logo

Cosa potrebbe esserci di meglio che indossare un bambino tanto atteso sotto il cuore? Ogni donna si prepara per questo evento, ma già sapendo che presto diventerà madre, può sentirsi male, tirando dolore all'addome inferiore. Se non vedi un medico in tempo, tutto ciò può comportare non solo sanguinamento uterino, ma anche la minaccia di un aborto spontaneo. Forse questo è un ematoma retrocoriale.

Cos'è l'ematoma retrocoriale?

Un uovo fecondato subisce un processo di frantumazione e formazione di embrioni. Dopo che lascia la tuba di Falloppio, il sesto o l'ottavo giorno, con l'aiuto delle antenne coriche, viene fissata sull'utero.

Nel periodo dalla seconda alla quarta settimana, le membrane vengono separate e l'embrione viene riorganizzato con la formazione dei sistemi nervoso e circolatorio. Affinché il sangue, l'ossigeno, il metabolismo dei nutrienti si verifichino nel corpo, si forma una placenta. È formato dal plesso dei vasi corionici e dall'epitelio uterino.

Per vari motivi, nel periodo dalla quarta all'ottava settimana di gravidanza nelle donne, è possibile la secrezione marrone, a volte sanguinamento. Effettuando un'ecografia per motivi medici, le donne possono ascoltare una diagnosi di ematoma retrocoriale nelle prime fasi.

Tra il corion (il guscio dell'embrione) e la parete dell'utero, si forma un coagulo di sangue, che gradualmente viene fuori dalla macchia. Questo accumulo di sangue nell'utero può essere causato da vari fattori. Se viene diagnosticato in tempo, sono possibili un risultato positivo del trattamento e un parto indipendente.

Le cause

La prima domanda che la futura mamma si pone dopo aver ascoltato la diagnosi: "Qual è la ragione?". Qualsiasi ostetrico-ginecologo non sarà in grado di rispondere correttamente al cento per cento.

I motivi più rilevanti possono essere:

  • Duro lavoro fisico.
  • Grande stress emotivo (nervi, stress).
  • Stile di vita malsano (fumo, alcol, droghe).
  • Lesioni, lividi accidentali nell'addome.

Da parte del corpo della donna, sono possibili anche violazioni, che portano alla minaccia di un aborto spontaneo:

  • Squilibrio ormonale.
  • Malattie croniche degli organi genitali femminili (endometrite, endometriosi, mioma).
  • Perdite di carico.
  • Infezioni trasmesse sessualmente.
  • La presenza di diabete, malattie cardiache e vasi sanguigni.

Inoltre, a volte la causa dell'ematoma retrocoriale nell'utero durante la gravidanza è causata da anomalie genetiche, che la futura madre conosceva o di cui è venuta a conoscenza durante la gravidanza:

  • Sottosviluppo o anomalie dei genitali della madre.
  • Possibili anomalie nello sviluppo dell'embrione o dell'embrione che causano l'inizio dell'aborto.
  • Disturbi della coagulazione ereditaria.
  • Navi trofiche insufficienti dei vasi pelvici.

Metodi diagnostici

Al fine di fare una diagnosi corretta, nonché di iniziare un trattamento farmacologico topico, l'ostetrico-ginecologo che tratta il paziente prima di tutto mette il paziente in ospedale, e successivamente lo fa fare molti test diversi.

Esami del sangue per:

  • Infezioni trasmesse da partner a partner.
  • Ormoni (come indicato dal progesterone, ecc.).
  • Analisi generale.
  • HIV.
  • Chimica del sangue.
  • coagulabilità.

Obbligatorio è la consegna di uno striscio sulla flora dalla vagina, così come l'ecografia. Grazie agli ultrasuoni, il medico sarà in grado di conoscere con precisione le dimensioni dell'ematoma nell'utero. Durante la gravidanza in un secondo momento (otto, dodici settimane), viene stabilito se il feto è vivo, se si sente il battito cardiaco.

Inoltre, il medico curante vede se l'accumulo di sangue nella cavità uterina è associato al distacco della placenta o ad altri fattori. L'ematoma diminuisce o aumenta, l'utero è in buona forma?.

Solo dopo aver ricevuto l'analisi ormonale, i dati degli ultrasuoni, è possibile prescrivere il trattamento corretto.

Cosa consigliano gli esperti?

Come accennato in precedenza, il trattamento dell'ematoma retrocoriale durante la gravidanza avviene solo in ospedale. Il periodo di riposo in un letto d'ospedale dipende dai risultati dell'esame ecografico e dalle condizioni del paziente.

Molto spesso, il periodo di riassorbimento di un coagulo di sangue passa da due a quattro settimane. Per tutto questo tempo è consigliabile passare sotto la supervisione di un medico. L'ostetrico-ginecologo monitorerà non solo le condizioni generali del paziente, ma anche il bambino.

"Come?" - tu chiedi. Il secondo problema più grande in questo periodo è il tono dell'utero. Le pareti tese dell'organo possono provocare una minaccia di aborto spontaneo. Per evitare questo, gli esperti prescrivono farmaci e riposo, che è un altro motivo per cui è meglio andare in ospedale.

Metodi di prevenzione e trattamento

Quando i risultati dei test e degli ultrasuoni sono già noti, il medico prescrive il trattamento.

Prima di tutto, saranno prescritti farmaci per ridurre il sanguinamento. I farmaci più sicuri per le donne incinte in questo momento in questo periodo sono i preparati di acido tranexamico: Tranexam, Tugina, Trenax. Tutti sono abbastanza efficaci per il sanguinamento uterino di varie eziologie e, soprattutto, durante la gravidanza con ematoma retrocoriale..

L'acido tranexamico promuove la produzione di fibronolisina, una mancanza della quale potrebbe provocare sanguinamento. Inoltre, la sostanza ha proprietà antinfiammatorie, antitumorali e antiallergiche. Il dosaggio per ciascun paziente viene selezionato individualmente, ma in media è compreso tra 500 e 1500 mg al giorno.

L'attuale minaccia di aborto spontaneo e il basso livello di progesterone, che è responsabile del mantenimento della gravidanza, ci costringono a prescrivere farmaci ormonali sia per via orale che vaginale. Il più conveniente è Utrozhestan. Ha una forma di rilascio (capsule) in due dosaggi che possono essere utilizzati come candele e compresse.

La "luteina" in compresse e capsule vaginali ha un piccolo dosaggio di 50 mg, ma a un prezzo più conveniente. Inoltre, il mercato farmaceutico può offrire almeno tre analoghi di farmaci contenenti progesterone con un dosaggio di 100 mg e 200 mg.

Preparativi per rimuovere il tono dell'utero, se presente:

  • "No-shpa", "Papaverina" - antispasmodici.
  • "Viburkol" - antinfiammatorio, antispasmodico, analgesico.
  • "Magne B6" - una preparazione vitaminica coinvolta nel complesso trattamento della sindrome convulsiva, allevia gli spasmi, in particolare la forma di fiala.

Ci sono casi in cui si è verificato in un secondo momento??

Ci sono casi noti di ematoma retrocoriale durante la gravidanza nel terzo trimestre. Ciò è principalmente dovuto a un'anomalia dello sviluppo o all'influenza di fattori negativi sotto forma di attività fisica o lividi accidentali, colpi nell'addome.

In tali casi, è necessario un chiaro ricovero in ospedale. Una diagnosi corretta e, soprattutto, tempestiva salverà la vita non solo della madre, ma anche del bambino. In effetti, l'accumulo di sangue nella cavità uterina può portare a ipossia (soffocamento) del feto.

Ad alto rischio di perdere il bambino, viene spesso prescritto un taglio cesareo di emergenza. Se l'ematoma non cresce di dimensioni e non interferisce con il normale sviluppo del bambino, può essere posticipato a una data successiva, ma non meno di trentotto settimane.

Modalità e potenza

Durante questo periodo, la futura mamma ha bisogno di pace. Gli esperti consigliano di passare più tempo possibile a letto. C'è un'opinione che un bacino elevato migliora la circolazione sanguigna dei genitali. Per renderlo comodo, dovresti mettere un piccolo cuscino, un cuscino o una coperta a quattro pieghe sotto la schiena.

La nutrizione durante questo periodo dovrebbe contenere fibre, calcio e vitamine. Il consumo di vari cereali (ma non di riso), frutta e verdura, kefir e yogurt è il benvenuto. Tale dieta dovrebbe aumentare la motilità intestinale e non contribuire all'accumulo di gas.

Meno intensi sono gli intestini, minore è la pressione che esercita sulla cavità uterina. Quando si sceglie una dieta, è importante escludere tutti gli alimenti che contribuiscono al fissaggio intestinale e all'aumento della formazione di gas.

Guardando al futuro

Dopo essere sopravvissute al processo in ospedale, molte madri si chiedono se tutto sarà in ordine con il bambino dopo la nascita. Il medico principale è il tempo e solo lui può rispondere accuratamente a ciò che accadrà al tuo bambino in futuro.

Affinché un bambino nasca sano, è necessario monitorare attentamente la sua salute. In tempo per assumere i farmaci prescritti dal medico, osservare il regime giornaliero e mangiare bene.

Se hai un ematoma retrocoriale durante la gravidanza nelle prime fasi, vengono prescritte vitamine contenenti acido folico per escludere qualsiasi deviazione nello sviluppo del sistema nervoso. Prende parte attiva alla formazione del tubo neurale, riducendo la dinamica dei difetti.

Come proteggere te stesso e il futuro bambino?

Affinché tali eccessi non si verifichino, vale comunque la pena prepararsi per la gravidanza. Passare attraverso la diagnosi, trattare le malattie croniche dei genitali e del sistema urogenitale. Inoltre, pre-iniziare a fortificare il corpo con farmaci specializzati per le future mamme.

E, soprattutto, ridurre il ritmo della vita. Ridurre l'attività fisica, il volume di borse e pacchetti portatili, eliminare eventuali cattive abitudini. Sintonizzati su positivo, arruolando il supporto della seconda metà.

L'effetto dell'ematoma retrocoriale sull'esito della gravidanza con aborto spontaneo

L'articolo presenta i risultati di uno studio personale su donne in gravidanza con la minaccia di aborto con la presenza di ematoma retrocoriale nel primo trimestre basato sull'osservazione dinamica, l'ecografia e la dopplerometria.

