logo

Durante il periodo del trasporto di un bambino, una donna deve sottoporsi a numerosi test, sottoporsi a una serie di esami da parte di specialisti e ricerche su attrezzature speciali. Tutti conoscono l'ecografia, ma pochi sono a conoscenza della risonanza magnetica. Che tipo di studio è questo e perché è prescritto durante la gravidanza? Proviamo a capirlo.

Posso fare una risonanza magnetica durante la gravidanza??

La risonanza magnetica è uno studio degli organi umani, che consiste nell'esposizione a un forte campo magnetico. La risonanza magnetica non ha quasi alcun effetto sul corso della gravidanza. Può essere eseguito per diagnosticare malattie materne e un esame approfondito del feto..

La risonanza magnetica può essere prescritta come studio separato delle condizioni del feto o come studio che specifica i risultati degli ultrasuoni. La risonanza magnetica consente di determinare la patologia del nascituro, la neoplasia, scoprirne i parametri e la localizzazione esatta. Grazie alla risonanza magnetica, è possibile diagnosticare disturbi del sistema nervoso centrale, ernia, difetti intestinali e così via..

Le donne incinte hanno una risonanza magnetica del cervello o della colonna vertebrale. E se una donna ha paura di grandi dispositivi durante la gravidanza, allora un esame del cervello può essere fatto su un dispositivo aperto. In questo caso, solo la testa sarà immersa nel tomografo.

Come viene eseguita una risonanza magnetica? Prima di iniziare la tomografia, oggetti metallici, gioielli e dispositivi elettronici devono essere rimossi. Successivamente, la donna si sdraia sul tavolo di ricerca. Entra nel tunnel del tomografo. All'interno di questa unità è presente una speciale campana progettata per essere premuta in caso di disagio o altri sentimenti negativi. La durata della procedura di ricerca è di circa 40 minuti. In questo momento, il tomografo emette un tocco ritmico. È rumoroso. Ecco perché i pazienti indossano cuffie speciali. I risultati della risonanza magnetica vengono dati al paziente il giorno successivo..

Risonanza magnetica durante la gravidanza: controindicazioni, conseguenze

Articoli di esperti medici

Per un motivo o per l'altro, a volte tutti siamo sottoposti a una sorta di ricerca diagnostica. Le donne durante la gravidanza non fanno eccezione, perché devono monitorare non solo lo stato di salute, ma anche lo sviluppo del nascituro. Oltre all'ecografia pianificata, il medico può prescrivere una risonanza magnetica durante la gravidanza. Che cos'è questo metodo diagnostico ea cosa serve?

Posso fare una risonanza magnetica durante la gravidanza??

La risonanza magnetica (acronimo di imaging a risonanza magnetica) è un metodo diagnostico che utilizza le proprietà dei campi magnetici. Durante la gravidanza, la RM può essere prescritta, se necessario, per esaminare le malattie della donna e del feto.

La risonanza magnetica durante la gravidanza viene utilizzata come studio indipendente isolato o come aggiunta alla diagnostica già eseguita:

  • valutare le patologie esistenti nel feto;
  • per la diagnosi dei processi tumorali;
  • per chiarire precedentemente diagnosticato.

Il metodo di risonanza magnetica consente di rilevare problemi con colonna vertebrale, articolazioni, sistema nervoso centrale.

L'effetto della risonanza magnetica sulla gravidanza

Il metodo MRI è talvolta confuso con la tomografia computerizzata TC, che utilizza raggi ionizzanti non sicuri. L'effetto negativo delle radiazioni sul corpo è stato dimostrato per molto tempo e non richiede ulteriori conferme. È particolarmente indesiderabile eseguire una TAC durante la gravidanza - questo può causare danni considerevoli al corpo della madre e del bambino.

La risonanza magnetica implica l'uso di un principio completamente diverso di ottenere informazioni. All'interno del dispositivo MRI, appare un potente campo magnetico con una forza di 0,5-3 T. Un tale campo inizialmente non può arrecare alcun danno al corpo umano..

Numerosi studi confermano che la risonanza magnetica è completamente sicura, sia per le donne in gravidanza che per qualsiasi altro paziente..

La risonanza magnetica è dannosa durante la gravidanza? Sicuramente no. L'unica condizione è che la RM non sia auspicabile nel primo trimestre. E qui non è affatto riconosciuto come dannoso. Solo il periodo del primo trimestre è il momento di posare gli organi principali del futuro bambino. Inoltre, fino a quando non si forma una placenta, il feto non ha ancora una protezione sufficiente. Pertanto, è meglio giocare al sicuro e prescrivere una risonanza magnetica per un successivo periodo di gravidanza.

Vantaggi e svantaggi della risonanza magnetica durante la gravidanza

La procedura è sicura, poiché il metodo non implica l'uso di radiazioni e raggi X..

L'immagine non può essere ottenuta immediatamente.

È possibile ottenere un'immagine tridimensionale dell'area rilevata.

A volte l'immagine è distorta dalla respirazione, dalla frequenza cardiaca.

L'immagine risultante ha un contrasto naturale dalla circolazione sanguigna.

La risonanza magnetica è generalmente relativamente costosa..

I contorni del tessuto osseo nell'immagine non sono distorti..

Impossibile diagnosticare in persone con impianti metallici.

I tessuti molli hanno un display rigorosamente differenziato..

Una donna incinta deve rimanere ferma per qualche tempo in uno stato stazionario.

indicazioni

La risonanza magnetica durante la gravidanza non può essere prescritta "proprio così": per questa procedura, dovrebbero essere formulate indicazioni chiare, che sono determinate dal medico. Tali indicazioni includono:

  • sospetta patologia nel feto;
  • patologia della colonna vertebrale, delle articolazioni o degli organi interni in una donna incinta;
  • valutazione delle indicazioni per un aborto;
  • chiarimento della diagnosi di sospetto processo tumorale.

Inoltre, la risonanza magnetica durante la gravidanza può essere utilizzata al posto degli ultrasuoni tradizionali, nei casi in cui quest'ultima è impossibile. Ad esempio, un'ecografia potrebbe non essere indicativa dell'obesità in una donna o se il bambino si trova in una posizione scomoda nelle ultime fasi della gravidanza.

Formazione

Nella maggior parte dei casi, una scansione MRI non richiede alcuna preparazione speciale. Solo in alcuni casi, quando si esaminano determinate aree, il medico raccomanderà una fase preparatoria prima della procedura.

  • Prima di una risonanza magnetica degli organi interni della cavità addominale, è consigliabile non bere o mangiare cibo circa 5 ore prima della procedura.
  • Prima di eseguire la risonanza magnetica pelvica, è necessario bere abbastanza liquido per riempire la vescica.
  • Prima di una risonanza magnetica della colonna vertebrale, devi essere preparato al fatto che devi essere fermo per un po 'di tempo - questa procedura non va così veloce.

