logo

L'uomo, in particolare una donna, è misurato da Dio molte difficoltà. Sia il processo di nascita che la gravidanza non fanno eccezione. Spesso ci sono situazioni che costringono il medico a far uscire il bambino dall'utero di una donna attraverso un taglio cesareo.

Una conclusione simile della gravidanza da parte di molte donne è considerata preferibile, quindi non conoscono o dimenticano le potenziali conseguenze dopo un taglio cesareo.

E, naturalmente, una donna dovrebbe ricordare quanto a lungo e duramente dovrà riprendersi dall'operazione, quanto avrà bisogno di forza, perseveranza e pazienza. Sulle conseguenze del taglio cesareo e del recupero dopo di esso - il nostro articolo.

Momenti negativi di parto addominale

Indubbiamente, un taglio cesareo non è più stato a lungo un'operazione di disperazione, quando tutte le altre possibilità sono state utilizzate per facilitare la nascita di un bambino, e quindi il rischio di complicanze durante e dopo l'operazione, così come le conseguenze, è stato significativamente ridotto.

Tuttavia, è possibile e necessario prevenire lo sviluppo di potenziali conseguenze dopo aver rimosso il bambino attraverso la gola. La percentuale di conseguenze postoperatorie è direttamente proporzionale a:

  • operazione chirurgica
  • tempo trascorso in chirurgia
  • terapia antibiotica dopo taglio cesareo
  • qualità di sutura
  • esperienza del chirurgo e molti altri fattori che influenzano l'operazione e il corso del periodo postoperatorio

Vale la pena notare che nessuno, anche un perfetto taglio cesareo, non passa senza lasciare traccia per una donna e un bambino. Solo gli indicatori quantitativi delle conseguenze variano.

Taglio cesareo - conseguenze per la madre

Sutura sulla parete addominale anteriore

Oh, quante emozioni negative portano una cicatrice così maleducata e antiestetica sulla parete addominale anteriore. Vorrei che questo momento negativo dopo l'operazione rimanesse l'unico per la donna, la cosa principale non è la bellezza fisica, ma la salute di una giovane madre e del suo bambino.

Non dovresti essere arrabbiato per l '"addome mutilato", al momento ci sono diversi metodi che consentono di suturare la pelle dell'addome con una sutura cosmetica (intradermica) o di fare un'incisione trasversale nella regione sovrapubica, che consentirà alla donna di sfoggiare un costume da bagno aperto.

La formazione di una cicatrice della pelle (invisibile o convessa, larga) dipende dalla produzione di determinati enzimi nel corpo. E, sfortunatamente, qualcuno ne produce di più e qualcuno di meno, il che porta alla formazione di una cicatrice cheloide. Ma in questo caso, non disperare, al momento ci sono molti modi per sbarazzarsi di ricordare l'operazione (ad esempio, "resurfacing" della cicatrice o del laser).

Malattia adesiva

Qualsiasi intervento chirurgico nella cavità addominale porta alla formazione di aderenze al suo interno. Il rischio di sviluppare un processo di adesione quando sangue e acqua amniotica entrano nella cavità addominale, è un'operazione piuttosto lunga e traumatica, con un periodo postoperatorio complicato (lo sviluppo di endometrite, peritonite e altre malattie settiche purulente) è particolarmente elevato..

I fili del tessuto connettivo o le aderenze trascinano l'intestino, il che viola le sue funzioni, i tubi, le ovaie e i legamenti che trattengono l'utero. Tutto ciò può causare:

  • costipazione persistente
  • blocco intestinale
  • infertilità tubarica
  • posizione impropria dell'utero (la sua inflessione o flessione posteriormente), che influenza le mestruazioni (vedi periodi dolorosi: cause).

Dopo il secondo, terzo taglio cesareo, le conseguenze sotto forma di malattia adesiva e le sue complicanze sono molto probabili.

Ernia postoperatoria

Non è esclusa la formazione di un'ernia postoperatoria nella regione della cicatrice, che è associata a un confronto insufficiente dei tessuti durante la chiusura della ferita (in particolare, l'aponeurosi) e il corso del primo periodo postoperatorio. In alcuni casi, si può osservare la diastasi (divergenza) dei muscoli del retto dell'addome, cioè il loro tono è ridotto e non possono svolgere le loro funzioni:

  • di conseguenza, il carico viene ridistribuito ad altri muscoli, che è irto di spostamento o abbassamento degli organi interni (utero e vagina),
  • la formazione di un'ernia ombelicale (l'anello ombelicale è un punto debole della parete addominale),
  • la digestione è disturbata e appare dolore alla colonna vertebrale.

Conseguenze dell'anestesia

La decisione di anestetizzare durante il taglio cesareo viene presa dall'anestesista. Può trattarsi di anestesia endovenosa con intubazione endotracheale o anestesia spinale. Dopo l'anestesia endotracheale, le donne lamentano spesso mal di gola, tosse, che è associata a microtraumi tracheali e accumulo di muco nel tratto broncopolmonare.

Inoltre, dopo essere usciti dall'anestesia generale, sono preoccupati nausea, meno spesso vomito, confusione, sonnolenza. Tutti i sintomi elencati scompaiono dopo poche ore. Dopo l'anestesia spinale, possono verificarsi mal di testa, pertanto si raccomanda al paziente di rimanere in posizione orizzontale per almeno 12 ore.

Quando si esegue l'anestesia epidurale e spinale, è possibile un danno alle radici del midollo spinale, che si manifesta con debolezza e tremore agli arti, mal di schiena.

Cicatrice dell'utero

Un intervento chirurgico al taglio cesareo posticipato lascerà per sempre un ricordo sotto forma di una cicatrice sull'utero. Il criterio principale per la cicatrice uterina è la sua vitalità, che dipende in gran parte dalla qualità dell'operazione e dal corso del periodo postoperatorio..

Una cicatrice uterina insolvente (diluita) può causare una minaccia di gravidanza e persino la rottura uterina, non solo durante la prossima nascita, ma anche durante la gravidanza. Ecco perché i medici raccomandano alle donne che stanno pianificando un secondo taglio cesareo, la sterilizzazione (legatura delle tube) e dopo la terza operazione insistono su questa procedura.

Endometriosi

L'endometriosi è caratterizzata dal fatto che le cellule, simili nella struttura all'endometrio, sono localizzate in luoghi atipici. Spesso dopo il taglio cesareo si sviluppa l'endometriosi della cicatrice sull'utero, poiché nel processo di sutura dell'incisione uterina, le cellule della sua mucosa possono entrare e, in futuro, germinare nei muscoli e negli strati sierosi, cioè si verifica l'endometriosi della cicatrice.

  • Una donna ha un dolore costante nell'addome inferiore, la cui intensità dipende dalla fase del ciclo mestruale (durante le mestruazioni, il dolore si intensifica, vedere come ridurre il dolore durante le mestruazioni).
  • L'endometriosi può causare infertilità futura.
  • Tuttavia, la malattia non si sviluppa immediatamente, ma dopo anni.
  • Sono noti casi di endometriosi della sutura cutanea..

Problemi di allattamento

Molte donne segnalano problemi con la formazione dell'allattamento dopo il parto addominale. Ciò è particolarmente vero per coloro che sono stati portati in un taglio cesareo come previsto, cioè prima dell'inizio del travaglio. La corsa al latte dopo il parto naturale e il taglio cesareo nelle donne a cui è stato "permesso" di partorire si verificano in 3-4 giorni, altrimenti il ​​latte arriva in 5-9 giorni.

Ciò è dovuto al fatto che nel processo del travaglio viene prodotta l'ossitocina, che provoca contrazioni uterine. L'ossitocina, a sua volta, stimola la sintesi della prolattina, che è responsabile della produzione e del rilascio del latte.

Diventa chiaro che la donna dopo l'operazione non è in grado di fornire al bambino latte materno nei prossimi giorni e deve essere nutrito con miscele, il che è buono. Spesso dopo il taglio cesareo, le puerperas hanno ipogalattia (insufficiente formazione di latte) e persino agalattia.

Conseguenze di un taglio cesareo per un bambino

Il taglio cesareo colpisce il neonato. Il taglio cesareo ha spesso problemi respiratori.

