logo

L'introduzione di alimenti complementari per i bambini non è un compito facile. Se non segui determinate regole, puoi provocare conseguenze spiacevoli e dolorose per il bambino. Ecco perché l'Organizzazione mondiale della sanità ha sviluppato speciali consigli pratici. Seguendo le linee guida dell'OMS, gli alimenti complementari diventano facilmente parte della dieta e non causano problemi di salute..

Quando introdurre alimenti complementari per i bambini

Più recentemente, a tutte le madri è stato raccomandato di iniziare a nutrire il bambino con alimenti "per adulti" già da 3-4 mesi, per nutrire il bambino con acqua fin dalle prime settimane di vita. Oggi la situazione è cambiata, in gran parte a causa della diffusione attiva delle raccomandazioni dell'OMS sugli alimenti complementari..

Le raccomandazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità sull'introduzione di alimenti complementari, sebbene determinino i tempi ottimali di somministrazione, non forniscono indicazioni specifiche, né in termini di ritmo né di prodotti specifici. Ciò è dovuto al fatto che le raccomandazioni sono progettate per tutti i paesi della Terra e che le condizioni e i prodotti disponibili in ciascun paese sono diversi. Pertanto, le linee guida generali dell'OMS possono e dovrebbero essere adattate alle condizioni attuali e persino al periodo dell'anno - non si dovrebbero introdurre frutta, bacche o verdure "estive" in inverno, anche se sono indicate nella tabella dell'OMS, perché in questo momento praticamente non ne beneficiano.

Tuttavia, il grafico dell'OMS fornisce indicazioni su quando iniziare a somministrare i primi alimenti complementari. Se il bambino è affetto da epatite B, è meglio rimandare l'inizio dell'alimentazione fino ai sei mesi di età. È dall'età di 6 mesi che il corpo del bambino è completamente pronto a conoscere nuovi tipi e consistenze di cibo, quindi l'introduzione di nuovi piatti è molto più facile e più indolore, sia per la mamma che per il bambino.

Linee guida dell'OMS

Per l'introduzione di alimenti complementari durante l'allattamento, non è sufficiente creare un menu adatto. È inoltre necessario seguire alcune regole:

  • il latte materno per il bambino è il cibo migliore, fino a sei mesi non ha bisogno di nient'altro. Se non ci sono indicazioni mediche, fino a questa età non si dovrebbe né mungere il bambino né aggiungere altro che latte;
  • quando si elabora il menu, è importante considerare la saturazione del cibo con vitamine e minerali essenziali. Il suo importo dovrebbe corrispondere all'età del bambino;
  • l'alimentazione dovrebbe essere introdotta gradualmente - a partire da piccole porzioni, che aumentano gradualmente al volume raccomandato per mesi;
  • la dieta del bambino dovrebbe gradualmente diversificarsi e dopo 9-12 mesi includere tutti i tipi di prodotti: latte, uova, verdure, frutta, cereali, pesce, carne e pollame;
  • la consistenza del cibo dovrebbe essere adeguata all'età del bambino. Da 6 mesi gli vengono offerti purea e cibo grattugiato, a partire da otto mesi, i prodotti che il bambino può prendere con le mani vengono introdotti nella dieta. Dopo che il bambino compie un anno, può mangiare lo stesso del resto della famiglia;
  • nonostante l'introduzione di alimenti complementari, l'allattamento al seno viene mantenuto su richiesta. L'alimentazione dovrebbe soddisfare le crescenti esigenze del bambino, ma si consiglia di lasciarlo allattare il più a lungo possibile - almeno fino a un anno e, se possibile, fino a due o tre. Per mantenere l'allattamento, è necessario mantenere un "regime" su richiesta e non rifiutare le poppate notturne.

Una consultazione di esperti ha sviluppato diverse opzioni per schemi di alimentazione complementare per l'OMS sotto forma di tabelle che offrono raccomandazioni specifiche per l'introduzione di nuovi piatti. Ci sono molte opzioni per tali tabelle, quindi, usandole, è necessario tenere conto delle caratteristiche individuali del bambino:

  • Il bambino ha allergie? In tal caso, uova, pesce, verdure rosse e frutta non dovrebbero essere somministrati fino a 2 anni. Quando si introducono nuovi prodotti, è necessario tenere un diario alimentare e guardare la reazione del bambino con tutti gli occhi: che tipo di feci ha il bambino, se ci sono rigurgito, manifestazioni cutanee. Se c'è una reazione, il prodotto "dubbio" viene cancellato;
  • alcuni bambini hanno difficoltà a digerire cibi solidi, soffocando. Dovrebbero rimanere più a lungo sul purè;
  • con costipazione, dovrebbero essere dati più frutta e verdura e meno cereali. Con uno sgabello allentato - viceversa.

Tabella di alimentazione dei neonati per mesi

Passando alla pratica, l'OMS offre diverse centinaia di scenari di feed-in. La tabella e il programma di somministrazione appropriati devono essere selezionati in base alle caratteristiche individuali del bambino e alla disponibilità dei prodotti.

Comporre lo schema alimentare per l'OMS sotto forma di tabelle, gli specialisti dell'organizzazione hanno cercato di tenere conto della digeribilità dei prodotti e della loro allergenicità.

Lo schema di alimentazione dell'OMS di seguito è per i primi tre mesi (vale a dire, per 6-9 mesi di età). Nuovi prodotti vengono introdotti a colazione, dopodiché vengono nutriti con latte fino al completo. Il resto dei pasti passa come al solito. Quando le porzioni aumentano e vengono introdotti nuovi prodotti, quelli provati vengono messi da parte per il pranzo. Spuntini e cene nella dieta del bambino compaiono dopo 9 mesi.

In questa versione del tavolo, la prima esca è la zucca schiacciata.

La prima settimana - mettere le purè di patate dalle zucchine.

La seconda settimana è l'introduzione del cavolfiore. Per colazione, al bambino vengono offerti due tipi di purè di patate: prima il cavolo e poi le zucchine. Pranzo e altri pasti - come al solito (latte materno).

La terza settimana è l'introduzione dei broccoli. Per la colazione vengono preparati due tipi di purè di patate: i broccoli e uno dei soliti a seconda della giornata. I pasti rimanenti consistono in latte materno (o una miscela per bambini su IV).

La quarta settimana è l'introduzione del porridge di grano saraceno. Porridge viene offerto a colazione, completando il suo latte materno. Il bambino riceve le solite purea di verdure a pranzo nel volume desiderato (porzione standard - 166 g).

Quinta settimana Viene introdotto il porridge di riso. Per colazione, al bambino vengono offerti entrambi i piatti: prima nuovi, poi familiari. Se necessario, dopo i cereali, puoi aggiungere il latte alla saturazione. Le puree di verdure sono offerte a pranzo nella quantità richiesta (porzione standard - 166 g).

Sesta settimana L'introduzione del porridge di mais. A colazione, ne offrono prima uno nuovo, poi uno dei soliti cereali. Il pranzo viene servito con purè di verdure e il latte viene nutrito secondo necessità.