L'articolo riflette i risultati della ricerca personale sulla gravidanza, con una minaccia di aborto spontaneo durante la gravidanza e presenza di ematoma retrocoriale nell'I-primo trimestre, basato su osservazione dinamica, ecografia e doppler.

Aborto spontaneo (NL) si riferisce alla sua cessazione dal concepimento a 37 settimane intere (259 giorni dall'ultima mestruazione). NB è la risposta del corpo femminile a qualsiasi svantaggio nel sistema embrio - madre - ambiente. NB è più spesso osservato nelle giovani donne in gravidanza di età inferiore ai 20 anni o nelle donne in gravidanza di età superiore ai 30 anni. Secondo la definizione dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), è consuetudine considerare una donna con una storia di 3 o più aborti spontanei fino a 22 settimane nella storia di una donna. Una gravidanza desiderata nel 15-20% dei casi termina con l'interruzione spontanea precoce [1, 2] e fino al 75% di tutte le perdite riproduttive associate all'aborto spontaneo si verificano nel periodo embrionale. NB, in quanto problema medico e sociale, è responsabile della riduzione della crescita della popolazione, dell'aumento del livello di mortalità perinatale e infantile e dell'effetto negativo sulla funzione riproduttiva delle donne [3]. Con un aborto sporadico (episodico), a causa di un errore di gametogenesi e della formazione di un embrione geneticamente difettoso, l'azione di fattori dannosi è transitoria e non compromette la funzione riproduttiva della donna in futuro, ma il rischio di perdita della gravidanza dopo il primo aborto aumenta al 13-17%. Dopo due aborti spontanei, il rischio di perdere una gravidanza desiderata è più che raddoppiato [4]. Pertanto, sono sufficienti due aborti consecutivi per classificare una coppia sposata come aborto abituale, seguito da un esame obbligatorio e da una serie di misure per prepararsi alla gravidanza. La valutazione tempestiva dello sviluppo del sistema fetoplacentare, a partire dalle prime fasi della gravidanza, insieme all'uso di metodi ad alta tecnologia: indagine sullo stato dell'embrione / feto, strutture extraembrionali, valutazione del sistema madre-placenta-feto, identificazione delle caratteristiche di sviluppo della gravidanza per varie cause di aborto spontaneo consente di sviluppare un individuo tattiche di gestione della gravidanza, misure preventive, aumentano l'efficacia della terapia farmacologica per mantenere la gravidanza [5, 6]. Per valutare i parametri della formazione dell'embrione e delle strutture extraembrionali, le caratteristiche della formazione del complesso fetoplacentare, l'emodinamica del feto nel corso complicato della gravidanza, l'ecografia viene utilizzata per determinare il diametro dell'uovo fetale, le sue dimensioni e consente di studiare lo stato anatomico e funzionale dell'embrione in base all'età gestazionale [7 ]. Normalmente, i dati di misurazione della dimensione dell'embrione durante il corso fisiologico della gravidanza corrispondono all'età gestazionale o al ritardo dietro di esso di non più di 6 giorni in presenza di un normale ciclo mestruale (27-30 giorni). Con dimensioni dell'embrione da 1,6 mm (dimensione coccige-parietale - CTE), la frequenza cardiaca deve necessariamente essere determinata normalmente. È importante valutare le formazioni extraembrionali (amnione, corion, esoceloma, sacco di tuorlo). Nelle gravidanze non complicate, il sacco del tuorlo aumenta relativamente rapidamente di 5-9 settimane, si nota un ritardo della crescita da 10 a 11 settimane e lo sviluppo inverso inizia dall'undicesima settimana, fino alla riduzione completa, che si osserva a 12-13,5 settimane [2, 8]. Nel secondo e terzo trimestre di gravidanza durante l'ecografia, si dovrebbe prestare attenzione agli indicatori di fetometria, per valutare l'anatomia del feto, le condizioni della placenta, la qualità e la quantità di liquido amniotico ed escludere i marcatori di anomalie cromosomiche [9]. Uno studio dinamico del flusso sanguigno nelle donne con la solita perdita di gravidanza ha rivelato una graduale riduzione degli indici di resistenza vascolare di 18-19 settimane, rispetto alle donne in gravidanza senza una storia di onere. Entro la fine della gravidanza, questo indicatore si alza di nuovo, il che è associato a cambiamenti involutivi nel tessuto placentare [7]. Il flusso sanguigno nello spazio intervillo cresce durante il corso fisiologico della gravidanza fino a 18-21 settimane, dopo di che rimane stabile fino al parto. La bradicardia fetale, secondo i ricercatori, aumenta il rischio di aborto spontaneo e si verifica nell'80% dei casi che si concludono in aborto spontaneo, la tachicardia è anche un indicatore di aborto spontaneo, ma in misura minore. Anche la scomparsa prematura e la forma anomala del sacco vitellino sono un segno prognostico di aborto spontaneo. Quindi, la determinazione ad ultrasuoni delle dimensioni dell'amnione (diametro inferiore a 10-12 mm) nel 30% indica una gravidanza non sviluppata. La violazione del flusso sanguigno nelle arterie a spirale e i cambiamenti nel flusso sanguigno nelle arterie del sacco vitellino sono il principale segno Dopplerometrico di aborto spontaneo e altre complicazioni del processo gestazionale [7, 8]. La registrazione di un flusso sanguigno costante nello spazio intervillo prima della sesta settimana è un fattore prognosticamente sfavorevole che porta a danni meccanici alla relazione tra il corpo e l'embrione (la formazione di ematoma retrocoriale) [10]. Nel secondo e terzo trimestre di gravidanza, è importante determinare lo stato funzionale della placenta, che è una conseguenza della ridotta circolazione uteroplacentare, porta allo sviluppo di ipossia cronica intrauterina del feto e alla formazione della sindrome del ritardo della crescita fetale (SRO) [11, 12]. Nei neonati di madri con la minaccia di interruzione della gravidanza, si nota un numero significativo di complicanze (asfissia - 32,1%, ipotrofia intrauterina - 17%, incidente cerebrovascolare - 37,5%) [13].

Lo scopo di questo studio era di studiare il decorso e l'esito della gravidanza nei pazienti con distacco corionico (presenza di ematoma retrocoriale) nel primo trimestre di gravidanza.

Materiali e metodi di ricerca

Sono state esaminate 100 donne in gravidanza, dai 22 ai 46 anni, la cui età media era di 29,3 ± 3,4 anni. Dopo aver raccolto un'anamnesi e un esame clinico generale, tutti i pazienti sono stati sottoposti all'ecografia Doppler. L'età gestazionale variava da 4 settimane alla 13a settimana di gravidanza (incluso).

Risultati della ricerca

Al trattamento iniziale: secondo i risultati dei dati clinici - dolore nell'addome inferiore (n = 22, 22%), spotting dal tratto genitale (n = 34, 34%), una combinazione di due sintomi (n = 44, 44%). Secondo gli ultrasuoni: ipertonicità uterina (n = 61, 61%). Il sacco vitellino non è stato visualizzato (n = 14, 14%), la cui età gestazionale ha superato le 9-10 settimane, che è stata probabilmente associata alla regressione fisiologica del corpo luteo. Il volume dell'ematoma variava da 0,61 a 39,1 cm 3, il diametro medio dell'ematoma era di 7,2 cm, i volumi delle cavità coronali e amniotiche (n = 76, 76%) corrispondevano all'età gestazionale e furono trovate solo 24 donne in gravidanza (24%) ipoplasia di amnione. Secondo Dopplerometry: loci a singolo colore (n = 27, 27%), multipli (n = 65, 65%) e senza loci a colori (n = 8, 8%) (Tabella 1, Fig. 1).

Con trattamento ripetuto dopo 4 settimane sullo sfondo di supporto medico (utilizzando gestageni) per lo sviluppo della gravidanza: l'aborto spontaneo si è concluso in 7 donne in gravidanza (7%). Va notato che la dimensione dell'ematoma retrocoriale in queste donne in gravidanza era la più grande (da 25 a 39,1 cm 3), i dolori nell'addome inferiore e l'individuazione dell'intensità e della natura non differivano dalle altre donne nel gruppo di studio. L'esame ripetuto delle restanti 93 (93%) donne in gravidanza ha mostrato che durante la terapia, il dolore moderato nell'addome inferiore persisteva nell'11 (11%), individuando dal tratto genitale (n = 2, 2%), una combinazione di due sintomi (n = 4, 4 %). Secondo gli ultrasuoni: l'ipertono uterino non viene rilevato, l'età gestazionale corrisponde all'età gestazionale e ai progressi. Un ematoma viene rilevato sotto forma di sintomi ecografici indiretti (focolai di densità di eco mista con o senza flusso sanguigno) intorno all'ovulo (n = 14, 14%), solo in 5 (5%) casi è stato rilevato un piccolo ematoma retrocoriale, il cui volume variava da 11 a 17 cm 3, il diametro medio dell'ematoma era di 7,2 cm. Un'analisi comparativa ha mostrato che queste dimensioni dell'ematoma sono conservate nelle donne in gravidanza con un diametro inizialmente grande dell'ematoma. Secondo Dopplerometry: loci monocolore (n = 14, 14%), multipli (n = 5, 5%) e senza loci colorati in altre donne in gravidanza (tabella 2, Fig. 2).

Nel valutare il volume della membrana amniotica, nel 64,2% dei casi è stato riscontrato un polidramnios precoce, un polidramnios precoce nel 13,7% e valori normali nel 22,1% dei casi. L'ecografia prognostica più sfavorevole per la solita perdita della gravidanza a breve termine è una diminuzione del volume dell'ovulo in combinazione con oligoidramnios precoci [8, 13]. Un segno ecografico più favorevole sono i primi polidramnios, in cui la gravidanza ha proceduto con complicazioni (76-80%). Più spesso, la gravidanza in presenza di polidramnios precoci era complicata dalla gestosi - 54%, la minaccia di parto prematuro - 58%, maturazione prematura della placenta - 37,5%, scarico prematuro di liquido amniotico con lo sviluppo di anomalie dell'attività lavorativa fino al 33% (Fig. 3) [4, 9].

