraversato il canale del parto della madre, avrà acquisito la sifilide.

Il rischio di infezione in un bambino è determinato da:

  1. la gravità del processo nella madre
  2. prescrizione del processo di sconfitta

La probabilità di infettare un bambino nella via prenatale è molto alta se la madre ha ricevuto l'infezione durante la gravidanza.

Il rischio è ridotto se la donna ha avuto infezione da sifilide circa un anno prima della gravidanza.

Questa probabilità è ancora inferiore se la sifilide attiva fosse tre anni fa.

Rischio minimo se il periodo di sifilide attiva era superiore a tre anni.

Sebbene le distrofie congenite in un bambino possano essere ancora.

Trattamento preventivo e preventivo durante la gravidanza

Il trattamento delle donne in gravidanza a scopo di prevenzione si conclude con i seguenti metodi:

  • iniezioni di penicillina solubile in acqua (otto volte al giorno, quattrocentomila unità per due settimane)
  • iniezioni di sale di novocaina di benzilpenicillina (due volte al giorno per seicentomila unità nelle stesse due settimane)
  • iniezioni con bicillina - 1, 3 o 5 (un milione e ottocentomila, un milione e cinquecentomila e un milione e duecentomila unità, rispettivamente, due volte in sette giorni per un importo di sette volte)

Se una donna ha avuto un trattamento completo, un anno prima della gravidanza e l'intero DAC è negativo, allora non ha bisogno di un trattamento preventivo.

L'eccezione è se RIBT o RIF sono nettamente positivi e rimangono tali durante studi ripetuti..

Il trattamento preventivo delle donne in gravidanza si svolge secondo il metodo standard.

Consiste in iniezioni ambulatoriali di bicillina nelle dosi già annunciate sopra, due volte a settimana.

Quattro corsi di iniezione.

Sono anche trattati con singole iniezioni di penicillina benzatina (retarpen, extensillin), due milioni quattrocentomila unità.

Retarpen deve essere prima sciolto in una soluzione di novocaina (concentrazione zero punto venticinque per cento), acqua per preparazioni iniettabili o soluzione fisiologica.

Per il solvente di extensillina vengono presi otto millilitri..

Iniezioni di due pezzi in glutei diversi per un milione e duecentomila unità.

Quali test esegue una donna incinta per la diagnosi

Ogni donna incinta dovrebbe essere testata per la sifilide..

Prima di tutto, donano sangue alla reazione di Wasserman.

Se il risultato è positivo, è necessario ripeterlo dopo dieci giorni..

Se si sospetta la sifilide, deve essere confermata da RIF o RIBT.

Nel caso in cui RIBT o RIF non confermino la presenza di infezione sifilitica, comunque, la donna viene monitorata durante l'intero periodo di gravidanza e il primo anno dopo la nascita.

Quando la consegna avviene, passano due settimane e il RIF o il RIBT si ripetono.

Se la madre ha o ha avuto la sifilide, anche i loro figli vengono diagnosticati.

Non dipende nemmeno dal fatto di un trattamento preventivo..

Vengono eseguite anche microscopia del sangue o PCR..

Se c'è un sintomo di sifilide in un bambino, verrà esaminato per i graffi da un'eruzione cutanea o dal muco dal rinofaringe.

Nei neonati infetti, il DAC è positivo solo dieci giorni dopo la nascita.

Se la madre è stata infettata dalla sifilide nel terzo trimestre di gravidanza, il DAC è negativo, nel bambino, durante il primo anno di vita.

Spesso ci sono reazioni false positive..

Questi sono ancora anticorpi materni.

Quando c'è stata una gravidanza e la madre è stata trattata, la formazione di anticorpi reagin non specifici nel suo sangue.

Queste sono indicazioni dirette per l'utilizzo di test quantitativi..

Ma se il bambino ha più anticorpi della madre, allora è suo.

Tuttavia, è necessario tenere traccia della dinamica del numero di anticorpi.

Gli anticorpi materni diventano gradualmente più piccoli, durante il primo mese di vita il loro numero diventa metà.

Tre mesi dopo, non sono affatto nel sangue.

L'RPGA è spesso positivo fino a nove mesi.

Il titolo dei propri anticorpi, di regola, cresce solo con l'età.

Inoltre, in condizioni normali, la barriera ematoplacentare supera solo le piccole immunoglobuline IgG.

Se il sangue del bambino è IgM, allora è infetto.

Se il bambino ha risultati di test negativi, dovrebbe essere trattato se la donna incinta non ha ricevuto un trattamento.

Se è stata curata, la bambina è semplicemente osservata.

Questo deve essere fatto prima che entri nella pubertà..

Con questo approccio, si può riconoscere la sifilide congenita tardiva..

Dove andare se viene rilevata la sifilide durante la gravidanza

Lo stato di salute di una donna incinta è costantemente monitorato dal ginecologo presente.

Deve donare il sangue tre volte durante la gravidanza durante RW.

Se durante la gravidanza è stata trovata la sifilide, quindi il ginecologo riporta un nuovo paziente a un dermatovenerologo.

Se il ginecologo non informa il dermatovenerologo, la donna può rivolgersi a specialisti nel trattamento della sifilide, ma è meglio quando il ginecologo lo fa.

In primo luogo, probabilmente ha la sua opinione sul paziente.

In secondo luogo, il medico sarà in grado di dire molto al medico riguardo alle risposte professionali e più specificamente a molte domande.

Complicanze della sifilide durante la gravidanza

La sifilide durante la gravidanza non minaccia solo la comparsa della sifilide congenita.

È pericoloso per parto prematuro, aborto spontaneo e parto morto..