Settima settimana A colazione, al bambino viene servito uno dei cereali testati (porzione standard), a pranzo, purea di zucca con la solita verdura.

Ottava settimana La salsa di mele viene aggiunta al menu. Viene offerto al bambino a colazione, alimentando uno dei soliti cereali e, se necessario, latte materno. Per pranzo, al bambino vengono servite puree di verdure nella quantità di una porzione standard.

La nona settimana. Il porridge di miglio viene introdotto a colazione, purea di verdure (porzione 166 g) a pranzo.

Decima settimana I cereali per la colazione sono integrati con purea di carne di coniglio. A pranzo, al bambino vengono offerte purea di verdure (166 g ciascuna) e 10 g di purea di mele.

Undicesima settimana. In aggiunta al porridge, al bambino vengono offerte le prugne. Per pranzo, mangia purè di verdure (166 g ciascuna) e carne di coniglio (50 g).

Dodicesima settimana. A colazione, un altro tipo di carne viene introdotto nel porridge: il tacchino. A pranzo, il bambino riceve 166 g di purea di verdure + 60 g di purea di frutta (mela o prugna).

Tredicesima settimana. La purea di pere viene aggiunta a colazione, oltre al porridge. Per cena, purea di verdure servita (166 g) + carne (50 g).

166 g è la quantità ottimale di alimenti a basso contenuto calorico per un bambino di età compresa tra 6-8 mesi. Se ci sono molte calorie, la porzione viene ridotta a 125 g. Con l'introduzione di alimenti complementari, questo volume viene raggiunto gradualmente, tenendo conto dell'appetito del bambino, di norma, ciò accade all'età di 9 mesi.

I bambini su richiesta spesso consumano cibi complementari peggiori su richiesta, poiché potrebbero non averne bisogno. In questi casi, non affrettarti: lascialo mangiare di meno, non preoccuparti. Se il bambino sta ingrassando male, allora raccomandano di dargli da mangiare prima - a partire da 5 mesi, poiché questo si applica già alle indicazioni mediche per l'introduzione di alimenti complementari.

E se il bambino è artificiale?

Da quale età introdurre alimenti complementari dipende anche dal tipo di alimentazione. Secondo le raccomandazioni dell'OMS, l'introduzione di alimenti complementari per i bambini con alimentazione artificiale viene effettuata un po 'prima rispetto ai bambini con HB. Altrimenti, le norme e il calendario per l'introduzione di alimenti complementari per gli artigiani sono simili alle principali raccomandazioni dell'OMS.

L'unica osservazione è che è meglio iniziare cibi complementari con purè di patate artificiali. Il porridge viene introdotto per primo solo con scarso aumento di peso.

Per i bambini con qualsiasi tipo di alimentazione, è molto importante bere regolarmente acqua con l'introduzione di alimenti complementari. Deve essere offerto discretamente più volte al giorno, calcolando la tariffa giornaliera secondo la formula "moltiplicare il numero di mesi per 50 ml".

Altrimenti, è importante non dimenticare che ogni bambino è individuale ed è impossibile sviluppare raccomandazioni generali per tutti. Alcuni bambini con appetito mangiano tutto ciò che viene loro offerto, altri si rifiutano di nutrirsi, perché hanno abbastanza latte. Non dovresti affrettarti con cibi complementari solo perché "l'età è arrivata", l'importante è ascoltare il bambino.

Alimentazione artificiale

Quando è possibile introdurre alimenti complementari, come farlo correttamente e con quali prodotti iniziare? Tutti i genitori di bambini affrontano questa domanda. Non importa se la madre sta allattando o usando una miscela adattata come sostituto. I tempi dell'introduzione di prodotti "per adulti" nella dieta del bambino dipendono dal tipo di alimentazione. I pediatri degli artisti raccomandano di introdurre frutta e verdura prima delle arachidi alle Guardie.

Allattamento al seno

Perché abbiamo bisogno di alimenti complementari?

La necessità di introdurre alimenti complementari è dovuta a diversi fattori:

  1. La fornitura di un corpo in crescita di un bambino da una certa età con la giusta quantità di minerali, nutrienti e oligoelementi solo con una miscela è impossibile.
  2. La formazione dell'apparato digerente è necessaria affinché il bambino possa facilmente passare al cibo "per adulti";
  3. Il lancio tempestivo delle funzioni motorie intestinali è importante;
  4. Abilità di masticazione e deglutizione, formazione di alimenti solidi richiesti.

Informazioni aggiuntive. L'introduzione tempestiva di alimenti complementari ti consente di familiarizzare il tuo bambino con nuove sensazioni gustative, comprendere le sue preferenze e formare una dieta approssimativa per il futuro.

Da quale mese dare alimenti complementari a un bambino di IV

L'introduzione della prima alimentazione durante l'alimentazione artificiale (IV) non ha un chiaro quadro di età. Ciò dipende dalla velocità di sviluppo delle briciole e dall'aumento del peso corporeo. Nuovi prodotti vengono introdotti nella dieta degli artigiani provvisoriamente dai 4 mesi di età.

Importante! La conoscenza di un bambino con nuovo cibo dopo il sesto mese di vita può portare a problemi con il bambino che si abitua a cibi solidi e grumosi.

Gli stessi genitori attenti possono determinare quando il loro bambino è pronto a provare nuovo cibo, in base ai seguenti segni:

  • il bambino è attivamente interessato a ciò che gli adulti mangiano;
  • il bambino si siede indipendentemente su una sedia per l'alimentazione;
  • il bambino ha perso il cibo spingendo il riflesso;
  • prende il cibo offerto e se lo mette in bocca;
  • un bambino affamato apre la bocca, se porti un cucchiaio con del cibo in faccia, ben nutrito - si allontana.

Un altro segno con cui si può determinare la prontezza di un bambino a ricevere alimenti complementari è un aumento di 2 volte del suo peso, rispetto al peso corporeo alla nascita.

Il bambino si sta preparando a mangiare

Da dove cominciare

Spesso i pediatri raccomandano di iniziare la conoscenza di un nuovo bambino con nuovi alimenti a base di succhi o composte non zuccherate. A causa dell'immaturità del sistema digestivo, le briciole di succo o composta per entrare nella dieta sono consentite non prima di 3 mesi.

Se ai genitori piace questo schema e il pediatra lo approva, allora il succo di mela è il primo ad essere introdotto nella dieta. Con una percezione riuscita della bevanda, puoi quindi dare succhi di albicocca, pera, prugna, pesca e altri succhi.

Importante! Fino a 1 anno, è necessario escludere i succhi di frutta potenzialmente allergenici: fragole, mandarini, arance, uva e altri.

Da circa 4-4,5 mesi, i bambini sono autorizzati a dare la prima purea di frutta. Una condizione necessaria per una corretta alimentazione complementare è l'osservanza dello stesso ordine di priorità dei prodotti rispetto ai succhi.