  • In primo luogo, se l'operazione è stata eseguita in anestesia endovenosa, alcuni dei farmaci entrano nel flusso sanguigno del bambino, il che provoca l'inibizione del centro respiratorio e può causare asfissia. Inoltre, nei primi giorni e settimane dopo la nascita, la madre nota che il bambino è pigro e passivo, prende male il seno.
  • In secondo luogo, nei polmoni dei bambini nati attraverso la chirurgia, rimangono muco e liquido, che vengono espulsi dai polmoni mentre il feto passa attraverso il canale del parto. In futuro, il liquido restante viene assorbito nel tessuto polmonare, il che porta allo sviluppo della malattia della membrana ialina. Il muco e il fluido rimanenti sono un eccellente mezzo nutritivo per i microrganismi patogeni, che successivamente portano alla polmonite e ad altri disturbi respiratori..

Durante il parto naturale, il bambino è in uno stato di ipernazione (cioè il sonno). In un sogno, i processi fisiologici procedono più lentamente, il che è necessario per proteggere il bambino da una forte caduta di pressione durante il parto.

Con un taglio cesareo, il bambino viene rimosso immediatamente dopo il taglio dell'utero, il bambino non è preparato per un brusco cambiamento di pressione, che porta alla formazione di micropiastre nel cervello (si ritiene che in un adulto una tale caduta di pressione causerebbe dolore, shock e morte).

I bambini cesarei sono molto più lunghi e si adattano peggio nell'ambiente esterno, perché non hanno sperimentato stress alla nascita mentre attraversavano il canale del parto e non producevano catecolamine - ormoni responsabili dell'adattamento a nuove condizioni di esistenza.

Le conseguenze a lungo termine includono:

  • scarso aumento di peso
  • iperattività e irritabilità dei bambini cesarei
  • frequente sviluppo di allergie alimentari

Ci sono problemi con l'allattamento al seno per il bambino. Un bambino che è stato nutrito con miscele artificiali tutto il tempo mentre la donna si ritirava dall'anestesia e subiva antibiotici non ha motivazioni per l'allattamento al seno, è riluttante a prendere il seno e non vuole usare la forza per ottenere il latte materno dal seno (è molto più facile dal capezzolo).

Si ritiene inoltre che tra la madre e il bambino dopo il taglio cesareo non vi sia alcuna connessione psicologica, che si forma durante il parto naturale e si fissa presto (immediatamente dopo la nascita e attraversando il cordone ombelicale) applicando al torace.

Recupero dopo taglio cesareo

Immediatamente dopo l'operazione, la donna viene trasferita all'unità di terapia intensiva, dove è sotto la vigile attenzione del personale medico per un giorno. In questo momento, è necessario il ghiaccio sull'addome e gli antidolorifici. Dopo il taglio cesareo, il restauro del corpo deve iniziare immediatamente:

Attività fisica

Prima una madre appena coniata inizia a muoversi dopo l'operazione, più velocemente sarà in grado di tornare al suo solito ritmo di vita.

  • Il primo giorno, soprattutto dopo l'anestesia spinale, una donna dovrebbe essere a letto, il che non esclude la possibilità di muoversi.
  • Puoi e dovresti girare da un lato all'altro nel letto, fare esercizi per le gambe:
    • dita schioccanti
    • rotazione dei piedi in diverse direzioni
    • stringere e rilassare i glutei
    • avvicina le ginocchia e rilassale
    • piegare prima una gamba nell'articolazione del ginocchio e raddrizzare, quindi l'altra

    Ogni esercizio dovrebbe essere eseguito 10 volte.

  • È anche necessario iniziare immediatamente a fare esercizi di Kegel (comprimere e rilassare periodicamente i muscoli della vagina), che rafforzano i muscoli del pavimento pelvico e prevengono i problemi con la minzione.
  • Quando posso sedermi dopo un taglio cesareo? Alzarsi dal letto è permesso dopo il primo giorno. Per fare questo, è necessario girare su un fianco e abbassare le gambe dal letto, quindi, appoggiando le mani, sollevare l'estremità superiore del corpo e sedersi.
  • Dopo un po ', dovresti alzarti in piedi (puoi aggrapparti alla parte posteriore del letto), alzarti un po' e poi fare qualche passo, cercando di mantenere la schiena dritta.
  • Alzarsi dal letto dovrebbe essere sotto il controllo di una sorella. L'attività motoria precoce stimola la motilità intestinale e previene la formazione di aderenze.

Le suture cutanee vengono quotidianamente trattate con soluzioni antisettiche (alcool al 70%, verde brillante, permanganato di potassio) e la medicazione cambia. Le suture vengono rimosse il 7-10 ° giorno dopo l'operazione (l'eccezione è la sutura intradermica, che si risolve dopo 2-2,5 mesi da sola).

Per un migliore riassorbimento della cicatrice della pelle e prevenire la formazione di cheloidi, si consiglia di lubrificare le articolazioni con gel (Curiosin, Kontraktubeks). Puoi fare una doccia dopo aver guarito la cicatrice della pelle e aver rimosso le suture, cioè circa 7-8 giorni (evitare di strofinare con la salvietta della cucitura), e fare il bagno e visitare il bagno viene posticipato di 2 mesi (fino a quando la cicatrice sull'utero guarisce e le ventose si fermano).

Minzione, gas intestinale

Il passaggio di gas intestinali è di grande importanza per il ripristino della funzione intestinale. Molte donne hanno molta paura di rilasciare gas. Non tenerli in te, per facilitare il passaggio dei gas, devi accarezzare lo stomaco in senso orario, quindi girare su un fianco e sollevare la gamba e alleggerire. Se si verifica costipazione, è possibile assumere Lattulosio (Dufalac) è il rimedio più sicuro per costipazione o utilizzare supposte di glicerina (vedere supposte per costipazione), che possono essere utilizzate dalle donne che allattano.

Spesso dopo l'intervento chirurgico, sorgono problemi con la minzione. Di norma, ciò è dovuto al primo giorno (non di più) nella vescica del catetere. Dopo la rimozione del catetere, ci sono difficoltà con la minzione: ritardo o dolore durante la minzione. Non hanno paura del dolore, spariranno da soli in 2-3 giorni e la stessa sindrome del dolore è causata dall'irritazione della mucosa dell'uretra. Ma una lunga ritenzione urinaria (più di 4 ore) fa paura alle mamme. Assicurati di dirlo al medico, ma devi anche prendere misure: bevi più liquido. E, naturalmente, dopo il taglio cesareo, anche se non ci sono problemi con la minzione, dovresti visitare il bagno il più spesso possibile (ogni 2 ore). Questo perché una vescica traboccante farà pressione sull'utero, impedendogli di contrarsi..

Nutrizione

Particolare attenzione viene posta alla nutrizione dopo taglio cesareo, perché si tratta di un'operazione di cavità, cioè sulla cavità addominale:

È consentito bere acqua minerale senza gas, che può essere acidificato con succo di limone. Anche se i parenti portassero un'acqua minerale con gas, l'infermiera certamente la aprirà e la lascerà in modo tale che il gas scompaia. In linea di principio, il primo giorno, non voglio davvero mangiare, ma non devi preoccuparti di morire di fame, tutti i nutrienti arrivano attraverso i "contagocce" che verranno prescritti dopo l'operazione.

La mamma viene trasferita dall'unità di terapia intensiva all'unità postpartum. La dieta si sta espandendo. È consentito mangiare solo cibi liquidi, ad esempio brodo di pollo magro o carne (l'acqua dopo l'ebollizione viene drenata e versata nuova), kefir, yogurt (senza pezzi di frutta).

La dieta sta diventando più ricca. Puoi usare carne bollita a bassa percentuale di grassi (manzo, vitello, coniglio), soufflé di carne o pesce, ricotta trasformata in un frullatore. Anche i cereali viscosi (grano, riso), cotti nel latte con acqua in un rapporto di 1/1, vengono introdotti nel menu. Tutto il cibo viene servito in forma bollita e schiacciata, a temperatura ambiente. Mangiare frazionario ed è 5-6 volte al giorno in piccole porzioni.