Immediatamente prima della procedura, è necessario rimuovere gioielli in metallo, orologi, occhiali ed elementi penetranti.

Tecnica di risonanza magnetica durante la gravidanza

Una donna prima della procedura di risonanza magnetica viene avvertita delle possibili controindicazioni e sottigliezze della diagnosi. Successivamente, la paziente, se necessario, cambia i suoi vestiti e, con l'aiuto del personale medico, si distende su una superficie speciale, che si sposta delicatamente nel dispositivo MRI.

Quindi la donna deve rilassarsi, calmarsi e attendere la fine della procedura. Non puoi muoverti mentre scatti le immagini, altrimenti puoi "imbrattare" l'immagine.

Se sei infastidito da un rumore estraneo, chiedi al personale medico speciali "tappi per le orecchie" durante la procedura, il dispositivo emette un piccolo rumore monotono, che può aumentare il grado di disagio.

È necessario prepararsi al fatto che la sessione può durare 20-40 minuti.

Risonanza magnetica con contrasto durante la gravidanza

La risonanza magnetica con contrasto viene spesso utilizzata per rilevare tumori e processi metastatici: la tomografia consente di valutare le dimensioni e la struttura del focus patologico.

Il contrasto è un sale di gadolinio che è solubile in acqua e presenta la minor tossicità. Altri agenti di contrasto possono anche essere utilizzati per la risonanza magnetica: Endorem, Lumirem, Abdoskan, Gastromark.

Il contrasto viene introdotto nel sistema circolatorio e si accumula nei tessuti: ciò rende più chiara l'area esaminata e consente anche di valutare la qualità dell'apporto di sangue ai tessuti.

La risonanza magnetica con contrasto durante la gravidanza può essere eseguita nel secondo o terzo trimestre, esclusi gli stadi iniziali, quando il feto non è ancora circondato da uno strato protettivo - lo strato placentare. In altri casi, l'uso di un mezzo di contrasto non è vietato: se necessario, viene somministrato anche a pazienti pediatrici.

Risonanza magnetica cerebrale durante la gravidanza

La risonanza magnetica cerebrale per le donne in gravidanza può essere prescritta se sono disponibili le seguenti indicazioni:

  • processi tumorali nel cervello;
  • patologie vascolari nel cervello;
  • disturbi ipofisari;
  • incidente cerebrovascolare acuto;
  • Lesioni alla testa;
  • Patologia del SNC;
  • forti mal di testa di origine sconosciuta.

Con tali indicazioni, la diagnosi di MRI è più istruttiva. Altre procedure potrebbero non determinare sempre la causa della patologia. La risonanza magnetica durante la gravidanza non solo fornisce informazioni complete sullo stato del cervello, ma è anche un metodo di ricerca sicuro..

Risonanza magnetica del feto durante la gravidanza

Prescrivere la risonanza magnetica del feto durante la gravidanza con sospetti difetti evolutivi gravi, che possono essere un'indicazione per l'interruzione artificiale della gravidanza - aborto.

Molti possono notare che la maggior parte dei pazienti è sottoposta a ecografia per valutare le condizioni del feto. Tuttavia, un'ecografia non è sempre possibile o potrebbe non essere informativa. Ad esempio, la risonanza magnetica è più preferibile se una donna incinta ha uno strato di grasso significativo (obesità). Le indicazioni per la risonanza magnetica sono anche oligoidramnios (oligohydramnios) e la posizione scomoda del feto nella tarda gravidanza.

Risonanza magnetica dei seni durante la gravidanza

La diagnosi dei seni utilizzando la risonanza magnetica è consentita da circa 18 settimane, ma solo dopo aver consultato un ginecologo. Il medico può prescrivere una risonanza magnetica dei seni durante la gravidanza solo se ci sono indicazioni rigorose:

  • sospetti tumori in quest'area;
  • processo infiammatorio nei seni;
  • infezioni fungine dei seni;
  • cisti e altre neoplasie benigne;
  • sanguinamento nella cavità nasale, sinusite purulenta.

La risonanza magnetica dei seni non ha effetti negativi, anche in caso di uso ripetuto. Questa procedura è considerata indolore e sicura..

Risonanza magnetica dei polmoni durante la gravidanza

La risonanza magnetica del sistema respiratorio, in particolare i polmoni e i bronchi, viene utilizzata se una donna incinta sospetta:

  • pleurite;
  • alterazioni vascolari nei polmoni;
  • processi tumorali;
  • disturbo circolatorio nei polmoni;
  • fibrosi cistica;
  • polmonite
  • atelettasia;
  • tubercolosi.

Durante la gravidanza, la risonanza magnetica è molto più preferibile di un esame radiografico, che non è altamente raccomandato in questo periodo, poiché può causare danni innegabili al feto.

Risonanza magnetica precoce

La RMN all'inizio della gravidanza non è raccomandata. Tuttavia, se ci sono indicazioni rigorose, il medico può prescrivere questa procedura diagnostica, ad esempio se si sospettano gravi anomalie fetali (la risonanza magnetica fornisce molte più informazioni rispetto agli ultrasuoni).

Se nel primo trimestre è necessario esaminare il cervello o il midollo spinale, il medico darà sempre la preferenza alla risonanza magnetica. A volte la risonanza magnetica può essere utilizzata al posto degli ultrasuoni al primo screening (a 12 settimane). La tomografia consente di visualizzare meglio i tessuti, identificare probabili difetti fetali e fornire cure mediche tempestive..

Il campo magnetico nella risonanza magnetica non è dannoso per il corpo umano. Il fatto che in alcuni casi i medici non raccomandino l'uso della risonanza magnetica nelle prime fasi non è altro che una "riassicurazione". Il primo trimestre è il periodo in cui il feto si sta attivamente formando, quindi gli specialisti medici in questo momento cercano di evitare del tutto qualsiasi procedura e intervento.

Risonanza magnetica della colonna vertebrale all'inizio della gravidanza

Se le malattie della colonna vertebrale peggiorano con l'inizio della gravidanza, il medico può prescrivere una procedura di risonanza magnetica per chiarire la diagnosi. È possibile eseguire la procedura nelle prime fasi?

Se la patologia della colonna vertebrale è tale da poter attendere alcune settimane fino al secondo trimestre, è meglio non affrettarsi con la diagnosi. La risonanza magnetica precoce della colonna vertebrale viene eseguita solo secondo indicazioni rigorose:

  • con sospetti processi tumorali nella colonna vertebrale;
  • con dolore acuto di natura poco chiara.