Alcuni pediatri raccomandano di dare le purè di patate non da frutta dolce, ma da verdure con gusto neutro come primo pasto. I primi in questo caso usano zucchine, cavolfiori e broccoli. Dopo esserti abituato a questi prodotti, puoi introdurne di nuovi e combinare le verdure.

L'introduzione di alimenti complementari nella IV

L'introduzione di alimenti complementari è un'impresa responsabile. Gli esperimenti sono pieni non solo di comparsa di reazioni allergiche, disturbi gastrointestinali, ma anche del completo rifiuto del bambino dagli alimenti complementari. Affinché gli alimenti complementari nel bambino non causino reazioni negative, è necessario attenersi alle raccomandazioni:

  1. Senza interrompere l'alimentazione artificiale, vengono introdotti gradualmente alimenti complementari. Fino a 1 anno, non puoi rimuovere la miscela dalla dieta del bambino. Non vi è alcuna garanzia che con i nuovi prodotti il ​​bambino riceverà le sostanze necessarie per la crescita.
  2. Il primo campione del prodotto inizia con mezzo cucchiaio da dessert. Se entro 2 giorni il bambino non segue allergie o disturbi, il volume di purè di patate aumenta gradualmente a 2 cucchiaini entro la fine della prima settimana.
  3. Dall'introduzione della purè di patate, le briciole vengono trasferite a 5 pasti al giorno, all'ora.
  4. L'alimentazione è somministrata solo al mattino o al pomeriggio. È impossibile nutrire la purea di bambini dopo 14-00.
  5. Il primo è offerto per provare la purea di verdure o di frutta, alla fine dell'alimentazione dare una miscela.
  6. Le prime ricette di alimenti per bambini consistono in un solo prodotto. Ad esempio, può essere purea di zucca o zucca. Non appena il bambino si abitua alle innovazioni nella dieta, è consentito fare varie combinazioni di frutta o verdura.

Purea diversa per l'alimentazione

  1. Le purè di patate preparate devono essere diluite con il brodo in cui è stata cotta la verdura o l'acqua bollita fino a quando non è liquida. Nel tempo, la consistenza diventa più spessa, lasciando gradualmente piccoli pezzi del prodotto in modo che il bambino si abitui al cibo solido e impari a masticare.
  2. Se la mamma si schiaccia, allora si consiglia di bollire i prodotti o cuocerli in una doppia caldaia.
  3. È consentito conservare cibi cotti in frigorifero, in contenitori ermeticamente chiusi, per non più di un giorno. Fino all'età di un anno, è meglio preparare cibi freschi ogni giorno..
  4. Se un bambino ha un'eruzione cutanea, mal di stomaco, l'introduzione del prodotto deve essere interrotta per diversi giorni. Quindi prova a dare un'altra verdura o frutta.
  5. La purea dovrebbe essere calda, a circa 37 ° C, in modo che il bambino non bruci la bocca.
  6. Se il bambino rifiuta il prodotto, è capriccioso, quindi è impossibile costringerlo a mangiare. Puoi provare a dare lo stesso prodotto il giorno successivo o aspettare un po 'con esso e offrire qualcos'altro.
  7. Con l'introduzione di cibi complementari nel menu delle briciole, devi inserire acqua, composta o succo di frutta.
  8. Per monitorare pienamente l'introduzione di alimenti complementari, la mamma dovrebbe iniziare un cosiddetto "diario complementare". Registra la data di entrata, il nome e la reazione a un nuovo prodotto.
  9. È severamente vietato dare sale e zucchero a un bambino fino a un anno.

Come alimento complementare, è consentito l'uso di puri di negozio destinati agli alimenti per bambini.

Nota! Se la mamma cucinerà da sola il cibo, allora la scelta dei prodotti dovrebbe essere affrontata in modo responsabile. Frutta e verdura dal supermercato non funzioneranno. Una buona opzione: coltivata a mano o acquistata da prodotti agricoli.

Nutri la tabella per mesi o un anno con IV

A volte è difficile per la madre navigare quanti e quali prodotti dare al bambino. Le tavole di alimentazione sviluppate per bambini fino a un anno con alimentazione artificiale verranno in soccorso.

Esca il tavolo fino a un anno

Il nome del prodottoEtà del bambino
4 mesi5 mesi6 mesi7 mesi8-9 mesida 10 mesi a 1 anno
Purea di verdure, g.5-3015-100150160180200
Succo, ml5-3040-50556075100
Purea di frutta, g.5-3040-50556075100
Porridge senza latte, ml15-10015-100----
Porridge di latte, ml--50-100150180200
Olio vegetale, ml-1-33356
Burro, g.--2-3556
Cagliata, g.--10-304040cinquanta
Bevande al latte acido: yogurt, kefir, ecc., Ml--10-3055-100120-150350-400
Tuorlo di pollo, pz.--1/41/41/21 / 2-1
Biscotti per bambini, pz.---11-24-5
Purea di carne, g.---venticinquanta70
Purea di pesce, g.----25cinquanta

Alimentazione mensile

Un bambino di quattro mesi viene introdotto ai succhi di frutta. Viene introdotta la purea di frutta: prima da una mela verde, poi da pera, banana, pesca e altri prodotti ipoallergenici. Agrumi e frutti rossi non devono essere somministrati a un bambino fino a un anno. La prima purea di verdure di una briciola di quattro mesi è, di regola, la zucca. Quindi, dare il cavolfiore macinato, i broccoli. Cavolo bianco, cetrioli, pomodori, melanzane, barbabietole e altri alimenti "pesanti" fino a un anno non sono raccomandati per i bambini.

Da questo momento, è consentito provare a nutrire il bambino con cereali senza latte. Il primo a dare grano saraceno e riso. Tuttavia, i cereali di riso hanno proprietà fissanti e non sono adatti per i bambini che soffrono di stitichezza. Dopo il grano saraceno, è il turno di provare il porridge di mais. Dai nuovo cibo solo al mattino, una volta al giorno.

Verdure per la prima alimentazione

Dall'età di cinque mesi, aggiungere una goccia di olio vegetale alla purea di verdure. La dieta può essere variata con composta di frutta secca, mele, pere.

A partire dai 6 mesi, un po 'di burro, porridge di latte, un quarto di tuorlo di pollo bollito, kefir, ricotta vengono aggiunti al menu del bambino. Il volume di purea di frutta e verdura introdotto in precedenza aumenta secondo la tabella di alimentazione.

Dal 7 ° mese è necessario introdurre la carne. È meglio prendere un petto di tacchino dietetico, è facilmente digeribile e non provoca allergie. È ora di fare scorta di biscotti per bambini, ma non dare più di 1 pezzo al giorno.

Si raccomanda di introdurre farina di avena e grano dall'ottavo mese. Non vale la pena dare semola fino a un anno.

A 9 mesi è consentito schiacciare varietà di pesci marini a basso contenuto di grassi.

Da 10 mesi a un anno, la dieta del bambino non viene ampliata, provano varie combinazioni di prodotti già testati. Le porzioni diventano più grandi.