Nel valutare il sacco vitellino dell'amnione nelle donne con aborto abituale, è stato rivelato che un'eccessiva dilatazione di oltre 7 mm nel periodo di 7-9 settimane o una pronunciata riduzione del diametro del sacco vitellino in una gravidanza complicata predicono sempre un risultato sfavorevole. Nei coriones nelle donne in gravidanza con una storia ostetrica gravata da ultrasuoni, vengono spesso rilevate inclusioni eco-negative, che indicano la presenza di infezione genitale. Una diminuzione isolata dello spessore del corion viene raramente diagnosticata e, di regola, è un indicatore di un aborto minaccioso che, con l'inizio tempestivo di un'adeguata terapia gestagenica, consente una gravidanza prolungata a lungo termine, che è raramente possibile con un quadro ecografico combinato di un corio diluito e altri marcatori ecografici di aborto minaccioso. Un'analisi dei dati della ricerca sul flusso sanguigno ha rivelato che nella gravidanza non in via di sviluppo, nel 41,6% dei casi si verificano disturbi del flusso sanguigno nello spazio intervillo nelle donne con rischio di aborto spontaneo (più spesso non vi è alcun tipo arterioso di flusso sanguigno, meno spesso completa assenza di flusso sanguigno), nel 58,4% dei dati sono in pazienti a rischio non differiscono da quelli delle donne in gravidanza con decorso semplice. Un altro marcatore caratteristico della patologia della gravidanza precoce è la vascolarizzazione anormale del sacco vitellino (la presenza di solo flusso sanguigno venoso, senza determinare l'arteria) [8]. Disturbi del flusso sanguigno in donne in gravidanza a rischio sono stati accompagnati da sintomi clinici di un aborto minaccioso e si sono verificati durante un corso di terapia volto a fermare il complesso sintomatico di un aborto minaccioso e farmaci che migliorano il flusso sanguigno uteroplacentare (Curantil 75 mg / giorno, Trental 300 mg / giorno, Actovegin 600 mg / giorno ) Tra le cause più comuni che portano ai primi polidramnios, è stata notata la presenza di infezioni genitali (ureaplasma, micoplasma, funghi del genere Candida, infezione mista)..

Conclusione

Pertanto, con la minaccia di interruzione della gravidanza, complicata dall'ematoma retrocoriale, è necessario tenere conto della posizione e del volume dell'ematoma, per valutare il volume delle strutture extraembrionali, il corpo luteo nell'ovaio e la sua vascolarizzazione per la scelta delle tattiche di gestione della gravidanza. Il rischio di aborto è direttamente proporzionale alla dimensione dell'ematoma retrocoriale, rispettivamente, maggiore è la dimensione dell'ematoma e più intenso è il flusso sanguigno nell'area, peggiore è la prognosi e gli esiti della gravidanza. Secondo i ricercatori, un confronto dei segni clinici con gli ultrasuoni ha rivelato le seguenti caratteristiche del decorso della gravidanza: la posizione corporea dell'ematoma è più caratteristica del dolore nell'addome inferiore, mentre con l'ematoma sopracervicale, è sempre stata rilevata una scarica sanguinolenta dal tratto genitale. L'analisi del decorso e dei risultati ha rivelato un decorso prognostico della gravidanza più sfavorevole rispetto alla localizzazione sopracervicale dell'ematoma. Si può concludere che i segni di una gravidanza non sviluppata dagli ultrasuoni sono: mancanza di circolazione arteriosa, impossibilità di registrare la circolazione sanguigna nello spazio intervillo; la completa assenza o registrazione del solo tipo venoso di flusso sanguigno nei vasi del sacco tuorlo; aumento dell'indice di pulsazione (PI) nell'arteria ombelicale (più di 4.0); violazioni combinate del flusso sanguigno nel dotto venoso e nelle arterie del cordone ombelicale del feto. I criteri ecografici per l'aborto spontaneo sono affidabili: la presenza di un grande ematoma retrocoriale (più di 20 ml) e una maggiore resistenza vascolare nello spazio intervillous e nelle arterie a spirale; aumento della resistenza vascolare nelle arterie del sacco tuorlo; mantenendo uno spettro pulsante del flusso sanguigno nella vena del cordone ombelicale. Come si può vedere dallo studio, le donne con una storia di aborto spontaneo costituiscono un gruppo ad alto rischio non solo per l'aborto spontaneo, ma anche per lo sviluppo di altre complicanze del processo gestazionale e dello stato funzionale alterato del feto (insufficienza fetoplacentare (PSF), FDS). Pertanto, al fine di migliorare la prognosi del corso della gravidanza, la sua interruzione, la formazione di FSF e lo sviluppo di SZRP, è necessario eseguire una serie di misure terapeutiche, diagnostiche e preventive utilizzando le moderne tecnologie volte a diagnosi precoce, correzione del trattamento e miglioramento dello stato della donna incinta, che riduce la frequenza della perdita di gravidanza esiti avversi e mortalità perinatale. Inoltre, va notato che un approccio differenziato alla terapia, basato su dati ecografici e dopplerometrici, può ridurre significativamente la frequenza della perdita di gravidanza nel primo trimestre e altre complicazioni del processo gestazionale. La prognosi per l'ulteriore sviluppo della gravidanza in questi casi dipende sia dalle dimensioni assolute dell'ematoma sia dalle sue dimensioni rispetto alle dimensioni dell'ovulo nell'utero. I pazienti con piccoli ematomi hanno ogni possibilità di un risultato favorevole, a differenza di quelli con un volume di ematoma superiore a 60 cm 3 o superiore al 40% del volume dell'uovo fetale, anche tenendo conto del fatto che durante l'esame ecografico iniziale, è possibile rilevare la presenza di battiti cardiaci in feto. La prognosi dipende anche se il sangue si accumula nella cavità uterina o viene versato sotto forma di secrezioni di sangue. A volte nel primo trimestre di gravidanza, possono sorgere difficoltà nel differenziarsi con l'aiuto degli ultrasuoni di un ematoma retrocoriale da un uovo fetale congelato durante la gravidanza gemellare. Per un uovo fetale "vuoto" o un uovo fetale con un embrione morto, una caratteristica più arrotondata è caratteristica, in contrasto con un ematoma, che in apparenza ricorda una mezzaluna. Nelle fasi iniziali (2-4 settimane), gli aborti spontanei in oltre il 50% dei casi sono causati da anomalie cromosomiche, pertanto non è consigliabile utilizzare metodi di terapia ormonale e immunitaria quando la causa dell'aborto non è chiara e la donna non è stata esaminata prima della gravidanza [4, 6, 11, 12, 14, 15].

Letteratura

  1. Agadzhanova A. A. Metodi moderni di trattamento di pazienti con aborto abituale // Russian Medical Journal. 2003. N. 1. S. 3–10.
  2. Krasnopolsky V. I., Logutova L. S., Serova O. F. et al. Trattamento dell'insufficienza della fase luteale nelle donne con aborto spontaneo: un manuale per i medici. M., 2005.24 s.
  3. Sidelnikova V. M. L'aborto spontaneo in gravidanza - una visione moderna del problema // Bollettino russo dell'ostetrico-ginecologo. 2007. N. 2. P. 62–64.
  4. Clark D. A., Arck P. C., Chaouat G. et al. Perché tua madre ti ha rifiutato? Determinanti immunogenetici della risposta alla pressione selettiva ambientale espressa a livello uterino // Am J Immunol. 1999. Vol. 41. P. 5–22.
  5. Lineva O. I., Nesterenko S. A., Tsurkan S. V., Sizova N. V. Aspetti patogenetici dell'aborto e principi per la prevenzione delle complicanze: Mater. 4th Ros. scientifico Forum "Salute materna e infantile 2002". M., 2002. S. 222–223.
  6. Makino T., Sakai A., Sugi T. et al. Terapia curativa completa dell'aborto abituale // Ann. New York Acad. Sci. 1991.626: 597.
  7. Sokolov A.V.Valutazione completa della condizione dell'uovo fetale nel primo trimestre di gravidanza mediante embriografia transvaginale ed embrioscopia transcervicale: Abstract. dis.... cand. miele. scienze. M., 2003.
  8. Manuale di ultrasuoni in ostetricia e ginecologia. Ed.: A. Kurjak, F. Chervenak. Editori medici Jaypee Brothers. 2004.800 p.
  9. Jaffe R., Jauniaux E., Hustin J. Circolazione materna nella placenta umana del primo trimestre: mito o realtà? // Ostacolo ad ultrasuoni. Gynaecol. 1996. 8 (4): 262–267.
  10. Kurjak A., Schulman H., Zudenigo D. et al. Ematomi subcorionici all'inizio della gravidanza. Esito clinico e modelli di flusso sanguigno // J. Matern. Fetale. Med. 1996.5: 41–44.
  11. Zarochentseva N.V., Kaprova Yu.P., Marchenko S. Yu., Serova O. F. Caratteristiche di condurre il primo trimestre di gravidanza in donne con una storia di aborto spontaneo // Russian Medical Journal. 2006. V. 14. № 4. P. 304–308.
  12. Manukhin I. B., Gevorkyan M. A., Manukhina E. I. et al. Trattamento della minaccia di interruzione della gravidanza precoce in pazienti con sindrome dell'ovaio policistico: Mater. 1a internazionale conf. "Gravidanza precoce: problemi, soluzioni, prospettive." M., 2002. S. 129–133.
  13. Kiryushchenkov P.A., Khodzhaeva Z.S., Veryasov V.N. Approcci moderni al trattamento dell'aborto spontaneo di brevi periodi di gravidanza di genesi immunologica // Tomsk State University Journal. Cresciuto. assoc. Akush e gin. 2001. N. 1. S. 53–55.
  14. Agadzhanova A.A., Serov V.N., Sidelnikova V.M., Tetruashvili N.K. Perdita precoce della gravidanza: una nuova comprensione dei disturbi ormonali // Russian Medical Journal. 2003. N. 16. S. 907–909.
  15. Fedele L. Aborto abituale: aspetti endocrinologici // Cur. Opin. Obstet Gynaecol. 1995,7 (5). P. 351–366.