In linea di principio, la procedura di risonanza magnetica non è pericolosa, ma è generalmente accettato che nelle prime fasi può essere eseguito solo se è presente un'indicazione di emergenza.

RM alla fine della gravidanza

La risonanza magnetica non implica l'uso di radiazioni ionizzanti. Il principale meccanismo d'azione nella risonanza magnetica è l'effetto di un campo elettromagnetico. Un'istantanea dell'area richiesta del corpo è ottenuta come segue: l'apparato pompa un campo magnetico a una potenza di 0,5-2 T e le onde che trasmettono un momento di rotazione ai protoni sono dirette verso l'area esaminata. Dopo la cessazione dell'azione delle onde, le particelle "si calmano", generando contemporaneamente una certa dose di energia registrata da uno speciale sensore hardware. La reazione degli atomi all'influenza delle onde elettromagnetiche è descritta dal termine "risonanza", che definisce il nome della procedura di risonanza magnetica.

Se studi attentamente il meccanismo d'azione di questo tipo di diagnosi, puoi vedere che la procedura non ha conseguenze devastanti per il corpo. Almeno, il campo magnetico utilizzato nei dispositivi MRI può essere utilizzato senza alcun rischio in medicina, anche in gravidanza avanzata.

Controindicazioni

Non è auspicabile condurre una risonanza magnetica durante la gravidanza nel primo trimestre - durante la formazione dei principali organi del nascituro. Sebbene la presenza e il grado di danno alla risonanza magnetica per un bambino, anche in questo periodo, non è dimostrato.

Tra le altre controindicazioni per la risonanza magnetica durante la gravidanza, ci sono:

  • la presenza di interferenze metalliche nel corpo, che possono influire sulla funzione del campo magnetico (pacemaker, impianti metallici, telai e ferri da maglia);
  • peso corporeo della donna superiore a 200 kg.

Poiché la risonanza magnetica è accompagnata dal posizionamento del paziente in uno spazio ristretto, alle persone che soffrono di claustrofobia o di alcuni disturbi mentali di solito non è consentito l'intervento..

Complicazioni dopo la procedura

Spesso, le donne che sono preoccupate per il normale corso della gravidanza e le condizioni del nascituro sono diffidenti nei confronti di un metodo diagnostico come la risonanza magnetica. Tuttavia, per tutti gli anni di pratica, non ci sono state conseguenze negative dopo questa procedura.

Se una donna incinta in assenza di controindicazioni ha subito una risonanza magnetica, allora non danneggerà la salute del suo bambino.

Tuttavia, nonostante tutto, una risonanza magnetica durante la gravidanza è necessaria solo se ci sono indicazioni mediche rigorose e non per "interesse". La risonanza magnetica è un metodo molto serio ed è prescritta solo da un medico per determinati scopi diagnostici..

Risonanza magnetica durante la gravidanza

Le donne in posizione sono controindicate in molti metodi di diagnosi delle malattie mediante radiazioni ionizzanti: radiografie, fluorografia, tomografia computerizzata. Il metodo più sicuro per lo sviluppo di un feto è la risonanza magnetica..

Tale installazione hardware opera con il metodo di produzione di campi magnetici di diverse potenze che causano la risonanza delle particelle interne del corpo. I sensori raccolgono segnali risonanti e li inviano per l'elaborazione a un computer, che a sua volta visualizza l'immagine risultante sullo schermo. Le radiazioni ionizzanti dannose non vengono utilizzate in questo processo, quindi non hanno un effetto dannoso sugli organismi della madre e del bambino.

Effettuare una risonanza magnetica durante la gravidanza non è controindicato, a partire dal secondo trimestre. Le prime fasi hanno i loro termini e condizioni..

È possibile effettuare la risonanza magnetica nelle fasi iniziali della gravidanza?

Nelle prime dodici settimane senza un'emergenza è necessario sottoporsi a tomografia. Ciò è dovuto al fatto che il feto sta appena iniziando a formarsi; quasi tutti gli organi vengono deposti. A causa della scarsa conoscenza dell'effetto dei campi magnetici di diversa intensità sullo sviluppo intrauterino del feto, la RM viene assegnata alle donne in gravidanza nelle fasi iniziali solo se esiste un pericolo diretto per la vita della madre e del bambino.

Nelle fasi successive della MR, l'esame è considerato assolutamente sicuro. Trent'anni di esperienza nell'uso di questo metodo si sono rivelati innocui, quindi se il medico ti invia per uno studio, non dovresti avere paura.

Viene diagnosticato non solo le malattie sofferte dalla futura mamma, ma anche il processo di sviluppo del bambino. La risonanza magnetica visualizza anomalie e anomalie nella formazione del feto nelle prime fasi, che consente di prescrivere il trattamento corretto il prima possibile.

Il processo di conduzione di una risonanza magnetica della testa per le donne in gravidanza

La gravidanza è un grande peso per il corpo, che sta subendo una potente trasformazione ormonale. Il lavoro di tutti gli organi, incluso il sistema cardiovascolare, dipende dall'equilibrio ormonale. Oltre a questo fattore, ci sono situazioni in cui la futura mamma subisce lesioni domestiche. Al fine di rilevare il problema in tempo ed eliminare il pericolo per il bambino, il medico può rivolgersi per la diagnosi.

Il metodo di risonanza magnetica esamina patologie e malattie come:

  • condizione post-traumatica;
  • sospetto di cancro, cisti;
  • anomalie nel lavoro dei vasi cerebrali.

Il processo non provoca disagio, non richiede una preparazione dettagliata. È sufficiente venire in clinica con un pacchetto di documenti che danno un'idea della presenza o del sospetto di una malattia indagata (rinvio da un medico e una cartella clinica).

Nella clinica sarai registrato e invitato nella stanza in cui è installata l'apparecchiatura.

Il tomografo si presenta come un "tunnel" cilindrico con un divano retrattile - trasportatore. Il paziente è posizionato su un divano, sensori speciali sono installati intorno al cranio, il corpo è fissato in uno stato stazionario.

Poiché l'esame viene eseguito solo nell'area della testa, non è necessario posizionare l'intero corpo all'interno dell'unità. Questo elimina anche il minimo effetto sul feto e inoltre non provoca un attacco di paura dello spazio chiuso.

Le ragioni per la nomina della risonanza magnetica ai pazienti in posizione

Per sua stessa comprensione e desiderio, la futura mamma non può seguire una tale procedura. Per fare questo, devi avere un rinvio dal medico curante e una decisione finale sull'ammissione alla procedura dello specialista di guardia - un radiologo, che prende in una clinica di tomografia.

Il metodo MR è spesso prescritto a causa dell'impossibilità di esaminare in altri modi, ad esempio la radiazione ionica aggressiva è strettamente controindicata per le donne nella posizione. La risonanza magnetica può confermare o confutare la diagnosi stabilita dai risultati dei test. Se viene indicato l'aborto pretermine, lo studio può mostrare con precisione se questo dovrebbe essere fatto o evitato..