A partire dagli 11 mesi, il cibo "per adulti" viene nutrito tre volte al giorno. Dopo essersi svegliato e prima di andare a letto, il bambino sta ancora mangiando la miscela.

La quantità di alimenti complementari in base all'età del bambino artificiale

L'alimentazione inizia con porzioni scarse - 5-10 g Ogni mese, la quantità di cibo per adulti nella dieta aumenta in base alle esigenze. I tassi di servizio consentiti del bambino sono chiaramente indicati nella tabella di alimentazione.

Importante! Anche se il bambino mangia avidamente e richiede integratori, è impossibile andare in persuasione e provocazione. L'aumento delle dimensioni della porzione può portare a problemi digestivi.

Il periodo più favorevole per l'introduzione di alimenti complementari

Un periodo adatto per l'introduzione di un nuovo pasto nella dieta del bambino è considerato da 4 a 6 mesi. Le briciole dovrebbero fermare la "colica", ci dovrebbe essere un interesse per il cibo nei piatti dei genitori.

Al momento dell'alimentazione, il bambino deve essere sano. Malattie o vaccinazioni recenti - ragioni per posticipare l'alimentazione complementare per almeno una settimana.

Se il bambino rifiuta di mangiare

Non tutti i bambini sono felici di banchettare con le purè di patate proposte. Le ragioni sono diverse. Ad alcuni bambini non piace il sapore del prodotto, mentre altri hanno denti dolorosamente scoppiati o non hanno affatto fame.

Il bambino rifiuta di mangiare cibi complementari

Importante! Se ieri le briciole stavano mangiando una purea di zucchine con un appetito, ma oggi la rifiutano categoricamente, non dovrebbero essere costretti a mangiarla. È meglio per una settimana smettere di provare a nutrire un bambino con una verdura e la prossima volta nutrire qualcosa per offrire qualcos'altro.

Cosa dovrebbe fare la mamma se il bambino non vuole assolutamente provare cibo "per adulti"? Esistono diversi metodi comprovati:

  1. Per evitare l'isteria e il rifiuto di nutrirsi, si raccomanda che il bambino sia seduto al tavolo e venga nutrito durante il pasto degli adulti.
  2. Un bambino ben nutrito rifiuterà il cibo insolito. Pertanto, prima di mangiare, non dargli da mangiare con una miscela.
  3. Se il bambino non vuole mangiare broccoli, allora puoi dargli il cavolfiore.
  4. Non puoi sgridare un bambino per aver rifiutato il cibo. Può rifiutare il cibo "adulto" per molto tempo..
  5. Il bambino resiste a mangiare cibo per diversi giorni e cambiare il prodotto non aiuta? Forse dovresti dimenticare il nuovo cibo per una settimana..
  6. Per rendere più familiare il gusto del nuovo cibo, puoi andare al trucco e aggiungere un po 'di miscela alla purea.
  7. Un regime alimentare chiaro aiuta anche ad evitare problemi di alimentazione..

L'introduzione di alimenti complementari è una fase significativa nella vita di un bambino e un'ulteriore responsabilità per i genitori. Prima di iniziare a conoscere il cibo "per adulti", è necessario consultare un pediatra. Inserire frutta e verdura troppo presto può influire negativamente sull'apparato digerente. Ma è impossibile ritardare. I bambini artificiali, la cui alimentazione è iniziata più tardi di quanto raccomandato, hanno probabilmente un ritardo nello sviluppo. Per evitare problemi, non dovresti sperimentare, ma seguire le raccomandazioni per l'introduzione di alimenti complementari, il dosaggio delle porzioni, non dare cibi illegali, in particolare zucchero e sale. Quindi il bambino sarà felice di provare nuovi prodotti e crescere sano.

Come presentare correttamente la prima esca

Informazione Generale

La domanda su come viene introdotta la prima poppata al bambino in un determinato periodo è molto importante per ogni madre. Le informazioni su come avviene l'introduzione della prima poppata del bambino sono molto diverse. Inoltre, le informazioni su Internet sono sostanzialmente diverse da quelle di cui parlano gli anziani..

Ma non importa quante raccomandazioni riceve una giovane madre, è importante che la prima poppata del bambino sia introdotta nel modo più corretto possibile. Ecco perché devi familiarizzare con quei consigli che ti consentono di ottenere risposte alle domande più importanti. Ad esempio, a quale età puoi dare acqua a un bambino, quanti mesi puoi dare la ricotta e simili.

Ogni madre ha bisogno di familiarizzare con queste informazioni in dettaglio in modo da poter fornire al bambino l'alimentazione, che verrà introdotta correttamente. Questo, a sua volta, garantirà che sia il bambino allattato al seno che il bambino artificiale avranno il giusto sistema digestivo.

Le prime esche per l'allattamento al seno, regole generali

Le giovani madri hanno sempre molte domande su come amministrare correttamente l'alimentazione supplementare, se è necessario somministrare acqua, ecc. Prima di tutto, è importante considerare che con l'allattamento al seno completo, cioè se la madre mantiene il programma di alimentazione, il bambino sta crescendo attivamente, alimentando prima di sei mesi il bambino non ha bisogno.

A volte le madri, credendo che il bambino non stia assumendo abbastanza latte materno, iniziano a nutrirsi con la miscela. Tuttavia, la maggior parte dei pediatri, incluso Komarovsky, ritiene che non sia necessario nutrire i bambini ben sviluppati. Quando dare la miscela in aggiunta e se dovrebbe essere fatto, è meglio chiedere al pediatra.

Come praticare l'introduzione di un nuovo prodotto, ogni madre aiuterà a comprendere la tabella o lo schema per l'introduzione di alimenti complementari durante l'allattamento. Questa tabella descrive chiaramente quando introdurre alimenti complementari per l'allattamento al seno per mesi e quali alimenti dovrebbero essere somministrati in un momento specifico.

Tuttavia, l'inizio del processo di introduzione di alimenti complementari solleva molte domande su come e quando iniziare a dare a un bambino un prodotto specifico. Ad esempio, il cavolfiore o il porridge di mais sono il prodotto "giusto" per iniziare l'alimentazione, è possibile dare prugne secche a un bambino di sei mesi, quando dare acqua a un neonato, ecc..

Idealmente, ogni madre non dovrebbe solo studiare letteratura, ma anche consultare regolarmente un pediatra. È lui che risponderà chiaramente alle domande sulla possibilità di avere la zucca per l'epatite B, se è possibile per i broccoli, ecc. E regolerà anche lo schema di alimentazione che si intende praticare..

Quando introdurre alimenti complementari per i bambini?

Ci sono molti consigli su quando iniziare ad allattare un bambino. E secondo l'esperienza delle nonne, l'inizio dell'alimentazione dovrebbe essere effettuato il prima possibile.

Tuttavia, tutte le domande che infastidiscono la giovane madre su quanti mesi puoi nutrire il tuo bambino e su cosa vale la pena iniziare a dargli da mangiare, devi prima chiedere al medico dei bambini.