Dalle bevande, puoi bere un tè nero debole con limone, composte, gelatina, bevande alla frutta, brodo di rosa canina e altre tisane. I succhi non vengono portati via. Dovrebbero essere bevuti, diluiti con acqua bollita (1/1).

Al quarto giorno, di regola, c'è una sedia indipendente. Pertanto, puoi mangiare zuppe di verdure sparse con purè di carne, patate e altre puree di verdure, pesce bollito, pollame magro. Puoi mangiare da 2 a 3 piccoli pezzi di pane di segale essiccato o ieri al giorno. Tutti i pasticcini e i pasticcini sono esclusi. Inoltre, sono vietati prodotti che stimolano la formazione di gas: piselli e tutti i legumi, cavoli e altri. I frutti vengono introdotti negli alimenti con cautela e solo quelli che non sono vietati dal pediatra (in modo da non provocare allergie nel bambino). Puoi 1 banana, mela verde tritata e sbucciata, kiwi.

I pasti sono normali, ma soggetti a prodotti approvati dal pediatra. Non puoi avere noci (anche se stimolano l'allattamento, ma sono molto allergeni per il neonato), miele in grandi quantità, varie creme di pasticceria, cioccolato, frutti rossi. L'enfasi dovrebbe essere su alimenti proteici (carne, pesce, pollame), latticini e verdure fresche.

Tutti gli alimenti grassi e fritti, marinate e sottaceti, cibi in scatola, cibi istantanei e fast food sono vietati.

Il cibo viene bollito, cotto a vapore, in umido o cotto, ma senza crosta. Il cibo rimane frazionario, fino a 5 volte al giorno e ancora in piccole porzioni.

Bendare

Faciliterà notevolmente la vita, soprattutto nei primi giorni dopo l'intervento chirurgico, indossando una benda. Tuttavia, non abusare di questo dispositivo, per un ripristino completo e rapido del tono muscolare della parete addominale anteriore, le bende devono essere rimosse periodicamente, allungando gradualmente i periodi “senza bende”.

Tosse

Dopo il taglio cesareo, una donna è spesso preoccupata per la tosse, soprattutto dopo l'anestesia endotracheale. Tuttavia, la paura di cuciture divergenti durante la tosse inibisce il desiderio di tossire. Per rafforzare le cuciture, puoi premere un cuscino sullo stomaco (un ottimo sostituto è una benda o vestirsi con un asciugamano), quindi inspirare profondamente e poi completamente, ma espirare attentamente, emettendo un suono del tipo: "woof".

Attività fisica e ripristino dell'elasticità dell'addome

Dopo un taglio cesareo, il sollevamento pesi è limitato a non più di 3-4 kg per almeno tre mesi. Crescere un figlio e prendersi cura di lui non è proibito e neppure incoraggiato. Tutti i compiti a casa, in particolare quelli legati alla flessione e allo squat (lavarsi i capelli, lavarli) dovrebbero essere delegati a un altro membro della famiglia.

Un mese dopo l'operazione, puoi iniziare gli esercizi con esercizi ginnici leggeri. Dopo un taglio cesareo per ripristinare l'addome, il pompaggio della stampa può iniziare non prima di sei mesi dopo. In linea di principio, uno stomaco rilassato tornerà alla normalità dopo 6-12 mesi (pelle e muscoli diventeranno elastici, il loro tono verrà ripristinato).

Per ripristinare la figura dopo un taglio cesareo, gli sport (fitness, aerobica, flessibilità del corpo, yoga) devono essere eseguiti secondo un programma individuale con un istruttore e solo dopo aver consultato un ginecologo (non prima di sei mesi dopo l'operazione). Gli esercizi di Bodyflex 15 minuti al giorno aiutano perfettamente a ripristinare una figura e stringere uno stomaco.

Ginnastica dopo taglio cesareo

La ginnastica aiuterà a riportare la figura alla normalità. Nella seconda settimana, dopo aver rimosso i punti, dovresti camminare il più possibile (passo senza fretta, vicolo). Non sforzarti, quando ti senti stanco, smetti di camminare e torna a casa. Inoltre, in questi termini, è consentito eseguire semplici esercizi per sostenere i muscoli addominali. Uno degli esercizi - retrazione dell'addome, viene eseguito in posizione seduta con la schiena piegata. È necessario attirare uno stomaco su un'espirazione e rilassarsi su un'inalazione. Ripeti non più di 15-20 volte alla volta ed esegui l'esercizio 2 volte al giorno. Inoltre, non dimenticare gli esercizi di Kegel per i muscoli del pavimento pelvico.

Un mese dopo l'operazione, sono consentiti semplici esercizi volti a ripristinare la postura.

Seduto su una sedia con la schiena dritta e le spalle divaricate, metti i piedi alla larghezza delle spalle. Dopo 0,5 minuti, prova a mettere le dita dei piedi in pendenza con le mani e rilassati. Ripeti 6-12 volte.

Premi con forza contro il muro, toccando la parte posteriore della testa, le scapole, i polpacci e i talloni. Correggi la posizione per 3 minuti, quindi fai un passo indietro di 2 passi e mantienila in posizione per altri 3 minuti.

Piedi divaricati alla larghezza delle spalle, quindi piega leggermente le ginocchia e cerca di piegarti in avanti. Tieni le mani sui fianchi, raddrizza le spalle e riduci le scapole. Ripeti 30 volte tre volte al giorno.

In piedi a carponi, sollevare alternativamente la gamba dritta destra con la mano destra, quindi abbassare e ripetere con gli arti di sinistra. Esegui 10-15 volte su ciascun lato.

In piedi a quattro zampe, raddrizzare una gamba e piegare il ginocchio con un angolo di 90 gradi. Sforza i glutei in questo momento. Abbassa la gamba e ripeti l'esercizio con l'altro. Esegui da 10 a 15 volte con ciascun piede.

lattazione

Attualmente è incoraggiato l'attaccamento precoce al torace, cioè subito dopo il parto. Sfortunatamente, non in molti ospedali di maternità mettono il bambino al seno immediatamente dopo averlo rimosso durante l'operazione, e molto spesso ciò accade il 2 ° - 3 ° giorno, quando la madre verrà trasferita nel reparto postpartum. È meglio concordare con il medico in anticipo in modo che il bambino non sia solo mostrato alla madre durante l'operazione, ma messo al seno (se l'operazione non viene eseguita in anestesia endotracheale). È inoltre opportuno richiedere che il bambino venga portato all'unità di terapia intensiva al momento dell'alimentazione. I primi 4-5 giorni dopo il taglio cesareo del latte la madre non ha ancora (dopo il parto indipendente, si verifica una corsa al latte dal 3 ° al 4 ° giorno). Questo non è un motivo di disperazione e, soprattutto, il rifiuto di allattare. Sfogliando il capezzolo, il bambino non solo stimola una corsa al latte, ma aiuta anche la produzione di ossitocina, che aiuta a ridurre l'utero.

Le pose che le madri preferiscono per l'alimentazione dopo l'intervento chirurgico sono distese su un fianco o sedute su una sedia. Per stimolare l'allattamento del bambino, è meglio fasciare e attaccare al petto nudo. Inoltre, entrambe le ghiandole mammarie dovrebbero essere coinvolte durante l'alimentazione (prima nutrire una, quindi attaccare all'altra). Questo metodo stimola la produzione di latte. Non è necessario ricordare che dopo l'alimentazione è necessario esprimere ed elaborare i capezzoli, ad esempio l'olio di olivello spinoso.

Se nell'ospedale di maternità l'alimentazione è stata effettuata rigorosamente a ore, quindi dopo la dimissione è consigliabile aderire all'alimentazione gratuita o all'alimentazione su richiesta (ma non meno spesso di ogni 3 ore). Ciò non solo contribuisce a una migliore sazietà del bambino, ma anche alla produzione di latte e ossitocina.

Vita sessuale

Le relazioni intime possono essere riprese dopo 1,5 - 2 mesi dopo il parto addominale (lo stesso periodo dopo il parto indipendente). Questo periodo di astinenza è necessario per la guarigione della superficie della ferita nell'utero (il luogo di attacco della placenta) e la sutura uterina.