A. M. Torchinov, dottore in scienze mediche, professore
M. M. Umakhanova, dottore in scienze mediche, professore
G. L. Doronin, candidato di scienze mediche
M.V. Mazurkevich, candidato di scienze mediche
M. G. Ron 1

GBOU VPO MGMSU loro. A. I. Evdokimova, Ministero della Salute della Federazione Russa, Mosca

Ematoma retrocoriale: cause, esiti e tattiche

Il concepimento di successo non porta sempre a un portamento tranquillo del feto e alla nascita di un bambino. L'ematoma retrocoriale è un distacco parziale del posto fetale all'inizio della gravidanza: fino al 20% di tutti gli aborti spontanei nel primo trimestre si verificano sullo sfondo delle emorragie sotto la placenta futura, che provoca una gravidanza congelata.

Gli ultrasuoni possono rilevare emorragie sotto il corion

Ematoma retrochoriale: che cos'è

Fino alla sedicesima settimana di gravidanza, l'embrione riceve supporto vitale attraverso il corion (placenta acerba). L'ematoma retrocoriale è un coagulo di sangue sotto forma di coagulo sotto il tessuto corionico, che si verifica a causa della rottura di piccoli vasi che collegano la madre e il bambino. In realtà, questa è una diagnosi ecografica: solo un medico ecografico sarà in grado di rilevare un problema sotto la placenta futura, che nel 20-22% provoca una gravidanza persa e un aborto precoce. È possibile una variante della patologia asintomatica: non ci sono manifestazioni e il medico, alla prima ecografia, trova una piccola area di esfoliazione del corion. Indipendentemente dai sintomi, è necessario rispettare tutte le raccomandazioni di uno specialista nel preservare la gravidanza.

Cause di distacco della placenta futura

Esistono 2 gruppi di cause (congenite e acquisite) di parziale distacco del tessuto corionico nel primo trimestre. Molto spesso, l'ematoma retrocoriale si verifica sullo sfondo dei fattori acquisiti:

  1. Endometrite cronica che si verifica dopo l'aborto o la chirurgia ginecologica sull'utero;
  2. La presenza di significative infezioni genitali (clamidia, micoplasmosi, danno virale);
  3. Trombofilia (disturbi vascolari);
  4. Malattie endocrine (diabete, malattie della tiroide, obesità).

Dei fattori congeniti che sono molto meno comuni, vale la pena temere le mutazioni genetiche che influenzano il sistema di coagulazione del sangue e le anomalie nello sviluppo dell'utero. Per ogni donna che entra in gravidanza, è desiderabile identificare i fattori di rischio per l'aborto precoce:

  • la presenza in passato di 1 o più aborti artificiali;
  • la concezione precedente si concluse con una gravidanza in via di sviluppo;
  • infertilità persistente;
  • curettage diagnostico della cavità uterina;
  • aborto abituale;
  • trattamento per le infezioni genitali.

Più sono le operazioni ginecologiche sull'utero, maggiore è il rischio: 2 o più curettage uterini aumentano la probabilità di ematoma retrocoriale di 12 volte.

Ematoma retrochoriale: esiti per mamma e bambino

Di grande importanza per il corso della gravidanza è la dimensione dell'esfoliazione: l'ematoma retrocoriale da 45 ml o più nella maggior parte dei casi termina con la morte dell'embrione e l'aborto spontaneo. Con una piccola quantità di sangue accumulato (30-45 ml), le possibilità di sopravvivenza del feto sono equalizzate - da 50 a 50. Le dimensioni di meno di 30 ml sono prognosticamente favorevoli: nella maggior parte dei casi, tutto termina con la fine e la nascita di un bambino sano.

I principali risultati avversi includono:

  • morte fetale dell'embrione (gravidanza non in sviluppo);
  • sanguinamento vaginale con un alto rischio di aborto spontaneo;
  • FPN durante la gravidanza;
  • ritardo della crescita fetale;
  • distacco di una placenta correttamente posizionata;
  • nascita prematura.

Il fattore più importante è la variazione delle dimensioni del distacco: un piccolo ematoma retrocoriale può dissolversi senza lasciare traccia o aumentare gradualmente fino a raggiungere un valore pericoloso. Il monitoraggio ecografico permanente aiuterà a identificare la minaccia nel tempo e prevenire un triste esito della patologia.

Il rilevamento del distacco corionico parziale è un'indicazione per la terapia di mantenimento

Tattiche terapeutiche

Quando non ci sono segni di un aborto minaccioso (questi sono segni della formazione di un coagulo di sangue sotto il tessuto corionico), non è necessario eseguire un'ecografia prima dell'undicesima settimana di gravidanza, quindi un ematoma retrochoriale asintomatico che non aumenta di dimensioni e può passare inosservato. Tuttavia, con qualsiasi variante del distacco parziale rivelato del corion, devono essere seguite le seguenti raccomandazioni del medico:

  1. Conduzione della terapia di mantenimento (il medico prescriverà farmaci che devono essere assunti continuamente);
  2. Monitoraggio ecografico regolare;
  3. Rifiuto categorico del lavoro fisico, attività sportive (è ottimale osservare il riposo a letto a casa).

Se c'è sanguinamento dalla vagina, è necessario condurre un trattamento in un ospedale 24 ore su 24 con riposo a letto obbligatorio. Con il giusto approccio alla terapia e seguendo tutti i consigli del medico, un esito triste può essere prevenuto se viene rilevato un piccolo ematoma sotto il corion, ma un grande ematoma retrocoriale può causare una gravidanza non sviluppata e aborto.

Ematoma retrochoriale durante la gravidanza

Certo, è bello quando nulla oscura il periodo più luminoso della vita di una donna: la sua gravidanza. Ma, sfortunatamente, fu in quel momento che la futura madre molto spesso si trovava di fronte a problemi di salute, perché fu durante la gravidanza che il corpo iniziò una grave ristrutturazione ormonale e quei disturbi che, a quanto pare, si erano già dimenticati. Uno di questi pericoli è l'ematoma retrocoriale durante la gravidanza..

L'ematoma retrocoriale è uno dei segni della minaccia dell'aborto; un fenomeno in cui il sangue si accumula dietro il corion - il precursore della placenta - a causa del passaggio dell'uovo fetale dal corion. Di solito si manifesta con secrezione brunastra, disagio e tirando dolori nell'addome inferiore..

Questo fenomeno è abbastanza comune: si osserva in molte future madri.

L'uovo fetale inizia il rigetto, formando una cavità che è piena di sangue coagulato (questo è un ematoma). Ci sono molte ragioni per la comparsa dell'ematoma retrocoriale durante la gravidanza, quindi è impossibile dire esattamente cosa si presenta in un caso particolare, così come non si può prevedere se apparirà.

L'ematoma retrocoriale può verificarsi a causa dello sforzo fisico e degli effetti dannosi dell'ambiente (possono essere rumore, vibrazioni) e disturbi ormonali. Tra i motivi della comparsa dell'ematoma retrocoriale vi sono malformazioni uterine, infantilismo genitale, endometrite cronica, varie malattie infettive e infiammatorie della zona urogenitale, processi autoimmuni.

Di solito si fa sentire nelle prime fasi della gravidanza. Lo scarico brunastro indica un decorso positivo del processo, poiché ciò significa che l'ematoma si sta lentamente risolvendo. Prima lo scoprono, meglio è. Di norma, i medici notano un ematoma durante un'ecografia. Forse la cosa più importante nel trattamento è di fermare la sua crescita.

Ematoma retrochoriale all'inizio della gravidanza

Il periodo di gravidanza non è sempre felice. Sfortunatamente, molte madri affrontano una diagnosi così pericolosa come l'ematoma retrocoriale all'inizio della gravidanza. Questa condizione minaccia un aborto spontaneo e altre complicazioni pericolose. Cos'è questa patologia, perché si verifica e quali sono i suoi sintomi, capiremo l'articolo.

Concetto di malattia

Con la parola ematoma, i medici indicano un sito nel corpo umano con sangue coagulato. L'ematoma retrochorale (RCH) è un sito con sangue coagulato nella regione del corion. Tale formazione si verifica, di regola, nel primo trimestre, prima che il corion venga convertito in placenta. La patologia indica che c'è una rottura dei capillari che collegano il corion e il muro dell'utero. Allo stesso tempo, inizia il suo rifiuto.

L'ematoma retrochoriale durante la gravidanza nel primo trimestre indica l'inizio del rigetto corionico, nonché la comparsa di un vuoto tra l'uovo amniotico e la parete dell'organo genitale. Se si forma un ematoma nel secondo o terzo trimestre, cioè durante il periodo in cui la placenta si è già completamente formata, si verifica una condizione pericolosa come il suo distacco. Codice ICD-10 - T81.0.

Sintomi di patologia

Molto spesso, la malattia nelle prime fasi del parto si manifesta sotto forma di dolore nella parte inferiore dell'addome. In questo caso, il dolore sta attirando la natura. Molte ragazze lamentano anche disagio nella parte bassa della schiena, ma questo è solo un segno immaginario. In realtà, il dolore dà solo nella parte posteriore. Un altro sintomo comune di un ematoma è la comparsa di macchie di sangue..

In base alla quantità e alla natura di questo segreto, uno specialista può valutare le dimensioni e il pericolo dell'educazione. Con la comparsa di scarlatto scarlatto in qualsiasi settimana, il medico può sospettare che la cavità formata stia crescendo rapidamente e abbia raggiunto dimensioni che minacciano la vita del feto. Oltre alla scarica rosso vivo, le donne in gravidanza spesso avvertono anche dolori taglienti, un forte calo della pressione sanguigna. In tali casi, la futura mamma ha bisogno di cure mediche urgenti e di ricovero in ospedale.

Il fatto che l'ematoma retrochoriale nell'utero sia riassorbito è indicato dallo scarico di una tonalità bordeaux scura. Di solito non sono abbondanti. Se prima questo il paziente aveva un segreto scarlatto e abbondante, ma era sostituito da secrezioni macchiate di oscurità, ciò suggerisce che la formazione non aumenta di dimensioni, ma si risolve. Ciò indica un rischio ridotto di perdere un bambino..