In effetti, negli ultimi anni, l'approccio a quanto iniziare a nutrire un bambino, dove iniziare meglio, è cambiato in modo significativo. E se le nonne moderne per la maggior parte sono davvero dell'opinione che, per esempio, il porridge per bambini a tre mesi o la ricotta per un bambino di 4 mesi, questo è normale, allora i medici credono diversamente.

Tutti gli studi scientifici condotti da scienziati e medici moderni confermano che la risposta alla domanda su a quale età un bambino può essere nutrito è la seguente: se si pratica solo l'allattamento al seno, il bambino dovrebbe essere nutrito non prima di 6 mesi. Esistono raccomandazioni simili riguardo a quanti mesi puoi nutrire un bambino che sta crescendo con un'alimentazione artificiale: a questi bambini vengono dati alimenti complementari un mese prima, ma è anche possibile iniziare a conoscere alimenti "per adulti" da 6 mesi.

È molto importante considerare tutte le sfumature: cosa, quando, quanto dare al bambino. Se l'età del bambino si avvicina a sei mesi, dovresti porre al medico tutte le domande pertinenti: quando dare il tuorlo, introdurre le patate. È altrettanto importante sapere quando introdurre la carne nel cibo del bambino e con quale carne iniziare. Al fine di condurre correttamente il processo di introduzione di alimenti complementari e apprendere tutto sulle sue caratteristiche, i genitori sono anche incoraggiati a studiare letteratura moderna speciale..

Perché l'esca non dovrebbe essere somministrata prima?

I genitori che vogliono prendere in considerazione tutte le importanti regole dell'alimentazione complementare dovrebbero capire che per i bambini di età inferiore ai 6 mesi qualsiasi alimento diverso dal latte materno o dalla formula artificiale non è solo non salutare, ma anche dannoso.

L'introduzione dell'alimentazione infantile non viene effettuata prima, poiché il bambino non ha gli enzimi necessari per digerire nuovi tipi di alimenti fino a sei mesi. Pertanto, se le regole vengono violate e il bambino riceve determinati alimenti prima (anche se si tratta di zucca o altri alimenti “leggeri”), non verrà assorbito e non porterà benefici al corpo. E se il cibo non verrà digerito, allora un carico grave sul corpo è inevitabile e anche piccole quantità di cibo creeranno un carico. Ecco perché la procedura per l'introduzione di alimenti complementari secondo Komarovsky, nonché sulle raccomandazioni di altri specialisti, prevede una certa sequenza di introduzione di verdure e altri prodotti.

Quando e come iniziare correttamente dipende da cosa mangia il bambino. La prima alimentazione durante l'alimentazione artificiale viene introdotta un po 'prima a causa del fatto che i sistemi enzimatici in questi bambini maturano un po' prima. C'è una tabella speciale per l'introduzione di alimenti complementari durante l'alimentazione artificiale, che può facilitare notevolmente l'introduzione di nuovi alimenti. Tuttavia, ci sono alcune raccomandazioni generali non solo su quando iniziare, ma anche su come inserirlo correttamente: il regime di somministrazione prevede che ogni nuovo alimento venga iniziato a essere somministrato a un bambino in una quantità di 5 g al giorno. A poco a poco, la quantità di cibo aumenta, di norma, ogni giorno, per una settimana, e di conseguenza viene portato a 100 o 150 g.

Tuttavia, si consiglia comunque di consultare il proprio medico a quale età esattamente per introdurre nuovi alimenti e quando introdurre questo o quel prodotto con l'alimentazione artificiale.

Si consiglia di introdurre alimenti complementari con alimentazione mista, nonché con alimentazione artificiale - da circa cinque mesi. L'introduzione corretta con l'alimentazione mista prevede che inizialmente al bambino venga somministrato uno dei tipi di verdure e per 1-2 settimane ogni giorno aumenti il ​​numero di grammi di alimenti.

C'è una tabella di alimentazione speciale per i bambini allattati al seno, allattati al seno o misti. Si suppone che abbia uno schema speciale per l'introduzione di alimenti complementari, ci sono informazioni su dove iniziare, ecc. Schemi simili su come viene introdotta l'integrazione sono suggeriti dal Dr. Komarovsky e altri specialisti..

Lettino da allattamento per bambini su seno e allattamento artificiale

Età (mesi)Prodotti
6Broccoli, cavolfiori, carote, zucchine, zucca.
7Porridge: mais, riso, grano saraceno. Il porridge deve essere privo di latticini.
8Carne: coniglio, tacchino, pollo, vitello, agnello. Patate, tuorlo.
9Prodotti a base di latte acido: ricotta, kefir.
10Frutta: prugne, pera, mela.

La moderna tabella dell'introduzione di alimenti complementari da parte dell'OMS (per età del bambino)

Età del bambino678910undici12
Purea di fruttaCompilato da: Marina Stepanyuk - farmacista, giornalista medica Specialità: farmacista altro

Istruzione: laureato presso il Rivne State Basic Medical College con una laurea in Farmacia. Si è laureata alla Vinnitsa State Medical University. M.I. Pirogov e uno stage basato su di esso.

Esperienza lavorativa: dal 2003 al 2013 - ha lavorato come farmacista e manager di un chiosco farmacia. Ha ricevuto lettere e riconoscimenti per molti anni di lavoro coscienzioso. Articoli su argomenti medici sono stati pubblicati su pubblicazioni locali (giornali) e su vari portali Internet.

Commenti

Sì, e ho appena iniziato con broccoli e zucchine. A Heinz piaceva di più, sebbene ne provassero di diversi. Più simile al naturale, sia nella composizione che nel gusto)))

Prima di fornire informazioni alle masse, è necessario verificarne la pertinenza e i risultati di recenti studi nel campo della pediatria. Che tuorlo. In precedenza, veniva anche fornito olio di pesce. Il tuorlo era l'unica fonte di vitamina D. Al fine di evitare lo sviluppo del rachitismo, nonostante il rischio di una reazione allergica, è stato introdotto il tuorlo. Al giorno d'oggi, la vitamina D è disponibile e quasi ogni mamma ha uno smartphone con l'app Meteo, dove è possibile monitorare l'indice UV.

Fino a 4 mesi non abbiamo pensato agli alimenti complementari, abbiamo fatto artificiale) Stavamo usando miscele materne israeliane e in seguito ci è stato consigliato di pensare agli alimenti complementari, abbiamo porridge e purè di patate. Quindi alla fine di sei mesi abbiamo conosciuto la purea di mele, il riso e il porridge di mais)) Ci hanno parlato anche della composta, ci hanno dato un'ottima ricetta, quindi a volte impastano il porridge sulla composta - non puoi strappare via il bambino. Da 10 mesi abbiamo già testato 6 diversi tipi di cereali, soprattutto adoriamo la farina d'avena con frutta e una miscela di cereali)) Consiglio a tutti di mangiare questa azienda, sono sicuro della qualità lì! Se in estate puoi cucinare tu stesso le patate, poi in inverno tutti i frutti sono OGM solidi e ci fidiamo delle cose della madre) Controllato! Noi raccomandiamo!