È importante occuparsi della questione della contraccezione anche prima dell'inizio dell'attività sessuale. Ogni donna che ha subito un intervento chirurgico dovrebbe ricordare che un dispositivo intrauterino può essere installato solo 6 mesi dopo il taglio cesareo e che gli aborti (conseguenze) sono strettamente controindicati, poiché feriscono una sutura sull'utero e possono causare il fallimento della cicatrice..

Ciclo mestruale

Non ci sono differenze nel ripristino del ciclo mestruale dopo il parto addominale e il parto indipendente. Nel caso dell'allattamento al seno, le mestruazioni possono iniziare sei mesi dopo la nascita e successivamente. In assenza di allattamento, le mestruazioni iniziano dopo 2 mesi.

Prossima gravidanza

Gli ostetrici raccomandano di astenersi da una nuova gravidanza dopo un intervento chirurgico per almeno 2 anni (in modo ottimale 3). Questo periodo di tempo consente alla donna non solo di recuperare fisicamente e psicologicamente, ma anche necessaria per la piena guarigione della sutura sull'utero.

Osservazione di un ginecologo

Tutte le donne che hanno avuto un taglio cesareo sono registrate presso la clinica prenatale, dove sono state osservate per due anni. La prima comparsa dopo l'intervento chirurgico dovrebbe essere non oltre 10 giorni, con l'ecografia obbligatoria dell'utero. Quindi, dopo che la lochia è finita (6-8 settimane) e sei mesi per valutare le condizioni della cicatrice sull'utero, quindi visitare il ginecologo almeno una volta ogni sei mesi.

Domanda risposta

In che giorno viene prescritto dopo un taglio cesareo??

Normalmente, sono prescritti l'8 ° giorno quando i punti vengono rimossi. È possibile rimuovere prima i punti (il 7 ° giorno) e scaricare il 6 ° o 7 ° giorno, ma questo è il benvenuto nelle grandi città.

Quanto tempo fa male allo stomaco dopo l'intervento chirurgico e cosa fare?

Se l'operazione è andata senza complicazioni, la sindrome del dolore è molto intensa solo nel primo giorno dopo taglio cesareo. Durante questo periodo, a una donna vengono prescritti analgesici che sono sicuri per il bambino (chetorolo). Ma con dolori molto gravi, è possibile prescrivere antidolorifici narcotici (promedol). In termini di dolore, il più difficile è il primo giorno, quindi il dolore scompare gradualmente, soprattutto con un'attività vigorosa.

È possibile fare a meno della benda dopo l'intervento chirurgico?

Certo che puoi, e alcuni medici sono generalmente contrari a questo dispositivo. Ma nei primi tre giorni è più facile muoversi e sopportare il dolore con una benda.

Quando posso fare la doccia e il bagno?

Una doccia può essere effettuata immediatamente dopo la dimissione, cioè nei giorni 7-8, a condizione che le suture vengano rimosse e non vi sia suppurazione della cicatrice postoperatoria. E con il bagno dovrai aspettare, è consentito solo dopo la cessazione delle ventose, circa 1,5 mesi dopo l'operazione. Inoltre, dovresti monitorare la temperatura dell'acqua, dovrebbe essere calda, ma non calda (puoi provocare emorragie tardive).

È possibile visitare la piscina dopo un taglio cesareo??

Sì, il nuoto è il benvenuto dopo il parto, in particolare dopo il parto addominale, ma è consentito solo dopo la fine della lochia, cioè da 6 a 8 settimane dopo la nascita. Il nuoto ripristina con successo la figura, colpisce i muscoli addominali e migliora il tono generale.

Come proteggersi dopo l'intervento chirurgico?

Questo problema è di interesse per tutte le donne, indipendentemente dalla nascita, indipendente o operativa. Nei primi sei mesi, puoi utilizzare il metodo di amenorrea lattazionale, ma soggetto alle condizioni. L'allattamento al seno dovrebbe essere ogni tre ore, compresa la notte. Il bambino non è alimentato con miscele. Ma questo metodo non è particolarmente affidabile, quindi puoi assumere compresse mini-pillola (durante l'allattamento) o contraccettivi orali combinati se la mamma non allatta. È ottimale introdurre un dispositivo intrauterino, ma dopo taglio cesareo viene somministrato non prima di dopo 6 mesi.

Posso dormire sullo stomaco dopo un taglio cesareo??

È possibile e necessario Ma solo il primo giorno la madre sarà sulla sua schiena (introduzione di soluzioni e farmaci per via endovenosa, controllo della pressione sanguigna, polso e respirazione). Dopo che la donna dopo il parto ha iniziato a rialzarsi e muoversi da sola, mentire sullo stomaco non è solo vietato, ma anche accolto (aiuta a ridurre l'utero). Non dovresti aver paura della divergenza della cucitura, se le cuciture sono ben fatte, non si separeranno..

Come recuperare rapidamente dopo taglio cesareo

Secondo le statistiche, una media del 20-25% delle gravidanze termina con un taglio cesareo. Questo metodo di consegna è considerato relativamente sicuro e presenta un minimo di complicazioni. Ma i dottori non sono stanchi di ripetere che il taglio cesareo dovrebbe essere una necessità, non un capriccio di una donna. L'operazione di taglio cesareo viene eseguita solo secondo le indicazioni: un bacino anatomicamente stretto nella madre, placenta previa completa, 2 o più taglio cesareo nell'anamnesi, ipossia fetale acuta, ecc. Il recupero dopo taglio cesareo è più lungo e più difficile che dopo il parto naturale.

In questo articolo, parliamo di recupero dopo taglio cesareo: quali difficoltà possono sorgere nei primi giorni e settimane dopo il parto e come affrontarli.

Come viene eseguita l'operazione per taglio cesareo?

L'operazione viene eseguita in anestesia spinale o epidurale. Che tipo di anestesia viene scelta dall'anestesista, in base alla situazione e alla salute della madre. L'anestesia generale viene somministrata in alcuni casi di emergenza quando è necessario rimuovere rapidamente il bambino dall'utero della madre.

Un catetere è installato nel canale urinario per drenare l'urina. Grazie a questo, la vescica non preme sull'utero, il medico fa uscire rapidamente il bambino. Quindi l'anestesista mette l'anestesia e la donna in travaglio viene recintata con uno schermo. Durante l'intervento chirurgico, senza anestesia generale, la donna è cosciente.

Il chirurgo taglia la parete addominale. Se l'utero ha già una cicatrice, quindi creane un'altra nello stesso posto, dopo aver tagliato quella vecchia. I tessuti grassi, i muscoli, l'aponeurosi, la parete addominale vengono tagliati per via sottocutanea. La vescica viene rimossa lateralmente. Quindi praticare un'incisione nel segmento inferiore dell'utero. In questo posto, lo strato muscolare più sottile, durante la guarigione rimane una piccola cicatrice. La vescica fetale viene tagliata e il bambino viene rimosso. Nella sequenza inversa, l'incisione è chiusa con seta, fili autoassorbibili o chiusa con parentesi.

L'operazione dura 30-40 minuti. Il bambino viene rimosso a 15-20 minuti dopo l'inizio dell'operazione. Se la madre è cosciente e non è stata eseguita l'anestesia endotracheale, il bambino può essere immediatamente applicato al petto.

Gli effetti negativi del taglio cesareo

Il taglio cesareo è considerato sicuro al giorno d'oggi, ma le complicazioni dopo di esso sono abbastanza comuni.