Molte madri con lo sviluppo di un problema nella fase organizzativa potrebbero non osservare alcun discarico. La comparsa di un ematoma nella faringe interna o in altre parti dell'utero può essere indicata solo tirando dolori, simili in natura ai dolori mestruali. Se avverti questo sintomo, dovresti informarne immediatamente il medico. La diagnosi precoce del problema aumenta le possibilità di un risultato favorevole per mamma e bambino.

Spesso, nelle donne in gravidanza si verifica ematoma retrocoriale senza sintomi visibili. La mamma può conoscere lo sviluppo di questa pericolosa patologia in una fase iniziale solo durante un'ecografia programmata.

Cosa indica la presenza o l'assenza di secrezioni

Sulla base di un segno come la presenza o l'assenza di un segreto sulla biancheria intima, un ginecologo può giudicare alcune delle caratteristiche della patologia. Ad esempio, se non c'è scarico, possiamo dire che la formazione si è formata nella parte superiore dell'organo genitale e può essere rilevata solo mediante ultrasuoni.

Anche una leggera scarica sanguinolenta o marrone indica una fase iniziale della malattia. Se allo stesso tempo il sangue continua ad accumularsi, nel tempo, lo scarico sarà più abbondante. Avendo trovato anche lievi macchie rosse sul lino, una donna dovrebbe immediatamente cercare un aiuto medico.

Le ragioni principali per lo sviluppo

Secondo le statistiche mediche, circa il 70% delle donne affronta il problema in un modo o nell'altro mentre trasporta un bambino. Ad oggi, gli scienziati non sono riusciti a identificare le cause esatte di questa patologia. Presumibilmente, le seguenti condizioni dovrebbero essere attribuite ai fattori provocatori di questo problema:

  • Intensa attività fisica durante la gravidanza e sovraccarico dei muscoli addominali. Durante il portamento del bambino, la futura madre deve rifiutare di sollevare pesi e sport che comportano uno stress intenso. Se lo desideri, puoi praticare yoga, nuotare o semplicemente camminare più spesso all'aria aperta.
  • Un'altra causa molto comune di formazione di ematomi è lo sconvolgimento emotivo e lo stress. In connessione con i cambiamenti ormonali, durante questo periodo, la futura mamma diventa spesso irritabile, percepisce acutamente anche situazioni insignificanti. Per prevenire lo sviluppo dell'ematoma retrocoriale, devi cercare di essere meno nervoso. Ciò contribuirà a prevenire molte complicazioni indesiderate..
  • Varie lesioni addominali possono provocare una condizione patologica. Ciò può accadere in luoghi pubblici, ad esempio in un tram o in treno, quando qualcuno spinge accidentalmente una donna. In questo caso, lo spotting potrebbe apparire in pochi giorni.
  • Anomalie nello sviluppo degli organi riproduttivi nella mamma, nonché varie infezioni del sistema riproduttivo.
  • Cattive abitudini: alcol, fumo attivo o passivo.
  • Una grave tossicosi può portare alla formazione di ematoma..
  • Processi infiammatori infettivi e non infettivi nel corpo di una donna incinta.

Le cause della patologia includono anche alcune malattie endocrine. Questo include diabete mellito, malattia della tiroide. Se la futura madre è malata di diabete, deve monitorare attentamente la sua dieta, il suo stile di vita e visitare tempestivamente uno specialista.

Anche le condizioni ambientali avverse possono provocare la malattia. Secondo le statistiche mediche, le donne che vivono in aree rurali o in piccole città non industriali hanno meno probabilità di sperimentare patologie.

Trattamento patologico

Avendo sentito dal medico una diagnosi come l'ematoma retrocoriale, la futura mamma non dovrebbe farsi prendere dal panico. Esperienze superflue ora a tutto. La prima cosa che deve essere fornita a una donna durante questo periodo è la completa pace emotiva e fisica. Per questo, una donna incinta viene mostrata in ospedale. Questo aiuta ad eliminare l'attività fisica e il disagio psicologico..

Se il trattamento si svolge a casa, il paziente ha bisogno di riposo a letto. La maggior parte delle volte, la futura madre dovrebbe mentire. In questo caso, è desiderabile che le gambe siano leggermente sollevate. Grazie a questa situazione, è possibile ottenere rapidamente la normalizzazione della circolazione sanguigna nell'utero. L'intimità è vietata. Il fatto è che con una riduzione dell'utero aumenta notevolmente il rischio di distacco dell'ovulo.

Inoltre, è vietata qualsiasi attività fisica che possa provocare la contrazione dei muscoli addominali. In nessun caso devi sollevare pesi, correre, saltare, piegarti, rimanere in piedi o seduto per molto tempo. Il paziente deve mentire molto, mangiare bene, respirare aria fresca ogni volta che è possibile.

Se l'educazione è stata scoperta, ma la minaccia è stata fermata, la donna dovrebbe prestare particolare attenzione al suo corpo e prendere tutte le misure per prevenire un caso ripetuto di patologia.

Gravidanza critica

Durante la gravidanza, ci sono diversi periodi critici durante i quali la futura mamma dovrebbe prestare particolare attenzione al suo corpo. Consideriamoli nella tabella..

PeriodoUna settimana
Il primo12 a 14
Secondo20 a 24
Terzo28 a 32
Il quarto36 a 39

Ciò non significa che, ad esempio, dalle 9 alle 12 settimane una donna non dovrebbe prendersi cura della propria salute. Dovresti stare attento al tuo corpo in tutte le fasi della gravidanza. In questo caso, è molto importante mangiare bene, sbarazzarsi di cattive abitudini, non sollevare pesi, rilassarsi di più, cercare di eliminare lo stress. Ciò contribuirà a ridurre al minimo il rischio di ematoma retrocoriale..

Trattamento farmacologico

Spesso, è necessario trattare la condizione patologica considerata con l'aiuto di farmaci. Recensioni di medici indicano che è impossibile far fronte alla deviazione senza l'uso di droghe. In questo caso, il tipo di farmaco, il suo dosaggio, il metodo di somministrazione e la durata del corso del trattamento sono determinati individualmente per ciascun paziente.

La terapia viene eseguita tenendo conto dei test e dei sintomi che accompagnano il processo patologico. In questo caso, vengono utilizzati i seguenti strumenti:

  • Antispasmodici per far fronte a sensazioni dolorose (No-Shpa, Magne B6, Papaverine Candles).
  • Con lo sviluppo dell'ematoma nelle fasi iniziali, potrebbero essere necessari farmaci ormonali. Aiutano a fermare la crescita dell'istruzione e riducono il rischio di conseguenze negative..
  • Per ripristinare l'equilibrio dei nutrienti nel corpo, vengono utilizzati vari complessi vitaminici. Compreso acido folico.
  • Gli agenti emostatici sono prescritti per prevenire la crescita dell'istruzione. I farmaci vengono selezionati dal medico in un dosaggio specifico a seconda dell'intensità del sanguinamento.
  • Normalizza lo stato psicologico di una donna incinta con sedativi. Mentre trasporta il bambino, una donna può bere preparazioni a base di erbe rilassanti (motherwort, menta, valeriana).

È importante considerare che il funzionamento dell'apparato digerente, in particolare l'intestino, influenza direttamente il tono uterino. È questo organo che si trova vicino all'utero. Se si osservano processi come costipazione, eccessiva formazione di gas, diarrea nell'intestino, ciò influisce negativamente sull'organo genitale stesso. Spesso tali violazioni portano persino ad un aborto spontaneo.

Effetti pericolosi dell'ematoma retrocoriale

La conseguenza più pericolosa e grave della patologia è un aborto spontaneo o una nascita prematura. Questa condizione può essere prevenuta solo con il rilevamento tempestivo del problema e il suo trattamento competente. Meno comune è lo sbiadimento della gravidanza, cioè il feto smette di svilupparsi. Le statistiche mostrano che una tale complicazione è estremamente rara, tuttavia, non può essere completamente esclusa. Per quanto riguarda la prognosi per il paziente, nella maggior parte dei casi è positivo. Con un trattamento adeguato, la mamma può far fronte al problema e sopportare un bambino sano.

Se la formazione è comparsa nelle ultime fasi della gravidanza e si è verificato un distacco della placenta, alla donna incinta viene mostrato un parto urgente sotto forma di taglio cesareo.

Come esce l'ematoma retrocoriale?

L'educazione può dissolversi da sola ed uscire dall'utero? Con un trattamento adeguato e il rispetto di tutte le prescrizioni del medico, la crescita dell'ematoma si interrompe e il sangue esce sotto forma di secrezioni. Recensioni di mummie indicano che hanno un ematoma con un coagulo o uno scarico macchiato. Se si fermano, il risultato per la donna sarà positivo. Ciononostante, se sulla biancheria intima appare anche un leggero segreto sanguinante o marrone, la mamma dovrebbe consultare immediatamente un medico.

video

In questo video troverai maggiori informazioni sull'argomento che ti interessa. Assicurati di guardare il video fino alla fine.

Ematoma durante la gravidanza

Tutto il contenuto di iLive è controllato da esperti medici per garantire la migliore accuratezza e coerenza possibile con i fatti..

Abbiamo regole rigorose per la scelta delle fonti di informazione e ci riferiamo solo a siti affidabili, istituti di ricerca accademica e, se possibile, comprovata ricerca medica. Si noti che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono collegamenti interattivi a tali studi..

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri materiali sia impreciso, obsoleto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Può succedere che la futura mamma si senta bene, non dia fastidio, ma quando arriva all'ecografia scopre che le è stato diagnosticato un ematoma durante la gravidanza. Una persona normale comprende che un ematoma è un'emorragia nello strato di tessuto che si verifica a seguito di una lesione.

Oggi i medici chiamano altre cause di questa patologia..

Codice ICD-10

Cause dell'ematoma durante la gravidanza

I moderni ostetrici-ginecologi si trovano sempre più di fronte al problema di sopportare il feto da una donna a cui è stata diagnosticata l'emorragia intrauterina. Abbastanza spesso, si sviluppa sullo sfondo di fragili vasi sanguigni che forniscono nutrimento all'utero e alla placenta.