Nutrizione per un bambino fino a un anno di età da parte dell'OMS e dell'UNICEF (raccomandazioni, norme ed età)

È stato creato un articolo con una descrizione dettagliata dei tipi di alimenti, tabelle, linee temporali ed esempi complementari per aiutare i giovani genitori a trasferire il proprio bambino a una dieta equilibrata e sviluppare abitudini sane in tenera età.

I bambini dalla nascita ai 6 mesi non hanno bisogno di alimenti complementari. Il cibo ideale creato dalla natura per i bambini è il latte materno, con il quale riceve i nutrienti, le vitamine, i minerali e gli anticorpi necessari. Se la madre non ha o non ha abbastanza latte, il bambino deve introdurre alimenti complementari sotto forma di miscele artificiali. Ma ora questo non è più un problema, poiché i produttori della maggior parte delle miscele artificiali hanno portato il prodotto al livello adeguato, che è in grado di sostituire completamente il latte materno. In questo articolo, non toccheremo la relazione psicologica e tattile tra il bambino e la madre che sta allattando, su tutti i tipi di pro e contro tra l'allattamento e le miscele artificiali, poiché questo argomento è piuttosto sensibile, capiente e richiede una divulgazione indipendente in un altro articolo. E indipendentemente dal tipo di alimentazione scelta dalla madre - allattamento al seno o miscele artificiali, l'alimentazione principale del bambino dovrebbe iniziare non prima di 6 mesi secondo le raccomandazioni dell'OMS (Organizzazione mondiale della sanità) e dell'UNICEF (Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia), se non diversamente specificato dalle raccomandazioni mediche a causa della salute del bambino. L'alimentazione precoce (prima di 6 mesi) viene somministrata su indicazione di un pediatra in base a indicazioni mediche, quindi viene anche chiamata pediatrica.

Principi di base per l'alimentazione dei bambini secondo l'UNICEF:

  1. Dalla nascita ai 6 mesi, allattare al seno e, a partire dai 6 mesi di età, introdurre alimenti complementari, pur continuando ad allattare.
  2. Continua l'allattamento al seno su richiesta fino a 2 anni o più.
  3. Nutri il tuo bambino in base alle sue esigenze e secondo i principi dell'assistenza psicosociale.
  4. Mantenere una buona igiene e rispettare le regole di conservazione e manipolazione dei prodotti.
  5. Dall'età di 6 mesi, inizia a dare piccole quantità di alimenti complementari al bambino e man mano che il bambino cresce, aumenta le porzioni, mentre continua ad allattare frequentemente.
  6. Man mano che il bambino cresce, aumenta gradualmente la consistenza e la varietà del cibo, in base alle sue esigenze e capacità.
  7. Aumenta il numero giornaliero di pasti che un bambino nutre man mano che cresce..
  8. Dai al tuo bambino una dieta varia e nutriente..
  9. Se necessario, dai al tuo bambino alimenti complementari arricchiti con vitamine e minerali.
  10. Durante la malattia, dai al tuo bambino più liquido, incluso dargli da mangiare più spesso il latte materno e incoraggialo a mangiare cibi leggeri che gli piacciono. Dopo la malattia, dai da mangiare al bambino più spesso del solito e incoraggialo a mangiare di più.

A partire dall'età di 6 mesi, il bisogno di nutrienti per il bambino non è più soddisfatto solo del latte materno ed è necessario introdurre gradualmente alimenti complementari. A questa età, i bambini iniziano a mostrare interesse per il cibo per adulti. È necessario introdurre alimenti complementari con piccole quantità di nuovi alimenti per il bambino e aumentarli gradualmente man mano che il bambino cresce.

Il bambino è abituato gradualmente al nuovo cibo, iniziando con porzioni molto piccole (vedi tabella sotto). Gli additivi alimentari e gli alimenti complementari sono correlati al nuovo tipo di alimentazione del bambino..

Supplementi nutrizionali:

  • succhi di frutta e bacche;
  • purea di frutta e bacche;
  • tuorlo di un uovo di gallina o quaglia;
  • fiocchi di latte

Gli integratori alimentari devono essere somministrati gradualmente e dopo l'alimentazione principale o tra le poppate. Ma questa regola non si applica al tuorlo d'uovo, si consiglia di somministrarlo all'inizio dell'alimentazione.

La nutrizione è un tipo di alimentazione qualitativamente nuovo che soddisfa le esigenze del corpo di un bambino in crescita in tutti gli ingredienti alimentari e si abitua a cibi densi. Include:

  • puree vegetali;
  • cereali;
  • latticini (kefir, yogurt, biolatto)

Regole per l'introduzione di alimenti complementari:

  1. L'alimentazione deve essere somministrata prima dell'allattamento.
  2. Ogni tipo di alimentazione deve essere introdotto gradualmente, iniziando con una piccola quantità (10-15 g) e aumentandolo al volume desiderato entro 7-10 giorni, sostituendo completamente un allattamento.
  3. Non puoi inserire due o più nuovi piatti contemporaneamente. Puoi passare a un nuovo tipo di cibo solo quando il bambino si abitua a quello precedente.
  4. La consistenza dei cibi complementari dovrebbe essere omogenea e non causare difficoltà a deglutire..
  5. L'alimentazione deve essere somministrata solo con un cucchiaio.
  6. Il numero di poppate con l'introduzione di alimenti complementari è ridotto a 5 volte, quindi a 3 spuntini principali e 2 su richiesta del bambino.
  7. La temperatura del piatto dovrebbe essere uguale alla temperatura del latte materno risultante (circa 37 ° C).

Sullo sfondo dell'introduzione di additivi alimentari e alimenti complementari, è necessario un rigoroso monitoraggio della salute del bambino.

Schema di integrazione alimentare

Succo di frutta e bacche (introdotto da 7 a 8 mesi)

Il succo dovrebbe essere iniziato con gocce. Entro 7-10 giorni, portare al volume giornaliero richiesto, calcolato con la formula n x 10, dove n è il numero di mesi, ma non più di 100 ml nella seconda metà dell'anno. Esempio: un bambino di 7 mesi x 10 = 70 ml. Da somministrare dopo l'alimentazione o tra le poppate. Si consiglia di utilizzare succhi appena preparati (è necessario diluire con acqua in un rapporto di 1: 1), ma sono adatti anche i succhi in sacchetti appositamente progettati per le pappe. La sequenza di introduzione di succhi di frutta a base di bacche, frutta e verdura: mela, prugna, albicocca, pesca, ciliegia, ribes nero, melograno, mirtillo rosso, limone, carota, barbabietola, cavolo. Agrumi, pomodoro, lampone, succhi di fragola, succhi di frutta tropicale (mango, papaia, guava...) - questi succhi dovrebbero essere somministrati non prima di 11-12 mesi. Si sconsiglia di includere il succo d'uva nella dieta di un bambino in tenera età, poiché può causare gonfiore.