Un altro motivo per cui è possibile ottenere un rinvio alla risonanza magnetica è la difficoltà nell'esecuzione di un'ecografia a causa della difficile visione della posizione del bambino nell'utero all'ultima data. È difficile condurre un esame ecografico con un paziente in sovrappeso e l'obesità della cavità addominale.

Indicazioni per la risonanza magnetica durante la gravidanza

Se uno specialista ti indirizza alla tomografia RM, ci sono davvero delle ragioni per questo. Possono essere della seguente natura:

  • sospetta patologia nello sviluppo del feto;
  • sospetto del verificarsi di neoplasie oncologiche, determinazione dei loro contorni e localizzazione, presenza di metastasi;
  • diagnosi di disturbi nel sistema nervoso centrale;
  • malattia cardiovascolare;
  • lesioni
  • danno alla colonna vertebrale, ernia;
  • anomalie nel funzionamento e nel funzionamento del tratto digestivo, ecc..

In caso di mal di testa acuto o cronico, al paziente viene prescritta una risonanza magnetica del cervello. Con dolore costante alla schiena, alla parte bassa della schiena, al collo o dopo una lesione, viene eseguita una risonanza magnetica della colonna vertebrale.

Controindicazioni

Nel primo trimestre, cercano di non prescrivere la procedura o di eseguirla con grande cura. Ci sono diverse ragioni per questo:

  • Nelle prime fasi, si verifica la posa e la formazione di tutti gli organi vitali del bambino. È importante per la futura mamma proteggere il bambino dall'influenza di fattori ambientali aggressivi e non esporre il corpo a carichi aggiuntivi, come aumento del rumore e della febbre. Durante la sessione MR, l'unità emette un suono monotono e produce molto calore.
  • Anche se permettiamo la possibilità di eseguire la tomografia nelle fasi iniziali, c'è un'alta probabilità che le immagini ottenute non saranno in grado di aiutare nella diagnosi. Questo perché il feto è ancora troppo piccolo e molto mobile, non è in grado di fissare la sua posizione per molto tempo.
  • La controindicazione incondizionata per la procedura è la presenza nel corpo umano di corpi estranei in metallo (impianti, corone dentali, frammenti) o dispositivi elettronici (pacemaker). La procedura sarà anche messa in discussione in presenza di tatuaggi con impregnazioni metalliche.
  • Con una forte paura di uno spazio chiuso, non dovresti passare attraverso una sessione in un'installazione chiusa. È meglio scegliere un'istituzione medica che utilizza dispositivi di tipo aperto con intercapedini d'aria, in questo caso la claustrofobia cesserà di essere una controindicazione.
  • L'epilessia e i disturbi mentali diventeranno un ostacolo alla sessione, poiché è probabile che il paziente non possa essere immobilizzato durante il processo..
  • C'è anche una controindicazione per un peso fino a duecento chilogrammi. I tomografi semplicemente non sono prodotti sotto peso sopra questo indicatore. Al momento della registrazione presso la clinica, specificare quale peso massimo serve l'installazione MR in questo istituto.

Per riassumere: risonanza magnetica durante la gravidanza, è possibile fare?

Riassumendo tutto quanto sopra, riassumiamo: uno studio di MR può essere fatto per le donne in posizione. Ciò è dimostrato dai medici di tutto il mondo, la trentennale esperienza nell'applicazione di questo metodo dimostra che numerosi esperimenti condotti su animali. Innocuo per madre e figlio.

Se confrontiamo diversi tipi di diagnosi, il metodo MR è raccomandato per una donna incinta, poiché non produce radiazioni ionizzanti dannose. Ad esempio, una risonanza magnetica della testa durante la gravidanza sembra preferibile a una TAC che genera raggi X. Rispetto agli ultrasuoni, la tomografia è più istruttiva e ha un potenziale maggiore..

Va notato che durante la gravidanza, la risonanza magnetica con contrasto di solito non è prescritta. I farmaci chimici sono controindicati per le future madri e una soluzione contenente iodio o un contrasto a base di sali di gadolinio possono causare resistenza allergica al corpo. L'effetto sul corpo di questi farmaci sul bambino è poco compreso.

Per quanto riguarda l'uso di agenti di contrasto durante l'allattamento, i produttori indicano un periodo di astinenza di due giorni dall'allattamento dopo l'uso del contrasto. È meglio giocare al sicuro e astenersi dall'allattamento al momento indicato..

La tomografia può danneggiare durante la gravidanza

Una donna incinta deve rinunciare alla maggior parte dei farmaci e dei servizi medici a causa dei loro effetti negativi sul feto. Pertanto, una risonanza magnetica durante la gravidanza può essere eseguita solo quando assolutamente necessario, in altri casi è meglio rimandare la procedura diagnostica. Scopriremo come la risonanza magnetica degli organi interni della madre influisce sul futuro bambino e se la pianificazione della gravidanza è possibile se la donna ha recentemente eseguito una risonanza magnetica.

Il principio della risonanza magnetica e il suo effetto sul corpo umano

Il metodo di risonanza magnetica si basa sulla risposta dei nuclei di atomi di elementi chimici quando esposti a campi magnetici elevati. Tutti i tessuti umani differiscono nei tipi di cellule di cui sono composti. Le cellule hanno anche differenze nella struttura, quindi reagiscono in modo diverso alle onde elettromagnetiche. Il tomografo cattura accuratamente le risposte degli atomi e le converte in una forma grafica della presentazione delle informazioni. Pertanto, il risultato della diagnosi sono immagini di alta qualità di organi e tessuti interni in varie proiezioni.

Con l'avvento di questo metodo di ricerca nell'uomo, alcune preoccupazioni sono associate. Il termine "radiazione elettromagnetica", "campo magnetico", "tensione" e soprattutto "alta tensione" ha sempre suscitato paura nell'umanità. In precedenza, la procedura diagnostica era chiamata risonanza magnetica nucleare, il che la rendeva ancora più spaventosa: è spaventoso immaginare come le cose che influenzano il livello nucleare possano influenzare una persona. Scopriremo se l'effetto dell'imaging a risonanza magnetica sul corpo è così pericoloso e se è possibile eseguire la risonanza magnetica durante la gravidanza..

Possibili rischi di diagnosi

La gravidanza non è il momento migliore per la sperimentazione. Le donne incinte devono rinunciare a tutto ciò che può influire negativamente sul feto. Questo include anche medicine ed erbe. Ma ci sono patologie che possono causare un bambino non ancora nato più danni rispetto al trattamento di questa malattia. La prescrizione dovrebbe essere giustificata e correlata ai potenziali rischi che comportano. Pertanto, la diagnosi deve essere verificata esaminando attentamente la gestante.