Il periodo di recupero è complicato da tali fattori:

  • Una cucitura sullo stomaco. Nel 90% dei casi, eseguono una sutura intradermica o esterna orizzontale sopra il pube. Solo in situazioni di emergenza fanno una cucitura verticale quando c'è un rischio per la vita della madre e del bambino. Quanto velocemente dura la cicatrice dipende dalle caratteristiche individuali del corpo. Alcuni hanno una predisposizione alla formazione di cicatrici cheloidi, con la crescita di fibre del tessuto connettivo della pelle nell'area della cicatrice. Puoi sbarazzarti di una cicatrice cheloide usando il laser resurfacing.
  • Sutura sull'utero. Prima della prossima gravidanza, devono trascorrere almeno 2-3 anni prima che la cicatrice guarisca completamente. Altrimenti, durante il parto o durante la gravidanza, esiste il rischio di rottura uterina lungo la cucitura. Dopo tre operazioni eseguite, il taglio cesareo mostra una legatura delle tube.
  • Commissure. La chirurgia porta quasi sempre alla formazione di aderenze (fusione di organi interni). Incollano insieme come un film gli organi interni della piccola pelvi, gli anelli intestinali, le tube di Falloppio. Ciò accade a causa dell'infiammazione, che provoca il contatto con l'aria non sterile della sala operatoria, il sangue che entra nella ferita aperta e persino le particelle di talco dai guanti del medico. Può portare a infertilità, indigestione, costipazione, endometriosi. Nei casi più gravi, è indicata la rimozione delle aderenze mediante laparoscopia, in forma lieve - trattamento con fisioterapia.
  • Le conseguenze dell'anestesia. Se durante un'operazione viene utilizzata l'anestesia generale con un tubo inserito nella trachea, si verifica una lesione della mucosa. L'espettorato si accumula, appare una tosse, che causa tensione nei muscoli addominali. L'anestesia spinale porta al microtrauma delle radici del midollo spinale. Da questo mal di schiena, vertigini, mal di testa.
  • Inizio ritardato dell'allattamento. Dopo la nascita naturale, il latte arriva in 3-4 giorni. In caso di taglio cesareo - dopo 7-9 giorni. L'inizio del travaglio porta agli ormoni dell'allattamento. Un taglio cesareo viene di solito eseguito come previsto, quando il corpo potrebbe non essere ancora pronto per il parto. In questo caso, gli ormoni della lattazione vengono prodotti con un ritardo.
  • Grande perdita di sangue Durante un parto naturale, una donna perde 250-300 ml di sangue. Il corpo recupera rapidamente questa perdita di sangue. Con CS, la perdita di sangue è di 500-1000 ml. Per mantenere il corpo dopo l'intervento chirurgico, vengono versati farmaci che riducono il sangue, plasma, globuli rossi.
  • Debole contrazione dell'utero. A causa della sutura sulla parete anteriore, l'utero si contrae leggermente. Per evitare la subinvoluzione, alle puerpera viene prescritta una terapia aggiuntiva per contrazioni uterine rapide.

Il benessere dell'operazione dipende dall'esperienza del chirurgo, dalla rapidità ed efficienza dell'operazione, dalla qualità del materiale di sutura, dall'uso della terapia antibiotica postpartum..

Recupero nei primi giorni dopo il taglio cesareo

I giorni più difficili sono i primi giorni dopo l'intervento. La maggior parte delle donne si lamenta che la cucitura fa male. Alcuni sono tormentati dagli effetti dell'anestesia..

Il primo giorno dopo l'intervento chirurgico, una donna trascorre in terapia intensiva sotto la supervisione di personale medico. Misurano la sua pressione, ripristinano la perdita di sangue, danno antidolorifici. Un riscaldatore di ghiaccio viene posizionato sullo stomaco in modo che l'utero si contraa più intensamente. Se ci sono indicazioni, viene eseguita la terapia antibiotica. Tutto dipende da come è andata l'operazione. Il secondo giorno, la donna viene trasferita nel reparto postpartum, dove può prendersi cura del bambino se lo desidera.

  1. Sedersi sul letto è consentito il secondo giorno dopo il taglio cesareo. Devi sederti con cura, prima abbassare le gambe dal letto, quindi con il supporto della mano alzarsi in posizione seduta. Prima di alzarti devi sederti per un po 'e alzarti per la prima volta con l'aiuto di un'infermiera o almeno appoggiata allo schienale di una sedia. Usa una benda per alleviare il dolore..
  2. Dopo un taglio cesareo, si verifica spesso ritenzione urinaria. Durante l'operazione, un catetere viene inserito nel canale urinario, dopo un giorno viene rimosso. Ma danni alle terminazioni nervose, il microtrauma della mucosa provoca dolore, che scompare dopo 1-2 giorni. Anche se non c'è bisogno di urinare, è necessario urinare ogni 2-3 ore. Altrimenti, una vescica traboccante eserciterà una pressione sull'utero e gli impedirà di contrarsi..
  3. Ogni giorno, la sutura addominale viene trattata con una soluzione antisettica e la medicazione viene cambiata. La cucitura non può essere bagnata per i primi 7-8 giorni fino a quando le cuciture non vengono rimosse. La doccia è consentita dopo la dimissione dall'ospedale e la rimozione dei punti. E fai un bagno solo dopo 1-2 mesi, quando la cucitura guarisce. Il bagno non dovrebbe essere caldo. I primi 2 giorni, la cucitura fa molto male. Il medico prescrive antidolorifici sicuri per il bambino durante l'allattamento.
  4. Se una donna soffre di tosse dopo l'anestesia generale, non aver paura di tossire. L'espettorato accumulato nella trachea dopo l'anestesia dovrebbe andare fuori. Durante un attacco di tosse, posiziona un cuscino o un palmo sullo stomaco. Fai un respiro profondo ed espira lentamente, ma con un suono, fai uscire l'aria.
  5. Nei primi giorni dopo il taglio cesareo, è necessario stabilire il lavoro del tratto digestivo. A causa della chirurgia addominale, la motilità intestinale è debole, la prima feci appare il giorno 3-4. La costipazione non dovrebbe essere consentita, perché un forte sforzo può portare a una divergenza della cucitura. Il primo giorno dopo l'operazione è consentito bere acqua naturale. La nutrizione entra nel corpo attraverso un contagocce. Dal secondo giorno viene introdotto cibo facilmente digeribile, iniziando delicatamente l'intestino. Maggiori informazioni sulla nutrizione dopo il taglio cesareo che abbiamo scritto in questo articolo..
  6. Per stimolare la motilità intestinale e la circolazione sanguigna negli organi pelvici, è necessario spostarsi il più possibile. Nel primo giorno dopo l'intervento chirurgico, puoi fare ginnastica in posizione supina.

Gli esercizi possono essere i seguenti:

  • Sorseggia calze su te stesso, lontano da te stesso;
  • Piega le ginocchia;
  • Spremere i glutei;
  • Comprimi i muscoli del pavimento pelvico per 5-10 secondi;
  • Ruotare l'alloggiamento da un lato all'altro.

Sono dimessi dall'ospedale di maternità il 7-8 ° giorno dopo la rimozione delle suture, dopo aver eseguito un'ecografia dell'utero, per assicurarsi che l'involuzione avvenga a un ritmo normale.

Cosa succede al corpo dopo la dimissione dall'ospedale

Il periodo di recupero dopo il taglio cesareo continua dopo la dimissione dall'ospedale. La mamma ha bisogno di donne delle pulizie. La cosa più importante è riposare di più e stabilire l'allattamento..

  • Se una madre può allattare dopo un taglio cesareo dipende solo dalla frequenza con cui si mette il bambino sul seno. Organizzare l'alimentazione su richiesta è la decisione giusta. Quindi verranno prodotti ossitocina e prolattina, che sono responsabili della produzione di latte. Gli ormoni della lattazione causano anche contrazioni uterine.
  • I primi tre mesi dopo la nascita, non è consentito il sollevamento di pesi superiori a 4 kg. Il massimo che la mamma può permettersi è di portare il suo bambino.
  • È consentito iniziare a praticare sport non prima di un mese dopo la nascita, quando lochia finisce e la sutura guarisce. A proposito degli esercizi consentiti dopo il taglio cesareo, abbiamo scritto in questo articolo.
  • Puoi tornare alla vita sessuale dopo 1,5-2 mesi, quando termina la dimissione postpartum. La contraccezione dopo la COP è una questione di primaria necessità. Devi aspettare una pausa di almeno 2-2,5 anni. Durante questo periodo, la sutura sull'utero guarirà. Se hai fretta, c'è il rischio di divergenza della cucitura durante la gravidanza o il parto. Il preservativo è il metodo più appropriato di controllo delle nascite.
  • Le mestruazioni riprendono dopo 2-3 mesi se la madre non allatta al seno e entro 1-2 anni se allatta il bambino con latte materno.

Video: come stabilire un'epatite B dopo taglio cesareo

Il recupero dopo un taglio cesareo richiede più tempo rispetto al parto naturale. Ma più attiva la madre inizia a muoversi immediatamente dopo l'operazione, più veloce è il processo di guarigione delle suture e l'involuzione dell'utero.