Purea di frutta e bacche (introdotta da 7 mesi)

La purea dovrebbe iniziare con 0,5 cucchiaini. Entro 7-10 giorni, portare al volume giornaliero richiesto, calcolato con la formula n x 10, dove n è il numero di mesi, ma non più di 100 ml nella seconda metà dell'anno. Il calcolo viene eseguito nonché per i succhi (vedi sopra). Da somministrare dopo l'alimentazione o tra le poppate. Utilizzato come purè di patate appena fatto e sotto forma di conserve di frutta e bacche per alimenti per bambini.

Tuorlo (introdotto a 8-9 mesi)

Devi iniziare con 1/4 del tuorlo. Puoi dare ogni giorno fino alla fine dell'anno 1/2 tuorlo all'inizio dell'alimentazione, pre-macinazione con latte o un pasto.

Ricotta (introdotta in 9-10 mesi)

Inizia con 5 grammi (1 cucchiaino). A poco a poco, nel corso di un mese, portare a 20 grammi. Entro la fine del primo anno - 50-70 g La ricotta dovrebbe essere data alla fine dell'alimentazione.

Gestione dell'esca

I cibi complementari - Purè di patate (o porridge). Inizia a 6 mesi.

Introdotto come concentrazione del 5%.

1 settimana - un aumento di volume a 130-150 ml con l'esclusione simultanea di un allattamento al seno;

2 settimane - ispessimento della concentrazione fino all'8-10%;

3 settimane - abituarsi a un tipo di verdura;

Settimana 4 - Varietà (introduzione di nuove verdure).

4 resti di allattamento al seno (provvisoriamente!)

II esca - Porridge (o purea di verdure). Inizia una settimana dopo la prima poppata.

Somministrato immediatamente come concentrazione del 10% in 2-3 giorni. Iniziamo con cereali non zuccherati privi di latte e senza glutine (grano saraceno, riso, mais). Con l'introduzione di II alimenti complementari, viene soppiantato un altro allattamento al seno. Sono rimasti 3 allattamenti al seno (provvisoriamente!)

Estensione II alimenti complementari - purè di carne. Inizia una settimana dopo la seconda poppata. Viene aggiunto alla purea di verdure, inizia con 5 g, per 7 mesi viene portato a 30 g, quindi - fino a 50 g, entro la fine dell'anno - fino a 60-80 g. Rimangono 3 allattamenti al seno (provvisoriamente!)

III alimenti complementari - kefir (prodotti lattiero-caseari fermentati). Inizia con 8 mesi. Il terzo allattamento al seno è affollato. 2 resti di allattamento al seno (provvisoriamente!)

Invece del latte materno per i bambini nutriti artificialmente o in modo misto, vengono utilizzati sostituti del latte materno (miscela).

Nota:

  1. Per mantenere l'allattamento dopo l'alimentazione complementare, è consigliabile offrire al bambino un seno.
  2. Con riserva di un buono stato di salute, indicatori ottimali di sviluppo fisico e neuropsichico, allattamento stabile e sufficiente nella madre, buona alimentazione, la prima esca può essere somministrata non prima di 6 mesi.
  3. Quando si preparano alimenti complementari (cereali senza latte, purè di patate), il liquido ottimale per riprodurli è il latte materno o una miscela di latte adattata.

Tempi di somministrazione raccomandati e quantità approssimativa di singoli prodotti alimentari per i bambini del primo anno di vita con alimentazione naturale, artificiale e mista

Prodotti / Età6 mesi7 mesi8 mesi9 mesi10-12 mesi
Succo di frutta (ml)-10-20. 708090100 (dall'anno non è possibile diluire)
Purea di frutta (g)-10-20. cinquanta608080-100
Cagliata (g)---5-1050-70
Tuorlo (pezzi)-1/41/21/21 / 2-1
Purea di verdure (g)50,150150150150150-180
Porridge (g)50,150150150150150-180
Purea di carne (g)5-10. ventitrentatrenta40-5050-80
Pesce (g)----30-40
Kefir, yogurt magro (ml)--150200400
Zuppa Di Verdure (ml)---trenta80
Pane (g)----10
Fette biscottate, biscotti (g)--556
Olio vegetale (g)33556
Burro (g)-4556

Nota: al posto della purea di verdure, i cereali (riso, grano saraceno, mais, senza glutine) possono servire come prima esca.

Durante l'alimentazione del bambino, è necessario aderire ai principi dell'alimentazione sensibile, per rispondere ai segni della fame e della sazietà. Questi segni devono essere presi in considerazione per determinare la quantità di cibo che il bambino mangerà contemporaneamente, nonché la necessità di spuntini.

Alimentazione in base alle esigenze del bambino (alimentazione sensibile):

  • Nutri i bambini e aiuta i bambini più grandi a mangiare da soli. Nutri lentamente e pazientemente, stimola l'interesse del bambino per il cibo, ma non forzarlo.
  • Se un bambino rifiuta la maggior parte dei prodotti, prova diverse combinazioni di prodotti, i loro gusti e trame, nonché diversi metodi di alimentazione.
  • Se, durante l'alimentazione, il bambino perde rapidamente interesse per il cibo, minimizza le distrazioni.
  • Ricorda che il tempo per l'alimentazione è un momento per imparare e mostrare amore: parla e mantieni il contatto visivo con il bambino durante l'alimentazione.

Cinque raccomandazioni chiave sulla sicurezza alimentare:

  • Il cibo deve essere pulito.
  • Gli alimenti crudi e cotti devono essere tenuti separati..
  • Cucina con cura.
  • Mantenere il cibo a una temperatura sicura..
  • Per cucinare, devi usare acqua e cibi puliti..

Raccomandazioni pratiche riguardanti la qualità, la frequenza e la quantità di cibo da dare ai bambini dai 6 ai 23 mesi che allattano al seno su richiesta

2-3 pasti al giorno e allattamento frequente.

A seconda dell'appetito del bambino, si possono dare 1-2 spuntini.

3-4 pasti al giorno e allattamento.

A seconda dell'appetito del bambino, si possono dare 1-2 spuntini.

3-4 pasti al giorno e allattamento.

A seconda dell'appetito del bambino, si possono dare 1-2 spuntini.

EtàFabbisogno energetico giornaliero in aggiunta al latte maternoStrutturaFrequenzaLa quantità di cibo che un bambino medio mangia di solito per ogni pasto
6-8 mesi200 kcal al giornoInizia con porridge denso e cibo ben schiacciato.Inizia con 2-3 cucchiai per ogni pasto, aumentando gradualmente la quantità a 1/2 tazza con un volume di 250 ml
9-11 mesi300 kcal al giornoCibo ben tritato o schiacciato, così come il cibo che un bambino può prendere con le mani2/3 tazze o piatti con un volume di 250 ml
12-23 mesi550 kcal al giornoCibo dalla tabella generale, se necessario, tritato o sfilacciato3/4 a una tazza o piastra da 250 ml

Informazioni aggiuntive:

La quantità di cibo indicata nella tabella è consigliata nei casi in cui la densità energetica di questo alimento è compresa tra 0,8 e 1,0 kcal / g. Se la densità energetica del cibo è di circa 0,6 kcal / g, è necessario aumentare il numero di calorie negli alimenti (aggiungere determinati alimenti) o aumentare la quantità di cibo che il bambino mangia durante un pasto. Per esempio:

  • per bambini 6-8 mesi: aumentare gradualmente la quantità di cibo a 2/3 tazze;
  • per bambini 9-11 mesi: dare al bambino 3/4 di tazza;
  • per i bambini dai 12 ai 23 mesi: dare al bambino una tazza piena.