La radiografia è uno dei metodi diagnostici più popolari ed economici. Ma è associato alle radiazioni: durante l'esame, il paziente riceve una dose di radiazioni, che può avere conseguenze negative per la gravidanza, specialmente nelle prime fasi. Pertanto, per una donna incinta, è consigliabile sostituire la radiografia con altri metodi di ricerca relativamente sicuri. Uno di questi è la risonanza magnetica..

La pratica a lungo termine ha dimostrato che la risonanza magnetica è completamente sicura per l'uomo. Pertanto, la diagnosi su un tomografo non danneggia la salute di una donna e del suo bambino non ancora nato. Durante il II e III trimestre di gravidanza, questa procedura è prescritta senza paura. Ma nelle prime fasi della gravidanza (I trimestre), i medici raccomandano di abbandonare la risonanza magnetica, se questo non è urgentemente necessario. Dopotutto, è durante questo periodo che vengono posati tutti gli organi del feto.

Gli studi sugli animali hanno dimostrato che la risonanza magnetica non influisce negativamente sulla gravidanza precoce. Pertanto, nelle prime 12 settimane tale procedura non viene eseguita esclusivamente per motivi di sicurezza: tali esperimenti non sono stati condotti nell'uomo.

Risonanza magnetica e pianificazione della gravidanza

Si raccomanda a una donna che sta pianificando una gravidanza di sottoporsi a esami e fare test per identificare le malattie che potrebbero interferire con il concepimento o la gravidanza di un bambino. E questo è semplicemente necessario se per molto tempo (1 anno o più) non è stata in grado di rimanere incinta. A tal fine, a volte viene prescritta la risonanza magnetica. Usando questo metodo, puoi vedere ciò che la radiografia o l'ecografia degli organi della gestante non mostreranno. Pianificare una gravidanza dopo una risonanza magnetica è immediatamente possibile, poiché la procedura non ha conseguenze per il corpo della donna. Se la diagnosi ha mostrato la presenza di patologie, allora è meglio pianificare il bambino dopo una cura di successo.

La risonanza magnetica durante la pianificazione della gravidanza è il modo migliore per scoprire la presenza di possibili malattie che la futura mamma potrebbe non conoscere. E la salute ideale di una donna riduce significativamente i rischi di avere un bambino con patologie congenite..

A volte capita che subito dopo una risonanza magnetica, una donna nota i primi segni di gravidanza. Ciò significa che la procedura è stata eseguita con un uovo fetale già formato. Ma non devi preoccuparti delle possibili conseguenze per il feto, che ha appena iniziato la sua formazione. Ci sono casi in cui le donne, ignare della loro situazione, sono state esaminate su un tomografo. Hanno dato alla luce bambini sani senza deviazioni, perché la procedura è sicura per tutti.

Quando è necessaria una diagnosi

La risonanza magnetica durante la gravidanza è prescritta solo per confermare o confutare una diagnosi che rappresenta una minaccia per la salute o la vita di una donna incinta o del feto. Permesso:

  • Fare una risonanza magnetica della colonna vertebrale con le sue lesioni e patologie (spostamento dei dischi, ernie intervertebrali);
  • Uno studio degli organi pelvici, se un'ecografia non ha dato i risultati desiderati;
  • RM della testa e del cervello durante la gravidanza, se si sospetta un tumore;
  • Esecuzione di una procedura per rilevare le malattie del sistema nervoso centrale;
  • Esame, se i test non sono normali e le cause delle deviazioni non sono determinate da altri tipi di diagnostica.

Se si sospetta l'oncologia, è possibile eseguire una risonanza magnetica con contrasto per esaminare attentamente le condizioni dei tessuti molli. Questo è l'unico modo per rilevare neoplasie da 1 mm di diametro e determinarne il tipo. Tuttavia, un agente di contrasto è controindicato nel primo trimestre. In un secondo momento, il contrasto è accettabile, ma solo se la donna non è allergica alla composizione del contrasto inserito. È sicuro sia per la madre che per il feto, perché non entra in reazioni all'interno del corpo e viene rapidamente espulso da esso. Ma i dottori sono riassicurati e non hanno fretta di prescrivere uno studio simile alla futura mamma.

Quando viene prescritta una tomografia fetale

Durante la gravidanza, la risonanza magnetica può essere assegnata per esaminare non solo le donne, ma anche il futuro bambino. La necessità di tale procedura sorge se:

  • L'esame ecografico del feto non è possibile a causa dell'obesità della madre.
  • Il feto è posizionato in modo errato, il che rende difficile studiarlo in altri modi.
  • I risultati dello screening hanno mostrato anomalie del feto ed è necessaria la loro conferma o confutazione prima della conclusione artificiale della gravidanza per motivi medici.

Durante la gravidanza, la risonanza magnetica del feto viene eseguita raramente: per monitorare il suo sviluppo, sono sufficienti i dati ottenuti esaminando il sangue della madre e gli ultrasuoni del nascituro. Un tale metodo di ricerca viene utilizzato nei casi in cui sorge la domanda di mantenere o interrompere una gravidanza.

Controindicazioni

Questo tipo di diagnosi è controindicato per una donna incinta nei seguenti casi:

  • C'è un primo trimestre di gravidanza. Questa è una controindicazione relativa, ma di solito i medici ti consigliano di aspettare fino al secondo trimestre.
  • Una donna pesa più di 130-200 kg. Il dispositivo è progettato per un carico specifico, il cui valore massimo varia a seconda dei diversi modelli di tomografi.
  • Una donna ha oggetti metallici che non possono essere rimossi prima della procedura (corone dentali in metallo, impianti, pacemaker e ferri da maglia).
  • La donna incinta soffre di epilessia. Un attacco può verificarsi all'interno del dispositivo, soprattutto se una donna è preoccupata.
  • C'è un'allergia alla composizione del mezzo di contrasto o c'è una storia di asma bronchiale, febbre da fieno (questa controindicazione si applica solo alla risonanza magnetica con contrasto).

Una delle controindicazioni alla risonanza magnetica durante la gravidanza è la claustrofobia (paura degli spazi confinati). All'interno del dispositivo in questo caso, potrebbe provare forte paura, la futura madre non sarà in grado di rimanere immobile. Lo stress è dannoso per il bambino e le immagini sfocate da movimenti caotici non daranno una vera idea della salute della donna incinta. Tuttavia, c'è un'eccezione: questa è una risonanza magnetica del cervello. Può essere eseguito immergendo solo la testa nel tomografo, mentre l'intero corpo rimane fuori e la donna vede lo spazio aperto.