Recupero rapido e corretto dopo taglio cesareo

Recupero dopo taglio cesareo - gravidanza e parto - questo è un periodo di shock e prove per il corpo di una donna. E se la consegna è avvenuta attraverso un taglio cesareo, allora è doppiamente difficile.

Ti diremo come recuperare più velocemente dal taglio cesareo e come rendere questo periodo meno doloroso..

Cos'è il taglio cesareo??

Questo è un vero intervento chirurgico che viene eseguito in anestesia generale o in anestesia epidurale..

Consiste nel fatto che il medico taglia i tessuti della parete addominale e dell'utero e tira fuori il bambino attraverso il buco ricevuto. Molto spesso, i chirurghi moderni usano l'anestesia epidurale, poiché è meno pericoloso per la donna e il feto.

Quando lo si utilizza, non c'è sensibilità nella parte inferiore del corpo. Il vantaggio indiscutibile di questa operazione è la capacità di una donna di prendere il suo bambino tra le braccia immediatamente dopo la nascita e metterlo sul suo petto.

Ad oggi, un taglio cesareo può essere pianificato se è noto in anticipo che l'operazione deve essere eseguita e non programmata, quando durante il travaglio c'è un urgente bisogno di un intervento chirurgico.

Come va l'operazione?

La chirurgia è sempre stressante per il corpo. Dopo ciò, possono apparire complicazioni e dolore, ma la vita salvata di un bambino e sua madre è più costosa di tutti i problemi.

Pertanto, i medici eseguono senza dubbio tali operazioni se ci sono prove.

Prima dell'intervento, viene eseguita la preparazione. Una donna viene iniettata con un catetere nell'uretra, che libera la vescica dall'urina.

Può diventare un ostacolo alle contrazioni uterine. E poi iniziano a dissezionare la pelle e i tessuti interni dell'addome e dell'utero. Successivamente, la vescica fetale viene aperta e il bambino viene rimosso.

Inoltre, tutto va come per il parto naturale: il cordone ombelicale viene tagliato, la placenta viene rimossa e vengono eseguite altre azioni. Successivamente, il medico ricama tutti i tessuti strato dopo strato.

In alcuni casi, un catetere di drenaggio viene lasciato nella sutura per drenare il fluido dalla ferita. Viene rimosso 2-3 giorni dopo l'intervento chirurgico. Le graffette possono essere applicate sulla pelle, ma il più delle volte, questo è un punto comune. Le suture vengono rimosse 5-6 giorni dopo l'intervento..

Come è il recupero dopo l'intervento chirurgico?

Il recupero dopo l'intervento chirurgico include un aumento graduale dell'attività fisica e della ginnastica di una donna sotto la supervisione di un medico.

Hai avuto un taglio cesareo e il bambino è nato, ora niente lo minaccia e la giovane madre ha un lungo periodo di recupero.

Il primo giorno, la donna viene rianimata, dove medici e sensori monitorano le sue condizioni. Per alleviare il dolore dopo l'intervento chirurgico, i medici eseguono l'anestesia per 2-3 giorni.

Se tutto è in ordine, la giovane madre viene trasferita in un reparto ordinario, dove trascorre qualche giorno in più. I medici controllano la condizione e danno raccomandazioni che sono obbligatorie.

Sono necessari per evitare aderenze, stasi del sangue o tromboembolia. Una donna deve eseguire determinati esercizi o camminare, cosa che accade più spesso. Entro la fine del primo giorno, una giovane madre viene sollevata dal letto.

Riabilitazione dopo l'intervento chirurgico

Il recupero dopo l'intervento inizia entro un giorno e continua fino a quando tutte le ferite sono guarite. Oltre a camminare, una donna dovrebbe eseguire ginnastica 2-3 volte al giorno:

  • massaggio dell'addome con movimenti di carezze in senso orario;
  • gli stessi movimenti carezzevoli del petto, una mano sul lato destro e l'altra a sinistra;
  • il massaggio accurato della parte bassa della schiena - la carezza viene eseguita dall'alto verso il basso;
  • esercizi di respirazione - respirazione profonda del torace;
  • respirare con lo stomaco, mentre è necessario tenere la cucitura con la mano;
  • movimenti del piede simili allo scivolamento, le gambe si muovono alternativamente;
  • movimenti di rotazione dei piedi senza la loro separazione dalla superficie del letto.

Tale ginnastica viene eseguita sdraiata. Entro la fine del primo giorno o il secondo giorno, il medico consentirà alla donna di sedersi. Seduto, è necessario appoggiarsi all'indietro per non ferire la cucitura.

Immediatamente dopo l'operazione, puoi bere acqua minerale con succo di limone e gli oligoelementi necessari per il corpo vengono introdotti attraverso un contagocce.

E poi puoi mangiare cibi bolliti ricchi di proteine ​​e vitamine, cereali. Da 4 giorni puoi già mangiare tutti i soliti cibi. Una settimana dopo l'operazione, la madre e il bambino vengono dimessi a casa.

Da questo giorno e altri due mesi, una donna può solo fare una doccia.

Recupero dopo taglio cesareo

La chirurgia interrompe il corpo, si "perde" nella sequenza degli eventi. Pertanto, dopo il taglio cesareo, è necessario monitorare attentamente il proprio corpo.

Il recupero mensile avviene entro 6-8 settimane dopo l'intervento chirurgico o dopo 8 mesi. Il periodo di recupero è influenzato dalla presenza e dall'attività dell'allattamento.

Il processo di recupero dopo un taglio cesareo richiede molto tempo.

Nei primi giorni dopo l'operazione, viene eseguita un'ecografia, che consente di vedere come avviene la guarigione delle suture sull'utero e nella cavità addominale. Se l'intero processo va bene, la prima visita dal ginecologo si verifica pochi giorni dopo la fine della dimissione.

Tutte le situazioni di emergenza devono essere risolte immediatamente. La temperatura, il dolore, la secrezione dalla sutura o la vagina dovrebbero essere la ragione per cure mediche urgenti.

Dopo la prima nascita con l'aiuto dell'operazione, il secondo bambino può rimanere incinta non prima di 2 anni dopo.

Recupero dopo taglio cesareo - Cioè, i giovani genitori devono usare i contraccettivi entro due anni dall'intervento. Dopo questo periodo, puoi avere un secondo figlio. La seconda nascita può avvenire naturalmente, ma il medico deve dare il permesso.

Allattamento al seno dopo taglio cesareo

L'allattamento al seno dopo taglio cesareo è molto importante, poiché l'ossitocina viene rilasciata nel corpo, il che riduce il volume dell'utero.

Molte donne che hanno subito un intervento chirurgico hanno difficoltà ad allattare..

Ciò è dovuto principalmente al fatto che nell'ospedale di maternità il bambino è stato nutrito con miscele, mentre la madre era in terapia intensiva, possono anche scrivere prima il bambino, quindi la madre.

Tuttavia, non tutto è perduto. Dopo il taglio cesareo, l'allattamento al seno regolare può essere ripristinato. Pertanto, molte donne ricorrono al massaggio al seno, esprimendo il latte.

Per rendere il latte nutriente per un bambino, devi mangiare completamente tua madre e assumere speciali integratori alimentari. L'allattamento frequente è il modo migliore per ripristinare l'allattamento..

Il taglio cesareo è la salvezza della vita e della salute di molte donne e bambini. In molti paesi, questa operazione è considerata uno dei metodi di consegna e può essere eseguita senza indicazioni speciali..

Nel nostro paese, tuttavia, i medici limitano il numero di operazioni. E se è possibile partorire da soli, questo deve essere fatto.

L'operazione è sicura, questo è dimostrato dalle recensioni delle donne che lo hanno superato. Pertanto, se hai un taglio cesareo pianificato, non preoccuparti.

Recupero dopo taglio cesareo

Il recupero dopo il parto non è un processo facile nemmeno per le donne che hanno partorito attraverso il canale del parto naturale. Cosa possiamo dire del taglio cesareo, quando i problemi postoperatori si uniscono a tutti i problemi postpartum! Parleremo di ciò che una giovane madre può fare per recuperare più rapidamente dopo questo intervento chirurgico..