Le raccomandazioni di questa tabella dovrebbero essere applicate tenendo conto della densità energetica degli alimenti locali che vengono utilizzati come alimenti complementari..

Se il bambino non sta allattando, dagli un extra di 1-2 tazze di latte al giorno e organizza 1-2 pasti extra al giorno.

La densità energetica degli alimenti che forniscono ai bambini alimenti complementari dovrebbe essere superiore al latte materno, ovvero almeno 0,8 kcal per grammo. Gli indicatori della quantità di cibo indicata nella tabella vanno oltre il calcolo secondo cui gli alimenti complementari contengono 0,8-1,0 kcal per grammo. Se la densità energetica è maggiore, è necessario meno cibo per soddisfare il fabbisogno energetico. Se la densità energetica del cibo è inferiore a quella del latte materno, il numero totale di calorie che un bambino riceve può essere inferiore rispetto a quando era allattato esclusivamente al seno. Questa è una delle cause più comuni di malnutrizione..

L'appetito di un bambino piccolo è spesso un buon indicatore della quantità di cibo necessaria. Tuttavia, le malattie e la malnutrizione riducono l'appetito, quindi un bambino malato può mangiare meno del necessario. Quando un bambino si riprende da una malattia o da una malnutrizione, potrebbe aver bisogno di ulteriore assistenza alimentare per assicurarsi che sta ricevendo abbastanza cibo. Se nel processo di tale recupero l'appetito del bambino migliora, deve ricevere più cibo.

La consistenza alimentare ottimale per un bambino dipende dalla sua età e dal livello di sviluppo neuromuscolare. A partire da 6 mesi, il bambino può mangiare purè di patate, purè e alimenti semisolidi. A 12 mesi, la maggior parte dei bambini può mangiare lo stesso cibo degli altri membri della famiglia. Ma hanno bisogno di alimenti ricchi di sostanze nutritive e cibi che possono essere soffocati (ad esempio, noccioline intere) devono essere scartati. Il cibo per l'alimentazione deve essere abbastanza spesso da rimanere sul cucchiaio e non defluire da esso. Di norma, i cibi più spessi o più duri sono più nutrienti ed energicamente densi rispetto ai cibi radi, acquosi o morbidi.

Lo zucchero è una fonte concentrata di energia, ma non contiene sostanze nutritive. Il suo uso può portare a danni ai denti nei bambini, oltre a sovrappeso e obesità. Zucchero raffinato e bevande zuccherate, come la limonata, dovrebbero essere evitati perché riducono l'appetito del bambino e mangiano cibi meno nutrienti. Ci sono componenti nel tè che possono interferire con l'assorbimento del ferro, quindi ai bambini piccoli non è raccomandato somministrarlo..

Quali alimenti dare al bambino e perché?

  1. Latte materno Continua a fornire al bambino energia e sostanze nutritive di alta qualità per un massimo di 23 mesi..
  2. Cibo principale. Fornisce energia al bambino, una certa quantità di proteine ​​(cereali) e vitamine. Ad esempio: cereali (riso, miglio, mais, semola, grano saraceno), raccolti di radici (patate, carote, barbabietole) e frutti amidacei (banane).
  3. Prodotti di origine animale. Contengono proteine ​​di alta qualità, ferro, emoglobina, zinco e vitamine. Ad esempio: carne rossa, pollo, pesce, uova
  4. Latticini. Una fonte di proteine, energia, la maggior parte delle vitamine (specialmente vitamina A e sali di acido folico) e calcio. Ad esempio: latte, ricotta, yogurt
  5. Ortaggi a foglia verde e verdure arancioni. Fonte di vitamine A e C, sali di acido folico. Ad esempio: spinaci, broccoli, carote, zucca, patate dolci
  6. Legumi Contengono proteine ​​(media qualità), energia e ferro (ma non sono ben assorbite). Ad esempio: ceci, lenticchie, fagioli, fagioli.
  7. Oli. Fonte di energia e acidi grassi essenziali. Ad esempio: oli vegetali (insaturi) e oli animali (saturi) - burro o strutto.
  8. Semi e noci Fonte di energia e acidi grassi. Ad esempio: zucca, girasole, semi di sesamo, noci, mandorle, nocciole, anacardi, pasta di arachidi o altre paste di noci.

Guida alla selezione ottimale di cereali per bambini:

  • La scelta dei cereali dovrebbe essere effettuata in conformità con le caratteristiche individuali della salute del bambino.
  • I tempi dell'introduzione dei cereali sono determinati tenendo conto della tolleranza dei cereali a causa delle caratteristiche anatomiche e fisiologiche e dello stato funzionale del tratto gastrointestinale del bambino, adattato per ricevere solo alimenti liquidi nella prima metà dell'anno.
  • Come prima alimentazione, puoi usare cereali istantanei (istantanei, istantanei, non richiedono cottura).
  • I cereali istantanei al latte sono un prodotto migliore della semplice farina per bambini. I cereali del latte contengono latte ecologico.
  • In caso di intolleranza al latte vaccino, vengono utilizzati cereali istantanei di soia con lo stesso valore nutrizionale del latte istantaneo.
  • Considerando il rischio di sviluppare disfunzioni degli organi digestivi, si consiglia di utilizzare cereali senza glutine (senza glutine) (su riso, grano saraceno o mais).
  • Sulla confezione devono essere presentati la composizione completa e la quantità degli ingredienti del porridge, consentendo di valutare l'utilità e l'equilibrio del prodotto.
  • La composizione del porridge consente in ogni caso di determinare la necessità per il bambino di correggere i sintomi di carenza nutrizionale (carenza di energia proteica).
  • Si consiglia di utilizzare latte materno o una miscela adatta per l'allevamento di cereali istantanei senza latte.
  • Il porridge che non contiene latte, zucchero e sale, può essere utilizzato nella dieta dei bambini nel loro primo anno di vita.

È così in tenera età che i genitori gettano le basi e la dieta nel loro bambino. Insegnare a un bambino a prendersi cura della propria alimentazione significa insegnare a un bambino a prendersi cura della propria salute! E in un corpo sano - una mente sana!

Se hai trovato utile questo articolo, condividerlo con i tuoi amici sui social network. grazie!

Lo zucchero nella dieta di un bambino e le conseguenze di una vita dolce - leggi qui

La crisi del primo anno di vita - guarda qui

Up