Il mito principale della risonanza magnetica è che la procedura è di vitale importanza per il paziente se decide di farlo con impianti o altri oggetti metallici. Le persone raccontano storie che il metallo è rovente, lascia ustioni e talvolta oggetti metallici esplodono dal corpo sotto l'influenza di un campo magnetico ad alta intensità. Ma tutto ciò è finzione. La presenza di metallo nella risonanza magnetica non danneggerà nemmeno una donna incinta e il suo feto. L'unica conseguenza possibile sono risultati di ricerca distorti. Ma questo è solo se si tratta di un ferromagnete in metallo. Altri metalli non influiscono sull'affidabilità della diagnosi. Pertanto, verifica con il tuo medico di cosa sono fatte le dentiere o le parentesi graffe.


La risonanza magnetica durante la gravidanza è sicura sia per il feto che per la futura mamma. Questo studio fornisce informazioni più accurate rispetto ad altri metodi diagnostici. Ma per motivi di sicurezza durante il periodo di gravidanza, viene prescritto solo in situazioni eccezionali. Ad esempio, se i risultati degli ultrasuoni mostrano malformazioni del feto. In questo caso, la RM è necessaria per prendere la decisione giusta e razionale sulla conservazione o l'interruzione della gravidanza.

La risonanza magnetica è pericolosa durante la gravidanza?

Uno dei moderni metodi di ricerca non invasivi altamente informativi è la risonanza magnetica. L'indolore e la sicurezza della procedura sono un vantaggio rispetto ad altri studi. La risonanza magnetica durante la gravidanza può essere prescritta dal medico.

Perché viene prescritta la tomografia?

La gravidanza non è una malattia, ma le condizioni fisiche generali della donna e del feto hanno spesso bisogno di un regime delicato. La risonanza magnetica durante la gravidanza è prescritta solo se questo studio è necessario. MR - la tomografia aiuterà a diagnosticare patologie fetali, identificare problemi in una donna incinta.

indicazioni

Indicazioni e controindicazioni per l'uso della risonanza magnetica sono standard. La risonanza magnetica viene utilizzata per le seguenti condizioni mediche:

  • Malformazioni fetali;
  • Problemi nel lavoro degli organi interni della gestante;
  • Chiarimento della diagnosi, che è stata fatta in base ai risultati di altre analisi;
  • L'incapacità di condurre gli ultrasuoni a causa della sovrappeso in gravidanza o della posizione non riuscita del feto;
  • Chiarimento della diagnosi in riferimento ad un aborto per motivi medici;

L'effetto della risonanza magnetica sulla pianificazione della gravidanza

Se parliamo se è possibile combinare la risonanza magnetica e la pianificazione della gravidanza, allora c'è un'opinione scientifica di medici e specialisti tecnici su questo argomento. Pertanto, la risonanza magnetica non ha effetti dannosi sul corpo e non influisce sul processo di preparazione alla gravidanza. Al contrario, con l'aiuto della diagnostica sul tomografo, possono essere identificate patologie dello sviluppo che interferiscono con il processo di concepimento o lo rendono impossibile senza un trattamento adeguato.

Pertanto, l'imaging RM durante la pianificazione della gravidanza non solo non danneggia, ma in alcuni casi è una procedura vitale.

Posso fare una risonanza magnetica durante la gravidanza?

La risonanza magnetica durante la gravidanza è consentita in accordo con l'ostetrico-ginecologo che guida il paziente. La risonanza magnetica non è pericolosa per la donna incinta e il feto. Con i fenomeni di risonanza, sulla base dei quali viene scansionato il corpo, non ci sono conseguenze negative. In tutta onestà, va notato che questo tipo di ricerca viene utilizzato relativamente di recente e non ci sono praticamente dati sulla salute degli adulti che sono stati esposti alle onde magnetiche durante il periodo di sviluppo fetale. Nel condurre tale analisi tra le popolazioni animali, non sono stati ottenuti risultati negativi.

Risonanza magnetica precoce

Nel caso di situazioni non di emergenza che minacciano la vita o la salute, cercano di non eseguire la risonanza magnetica nelle prime fasi della gravidanza. Ma queste raccomandazioni sono piuttosto la natura di un'assicurazione aggiuntiva, piuttosto che prevenire un vero pericolo per il feto. Se la paziente ha effettuato una risonanza magnetica, non conoscendo la sua gravidanza, il medico non prescriverà ulteriori farmaci di supporto. Le paure dei medici possono essere correlate al fatto che nel primo trimestre il feto non è ancora rivestito e, in generale, è più vulnerabile a qualsiasi effetto.

Se necessario, la ricerca all'inizio della gravidanza è preferibile alla risonanza magnetica, poiché gli effetti del campo magnetico sono innocui, in contrasto con le radiazioni derivanti dalla tomografia computerizzata.

Le osservazioni mostrano che nei bambini le cui madri sono state sottoposte a tomografia durante il periodo di gestazione prima del secondo trimestre, non ci sono anomalie dello sviluppo.

Controindicazioni per la diagnosi

Nonostante il fatto che la procedura sia sicura per il corpo della donna, cercano di non eseguirla nelle prime fasi della gravidanza. Ciò è dovuto alle condizioni generali dell'embrione, che è abbastanza vulnerabile durante questo periodo. La risonanza magnetica sulle attrezzature moderne per le donne in gravidanza è sicura e non danneggia la salute delle donne.

Controindicazioni comuni per lo studio includono:

  • La presenza di oggetti metallici nel corpo (graffette, articolazioni artificiali, protesi metalliche, ecc.);
  • Peso del paziente oltre 120 - 130 kg;
  • Malattie mentali che influenzano la capacità di rimanere immobili in uno spazio limitato per lungo tempo;
  • La presenza di un pacemaker artificiale;

Una risonanza magnetica non viene eseguita per le donne in gravidanza se è possibile ottenere informazioni utilizzando altri esami e test..

La risonanza magnetica consente di rilevare i minimi trend negativi nel funzionamento degli organi pelvici, che possono causare un parto prematuro. Quando vengono identificati tali processi, le donne incinte vengono di solito ricoverate in ospedale con urgenza.

Caratteristiche dell'uso della tomografia per le future mamme

Durante la gravidanza, si verificano cambiamenti nel corpo di una donna. La posizione "supina" diventa scomoda all'aumentare del peso fetale. Pertanto, durante una risonanza magnetica, una donna può mentire non solo sulla schiena, ma anche sul lato sinistro. Per prevenire un attacco di claustrofobia, viene posizionato in avanti nel tomografo con i suoi piedi. Il processo di tomografia stessa inizia dopo un po 'in modo che il bambino smetta di muoversi.