Queste sono le principali cause di ematoma durante la gravidanza:

  • Fallimento nei processi metabolici di una donna.
  • Malattie infiammatorie e infettive che colpiscono il sistema urogenitale della donna incinta.
  • Grave tossicosi, che è particolarmente pericolosa nella tarda gravidanza.
  • Salti improvvisi della pressione sanguigna. I numeri alti sono particolarmente pericolosi.
  • Grave stress.
  • La causa dell'ematoma durante la gravidanza può anche essere la patologia dello sviluppo dell'uovo fetale.
  • Insufficienza ormonale.
  • Problemi osservati durante la coagulazione del sangue, cambiamenti patologici nelle pareti dei vasi della placenta e in tutto il corpo di una donna.
  • L'abuso di alcol e fumo durante il periodo in cui una donna porta un bambino.
  • Patologia congenita o acquisita dello sviluppo dell'utero.

Sintomi di un ematoma durante la gravidanza

Aspettare la nascita di un bambino è uno stato di completa felicità, un tempo di speranza e uno dei momenti affascinanti del destino di ogni donna. Ma allo stesso tempo, è l'ansia e la preoccupazione per la salute di un bambino non ancora nato. L'ematoma nell'utero durante la gravidanza è un test difficile per una donna che aspetta un bambino. Dopotutto, se è presente, l'ovulo inizia a esfoliare dalla superficie dell'endometrio uterino, il sangue si accumula gradualmente in questo posto, formando un livido.

Un ematoma nell'utero durante la gravidanza è un grave pericolo per il parto di un bambino, in quanto può provocare un aborto spontaneo, specialmente con una grave forma di patologia. Con una severa severità, una donna potrebbe anche non notare e conoscere la sua esistenza dopo una risoluzione riuscita del parto.

Il grave grado di sviluppo dell'ematoma durante la gravidanza è pericoloso non solo per il bambino, ma anche per sua madre. Il sanguinamento nella madre provoca un deterioramento della salute generale, si sviluppa l'anemia postemorragica. A causa di un malfunzionamento della circolazione sanguigna, il feto riceve meno ossigeno, il che porta alla "carenza di ossigeno" e questo, a sua volta, porta all'inibizione nello sviluppo del bambino, sia fisicamente che psicologicamente.

Ematoma all'inizio della gravidanza

Per molti, la parola "ematoma" è direttamente associata a gravi lesioni. Pertanto, dopo aver sentito una tale diagnosi e non averne pienamente compreso l'essenza, una donna incinta inizia a innervosirsi. E può essere capito. Dopotutto, un ematoma all'inizio della gravidanza può indicare l'inizio del rigetto dell'uovo fetale, che porta ad aborto spontaneo (interruzione della gravidanza). A proposito, questa patologia non è molto rara e una maggiore percentuale della sua manifestazione si verifica nella quinta o ottava settimana di gravidanza.

Le ragioni di questa patologia sono molte: questo è un fallimento ormonale e una storia ereditaria gravata, un rapporto sessuale, un grande stress nervoso o fisico.

Ma la diagnosi di ematoma all'inizio della gravidanza consente, se possibile, di sottoporsi a un trattamento, che garantirà il normale sviluppo del feto e una nascita favorevole.

Abbastanza spesso, la futura mamma non sospetta nemmeno l'esistenza di un ematoma interno e per lei la sorpresa più completa è la sua presenza, che è stata scoperta durante un esame ecografico di routine. I sintomi dell'ematoma durante la gravidanza dipendono principalmente dalla gravità e dalla posizione della patologia.

  • Lieve gravità. In questo caso, la donna incinta si sente normale, non vengono determinate manifestazioni fisiche di emorragia interna. L'ematoma durante la gravidanza viene diagnosticato solo mediante ultrasuoni o dopo che la nascita è terminata con successo in modo naturale, poiché lascia il segno sulla placenta.
  • Gravità moderata In questo caso, la donna avverte un dolore lancinante e doloroso nell'addome inferiore. Possono apparire dal tratto genitale evidenziando una tinta rossa o brunastra. In presenza di tali sintomi, dovresti immediatamente cercare l'aiuto di un ostetrico-ginecologo che è incinta. Se c'è o no una scarica, determina in gran parte quale sia il volume dell'ematoma e la sua posizione. Con una patologia moderata, si sente un disturbo nel battito cardiaco del nascituro.
  • Ematoma durante la gravidanza di grave gravità. L'intensità delle perdite di sangue aumenta e aumenta il dolore nell'addome inferiore. Lei diventa angusta. Sullo sfondo di sanguinamento, la futura mamma abbassa la pressione sanguigna. Una donna può persino perdere conoscenza.

Qualsiasi praticante sa che se viene diagnosticato un ematoma retrocoriale, significa che esiste una minaccia diretta di aborto.

Ematoma durante la gravidanza

Se durante il primo trimestre di gravidanza, una donna osserva una scarica vaginale marrone chiaro, ma sullo sfondo di questo non si sente alcun disagio o deterioramento delle sue condizioni di salute, non vale la pena preoccuparsi particolarmente, anche se un'ecografia (che ogni donna incinta subisce una routine) ha rivelato un ematoma con gravidanza.

Un'altra domanda è se il colore dello scarico è rosso vivo. Questo indica già che l'emorragia non si ferma. In questa situazione, devono essere prese urgentemente misure urgenti, altrimenti potrebbe verificarsi un rigetto prematuro del feto e la donna perderà il suo bambino.

Le forme

Siamo abituati a vedere vari tipi di emorragie sulla superficie della pelle, ma molti non si sono nemmeno resi conto che ci sono ematomi uterini che si verificano sull'utero durante il periodo in cui una donna porta il suo bambino. C'è una classificazione di questa patologia. Questi tipi di ematomi durante la gravidanza sono differenziati:

  • Clinica e periodo della malattia:
    • Retrochorial. Questo tipo di sfogo viene diagnosticato all'inizio della gravidanza (fino a 16 settimane) ed è un distacco dell'uovo fetale dal corion (membrana germinale esterna).
    • Retroplacentare. Entro la sedicesima settimana di gravidanza, con il normale sviluppo fetale, la placenta è già finalmente formata. Se un ematoma si sviluppa in futuro, prima della data di scadenza provoca un distacco della placenta, che è irto di aborto spontaneo, cioè una donna perde un bambino non ancora nato.
  • Secondo la gravità della patologia:
    • Patologia di lieve gravità.
    • Il grado medio di manifestazione della malattia.
    • Ematoma in gravidanza acuta e grave.

Un ematoma durante la gravidanza di gravità lieve o moderata è un'indicazione per il taglio cesareo e l'operazione è programmata per un periodo precedente rispetto al termine della nascita naturale.

Ematoma retrochoriale durante la gravidanza

Il corion è la membrana germinale esterna che circonda l'embrione e si forma nelle fasi iniziali del periodo gestazionale, essendo il precursore della placenta. Da qui l'ematoma retrocoriale durante la gravidanza prende il nome, che è dovuto alla sua tempistica di origine e posizione. Questa patologia si sviluppa a seguito del distacco dell'ovulo dal corion. Viene osservata nel primo trimestre di gravidanza, prima di passare al secondo. Nel sito del rigetto, il sangue inizia a raccogliere gradualmente: si forma un ematoma, un chiaro segno della minaccia di aborto spontaneo.

Questa patologia è accompagnata da perdite vaginali di una tinta leggermente brunastra. In questo caso, la donna avverte un dolore lancinante nell'addome inferiore. Se la localizzazione dell'ematoma cade sul fondo dell'utero, potrebbero non esserci evidenti sintomi di patologia. Quindi puoi rilevare l'emorragia solo con l'aiuto degli ultrasuoni.

Quando appare una scarica marrone, una donna inizia a preoccuparsi del destino della sua gravidanza, ostetrici e ginecologi non considerano questo un brutto sintomo. Poiché il sangue si accumula nella cavità tra le membrane del corion e del feto, si coagula lì, assumendo una tinta brunastra, lo scarico di questo colore, al contrario, può indicare che i coaguli di sangue iniziano gradualmente a fuoriuscire, "dissolvendo" l'ematoma.

Quando è davvero necessario suonare l'allarme, allora è quando la scarica è scarlatta. Questo è un chiaro segno che l'emorragia non si è fermata, l'ematoma continua a crescere, l'ovulo fetale continua ad esfoliare e se non vengono prese misure di emergenza, una donna in travaglio può perdere il suo bambino, perché in tale situazione si verifica una interruzione prematura della gravidanza. In questo caso, per valutare la crescita dell'ematoma durante la gravidanza, il medico prescrive non solo un'ecografia, ma è anche necessario per controllare il livello di fibrinogeno nel plasma sanguigno.

Ematoma retro-placentare durante la gravidanza

Nel caso in cui il rigetto dell'uovo fetale provenga dal corion, di norma, ciò si verifica nel primo trimestre, si sviluppa ematoma retrocoriale. Se questo processo inizia più tardi (dopo 22 settimane di gravidanza), quando il corion rinasce nella placenta, lo stesso processo di rigetto dell'embrione viene chiamato ematoma retroplacentare. Procede secondo lo stesso scenario del primo caso, quando l'apparenza di sanguinamento è una vera minaccia di aborto.

Allo stesso modo, un ematoma retro-placentare durante la gravidanza è il sintomo principale che parla della minaccia di sviluppare un aborto spontaneo. Clinica di questa patologia: è apparso tirando dolore nell'addome inferiore, individuando, aumentato tono uterino... Anche il comportamento del feto cambia: la sua attività motoria si intensifica, si verificano cambiamenti negativi nel ritmo cardiaco (si sente prima la tachicardia e poi la bradicardia), che suggerisce violazione del suo normale sviluppo. L'ostetrico-ginecologo interpreta questi segni come rifiuto prematuro del tessuto placentare, che può portare a un aborto spontaneo.

In questo caso, nella diagnosi precoce, un ematoma retro-placentare durante la gravidanza aiuta con un'ecografia, che consente misure adeguate tempestive per salvare il feto e la donna in travaglio.

Ematoma subchorial durante la gravidanza

L'ematoma subchorial più comune durante la gravidanza. Questo è un tipo piuttosto pericoloso di emorragia. Richiede cure mediche immediate. In caso di differenziazione di questa patologia, la dimensione dell'ematoma deve essere osservata in dinamica.