Lyudmila Petrova
Ostetrico-ginecologo della categoria di massima qualifica, capo del reparto maternità dell'ospedale di maternità n. 16, San Pietroburgo

Possibili conseguenze dell'operazione

Un taglio cesareo è l'operazione di dare alla luce un feto rimuovendolo attraverso un'incisione nella parete addominale e nell'utero. L'utero postpartum ritorna al suo stato originale entro 6-8 settimane. Trauma uterino durante un intervento chirurgico, edema,

la presenza di emorragie nell'area della sutura, una grande quantità di materiale di sutura rallenta l'involuzione uterina e predispone al verificarsi di complicanze postoulatorie-settiche purulente nella zona pelvica che coinvolgono l'utero e le appendici. Queste complicanze dopo taglio cesareo sono 8-10 volte più comuni che dopo il parto vaginale. Complicanze come endometrite (infiammazione dello strato interno dell'utero), annessite (infiammazione delle appendici) e parametrite (infiammazione del tessuto peritoneale) influenzano ulteriormente la funzione riproduttiva della donna, poiché può portare a irregolarità mestruali, sindrome del dolore pelvico, aborto spontaneo, infertilità.

Lo stato iniziale della salute delle donne, la scelta di un metodo e una tecnica razionali per eseguire l'operazione, la qualità del materiale di sutura e la terapia antibiotica, nonché la gestione razionale del periodo postoperatorio, la prevenzione e il trattamento delle complicanze associate al parto chirurgico, determinano l'esito favorevole dell'operazione.

Un'incisione trasversale nel segmento inferiore dell'utero viene eseguita parallelamente alle fibre muscolari circolari, in un luogo in cui non ci sono quasi vasi sanguigni. Pertanto, danneggia almeno le strutture anatomiche dell'utero, e quindi, in misura minore, interrompe il processo di guarigione nell'area operativa. L'uso di moderne suture riassorbibili sintetiche contribuisce alla ritenzione a lungo termine dei bordi della ferita sull'utero, che porta al processo di guarigione ottimale e alla formazione di una cicatrice ricca sull'utero, che è estremamente importante per le successive gravidanze e il parto.

Prevenzione delle complicanze dopo un taglio cesareo

Attualmente, allo scopo di prevenire la morbilità materna dopo taglio cesareo, vengono utilizzati moderni antibiotici altamente efficaci di ampio spettro d'azione, poiché il ruolo delle associazioni microbiche, virus, micoplasmi, clamidia, ecc. È importante nello sviluppo dell'infezione. Durante il taglio cesareo, la profilassi antibiotica viene effettuata dopo il cordone ombelicale, in modo che ridurre il loro impatto negativo sul bambino. Nel periodo postoperatorio, viene data la preferenza a brevi cicli di terapia antibiotica al fine di ridurre il flusso di farmaci al bambino attraverso il latte materno; con un decorso favorevole del taglio cesareo dopo l'intervento chirurgico, gli antibiotici non vengono somministrati affatto.

Il primo giorno dopo un taglio cesareo, le puerperas sono nel reparto di terapia intensiva sotto la stretta supervisione del personale medico e il loro intero corpo viene monitorato. Sono stati sviluppati algoritmi per la conduzione delle puerperie dopo taglio cesareo: adeguato rifornimento di perdita di sangue, anestesia, mantenimento dei sistemi cardiovascolare, respiratorio e di altro corpo. È molto importante nelle prime ore dopo l'operazione monitorare le secrezioni dal tratto genitale, come alto rischio di sanguinamento uterino dovuto alla ridotta contrattilità dell'utero causata da un trauma chirurgico e dall'azione dei farmaci. Nelle prime 2 ore dopo l'intervento chirurgico, viene eseguita una flebo endovenosa continua di farmaci che riducono l'utero: OSSITOCINA, METILERGOMETRINA, una vescica di ghiaccio viene posizionata sull'addome inferiore.

Dopo l'anestesia generale, possono esserci dolore e mal di gola, nausea e vomito..

La rimozione del dolore dopo l'intervento chirurgico è di grande importanza. Dopo 2-3 ore, vengono prescritti analgesici non narcotici, 2-3 giorni dopo l'operazione, l'analgesia viene eseguita secondo le indicazioni.

Lesioni chirurgiche, penetrazione nella cavità addominale durante l'intervento chirurgico, i contenuti dell'utero (liquido amniotico, sangue) causano una diminuzione della motilità intestinale, si sviluppa la paresi - gonfiore, ritenzione di gas, che può portare a infezione del peritoneo, suture sull'utero, aderenze. Un aumento della viscosità del sangue durante e dopo l'intervento chirurgico contribuisce alla formazione di coaguli di sangue e al loro possibile blocco di vari vasi.

Al fine di prevenire la paresi intestinale, le complicanze tromboemboliche, migliorare la circolazione sanguigna periferica, eliminare la congestione polmonare dopo la ventilazione meccanica, è importante l'attivazione precoce della puerpera a letto.

Dopo l'operazione, è consigliabile girare da un lato all'altro nel letto, entro la fine del primo giorno si consiglia di alzarsi presto: prima devi sederti sul letto, abbassare le gambe, quindi iniziare a alzarti e camminare un po '. Devi alzarti solo con l'aiuto o sotto la supervisione del personale medico: dopo un soggiorno sufficientemente lungo, vertigini, una caduta.

Non oltre il primo giorno dopo l'operazione, è necessario iniziare la stimolazione farmacologica dello stomaco e dell'intestino. Per questo viene utilizzato PROSERIN, CERUCAL o UBRETID, inoltre viene prodotto un clistere. Nel periodo postoperatorio semplice, la motilità intestinale viene attivata il secondo giorno dopo l'intervento chirurgico, i gas si spengono da soli e il terzo giorno, di norma, c'è una sedia indipendente.

Il 1 ° giorno, la donna dopo il parto viene data a bere acqua minerale senza gas, tè senza zucchero e limone in piccole porzioni. Il 2 ° giorno viene prescritta una dieta ipocalorica: cereali liquidi, brodo di carne, uova alla coque. Da 3-4 giorni dopo una feci indipendente, la donna dopo il parto viene trasferita a una dieta generale. Non è consigliabile assumere cibi troppo caldi o troppo freddi, i cibi solidi dovrebbero essere introdotti gradualmente nella dieta.

Il 5-6 ° giorno, vengono eseguiti esami ecografici dell'utero per chiarire la sua riduzione tempestiva.

Nel periodo postoperatorio, la medicazione viene cambiata quotidianamente, viene eseguita l'ispezione e il trattamento delle suture postoperatorie con uno degli antisettici (alcool etilico al 70%, tintura di iodio al 2%, soluzione di permanganato di potassio al 5%). Le suture dalla parete addominale anteriore vengono rimosse il 5-7 ° giorno, dopo di che viene deciso il problema della dimissione a casa. Succede che una ferita sulla parete addominale anteriore sia suturata da una sutura "cosmetica" intradermica con materiale di sutura assorbibile; in tali casi non ci sono cuciture esterne rimovibili. L'estratto viene solitamente eseguito il 7-8 ° giorno.

Allattamento al seno dopo taglio cesareo

Dopo un intervento chirurgico al taglio cesareo, è spesso difficile allattare al seno. Sono causati da una serie di ragioni, tra cui dolore e debolezza dopo l'operazione, sonnolenza del bambino sullo sfondo dell'uso di antidolorifici o alterato adattamento del neonato durante il parto chirurgico, l'uso di miscele per dare alla madre un "riposo". Questi fattori rendono difficile stabilire l'allattamento al seno. A causa della necessità di una dieta a basso contenuto calorico per 4 giorni, la formazione di lattazione si verifica sullo sfondo di una carenza nella dieta di una donna in allattamento di macro e micronutrienti, che influisce non solo sulla quantità, ma anche sulla qualità del latte. Quindi, la secrezione giornaliera di latte dopo taglio cesareo è quasi 2 volte inferiore rispetto al parto spontaneo; il latte contiene un basso contenuto di ingredienti di base.