Diagnosi cerebrale

La risonanza magnetica del cervello viene eseguita durante la gravidanza come nello stato normale. Se esiste la possibilità di un attacco di paura dello spazio confinato, si raccomanda al paziente di utilizzare un tomografo di tipo aperto per l'esame, in cui è assente. MR - la tomografia viene eseguita per ottenere un quadro più accurato delle neoplasie o della diagnosi primaria.

Inoltre, la risonanza magnetica è prescritta per lesioni della testa di natura traumatica, patologie del NS centrale, alterazioni vascolari, forti mal di testa di una ragione sconosciuta.

Se vuoi fare una risonanza magnetica della testa a scopo preventivo, allora è meglio rinviare questa procedura fino alla nascita di un bambino.

Ciò è particolarmente vero per la risonanza magnetica con contrasto. Potresti essere allergico ad esso..

Diagnosi della colonna vertebrale

La risonanza magnetica della colonna vertebrale è abbastanza comune durante la gestazione. Il crescente carico sulle ossa della colonna vertebrale provoca lo sviluppo di malattie neurologiche. Di conseguenza, il paziente inizia a provare dolore e disagio. Tipicamente, la tomografia è prescritta per sospette ernie intervertebrali, osteocondrosi. Il sospetto della comparsa di neoplasie maligne è anche un'indicazione ai fini dello studio. Radiografia o tomografia computerizzata della colonna vertebrale - altamente indesiderabile.

Indipendentemente dalla posizione del paziente (sul retro o sul lato), lo studio sarà piuttosto informativo.

Studia con contrasto

Tentano di limitare l'uso della risonanza magnetica durante la gravidanza a causa del rischio di una reazione allergica al reagente. In assenza di una tale reazione, lo studio viene eseguito come al solito. Tradizionalmente, il contrasto è stato usato per determinare i confini esatti di tumori e metastasi..

Il contrasto viene eliminato dal corpo abbastanza rapidamente, senza conseguenze negative e non influisce sulla possibilità di rimanere incinta.

Risonanza magnetica del feto

Quando trasporta un bambino, un ostetrico-ginecologo può prescrivere una risonanza magnetica del feto. Tali appuntamenti sono causati dalla necessità di un esame dettagliato di un organismo in via di sviluppo, l'identificazione di patologie incompatibili con la vita. La tomografia viene eseguita al mattino, perché in questo momento l'embrione è più calmo e immobile. Per ottenere ulteriore comfort e rilassamento psicologico del paziente durante la procedura, è consentita la presenza del padre del nascituro o di un altro parente, la cui presenza avrà un effetto calmante sulla donna.

I risultati ti permetteranno di regolare l'esposizione al farmaco per migliorare lo sviluppo fetale..

Se le anomalie nello sviluppo del feto sono incompatibili con la vita del bambino o della madre, a una donna verrà offerta una procedura per l'interruzione artificiale della gravidanza. La decisione in merito al consenso o al disaccordo su tale procedura viene presa su base volontaria. Il compito dei medici è solo quello di mettere in guardia su possibili scenari.

Quanto dopo una risonanza magnetica puoi rimanere incinta

La gravidanza può essere presa in qualsiasi momento prima e dopo una risonanza magnetica. Lo studio, secondo le statistiche mediche, non influisce negativamente sulla funzione riproduttiva di una persona, indipendentemente dal sesso.

risultati

Il tempo di sopportare il nascituro - richiede un'attenzione speciale per la salute delle donne. Il trattamento delle malattie verificatesi durante questo periodo può essere difficile a causa della presenza di effetti dannosi sul feto dei farmaci. Prima viene identificato un processo negativo, maggiore è la probabilità di curarlo con una perdita minima per la salute. La risonanza magnetica non è controindicata per le donne in gravidanza, al contrario, è questo tipo di studio che è in grado, senza pregiudizio per la salute della donna e del feto, di rivelare anomalie nel corpo.

Posso fare una risonanza magnetica durante la gravidanza?

La risonanza magnetica è uno studio in cui una persona viene collocata in un tubo speciale, simile a un cilindro, e all'interno vengono misurati i campi elettromagnetici dai suoi organi e tessuti interni. Queste informazioni vengono inviate a un computer, analizzate dal programma e il medico valuta il risultato finale.

È possibile fare una risonanza magnetica durante la gravidanza. Effetto sul feto

Ogni futura mamma, quando le viene prescritta questa procedura, è preoccupata: è possibile eseguire una risonanza magnetica per le donne in gravidanza??

I medici confermano: la risonanza magnetica è una procedura sicura. Questa fiducia si basa su numerosi studi condotti dagli anni '70. il secolo scorso, quando questa procedura era diffusa.

Le statistiche continuano ancora oggi..

Per quanto riguarda le donne in gravidanza, la risonanza magnetica viene eseguita solo se non è possibile sottoporsi a un altro esame e ricevere informazioni in un altro modo..

Non vogliono disturbare di nuovo le future madri, perché la procedura non è piacevole. E gli viene data la tomografia quando i loro problemi di salute sono troppo gravi..

Quando si esegue una risonanza magnetica durante la gravidanza, una donna in posizione può mentire non solo sulla schiena, ma anche dalla sua parte.

Nel tomografo, il paziente viene posizionato in avanti nelle gambe o viene utilizzato un apparato di tipo aperto. Questo viene fatto in modo che la donna non provochi un attacco di claustrofobia.

Quindi i dottori attendono che il bambino smetta di muoversi e quindi iniziano lo studio.

La risonanza magnetica obbligatoria è prescritta per le donne in gravidanza con forte dolore nel corpo, con trauma cranico, sospetta patologia del sistema nervoso centrale o con gravi alterazioni vascolari.

Se una paziente incinta desidera sottoporsi a una risonanza magnetica per la profilassi, è meglio trasferirla nel periodo postpartum. Il contrasto introdotto può scatenare una grave reazione allergica.

Viene prescritta una risonanza magnetica del feto per confermare i sospetti di patologie intrauterine incompatibili con la sua vita dopo la nascita.

La tomografia è raccomandata al mattino quando il bambino è più calmo. Se il bambino si sposta frequentemente, i risultati del test saranno inaccurati.

In alcune cliniche è consentita la presenza del coniuge della futura madre o di qualcuno vicino.

Se la diagnosi preliminare viene confermata, il farmaco viene immediatamente prescritto.

In casi estremi di identificazione di una patologia incurabile, i genitori sono invitati a interrompere la gravidanza, ma la decisione è volontaria e individuale. Il medico non può accettarlo da solo.

Caratteristiche della risonanza magnetica nel primo trimestre. Gli effetti della tomografia

Il feto nei primi tre mesi è molto vulnerabile. Se non vi è alcuna indicazione urgente, provare a non ricorrere alla procedura di risonanza magnetica.