Ematoma retroamniotico durante la gravidanza

Un ematoma retroamniotico viene diagnosticato durante la gravidanza durante il primo esame ecografico (circa 12 settimane di gravidanza), spesso non differisce in nessuna secrezione di sangue, ma tuttavia per la riassicurazione, l'ostetrico-ginecologo che osserva la gravidanza può mettere la futura mamma nel reparto ostetrico e ginecologico per osservare la crescita ematomi.

Ematoma sottomamotico durante la gravidanza

Non è un pericolo per il normale sviluppo del nascituro. In futuro, un ematoma, specialmente se la faringe uterina è la sua localizzazione, può dissolversi da solo o andare fuori sotto forma di coaguli.

Ematoma intrauterino durante la gravidanza

Questa è una patologia piuttosto grave. Cause esterne o interne portano al distacco dell'uovo fetale, che provoca sanguinamento, quindi si forma nel sito di rigetto dell'ematoma. Se l'area dell'emorragia non aumenta e la donna incinta si sente bene, l'embrione si sviluppa normalmente - quindi non ci dovrebbero essere motivi di preoccupazione. Se l'ostetrico-ginecologo vede la progressione della patologia, la domanda riguarda l'ospedalizzazione della donna durante il travaglio e il suo trattamento.

Complicanze e conseguenze

La nascita di una nuova persona è il più grande mistero che la natura ha dato all'uomo. Ma quanto una futura mamma deve diventare nervosa fino al momento in cui nasce il suo bambino. Emorragie di varia localizzazione. Quanto sono pericolosi? Quali sono gli effetti dell'ematoma durante la gravidanza? Naturalmente, possono manifestarsi complicazioni o forse tutto va bene. Molto in questo problema dipende dai parametri dell'ematoma. Il più pericoloso è un ematoma, che occupa almeno il 40% dell'area totale della membrana dell'embrione e il cui volume supera i 20 ml. Tale ematoma può inibire la crescita e il pieno sviluppo del feto e causare un aborto spontaneo. L'inibizione della crescita di CTE (dimensioni coccigeo-parietali) di oltre dieci giorni indica un aumentato rischio di esito sfavorevole nel portare un bambino.

La conseguenza più pericolosa di un simile corso di eventi potrebbe essere l '"utero del Kuveler". Il distacco prematuro della placenta porta al fatto che l'endometrio è digitato nel sangue, in esso compaiono focolai di necrosi, che è già un'indicazione per una resezione completa dell'utero. E questo è un verdetto: una donna non può mai diventare madre.

Inoltre, con un ematoma durante la gravidanza, c'è un'alta probabilità di sanguinamento pesante, le cui conseguenze sono difficili da prevedere, poiché può persino portare alla morte, sia per il bambino che per la donna in travaglio.

Ma se una donna incinta subisce un trattamento efficace in modo tempestivo, le possibilità di partorire da sole e in tempo per un bambino normalmente sviluppato aumentano notevolmente.

Qual è l'ematoma pericoloso durante la gravidanza?

La prima domanda che una donna fa dopo (attraverso un'ecografia) ha sentito questa diagnosi: "Qual è il pericolo di un ematoma durante la gravidanza?" Per molti aspetti, la risposta a questa domanda dipende dalle dimensioni dell'ematoma, dai tempi di manifestazione e dalla sua localizzazione. Quando si diagnostica un ematoma nel primo trimestre di gravidanza, questo è irto di aborto spontaneo. Se la patologia si verifica in un secondo momento - le conseguenze del suo aspetto possono influenzare lo sviluppo del feto (ritardo nello sviluppo fisico, ipossia (quantità insufficiente di ossigeno per il pieno sviluppo del bambino)).

I più pericolosi in questa categoria sono versamenti di 20 ml o più, che rappresentano circa il 40% del volume dell'ovulo. Oltre all'inibizione nello sviluppo del feto stesso, aumenta il rischio di ulteriore distacco della placenta. Se il KTR (dimensione parietale del coccige) dell'embrione è bloccato da più di dieci giorni, questo è un brutto segno che indica una maggiore probabilità di una sfavorevole risoluzione della gravidanza. Sebbene con una terapia adeguata, il feto continua a svilupparsi normalmente, ma in questo caso è indicato un taglio cesareo.

Diagnosi di ematoma durante la gravidanza

È consigliabile diagnosticare qualsiasi patologia nelle prime fasi della sua manifestazione, quando non ci sono ancora stati cambiamenti cardinali negativi, che non sono più possibili da correggere. Pertanto, affinché la gravidanza termini con la nascita normale, viene effettuata una diagnosi di ematoma durante la gravidanza.

La principale fonte di informazioni durante questo periodo è l'ecografia (ultrasuono): si tratta di un metodo di ricerca moderno, abbastanza informativo. Inoltre, l'ostetrico-ginecologo prescrive un altro esame..

  • Emocromo clinico dettagliato
  • Analisi generale delle urine.
  • Esame del sangue per RW e HIV.
  • Coagulogram. Determinazione dell'indice di protrombina (PTI), che mostra quanto bene coagula il sangue, nonché il tempo di tromboplastina parziale attivato (APTT).
  • Una macchia sulla microflora che viene prelevata dalla vagina.
  • Chimica del sangue.
  • Screening per varie infezioni a trasmissione sessuale (IST).
  • Dopplerometria (uno dei tipi di ultrasuoni, viene utilizzato per valutare la natura e la velocità del flusso sanguigno nei vasi, in questo caso nel bambino e nella placenta).
  • Se necessario, viene prescritto un esame del sangue per gli ormoni.

Ematoma durante la gravidanza mediante ultrasuoni

L'emorragia durante il periodo di gestazione del bambino appare quando, per coincidenza, l'uovo fetale inizia a essere strappato dal luogo attaccato. Ciò porta allo sviluppo di sanguinamento. Questa patologia in questo periodo viene osservata abbastanza spesso e, in base alla gravità, può causare un aborto spontaneo. L'ematoma durante la gravidanza mediante ultrasuoni è facilmente riconoscibile: questo è uno dei metodi più accurati e informativi per la sua determinazione. La presenza di emorragia nell'utero è indicata da:

  • L'aumento dello spessore di una delle pareti.
  • Modifica dei parametri dell'ovulo.
  • La presenza nello spazio del corion - utero di un coagulo di sangue.
  • Deformazione del contorno uterino.

Chi contattare?

Trattamento dell'ematoma in gravidanza

Durante la diagnosi dell'emorragia uterina, alla donna incinta viene mostrato riposo a letto (riposo fisico ed emotivo). Allo stesso tempo, il trattamento dell'ematoma durante la gravidanza include non solo il complesso farmacologico, ma anche l'adeguamento della nutrizione della donna incinta. Sono esclusi dalla dieta alimenti che stimolano una maggiore motilità intestinale.

Per interrompere o prevenire il sanguinamento, il medico curante, se necessario, può prescrivere farmaci come vikasol, dicinone, vitamina C.

Vikasol. Questo farmaco viene iniettato nel muscolo per 3-4 giorni con una pausa di quattro giorni. Il dosaggio giornaliero è di 1-1,5 mg, suddiviso in due o tre iniezioni. La dose massima giornaliera è di 30 mg, una singola dose è di 15 mg. Se necessario, dopo una pausa, ripetere il trattamento.

Ha questo farmaco ed effetti collaterali: comparsa di spasmi nei bronchi, tromboembolia (blocco acuto di un vaso sanguigno da parte di un trombo), eruzione cutanea e prurito della pelle, anemia emolitica (aumento della distruzione dei globuli rossi), orticaria, nonché eritema (arrossamento della pelle).

Il farmaco in esame è strettamente controindicato con un alto livello di coagulabilità del sangue, intolleranza individuale ai componenti del farmaco.

Dicinon. Per prevenire il sanguinamento, il medico di solito attribuisce una o due fiale del farmaco, che vengono iniettate nel muscolo o nella vena, quindi dopo 4-6 ore a una donna viene somministrata una fiala o due compresse del farmaco.

Causa Dicinon ed effetti collaterali, tra cui: mal di testa, pesantezza allo stomaco, bruciore di stomaco, diminuzione della pressione sanguigna, parestesia degli arti inferiori, iperemia del viso.

  • Tromboembolia vascolare.
  • Trombosi venosa.
  • Emorragia.
  • Intolleranza individuale ai componenti del farmaco.

Vitamina C. Una compressa vitaminica viene assunta per via orale masticando con una piccola quantità di acqua immediatamente dopo un pasto. Il dosaggio giornaliero è di 250 mg. La durata del corso è da 10 a 15 giorni. Se necessario, il dosaggio può essere raddoppiato.

Di solito, l'acido ascorbico è abbastanza ben tollerato, ma ci sono eccezioni quando iniziano a manifestarsi effetti collaterali: diarrea, diarrea, nausea e vomito, agitazione del sistema nervoso centrale, formazione di calcoli renali, una reazione allergica al farmaco.

Ci sono controindicazioni: tromboflebite, predisposizione alla trombosi, ipersensibilità all'acido ascorbico.

Trattamento dell'ematoma uterino durante la gravidanza

In caso di diagnosi precoce di emorragia, il trattamento dell'ematoma uterino durante la gravidanza viene effettuato utilizzando i farmaci più popolari come papaverina e no-spa.

Ma se l'ematoma occupa una piccola area, quindi il trattamento potrebbe non essere somministrato, il medico curante monitorerà attentamente i suoi parametri e in caso di crescita inizierà il trattamento.

Papaverine. Questo farmaco viene somministrato sia per via intramuscolare che endovenosa a 40-60 mg da tre a cinque dosi al giorno.

Abbastanza attentamente, è necessario assumere questo farmaco per le donne inclini alla costipazione, che hanno una storia di intolleranza individuale ai componenti del farmaco, insufficienza epatica, glaucoma e altre patologie.

Ci sono anche disturbi collaterali: sonnolenza, ipotensione arteriosa, extrasistole ventricolare e alcune altre manifestazioni.

No-shpa. Il dosaggio di questo farmaco è di 40-80 mg una volta. Ricezione: tre volte al giorno.

Questo farmaco è controindicato per quei pazienti che soffrono di ipersensibilità ai componenti del farmaco, così come alterato normale funzionamento dei reni e del fegato, ipotensione arteriosa, aterosclerosi delle arterie coronarie e così via..