È importante assicurarsi che il bambino venga applicato sul torace nelle prime 2 ore dopo l'intervento chirurgico. Attualmente, la maggior parte delle istituzioni ostetriche lavora sul principio della permanenza congiunta di madre e figlio.

Pertanto, se tutto è andato senza complicazioni, puoi esprimere il desiderio di lasciare il bambino accanto a te e iniziare l'allattamento al seno sotto la supervisione del personale non appena l'anestesia è passata e hai la forza di prendere il tuo bambino tra le braccia (circa 6 ore dopo l'operazione). Le donne in gravidanza che vengono posticipate per vari motivi in ​​un secondo momento (dare alla luce bambini che richiedono un trattamento speciale, complicazioni nella madre) dovrebbero ricorrere all'espressione del latte durante le ore di alimentazione per stimolare l'allattamento.

Una delle condizioni principali per l'allattamento al seno dopo il taglio cesareo è quella di trovare una posizione nella quale sia conveniente per una donna nutrire il suo bambino. Il primo giorno dopo l'intervento chirurgico, è più facile nutrire sdraiato su un lato. Alcune donne trovano questa posizione scomoda perché allo stesso tempo, le articolazioni sono allungate, quindi puoi nutrirti mentre sei seduto e tieni il bambino sotto il braccio ("pallone da calcio da sotto il braccio" e "sdraiati sul letto"). In queste pose, i cuscini vengono posizionati sulle ginocchia, il bambino si trova nella posizione corretta su di loro e il carico viene rimosso dall'area della cucitura. Come recupero più tardi, la madre può nutrire il bambino sia sdraiato, seduto e in piedi.

Al fine di stimolare l'allattamento, vengono utilizzati metodi fisioterapici per stimolare l'allattamento (UFD di ghiandole mammarie, UHF, massaggio vibratorio, esposizione agli ultrasuoni, stimolazione del suono "bioacustica"), fitoterapia: decotto di semi di cumino, aneto, origano, anice, ecc. Per migliorare la composizione di qualità del latte materno, è necessario introdurre integratori alimentari (proteine ​​specializzate e prodotti vitaminici) nella dieta di una madre che allatta: Femilak-2, Via Lattea, Mamma Plus, Enfimama. Tutte queste misure hanno un effetto benefico sugli indicatori dello sviluppo fisico dei bambini durante la loro permanenza nell'ospedale di maternità e la madre viene dimessa con una lattazione ben consolidata.

Ginnastica dopo taglio cesareo

6 ore dopo l'operazione, puoi procedere con i più semplici esercizi terapeutici e il massaggio del torace e dell'addome. Puoi eseguirli senza un istruttore, sdraiato a letto con le ginocchia leggermente piegate:

    carezze circolari con il palmo della mano su tutta la superficie dell'addome in senso orario da destra a sinistra, su e giù lungo i muscoli del retto dell'addome, dal basso verso l'alto e dall'alto verso il basso obliquamente - lungo i muscoli addominali obliqui - per 2-3 minuti;

accarezzando le superfici anteriore e laterale del torace dal basso fino alla regione ascellare, la parte sinistra viene massaggiata con la mano destra, la destra con la sinistra;

le mani sono avvolte dietro la schiena e accarezzando la regione lombare con la schiena e il palmo delle mani nella direzione dall'alto verso il basso e lateralmente;

la respirazione profonda del torace, per controllare i palmi delle mani è posta sulla parte superiore del torace: a scapito di 1-2, un respiro profondo viene fatto dal torace (il torace si alza), a scapito di 3-4 è un'espirazione profonda, mentre i palmi sono leggermente premuti sul torace;

respirazione profonda con lo stomaco, i palmi delle mani, trattenendo l'area delle cuciture, inspirando 1-2, inspirando l'addome, espirando 3-4, disegnando il ventre il più possibile;

rotazione dei piedi, senza sollevare il tallone dal letto, alternativamente in una e nell'altra direzione, descrivendo il cerchio più largo possibile, piegando e spegnendo i piedi;

alternando flessione ed estensione delle gambe sinistra e destra, il tallone scivola sul letto;

tosse, palmi che sostengono le cuciture.

Ripeti gli esercizi 2-3 volte al giorno.

Recupero dopo taglio cesareo

La doccia calda del corpo in alcune parti della doccia è possibile già da 2 giorni dopo l'operazione, ma è possibile fare una doccia completa dopo la dimissione dall'ospedale di maternità. Quando si lava la cucitura, è meglio usare il sapone senza profumi, per non danneggiare la crosta. Puoi immergerti nel bagno non prima di 6-8 settimane dopo l'intervento, perché a questo punto, la superficie interna dell'utero guarisce completamente e l'utero ritorna alla normalità. Un viaggio al bagno è possibile solo 2 mesi dopo l'esame del medico.

In modo che la cicatrice postoperatoria si dissolva più velocemente, può essere lubrificata con unguento al prednisolone o gel CONTRACTUBEX. Nell'area della cicatrice fino a 3 mesi, si può sentire intorpidimento fino al ripristino dei nervi incrociati durante l'intervento chirurgico.

Di non poca importanza è il ripristino della forma fisica dopo un taglio cesareo. Dal primo giorno, si consiglia di indossare una benda postpartum. La benda allevia il mal di schiena, aiuta a mantenere una postura corretta, accelera il ripristino dell'elasticità muscolare e della pelle, previene le divergenze delle suture, aiuta a guarire le ferite postoperatorie. Tuttavia, il suo uso prolungato è indesiderabile, perché i muscoli devono lavorare, contrarsi. Di norma, la fasciatura viene indossata per diverse settimane dopo il parto, concentrandosi sulle condizioni dei muscoli addominali e sul benessere generale. La ginnastica terapeutica dovrebbe iniziare 6 ore dopo l'operazione, aumentando gradualmente la sua intensità. Dopo aver rimosso le suture e aver consultato un medico, puoi iniziare a eseguire esercizi per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico e i muscoli della parete addominale anteriore (esercizio di Kegel - spremere e rilassare il pavimento pelvico con un graduale aumento della durata fino a 20 secondi, retrazione dell'addome, sollevamento del bacino e altri esercizi), che provoca flusso di sangue agli organi pelvici e accelera il recupero. Quando si eseguono esercizi, viene ripristinata non solo la forma fisica, ma anche il rilascio di endorfine - sostanze biologicamente attive che migliorano lo stato psicologico di una donna, riducono lo stress, una sensazione di depressione, bassa autostima.

Dopo un intervento chirurgico di 1,5-2 mesi, non è raccomandato il sollevamento di pesi pesanti superiori a 3-4 kg. Puoi iniziare esercizi più attivi 6 settimane dopo il parto, dato il livello di forma fisica prima della gravidanza. Il carico viene aumentato gradualmente, evitando esercizi di forza sulla parte superiore del corpo, perché può ridurre l'allattamento. L'aerobica e il jogging attivi non sono raccomandati. In futuro, se possibile, è consigliabile impegnarsi in un programma individuale con un trainer. Dopo l'allenamento ad alta intensità, il livello di acido lattico può aumentare e, di conseguenza, il gusto del latte si deteriora: diventa acido e il bambino rifiuta di allattare. Pertanto, praticare qualsiasi sport per una donna che allatta è possibile solo alla fine dell'allattamento al seno e non durante l'allattamento - dopo il ripristino del ciclo mestruale.

Le relazioni sessuali possono essere riprese 6-8 settimane dopo l'intervento chirurgico, visitando un ginecologo e consigliando il metodo di contraccezione.

Seconda e terza nascita dopo taglio cesareo

Il ripristino graduale del tessuto muscolare nella cicatrice uterina si verifica entro 1-2 anni dopo l'intervento chirurgico. Circa il 30% delle donne dopo taglio cesareo in futuro prevede di avere più figli. Si ritiene che un periodo dopo 2-3 anni dopo il taglio cesareo sia più favorevole per l'inizio della gravidanza e del parto. La tesi "dopo il taglio cesareo del lavoro attraverso il canale del parto naturale è impossibile" sta diventando irrilevante. Per una serie di motivi, molte donne tentano il parto vaginale dopo un taglio cesareo. In alcune istituzioni, la percentuale di nascite naturali con una cicatrice sull'utero dopo taglio cesareo è del 40-60%.

Up