Se una donna ha fatto una risonanza magnetica, non sapendo di essere incinta, non le verrà prescritto un trattamento aggiuntivo. La procedura non influirà sullo sviluppo del feto, sebbene lo studio stesso sia accompagnato da un certo disagio:

  • non puoi muoverti;
  • respirare pesantemente;
  • starnuti, tosse;
  • parlare.

Nei bambini le cui madri hanno fatto una risonanza magnetica nelle prime fasi, non vi sono deviazioni nello sviluppo fisico o psicologico.

Vantaggi e svantaggi della ricerca durante la gravidanza

I medici evidenziano diversi vantaggi significativi di questo metodo di ricerca:

  • ottenere un'immagine tridimensionale ad alta definizione - ciò aumenta l'accuratezza della diagnosi e facilita la diagnosi;
  • mancanza di radiazioni dannose. Pertanto, la tomografia può essere eseguita anche per i bambini;
  • ottenere immagini di organi interni che non sono visibili con gli ultrasuoni. Midollo spinale, ad esempio, o orecchio interno;
  • contrasto che aiuta a studiare i tumori senza una biopsia e ottenere la capacità di monitorare le fasi del cancro.

Inoltre, il metodo presenta alcuni svantaggi:

  • la procedura dura da mezz'ora e può raggiungere diverse ore;
  • per tutto questo tempo il paziente dovrebbe rimanere immobile, e questo è difficile, specialmente per una donna incinta in cui il bambino si sposta periodicamente;
  • a volte si notano rumori fastidiosi da un apparecchio funzionante e un aumento della temperatura ambiente;
  • difficile da tollerare dalle persone che soffrono di claustrofobia;
  • se la risonanza magnetica viene eseguita ai bambini, vengono anestetizzati in modo da non muoversi durante lo studio;
  • l'ind indesiderabilità di condurre una gravidanza precoce;
  • la presenza nel corpo umano di metallo (apparecchi acustici, pacemaker, placche);
  • l'alto prezzo di questo studio. Ciò è dovuto al fatto che l'apparecchiatura, il suo funzionamento e le ulteriori riparazioni sono molto costosi e che devono essere osservate condizioni speciali in una stanza con un tomografo.

Indicazioni per la risonanza magnetica

L'elenco delle indicazioni cresce ogni anno, il metodo consente di diagnosticare con successo più malattie.

Indicazioni per la risonanza magnetica per una paziente incinta:

  1. Risonanza magnetica del cervello di una donna incinta. È prescritto per forti mal di testa, tumori, lesioni, ischemia e disabilità visiva..
  2. Risonanza magnetica della colonna vertebrale (toracica, lombosacrale, cervicale e coccige). Se il paziente lamenta lesioni alla schiena, ernie, forte dolore, gonfiore, osteocondrosi e dolore acuto al collo.
  3. Risonanza magnetica del feto. Non tutti i medici sono in grado di condurlo, perché il bambino è piccolo e si muove. Questo studio è prescritto se un'ecografia mostra una patologia. Quindi la risonanza magnetica dovrebbe confermare la diagnosi o confutarla. È inutile fare una tomografia nel primo mese di gravidanza, perché un embrione di queste dimensioni non viene visualizzato.
  4. Risonanza magnetica degli organi pelvici. Una donna incinta può lamentare dolore addominale, sangue nelle urine e feci. La risonanza magnetica mostrerà se ci sono indicazioni per il ricovero in ospedale per la conservazione. Il problema è anche causato da cicatrici che rimangono sui tessuti interni se la futura mamma aveva una malattia infettiva.

Preparazione allo studio

Non è necessario prepararsi alla risonanza magnetica.

Ma ci sono alcuni punti a cui dovresti prestare attenzione:

  • per la risonanza magnetica pelvica, è necessario utilizzare un paio di bicchieri d'acqua in anticipo in modo che la vescica sia meglio visibile.
  • La risonanza magnetica mediante contrasto suggerisce un test preliminare sugli allergeni.
  • Prima della procedura, è necessario rimuovere tutti gli oggetti metallici. L'abbigliamento dovrebbe anche essere senza cerniere, bottoni, bottoni. In cosmesi, potrebbero esserci anche particelle metalliche: è meglio non tingere prima di una risonanza magnetica.
  • Non portare telefoni e carte di plastica nella stanza con il tomografo. Potrebbero essere danneggiati a causa dell'esposizione a campi magnetici..
  • in presenza di impianti e tatuaggi, un medico dovrebbe essere avvertito. Molto probabilmente in questo caso, la risonanza magnetica verrà sostituita dalla tomografia computerizzata, che non risponde al metallo.
  • per sicurezza, il paziente dovrà passare attraverso un metal detector prima della procedura.

Procedura

  1. Il paziente giace su un tavolo orizzontale allungabile. La posizione principale è sul retro, ma alle donne incinte è permesso di mentire sul lato sinistro, perché il feto preme con il suo peso e per lungo tempo non mentirai.
  2. Durante lo studio, non puoi muoverti, ciò influisce sulla qualità dei risultati. Ciò è particolarmente importante con la risonanza magnetica della colonna vertebrale. Il paziente è fissato con cinghie e rulli nel collo e negli arti. Puoi bere un sedativo.
  3. Se il tomografo funziona troppo forte, è consentito l'uso di cuffie o tappi per le orecchie.
  4. Il tomografo ha una comunicazione vocale integrata in modo che il paziente possa ascoltare il medico e seguire le sue istruzioni.

Il referto medico e le foto vengono pubblicati il ​​giorno successivo..

Controindicazioni di risonanza magnetica durante la gravidanza

A volte le controindicazioni sono temporanee e possono essere completamente eliminate. Ma ci sono divieti assoluti:

  • stimolatore cardiaco;
  • impianti metallici per qualsiasi scopo;
  • eccesso di peso corporeo, limite massimo consentito - 120 kg.
  • malattia renale cronica, patologie neurologiche, epilessia.
  • tatuaggi con una componente metallica;
  • dispositivo intrauterino, piercing;
  • periodo di riabilitazione dopo interventi sul cuore o sul cervello;
  • claustrofobia;
  • lo stato nervoso della paziente incinta;
  • insufficienza cardiaca.

La risonanza magnetica è una procedura utile per la diagnosi e sicura per i pazienti, ma le donne incinte dovrebbero fare attenzione e non avere la tomografia senza necessità speciale.

Quando una coppia sta pianificando una gravidanza, la tomografia indicherà possibili problemi che potrebbero danneggiare il bambino e la madre. Inoltre, la procedura stessa non influisce sul concepimento. Dopo una risonanza magnetica con un contrasto, è necessario resistere il giorno prima del rapporto in modo che la sostanza venga escreta dall'organismo.

Up