La sifilide durante la gravidanza spesso porta alla sindrome del ritardo di crescita fetale (FDS).

Da esso appare l'encefalopatia perinatale e l'asfissia intrauterina grave che porta all'asfissia del neonato.

La comparsa di varie complicanze è influenzata dalla durata del corso della sifilide e dall'efficacia della terapia.

Il regime di trattamento e farmaci per la sifilide durante la gravidanza

La sifilide congenita per la prevenzione e il trattamento della sifilide per le donne in gravidanza viene efficacemente eseguita utilizzando la penicillina.

Gli studi clinici non hanno ancora stabilito il regime di trattamento ottimale.

Ma se la sifilide non è complicata, vengono trattate secondo la terapia standard con penicillina.

Si è dimostrata sicura ed efficace per le donne in gravidanza..

Ora il farmaco di base per il trattamento della sifilide è l'uso di benzatil-benzilpenicillina (extensillina).

Appartiene alla serie di antibiotici penicillina e ha un effetto prolungato..

Iniezioni una volta alla settimana.

È stato dimostrato che le iniezioni più frequenti non sono pratiche..

La benzatil-benzilpenicillina viene perforata in dosi di due milioni e quattrocentomila unità.

Il solvente è una soluzione di novocaina (se non c'è allergia ad esso).

Doppia iniezione intramuscolare su entrambi i lati dei glutei.

Nella sifilide sieronegativa primaria, è sufficiente somministrare extensillin una volta.

Se la sifilide è primaria o secondaria sieropositiva, viene iniettato lo stesso antibiotico, due volte a settimana.

Durante la sifilide ricorrente secondaria, vengono somministrate due iniezioni di benzatil-benzilpenicillina..

Alla stessa dose e intervalli settimanali.

Forma ricorrente secondaria e sifilide latente - tutti uguali, ma tre iniezioni.

Sono anche trattati con altri antibiotici del gruppo della penicillina, ad esempio benzilpenicillina con sale sodico e benzilpenicillina con sale di novocaina.

Inoltre, è preferibile il sale cristallino di benzilpenicillina sodica, per il trattamento di donne in gravidanza, poiché questo antibiotico ha una durata media.

Effetti collaterali del trattamento della sifilide nelle donne in gravidanza

La terapia antisifilitica minaccia tutti i tipi di effetti collaterali:

  • reazione di esacerbazione (Yarish-Hexheimer) - per le donne in gravidanza minaccia di parto prematuro, disturbi tossici dello sviluppo fetale e parto di natura morta
  • sindrome di hine
  • Sindrome di Nicolau
  • neurotossicità
  • squilibrio elettrolitico
  • reazioni allergiche
  • shock anafilattico

Con i preparati a base di penicillina, devi sempre essere estremamente attento ed eseguire test allergici prima del trattamento.

La minaccia della sifilide congenita

Attraverso la placenta, la sifilide congenita infetta i bambini nel sessanta-ottanta percento dei casi.

Inoltre, il rischio di contrarre è maggiore quando una donna ha una seconda metà della gravidanza.

La sifilide primaria e secondaria non trattata, latente e terziaria sono meno pericolose..

La sifilide congenita è caratterizzata dalle categorie di inizio (dalla nascita ai due anni) e tardi (per bambini di età superiore ai due anni).

Terapia materna condotta correttamente durante la gravidanza - completo recupero di madre e bambino.

In che modo la sifilide influenzerà un padre di un bambino su una donna incinta e un bambino

Considera questa situazione: una volta il padre del bambino era malato di sifilide ed era stato completamente curato, ma i NTT davano risultati positivi, sebbene fosse stato curato più di un anno fa.

Un uomo dovrebbe essere esaminato ulteriormente e, se necessario, trattato.

E madre e bambino sono sani e non è necessario alcun trattamento.

Se il padre ha una sifilide attiva non trattata, è necessario trattare, sia profilatticamente, sia la madre che il bambino.

La cosa principale è monitorare la situazione sanitaria in famiglia e il bambino sarà sano.

Parasifilis

Il fenomeno della paralisi progressiva è considerato parassifilide.

Il termine parasifilide è usato per i bambini malati i cui genitori, nella maggior parte dei casi, avevano la sifilide tardiva.

La malattia si verifica quando i prodotti metabolici della madre con infezione sifilitica colpiscono l'embrione e quindi l'embrione.

Un processo distrofico si verifica perché il sistema endocrino del feto è influenzato dalla sifilide.

Tali fenomeni distrofici portano all'infantilismo e a tutti i tipi di distrofie ipofisarie..

Cause di parto nel reparto di malattie infettive per la sifilide

Se una donna incinta ha un periodo di parto e ha un processo sifilitico acuto o qualsiasi altra infezione acuta?

Deve partorire nel reparto di malattie infettive dell'ospedale ed essere in una scatola separata.

Il contatto con una donna incinta è fortemente limitato per prevenire l'infezione crociata..

Contatta solo il personale medico..

Nessuna visita a lei.

Nel reparto di maternità infettiva o, in assenza di tale, la donna incinta entra semplicemente nel reparto infettivo da un normale ospedale di maternità se ha un'infezione acuta.

O da casa, usando l'ambulanza.

Se a una donna incinta è stata diagnosticata la sifilide, la sua intera gravidanza è costantemente monitorata da un dermatofenerologo.

Se il medico decide, la gravidanza viene interrotta quando non è più possibile evitare lo sviluppo sfavorevole del feto.

Per la diagnosi e il trattamento della sifilide, si prega di contattare l'autore di questo articolo, un venereologo a Mosca con molti anni di esperienza.

Up