Ci sono effetti collaterali:

  • Palpitazioni.
  • Ghiandole sudoripare aumentate.
  • Vertigini.
  • Calo della pressione sanguigna.
  • Eruzioni cutanee allergiche.
  • Altro.

Per interrompere l'emorragia, il medico attribuisce farmaci emostatici (vikasol, ascorutina, dicinone), non consentiranno all'ematoma di progredire durante la gravidanza.

Ascorutin. Questo farmaco viene assunto una compressa tre volte al giorno. Il corso del trattamento è necessario, ma circa 3-4 settimane. Questo farmaco è controindicato per l'uso da parte di pazienti con ipersensibilità ai componenti del farmaco, nonché con gotta, diabete, tromboflebite e alcune altre patologie.

È buono da bere per alleviare lo stress. compresse o gocce di valeriana, e tè con foglie di melissa.

Non è male assumere vitamine del gruppo B in questa situazione:

  • Vitamina B1 o Tiamina. Contribuisce al processo di formazione di energia da grassi, proteine, carboidrati. La sua carenza può essere riempita con prodotti come fegato, maiale e manzo, spinaci, lievito, cereali, noci.
  • Vitamina B2 o riboflavina. È estremamente importante per il mantenimento della vista, del normale funzionamento della pelle e delle mucose di una persona, nonché per la sintesi dell'emoglobina. Sono molto ricchi di asparagi, latticini, uova, carne, pesce.
  • Vitamina B3 o acido nicotinico (niacina). Promuove la disintossicazione. Contenuto in prodotti come: fegato, carne di vitello e pollo, reni, cuore, latte e altri.
  • Vitamina B6 o Piridossina. Questa vitamina è coinvolta nel metabolismo dei carboidrati, nella sintesi dell'emoglobina e così via. Si trova in grandi quantità in fagioli, crusca di riso, lievito, germe di grano.
  • Vitamina B12 o cianocobalamina. Partecipa alla formazione dei globuli rossi, influisce positivamente sul sistema nervoso. Contenuto in frutti di mare, fegato, latticini.

Una donna con ematoma durante la gravidanza non dovrebbe introdurre nella sua dieta prodotti con evidenti proprietà di fissaggio e indebolimento. Durante questo periodo, non dovresti abusare di bevande gassate, bere caffè e tè molto forte, nonché integratori alimentari.

Le donne incinte sono prescritte per sostenere il sistema immunitario. gestageni.

Dufaston. In caso di minaccia di interruzione della gravidanza, il farmaco viene somministrato per via orale una volta alla dose di 40 mg. In futuro, ogni otto ore il paziente riceve 10 mg di farmaco fino a quando i sintomi scompaiono completamente. Ad oggi, non ci sono dati sulle controindicazioni del farmaco in questione, ad eccezione dell'intolleranza individuale ai suoi componenti.

Utrozhestan. La capsula di questo farmaco viene iniettata nella vagina quando esiste una minaccia di aborto. La dose giornaliera è di 200-400 mg, assunta al mattino e alla sera (I e II trimestre di gravidanza).

Questo medicinale è controindicato per le persone con ipersensibilità ai suoi componenti, con tromboflebite, tromboembolia, sanguinamento di eziologia sconosciuta e così via..

Attribuito allo stesso modo droghe tocolitiche, crampi uterini.

Solfato di magnesio. Il farmaco viene somministrato per via intramuscolare con soluzioni al 20% o al 25%. La concentrazione e il dosaggio del ginecologo presente nomina individualmente. Il dosaggio assegnato varia al livello di 5-20 ml.

Trattamento dell'ematoma retrocoriale durante la gravidanza

L'ematoma retrochoriale si forma quando l'uovo fetale viene respinto dal corion, il precursore della placenta. Questa patologia viene diagnosticata abbastanza spesso e con un approccio adeguato e una terapia tempestiva non porta a conseguenze irreversibili. Il trattamento dell'ematoma retrocoriale durante la gravidanza viene effettuato solo in un ospedale sotto la costante supervisione di un ostetrico-ginecologo.

Durante questo periodo, la futura mamma deve ridurre l'attività fisica, riposare di più e anche il riposo a letto viene attribuito a indicazioni mediche. La dieta dovrebbe essere equilibrata e completa..

Il trattamento dell'ematoma retrocoriale durante la gravidanza comprende non solo l'adeguamento della nutrizione e dello stile di vita, ma anche la terapia farmacologica. Durante questo periodo, a una donna vengono prescritti farmaci emostatici (Vikasol, Dicinone, Ascorutin). Per fermare il dolore e alleviare i crampi, una donna incinta deve assumere antispasmodici (paraverina, no-shpu). Viene anche prescritto un complesso vitaminico-minerale, pronto a sostenere il corpo della futura mamma. E anche la vitamina E (tocoferolo) - un antiossidante progettato per proteggere le cellule dagli effetti della flora patogena; e acido folico - un enzima vitaminico necessario per la crescita e lo sviluppo del sistema circolatorio e immunitario.

Per un deflusso più intenso di sangue dall'area degli organi genitali femminili, una donna deve mentire in modo che il bacino sia leggermente sollevato. Questo è facile da ottenere posizionando una coperta piegata o un cuscino sotto il culo. Durante questo periodo, si raccomanda di interrompere qualsiasi rapporto sessuale..

Per alleviare i crampi uterini e rilassare i muscoli, viene prescritta una donna incinta Magne B6, che prendono due compresse due o tre volte al giorno. Il farmaco viene lavato con abbondante acqua. Le controindicazioni a questo farmaco comprendono la patologia dei reni e una maggiore sensibilità ai componenti. Sono stati inoltre identificati effetti collaterali: neuropatia periferica, diarrea, intorpidimento degli arti, dolore all'addome.

Per migliorare la qualità della nutrizione fetale, prevenire lo sviluppo di ipossia, il medico prescrive actovegin, carillon.

Actovegin. Per prevenire la normale circolazione sanguigna e i processi metabolici nel cervello di una donna in travaglio e del suo bambino, una dose iniziale del farmaco viene somministrata per via endovenosa - 10 ml al giorno per due settimane. In futuro, se esiste un'indicazione medica, questa dose viene regolata - 5 - 10 ml diverse dosi a settimana (come prescritto dal medico) per un mese. Non usare questo farmaco in caso di anuria (completa cessazione dell'urina dai reni alla vescica), edema polmonare, insufficienza cardiaca e intolleranza individuale ai componenti del farmaco.

Chimes. Il farmaco viene attribuito dal calcolo di 75 a 225 mg al giorno, diviso in tre o sei dosi. Successivamente, la dose del farmaco può essere ridotta a 25-50 mg. Solo con manifestazioni acute della patologia il dosaggio giornaliero può essere di 600 mg.

Il farmaco in questione è controindicato per le persone che soffrono di intolleranza a una delle sostanze costitutive, nonché per malattie come collasso, infarto del miocardio, sanguinamento di eziologia sconosciuta e altri.

Il consiglio alle donne a cui è stato diagnosticato un ematoma retrocoriale durante la gravidanza, non trascura le raccomandazioni del medico curante, poiché una tale patologia è una condizione piuttosto grave.

Tranexam con ematoma durante la gravidanza

Con sanguinamento o sua minaccia, abbastanza spesso ostetrico-ginecologi attribuiscono un farmaco emostatico, che è un inibitore della fibrinolisi. Ben consolidato Tranexam con ematoma durante la gravidanza. In questo caso, questo farmaco è prescritto in una dose da 250 a 500 mg tre o quattro volte al giorno. Durata del trattamento - sette giorni.

Controindicazioni all'uso di questo farmaco:

  • Intolleranza individuale alla composizione componente del farmaco.
  • Tromboflebite venosa profonda.
  • Emorragia subaracnoidea.
  • Problemi ai reni.
  • Altro.

Si osservano anche effetti collaterali:

  • Diminuzione del tono generale, sonnolenza e vertigini.
  • Bruciore di stomaco, diarrea.
  • Nausea e vomito.
  • Trombosi.
  • Tachicardia (palpitazioni).
  • Eruzioni cutanee di denti e pelle.
  • Orticaria.
  • Dolore al petto.
  • Deficit visivo.

Prevenzione

La medicina moderna, oggi, può offrire tali misure che aiutano a prevenire lo sviluppo della patologia. La prevenzione dell'ematoma durante la gravidanza consiste in:

  • Un esame completo di una donna per i fattori di rischio prima di una gravidanza pianificata o nelle sue prime settimane.
  • Identificazione di patologie ereditarie.
  • Trattamento adeguato ed efficace delle infezioni genito-urinarie.
  • Terapia o terapia di supporto per i disturbi vascolari.

previsione

La patologia diagnosticata come ematoma durante la gravidanza è un fenomeno abbastanza comune. E quanto presto viene fatta la diagnosi, qual è l'area della "lesione" e la prognosi dell'ematoma durante la gravidanza dipende.

Se la violazione viene riconosciuta precocemente e il volume dell'ematoma non supera i 20 ml e viene eseguito un trattamento adeguato e tempestivo, non vi è alcuna minaccia di interruzione della gravidanza in futuro. In rari casi, quando la patologia cattura vaste aree di rigetto ed è accompagnata da forti emorragie, si pone una vera minaccia alla vita della donna incinta. In questo caso, viene sollevata la domanda sulla conclusione di emergenza della gravidanza. Se il trattamento non è stato eseguito (ma è stato dimostrato), la prognosi di un ematoma durante la gravidanza è sfavorevole - c'è un'alta probabilità di sviluppare un aborto spontaneo, mentre un trattamento tempestivo porta alla nascita normale e alla nascita di un bambino sano.

Si può concludere che l'ematoma durante la gravidanza è una patologia frequentemente diagnosticata che si verifica in varie fasi dello sviluppo fetale. Anche i sintomi dipendono da questo. Se a una donna incinta viene diagnosticato questo, il panico non ne vale la pena, ma non dovresti trascurare il consiglio di un medico. In effetti, prendersi cura di se stessi e della propria salute aiuterà non solo a salvare la vita, ma anche a dare alla luce un bambino sano e forte.

Up